Terrorismo: Italia esposta al rischio di azioni eclatanti

Pubblicato il 02 marzo 2016 da redazione

italia

ROMA. – Dopo gli attentati di Parigi dello scorso 13 novembre, è alto il rischio di nuove azioni “eclatanti” in Europa. E l’Italia – anche per il Giubileo in corso – è sempre più esposta alla minaccia jihadista. Che potrebbe essere portata anche da terroristi infiltrati tra i flussi migratori lungo la rotta balcanica.

Per prevenire il pericolo terrorismo e bloccare i trafficanti di uomini “fondamentale” è anche la stabilizzazione della Libia. Questo il quadro fornito dalla relazione annuale consegnata dai servizi d’intelligence al Parlamento. Il documento prende in considerazione anche gli altri pericoli per la sicurezza nazionale: dall’eversione interna, anarchici e brigatisti in prima fila, alla criminalità organizzata, al cyber, al sistema economico ed all’approvvigionamento energetico.

RISCHIO ATTACCHI ECLATANTI IN EUROPA – Parigi, evidenzia la relazione, “ha verosimilmente inaugurato una strategia di attacco all’Occidente destinata a consolidarsi”. E’ dunque “da ritenere elevato il rischio di nuove azioni in territorio europeo” e potrebbero essere “attacchi eclatanti” sullo stile di quelli francesi. Potenziali autori sia emissari dello Stato Islamico inviati ad hoc, inclusi foreign fighters addestrati in teatri di guerra, che militanti già presenti e integrati-mimetizzati in Europa.

Un “ulteriore elemento di pericolo” arriva poi dal rischio emulazione degli attentati francesi, portati avanti contro ‘soft target’ per i quali “è impensabile poter assicurare la protezione fisica”. La minaccia così delineata, ammettono i servizi, “che può concretizzarsi per mano di un novero diversificato di attori, rende il ‘rischio zero’ oggettivamente impossibile”.

ITALIA SEMPRE PIU’ ESPOSTA A MINACCIA – In questo quadro preoccupante, l’Italia non è risparmiata, anzi. Il Paese, si legge nel documento degli 007, “appare sempre più esposto” alla minaccia terroristica, anche se non sono emersi specifici riscontri su piani terroristici. La propaganda jihadista ha spesso indicato l’Italia come nemico per i suoi rapporti con Usa e Israele e per il suo impegno contro il terrorismo. La maggiore esposizione al rischio emerge anche in relazione al Giubileo e alla possibile attivazione di nuove generazioni di aspiranti ‘mujahidin’ che aderiscono alla campagna promossa dall’Isis.

IN CRESCITA FOREIGN FIGHTERS – A non far dormire sonni tranquilli sono poi i foreign fighters, circa una novantina, ed in costante aumento. Particolarmente critico appare, secondo l’intelligence, “l’auto-reclutamento di elementi giovanissimi, al termine di processi di radicalizzazione spesso consumati in tempi molto rapidi e ad insaputa della stessa cerchia familiare”.

Massima vigilanza, pertanto, è stata riservata al possibile rientro in Italia di soggetti che hanno combattuto nei teatri di guerra, nonché dei cosiddetti ‘pendolari’ in grado di muoversi liberamente nello spazio Schengen perché già residenti sul territorio italiano o i altri Paesi europei.

OCCHIO A FLUSSI MIGRATORI DA BALCANI – Problemi alla sicurezza arrivano inoltre dal massiccio flusso di migranti che preme sull’Italia. Non ci sono riscontri di infiltrazioni terroristiche tra gli arrivi dal Nordafrica, mentre il rischio “si presenta più concreto” lungo la rotta balcanica. Questo perchè la regione è zona di transito privilegiato di foreign fighters (oltre 900 sono partiti da lì per i teatri di guerra), nonchè area di “realtà oltranziste consolidate”.

Che potrebbero diventare “basi logistiche in grado di supportare pianificazioni terroristiche contro Paesi europei, incluso il nostro”. Le investigazioni fanno poi emergere l’attività di gruppi criminali brindisini nel trasferimento di migranti dalle coste della penisola balcanica meridionale verso l’Italia.

