Libia, uccisi 2 ostaggi italiani in un blitz a Sabrata

Pubblicato il 03 marzo 2016 da redazione

libia

ROMA. – Un blitz delle milizie di Sabrata, a ovest di Tripoli, “contro una cellula dell’Isis” – è la loro versione – ha spezzato la vita di Fausto Piano e Salvatore Failla, due dei quattro tecnici della Bonatti rapiti in Libia lo scorso luglio. Gli altri due, Gino Tullicardo e Filippo Calcagno, “sono vivi”, ha detto al Copasir il sottosegretario con delega all’Intelligence Marco Minniti, citando informazioni degli 007 sul terreno.

Ora la priorità è “salvarli”, ha sottolineato il presidente dell’organismo parlamentare, Giacomo Stucchi. Concetto ribadito il direttore del Dis Giampaolo Massolo: “Ci sono altri due da salvare e non bisogna dire cose che possano compromettere le attività che sono in corso”. Le famiglie si sono chiuse nel riserbo e nel dolore, e sperano ancora in un errore nell’identificazione dei cadaveri. Le salme dei due italiani, secondo quanto si è appreso, dovrebbero essere trasferite a Tripoli nelle prossime ore.

La notizia degli scontri tra milizie e jihadisti a sud di Sabrata, nella località di Surman, è iniziata a circolare nella tarda serata di ieri, nelle stesse ore in cui i seguaci di Abu Bakr al Baghdadi tentavano un assalto, respinto, a Ben Guardane, in Tunisia. L’offensiva delle milizie contro l’Isis è iniziata all’indomani dell’assalto dei jihadisti nel cuore di Sabrata, il 24 febbraio: i seguaci di Baghdadi hanno ucciso 19 miliziani, decapitandone 12. Poi sono stati respinti.

L’attacco è arrivato pochi giorni dopo il raid Usa su una base dell’Isis nell’area, oltre 40 le vittime tra le quali Noureddine Chouchane, la presunta mente delle stragi dello scorso anno in Tunisia, al museo del Bardo e sulla spiaggia di Sousse. Ieri notte, poco dopo la mezzanotte italiana, il ‘Media center’ di Sabrata ha pubblicato online un video di circa 30 secondi: nel filmato si mostrano diversi cadaveri in un edificio, presentato come il ‘covo’ dell’Isis che le milizie affermano di aver preso di mira nel raid.

Una voce fuori campo scandisce la conta dei morti, arrivando fino a 14. Ovunque cartoni di latte o più probabilmente yogurt, e almeno un paio di sacchi a pelo di colore rosso, con i quali apparentemente gli occupanti dell’abitazione avevano messo insieme dei giacigli di fortuna. Ore dopo, un testimone libico rientrato in Tunisia da Sabrata ha raccontato che tra le vittime c’erano anche due italiani, “scudi umani” dei jihadisti.

Sono iniziate a circolare le foto delle vittime “occidentali” e dei jihadisti uccisi nel blitz. Questa volta i cadaveri sono all’aperto, uno vicino alle ruote di un fuoristrada. L’inquietante tam tam sulla vicenda è stato squarciato in mattinata dal comunicato della Farnesina: “Relativamente alla diffusione di alcune immagini di vittime di una sparatoria nella regione di Sabrata in Libia, la Farnesina informa che da tali immagini e tuttora in assenza della disponibilità dei corpi, potrebbe trattarsi di due dei quattro italiani, dipendenti della società di costruzioni ‘Bonatti’ e precisamente di Fausto Piano e Salvatore Failla”.

Con il trascorrere delle ore, diversi capi milizia di Sabrata hanno spiegato che non c’è stato alcun blitz contro un covo dell’Isis ma che il gruppo di jihadisti è stato colpito mentre si trovava a bordo di due fuoristrada, un Toyota e un Tundra. Otto i morti, mentre un siriano e una tunisina, moglie di “una delle vittime”, e il figlio di 3 anni, sono stati catturati. Questa tesi è stata confermata da ambienti giudiziari italiani: i due italiani sarebbero stati uccisi “durante un trasferimento”.

Il presidente del Consiglio militare di Sabrata, Taher El-Gharably, ha raccontato all’Ansa che ieri le milizie avevano “inseguito un gruppo dell’Isis che fuggiva dal centro di Sabrata verso la periferia: c’è stato uno scontro a fuoco, intensi scambi di colpi che hanno provocato la morte di alcuni di loro, mentre il resto è fuggito”.

Il responsabile libico ha citato poi la ‘confessione’ della tunisina catturata: la donna, secondo quanto riferito, ha affermato che i quattro tecnici italiani erano “nelle mani dell’Isis”. Gharably ha aggiunto: “Nell’interrogatorio la prigioniera ha confessato che vi sono due italiani in un luogo nella periferia di Sabrata, la ricerca è ancora in corso”. La donna ha poi confermato che prima del blitz i quattro erano stati separati, come anticipato dagli ambienti giudiziari italiani.

(di Claudio Accogli/ANSA)

Ultima ora

16:41Attacco Londra: il suv lanciato a 120 km all’ora sui pedoni

(ANSA) - LONDRA, 27 MAR - Lanciato a 76 miglia, circa 122 km all'ora, sui passanti: è la velocità raggiunta dal suv guidato mercoledì scorso da Khalid Masood nel suo attacco terroristico sul Westminster Bridge di Londra. Lo riporta la Bbc, sulla base dei rilevamenti della polizia britannica.

