Terrorismo: Italia esposta al rischio di azioni eclatanti

Pubblicato il 02 marzo 2016 da redazione

italia

ROMA. – Dopo gli attentati di Parigi dello scorso 13 novembre, è alto il rischio di nuove azioni “eclatanti” in Europa. E l’Italia – anche per il Giubileo in corso – è sempre più esposta alla minaccia jihadista. Che potrebbe essere portata anche da terroristi infiltrati tra i flussi migratori lungo la rotta balcanica.

Per prevenire il pericolo terrorismo e bloccare i trafficanti di uomini “fondamentale” è anche la stabilizzazione della Libia. Questo il quadro fornito dalla relazione annuale consegnata dai servizi d’intelligence al Parlamento. Il documento prende in considerazione anche gli altri pericoli per la sicurezza nazionale: dall’eversione interna, anarchici e brigatisti in prima fila, alla criminalità organizzata, al cyber, al sistema economico ed all’approvvigionamento energetico.

RISCHIO ATTACCHI ECLATANTI IN EUROPA – Parigi, evidenzia la relazione, “ha verosimilmente inaugurato una strategia di attacco all’Occidente destinata a consolidarsi”. E’ dunque “da ritenere elevato il rischio di nuove azioni in territorio europeo” e potrebbero essere “attacchi eclatanti” sullo stile di quelli francesi. Potenziali autori sia emissari dello Stato Islamico inviati ad hoc, inclusi foreign fighters addestrati in teatri di guerra, che militanti già presenti e integrati-mimetizzati in Europa.

Un “ulteriore elemento di pericolo” arriva poi dal rischio emulazione degli attentati francesi, portati avanti contro ‘soft target’ per i quali “è impensabile poter assicurare la protezione fisica”. La minaccia così delineata, ammettono i servizi, “che può concretizzarsi per mano di un novero diversificato di attori, rende il ‘rischio zero’ oggettivamente impossibile”.

ITALIA SEMPRE PIU’ ESPOSTA A MINACCIA – In questo quadro preoccupante, l’Italia non è risparmiata, anzi. Il Paese, si legge nel documento degli 007, “appare sempre più esposto” alla minaccia terroristica, anche se non sono emersi specifici riscontri su piani terroristici. La propaganda jihadista ha spesso indicato l’Italia come nemico per i suoi rapporti con Usa e Israele e per il suo impegno contro il terrorismo. La maggiore esposizione al rischio emerge anche in relazione al Giubileo e alla possibile attivazione di nuove generazioni di aspiranti ‘mujahidin’ che aderiscono alla campagna promossa dall’Isis.

IN CRESCITA FOREIGN FIGHTERS – A non far dormire sonni tranquilli sono poi i foreign fighters, circa una novantina, ed in costante aumento. Particolarmente critico appare, secondo l’intelligence, “l’auto-reclutamento di elementi giovanissimi, al termine di processi di radicalizzazione spesso consumati in tempi molto rapidi e ad insaputa della stessa cerchia familiare”.

Massima vigilanza, pertanto, è stata riservata al possibile rientro in Italia di soggetti che hanno combattuto nei teatri di guerra, nonché dei cosiddetti ‘pendolari’ in grado di muoversi liberamente nello spazio Schengen perché già residenti sul territorio italiano o i altri Paesi europei.

OCCHIO A FLUSSI MIGRATORI DA BALCANI – Problemi alla sicurezza arrivano inoltre dal massiccio flusso di migranti che preme sull’Italia. Non ci sono riscontri di infiltrazioni terroristiche tra gli arrivi dal Nordafrica, mentre il rischio “si presenta più concreto” lungo la rotta balcanica. Questo perchè la regione è zona di transito privilegiato di foreign fighters (oltre 900 sono partiti da lì per i teatri di guerra), nonchè area di “realtà oltranziste consolidate”.

