Super Tuesday a Hillary e Trump. Scende in campo Romney

Pubblicato il 02 marzo 2016 da redazione

(FILE) A file photo dated 15 March 2013 of former presidential candidate and Governor Mitt Romney waving at the 40th Annual Conservative Political Action Conference (CPAC) at the Gaylord National Resort & Convention Center in National Harbor, Maryland, USA. Media reports on 30 January 2015 state that Republican Mitt Romney - who was defeated by US President Obama in the 2012 presidential elections - will not run again for President in 2016.  ANSA/SHAWN THEW

(FILE) A file photo dated 15 March 2013 of former presidential candidate and Governor Mitt Romney waving at the 40th Annual Conservative Political Action Conference (CPAC) at the Gaylord National Resort & Convention Center in National Harbor, Maryland, USA. Media reports on 30 January 2015 state that Republican Mitt Romney – who was defeated by US President Obama in the 2012 presidential elections – will not run again for President in 2016. ANSA/SHAWN THEW

NEW YORK. – La matematica dice che la partita non è ancora chiusa, né a destra né a sinistra. Ma il Super Tuesday consegna un quadro chiarissimo: la corsa per la Casa Bianca è sempre più una corsa a due. Donald Trump da una parte, Hillary Clinton dall’altra. Se le primarie del 15 marzo in stati-chiave come la Florida e l’Ohio finiranno a loro favore, come promettono i sondaggi, i giochi saranno probabilmente fatti.

Per i loro avversari, nel supermartedì in cui si votava in 12 stati, non c’è stato molto da fare. I due frontrunner hanno conquistato 7 stati ciascuno, e incrementato in maniera consistente il numero di delegati, quelli che poi li voteranno nelle convention repubblicana e democratica di fine luglio. Sui due fronti gli unici che tentano disperatamente di resistere sono Ted Cruz e Bernie Sanders.

Il senatore ultraconservatore ed ex beniamino dei Tea Party anti-tasse è riuscito a strappare altri due stati oltre al suo Texas, accreditandosi almeno per una notte come il vero anti-Trump. Complice la debacle di Marco Rubio, che getta l’establishment repubblicano nello sconforto più totale. Tanto che il partito potrebbe giocare la carta della disperazione: la discesa in campo di Mitt Romney. Sarà il tempo a dire se si tratti di fantapolitica o meno.

Intanto l’ex candidato che nel 2012 fu sconfitto da Barack Obama scenderà nelle prossime ore in campagna elettorale con un intervento all’università dello Utah. Intervento che – assicurano i ben informati – avrà un unico obiettivo: screditare il tycoon newyorchese, metterlo il più possibile in cattiva luce.

Una missione che Rubio ha fallito. Sul giovane senatore di origini cubane puntavano i vertici del partito, sperando nel miracolo. Ma il miracolo non c’è stato, e ora Rubio dovrà tentare il tutto per tutto il 15 marzo nel suo stato, la Florida. Ma l’impresa appare al momento quasi impossibile, visto che i sondaggi non lo danno favorito. Ecco allora che la maggior parte dei commentatori politici lo dà ormai a fine corsa. Come è imminente l’addio dell’ex chirurgo Ben Carson, che lascia in dote un pacchetto di voti che potrebbero diventare determinanti per la nomination repubblicana.

Il conteggio dei delegati, comunque, lascia ancora la porta aperta a sorprese: Trump ha vinto infatti il Super Tuesday conquistando sette stati, ma la strada verso la nomination è ancora lunga. Dall’inizio delle operazioni di voto il tycoon ha conquistato il 46% dei delegati a disposizione e per assicurarsi la nomination ha bisogno di vincere il 52% dei restanti delegati in palio. Per la nomination repubblicana ne sono infatti necessari 1.237, e Trump per ora ne ha 316, contro i 226 di Cruz e i 106 di Rubio. Insomma, la strada è ancora lunga e non facile.

