Coppa Italia: l’Inter sfiora l’impresa, Juve in finale

Pubblicato il 02 marzo 2016 da redazione

Inter's Ivan Perisic (L) scores the goal during the Italy Cup second leg semifinal soccer match Inter FC vs Juventus FC at Giuseppe Meazza stadium in Milan, Italy, 02 March 2016. ANSA/DANIEL DAL ZENNARO

Inter’s Ivan Perisic (L) scores the goal during the Italy Cup second leg semifinal soccer match Inter FC vs Juventus FC at Giuseppe Meazza stadium in Milan, Italy, 02 March 2016.
ANSA/DANIEL DAL ZENNARO

MILANO. – Una grande Inter in Coppa Italia sfiora l’impresa e si arrende alla Juventus soltanto ai rigori: saranno i bianconeri ad affrontare il Milan nella finalissima di Roma. La squadra di Mancini, dopo una partita di cuore e di sostanza, rimonta i tre gol dell’andata nei tempi regolamentari. Tuttavia non la spunta nell’overtime ed è costretta ad affidarsi alla lotteria dal dischetto. Punteggio pieno per la Juve mentre Palacio sbaglia il penalty decisivo e condanna la sua squadra.

Nel calcio tutto o quasi può succedere e la partita ne è la dimostrazione. A distanza di tre giorni dalla sfida di campionato, le prestazioni delle due squadre sono ribaltate. L’Inter gioca meglio e si impone con grande personalità, segna ben tre reti che portano la firma di Brozovic (doppietta con un gol su rigore) e Perisic. Mancini può essere contento, la verifica sarà domenica in campionato contro il Palermo ma forse la crisi è meno acuta del previsto.

Allegri, invece, ha qualche motivo di preoccupazione: giocatori stanchi, svogliati, preda dell’avversario almeno per 90′. Il tecnico bianconero in vista del campionato e della Champions dovrà serrare i ranghi e mostrare ben altra grinta.

L’Inter scende in campo energica e tonica e subito lascia capire che potrebbe essere la serata del colpaccio. Le critiche hanno avuto l’effetto di una scossa. La Juventus, al contrario sbaglia con ingenuità anche i passaggi più semplici e non impensierisce quasi mai Carrizo. Mancini sceglie il 4-3-3 con il tridente Perisic-Eder-Ljajic, escludendo Icardi. Una scelta vincente. Allegri, forte del 3-0 dell’andata, fa ampio turnover ma la squadra scende in campo con troppa leggerezza.

L’Inter è grintosa, costruisce subito molte occasioni. La Juventus è contratta, lascia campo ai padroni di casa. Al 16′ si sblocca la partita, errore di Hernanes sulla trequarti, viziato da un fallo, Medel intercetta e verticalizza per Brozovic, tiro angolato e Neto battuto. La rete dell’Inter risveglia in parte i bianconeri ma i nerazzurri coprono bene e credono nella rimonta. Al 25′ è Rugani a sbagliare, azzardando un passaggio centrale intercettato da Eder che serve Ljajic, tiro a giro che si infrange sulla traversa.

L’ennesima leggerezza in impostazione, costringe Bonucci ad un intervento per fermare Eder. Fallo inequivocabile e il difensore, diffidato, salterà la finale. Il 2-0 arriva ad inizio ripresa: progressione palla al piede di Eder sulla fascia destra, cross al centro per Perisic che lasciato solo appoggia in rete.

La partita si avvia verso una clamorosa rimonta, l’Inter accarezza il sogno dell’impresa, la Juve è sbigottita. Zaza al 9′ ha tra i piedi l’occasione per la qualificazione ma il suo tiro si infrange sul palo. Una clamorosa occasione sprecata. Al 28′ D’Ambrosio di testa sfiora il 3-0 su punizione. La Juventus soffre, non riesce a uscire dalla sua metà campo. Al 36′ l’episodio chiave: Perisic un mattatore nel secondo tempo, supera Rugani che lo atterra in area.

