Libia, uccisi 2 ostaggi italiani in un blitz a Sabrata

Pubblicato il 03 marzo 2016 da redazione

libia

ROMA. – Un blitz delle milizie di Sabrata, a ovest di Tripoli, “contro una cellula dell’Isis” – è la loro versione – ha spezzato la vita di Fausto Piano e Salvatore Failla, due dei quattro tecnici della Bonatti rapiti in Libia lo scorso luglio. Gli altri due, Gino Tullicardo e Filippo Calcagno, “sono vivi”, ha detto al Copasir il sottosegretario con delega all’Intelligence Marco Minniti, citando informazioni degli 007 sul terreno.

Ora la priorità è “salvarli”, ha sottolineato il presidente dell’organismo parlamentare, Giacomo Stucchi. Concetto ribadito il direttore del Dis Giampaolo Massolo: “Ci sono altri due da salvare e non bisogna dire cose che possano compromettere le attività che sono in corso”. Le famiglie si sono chiuse nel riserbo e nel dolore, e sperano ancora in un errore nell’identificazione dei cadaveri. Le salme dei due italiani, secondo quanto si è appreso, dovrebbero essere trasferite a Tripoli nelle prossime ore.

La notizia degli scontri tra milizie e jihadisti a sud di Sabrata, nella località di Surman, è iniziata a circolare nella tarda serata di ieri, nelle stesse ore in cui i seguaci di Abu Bakr al Baghdadi tentavano un assalto, respinto, a Ben Guardane, in Tunisia. L’offensiva delle milizie contro l’Isis è iniziata all’indomani dell’assalto dei jihadisti nel cuore di Sabrata, il 24 febbraio: i seguaci di Baghdadi hanno ucciso 19 miliziani, decapitandone 12. Poi sono stati respinti.

L’attacco è arrivato pochi giorni dopo il raid Usa su una base dell’Isis nell’area, oltre 40 le vittime tra le quali Noureddine Chouchane, la presunta mente delle stragi dello scorso anno in Tunisia, al museo del Bardo e sulla spiaggia di Sousse. Ieri notte, poco dopo la mezzanotte italiana, il ‘Media center’ di Sabrata ha pubblicato online un video di circa 30 secondi: nel filmato si mostrano diversi cadaveri in un edificio, presentato come il ‘covo’ dell’Isis che le milizie affermano di aver preso di mira nel raid.

Una voce fuori campo scandisce la conta dei morti, arrivando fino a 14. Ovunque cartoni di latte o più probabilmente yogurt, e almeno un paio di sacchi a pelo di colore rosso, con i quali apparentemente gli occupanti dell’abitazione avevano messo insieme dei giacigli di fortuna. Ore dopo, un testimone libico rientrato in Tunisia da Sabrata ha raccontato che tra le vittime c’erano anche due italiani, “scudi umani” dei jihadisti.

Sono iniziate a circolare le foto delle vittime “occidentali” e dei jihadisti uccisi nel blitz. Questa volta i cadaveri sono all’aperto, uno vicino alle ruote di un fuoristrada. L’inquietante tam tam sulla vicenda è stato squarciato in mattinata dal comunicato della Farnesina: “Relativamente alla diffusione di alcune immagini di vittime di una sparatoria nella regione di Sabrata in Libia, la Farnesina informa che da tali immagini e tuttora in assenza della disponibilità dei corpi, potrebbe trattarsi di due dei quattro italiani, dipendenti della società di costruzioni ‘Bonatti’ e precisamente di Fausto Piano e Salvatore Failla”.

Con il trascorrere delle ore, diversi capi milizia di Sabrata hanno spiegato che non c’è stato alcun blitz contro un covo dell’Isis ma che il gruppo di jihadisti è stato colpito mentre si trovava a bordo di due fuoristrada, un Toyota e un Tundra. Otto i morti, mentre un siriano e una tunisina, moglie di “una delle vittime”, e il figlio di 3 anni, sono stati catturati. Questa tesi è stata confermata da ambienti giudiziari italiani: i due italiani sarebbero stati uccisi “durante un trasferimento”.