TERRORISMO INQUINA MERCATI FINANZIARI – Ed il terrorismo preoccupa anche per la sua dimensione economica. Lo segnala la relazione e lo ha detto anche il ministro dell’Economia, Pier Carlo Padoan. “Siamo di fronte – ha spiegato il ministro – ad una proliferazione della rete internazionale di finanziamento del terrorismo che sta inquinando i sistemi finanziari e i mercati e di conseguenza richiede particolare attenzione”. Il petrolio, ha aggiunto, “è una fonte rilevante di finanziamento per l’Isis, stimata in almeno 100 milioni di dollari annui”.

SISTEMA BANCARIO ITALIANO ESPOSTO – Infine, i servizi hanno segnalato le criticità del sistema bancario: la forte incidenza degli accantonamenti, derivanti dall’esigenza di coprire perdite potenziali per crediti deteriorati; l’ingresso nell’azionariato di soggetti stranieri animati da intenti speculativi ed il contagio, per le banche con un profilo internazionale, derivante da situazioni di instabilità in altri Paesi. La relazione evidenzia inoltre problemi, soprattutto negli istituti medi e piccoli.

(di Massimo Nesticò/ANSA)

Ultima ora

06:08Gb: suppletive, Labour salva un seggio, ne cede un altro

(ANSA) - LONDRA, 24 FEB - Sospiro di sollievo a metà per il Labour di Jeremy Corbyn, che salva un collegio tradizionale della sinistra britannica nella sfida con il leader euroscettico dell'Ukip, Paul Nuttall, ma ne perde un altro a beneficio di una candidata filo Brexit del Partito Conservatore della premier Theresa May in una doppia elezione suppletiva svoltasi ieri. Entrambi i collegi, lasciati liberi da deputati uscenti laburisti, erano in palio in aree dell'Inghilterra 'profonda' che al referendum di giugno avevano detto sì al divorzio dall'Ue. In quello di Stoke on Trent il candidato corbynista Gareth Snell si è aggiudicato il seggio alla Camera dei Comuni resistendo con un vantaggio di 2500 voti, superiore alle attese, all'assalto diretto di Nuttal, successore di Nigel Farage alla guida dell'Ukip, che mirava a conquistare un secondo scranno di deputato per i suoi. A Copeland, invece, l'opposizione laburista ha perso il seggio - e si tratta d'un fatto storico - a favore della candidata governativa Trudy Harrison.

01:25Calcio: Sousa chiede scusa, ‘sono io maggior responsabile’

(ANSA) - FIRENZE, 23 FEB - "Chiedo scusa a nome di tutto il grippo alla città e ai tifosi, noi lavoriamo non per dare tristezza ma gioia, Adesso siamo tutti tristi. Come dividere le responsabilità? Io sono il leader di questo gruppo quindi sono il maggior responsabile. Questa è una delle giornate più difficili da quando alleno. Esonero? Quando fai questo mestiere devi accettare ogni decisione della società". In conferenza stampa dopo il crollo contro il Borussia, l'allenatore della Fiorentina Paulo Sousa ribadisce la propria delusione e cerca di attenuare la rabbia dei tifosi, oltre che le colpe dei giocatori: "il responsabile sono io", ripete.

01:21Calcio: Corvino, esonero Sousa non è nei piani Fiorentina

(ANSA) - ROMA, 23 FEB - "Sousa rischia? A quest'ora, è quasi mezzanotte, non credo che sia nella mente nostra una considerazione del genere". Lo dice il d.g. della Fiorentina Pantaleo Corvino. E la contestazione del dopo Borussia? "I tifosi e i nostri ragazzi sono amareggiati perché non si aspettavano di uscire da questa coppa con gol tutti da calcio da fermo - risponde Corvino -. La contestazione? Capisco la loro amarezza, sono amareggiati come noi, ma la squadra ce la stava mettendo tutta. È impensabile che dopo un primo tempo come quello di oggi poi esci dalla competizione. Il finale di stagione? I nostri tifosi hanno ottenuto tanto da questo gruppo, questa contestazione è figlia della delusione".

