Terrorismo: Italia esposta al rischio di azioni eclatanti

Pubblicato il 02 marzo 2016 da redazione

italia

ROMA. – Dopo gli attentati di Parigi dello scorso 13 novembre, è alto il rischio di nuove azioni “eclatanti” in Europa. E l’Italia – anche per il Giubileo in corso – è sempre più esposta alla minaccia jihadista. Che potrebbe essere portata anche da terroristi infiltrati tra i flussi migratori lungo la rotta balcanica.

Per prevenire il pericolo terrorismo e bloccare i trafficanti di uomini “fondamentale” è anche la stabilizzazione della Libia. Questo il quadro fornito dalla relazione annuale consegnata dai servizi d’intelligence al Parlamento. Il documento prende in considerazione anche gli altri pericoli per la sicurezza nazionale: dall’eversione interna, anarchici e brigatisti in prima fila, alla criminalità organizzata, al cyber, al sistema economico ed all’approvvigionamento energetico.

RISCHIO ATTACCHI ECLATANTI IN EUROPA – Parigi, evidenzia la relazione, “ha verosimilmente inaugurato una strategia di attacco all’Occidente destinata a consolidarsi”. E’ dunque “da ritenere elevato il rischio di nuove azioni in territorio europeo” e potrebbero essere “attacchi eclatanti” sullo stile di quelli francesi. Potenziali autori sia emissari dello Stato Islamico inviati ad hoc, inclusi foreign fighters addestrati in teatri di guerra, che militanti già presenti e integrati-mimetizzati in Europa.

Un “ulteriore elemento di pericolo” arriva poi dal rischio emulazione degli attentati francesi, portati avanti contro ‘soft target’ per i quali “è impensabile poter assicurare la protezione fisica”. La minaccia così delineata, ammettono i servizi, “che può concretizzarsi per mano di un novero diversificato di attori, rende il ‘rischio zero’ oggettivamente impossibile”.

ITALIA SEMPRE PIU’ ESPOSTA A MINACCIA – In questo quadro preoccupante, l’Italia non è risparmiata, anzi. Il Paese, si legge nel documento degli 007, “appare sempre più esposto” alla minaccia terroristica, anche se non sono emersi specifici riscontri su piani terroristici. La propaganda jihadista ha spesso indicato l’Italia come nemico per i suoi rapporti con Usa e Israele e per il suo impegno contro il terrorismo. La maggiore esposizione al rischio emerge anche in relazione al Giubileo e alla possibile attivazione di nuove generazioni di aspiranti ‘mujahidin’ che aderiscono alla campagna promossa dall’Isis.

IN CRESCITA FOREIGN FIGHTERS – A non far dormire sonni tranquilli sono poi i foreign fighters, circa una novantina, ed in costante aumento. Particolarmente critico appare, secondo l’intelligence, “l’auto-reclutamento di elementi giovanissimi, al termine di processi di radicalizzazione spesso consumati in tempi molto rapidi e ad insaputa della stessa cerchia familiare”.

Massima vigilanza, pertanto, è stata riservata al possibile rientro in Italia di soggetti che hanno combattuto nei teatri di guerra, nonché dei cosiddetti ‘pendolari’ in grado di muoversi liberamente nello spazio Schengen perché già residenti sul territorio italiano o i altri Paesi europei.

OCCHIO A FLUSSI MIGRATORI DA BALCANI – Problemi alla sicurezza arrivano inoltre dal massiccio flusso di migranti che preme sull’Italia. Non ci sono riscontri di infiltrazioni terroristiche tra gli arrivi dal Nordafrica, mentre il rischio “si presenta più concreto” lungo la rotta balcanica. Questo perchè la regione è zona di transito privilegiato di foreign fighters (oltre 900 sono partiti da lì per i teatri di guerra), nonchè area di “realtà oltranziste consolidate”.

Che potrebbero diventare “basi logistiche in grado di supportare pianificazioni terroristiche contro Paesi europei, incluso il nostro”. Le investigazioni fanno poi emergere l’attività di gruppi criminali brindisini nel trasferimento di migranti dalle coste della penisola balcanica meridionale verso l’Italia.

