Super Tuesday a Hillary e Trump. Scende in campo Romney

Pubblicato il 02 marzo 2016 da redazione

(FILE) A file photo dated 15 March 2013 of former presidential candidate and Governor Mitt Romney waving at the 40th Annual Conservative Political Action Conference (CPAC) at the Gaylord National Resort & Convention Center in National Harbor, Maryland, USA. Media reports on 30 January 2015 state that Republican Mitt Romney - who was defeated by US President Obama in the 2012 presidential elections - will not run again for President in 2016.  ANSA/SHAWN THEW

(FILE) A file photo dated 15 March 2013 of former presidential candidate and Governor Mitt Romney waving at the 40th Annual Conservative Political Action Conference (CPAC) at the Gaylord National Resort & Convention Center in National Harbor, Maryland, USA. Media reports on 30 January 2015 state that Republican Mitt Romney – who was defeated by US President Obama in the 2012 presidential elections – will not run again for President in 2016. ANSA/SHAWN THEW

NEW YORK. – La matematica dice che la partita non è ancora chiusa, né a destra né a sinistra. Ma il Super Tuesday consegna un quadro chiarissimo: la corsa per la Casa Bianca è sempre più una corsa a due. Donald Trump da una parte, Hillary Clinton dall’altra. Se le primarie del 15 marzo in stati-chiave come la Florida e l’Ohio finiranno a loro favore, come promettono i sondaggi, i giochi saranno probabilmente fatti.

Per i loro avversari, nel supermartedì in cui si votava in 12 stati, non c’è stato molto da fare. I due frontrunner hanno conquistato 7 stati ciascuno, e incrementato in maniera consistente il numero di delegati, quelli che poi li voteranno nelle convention repubblicana e democratica di fine luglio. Sui due fronti gli unici che tentano disperatamente di resistere sono Ted Cruz e Bernie Sanders.

Il senatore ultraconservatore ed ex beniamino dei Tea Party anti-tasse è riuscito a strappare altri due stati oltre al suo Texas, accreditandosi almeno per una notte come il vero anti-Trump. Complice la debacle di Marco Rubio, che getta l’establishment repubblicano nello sconforto più totale. Tanto che il partito potrebbe giocare la carta della disperazione: la discesa in campo di Mitt Romney. Sarà il tempo a dire se si tratti di fantapolitica o meno.

Intanto l’ex candidato che nel 2012 fu sconfitto da Barack Obama scenderà nelle prossime ore in campagna elettorale con un intervento all’università dello Utah. Intervento che – assicurano i ben informati – avrà un unico obiettivo: screditare il tycoon newyorchese, metterlo il più possibile in cattiva luce.

Una missione che Rubio ha fallito. Sul giovane senatore di origini cubane puntavano i vertici del partito, sperando nel miracolo. Ma il miracolo non c’è stato, e ora Rubio dovrà tentare il tutto per tutto il 15 marzo nel suo stato, la Florida. Ma l’impresa appare al momento quasi impossibile, visto che i sondaggi non lo danno favorito. Ecco allora che la maggior parte dei commentatori politici lo dà ormai a fine corsa. Come è imminente l’addio dell’ex chirurgo Ben Carson, che lascia in dote un pacchetto di voti che potrebbero diventare determinanti per la nomination repubblicana.

Il conteggio dei delegati, comunque, lascia ancora la porta aperta a sorprese: Trump ha vinto infatti il Super Tuesday conquistando sette stati, ma la strada verso la nomination è ancora lunga. Dall’inizio delle operazioni di voto il tycoon ha conquistato il 46% dei delegati a disposizione e per assicurarsi la nomination ha bisogno di vincere il 52% dei restanti delegati in palio. Per la nomination repubblicana ne sono infatti necessari 1.237, e Trump per ora ne ha 316, contro i 226 di Cruz e i 106 di Rubio. Insomma, la strada è ancora lunga e non facile.

Anche in campo democratico nulla è ancora definitivamente perduto per Sanders, che è riuscito a imporsi in quattro stati, conquistando le roccaforti dell’elettorato più liberal, tranne il Massachusetts, dove sperava di spuntarla su Hillary. Per lei è stata forse la notte più bella da quando è iniziata la campagna elettorale, perché ha avuto la certezza che gli stati del sud, considerati da sempre feudo dei Clinton, non l’hanno tradita.

Così l’ex first lady punta dritto al bersaglio grosso, Donald Trump: “Questo Paese appartiene a tutti noi, non solo a chi guarda in una direzione, prega in una direzione o pensa in una direzione”. Fiuta la vittoria finale, anche se lei per prima mette in guardia la sua campagna a non abbassare la guardia. Commettere lo stesso errore di sottovalutazione fatto dal partito repubblicano nei confronti di Trump sarebbe fatale.

(di Ugo Caltagirone/ANSA)

Ultima ora

16:32Calcio: Ausilio stoppa voci Messi, “Basta illudere tifosi”

(ANSA) - ROMA, 22 GEN - "Moratti ha detto che Suning sta preparando un grande colpo? Trovare giocatori migliori di quelli che abbiamo non è facile, ma faremo il possibile per costruire un'Inter sempre più competitiva": così il ds dell'Inter, Piero Ausilio che però a 'Premium' stoppa ogni indiscrezione relativa a Leo Messi: "Non parlerei di lui, sarebbe un continuo illudere i tifosi: è vero che la proprietà è solida e ha grandi possibilità e ambizioni, ma ci sono dei parametri imposti dalla Uefa cui dobbiamo sempre tenere conto. Altri arrivi a fine gennaio? Noi pensiamo di avere una squadra a posto: sappiamo dove bisogna migliorare, ma non è possibile farlo nel mercato di gennaio. Quello che dovevamo fare lo abbiamo fatto con Gagliardini. Quindi in entrata nessuna sorpresa, mentre faremo qualcosa in uscita". (ANSA)

16:30Israele: Rivlin invita Trump a Gerusalemme

(ANSAmed) - TEL AVIV, 22 GEN - Il presidente israeliano Reuven Rivlin ha invitato ufficialmente Donald Trump in Israele e a Gerusalemme. In una lettera inviata al neo capo della Casa Bianca, Rivlin si è congratulato a nome degli israeliani con Trump sottolineando che "l'alleanza tra Israele e Usa non è solo basata sull'amicizia, ma è anche incardinata in valori comuni e un lungo attaccamento alla libertà e alla democrazia: pietre fondanti delle nostre due società".

16:28Calcio: Allegri “Juventus ha vinto con rabbia e qualità”

(ANSA) - ROMA, 22 GEN - "C'è stata responsabilità da parte di tutti, ma oltre alla fame e alla rabbia, la squadra ha anche giocato bene tecnicamente". Così il tecnico della Juventus, Massimiliano Allegri dopo il 2-0 sulla Lazio. "Fame e qualità sono entrambe componenti fondamentali per vincere - spiega il tecnico a Premium - specialmente in Champions dove vogliamo fare bene. Il modulo? Mercoledì mattina mi sono svegliato e ho deciso di cambiare. Ho scelto così perché venivamo da una partita non bella a Firenze e oggi c'era la partita giusta per un esperimento del genere. Abbiamo regalato qualche ripartenza alla Lazio e da questo punto di vista bisogna migliorare: se vogliamo fare il salto per vincere il campionato e provarci in Champions, dovremo essere un pochino più spregiudicati. Le critiche nei miei confronti? Non sono mai esagerate, a volte sono giuste e a volte no. Ogni annata, nel calcio, è una storia a sé: non è che prendi i giocatori, li butti dentro e va tutto bene. Ci vuole tempo per assorbire i cambi".

16:25Rigopiano: 24 dispersi,anche senegalese

(ANSA) - PESCARA, 22 GEN - Sale a 24 il numero dei dispersi della tragedia dell'Hotel Rigopiano. All'interno della struttura c'era anche un immigrato senegalese Faye Dame in possesso di un permesso di soggiorno ed era regolarmente assunto. Lo hanno appurato gli investigatori, che confermano anche come l'immigrato fosse nella struttura al momento della tragedia: la sua presenza é stata confermata anche dal direttore dell'hotel Bruno Di Tommaso agli inquirenti.

16:21Pd: Emiliano, se apre Congresso possibile che mi candidi

(ANSA) - ROMA, 22 GEN - "Se qualcuno si prende la briga di aprire il Congresso è possibile che mi candido. Di certo non starò a guardare". Lo afferma il governatore della Puglia Michele Emiliano, ospite di 'Faccia a Faccia', in onda questa sera su La7. Emiliano spiega, inoltre, come anche da segretario del partito terminerebbe il suo mandato da governatore. Cosa ho imparato da segretario regionale? "Che da solo non si va da nessuno parte, mi auguro che questo sia compreso da tutto il Pd".

16:21Calcio: Higuain “noi niente dubbi, fatto la nostra gara”

(ANSA) - ROMA, 22 GEN - "Nessuna risposta, abbiamo fatto la nostra partita, sapevamo che era difficile, ad un orario difficile, contro una squadra che stava facendo bene. Abbiamo fatto di tutto per portarla a casa e per fortuna ci siamo riusciti". Gonzalo Higuain commenta così il successo della Juve in casa con la Lazio e tiene a distanza le critiche subite dai bianconeri dopo il ko con la Fiorentina. "Dubbi? no, a voi era venuto, noi siamo sempre stati convinti delle nostre cose, sapevamo di aver sbagliato - ha aggiunto l'argentino -. Oggi abbiamo trovato la soluzione e l'abbiamo dimostrato". Con un modulo inedito e una squadra tutta all'attacco: "La strada è che se giochiamo con questo modulo dobbiamo lavorare di più. Oggi l'abbiamo fatto e la Lazio non ha fatto nulla e abbiamo dimostrato che possiamo giocare con questo modulo".

16:20Terremoto: Finocchiaro, Gentiloni pronto a riferire

(ANSA) - ROMA, 22 GEN - "Il presidente del Consiglio Paolo Gentiloni è pronto a riferire in Parlamento sulle tragiche vicende di questi giorni". A confermarlo è la ministra per i Rapporti con il Parlamento, Anna Finocchiaro. "Tale disponibilità - aggiunge la ministra - sarà comunicata formalmente a breve ai presidenti di Camera e Senato".

Archivio Ultima ora