Anche in campo democratico nulla è ancora definitivamente perduto per Sanders, che è riuscito a imporsi in quattro stati, conquistando le roccaforti dell’elettorato più liberal, tranne il Massachusetts, dove sperava di spuntarla su Hillary. Per lei è stata forse la notte più bella da quando è iniziata la campagna elettorale, perché ha avuto la certezza che gli stati del sud, considerati da sempre feudo dei Clinton, non l’hanno tradita.

Così l’ex first lady punta dritto al bersaglio grosso, Donald Trump: “Questo Paese appartiene a tutti noi, non solo a chi guarda in una direzione, prega in una direzione o pensa in una direzione”. Fiuta la vittoria finale, anche se lei per prima mette in guardia la sua campagna a non abbassare la guardia. Commettere lo stesso errore di sottovalutazione fatto dal partito repubblicano nei confronti di Trump sarebbe fatale.

(di Ugo Caltagirone/ANSA)

Ultima ora

11:35L. elettorale: Prodi, anche sistema tedesco dà instabilità

(ANSA) - MILANO, 23 MAG - "Io sono per l'uninominale, cioè il maggioritario": l'ex presidente del Consiglio Romano Prodi è tornato a ripeterlo a un seminario sulla Belt and Road Initiative organizzato dalla fondazione Italia Cina e dallo studio legale Dentons. "È inutile che ogni giorno mi chiediate se cambio parere. Il proporzionale - ha aggiunto - e tutto quello che gli assomiglia, compreso il sistema tedesco, dà instabilità al Paese e io voglio un Paese stabile".

11:30Basket: Nba, Golden State vince a Ovest e vola in finale

(ANSA) - ROMA, 23 MAG - I Golden State Warriors si aggiudicano la Western Conference con un 4-0 nella serie di finale contro i San Antonio Spurs. Curry e compagni si sono imposti in Texas per 129-115, senza lasciare anche stavolta nemmeno un match agli avversari: la stessa sorte, infatti, era già toccata ai Portland Trail Blazers e agli Utah Jazz. Un 12-0 nei playoff Nba senza precedenti. Golden State accede dunque alla sua terza finale Nba consecutiva, dove potrebbe trovare ancora i Cleveland Cavaliers di LeBron James che, a loro volta, nella finale della Eastern Conference, sono in vantaggio 2-1 nella serie contro i Boston Celtics (stasera gara-4, ma non sarà decisiva). Tra Warriors e Cavaliers sarebbe una sorta di bella, essendosi spartiti i successi delle precedenti due edizioni. In casa Spurs, da segnalare l'omaggio del pubblico tributato a Manu Ginobili, ancora incerto sul suo futuro: per il 39enne argentino potrebbe essere stata l'ultima gara in carriera. Ieri ha messo a segno 15 punti in 32 minuti iniziati da titolare.

11:24Manchester: City e United, vicini alle persone coinvolte

(ANSA) - ROMA, 23 MAG - Il mondo dello sport non manca di far giungere la propria solidarietà per l'attentato di Manchester: in queste ore, soprattutto sui social network, si stanno moltiplicando infatti i messaggi di sostegno ai familiari delle vittime e alla città, inviati anche dall'Italia. Fra i due club calcistici di Manchester, le prime parole sono giunte via Twitter intorno alle 2.20 del mattino dal City: "Con grande tristezza abbiamo appreso dei terribili eventi all'Arena. Tutte le persone coinvolte e tutti i soccorritori della città sono nei nostri cuori". Poco dopo le 8, quindi, si è unito anche lo United: "Siamo profondamente colpiti dai terribili eventi di ieri sera alla Manchester Arena - si legge sempre su Twitter - I nostri pensieri e le nostre preghiere sono per tutti coloro che sono stati coinvolti".

