Starbucks sbarca in Italia, nel 2017 a Milano

Pubblicato il 29 febbraio 2016 da redazione

starbuck

NEW YORK. – Starbucks sbarca in Italia. All’inizio del 2017 aprirà il suo primo punto vendita, in partnership con Antonio Percassi, a Milano. E lo farà con ”umiltà e rispetto” nei confronti della tradizione italiana del caffè, che ha ispirato l’amministratore delegato Howard Schultz negli anni 1980 a importare negli Stati Uniti l’espresso.

Starbucks avrebbe dovuto approdare in Italia alla fine del 2016, come trapelato lo scorso ottobre quando sono state rivelate le trattative in corso. Per la catena di caffetterie lo sbarco in Italia presenta molte sfide, e si inserisce in un contesto europeo che non è proprio il mercato di maggior successo di Starbucks.

Entrata in Gran Bretagna nel 1998, Starbucks conta su 2.400 punti vendita in Europa, Medio Oriente e Africa, che rappresentano il 10% del suo fatturato globale. Consapevole della sfida è il numero uno dell’Atalanta, Percassi. ”Sappiamo che si tratta di una sfida unica, ma siamo fiduciosi sul fatto che gli italiani sono pronti a vivere l’esperienza Starbucks”.

”La storia di Starbucks è direttamente legata alle modalità con cui gli italiani creano e producono l’espresso. Tutto quello che abbiamo fatto si basa sulle belle esperienze avute da molti di noi in Italia” afferma Schultz, sottolineando che ora Starbucks ”proverà con umiltà e rispetto a condividere con il suo primo punto vendita in Italia quanto ha fatto e quello che ha imparato”.

La prima caffetteria italiana di Starbucks sarà disegnata nel ”grande rispetto degli italiani e della cultura del caffè”. Una delle sfide per Starbucks è rivedere il modello dei suoi punti vendita per adattarlo alle esigenze italiane di caffè al banco e con tempi rapidi. C’è poi da vedere se il Frappuccino e le altre bevande di Strabucks avranno successo, e riusciranno a sostituire il cappuccino.

Ultima ora

06:53Usa: morto Brezinski, consigliere sicurezza di Jimmy Carter

WASHINGTON - E' morto Zbigniew Brzezinski, consigliere per la sicurezza nazionale degli Stati Uniti durante la presidenza di Jimmy Carter. La notizia e' stata data dalla figlia Mika, conduttrice televisiva nel programma mattutino 'Morning Joe' dell'emittente MsNbc. Brzezinski aveva 89 anni.

04:29Usa: retromarcia Casa Bianca, pubblichera’ permessi lobbisti

NEW YORK - La Casa Bianca fa un passo indietro e decide che pubblichera' le dispense e i permessi concessi ad alcuni ex lobbisti per lavorare nell'amministrazione. Le esenzioni e i permessi sono necessari per coloro che vogliono lavorare a politiche governative che li vedevano direttamente coinvolti nel settore privato come lobbisti o legali di settore. Le deroghe sono emesse da ogni singola agenzia governativa e dalla Casa Bianca caso per caso, e consentono a chi le ottiene di ignorare le politiche etiche.

04:26Russiagate: Reuters, spuntano 3 nuove telefonate Kushner

NEW YORK - Jared Kushner, uno dei piu' stretti consiglieri di Donald Trump e marito di Ivanka, avrebbe avuto piu' contatti di quanto finora noto con l'ambasciatore russo negli Stati Uniti, Sergei Kislyak. Lo riporta la Reuters citando alcune fonti, secondo le quali Kushner avrebbe avuto almeno tre telefonate, finora non note, con Kislyak fra l'aprile e il novembre 2016. Kushner, afferma il suo legale Jamie Gorelick, non ricorda le telefonate.

04:23G7: nessuna conferenza stampa in programma per Trump

NEW YORK - Nessuna conferenza stampa in programma per il presidente Donald Trump al termine del G7. Secondo le indicazioni offerte dalla Casa Bianca, il presidente americano partecipa ai lavori del G7, con il primo appuntamento alle 9,15 del mattino italiane di sabato. Alle 11,45 Trump partecipa al pranzo del G7 e alla sessione di lavoro. Poi il programma presidenziale passa subito all'appuntamento delle 17,15 a Sigonella, dove Trump rilascera' una dichiarazione davanti alle forze militari americane. Alle 17,54 e' prevista la partenza con direzione Washington.

04:21Russiagate: Senato chiede documenti a campagna Trump da 2015

NEW YORK - La commissione di intelligence del Senato, alla quale fa capo l'indagine sulla possibile interferenza della Russia alle elezioni del 2016, ha chiesto alla campagna di Donald Trump di raccogliere e presentare tutti i documenti, le email e le telefonate con la Russia a partire dal 2015, da quando Trump ha lanciato la sua campagna elettorale. Lo riporta il Washington Post citando alcune fonti.

04:16Russiagate: democratici attaccano, Trump licenzi Kushner

NEW YORK - Donald Trump ''non ha altra scelta'' che licenziare Jared Kushner, uno dei suoi consiglieri piu' stretti e marito di Ivanka. Lo afferma il Democratic National Committee, commentando le indiscrezioni del Washington Post, secondo le quali Kushner avrebbe chiesto all'ambasciatore russo negli Stati Uniti un canale di comunicazione diretto e segreto con il Cremlino.

04:13Russiagate: Wp, Kushner voleva canale diretto Cremlino

NEW YORK - Jared Kushner, il consigliere di Donald Trump e marito di Ivanka, ha discusso con l'ambasciatore russo negli Stati Uniti, Sergei Kislyak, la possibilita' di instaurare un canale di comunicazione segreto e sicuro fra il transition team di Trump e il Cremlino. Lo riporta il Washington Post citando alcune fonti, secondo le quali Kushner avrebbe suggerito di usare le strutture diplomatiche russe per le comunicazioni in modo da schermarle.

Archivio Ultima ora