Rigore realizzato da Brozovic e l’Inter che raggiunge l’impresa. Buffon è perplesso in panchina. Al 44′ altra occasione per Perisic che trovato da Palacio, entrato al posto di Ljajic, impegna Neto. I nervi si accendono con uno scontro tra Cuadrado e Perisic ma l’arbitro estrae per entrambi il cartellino giallo ritrovando la calma e si va ai supplementari.

Nel primo overtime è sempre Perisic la spina nel fianco dei bianconeri: Biabiany crossa al centro e il serbo colpisce di testa impegnando Neto. All’11’ ancora Zaza ha l’occasione di segnare, l’attaccante supera D’Ambrosio poi calcia a lato. Ma la Juve finalmente rialza la testa. Nel secondo tempo supplementare su calcio d’angolo di Lemina, Pogba prova la magia al volo di sinistro ma non trova la porta. Le squadre stanchissime, crampi per Eder e Rugani, con Santon che dopo un entrata dura su Pogba è costretto a lasciare il campo per Manaj. Nell’ultimo minuto di partita Morata ha una doppia occasione per scongiurare i rigori ma Carrizo si oppone.

Ultimo brivido e poi la lotteria dei rigori. Segnano Barzagli, Zaza, Morata, Pogba e Bonucci. L’Inter risponde con Brozovic che va a segno, Palacio che spedisce sulla traversa, Manaj e Nagatomo. Uno smacco per i nerazzurri che avrebbero meritato di andare in finale almeno per quello che hanno fatto vedere. Applausi meritati, in una stagione dove pesa anche la sfortuna.

Ultima ora

14:02Olanda: parte terzo governo Rutte, prima volta quadripartito

(ANSA) - BRUXELLES, 23 OTT - Aumentano le poltrone, calano le donne e la diversità nella nuova compagine ministeriale presentata dal premier Marke Rutte per il suo terzo governo, il primo 'quadripartito' nella storia d'Olanda. Con 16 ministri e 8 segretari di stato sono complessivamente 24 i membri che oggi hanno prestato giuramento: 14 uomini e 10 donne. Rutte ha creato tre vicepremier: Kajsa Ollongren (D66) ha anche la responsabilità degli interni, Hugo de Jonge (Cda) ha quella per la cura degli anziani nel Ministero della Salute, Carola Schouten (Cu) quella per l'agricoltura in un nuovo dicastero creato alla bisogna. Alle Finanze ha insediato il quarantaduenne Wopke Hoekstra (Cda), fino ad oggi partner di McKinsey&C ed ex manager con Shell. Agli esteri il premier ha piazzato uno dei 'duri' del Vvd: Halbe Zijlstra, 48 anni, parlamentare dal 2006. La Difesa, da cui si è dimessa Jeanine Hennis-Plasschaert che negli ultimi giorni ha respinto la proposta di riconferma, è andata a Ank Bijleveld (parlamentare Cda dal 1989).

13:49Israele: ‘no indagini premier in carica’, infuria dibattito

(ANSAmed) - TEL AVIV, 23 OTT - Un progetto di legge su cui stanno lavorando deputati del Likud, che mira ad impedire lo svolgimento di indagini di polizia nei confronti di un premier in carica, è al centro oggi di forti polemiche nell'opinione pubblica e desta anche contrasti nelle istituzioni. Secondo il Likud questa legge favorira' la stabilità istituzionale visto che negli ultimi due decenni tutti i primi ministri - Ehud Barak, Ariel Sharon, Ehud Olmert, e adesso Benyamin Netanyahu - sono stati oggetto di indagini della polizia, cosa che li ha necessariamente distratti da incombenze piu' impellenti. Ma oggi il Consigliere legale del governo Avichay Mendelblit ha replicato che una legge così sarebbe "inaccettabile", in quanto "colpisce in maniera severa lo Stato di Diritto e la fiducia del pubblico nella eguaglianza dei cittadini di fronte alla legge". Sulla stampa quella che viene adesso bollata come "la Legge Bibi" e' oggetto di aspre critiche. "Non c'e' più vergogna" esclama il diffuso Yediot Ahronot.

