Usa 2016: Super Martedì, è già sfida Clinton-Trump

Pubblicato il 29 febbraio 2016 da redazione

hillary

WASHINGTON. – Alla fine il testa a testa sarà tra Donald Trump e Hillary Clinton: i dubbi sono ormai davvero pochi. Il Super Martedì, il giorno della verità nelle primarie americane che delineerà il primo marzo la corsa alla Casa Bianca giunge preceduto da questa notizia. La conferma cioè di quanto da tempo è sotto gli occhi di tutti e allo stesso tempo la ‘sorpresa’ che ha reso la campagna elettorale fin qui tesa, nervosa e sfuggente anche per gli osservatori più allenati.

C’è da una parte – con Trump – il fenomeno dell’antipolitica che non accenna a sgonfiarsi e dall’altra la massima espressione di establishment e dinastia politica, con Clinton. Un quadro che innesca la sfida al tutto e per tutto con l’appuntamento elettorale che fa incetta di delegati a fungere da spartiacque per chi resta e chi soccombe.

Secondo un sondaggio Cnn/Orc, Trump ha aumentato il suo vantaggio a livello nazionale portandolo a oltre 30 punti sugli inseguitori, col 49% delle preferenze contro il 16% di Marco Rubio e il 15% di Ted Cruz. In campo democratico Hillary Clinton è avanti di quasi 20 punti su Bernie Sanders, col 55% dei consensi contro il 38% del senatore. Sarà quindi la maratona elettorale in cui vengono interpellati 12 Stati (11 per i democratici) più un territorio (le Samoa, ma solo per i democratici) tra primarie e caucus, le assemblee di elettori, a stabilire il destino degli sfidanti. A partire dal senatore ‘liberal’ del Vermont che potrebbe vedere di fatto fermarsi qui la sua sorprendente cavalcata al grido di “rivoluzione politica”.

Per i democratici sono in palio in tutto 865 delegati, ovvero più di un terzo di quelli necessari per la nomination. E Hillary è già in vantaggio, ancor più dopo la vittoria schiacciante di sabato in South Carolina. Manca solo la cosiddetta certezza matematica, quella che il Super Tuesday potrebbe conferirle, tanto più che si profila nelle prossime ore un nuovo importante endorsement, quello del Pac (meccanismo di finanziamento) del caucus ispanico al Congresso dopo quello afroamericano. E allora la chiave di volta è il Texas, che mette in palio 251 delegati democratici.

Lo è anche per i repubblicani che in Texas si aggiudicano 151 delegati. Ted Cruz ci conta particolarmente, lui gioca in casa ed è già volato a presidiare il suo territorio dove è in leggero vantaggio. Ma che alla fine prevalga non è completamente scontato: Donald Trump è forte. E poco sembrano contare le polemiche che anche in queste ore non si placano.

In un comizio a Radford, in Virginia, Trump viene nuovamente contestato e ancora una volta i manifestanti vengono allontanati dall’auditorium, alcuni additati proprio dal candidato repubblicano sul palco. Tra loro ci sono anche attivisti del gruppo ‘black lives matter’, dando voce alle proteste per l’endorsement di David Duke, ex numero uno del Ku Klux Klan, che ha invitato a fare campagna per il tycoon newyorchese e dal quale Trump è accusato di non essersi dissociato in maniera chiara.

Ma Trump va dritto per la sua strada, e prosegue con gli stessi ‘acuti’ populisti che hanno prodotto fino ad ora consenso e sgomento allo stesso tempo. Persino la Casa Bianca non si sottrae alle domande: manifesta a chiare lettere “preoccupazione e allarme”, che Trump suscita anche al di fuori degli Stati Uniti, sottolinea il portavoce Josh Earnest.

