Dacia Maraini a New York: “L’evoluzione della società non si ferma”

Pubblicato il 02 marzo 2016 da redazione

dacia_maraini

NEW YORK – Prima ospite della Casa Italiana Zerilli Marimò della New York University, diretta da Stefano Albertini, per la presentazione del suo ultimo romanzo “La bambina e il sognatore”; poi, per iniziativa anche del console generale italiano a Philadelphia, Andrea Canepari, visita alla Temple University di Philadelphia. In ambedue le occasioni, sale stracolme di connazionali, studenti e amanti della letteratura. Dacia Maraini nei suoi interventi ha parlato a lungo non solo del suo romanzo ma anche di attualità e della società italiana.

Per chi ha assistito alle conferenze, è stata l’occasione per isolarsi, volare con la fantasia e, per qualche ora, allontanarsi dalla quotidianità ma, ed è stata questa la principale caratteristica delle conferenze della scrittrice, senza separarsene completamente.

Maraini, scrittrice, poetessa, saggista, drammaturga e sceneggiatrice, parte della “generazione degli anni trenta”, dopo appena pochi minuti è riuscita, sia nella Casa Italiana Zerilli Marimò della New York University, sia nella Temple University di Philadelphia, ad ammaliare, affascinare, stregare chi l’ascoltava.

“La bambina e il sognatore”, l’ultimo romanzo della scrittrice, affronta un tema di grande attualità: la paternità, l’amore del padre verso i figli. E lo fa uscendo dai canoni tradizionali per narrare il delicato rapporto tra un maestro di un paesino e i suoi alunni; tra l’uomo e la sua paternità; una paternità vissuta con passione, senza impacci, senza schemi, e fuori da ogni convenzione.

L’intervento della scrittrice, presso la NYU, inizia subito affrontando la difficoltà della donna che scrive al maschile; un argomento che richiama al desiderio della paternità.

– Non è assolutamente vero che sia solo delle donne il desiderio di avere un figlio. E’ una consuetudine, un concetto assai radicato nella società che però non risponde alla realtà. Un maestro mi disse che, a parlare con lui ogni volta che erano convocati i genitori, si recavano le madri. I padri mai, come se non fossero anche loro dei genitori. La tradizione è che dei bambini piccoli si occupino solo le madri. Ho avuto modo di parlare con molti uomini giovani. Ebbene, il desiderio della paternità è forte. E’ un aspetto che ho trovato molto poetico.

Ricordo la storia di Pinocchio e Geppetto. Il falegname era vecchio, brutto e anche molto povero. Non aveva una moglie. Ma sì un grande desiderio di un figlio. E allora se lo costruisce. Ed ecco il burattino. E la storia di Pinocchio è la storia dell’amore paterno. Geppetto ama tanto quel burattino che lo fa disperare da rincorrerlo dappertutto. Alla fine riesce a trasformarlo in un bambino vero. Quella di Geppetto è l’immagine del padre che mai perde l’amore per il figlio.

Uomo e donna possono avere questo desiderio, questo amore. E’ la società, con i suoi schemi, che cerca di allontanare questo sentimento dall’uomo, dal padre. E pone l’accento sulle madri che devono curarsi dei figli. Non vedo perché, comunque, il desiderio dei padri di dare affetto ai figli debba essere nascosto.

Per quel che riguarda lo spunto, l’ispirazione che l’ha portata a narrare una storia al “maschile” racconta:
– Ho avuto modo di conoscere tanti maestri. Sono pagati poco. Prima, però, erano rispettati, erano importanti, avevano un prestigio. Ora hanno perso anche quello…. La storia? E’ venuta giù in forma naturale…
Dal maestro alle Unioni Civili, con la scrittrice, sembra quasi un passaggio naturale, obbligatorio.