01:18Basket: Eurolega, EA7 Milano-Barcellona 78-83

(ANSA) - ASSAGO (MILANO), 23 FEB - Non bastano le endorfine rilasciate quattro giorni fa con la vittoria della Coppa Italia, il sistema nervoso dell'EA7 Milano va ancora una volta in corto circuito in Eurolega: due settimane fa ad Istanbul aveva gettato al vento la bellezza di 19 punti di vantaggio e con esso le residue possibilità di qualificarsi, questa sera contro il Barcellona ne dilapida 15 prima di inchinarsi 83-78. Roba da studiare sui libri di psichiatria. Una fragilità emotiva che non riesce a spiegarsi nemmeno coach Repesa: "Dovevamo chiuderla ed invece siamo andati giù con un black out molto pesante". Milano sul 45-30 al 17' è in pieno controllo contro una squadra senza motivazioni e ridotta all'osso dagli infortuni: ma l'Olimpia spegne cuore e cervello, subendo un clamoroso parziale di 39-10 che lascia attonito anche Giorgio Armani in parterre. A fare la differenza l'impatto di Tomic sulla gara: domina il solito drammatico Raduljica e fa il vuoto sotto canestro (19 punti e 9 rimbalzi). Un copione già visto.

00:30Calcio: Europa League, Fiorentina eliminata

(ANSA) - FIRENZE, 23 FEB - Incredibile eliminazione della Fiorentina dall'Europa League: i viola si fanno battere 4-2 in casa dal Borussia Moenchengladbach che ribalta lo 0-1 della partita d'andata e accede cosi agli ottavi di finale. I tedeschi colpiscono un palo con Vestergaard al 7' ma al 15' la Fiorentina passa in vantaggio: Bernardeschi recupera palla a metà campo e poi serve Kalinic che batte il portiere Sommer. Il 2-0 arriva al 28' grazie ad un errore di Vestergaard che liscia il pallone nel tentativo di rinviare, facilitando l'intervento di Borja Valero che batte Sommer senza difficoltà. Al 43' inizia la rimonta del Borussia che accorcia le distanze con un rigore di Stindl. Nel primo quarto d'ora della ripresa la Fiorentina sbanda e i tedeschi bussano altre tre volte, due con Stindl - alla fine tripletta per lui - e una con Christensen. Al 67' Ilicic, appena entrato, coglie la traversa su calcio di punizione. Ma e' l'ultimo sussulto, la Fiorentina è fuori.

00:15Brexit: premier evoca referendum unificazione Irlanda

(ANSA) - BRUXELLES, 23 FEB - Il premier irlandese Enda Kenny ha evocato oggi da Bruxelles, seppure in forma ipotetica, un possibile referendum per l'unificazione dell'Irlanda e per l'adesione alla Repubblica di Dublino dell'Irlanda del Nord ora sotto sovranità britannica. Kenny, che ha citato l'esempio del Muro di Berlino, ha ricordato come l'accordo di pace del Venerdì Santo "garantisca questa opportunità" a patto che la maggioranza della popolazione dell'Ulster lo chieda e che l'accordo resta valido - per l'Ue e per il mondo - anche dopo la Brexit. Nel caso di "una situazione come quella emersa quando il muro di Berlino fu buttato giù e la Germania Est fu in grado di unirsi alla Germania Ovest", l'epilogo potrebbe essere "senza distinzioni" anche in Irlanda, ha insistito Kenny, parlando al fianco del presidente della Commissione Ue Jean-Claude Juncker, e dicendosi convinto che "l'accordo del Venerdì Santo debba essere incorporato" in un futuro "accordo sulla Brexit" fra Bruxelles e Londra a titolo di garanzia.

23:37Calcio: Spalletti, Pallotta? Ci sta che vada via +

(ANSA) - ROMA, 23 FEB - "Le parole di Pallotta sui problemi legati alla realizzazione dello stadio a Tor di Valle? E' uno che viene a investire da un altro paese, a migliorarlo, a creare presupposti di crescita. Secondo me c'è anche da aspettarsi che prenda e che vada via. Poi ci si accorgerà dopo di quello che abbiamo perso". Così il tecnico della Roma, Luciano Spalletti, al termine della sfida di Europa League persa dai giallorossi col Villarreal.

Archivio Ultima ora