Super Tuesday a Hillary e Trump. Scende in campo Romney

Pubblicato il 02 marzo 2016 da redazione

(FILE) A file photo dated 15 March 2013 of former presidential candidate and Governor Mitt Romney waving at the 40th Annual Conservative Political Action Conference (CPAC) at the Gaylord National Resort & Convention Center in National Harbor, Maryland, USA. Media reports on 30 January 2015 state that Republican Mitt Romney - who was defeated by US President Obama in the 2012 presidential elections - will not run again for President in 2016.  ANSA/SHAWN THEW

(FILE) A file photo dated 15 March 2013 of former presidential candidate and Governor Mitt Romney waving at the 40th Annual Conservative Political Action Conference (CPAC) at the Gaylord National Resort & Convention Center in National Harbor, Maryland, USA. Media reports on 30 January 2015 state that Republican Mitt Romney – who was defeated by US President Obama in the 2012 presidential elections – will not run again for President in 2016. ANSA/SHAWN THEW

NEW YORK. – La matematica dice che la partita non è ancora chiusa, né a destra né a sinistra. Ma il Super Tuesday consegna un quadro chiarissimo: la corsa per la Casa Bianca è sempre più una corsa a due. Donald Trump da una parte, Hillary Clinton dall’altra. Se le primarie del 15 marzo in stati-chiave come la Florida e l’Ohio finiranno a loro favore, come promettono i sondaggi, i giochi saranno probabilmente fatti.

Per i loro avversari, nel supermartedì in cui si votava in 12 stati, non c’è stato molto da fare. I due frontrunner hanno conquistato 7 stati ciascuno, e incrementato in maniera consistente il numero di delegati, quelli che poi li voteranno nelle convention repubblicana e democratica di fine luglio. Sui due fronti gli unici che tentano disperatamente di resistere sono Ted Cruz e Bernie Sanders.

Il senatore ultraconservatore ed ex beniamino dei Tea Party anti-tasse è riuscito a strappare altri due stati oltre al suo Texas, accreditandosi almeno per una notte come il vero anti-Trump. Complice la debacle di Marco Rubio, che getta l’establishment repubblicano nello sconforto più totale. Tanto che il partito potrebbe giocare la carta della disperazione: la discesa in campo di Mitt Romney. Sarà il tempo a dire se si tratti di fantapolitica o meno.

Intanto l’ex candidato che nel 2012 fu sconfitto da Barack Obama scenderà nelle prossime ore in campagna elettorale con un intervento all’università dello Utah. Intervento che – assicurano i ben informati – avrà un unico obiettivo: screditare il tycoon newyorchese, metterlo il più possibile in cattiva luce.

Una missione che Rubio ha fallito. Sul giovane senatore di origini cubane puntavano i vertici del partito, sperando nel miracolo. Ma il miracolo non c’è stato, e ora Rubio dovrà tentare il tutto per tutto il 15 marzo nel suo stato, la Florida. Ma l’impresa appare al momento quasi impossibile, visto che i sondaggi non lo danno favorito. Ecco allora che la maggior parte dei commentatori politici lo dà ormai a fine corsa. Come è imminente l’addio dell’ex chirurgo Ben Carson, che lascia in dote un pacchetto di voti che potrebbero diventare determinanti per la nomination repubblicana.

Il conteggio dei delegati, comunque, lascia ancora la porta aperta a sorprese: Trump ha vinto infatti il Super Tuesday conquistando sette stati, ma la strada verso la nomination è ancora lunga. Dall’inizio delle operazioni di voto il tycoon ha conquistato il 46% dei delegati a disposizione e per assicurarsi la nomination ha bisogno di vincere il 52% dei restanti delegati in palio. Per la nomination repubblicana ne sono infatti necessari 1.237, e Trump per ora ne ha 316, contro i 226 di Cruz e i 106 di Rubio. Insomma, la strada è ancora lunga e non facile.