Soprattutto il riferimento alle adozione degli “stepchild” e l’intolleranza contro le coppie gay che avvicina pericolosamente la società italiana a quella conservatrice, radicale, oscurantista di altre società che non ci appartengono.
– La madre che deve dare amore mentre il padre conoscenza… – commenta assorta nei suoi pensieri Maraini -. E’ solo una convenzione. In una famiglia non esiste una separazione automatica dei ruoli. La società è come la storia: cambia, evolve. Nel nostro paese… in Italia chi si oppone alle stepchild adoption afferma di difendere la famiglia naturale. Quale? Che significato può avere nei nostri giorni ‘difendere la famiglia naturale’? Che cosa s’intende, poi, per famiglia naturale? Forse non sanno che l’incesto, alle origini degli essere umani, era parte della ‘famiglia naturale’. La civiltà comincia proprio quando si ha coscienza che è necessario andare oltre; superare proprio la cosiddetta famiglia ‘naturale’.

E prosegue sottolineando che con le Unioni Civili finalmente anche l’Italia fa un importante passo avanti verso una maniera nuova di interpretare la società. L’Italia cambia; il concetto di famiglia cambia.
– L’Italia – spiega – aveva ancora una legislazione arretrata. C’era il capo-famiglia. La donna, qualora volesse viaggiare, doveva chiedere autorizzazione al marito. L’adulterio della donna era condannato. E c’era il delitto d’onore… Sono tutti aspetti non lontani nella nostra storia. Ma l’evoluzione della società non si ferma; la storia non si ferma. In questo romanzo, l’uomo che desidera un figlio è parte della trasformazione della società. Credo che sia un aspetto positivo, una buona cosa.

E la partecipazione nella politica? A chi ha chiesto alla scrittrice se nel suo futuro c’è un impegno in Parlamento è stato risposto in maniera categorica:
-No, mai.

Quindi, dopo una breve pausa accompagnata dal silenzio dell’auditorio, ha aggiunto:
– Me lo hanno offerto. Tante volte mi hanno chiesto di candidarmi come deputata… anche alle europee. Ho detto di no. Credo che a ognuno vadano le proprie competenze. Ci vuole una vita per raggiungere la propria. Io credo di esserci riuscita, di averla raggiunta con le parole, con i miei racconti, con le mie storie. Credo che lo scrittore abbia un suo compito. Non deve diventare politico, ma svegliare la coscienza del paese su certi temi. Può farlo mettendo al servizio del paese le proprie competenze, la scrittura, le parole, la lingua.

Anche a Philadelfia sala piena per la conferenza di Dacia Maraini. E anche qui tanti gli argomenti affrontati. Ad esempio, la violenza sulle donne.
– Quello della violenza sulle donne – sottolinea subito – è un problema molto delicato e complesso. E lo scrittore, nell’affrontarlo, deve avere la capacità di comunicare per rendere le persone culturalmente coscienti.

Il dibattito prosegue toccando temi altrettanto scottanti come l’abuso dei minori (“Un problema che è sempre esistito e che ha coinvolto anche la Chiesa, specialmente negli ultimi anni. Ma solo ora se ne parla apertamente”) e la prostituzione.

– Con gli anni, qualcosa è cambiato – commenta -. La prostituzione è illegale. Ma c’è chi attira prostitute illegalmente da altri paesi per trattarle come schiave o animali.

Spiega che a volte si tratta di bambine, di giovani di 15, 16 anni e anche meno, vendute dai genitori per pochi spiccioli. E denuncia che quando si parla di violenza sulle donne, sui bambini; quando si pone l’accento sul loro sfruttamento la società guarda altrove, preferisce non dare ascolto ed innalza un muro “che bisogna abbattere, parlando ed affrontando questi temi”.

– Bisogna insegnare ai bambini i valori – conclude -. Educarli alla sessualità. Se vogliamo veramente cambiare le cose è indispensabile sradicare quel modo superato, antiquato, stantio di vedere le cose… bisogna avere la capacità metter da parte la vecchia cultura.

Ultima ora

16:20Minaccia moglie con coltello, figlio 13enne lo fa arrestare

(ANSA) - FIRENZE, 28 MAR - Ha composto il 113 e ha chiesto l'intervento della polizia, mentre il padre stava colpendo con un coltello da cucina la porta della camera da letto dove si era rifugiato con la madre. Protagonista della vicenda, avvenuta ieri sera in un abitazione alla periferia di Firenze, un ragazzino di 13 anni. L'uomo, un 46enne italiano, è stato arrestato dagli agenti, che hanno fatto irruzione nell'appartamento sfondando la porta al termine di una lunga trattativa. Illesi il ragazzino e la madre, una quarantenne straniera. Secondo quanto ricostruito, l'uomo, che farebbe frequente uso di droghe a alcol, sarebbe tornato a casa intorno alle 22,30 e avrebbe chiesto 20 euro alla moglie, che stava guardando la televisione col bambino. Avuto il denaro, ha impugnato il coltello da cucina e l'ha minacciata chiedendo altri contanti. La donna, approfittando di un suo momento di distrazione, si è rifugiata in camera da letto col figlio, chiudendosi a chiave. Il 46enne ha iniziato a colpire la porta col coltello, riuscendo in parte a sfondarla, tanto che la moglie è stata costretta a sistemarci contro un mobile come rinforzo. A questo punto il 13enne ha preso il telefono e ha chiesto aiuto al 113. Gli agenti hanno fatto irruzione nella casa sfondando la porta, al termine di una trattativa. Il 46enne, in evidente stato di alterazione dovuto probabilmente all'assunzione di alcol e droghe, è stato sedato e portato in ospedale. Per l'uomo, disoccupato, già noto alle forze dell'ordine, è poi scattato l'arresto per i reati di rapina aggravata e maltrattamenti in famiglia. (ANSA).

16:15G7: ministri cultura Firenze, drone garantirà sicurezza

(ANSA) - FIRENZE, 28 MAR - Per garantire la vigilanza in occasione del G7 della cultura in programma il 30 e il 31 maggio prossimi a Firenze, "oltre all'elicottero sarà usato per la prima volta in città un drone in dotazione alle forze di polizia, che permetterà di effettuare controlli più dettagliati e di spostarsi più velocemente". Lo ha annunciato il questore di Firenze, Alberto Intini, illustrando alcune misure del piano sicurezza. Per la gestione del drone arriverà a Firenze un team di circa 20 uomini. Complessivamente, in occasione del G7 saranno centinaia gli uomini che saranno impiegati per garantire la sicurezza, anche, ha spiegato Intini, con "un impiego notevole di personale aggregato da altre sedi". "L'obiettivo - ha detto ancora Intini - sarà posto in particolare sull'area interessata dagli eventi, una sorta di triangolo compreso tra l'albergo dove alloggeranno le delegazioni, palazzo Pitti e palazzo Vecchio.". L'apparato di sorveglianza riguarderà "i luoghi di residenza, quelli dove si svolgeranno gli eventi e gli spostamenti delle delegazioni", con servizi di vigilanza "sia fissa che dinamica". "Ci sarà poi un'attività a più ampio raggio - ha precisato il questore - per evitare iniziative di disturbo alle cerimonie", sebbene al momento non siano previste "manifestazioni, proteste o minacce specifiche nei due giorni del vertice". Indette invece alcune manifestazioni, autorizzate dalla questura, per i giorni immediatamente precedenti. "Non ci sarà alcuna zona sottoposta a divieto di transito veicolare o pedonale". I musei degli Uffizi, di palazzo Vecchio e di palazzo Pitti saranno aperti normalmente, con controlli all'ingresso tramite "metal detector a portale e portatili, per tutti colore che accederanno nelle aree". Previsto inoltre l'impiego di unità cinofile e "di tiratori scelti, che saranno posizionati in alcuni punti considerati strategici".(ANSA).

