Salvini attacca Renzi e Mattarella, sdegno della maggioranza

Pubblicato il 03 marzo 2016 da redazione

renzi-mattarella

ROMA.- Il dossier Libia irrompe nel dibattito politico nel peggiore dei modi: la tragica notizia della morte dei due lavoratori italiani, rapiti lo scorso luglio ed uccisi nei pressi della cittadina di Sabrata, riaccende le polemiche sull’ipotesi di intervento militare nel Paese africano. Matteo Salvini alza il tiro contro il presidente della Repubblica Sergio Mattarella ed il premier Matteo Renzi.

Il presidente del Consiglio – afferma il leader della Lega – “ha le mani sporche di sangue: in Italia libera i delinquenti mentre sull’immigrazione è complice del terrorismo internazionale. Mattarella, invece, nel momento in cui dalla Libia giungono notizie sulla morte dei due italiani si vanta dell’avanguardia dell’Italia nell’accoglienza. O sono matti o sono complici”.

Il riferimento di Salvini è alle parole pronunciate dal Capo dello Stato durante la visita all’Istituto Nazionale per le Migrazioni e la Povertà di Roma: “Il nostro Paese in questi anni è stato all’avanguardia nella solidarietà – ha detto Mattarella – Continua ad esserlo in questi giorni con i corridoi umanitari, accogliendo migranti e profughi che giungono da Paesi tormentati dalla guerra”.

Un attacco, quello di Salvini, al quale replica con fermezza la maggioranza. Il Pd definisce “indegne ed inqualificabili le parole di Salvini che oggi non risparmia nemmeno il presidente Mattarella”. “Pensavamo di essere abituati agli sproloqui salviniani ma quello di oggi sul presidente Mattarella va oltre ogni limite”, fa eco Ap.

Il Colle, dal suo canto, più che alla polemica politica, guarda “con grande attenzione” all’evolversi della situazione in Libia in attesa di avere maggiori particolari sulla morte dei due italiani e sulla sorte degli altri due loro compagni ancora in mano a non ben identificati rapitori.

I partiti si interrogano e si dividono sull’opportunità di un intervento militare in Libia. Le opposizioni chiedono che il governo venga a riferire in Aula sulla morte dei due italiani ma anche sul sempre più difficile scenario internazionale alle porte dell’Italia: mercoledì 9, il ministro degli Esteri Paolo Gentiloni interverrà in Aula per ribadire la posizione del governo.

Troppo tardi secondo il M5S che chiede che si presenti alle Camera “già domani” perché “la situazione in Libia sta precipitando” ed “il governo prende iniziative sul coinvolgimento dell’Italia in operazioni militari senza informare il Parlamento”.

Anche Forza Italia attacca l’esecutivo ma “per la sua assenza e per l’incapacità di agire con determinazione e con un piano preciso e finalizzato a stabilizzare una delle aree più infuocate del pianeta”. Il copyright è del presidente dei senatori forzisti Paolo Romani, da sempre favorevole ad un intervento militare “per ristabilire le minime condizioni di convivenza civile, senza dimenticare ovviamente la difesa dei nostri importanti interessi economici”.

Silvio Berlusconi, invece, sottolinea “la complessità della situazione libica” e mette in guardia “dall’elevato rischio di causare vittime innocenti, se si dovessero intraprendere interventi frettolosi o superficiali”. Per un volta il Cav sembra andare d’accordo con Romano Prodi, a dicembre in predicato di avere un mandato Onu come mediatore internazionale proprio per la crisi libica, che sconsiglia “al momento” un intervento militare.

“Il nostro presidente del Consiglio e le Nazioni Unite hanno detto che un intervento militare in Libia ci può essere solo dopo la richiesta di un governo unitario – sottolinea l’ex premier Prodi – Attualmente siamo lontanissimi” da un simile scenario: “in questo momento non ci sono le condizioni per cui si possa intervenire”.

(di Teodoro Fulgione/ANSA)

Ultima ora

18:45Usa: accordo al Congresso per nuove sanzioni Russia

(ANSA) - WASHINGTON, 22 LUG - Il Congresso ha raggiunto un accordo bipartisan su un pacchetto di nuove sanzioni nei confronti della Russia da adottare come punizione per le presunte interferenze nelle elezioni americane del 2016 e per le sue aggressioni militari in Ucraina e Siria. Una circostanza che prefigura uno showdown tra Capitol Hill e il presidente Donald Trump, contrario a procedere in questa direzione. La decisione giunge inoltre in un momento di particolare tensione per gli sviluppi sul cosiddetto 'Russiagate'.

18:44Incendi: carabinieri arrestano piromane nell’avellinese

(ANSA) - AVELLINO, 22 LUG - Un uomo di 30 anni è stato arrestato dai carabinieri ad Atripalda (Avellino) per aver dato fuoco a delle sterpaglie all'interno di un'area boschiva demaniale. I militari lo hanno colto in flagranza di reato nel corso dei controlli sul territorio, intensificati dopo l'emergenza incendi. Le fiamme hanno interessato una zona di Atripalda che costeggia il raccordo autostradale per Salerno e la linea ferroviaria. Negli ultimi giorni, i carabinieri hanno denunciato 8 persone alla Procura di Avellino per aver acceso roghi di sterpaglie e rifiuti vegetali.

18:42Iraq: Ap, 26 stranieri arrestati a Mosul, c’è anche Linda W.

(ANSA) - BEIRUT, 22 LUG - C'è anche la giovane ragazza tedesca, Linda W., tra ventisei stranieri arrestati a Mosul, ex roccaforte Isis nel nord dell'Iraq, durante l'offensiva governativa irachena. Lo riferisce l'Associated Press che cita fonti dell'intelligence irachena. Le fonti precisano che dei 26 stranieri, 16 sono donne, otto sono minori e due sono uomini. Sono stati tutti trasferiti a Baghdad. Le stesse fonti riferiscono che alcuni dei fermati sono ceceni, e che tra le donne ci sono russe, iraniane, siriane, francesi, belghe e tedesche. Alcune di queste donne, come Linda W., sembra che lavorassero nella polizia dell'Isis. La storia di Linda è venuta alla ribalta nei giorni scorsi dopo la diffusione della notizia sull'arresto di alcune donne tedesche a Mosul. Convertita all'Islam a 16 anni quando era ancora a scuola in Germania, era partita dalla Sassonia verso la Turchia e da lì era entrata in Siria, unendosi all'Isis. Per riuscire nell'impresa, l'anno scorso Linda aveva falsificato una procura dei genitori.

18:37Incendi: Balcani, proseguono roghi lungo costa adriatica

(ANSA) - BELGRADO, 22 LUG - In Montenegro continuano gli incendi lungo e a ridosso della costa adriatica, che sono tuttavia stati posti sotto controllo. Come riferiscono i media locali, le regioni più colpite dalle fiamme, alimentate dal caldo torrido e dal vento, sono intorno a Podgorica, Danilovgrad, Cetinje, Herceg Novi, Bar. Nonostante continuino a bruciare ettari di boschi e macchia mediterranea, non sembrano esserci minacce per i centri abitati. Determinante si e' rivelato l'intervento di diversi aerei antincendio inviati da Croazia, Bulgaria e altri Paesi. Non destano preoccupazioni gli incendi residui che restano sulla costa dalmata della Croazia, mentre nella vicina Bosnia-Erzegovina la zona più colpita dai roghi e' quella di Mostar, nel sud del Paese. Nelle ultime 24 ore, hanno riferito i media, intorno alla città sono stati registrati almeno 13 focolai di vaste dimensioni.

18:31Tour: Aru “soddisfatto, ho lottato contro ogni avversità”

(ANSA) - ROMA, 22 LUG - "Considerando com'è andata l'ultima settimana, oggi posso solo essere soddisfatto. In relazione a quello che è accaduto negli ultimi mesi, in questa corsa ho lottato sempre con i migliori, ho fatto un passo in avanti rispetto all'anno scorso". Così, ai microfoni di Raisport, Fabio Aru commenta il 5/o posto ottenuto al 104/o Tour de France che si concluderà domani a Parigi. "Tutti hanno visto che noi dell'Astana abbiamo perso uomini importanti, da Fuglsang a Cataldo, per via delle cadute. Anche al Giro avevamo avuto delle perdite, è difficile essere in tanti e io ringrazio i miei compagni per quello che sono riusciti a fare - aggiunge il sardo -. Le polemiche non devono esistere".

18:30Incendio su tratto A1 vicino a Roma, spento da vigili fuoco

(ANSA) - ROMA, 22 LUG - E' stato spento l'incendio che ha interessato un ampio tratto dell'A1 tra Roma e Orte. A causa del denso fumo presente in carreggiata, sull'autostrada Milano-Napoli è stato necessario disporre la chiusura del tratto tra Orte e la Diramazione Roma nord verso Roma e tra il bivio per la A24 Roma-Teramo e Ponzano Romano in direzione Firenze. Sul posto sono intervenute, oltre alle squadre di terra dei vigili del fuoco, due elicotteri e un Canadair.

18:27Mondiali: Scherma, sciabola, bronzo amaro per Irene Vecchi

(ANSA) - ROMA, 22 LUG - Irene Vecchi ha vinto il bronzo nella sciabola femminile ai Mondiali di scherma in corso a Lipsia. Ma è un podio amaro per la livornese, sconfitta in semifinale dalla tunisina Azza Besbes. Vecchi è partita fortissimo, concludendo il primo parziale con un netto 8-0. Alla ripresa, la tunisina ha iniziato una lenta rimonta che si è conclusa sul 14-14. A portare la stoccata decisiva è stata Azza Besbes. Per Irene Vecchi si tratta del secondo bronzo mondiale in carriera, dopo quello conquistato ai Campionati del Mondo di Budapest nel 2013.

Archivio Ultima ora