Usa 2016: Super Martedì, è già sfida Clinton-Trump

Pubblicato il 29 febbraio 2016 da redazione

hillary

WASHINGTON. – Alla fine il testa a testa sarà tra Donald Trump e Hillary Clinton: i dubbi sono ormai davvero pochi. Il Super Martedì, il giorno della verità nelle primarie americane che delineerà il primo marzo la corsa alla Casa Bianca giunge preceduto da questa notizia. La conferma cioè di quanto da tempo è sotto gli occhi di tutti e allo stesso tempo la ‘sorpresa’ che ha reso la campagna elettorale fin qui tesa, nervosa e sfuggente anche per gli osservatori più allenati.

C’è da una parte – con Trump – il fenomeno dell’antipolitica che non accenna a sgonfiarsi e dall’altra la massima espressione di establishment e dinastia politica, con Clinton. Un quadro che innesca la sfida al tutto e per tutto con l’appuntamento elettorale che fa incetta di delegati a fungere da spartiacque per chi resta e chi soccombe.

Secondo un sondaggio Cnn/Orc, Trump ha aumentato il suo vantaggio a livello nazionale portandolo a oltre 30 punti sugli inseguitori, col 49% delle preferenze contro il 16% di Marco Rubio e il 15% di Ted Cruz. In campo democratico Hillary Clinton è avanti di quasi 20 punti su Bernie Sanders, col 55% dei consensi contro il 38% del senatore. Sarà quindi la maratona elettorale in cui vengono interpellati 12 Stati (11 per i democratici) più un territorio (le Samoa, ma solo per i democratici) tra primarie e caucus, le assemblee di elettori, a stabilire il destino degli sfidanti. A partire dal senatore ‘liberal’ del Vermont che potrebbe vedere di fatto fermarsi qui la sua sorprendente cavalcata al grido di “rivoluzione politica”.

Per i democratici sono in palio in tutto 865 delegati, ovvero più di un terzo di quelli necessari per la nomination. E Hillary è già in vantaggio, ancor più dopo la vittoria schiacciante di sabato in South Carolina. Manca solo la cosiddetta certezza matematica, quella che il Super Tuesday potrebbe conferirle, tanto più che si profila nelle prossime ore un nuovo importante endorsement, quello del Pac (meccanismo di finanziamento) del caucus ispanico al Congresso dopo quello afroamericano. E allora la chiave di volta è il Texas, che mette in palio 251 delegati democratici.

Lo è anche per i repubblicani che in Texas si aggiudicano 151 delegati. Ted Cruz ci conta particolarmente, lui gioca in casa ed è già volato a presidiare il suo territorio dove è in leggero vantaggio. Ma che alla fine prevalga non è completamente scontato: Donald Trump è forte. E poco sembrano contare le polemiche che anche in queste ore non si placano.

In un comizio a Radford, in Virginia, Trump viene nuovamente contestato e ancora una volta i manifestanti vengono allontanati dall’auditorium, alcuni additati proprio dal candidato repubblicano sul palco. Tra loro ci sono anche attivisti del gruppo ‘black lives matter’, dando voce alle proteste per l’endorsement di David Duke, ex numero uno del Ku Klux Klan, che ha invitato a fare campagna per il tycoon newyorchese e dal quale Trump è accusato di non essersi dissociato in maniera chiara.

Ma Trump va dritto per la sua strada, e prosegue con gli stessi ‘acuti’ populisti che hanno prodotto fino ad ora consenso e sgomento allo stesso tempo. Persino la Casa Bianca non si sottrae alle domande: manifesta a chiare lettere “preoccupazione e allarme”, che Trump suscita anche al di fuori degli Stati Uniti, sottolinea il portavoce Josh Earnest.

Quello che dice il tycoon – ha aggiunto – “ha un impatto sulla reputazione del nostro Paese”. Al momento ha anche un impatto e fragoroso sul partito repubblicano, perché Trump lo ha gettato nel caos. O meglio, ne ha svelato crepe profonde, lacune ed errori. Ne è il prodotto, secondo alcuni, anche di quella politica al vetriolo contro l’amministrazione Obama cui il ‘Grand Old Party’ (Gop) ha dedicato energie copiose mentre poco spazio sembra aver lasciato a nutrire un progetto unitario necessario per tornare alla Casa Bianca.

