Delitto Caccia: riesame, Schirripa pronto a uccidere ancora

(ANSA) – TORINO, 3 MAR – Rocco Schirripa, arrestato a dicembre con l’accusa di avere partecipato nel 1983 all’omicidio del magistrato torinese Bruno Caccia, era pronto a “eliminare” l’uomo che credeva lo stesse incastrando. Lo scrive il tribunale del riesame di Milano nell’ordinanza con cui, anche per questo motivo, ha respinto il suo ricorso. L’indagine è stata caratterizzata da una falsa lettera anonima inviata dagli inquirenti per fare compiere ai sospettati un passo falso. L’ordinanza riporta una conversazione fra Schirripa e Placido Barresi (che per il delitto Caccia fu assolto). “Se lo individuo – dice Barresi riferendosi al fantomatico mittente – è una cosa che mi sbrigo io”. “Tu vedi di individuarlo – replica Schirripa – che poi … non ti preoccupare”. “L’ordinanza non porta elementi nuovi e non convince. Si limita a riprendere le argomentazioni della procura di Milano e dal gip che ha disposto l’arresto. Ricorrerò in Cassazione”. Così Basilio Foti, l’avvocato di Schirripa. (ANSA).

Condividi: