Dacia Maraini a New York: “L’evoluzione della società non si ferma”

Pubblicato il 02 marzo 2016 da redazione

dacia_maraini

NEW YORK – Prima ospite della Casa Italiana Zerilli Marimò della New York University, diretta da Stefano Albertini, per la presentazione del suo ultimo romanzo “La bambina e il sognatore”; poi, per iniziativa anche del console generale italiano a Philadelphia, Andrea Canepari, visita alla Temple University di Philadelphia. In ambedue le occasioni, sale stracolme di connazionali, studenti e amanti della letteratura. Dacia Maraini nei suoi interventi ha parlato a lungo non solo del suo romanzo ma anche di attualità e della società italiana.

Per chi ha assistito alle conferenze, è stata l’occasione per isolarsi, volare con la fantasia e, per qualche ora, allontanarsi dalla quotidianità ma, ed è stata questa la principale caratteristica delle conferenze della scrittrice, senza separarsene completamente.

Maraini, scrittrice, poetessa, saggista, drammaturga e sceneggiatrice, parte della “generazione degli anni trenta”, dopo appena pochi minuti è riuscita, sia nella Casa Italiana Zerilli Marimò della New York University, sia nella Temple University di Philadelphia, ad ammaliare, affascinare, stregare chi l’ascoltava.

“La bambina e il sognatore”, l’ultimo romanzo della scrittrice, affronta un tema di grande attualità: la paternità, l’amore del padre verso i figli. E lo fa uscendo dai canoni tradizionali per narrare il delicato rapporto tra un maestro di un paesino e i suoi alunni; tra l’uomo e la sua paternità; una paternità vissuta con passione, senza impacci, senza schemi, e fuori da ogni convenzione.

L’intervento della scrittrice, presso la NYU, inizia subito affrontando la difficoltà della donna che scrive al maschile; un argomento che richiama al desiderio della paternità.

– Non è assolutamente vero che sia solo delle donne il desiderio di avere un figlio. E’ una consuetudine, un concetto assai radicato nella società che però non risponde alla realtà. Un maestro mi disse che, a parlare con lui ogni volta che erano convocati i genitori, si recavano le madri. I padri mai, come se non fossero anche loro dei genitori. La tradizione è che dei bambini piccoli si occupino solo le madri. Ho avuto modo di parlare con molti uomini giovani. Ebbene, il desiderio della paternità è forte. E’ un aspetto che ho trovato molto poetico.

Ricordo la storia di Pinocchio e Geppetto. Il falegname era vecchio, brutto e anche molto povero. Non aveva una moglie. Ma sì un grande desiderio di un figlio. E allora se lo costruisce. Ed ecco il burattino. E la storia di Pinocchio è la storia dell’amore paterno. Geppetto ama tanto quel burattino che lo fa disperare da rincorrerlo dappertutto. Alla fine riesce a trasformarlo in un bambino vero. Quella di Geppetto è l’immagine del padre che mai perde l’amore per il figlio.

Uomo e donna possono avere questo desiderio, questo amore. E’ la società, con i suoi schemi, che cerca di allontanare questo sentimento dall’uomo, dal padre. E pone l’accento sulle madri che devono curarsi dei figli. Non vedo perché, comunque, il desiderio dei padri di dare affetto ai figli debba essere nascosto.

Per quel che riguarda lo spunto, l’ispirazione che l’ha portata a narrare una storia al “maschile” racconta:
– Ho avuto modo di conoscere tanti maestri. Sono pagati poco. Prima, però, erano rispettati, erano importanti, avevano un prestigio. Ora hanno perso anche quello…. La storia? E’ venuta giù in forma naturale…
Dal maestro alle Unioni Civili, con la scrittrice, sembra quasi un passaggio naturale, obbligatorio.

Soprattutto il riferimento alle adozione degli “stepchild” e l’intolleranza contro le coppie gay che avvicina pericolosamente la società italiana a quella conservatrice, radicale, oscurantista di altre società che non ci appartengono.
– La madre che deve dare amore mentre il padre conoscenza… – commenta assorta nei suoi pensieri Maraini -. E’ solo una convenzione. In una famiglia non esiste una separazione automatica dei ruoli. La società è come la storia: cambia, evolve. Nel nostro paese… in Italia chi si oppone alle stepchild adoption afferma di difendere la famiglia naturale. Quale? Che significato può avere nei nostri giorni ‘difendere la famiglia naturale’? Che cosa s’intende, poi, per famiglia naturale? Forse non sanno che l’incesto, alle origini degli essere umani, era parte della ‘famiglia naturale’. La civiltà comincia proprio quando si ha coscienza che è necessario andare oltre; superare proprio la cosiddetta famiglia ‘naturale’.