TERRORISMO INQUINA MERCATI FINANZIARI – Ed il terrorismo preoccupa anche per la sua dimensione economica. Lo segnala la relazione e lo ha detto anche il ministro dell’Economia, Pier Carlo Padoan. “Siamo di fronte – ha spiegato il ministro – ad una proliferazione della rete internazionale di finanziamento del terrorismo che sta inquinando i sistemi finanziari e i mercati e di conseguenza richiede particolare attenzione”. Il petrolio, ha aggiunto, “è una fonte rilevante di finanziamento per l’Isis, stimata in almeno 100 milioni di dollari annui”.

SISTEMA BANCARIO ITALIANO ESPOSTO – Infine, i servizi hanno segnalato le criticità del sistema bancario: la forte incidenza degli accantonamenti, derivanti dall’esigenza di coprire perdite potenziali per crediti deteriorati; l’ingresso nell’azionariato di soggetti stranieri animati da intenti speculativi ed il contagio, per le banche con un profilo internazionale, derivante da situazioni di instabilità in altri Paesi. La relazione evidenzia inoltre problemi, soprattutto negli istituti medi e piccoli.

(di Massimo Nesticò/ANSA)

Ultima ora

13:53Calcio: Delneri, “Udinese a Bologna ha tutto da guadagnare”

(ANSA) - UDINE, 29 APR - "Non abbiamo niente da perdere, tutto da guadagnare". L'Udinese andrà a Bologna "per giocare la sua partita", chiarisce il tecnico Gigi Delneri nella consueta conferenza stampa della vigilia. Il tecnico si attende di avere "più chiaro l'obiettivo finale" dopo la trasferta del Dall'Ara e la prossima gara in casa con l'Atalanta. "Dobbiamo pensare solo a noi stessi, senza guardare tanto gli altri, per fare più punti possibili - ha aggiunto Delneri - Domani sarà una partita tra due squadre che, per motivi diversi, devono dimostrare ancora qualcosa: il Bologna per superare la loro quota di fine anno e noi per avere speranze di scalare ancora un pochino la classifica". "Noi giocheremo per fare nostra la partita, considerando che il Bologna è una squadra di qualità, da tenere sott'occhio, che vuole dimostrare di valere un'altra classifica, ma che forse in questo momento non ha tanti cambi", ha concluso Delneri.

13:48Brexit. Gentiloni, in gioco anche rilancio Unione

(ANSA) - BRUXELLES, 29 APR - "La sfida non è solo quella di gestire bene il negoziato col Regno Unito, ma quella di rilanciare l'unità nei prossimi mesi. Questo non dipende solo dalla nostra unità, ma anche dalla capacità della Ue di cambiare su alcuni dossier fondamentali per l'Unione. Primo fra tutti quello di una politica economica che accompagni e non deprima la crescita. Ora abbiamo finalmente crescita in tutti i 27 paesi europei, dobbiamo accompagnarla. Secondo, quello di avere una politica migratoria comune". Così Paolo Gentiloni arrivando al vertice sulla Brexit a Bruxelles. "Oggi bisogna ragionevolmente, con spirito non di vendetta, organizzare una separazione" dalla Gran Bretagna, "che avrà una complicazione tecnica-economica straordinaria. In questa complicazione noi difendiamo gli interessi italiani - non ci sono grandi pericoli per l'Italia - difendiamo gli interessi dei nostri cittadini nel Regno Unito, e difendiamo l'unità dell'Unione", ha detto ancora il premier Gentiloni.

13:32Fugge all’alt cc e precipita in dirupo, morto nel Verbano

(ANSA) - VERBANIA, 29 APR - Un 52enne residente a Torino, ma da poco domiciliato a Vogogna (Vco) è morto nella notte precipitando in un dirupo in valle Bognanco. Stava scendendo con lo scooter da Bognanco: aveva in spalla una bicicletta che si sospetta fosse stata rubata. Un carabiniere fuori servizio, che stava rientrando a casa, l'ha incrociato intimandogli l'alt. Per non farsi prendere, l'uomo ha lasciato lo scooter e proseguito la fuga a piedi imboccato una vecchia mulattiera e poi è precipitato nel dirupo. Sul posto per il recupero della salma il Soccorso Alpino di Bognanco e i carabinieri.(ANSA).