Che potrebbero diventare “basi logistiche in grado di supportare pianificazioni terroristiche contro Paesi europei, incluso il nostro”. Le investigazioni fanno poi emergere l’attività di gruppi criminali brindisini nel trasferimento di migranti dalle coste della penisola balcanica meridionale verso l’Italia.

TERRORISMO INQUINA MERCATI FINANZIARI – Ed il terrorismo preoccupa anche per la sua dimensione economica. Lo segnala la relazione e lo ha detto anche il ministro dell’Economia, Pier Carlo Padoan. “Siamo di fronte – ha spiegato il ministro – ad una proliferazione della rete internazionale di finanziamento del terrorismo che sta inquinando i sistemi finanziari e i mercati e di conseguenza richiede particolare attenzione”. Il petrolio, ha aggiunto, “è una fonte rilevante di finanziamento per l’Isis, stimata in almeno 100 milioni di dollari annui”.

SISTEMA BANCARIO ITALIANO ESPOSTO – Infine, i servizi hanno segnalato le criticità del sistema bancario: la forte incidenza degli accantonamenti, derivanti dall’esigenza di coprire perdite potenziali per crediti deteriorati; l’ingresso nell’azionariato di soggetti stranieri animati da intenti speculativi ed il contagio, per le banche con un profilo internazionale, derivante da situazioni di instabilità in altri Paesi. La relazione evidenzia inoltre problemi, soprattutto negli istituti medi e piccoli.

(di Massimo Nesticò/ANSA)

Ultima ora

20:48Ucciso a coltellate in autoporto Trieste

(ANSA) - TRIESTE, 10 DIC - Un uomo è stato ucciso a coltellate durante una rissa nell'autoporto di Fernetti, sull'altopiano carsico, a pochi chilometri da Trieste, a ridosso del confine con la Slovenia. Lo si apprende da fonti del servizio di emergenza sanitaria 118. I sanitari sono intervenuti su richiesta delle forze dell'ordine, ma al loro arrivo l'uomo era già morto.

20:40Università: robot inaugura anno accademico S.Anna Pisa

(ANSA) - PISA, 10 DIC - Per la prima volta un robot ha inaugurato l'anno accademico di un'università. E' accaduto stamani al teatro Verdi di Pisa dove Doro (acronimo di robot domestico), automa progettato dagli allievi della Scuola Sant'Anna, ha concluso la cerimonia inaugurale dell'anno accademico dell'Ateneo pisano. Il robot è entrato sul palcoscenico nel finale porgendo un mazzo di fiori alla presentatrice della giornata, la giornalista del Tg1 Alma Grandin per poi scandire con voce metallica la formula inaugurale del'anno accademico che oggi coincide con il trentesimo compleanno della Scuola pisana di studi universitari superiori.

20:30Calcio: cinquina Bayern Monaco, aggancia Lipsia in vetta

(ANSA) - MONACO, 10 DIC - Il Bayern Monaco ritrova il primato in Bundesliga. La squadra di Carlo Ancelotti ha travolto il Wolfsburg rifilando una cinquina alla squadra della Volkswagen: a segno Robben, Lewandowski (doppietta), Müller (non segnava in campionato da 999 minuti) e Douglas Costa. Grazie alla contemporanea sconfitta (1-0) del Lipsia sul campo dell'altra matricola Ingolstadt, con il team della Red Bull per la prima volta a secco, ora al vertice a quota 33, dopo la 14/a giornata, c'è la coppia formata dai biancorossi bavaresi e dalla squadra della ex Germania Est. L'Hertha Berlino, che oggi ha pareggiato 0-0 con il Werder Brema, è terzo con 28 punti. Avvincente la sfida tra Colonia e Borussia Dortmund, con i gialloneri che hanno pareggiato (1-1) con Reus al 90'.