E allora i paladini dell’unità annaspano. Marco Rubio ha bisogno di un miracolo per spuntarla su Trump nel Super Tuesday dati i numeri e considerato che in Florida, il suo Stato, non si vota ancora. Però tenta il tutto e per tutto: ad Atlanta si sbraccia in lunghi interventi, la voce rauca dopo maratona di comizi con al fianco la presenza ormai costante di Nikky Haley, governatore della South Carolina, come a confermare che questo è il campo dei moderati, dove possano addirittura confluire i cosiddetti ‘democratici reaganiani’ spaventati dalla possibile virata a sinistra di Hillary Clinton spinta dalla presenza in campo di Bernie Sanders.

E poi c’è il fantasma della Libia, rievocato in queste ore da un lungo speciale del New York Times che scandisce, punto per punto, il ruolo della ex segretario di Stato, “più interventista del presidente Barack Obama”.

(di Anna Lisa Rapanà/ANSA)

Ultima ora

00:24Calcio: Mancini, mi piacerebbe allenare il Paris SG

(ANSA) - ROMA, 18 GEN - "Seguo la Ligue 1, e il Psg è la squadra migliore. È ovvio che qualsiasi tecnico vorrebbe guidare questa squadra, è una delle migliori al mondo e con gli arrivi di Neymar e Mbappé ha buone possibilità di vincere la Champions. Mi piacerebbe allenare il Psg, perché no... Oggi c'è Emery che sta facendo bene ma nel calcio tutto può cambiare". Parole di Roberto Mancini, attuale allenatore dello Zenit, al quotidiano sportivo francese 'L'Equipe', che ha fornito un'anticipazione dell'intervista che verrà pubblicata domani. Mancini dice la sua anche sul big-match degli ottavi di Champions, in cui la squadra parigina se la vedrà con il Real Madrid. "Affrontare il Real è sempre difficile - dice -, ma penso che il Paris SG abbia buone possibilità di qualificarsi".

23:25Calcio: Nardella, proporrò proroga progetto stadio Firenze

(ANSA) - FIRENZE, 18 GEN - Concessione della proroga alla Fiorentina per completare il progetto di realizzazione del nuovo stadio a Firenze. Ad annunciarla, dopo che il gruppo tecnico coordinato dal dirigente comunale Giacomo Parenti ha analizzato la documentazione consegnata dalla società viola, è il sindaco Dario Nardella. "Porterò in giunta a febbraio la proposta di prolungamento del pubblico interesse per la realizzazione dello stadio sulla base della relazione del gruppo tecnico. Quindi la data ultima per la consegna della documentazione integrale del progetto definitivo sarà fissata al 31 di ottobre", spiega il sindaco. I termini per la presentazione del progetto definitivo erano scaduti il 31 dicembre scorso, dopo che la concessione di una precedente proroga era già stata decisa dall'amministrazione. Alla base della concessione della nuova proroga, spiega il sindaco, i risultati dell'analisi del gruppo tecnico "sulla documentazione consegnata dalla Fiorentina prima della fine del 2017 relativa all'integrazione del progetto".

23:18Calcio: Regno Unito e Italia, due idee a confronto

(ANSA) - ROMA, 18 GEN - Regno Unito e Italia. Due idee di calcio a confronto. Da quello femminile alle attuali differenze tra la Serie A e la Premier League. Questi i temi al centro del dibattito al Circolo Canottieri Aniene di Roma. Presenti numerosi ospiti, tra cui Jill Morris, ambasciatore del Regno Unito in Italia, Patrizia Panico, ex giocatrice della Nazionale femminile, e l'ex capitano della Nazionale inglese, Sol Campbell. A fare gli onori di casa, il presidente del Coni, Giovanni Malagò: "Oggi il calcio femminile in Italia è appannaggio della Lega Dilettanti - ha spiegato - ma se avessi l'opportunità di dare un contributo penso che le donne devono avere la stessa possibilità degli uomini. Il calcio femminile alle Olimpiadi ha avuto numeri di share impressionanti, è da matti non andare dietro questi numeri". Grande tifosa di calcio e del Liverpool in particolare, l'ambasciatore Morris rivela: "Il calcio è una delle tante cose che uniscono i nostri due Paesi: la passione dei tifosi, i cori, la rivalità tra club".