Quello che dice il tycoon – ha aggiunto – “ha un impatto sulla reputazione del nostro Paese”. Al momento ha anche un impatto e fragoroso sul partito repubblicano, perché Trump lo ha gettato nel caos. O meglio, ne ha svelato crepe profonde, lacune ed errori. Ne è il prodotto, secondo alcuni, anche di quella politica al vetriolo contro l’amministrazione Obama cui il ‘Grand Old Party’ (Gop) ha dedicato energie copiose mentre poco spazio sembra aver lasciato a nutrire un progetto unitario necessario per tornare alla Casa Bianca.

E allora i paladini dell’unità annaspano. Marco Rubio ha bisogno di un miracolo per spuntarla su Trump nel Super Tuesday dati i numeri e considerato che in Florida, il suo Stato, non si vota ancora. Però tenta il tutto e per tutto: ad Atlanta si sbraccia in lunghi interventi, la voce rauca dopo maratona di comizi con al fianco la presenza ormai costante di Nikky Haley, governatore della South Carolina, come a confermare che questo è il campo dei moderati, dove possano addirittura confluire i cosiddetti ‘democratici reaganiani’ spaventati dalla possibile virata a sinistra di Hillary Clinton spinta dalla presenza in campo di Bernie Sanders.

E poi c’è il fantasma della Libia, rievocato in queste ore da un lungo speciale del New York Times che scandisce, punto per punto, il ruolo della ex segretario di Stato, “più interventista del presidente Barack Obama”.

(di Anna Lisa Rapanà/ANSA)

Ultima ora

14:39Migranti tentano espatrio attraverso fogne, salvati

(ANSA) - VENTIMIGLIA (IMPERIA), 21 OTT - Due migranti sono stati soccorsi a Mentone dopo essere rimasti intrappolati nell'impianto fognario nel tentativo di espatriare abusivamente in Francia passando da un tombino. E' accaduto, ieri sera, vicino alla frontiera franco-italiana di Ponte San Ludovico, a Menton. Secondo quanto anticipato sul quotidiano francese Nice Matin, sono stati i sapeurs pompiers a estrarre i due migranti, ormai in crisi ipotermica. Una volta visitati e identificati sono stati riammessi alla polizia di frontiera italiana. Si tratterebbe della prima volta che viene utilizzato un sottoservizio per espatriare in modo clandestino. Molti i metodi utilizzati finora - il tetto dei treni, le cabine degli impianti elettrici, lungo ferrovia e autostrada e attraverso i passeur - ma mai in questo modo. (ANSA).

14:02Bankitalia: Alfano, autonomia istituto ma non è enclave

(ANSA) - CAPRI (NAPOLI), 21 OTT - Su Bankitalia "adesso c'è solo da attendere la proposta del presidente del Consiglio e del ministro dell'Economia. Non alimenterei ulteriori polemiche, perché il punto essenziale adesso è la decisione del governo, su cui occorrerà concentrasi per fare la scelta più giusta". Così il ministro degli Esteri, Angelino Alfano: c'è "l'autonomia della Banca d'Italia e al tempo stesso la possibilità, il diritto delle forze politiche di dire la propria opinione. Non è una enclave la Banca d'Italia, della quale e sulla quale non si può discutere".

13:58L.elettorale: Di Maio, faremo di tutto per fermarla

(ANSA) - SCIACCA (AGRIGENTO), 21 OTT - "Faremo di tutto per fermare questa legge, e chiediamo a tutti gli italiani di scendere in piazza con noi mercoledì 25 al Senato. Circonderemo pacificamente il Senato per far sentire la nostra voce su una legge che non è contro il M5S ma contro gli italiani e la democrazia". Così Luigi Di Maio, a Sciacca per la campagna elettorale a sostegno del candidato M5s a Governatore della Sicilia Giancarlo Cancelleri. "Una legge elettorale - ha aggiunto il leader grillino - che favorisce le ammucchiate e i piccoli partiti. Non a caso Mastella intende rifare l'Udeur".