Anche in campo democratico nulla è ancora definitivamente perduto per Sanders, che è riuscito a imporsi in quattro stati, conquistando le roccaforti dell’elettorato più liberal, tranne il Massachusetts, dove sperava di spuntarla su Hillary. Per lei è stata forse la notte più bella da quando è iniziata la campagna elettorale, perché ha avuto la certezza che gli stati del sud, considerati da sempre feudo dei Clinton, non l’hanno tradita.

Così l’ex first lady punta dritto al bersaglio grosso, Donald Trump: “Questo Paese appartiene a tutti noi, non solo a chi guarda in una direzione, prega in una direzione o pensa in una direzione”. Fiuta la vittoria finale, anche se lei per prima mette in guardia la sua campagna a non abbassare la guardia. Commettere lo stesso errore di sottovalutazione fatto dal partito repubblicano nei confronti di Trump sarebbe fatale.

(di Ugo Caltagirone/ANSA)

Ultima ora

01:11Calcio: Foggia-Venezia 2-2

(ANSA) - FOGGIA, 15 DIC - Il Foggia riesce ad acciuffare negli ultimi secondi del recupero il pareggio (2-2) insperato contro un Venezia ben organizzato che aveva mostrato per quasi tutta la partita di poter sovrastare e controllare facilmente gli avversari rossoneri. Una partita che poteva finire tranquillamente con tre o quattro gol di vantaggio per gli uomini di Pippo Inzaghi, ma che e' stata recuperata con la forza della disperazione da un Foggia molto confusionario ma comunque volitivo.

00:34India: Sonia Gandhi lascia presidenza partito Congresso

(ANSA) - NEW DELHI, 15 DIC - Con una cerimonia solenne nella sede del comitato centrale a New Delhi, l'italo-indiana Sonia Gandhi lascerà la presidenza del partito del Congresso trasmettendola al figlio Rahul, designato all'unanimità quale successore. Lo riferisce l'agenzia di stampa Pti. Da tempo la Gandhi aveva avvertito che al compimento del 70/o compleanno avrebbe lasciato le sue responsabilità ai vertici del Congresso ed oggi il portavoce della storica formazione politica, Randeep Surjewala, ha sottolineato che "questo non significa affatto che lei abbandonerà la vita politica attiva". In un tweet Surjewala ha spiegato che "Sonia Gandhi ha abbandonato (dopo 19 anni) la presidenza del partito ma non la politica. La sua benedizione, saggezza e innato impegno nei confronti dell'ideologia del Congresso formeranno sempre la luce che ci orienterà".

00:07L’Spd apre a grande coalizione,sì a colloqui con Merkel

(ANSA) - BERLINO, 15 DIC - I socialdemocratici tedeschi hanno preso la loro decisione: affronteranno i colloqui per una possibile coalizione di governo con Angela Merkel all'inizio di gennaio, e nel giro di due settimane presenteranno i risultati a un congresso straordinario di partito, fissato il 14, per stabilire se sedersi al tavolo dei veri e propri negoziati per una nuova edizione della Grosse Koalition. "Colloqui dall'esito comunque aperto", ha ribadito il leader fresco di conferma, senza rinunciare all'ipotesi di nuove forme di collaborazione. La cancelliera ha apprezzato pubblicamente gli sforzi compiuti da un partito costretto ad una evidente, complicata retromarcia, e ha espresso "grande rispetto" per il percorso decisionale degli alleati-avversari, sottolineando poi però che all'Europa serve una Germania stabile. "Ce lo chiedono tutti", è il monito arrivato dopo il vertice di Bruxelles, a Norimberga, dove era ospite dei cristiano-sociali.

