Calcio venezuelano: Táchira senza pietá contro il Monagas

Pubblicato il 29 febbraio 2016 da redazione

Incidencias generales del encuentro correspondiente a la sexta jornada del torneo Apertura 2016 del Futbol Profesional Venezolano, Copa TRAKI, entre los equipos Deportivo Tachira FC Vs Monagas SC, realizado en el estadio Polideportivo de Pueblo Nuevo en San Cristobal Estado Táchira en Venezuela, el 28 de febrero de 2016 (Gennaro Pascale Caicedo / Prensa Deportivo Tachira)

Incidencias generales del encuentro correspondiente a la sexta jornada del torneo Apertura 2016 del Futbol Profesional Venezolano, Copa TRAKI, entre los equipos Deportivo Tachira FC Vs Monagas SC, realizado en el estadio Polideportivo de Pueblo Nuevo en San Cristobal Estado Táchira en Venezuela, el 28 de febrero de 2016 (Gennaro Pascale Caicedo / Prensa Deportivo Tachira)

CARACAS – Dimenticare in fretta e voltare subito la pagina é quanto consigliano gli psicologi sportivi quando una squadra subisce una sconfitta. Proprio questo ha fatto il Deportivo Táchira dopo il ko subito giovedí in Coppa Libertadores contro l’Emelec: contro il Monagas, la squadra allenenata da Carlos Maldonado non ha avuto pietà e s’è imposto con un netto 3-0.

Lo stadio Pueblo Nuevo di San Cristóbal ancora una volta è servito da talismo, aiutando i suoi beniamini a vincere una nuova gara. Il desiderio dei tifosi che hanno occupato le gradinate dello stadio, si é realizzato grazie alle reti di José Miguel Reyes (33’, 56’) e Daniel Febles (37’). Il carrusel aurinegro ha ottenuto la sua seconda vittoria consecutiva, sucesso che gli permette di occomodarsi al quarto posto in classifica.

Mentre il Monagas ha subito la quarta sconfitta stagionale in sei gare disputate. Questo risultato ha anche permesso al Deportivo Táchira di allungare l’imbattibilitá interna contro il Monagas: in 16 precedenti i gialloneri hanno un bilancio di 9 vittorie e 7 sconfitte.

A Maracay, lo Zamora di Francesco Stifano a causa di un black out nel finale si é lasciato scippare i tre punti. I bianconeri di Barinas hanno dominato la gara fino al 64’ quando grazie alle marcature di Gabriel Torres su calcio di rigore al 26’ e Johan Moreno (60’) vincevano 2-0, poi é iniziata la rimonta dei padroni di casa prima con la bomba lanciata da piú di 30 metri da Jarold Herrera (64’) e poi il rigore trasformato da Ángel Chourio al 90’.

E così il tecnico italo-venezuelano é passato da assaporare il miele della vittoria all’amarezza per la sconfitta. Il pari ottenuto nello stadio Giuseppe Antonelli é il terzo consecutivo per la formazione di Barinas, ma nonostante tutto tiene ancora ben salda la vetta dalla classifica.

Lo stadio Olímpico della Ucv ha fatto da cornice al festival del gol che ha visto imporsi per 3 a 2 il Deportivo La Guaira contro lo Zulia. La sequenza delle reti: padroni di casa in vantaggio grazie alla rete di Manriquez dopo un giro di lancette, il pareggio dei lagunari é stato siglato da Savarino(24). Il 2-1 degli arancioni é stato griffato da Rivero (45’) il 2-2 dello Zulia é stato segnato da Romero (67’). A regalare i tre punti ai padroni di casa ci ha pensato alla fine Hernández all’87’.

Altra gara pirotecnica, Mineros-Ureña che si é conclusa con il punteggio di 4-3. Per i neroazzurri di Puerto Ordaz questa é la prima vittoria stagionale tra le mura amiche.

Hanno completato il quadro della sesta giornata del Torneo Apertura: Llaneros-Atlético Venezuela 0-3, Jbl Zulia-Portuguesa 0-0, Estudiantes de Caracas-Petare 2-2, Estudiantes de Mérida – Deportivo Anzoátegui 1-2 e Deportivo Lara-Carabobo 3-2.

La gara Caracas-Trujillanos é stata rinviata per permettere ai ‘guerreros de la montaña’ di preparare al meglio la sfida di Coppa Libertadores contro ‘The Strongest’ in programma domani a La Paz. Mentre la gara di campionato sará recuperata il prossimo 9 marzo.