13:55Renzi, se Gentiloni confermasse Visco prenderò atto

(ANSA) - ROMA, 21 OTT - "Qualsiasi nome il premier farà, non ci saranno problemi. Anche se dovesse confermare Visco, nessun problema. Prenderò atto della decisione del governo e qualsiasi decisione sarà non intaccherà minimamente i nostri rapporti. Gentiloni non ha bisogno di consigli. Paolo ha la mia stima, il mio rispetto e la mia amicizia. E le sue parole sull'indipendenza e l'autonomia della Banca d'Italia sono giuste". Così Matteo Renzi in una intervista all'Avvenire di domani (anticipazioni sul sito del quotidiano).

13:55Calcio: Delneri, Buffon si ritira? Spero continui a giocare

(ANSA) - UDINE, 21 OTT - "Buffon è un grande professionista; io sono onorato di averlo allenato e penso i tifosi di averlo visto all'opera". Lo ha detto oggi il tecnico dell'Udinese Gigi Delneri a chi gli ha ricordato che quella di domani potrebbe essere l'ultima al Friuli per il numero uno della Juventus se veramente il campione bianconero dovesse decidere di ritirarsi nella prossima stagione. "Spero per lui non lo sia. Mi sembra che abbia lasciato una traccia importante per la visione di un ruolo come quello del portiere. E’ stato artefice del cambiamento strutturale del ruolo dei portieri. Credo abbia dimostrato come si possa diventare un attaccante pur essendo in porta", ha aggiunto ricordando anche la sua figura di uomo. "Un ragazzo a posto che ha dimostrato che in tutti gli ambienti bisogna avere professionalità, essere uomini, credere in quello che si fa. Un esempio per tutti, anche per i bambini".

13:47Sport e fair play: consegnati gli Award 2017 per videospot

(ANSA) - ROMA, 21 OTT - Sport e fair play: consegnati a Roma gli Award della quarta edizione del Video-spot Festival alle scuole superiori italiane sul tema 'Vivere da sportivi, a scuola di fair play'. Si tratta di una competizione multimediale inserita in una campagna di sensibilizzazione giovanile sul significato sociale dei valori etici dello sport. 12 le scuole finaliste, 6 i premi assegnati nella sezione Video, 7 per gli Spot, due alla sezione Speciale e 2 fuori concorso agli Ospedali Pediatrici. I best video 2017 sono 'Salviamo gli ultras' realizzato dagli studenti dell'istituto Tommaso D'Oria di Ciriè (Torino) e 'Si gioca solo con regole condivise' dei ragazzi del liceo sportivo Galilei di Siena. La cerimonia finale di premiazione si è svolta alla Scuola Superiore di Polizia. Tema della competizione multimediale 2017 lanciata da Monica Promontorio, sono stati in particolare i temi d'integrazione, inclusione, bullismo e cyber-bullismo, parità di genere, ambiente. (ANSA).

13:40Incendio Como: un mese fa il padre aveva scritto al giornale

(ANSA) - COMO, 21 OTT - Faycal Haitot, l'uomo che ieri a Como ha dato fuoco all'appartamento in cui è morto con i quattro figli, un mese fa aveva scritto a La provincia di Como una lettera in cui denunciava di non avere mai ricevuto la visita dei servizi sociali. "Ho chiesto l'aiuto economico e l'assistente: zero. Ho scritto al dirigente e diceva che il Comune paga l'affitto. Come fanno a mangiare questi bimbi, forse sono troppi. La scuola è gia cominciata e il primo giorno sono andato dai carabinieri per non prendere una denuncia, noi siamo a casa". Poi lamenta di non avere mai ricevuto "nessuna visita a casa dei servizi sociali per controllare la vita quotidiana dei bambini. Non vado via per paura del servizio sociale. Se ci sono problemi tra me e loro, cosa c'entrano i bambini?". Da parte sua il Comune di Como già ieri aveva specificato quali erano state le iniziative prese a sostegno della famiglia Haitot: housing sociale dal 2014, supporti all'assistenza scolastica, mensa gratuita, diurnato pomeridiano.

Archivio Ultima ora