Rio2016: la crisi non spaventa, lavori quasi completati

Pubblicato il 03 marzo 2016 da redazione

An aerial view of the Rio 2016 Olympic Park construction site in Rio de Janeiro, Brazil, July 29, 2015. REUTERS/Ricardo Moraes

An aerial view of the Rio 2016 Olympic Park construction site in Rio de Janeiro, Brazil, July 29, 2015. REUTERS/Ricardo Moraes

LONDRA. – La crisi morde il Brasile, precipitato dal boom che ne accompagnava ancora le ambizioni nel 2009, quando conquistò le Olimpiadi, ai timori e alle incognite di questi mesi. Ma i lavori per gli impianti e le infrastrutture di Rio 2016 sono “completati ormai al 90%”, mentre l’inaugurazione di agosto s’avvicina.

Parola del presidente del comitato organizzatore, Carlos Nuzman, che a Londra garantisce di fronte ai media occidentali sugli ultimi progressi e risponde a dubbi e polemiche giurando che il momento no dell’economia nazionale “non avrà impatto” sui Giochi.

A testimoniare questa realtà, afferma l’ex pallavolista della Panini Modena, sono i dati: già fruibile alla popolazione il Barra Olympic Park, pronti per i test event impianti come l’Olympic Aquatic Stadium, la struttura per il beach volley (la più grande realizzata al mondo, con una capienza di ben 12.000 spettatori, per questa disciplina tanto amata in Brasile), l’arena del tennis, i nuovi palazzetti dello sport. Oltre naturalmente al villaggio olimpico, esteso su un’area di 21.700 metri quadrati e consegnato giusto un paio di giorni fa, il primo marzo.

La macchina del più grande avvenimento sportivo mai ospitato dal gigante sudamericano lavora insomma a pieno regime, è il messaggio: con i suoi oltre 3.200 volontari e i “250.000 biglietti venduti in quattro giorni” su un primo contingente di mezzo milione messo a disposizione online. Avvocato di professione, Nuzman argomenta punto per punto la sua ‘arringa’. E anche sui dossier più problematici si mostra rassicurante.

Riguardo all’indagine francese sull’ex boss della Iaaf in disgrazia, Lamine Diack, e sui suoi presunti tentativi di condizionare l’assegnazione dei Giochi del 2016 e del 2020 (nel primo caso peraltro a favore del Qatar e contro Rio, a quanto pare), il dirigente brasiliano taglia corto: “Noi non siamo coinvolti e non abbiamo nulla da aggiungere”.

Quanto all’allarme del virus Zika, parla di “situazione sotto controllo”, riferisce d’una missione appena compiuta nel Paese dall’Organizzazione mondiale della sanita’ (Oms) in vista di un rapporto, ridimensiona a “pochi atleti” il pericolo di forfait e annuncia aria condizionata per tutti a carico del comitato (nelle stanze del villaggio olimpico) per “ridurre al minimo il rischio di contatti con le zanzare”.

Le domande dei giornalisti inglesi battono in ogni modo sui possibili contraccolpi di una crisi che sembra aver cambiato non poco lo scenario brasiliano dal 2009 al 2016, in un panorama di proteste sociali e chiusure di scuole e ospedali. Il numero uno del comitato organizzatore non lo nega, ma insiste: il budget dei Giochi non ne risentirà, anche perché è autonomo e non alimentato da “risorse pubbliche”. Mentre l’eredità dell’evento, dice, gioverà alla gente comune: tanto più che alcuni impianti sono stati costruiti proprio nelle periferie povere della metropoli carioca, come nel caso del palazzetto della pallamano da cui “saranno poi ricavate 4 scuole”.

L’unico ritardo che Nuzman riconosce riguarda il velodromo, per il quale è stato cambiato in corsa l’appaltatore incaricato di posare il parquet di legno sulla pista. Ma i lavori sono già ripresi e conclusi per “oltre il 50%”: quindi non si dovrebbe sforare oltre le “due settimane”.

Al governo federale e a quello (boccheggiante) dello Stato di Rio restano demandate tuttavia alcune infrastrutture cruciali, gli si obietta. Ma Nuzman nota che il treno urbano di superficie e la quarta linea della metropolitana che arriverà a Barra da Tijuca – progetti aggiuntivi non indicati ai tempi candidatura, sottolinea – sono pure “pronti al 90%”. Anche se la linea 4, almeno per ora, passerà senza fermarsi da una delle favelas più popolate della città, quella di Cantagalo.

(di Alessandro Logroscino/ANSA)

Ultima ora

01:51Rigopiano:da hotel solo morti,altri 3.Bilancio sale a 9

(ANSA) - PENNE (PESCARA), 24 GEN - Continuano senza sosta le ricerche di superstiti tra le macerie dell'hotel Rigopiano a Farindola che ieri in tarda serata ha restituito 4 cadaveri: uno é della vittima individuata ieri, due sono un uomo e una donna ancora da identificare e l'ultimo é quello di Linda Salzetta, l'estetista del Rigopiano e sorella di Fabio, il tuttofare dell'hotel. Ormai i morti sono nove. E i dispersi sono ancora 20.

23:29Calcio: Coppa Africa, Senegal e Tunisia ai quarti

(ANSA) - ROMA, 23 GEN - Senegal e Tunisia promosse ai quarti della Coppa d'Africa, Zimbabwe e Algeria a casa. Così hanno deciso gli incontri del terzo ed ultimo turno del gruppo B del torneo in corso in Gabon. Il Senegal ha pareggiato 2-2 con l'Algeria ed ha vinto il gruppo. Nei quarti affronterà il Camerun. Spettacolare 2-4 tra Zimbabwe e Tunisia. Quest'ultima, come seconda, incrocerà il Burkina Faso.

22:27Calcio: Niang-Ocampos, idea scambio prestiti fra Milan-Genoa

(ANSA) - MILANO, 23 GEN - M'Baye Niang al Genoa e Lucas Ocampos al Milan. I due club starebbero lavorando sull'ipotesi di scambiarsi questi giocatori in prestito fino al termine della stagione, e secondo quanto filtra, l'epilogo della vicenda dipende soprattutto dalla volontà dell'attaccante francese, che ha già giocato al Genoa in prestito per sei mesi due stagioni fa, trovando spazio e gol che al Milan gli mancavano. La soluzione è tornata di attualità ora che l'attaccante francese sta vivendo un momento opaco e in rossonero rischia di trovare meno spazio per l'arrivo di Gerard Deulofeu. L'ad del Milan Adriano Galliani nel tardo pomeriggio ha annullato la sua partecipazione alla presentazione del libro di Ruud Gullit perché, secondo quanto filtrato, impegnato in un'operazione di mercato. E l'affare in questione sarebbe proprio lo scambio con il Genoa del suo amico Enrico Preziosi.

22:24Calcio: Rugani, pronti alla rivincita contro il Milan

(ANSA) - TORINO, 23 GEN - "Il passo falso di Firenze ci ha fatto bene, lo abbiamo dimostrato con la Lazio. E ora siamo pronti alla rivincita contro il Milan: le due sconfitte con i rossoneri, in campionato e in Supercoppa, ci hanno lasciato l'amaro in bocca, vogliamo assolutamente vincere". Così Daniele Rugani, che contro i rossoneri dovrebbe giocare dall'inizio, a Jtv, il canale tv bianconero. "Entriamo - ha detto il difensore bianconero - nella fase cruciale della stagione, dobbiamo dimostrare di essere solidi, per continuare a crescere e migliorare. Roma e Napoli sono pericolose, specie i giallorossi che hanno trovato una grande solidità difensiva". "Sappiamo - ha aggiunto Rugani - di dovere crescere, anche tecnicamente, per arrivare in fondo alla Champions: il segreto sta nel mettersi sempre in discussione ed essere a disposizione, poi i risultati arrivano".

22:10Province: Sardegna si ribella a taglio nazionale su risorse

(ANSA) - CAGLIARI, 23 GEN - Il Consiglio nazionale dell'Anci ha già detto che non darà l'intesa al decreto del presidente del Consiglio che taglia circa 60 milioni alle Province sarde e alla Città metropolitana di Cagliari e ora la Regione si prepara alla battaglia arrivando anche a proporre un ricorso se il Dpcm dovesse essere adottato. E' quanto emerso al termine della riunione di questa sera tra l'assessore degli Enti locali Cristiano Erriu, quello della Programmazione, Raffaele Paci, il presidente del Cal Sardegna, Andrea Soddu, il presidente regionale dell'Anci, Pier Sandro Scano, e il sindaco metropolitano di Cagliari, Massimo Zedda. E' stato proprio Zedda, che siede nel Consiglio nazionale dell'Anci, a annunciare la decisione dell'associazione che non dovrebbe dare l'intesa al decreto nella conferenza unificata Stato-Regioni in programma giovedì. "Ci opporremo in tutte le sedi - ha spiegato Erriu - viene a mancare un'importante somma che non permette agli enti locali sardi di espletare le proprie funzioni".

22:09Formazione: deputato Genovese condannato a 11 anni

(ANSA) - MESSINA, 23 GEN - Francantonio Genovese, ex parlamentare del Pd poi passato a Forza Italia, è stato condannato a 11 anni dal tribunale di Messina al processo - che vede altri 22 imputati - scaturito dall'operazione 'Corsi d'oro' sull'uso illecito di finanziamenti erogati dalla Regione siciliana a enti della formazione professionale. Il cognato di Genovese, Franco Rinaldi, ex deputato regionale del Pd e ora di FI, ha avuto una condanna a due anni e mezzo. Tra gli altri condannati anche le sorelle Schirò: Chiara, moglie di Genovese, ha avuto 3 anni e 3 mesi; Elena, moglie di Rinaldi, 6 anni e 3 mesi. Condannato anche l'ex consigliere comunale di Messina Elio Sauta: 6 anni e 6 mesi.

22:00Trump: Marchionne a Casa Bianca, con a.d. Ford e Gm

(ANSA) - WASHINGTON, 23 GEN - Il presidente Donald Trump riceverà domani alla Casa Bianca gli amministratori delegati di Fca, Ford e General Motors. Lo afferma il portavoce della Casa Bianca, Sean Spicer. Sergio Marchionne, Mark Fields e Mary Barra avranno una colazione con il presidente.

Archivio Ultima ora