Il presidente del Consiglio militare di Sabrata, Taher El-Gharably, ha raccontato all’Ansa che ieri le milizie avevano “inseguito un gruppo dell’Isis che fuggiva dal centro di Sabrata verso la periferia: c’è stato uno scontro a fuoco, intensi scambi di colpi che hanno provocato la morte di alcuni di loro, mentre il resto è fuggito”.

Il responsabile libico ha citato poi la ‘confessione’ della tunisina catturata: la donna, secondo quanto riferito, ha affermato che i quattro tecnici italiani erano “nelle mani dell’Isis”. Gharably ha aggiunto: “Nell’interrogatorio la prigioniera ha confessato che vi sono due italiani in un luogo nella periferia di Sabrata, la ricerca è ancora in corso”. La donna ha poi confermato che prima del blitz i quattro erano stati separati, come anticipato dagli ambienti giudiziari italiani.

(di Claudio Accogli/ANSA)

Ultima ora

13:14Mafia: Minniti, Messina Denaro? Nessuno è imprendibile

(ANSA) - PALERMO, 23 MAG - "Matteo Messina Denaro? Nessuno è imprendibile, quando succederà sarà un bellissimo giorno per la democrazia". Lo ha detto il ministro dell'Interno, Marco Minniti, parlando nell'aula bunker dell'Ucciardone, dove è in corso la cerimonia per l'anniversario della strage di Capaci.

13:13Cei: scelta terna, Bassetti, Brambilla e Montenegro

(ANSA) - ROMA, 23 MAG - I vescovi italiani hanno scelto la terna di nomi da sottoporre al Papa per la scelta del nuovo presidente della Cei: il cardinale di Perugia Gualtiero Bassetti, monsignor Francesco Giulio Brambilla, vescovo di Novara, e il cardinale Francesco Montenegro, vescovo di Agrigento. Ora la parola passa al Papa al quale spetta la nomina del nuovo presidente della Conferenza Episcopale Italiana.

13:05Fluorsid: Pigliaru, pronti a controlli straordinari

(ANSA) - CAGLIARI, 23 MAG - "Sulla base delle indicazioni dei sindaci, anche sulle ansie più diffuse nella popolazione, siamo pronti a procedere con controlli aggiuntivi e straordinari". Lo ha detto il presidente della Regione Sardegna, Francesco Pigliaru, a proposito dei temi legati alla vicenda della Fluorsid di Macchiareddu prima di prendere parte all'incontro a Palazzo Regio con il sindaco della Città Metropolitana, Massimo Zedda, gli assessori ad Ambiente, Sanità e Industria, Donatella Spano, Luigi Arru e Maria Grazia Piras, il direttore generale dell'Arpa, Alessandro Sanna, e i sindaci di Assemini, Elmas e Uta. "Si tratta di circoscrivere il fenomeno e capire dove siamo - ha spiegato il governatore - c'è una materia vigente, noi abbiamo agito dentro le linee tracciate prescritte? Questa è la prima cosa a cui dobbiamo dare una risposta, rendicontare il nostro comportamento rispetto alla materia vigente". In secondo luogo, "ciò che emerge dai controlli fatti, o diciamo e rendiamo così il più possibile trasparenti i dati che abbiamo in mano". Infine, "se la materia vigente ha dimostrato di avere delle falle, ragioniamo sulla possibilità di modificarla". Ieri a Villa Devoto il tavolo tecnico permanente voluto dallo stesso Pigliaru ha lavorato sulle istruttorie condotte da Giunta e struttura regionale sulle attività conosciute, sui sistemi di monitoraggio, di controllo e sulle autorizzazioni. Non solo: sono stati illustrati i procedimenti in corso per la bonifica dei siti industriali ricadenti nell'area Sin (Sito riconosciuto di interesse nazionale in quanto storicamente inquinato), tra cui quello oggetto dell'inchiesta in corso, mentre da parte dell'Ispra, l'ente nazionale competente che fa capo al ministero dell'Ambiente, è arrivata la conferma alla richiesta, fatta dall'assessora Spano, di effettuare un'ispezione suppletiva nelle aree della Fluorsid. (ANSA).