13:49Referendum: Zaia, io premier? Resto in Veneto

(ANSA) - VENEZIA, 23 OTT - "Cacciari fa ancora dichiarazioni? Non esiste, soprattutto davanti a un voto come questo bisogna stare qui in Veneto e fare presidio". Lo dice il governatore del Veneto Luca Zaia commentando le dichiarazioni del filosofo veneziano che lo indica come futuro premier.

13:39Cacciatore uccide per errore fungaiolo nel savonese

(ANSA) - BARDINETO (SAVONA), 23 OTT - Un uomo di 59 anni, Roberto Viale, di Diano Marina (Imperia) è stato ucciso per errore da un cacciatore mentre cercava funghi nei boschi di Bardineto (Savona) insieme alla fidanzata. Secondo quanto ricostruito dai carabinieri il cacciatore, Luigi Maule, 25 anni, avrebbe esploso un colpo contro un cinghiale, mancandolo: il proiettile ha invece raggiunto in pieno petto Viale, a circa 70 metri di distanza. La compagna dell'uomo ha immediatamente gridato per dare l'allarme, ed è stato lo stesso cacciatore il primo a raggiungere il ferito e a tentare, inutilmente, di tamponare il sangue. Il proiettile ha raggiunto gli organi vitali ed i soccorritori giunti poco dopo sul posto non hanno potuto fare altro che constatare il decesso. Il cacciatore ora è indagato per omicidio colposo. Secondo i primi rilievi dei militari si tratterebbe di una tragica fatalità: la vittima si trovava a grande distanza e non era visibile dal punto in cui è stato esploso il colpo.

13:34Calcio: serie B, Sacchi arbitra Cittadella-Venezia

(ANSA) - ROMA, 23 OTT - Questi gli arbitri designati per le partite dell'undicesima giornata di Serie B in programma domani martedì 24 ottobre alle ore 20.30. Ascoli-Spezia: Balice; Avellino-Pro Vercelli: Rapuano; Brescia-Bari (stasera ore 20.30): Pinzani; Carpi-Palermo: Di Paolo; Cittadella-Venezia: Sacchi; Empoli-Pescara: La Penna; Entella-Cremonese: Baroni; Foggia-Parma: Piccinini; Frosinone-Ternana: Giua; Novara-Salernitana: Ghersini; Perugia-Cesena: Fourneau.

13:27Calcio: Benevento, la delusione dei tifosi

(ANSA) - BENEVENTO, 23 OTT - "Dalle stelle alle stalle". E' il commento più diffuso tra i tifosi del Benevento all'indomani della nona sconfitta consecutiva della squadra, ancora a quota zero in classifica. "Non siamo la 'Cenerentola' del campionato - dice un tifoso - ma la 'Bella addormentata'". Opinione diffusa tra i sostenitori del club sannita è che i calciatori in campo non fanno gruppo, dimostrano di non avere attaccamento per la maglia e non sono dei veri lottatori come i "gladiatori Sanniti" della storia. I tifosi del Benevento criticano duramente la dirigenza della società, i calciatori ed anche l'allenatore Marco Baroni. "Se a giugno siamo balzati agli onori della cronaca nazionale per la scalata del Benevento dalla Lega Pro alla serie A in due anni - dice un esponente del tifo organizzato - oggi siamo la barzelletta in Europa". In queste ore il presidente Oreste Vigorito starebbe vagliando l'ipotesi di sostituire l'allenatore, forse già prima della sfida di mercoledì contro il Cagliari.

13:23Referendum: Salvini, nessun problema a linea Lega

(ANSA) - ROMA, 23 OTT - "Gli alleati del centrodestra sappiano che il tema posto dai referendum diventa centrale". Lo ha detto il segretario della Lega Nord, Matteo Salvini, nella conferenza stampa in via Bellerio. "Quelli che dicevano che la linea nazionale della Lega avrebbe trovato problemi al Nord non hanno capito un accidente. Richieste di autonomia hanno convinto 5,5 milioni persone a votare, e Maroni e Zaia avranno mandato pieno mandato a trattare", ha aggiunto.

Archivio Ultima ora