E prosegue sottolineando che con le Unioni Civili finalmente anche l’Italia fa un importante passo avanti verso una maniera nuova di interpretare la società. L’Italia cambia; il concetto di famiglia cambia.
– L’Italia – spiega – aveva ancora una legislazione arretrata. C’era il capo-famiglia. La donna, qualora volesse viaggiare, doveva chiedere autorizzazione al marito. L’adulterio della donna era condannato. E c’era il delitto d’onore… Sono tutti aspetti non lontani nella nostra storia. Ma l’evoluzione della società non si ferma; la storia non si ferma. In questo romanzo, l’uomo che desidera un figlio è parte della trasformazione della società. Credo che sia un aspetto positivo, una buona cosa.

E la partecipazione nella politica? A chi ha chiesto alla scrittrice se nel suo futuro c’è un impegno in Parlamento è stato risposto in maniera categorica:
-No, mai.

Quindi, dopo una breve pausa accompagnata dal silenzio dell’auditorio, ha aggiunto:
– Me lo hanno offerto. Tante volte mi hanno chiesto di candidarmi come deputata… anche alle europee. Ho detto di no. Credo che a ognuno vadano le proprie competenze. Ci vuole una vita per raggiungere la propria. Io credo di esserci riuscita, di averla raggiunta con le parole, con i miei racconti, con le mie storie. Credo che lo scrittore abbia un suo compito. Non deve diventare politico, ma svegliare la coscienza del paese su certi temi. Può farlo mettendo al servizio del paese le proprie competenze, la scrittura, le parole, la lingua.

Anche a Philadelfia sala piena per la conferenza di Dacia Maraini. E anche qui tanti gli argomenti affrontati. Ad esempio, la violenza sulle donne.
– Quello della violenza sulle donne – sottolinea subito – è un problema molto delicato e complesso. E lo scrittore, nell’affrontarlo, deve avere la capacità di comunicare per rendere le persone culturalmente coscienti.

Il dibattito prosegue toccando temi altrettanto scottanti come l’abuso dei minori (“Un problema che è sempre esistito e che ha coinvolto anche la Chiesa, specialmente negli ultimi anni. Ma solo ora se ne parla apertamente”) e la prostituzione.

– Con gli anni, qualcosa è cambiato – commenta -. La prostituzione è illegale. Ma c’è chi attira prostitute illegalmente da altri paesi per trattarle come schiave o animali.

Spiega che a volte si tratta di bambine, di giovani di 15, 16 anni e anche meno, vendute dai genitori per pochi spiccioli. E denuncia che quando si parla di violenza sulle donne, sui bambini; quando si pone l’accento sul loro sfruttamento la società guarda altrove, preferisce non dare ascolto ed innalza un muro “che bisogna abbattere, parlando ed affrontando questi temi”.

– Bisogna insegnare ai bambini i valori – conclude -. Educarli alla sessualità. Se vogliamo veramente cambiare le cose è indispensabile sradicare quel modo superato, antiquato, stantio di vedere le cose… bisogna avere la capacità metter da parte la vecchia cultura.

Ultima ora

09:32Terremoti: scossa magnitudo 4,9 in Nuova Zelanda

(ANSA) - ROMA, 22 OTT - Una scossa di terremoto di magnitudo 4,9 é stata registrata oggi circa 14 chilometri a sudovest di Kaikoura, in Nuova Zelanda, ad una profondità di 10 chilometri: lo rende noto l'Istituto geofisico americano (Usgs). Per ora non si hanno notizie di vittime o danni.

09:28Referendum autonomia, Lombardia vota, seggi aperti fino a 23

(ANSA) - MILANO, 22 OTT - Oggi in Lombardia si vota per il referendum sull'autonomia. Seggi aperti dalle 7 alle 23 per la prima consultazione elettronica in Italia: la scheda cartacea è infatti sostituita da tablet sul quale si può votare sì, no o scheda bianca. Nel quesito si chiede all'elettore se è favorevole all'avvio di una trattativa con il governo per trasferire alla Lombardia le 20 competenze concorrenti e le tre negoziabili previste dalla Costituzione e le relative risorse. In Lombardia non è previsto un quorum.