23:13Dakar: auto, Al-Attiyah vince dodicesima tappa

(ANSA) - ROMA, 18 GEN - Nasser Al-Attiyah al volante della Toyota ha vinto la dodicesima tappa della Dakar, la Chilecito-San Juan, in Argentina, di 793 chilometri, 523 dei quali di speciale. Il pilota qatariota ha preceduto la Peugeot del francese Stephane Peterhansel di 2'03" e la Toyota del sudafricano Giniel De Villiers di 4'33". Nella classifica generale delle auto resta al comando lo spagnolo Carlos Sainz (oggi nono), con 44'41 di vantaggio su Peterhansel e 1h05'55" sullo stesso Al-Attiyah. Tappa cancellata per moto e quad per problemi di sicurezza del percorso.

22:47Calcio: Napoli, preso l’esterno sinistro Bangoura

(ANSA) - NAPOLI, 18 GEN - Il Napoli rimpolpa la rosa con l'acquisto di Ismael Bangoura, 23 enne guineano cresciuto nelle giovanili dell'Inter prima di fare esperienza in giro per l'Italia con le maglie di Cesena, San Marino, Fidelis Andria e Maceratese, ultima squadra nella quale ha militato. L'acquisto dell'esterno sinistro - si apprende dal sito della Lega Calcio - è a titolo definitivo.

22:45Calcio: Calabria, Milan deve ripartire vincendo a Cagliari

(ANSA) - MILANO, 18 GEN - E' stata particolarmente intensa la ripresa degli allenamenti del Milan dopo la settimana di sosta e ora "sarebbe importante ripartire con una bella vittoria", come ha sottolineato Davide Calabria, in vista della trasferta di domenica a Cagliari. "Ci siamo preparati alla grande, mister Gattuso ci ha aiutato a recuperare la condizione dopo una settimana di vacanza", ha spiegato Calabria, protagonista assieme a gran parte della squadra di un evento promozionale. "In questi giorni ci siamo allenati con grande intensità, è stata dura ma nessuno ha mollato. Ora c'è il Cagliari e possiamo dare un'impronta al nostro campionato", ha aggiunto Fabio Borini, secondo cui le difficoltà del Milan a fare gol dipendono anche "dagli avversari che lavorano per non farci giocare: per noi diventa più complicato. Per quanto mi riguarda - ha sorriso l'attaccante - visto che a volte gioco lontano dalla porta, a meno che non tiri da 50 metri fatico a segnare...".

22:41Calcio: Davids, il Napoli è bello ma vincerà la Juve

(ANSA) - FIRENZE, 18 GEN - "Il Napoli gioca bene ma credo che alla fine vincerà la Juve perché ha esperienza e un organico più ampio". Così Edgar Davids oggi a Firenze per un evento a Pitti Bimbo, la rassegna di moda infantile che si è aperta alla Fortezza da Basso. L'ex centrocampista olandese, che in Italia ha vestito le maglie di Milan, Juve e Inter vincendo scudetti e coppa, ha elogiato il gioco di Sarri augurandosi che il campionato "resti aperto fino al termine". Il Milan fatica a tornare ai livelli passati: "Mi auguro che il futuro dei rossoneri torni bello, c'è chi pensa che basti l'acquisto di un paio di giocatori, invece bisogna avere una visione chiara, creare una struttura e concedere tempo a chi allena". Chiusura sulla crisi del calcio italiano escluso, come quello olandese, da Russia 2018: "Un Mondiale senza l'Italia non è un Mondiale vero. La crisi deve trasformarsi in occasione di rilancio perché il calcio italiano ha storia e qualità".

Archivio Ultima ora