13:03Vino: Brunello e Vernaccia contraffatti, denunciato

(ANSA) - MONTEPULCIANO (SIENA), 23 MAG - Brunello di Montalcino, Chianti Riserva e Vernaccia di San Gimignano contraffatti. La frode, messa in piedi da un produttore di un'azienda agricola di Montepulciano (Siena), è stata scoperta dalla guardia di finanza. L'uomo è stato denunciato per contraffazione, alterazione o uso di marchi e contraffazione di indicazioni geografiche e denominazioni di origine di prodotti agroalimentari. Le indagini, coordinate dal sostituto procuratore di Siena Aldo Natalini, sono partite da una verifica fiscale a carico di un rivenditore di vino locale. Su una partita di 2.500 bottiglie era stata apposta l'etichetta con un marchio di cui i produttori non erano proprietari. Durante le indagini i militari hanno scoperto 51 mila etichette dello stesso tipo e hanno accertato l'avvenuta commercializzazione di altre 30 mila bottiglie di vino. Circa 15 mila bottiglie erano invece state prodotte e commercializzate falsamente etichettate con indicazione geografica e denominazione di origine.

12:59Omicidio Noventa: richiesta parti civili

(ANSA) - PADOVA, 23 MAG - Tre milioni e trecentomila euro a favore della famiglia Noventa, 150mila euro per l'ex marito: Sono le richieste avanzate dalle parti civili a carico dei fratelli Sorgato, Freddy e Debora, ed a Manuela Cacco, imputati nel processo con rito abbreviato per la morte di Isabella Noventa, scomparsa tra il 15 e il 16 gennaio 2016 e che si ritiene sia stata uccisa. "Abbiamo insistito sulla ricostruzione del danno enorme arrecato alla famiglia Noventa. Le richieste sono uguali per tutti e tre gli imputati, 3,3 milioni in solido, perché anche la Cacco ha dimostrato un intensità del dolo rilevante sia nell'omicidio che nello stalking" ha detto l'avvocato Gian Mario Balduin, legale della famiglia Noventa. "Il mio assistito, da marito separato, ha contenuto la richiesta risarcitoria per lasciare spazio alla famiglia. Ancora oggi abbiamo ripetuto l'appello per indicare il luogo in cui è stato sepolto il corpo" ha rilevato l'avv. Ernesto De Toni, legale dell'ex marito di Isabella Noventa Piero Gasperini. (ANSA).

12:59Siria: tv, autobomba nel centro di Homs

(ANSAmed) - BEIRUT, 23 MAG - E' di due morti e alcuni feriti il bilancio dell'attentato con autobomba avvenuto oggi a Homs, nella Siria centrale. Lo riferisce la tv di Stato siriana, che precisa che l'attacco ha preso di mira il quartiere di Zahra, non lontano dalla rotonda di Porta Palmira (Bab Tadmor). La zona è abitata dalla comunità alawita, branca dello sciismo a cui appartengono i clan al potere in Siria da mezzo secolo.

12:46Incendio portale antica chiesa Trani, scoperto responsabile

(ANSA) - TRANI, 23 MAG - E' stato individuato e denunciato dai carabinieri l'uomo che nella notte tra il 13 e il 14 maggio scorsi diede fuoco al portale di una chiesa romanica nel centro storico di Trani, la chiesa di San Giacomo. L'uomo, un 51enne che in precedenza aveva dato fuoco a cassonetti di rifiuti, aveva usato alcuni cartoni cosparsi di liquido infiammabile: è accusato di danneggiamento di un edificio destinato al culto e di interesse storico artistico. Le indagini dei carabinieri sono partite subito dopo la segnalazione delle fiamme, fatta da alcuni passanti e determinante è stata la descrizione del responsabile, un uomo in pantaloncini e bandana blu in testa. L'incendio ha annerito il portone ligneo dell'ingresso della chiesa e danneggiato alcuni mattoni dell'edificio per i quali saranno fatte valutazioni sull'entità del danno. Chiusa alle celebrazioni, ma di recente aperta al pubblico per visite guidate, San Giacomo è stata la prima cattedrale dell'arcidiocesi di Trani realizzata nel 1143 in stile romanico.

Archivio Ultima ora