Sci: a Sestriere i campionati mondiali dei giornalisti

Pubblicato il 03 marzo 2016 da ansa

(ANSA) – TORINO, 3 MAR – Duecento giornalisti di 32 nazioni in gara sulle montagne di Torino 2006 dal 13 al 20 marzo. E’ il Trofeo Mondiale – 63esimo Meeting dello Scij, lo Ski Club International des Journalistes, associazione cui è affiliato il gruppo dei Giornalisti Italiani Sciatori (Gis), che organizza l’evento con l’Unione dei Comuni Olimpici della Via Lattea. “Tutto è iniziato a Parigi negli anni ’50 – spiega il presidente del Gis, il giornalista Rai Francesco Marino – grazie all’intuizione del francese Gilles de La Rocque. Nel 1955 la prima riunione a Méribel-les-Allues (Francia)”. Da allora il campionato giornalisti ha toccato le piste di mezzo mondo. Non meno antica la storia del Gis, nato nel ’58 ma le cui attività risalgono al ’34. Le avventure della squadra italiana rappresentano una galleria di grandi personaggi e firme storiche del giornalismo. Tra loro Mike Bongiorno, Alfredo Pigna, Jas Gawronski, Rolly Marchi, Italo Kuhne, Gianni Bianco.(ANSA).

I commenti sono chiusi.

Ultima ora

04:38Trump: Wsj, dollaro forte, non possiamo competere con Cina

NEW YORK - Il dollaro e' ''troppo forte'' e lo yuan sta scendendo a picco. Lo afferma Donald Trump in un'intervista al Wall Street Journal, suggerendo che le recenti azioni di Pechino a sostegno della valuta cinese ''sono solo perche' non vogliono farci arrabbiare''. ''Le nostre aziende non possono competere'' con quelle cinesi perche' la nostra valuta e' troppo forte e questo ci sta uccidendo''.

04:31Trump:Wsj, boccia piano tasse repubblicani, troppo complesso

NEW YORK - Donald Trump critica il piano per la revisione della tassazione sulle aziende dei repubblicani, aprendo di fatto un nuovo fronte di scontro con i membri della Camera del suo partito. Trump ritiene le misure proposte ''troppo complicate'' e non in grado di aiutare l'economia. I repubblicani alla Camera propongono di tassare le importazioni esentando allo stesso tempo le esportazioni.

04:26Trump:Nyt,caccia affari in Russia dal 1987,ma senza successo

NEW YORK - Donald Trump ha esplorato la possibilita' di opportunita' d'affari in Russia per anni, dal 1987. E ha presentato le carte per registrare il marchio Trump in Russia nel 1996. Lo riporta il New York Times, sottolineando che i figli del presidente eletto sono stati visti piu' volte a Mosca alla ricerca di joint venture, incontri con esponenti del governo e costruttori. Nel 2013 a visitare Mosca e' stato lo stesso Donald Trump, in occasione della vendita dei diritti per ospitare nel paese Miss Universo.

04:17Istanbul: tutti stranieri i 5 sospetti arrestati col killer

ROMA - Sono tutti stranieri i 5 sospetti - 2 uomini e 3 donne - arrestati ieri sera dall'antiterrorismo turca durante lo stesso blitz che ha portato alla cattura di Abdulkadir Masharipov, accusato di essere il killer che la notte di Capodanno ha ucciso 39 persone al nightclub 'Reina' di Istanbul. Lo riporta la Cnn Turk, secondo cui si tratta di presunti affiliati all'Isis con passaporti di Kirghizistan, Somalia, Egitto e Senegal.

00:53Cnn turca, arrestato killer di Capodanno a Istanbul

(ANSAmed) - ROMA, 16 GEN - Il killer del nightclub 'Reina' a Istanbul, l'uzbeko Abdulkadir Masharipov, è stato arrestato stasera con il figlio di 4 anni nel quartiere di Esenyurt a Istanbul. Lo riferisce la Cnn Turk. Altre 3 persone sono state arrestate stasera dall'antiterrorismo turca. I 3 sospetti sono stati trovati nella stessa abitazione dell'attentatore nel quartiere di Esenyurt, alla periferia europea di Istanbul, durante il blitz che ha portato al suo arresto. Abdulkadir Masharipov si sarebbe nascosto 3 giorni fa nell'abitazione in cui è stato arrestato. Lo riferisce Ntv, secondo cui si tratterebbe di un covo dell'Isis e le 3 persone trovate insieme a lui sarebbero anche loro militanti jihadisti. La polizia turca ha rilasciato una foto in cui si vede il volto del principale sospettato per la strage del Reina con ecchimosi e ferite e macchie di sangue sulla maglietta.

00:36Maradona ‘dopo 30 anni chiedo scusa a mio figlio Diego’

(ANSA) - NAPOLI 16 GENNAIO - 'Chiedo scusa dopo 30 anni a mio figlio Diego. Non ti lascerò mai più''. Così Diego Maradona ha concluso a sorpresa lo spettacolo 'Tre volte dieci', rivolgendosi al figlio avuto dalla napoletana Cristiana Sinagra che sedeva nella platea del San Carlo. Il ragazzo si è alzato ed ha salutato inchinandosi verso il pubblico che applaudiva. Prima, accanto a Alessandro Siani, autore dello show, Maradona aveva detto: 'Auguro che il Napoli vinca tutto quello che deve vincere. So che la gente di Napoli ha bisogno'. Ora devo andare a Dubai, ho tre anni di contratto. Ma ci sono giocatori del Napoli che vogliono che la gente sia felice, quindi sono tranquillo. E il presidente vuole vincere''.

00:11Calcio: Torino-Milan 2-2

(ANSA) - ROMA, 16 GEN - Torino-Milan 2-2 (2-0) nell'ultimo posticipo della 20/a giornata della Serie A. A segno per i granata Belotti (21' pt) e Benassi (26' pt). Per i rossoneri in gol Bertolacci all'11' st (rete convalidata da Tagliavento grazie all'ausilio della gol-line technology) e Bacca su rigore al 15' st. Nel primo tempo Ljajic fallisce un calcio di rigore.

Archivio Ultima ora