11:10Province: mobilitazione lavoratori, corteo a Torino

(ANSA) - TORINO, 23 MAG - Dietro al gonfalone dell'ente e allo striscione 'Città metropolitana... la riforma che non c'è', è partito il corteo dei lavoratori della Città Metropolitana di Torino. La manifestazione è promossa dai sindacati di categoria nell'ambito della protesta nazionale per denunciare le difficoltà in cui versano le province. La mobilitazione che coinvolge circa 200 persone, è stata indetta per denunciare le difficoltà economiche "dell'ente che mettono a rischio i servizi per i cittadini", ma anche "la precarietà del personale impiegato in questi servizi". Il corteo raggiungerà il centro di Torino, dove è previsto un incontro col prefetto, Renato Saccone, mentre le segreterie regionali dei sindacati incontreranno il presidente dell'Unione Province Piemontesi, Emanuele Ramella. "Chiediamo al Governo di ripristinare i fondi per servizi fondamentali, come manutenzione di strade e scuole, presidio del territorio e occupazione", dice il vicesindaco metropolitano Marco Marocco, che partecipa al corteo.(ANSA).

11:08Francia: 27 feriti in un incendio in una scuola di Rennes

(ANSA) - PARIGI, 23 MAG - Un grave incendio si è sviluppato ieri notte nel residence universitario della scuola di ingegneri Supélec di Rennes: 27 studenti sono rimasti feriti nel sonno, uno di loro sarebbe tra la vita e la morte e diversi in grave stato. Il fuoco sarebbe partito da una stanza del primo piano, riporta il sito di France Bleu. Non si conoscono ancora le cause dell'incendio che si è sviluppato intorno alle 2.30 del mattino: alcuni studenti, per sfuggire alle fiamme, si sono gettati dalle finestre. Sempre secondo la radio più di 70 pompieri sono arrivati sul luogo e 53 studenti sono stati evacuati

11:03Bagnasco, urgenti politiche famiglia, attenzione populismi

(ANSA) - ROMA, 23 MAG - La famiglia non riceve attenzione da parte delle istituzioni. Come i giovani per i quali perdura il "dramma della disoccupazione". "Sono urgenti politiche familiari" e risorse perché "non sostenere la famiglia è suicida". Come pure è responsabilità della politica sostenere il lavoro. Lo ha detto il presidente Cei, card. Angelo Bagnasco, nella Prolusione all'assemblea. "Quante volte abbiamo detto che la cultura oggi disprezza la famiglia e la politica la maltratta! Come se questo nucleo, questo microcosmo, fosse vecchio e superato, e si dovesse viaggiare trionfalmente verso nuove forme". Per Bagnasco occorre poi prestare attenzione ai fenomeni politici che investono l'Europa, come il "marcato populismo, che, mentre afferma di voler semplificare problemi complessi e di promuovere nuove forme di partecipazione, si rivela superficiale nell'analisi come nella proposta, interprete di una democrazia solo apparente. Ma il populismo non può essere snobbato", "se non altro perché raccoglie sentimenti diffusi".

10:56Calcinacci da ponte: riaperto casello A14 Fano

(ANSA) - FANO (PESARO URBINO), 23 MAG - E' stato riaperto il casello autostradale di Fano chiuso ieri mattina perché all'altezza dello svincolo di ingresso all'A14 da un ponte erano caduti calcinacci. La notte scorsa tecnici dell'Anas, di Autostrade per l'Italia e del Comune di Fano, insieme ai vigili del fuoco di Pesaro, hanno effettuato un sopralluogo sul posto per verificare la staticità del cavalcavia, che sorge a ridosso dell'ingresso al casello. E' emerso che la situazione non desta preoccupazione e attorno alle 3 il casello fanese è stato riaperto. In attesa di nuove verifiche è stata comunque chiusa a scopo precauzionale la strada comunale sovrastante. Il Comune di Fano, in una nota, ringrazia ''per la preziosa collaborazione prestata in questa occasione Autostrade per l'Italia, il Comando provinciale dei Vigili del fuoco di Pesaro e l'Anas''.

Archivio Ultima ora