16:08Calcio: Casillas verso la Francia, preaccordo col Marsiglia

(ANSA) - ROMA, 28 MAR - Il portiere spagnolo del Porto, Iker Casillas, potrebbe cambiare maglia, nella prossima stagione. L'ex pilastro del Real Madrid, oggi in Portogallo, ha dalla sua un'opzione per il rinnovo del contratto, ma solo se dovesse giocare 30 partite in campionato (attualmente è fermo a quota 26). Secondo 'A Bola', però, Casillas ha già firmato un preaccordo con il Marsiglia, squadra della Ligue 1 allenata dall'ex romanista Rudi Garcia.

15:52Terremoto: Ceriscioli,da Governo misure per Comuni e imprese

(ANSA) - ANCONA, 28 MAR - ''Il presidente del Consiglio Paolo Gentiloni ha annunciato che il Governo si impegna a recuperare nella manovra di aprile alcuni dei contenuti che non hanno trovato spazio nel decreto terremoto: le zone franche o comunque misure di fiscalità agevolata per le imprese, e un intervento a compensazione delle minori entrate dei Comuni del cratere, che rischiano il dissesto''. Così il presidente delle Marche Luca Ceriscioli, ''molto soddisfatto'' del confronto avuto dai governatori delle regioni terremotate con il premier. ''Abbiamo fatto il punto su tutte le questioni: casette, sfollati, sostegno alla ripresa delle attività produttive'' ha spiegato. Gentiloni ha assicurato ''lo stanziamento di un miliardo l'anno per tre anni, e la contestuale ricerca di risorse aggiuntive''. Uno degli obiettivi sarà poi trasformare in antisismici edifici ''non danneggiati nelle zone 1, quelle a rischio massimo''. Bene anche, conclude, l'impegno ''a un crescente trasferimento di protagonismo al territorio per la ricostruzione''.

15:38Sperona auto ex moglie e l’accoltella, in fin di vita

(ANSA) - VERCELLI, 28 MAR - Ha speronato l'auto dell'ex moglie, dopo averla aspettata all'uscita dal lavoro. E quando lei è fuggita a piedi, l'ha accoltellata ferendola in modo grave. L'aggressione a Borgo Vercelli, dove i carabinieri hanno fermato l'ex marito. Secondo le prime informazioni, la coppia di italiani si era separata e litigava da tempo. Colpita all'addome, la donna è stata trasportata all'ospedale Sant'Andrea di Vercelli, dove i sanitari la stanno sottoponendo a un delicato intervento chirurgico. (ANSA).

15:31Sci: supergigante, Paris campione italiano

(ANSA) - ROMA, 28 MAR - Terzo titolo italiano di supergigante per Dominik Paris. Il carabiniere altoatesino, già vincitore in questa specialità nel 2009 e nel 2013, ha messo a segno la tripletta in Trentino con il tempo di 1'18"38, precedendo di 94 centesimi il commilitone Peter Fill (che vinse lo scudetto nel 2015 e fu secondo nel 2012) e di 1"60 l'alpino Guglielmo Bosca, nuovamente sul podio dopo il successo nella combinata di ieri. Alla conclusione della stagione, a questo punto, manca solamente la discesa che si svolgerà venerdì 31 marzo a Bardonecchia (To).

15:12Scuola: Fedeli, Erasmus alle Superiori ma con gradualità

(ANSA) - ROMA, 28 MAR - Erasmus anche alle Superiori ma con gradualità. La ministra dell'Istruzione, Valeria Fedeli, in occasione di un convegno sulla scuola promosso dalla Cisl, ha ribadito l'intenzione di estendere il progetto Erasmus. "Al consiglio dell'istruzione europeo di maggio - ha detto - porterò due questioni: estendere l'Erasmus anche alle famiglie che non possono permetterselo e operare, con gradualità, per consentire anche alle ultime classi della scuola superiore di costruire un proprio progetto Erasmus". La ministra si è quindi soffermata sulle risorse destinate all' istruzione. "Abbiamo cominciato a fare investimenti forti su scuola, università e ricerca. Credo che non siano sufficienti, ma è un buon inizio". "Certo è - ha osservato - che litigare su ciò che si fa per la scuola significa non vincere le sfide della globalizzazione".

Archivio Ultima ora