16:41Spari P.Chigi: Giangrande e Fedeli incontrano studenti

(ANSA) - PRATO, 27 MAR - Un incontro sul tema della legalità nella scuola, sull'amore e sui valori che spingono le persone a compiere gesti eroici. Come quello del maresciallo dei carabinieri Giuseppe Giangrande, che ha raccontato la sua storia a circa 140 studenti del liceo pratese "Cicognini-Rodari". Accanto a lui il ministro dell'Istruzione Valeria Fedeli. Il militare circa 4 anni fa rimase vittima di un attentato di uno squilibrato nel giorno dell'insediamento del governo guidato da Enrico Letta. Nel suo discorso il maresciallo ha ripercorso le tappe fondamentali della sua carriera, che sono raccolte nel libro di Roberto Riccardi "Il prezzo della fedeltà" (Mondadori), il cui ricavato delle vendite andrà in beneficenza. All'appuntamento hanno partecipato anche il comandante generale dei carabinieri Tullio Del Sette e la figlia di Giangrande, Martina, a cui il padre ha tributato una lunga e struggente lettera di ringraziamento nel suo libro.

16:38Russia: Navalni, nella sentenza nulla di vero

(ANSA) - MOSCA, 27 MAR - Alexey Navalni si è detto innocente: "Tutto ciò che è scritto" sul dispositivo della sentenza "non è vero", ha affermato, sottolineando che "l'errore principale è che sulla via Tverskaya c'erano solo 4.000 persone" e ribadendo di non aver opposto resistenza alla polizia. Il suo avvocato, Olga Mikhailova, ha dichiarato che la versione dei fatti fornita dalla polizia è completamente inventata. Secondo il giudice che ha letto la sentenza, Navalni viene condannato per aver partecipato a una manifestazione non autorizzata con 4.000 persone, per aver spronato i dimostranti a violare l'ordine pubblico e per essersi rifiutato di andare in un ufficio di polizia spintonando gli agenti.

16:30Berlusconi, prestito a Lele Mora un atto di generosità

(ANSA) - MILANO, 27 MAR - Silvio Berlusconi si è presentato in aula a Palazzo di Giustizia a Milano per il processo per bancarotta a carico dell'ex direttore del Tg4 Emilio Fede. Berlusconi, accompagnato dai suoi legali Nicolò Ghedini e Federico Cecconi e dal suo medico personale, Alberto Zangrillo, è stato ascoltato come teste circa un prestito da circa 2,8 milioni di euro a Lele Mora nel 2010. "E' stato un mio atto di generosità" ha detto il Cavaliere. Secondo l'accusa, Emilio Fede avrebbe trattenuto oltre un milione di euro dei soldi che dovevano servire a salvare la società di Mora. Berlusconi ha risposto a tutte le domande del pm. Ha chiesto di non essere nè ripreso né fotografato durante la sua breve deposizione. Inoltre prima e dopo l'esame non ha rilasciato dichiarazioni ai cronisti. (ANSA).

16:25Sessione Cio 2019, Milano candidata unica

(ANSA) - ROMA, 27 MAR - Milano sarà candidata unica ad ospitare la 132ma Sessione del Cio nel settembre 2019. Lo rende noto il Cio. L'assegnazione ufficiale dell'evento è in programma a Lima il 17 settembre di quest'anno. Il Comitato olimpico internazionale ora nominerà una commissione di valutazione che sarà nel capoluogo lombardo il 23 e 24 maggio prossimi.

16:24Calcio: Montella “closing? Ho un contratto, nessun problema

(ANSA) - FIRENZE, 27 MAR - "Non ho seguito molto, non ho speso molte energie in questo discorso. Quello che sarà lo vedremo, è una cosa più grande di noi e aspettiamo gli eventi per poter giudicare". Così l'allenatore del Milan, Vincenzo Montella, in merito alla questione del closing della cessione della società rossonera. "Vediamo cosa pensano ma ho un contratto, e da parte mia non ci sono problemi", ha detto poi riguardo al suo rinnovo. Montella, a Coverciano per la Panchina d'oro, vinta da Maurizio Sarri, ha ammesso di aver dato il suo voto a Eusebio Di Francesco "non perché sia un mio amico ma perché ha fatto una stagione straordinaria. Anche Sarri ha avuto i suoi meriti quindi è giusto così. Al netto dei valori secondo me Di Francesco l'anno scorso ha fatto un'ottima stagione, è arrivato sesto, portando il Sassuolo in Europa League".

16:21Due bimbi trovati morti in casa a Trento

(ANSA) - TRENTO, 27 MAR - Due bambini sono stati trovati morti in un appartamento a Trento. A chiamare la Polizia è stata la madre. I bimbi di due anni e mezzo e quattro anni sarebbero stati uccisi dal padre, forse a colpi di martello. L'uomo si è poi suicidato lanciandosi con la sua auto in un dirupo. La terza figlia della coppia non era in casa al momento della tragedia perchè in gita scolastica. Secondo le prime informazioni, oggi il padre avrebbe dovuto firmare il rogito per l'acquisto di una casa. I vicini lo descrivono come una persona tranquilla che adorava i suoi bambini.

Archivio Ultima ora