23:58Austria: chiuse trattative. Kurz, c’è accordo governo

(ANSA) - BERLINO, 15 DIC - In Austria, le trattative fra l'Oevp del conservatore Sebastian Kurz e il Fpoe del populista di destra Heinz Christian Strache sono concluse, e i due partiti sono pronti a governare. "C'è un accordo turchese-blu", ha affermato Kurz. "Alle elezioni del 15 ottobre si è deciso per il cambiamento, e insieme vogliamo mettere al sicuro questo cambiamento", ha affermato Kurz, che ha annunciato di voler stabilire un "nuovo stile". "La nuova coalizione si impegna per una politica che risparmia nel sistema, e non a carico della gente", ha continuato il cancelliere designato che ha promesso l'abbassamento delle tasse agli austriaci. A soli 31 anni, sarà lui il cancelliere più giovane della storia del suo Paese e dell'Europa. E questo è l'esito di uno stile politico spregiudicato, con cui il giovanissimo ex ministro degli Esteri ha conquistato la leadership del partito popolare e lo ha portato progressivamente più a destra, strappando il possibile successo elettorale dei populisti di destra del Fpoe.

23:57Gerusalemme: fonti Casa Bianca, Muro parte di Israele

(ANSA) - WASHINGTON, 15 DIC - La Casa Bianca manda segnali per far sapere che vede il Muro occidentale di Gerusalemme (il Muro del pianto) come parte di Israele, alla vigilia della visita del vicepresidente Usa Mike Pence nella regione. Benche' precisino che i confini definitivi della citta' santa devono essere definiti dai negoziati israelo-palestinesi, i dirigenti della Casa Bianca contattati dall'Ap escludono fondamentalmente qualsiasi scenario che non mantenga il controllo di Israele sui luoghi sacri dell'ebraismo.

23:55Basket: Eurolega, Panathinaikos-Milano 80-72

(ANSA) - MILANO, 15 DIC - L'Olimpia ad Atene fa come Penelope ad Itaca: contro il Panathinakos tesse la tela per 15' e si costruisce un vantaggio di 13 punti (37-24), poi la disfa perdendo fluidità in attacco e consistenza in difesa fino al 80-72 che sancisce la quarta sconfitta consecutiva in Eurolega (3-9). Delusione e rimpianti si mischiano alla rabbia per un arbitraggio discusso e discutibile: con la gara in equilibrio a metà del terzo periodo viene fischiato un fallo tecnico per una simulazione molto dubbia a Theodore che costa al playmaker l'espulsione. In quel momento il Panathinaikos piazza un parziale di 7-0 che spacca in due l'incontro. Le triple di Rivers (20 punti, 6/9 da 3) e Lojeski (14, 2/4 dall'arco) e il predomino a rimbalzo di Gost (11 e 7) fanno il resto, lasciando l'AX Milano con il cerino in mano e con tanto amaro in bocca.

22:21Savoia: spoglie regina Elena tornano in Italia dopo 65 anni

(ANSA) - MONDOVI' (CUNEO), 15 DIC - Torna in Italia la salma della regina Elena di Savoia. Le spoglie della moglie di Vittorio Emanuele III, penultima Regina d'Italia, sono state trasferite oggi da Montpellier, dove è morta nel 1952 a 79 anni, al Santuario di Vicoforte, vicino a Mondovì, nel Cuneese. A darne notizia è stata la nipote Maria Gabriella di Savoia, che esprime "profonda gratitudine" al presidente Sergio Mattarella, "che fattivamente propiziò la traslazione della salma". Il trasferimento è avvenuto in gran segreto. Il Santuario già nelle intenzioni del duca Carlo Emanuele I di Savoia, a inizio Seicento, doveva diventare il mausoleo della Casa reale. Non è escluso che nelle prossime settimane qui vengano traslate anche le spoglie di Vittorio Emanuele III, morto in esilio il 28 dicembre di settant'anni fa ad Alessandria d'Egitto, dove è tuttora sepolto. "Confido che il ritorno in Patria della Salma di Elena, concorra alla composizione della memoria nazionale", è l'auspicio di Maria Gabriella.(ANSA).

Archivio Ultima ora