(Fioravante De Simone/Voce)

Ultima ora

10:53Terremoti: Cile, scossa magnitudo 6.3

(ANSA) - ROMA, 21 GEN - Una scossa di terremoto di magnitudo 6.3 è stata registrata alle 21:06 di ieri ora locale (le 2:06 di oggi in Italia) nel nord del Cile, non lontano dal confine col Perù. Secondo i dati del servizio geologico statunitense Usgs, il sisma ha avuto ipocentro a 110 km di profondità ed epicentro 76 km a sud di Putre e a 117 dalla peruviana Tacna. Non si hanno al momento segnalazioni di danni a persone o cose. Una scossa della stessa intensità era stata registrata nella zona già il 10 ottobre scorso, senza rilevanti conseguenze. Solo una settimana fa il Perù è stato invece colpito da un terremoto di magnitudo superiore a 7 che ha causato due morti e 65 feriti.

10:12Rep. Ceca: incendio in un hotel a Praga, due morti

(ANSA) - PRAGA, 20 GEN - Due persone sono morte ed otto sono rimaste ferite in un incendio scoppiato in un albergo al centro di Praga. La portavoce dei servizi di soccorso Jana Postova ha detto che tre persone sono state rianimate. I vigili del fuoco hanno detto che si tratta dell'hotel Eurostars David. Le vittime non sono state identificate e non sono ancora chiare le cause dell'incendio.

10:06Attacco Kabul: Casa Bianca, Trump aggiornato su attacco

(ANSA) - KABUL, 21 GEN - Il presidente americano Donald Trump è stato aggiornato sull'attacco terroristico avvenuto ieri sera ai danni dell'Hotel Intercontinental di Kabul. Lo riferisce l'agenzia di stampa afghana Pajhwok citando un comunicato della Casa Bianca. In esso si precisa che gli Usa "stanno seguendo da vicino gli sviluppi" e "stanno fornendo tutto l'aiuto necessario all'Afghanistan".

08:45Attacco Kabul: terminato, uccisi 3 assalitori

(ANSA) - KABUL, 21 GEN - L'attacco terroristico all'Hotel Intercontinental di Kabul è terminato poco prima delle 10 locali (le 6,30 italiane). Lo ha annunciato un portavoce del ministero dell'Interno nella capitale afghana. Anche se pochi minuti dopo l'annuncio gli inviati di due tv afghane, 1TvNews e Tolo, hanno fatto sapere che "si sentono ancora spari ed esplosioni" Tre assalitori sono stati uccisi e 126 persone tratte in salvo, fra cui 41 stranieri. I morti sono invece cinque, sei i feriti. I vigili del fuoco sono ora al lavoro per spegnere l'incendio provocato ieri da una esplosione nella prima fase dell'attacco.

01:34Calcio: Mkhitaryan dice sì all’Arsenal, Sanchez allo United

(ANSA) - ROMA, 21 GEN - Il centrocampista armeno del Manchester United Henrikh Mkhitaryan ha accettato la proposta di trasferirsi all'Arsenal, aprendo la strada allo scambio con il cileno Alexis Sanchez, molto atteso da Jose Mourino. Il 28enne centrocampista, 28 anni, si sottoporrà alle visite mediche tra domani e lunedì dopo aver trovato nella giornata di oggi l'accordo con il club londinese, di cui al momento non si conoscono i termini. Secondo i media inglesi, il trasferimento avverrà 'alla pari', avendo trovato i club un accordo su una valutazione di 35 milioni di sterline per entrambi i giocatori.

01:14Calcio: pari Atletico e Valencia ko, sabato pro-Barcellona

(ANSA) - ROMA, 20 GEN - Il Barcellona domina la Liga anche senza giocare, visto che le rivali fanno a gara per gettare punti e perdere ulteriore terreno sulla capolista. L'Atletico Madrid, impegnato col Girona, si è fatto bloccare sull'1-1 e praticamente può dire addio alle pur flebili speranze di contendere il titolo ai blaugrana. I punti di distacco tra prima e seconda sono ora otto, con il Barca che ha una partita in meno (domani col Betis). Il Valencia, terzo in graduatoria, ha addirittura perso a Las Palmas, sprecando l'occasione di affiancare la squadra di Simeone. Vince invece il Villarreal, 2-1 a Levante, e sale al quarto posto in attesa della partita domenicale del Real Madrid.

01:13Liberia: presidente Weah in campo per partita di beneficenza

(ANSA) - ROMA, 20 GEN - L'ex fuoriclasse George Weah torna al calcio per un giorno, in occasione degli eventi che precedono il suo insediamento come presidente della Liberia: l'ex milanista è sceso in campo per una partita di beneficenza con una squadra creata per l'occasione - la Weah All Stars Team, con molti ex colleghi calciatori - , sfidata in campo dai militari delle forze armate liberiane. Il match - finito 2 a 1 per la squadra del neo presidente - si è svolto al Barclay Training Center di Monrovia. Weah, 51 anni, giurerà da presidente il 22 gennaio.

Archivio Ultima ora