13:30Funerali Guazzaloca, tutta Bologna omaggia l’ex sindaco

(ANSA) - BOLOGNA, 29 APR - Così come era riuscito a tenere insieme le tante anime della città da vivo, Giorgio Guazzaloca è stato capace di unirle anche nel giorno dell'ultimo saluto che Bologna gli ha voluto riservare. Destra e sinistra, cattolici e centri sociali, politici di rango e comuni cittadini: in tanti nella cattedrale di San Pietro hanno voluto omaggiare il sindaco di Bologna che, primo e unico, riuscì a rompere nel '99 l'egemonia della sinistra a Palazzo d'Accursio. A stringersi attorno alla moglie Egle e alle figlie Giulia e Grazia c'erano tanti amici e compagni di battaglie politiche, come l'ex presidente della Camera e attuale presidente della commissione Affari esteri del Senato Pier Ferdinando Casini, e il ministro dell'Ambiente Gian Luca Galletti, che nella giunta Guazzaloca fu assessore al Bilancio. In prima fila, oltre al sindaco Virginio Merola e all'ex primo cittadino Walter Vitali, anche Sergio Cofferati, che sconfisse Guazzaloca nel 2004. Le esequie sono state celebrate dall'arcivescovo Matteo Zuppi. (ANSA).

13:22Stamina: reato commesso in Italia, Vannoni resta in carcere

(ANSA) - TORINO, 29 APR - Resta in carcere Davide Vannoni. Lo ha deciso il gip Francesca Christillin, che ha disposto un ordine di custodia cautelare così come richiesto dalla procura di Torino nell'ambito della nuova inchiesta su Stamina. Vannoni era stato fermato tre giorni fa dai carabinieri del Nas nella sua abitazione di Moncalieri. Nell'ordine di custodia cutelare il gip, secondo le prime informazioni, ha sancito che le condotte illecite legate a Stamina sono state commesse parzialmente in Italia. La terapia era stata praticata in una clinica di Tbilisi, in Georgia, che in base a quanto riferito da Vannoni aveva tutte le autorizzazioni necessarie. Gli inquirenti, però, hanno affermato che le attività di reclutamento dei pazienti (una cinquantina in tutto) si svolgevano in Italia. Le autorità georgiane decretarono lo stop a Stamina nel dicembre del 2016.

13:21Valanga uccise campionessa freeride, no responsabilità

(ANSA) - AOSTA, 29 APR - Non è emersa alcuna responsabilità penale per la morte della campionessa mondiale di freeride Estelle Balet, travolta e uccisa a 21 anni da una valanga: lo ha stabilito il pubblico ministero del Canton Vallese che, un anno dopo l'incidente sul versante svizzero del massiccio del Monte Bianco, ha archiviato l'inchiesta aperta per accertare la dinamica dell'accaduto. Considerata un vero e proprio fenomeno dello snowboard in fuoripista, la giovane elvetica aveva scalato in brevissimo tempo le classifiche mondiali fino a conquistare, nel 2015 e nel 2016, il Freeride World Tour. Era morta il 19 aprile del 2016, sotto la cima del Portalet, a 3.300 metri, durante le riprese di uno dei tanti film dedicati alle sue imprese. L'aveva travolta un'enorme slavina lunga un chilometro e larga alcune centinaia di metri, trascinandola in un ripido canale e poi lungo le pendici della montagna. Era stata estratta dalla neve prima dell'arrivo dei soccorsi ma a nulla erano valsi i tentativi di rianimarla.(ANSA).

13:17Calcio: Mourinho, emergenza? Giocherò anch’io…

(ANSA) - ROMA, 29 APR - "Sto lavorando duro in palestra, anch'io potrei essere un'opzione: Mourinho e Tuanzebe contro lo Swansea...". Mostra di non aver perso il buon umore, José Mourinho, nonostante i grossi problemi di formazione per il finale di campionato del suo Manchester United, a partire dal match di domani all'Old Trafford contro i gallesi. Agli infortunati Ibrahimovic, Mata, Pogba, Rojo, Smalling, Jones e Fosu-Mensah, si è aggiunto Fellaini, squalificato per tre giornate dopo i fattacci del derby. Ma il tecnico, in lotta per un posto in Champions e per la vittoria dell'Europa League, non può che sforzarsi di rimanere ottimista. "Mata e Pogba - spiega infatti il portoghese - dovrebbero tornare a disposizione per giovedì (a Vigo contro il Celta, ndr). Ma il problema maggiore - ammette poi - è al centro della difesa". Per questo, quindi, domani avranno una chance i giovani Bailly e Tuanzebe. Così come il rientrante Rooney sarà impiegato a centrocampo, in un reparto dove attualmente gli unici di ruolo sono Herrera e Carrick.

Archivio Ultima ora