20:16Mattarella, paese ha bisogno di governo in tempi brevi

(ANSA) - ROMA, 10 DIC - "Nelle prossime ore valuterò quello che emerso da questi colloqui e prenderò le iniziative necessarie per la soluzione della crisi di governo". Lo afferma il presidente della Repubblica Sergio Mattarella. "Il nostro Paese ha bisogno in tempi brevi di un governo nella pienezza delle sue funzioni. Vi sono di fronte a noi adempimenti, impegni, scadenze che vanno affrontati e rispettati. Si tratta di adempimenti e scadenze interni, europee e internazionale", ha aggiunto. "C'è l'esigenza generale - ha proseguito - di una armonizzazione delle due leggi elettorali di Camera e Senato. Questa è condizione indispensabile per le elezioni". Il Presidente si è quindi augurato che "il clima possa articolarsi e svolgersi con un rapporto dialettico, come è necessario, per la nostra democrazia, ma sereno e costruttivo".

20:09Brasile: scampato ad agguato,’per due ore pensato di morire’

(ANSA) - VENEZIA, 10 DIC - "Appena ho visto Roberto al suolo sono stato subito accerchiato e preso in ostaggio. Da quel momento la storia è terribile, fino a quando mi hanno miracolosamente rilasciato, dopo circa due ore mezzo in cui ho pensato di morire". Sono le parole con cui Rino Polato, il turista salvatosi nell'agguato dell'8 dicembre nella Fevelas Prazeres, a Rio de Janeiro, racconta i momenti seguiti alla uccisione dell'amico Roberto Bardella da parte di una banda criminale. "Io e Roberto - spiega dopo il suo rientro in Italia - eravamo rientrati dalla visita al Cristo Redentore a Rio e stavamo uscendo dalla città, verso la costa, quando, seguendo le indicazioni del navigatore, siamo entrati nel quartiere, poi dimostratosi luogo pericolosissimo". "Sono bastati pochi secondi in cui Roberto, davanti a me in moto - aggiunge -, si è introdotto nelle strade del quartiere che, una banda probabilmente di delinquenti comuni ci ha attaccato, forse scambiandoci per poliziotti, facendo fuoco su Roberto".

20:07Pd a Colle, sostegno per soluzione che ritiene opportuna

(ANSA) - ROMA, 10 DIC - "Abbiamo registrato un larghissimo rifiuto da parte delle opposizioni a un governo di responsabilità nazionale e abbiamo assicurato al capo dello Stato tutto il sostegno del Pd alla soluzione della crisi che riterrà più opportuna". Lo afferma Luigi Zanda, capogruppo del Pd al termine delle consultazioni. "L'obiettivo - ha aggiunto - è sempre quello di andare al voto in tempi il piu' rapidi possibile". "Avevamo chiesto un Governo di responsabilità nazionale con l'obiettivo di portare Paese il prima possibile alle elezioni.

20:06Atletica: domani Europei cross a Chia, sfida Turchia-Spagna

(ANSA) - ROMA, 10 DIC - La Sardegna ospita domani a Chia (Cagliari) la 23/a edizione degli Europei di corsa campestre. 498 atleti iscritti in rappresentanza di 33 Paesi, 12 titoli in palio (6 individuali e 6 a squadre). Nella gara senior donne, assente la campionessa uscente Sifan Hassan, tra le 82 iscritte è in pole position Yasemin Can, oro europeo in carica di 5000 e 10.000 metri. Nata in Kenya (Vivian Jemutai all'anagrafe del suo paese), dal 2015 ha acquisito la cittadinanza turca. Proverà a rovinarle la festa una specialista delle corse sui prati come l'irlandese Fionnuala McCormack, già 2 volte oro europeo di cross. Attenzione anche alla spagnola di origine etiope Trihas Gebre. L'azzurra Veronica Inglese ha dovuto rinunciare perché influenzata. Nella gara maschile forfait del campione uscente Ali Kaya, ma la Turchia mette in campo una formazione al top, con il capitano Polat Kemboi, Aras Kaya e Kaan Kigen Ozbilen. La Spagna si affida a Ilias Fifa, mentre per l'Italia Stefano La Rosa sarà all'11/a presenza nella rassegna.

Archivio Ultima ora