09:18Referendum autonomia, seggi aperti in Veneto

(ANSA) - VENEZIA, 22 OTT - Apertura regolare alle 7 dei seggi per il referendum consultivo sull'autonomia del Veneto. Il governatore Luca Zaia ha votato appena aperto il seggio nella scuola a San Vendemiano (Treviso). Sono oltre quattro milioni gli aventi diritto di voto in Veneto. Sulla scheda il quesito è "vuoi che alla regione del Veneto siano attribuite ulteriori forme e condizioni particolari di autonomia?". Il referendum consultivo veneto prevede un quorum del 50% più uno degli aventi diritto al voto. Le urne resteranno aperte fino alle 23.

08:06Uragani: cinque ex presidenti Usa insieme per raccolta fondi

(ANSA) - WASHINGTON, 22 OTT - Cinque ex presidenti insieme per chiedere agli americani di fare donazioni per le vittime degli uragani che nelle ultime settimane hanno colpito Texas, Florida, Puerto Rico e le Isole Vergini. Jimmy Carter, Bill Clinton, Barack Obama, Bush padre e figlio sono comparsi al concerto di beneficienza al campus della Texas A&M University di Austin, dove ha fatto una apparizione a sorpresa anche Lady Gaga. Tutti hanno fatto brevi dichiarazioni, tranne il 93/enne George W. Bush, che soffre di una forma di Parkinson ed era su una sedia a rotelle. Nessuno ha fatto riferimenti a Donald Trump. Finora la raccolta fondi tramite l'iniziativa One America appeal for hurricane relief ha raggiunto i 31 milioni di dollari, con donazioni da oltre 80 mila persone.

08:01Corea Nord: ex presidente Carter disposto andare a Pyongyang

(ANSA) - ROMA, 22 OTT - L'ex presidente americano Jimmy Carter, 93 anni, si é detto disposto ad andare in missione diplomatica in Corea del Nord per conto del presidente Donald Trump in un momento di crescenti tensioni tra i due Paesi sulla questione delle armi nucleari. "Sì, io ci andrei", ha detto Carter alla giornalista Maureen Dowd del New York Times - riporta Fox News - rispondendo a una domanda su una sua eventuale disponibilità a recarsi a Pyongyang in missione diplomatica. Carter, che in passato ha già incontrato i leader nordcoreani, ha ammesso di essere "spaventato" dalla "situazione" attuale: "Non so cosa faranno", ha commentato, "perche' vogliono salvare il loro regime. E noi sovrastimiamo notevolmente l'influenza della Cina sulla Corea del Nord. In particolare su Kim Jong-un, che per quanto ne so non é mai stato in Cina". Carter ha poi definito Kim "imprevedibile".

01:37Razzismo:Sarri,noi non tutelati quando ci gridano ‘terroni’

(ANSA) - ROMA, 21 OTT - ''Ci sono forme di razzismo che vengono tutelate e a noi, quando ci gridano 'terroni' oppure 'Vesuvio lavali col fuoco' non ci viene concessa la stessa tutela: questo mi fa arrabbiare''. Il tecnico del Napoli Maurizio Sarri risponde così ad una domanda sulla sua protesta nei confronti dell'arbitro Irrati nel corso del match del san Paolo contro l'Inter.

00:45F1: Usa, Hamilton in pole, seconda Ferrari Vettel

(ANSA) - ROMA, 21 OTT - La Mercedes di Lewis Hamilton ha conquistato la pole position del Gran Premio degli Stati Uniti. Sulla pista di Austin in Texas, il leader del Mondiale ha preceduto la Ferrari di Sebastian Vettel e il compagno di scuderia Valtteri Bottas. Quinta l'altra Ferrari di Kimi Raikkonen. Quarta posizione per la Red Bull di Daniel Ricciardo (stesso tempo di Raikkonen ma stabilito prima), mentre sesto tempo per il compagno di scuderia Max Verstappen che dovrà scontare una penalità di 15 posizioni in griglia per aver sostituito la Power Unit. Settimo crono per la Force India di Ocon davanti alla Renault di Sainz ed alla McLaren di Alonso. Decima l'altra Force India di Perez davanti alla Williams di Massa.

Archivio Ultima ora