Ucciso giovane abruzzese nello Stato Carabobo

Pubblicato il 03 marzo 2016 da redazione

Pag 2

CARACAS – Il Venezuela è sempre più pericoloso. La delinquenza non fa sconti e l’eccidio di innocenti aumenta giorno dopo giorno. Nessuno può considerarsi a salvo e la nostra Collettività spesso è vittima della violenza. Dopo il vile omicidio di Dino Rubens Tomassilli, avvenuto appena quindici giorni fa, un’altra morte violenta addolora la nostra Collettività.

Anche in questa occasione si tratta di un giovane abruzzese: Matteo Di Francescantonio, 21 anni nato a Popoli (Pescara). Il movente, d’accordo alle prime indagini degli inquirenti, non sarebbe né il furto, né il sequestro. Stando a quanto trapelato, nonostante il riserbo delle Forze dell’Ordine, l’autore dell’assassinio potrebbe essere un rivale in amore.

Il giovane Di Francescantonio, dal Comune di Diego Ibarra dove viveva, si era trasferito recentemente nello “Stato Carabobo”, sulla costa dei Caraibi. Circa un anno fa, aveva deciso di raggiungere la madre in Venezuela e di restare nel Paese. E, difatti, poco a poco aveva trovato un lavoro e si era ambientato.

Secondo la prima ricostruzione fatta dagli inquirenti, Matteo ha salutato la madre martedì scorso, poco dopo le 21. Era sua intenzione raggiungere alcuni amici e andare a cena con loro. Ed invece l’agguato. Il giovane sarebbe stato freddato a colpi di pistola sparati da distanza ravvicinata. Praticamente a bruciapelo. Stando a indiscrezioni, Francescantonio non avrebbe nè reagito nè tentato la fuga. Ció farebbe suporre agli inquirenti che l’assassino potrebbe essere una persona conosciuta dalla vittima.

Il primo allarme è stato dato dalla stessa madre. La donna, visto il ritardo inconsueto del figlio, prima è andata a cercarlo a casa di vicini e amici. Poi, disperata, ha chiesto l’aiuto della polizia.

Il corpo senza vita del giovane connazionale di origine abruzzese sarebbe stato rinvenuto dalla polizia stessa, abbandonato in una zona non molto frequentata del quartiere di Los Jardines, a pochi chilometri di distanza da Victoria Street, dove Matteo Di Francescantonio abitava con la madre.

Gli inquirenti battono la pista della vendetta passionale ma, stando a quanto riferito alla Voce da fonti della polizia, per il momento l’indagine è aperta a ogni ipotesi.

Matteo Di Francescantonio è il secondo giovane connazionale di origine abruzzese ad essere stato ucciso dall’inizio dell’anno in Venezuela. Ed infatti, circa due settimane fa, nella città di Maracay, il giovane tassista Dino Rubens Tomassilli, appena 25 anni, originario di Pratola Peligna (L’Aquila), è stato ucciso da una banda di rapinatori che voleva rubargli la vettura.

Il giovane Rubens Tomassilli, da pochi mesi in Venezuela, sarebbe stato bloccato e minacciato con le armi lungo la superstrada che porta a Caracas. I malviventi gli avrebbero chiesto le chiavi della sua Chevrolet Spark di colore blu. Il connazionale si sarebbe opposto, avrebbe reagito e si sarebbe dato alla fuga.

I delinquenti, comunque, sarebbero riusciti a raggiungerlo e, senza esitare, gli avrebbero sparato in testa.
Le autorità di polizia sono tutt’ora sulle tracce dei malviventi che, pare, agiscano impunemente lungo la “Autopista Regional del Centro”.

La nostra Collettività costernata e rattristata per quanto accaduto ai due giovgani connazionali teme che, come tanti omicidi in Venezuela, anche questi passino ad ingrossare la lunga lista dei “cold case”, dei casi mai risolti. E, quindi, che i malviventi possano continuare a commettere impunemente crimini efferati.

Il Venezuela, assieme a Honduras, è considerato il Paese con l’indice di criminalità più alto al mondo ed anche quello tra i Paesi con l’indice di impunitá piú elevato. Stando all’Osservatorio Venezuelano per la Violenza, una delle Ong piú qualificate e autorevoli del Paese, nel 2015 le morti violente registrate nel Paese sarebbero state 27.875, ossia una media di 90 omicidi ogni 100.000 abitanti.

Per la Procuratrice, Luisa Orttega Díaz, invece, le morti violente lo scorso anno sono state 17.778. E cioè un tasso di omicidi di 58,1 ogni 100.000 abitanti. Una cifra comunque da capogiro che dimostra, senza ombra di dubbio, la pericolosità del Paese e di quanto sia indifeso e inerme il cittadino di fronte alla violenza della criminalità crescente.

Per L’Osservatorio Venezuelano per la Violenza, sono sei i fattori che possono spiegare l’incremento della violenza nel Venezuela. Tra di questi figura una maggiore presenza del crimine organizzato e lo scadimento dei Corpi della Sicurezza di Stato.

Ultima ora

00:33Calcio: Champions, 5-0 al Leicester e Porto agli ottavi

(ANSA) - ROMA, 7 DIC - Il Porto batte il Leicester 5-0 e si qualifica agli ottavi di finale della Champions League come seconda del gruppo G. Reti: 6' e 65' (rig.) André Silva, 26' Corona, 44' Brahimi, 77' Diogo Jota. Il Borussia Dortmund pareggia 2-2 in casa del Real Madrid (28' e 53' Benzema, 61' Aubameyang, 88' Reus) e vince il girone F. Altri risultati: Tottenham-Cska Mosca 3-1 (gruppo E); Bruges-Copenhagen 0-2 (gruppo G); Legia Varsavia-Sporting Lisbona 1-0 (gruppo F); Bayer Leverkusen-Monaco (gruppo E).

00:11Calcio: Champions, Juventus prima nel girone H

(ANSA) - TORINO, 7 DIC - La Juventus chiude al primo posto il girone H di Champions League grazie al successo di stasera per 2-0 sulla Dinamo Zagabria. Nel primo tempo i bianconeri non danno l'impressione di spingere eccessivamente vista la matematica qualificazione agli ottavi con un turno di anticipo. Ci provano Higuain, Pjanic (su punizione) e Mandzukic ma la difesa croata è sempre attenta. La partita si sblocca al 52' quando Higuain con un destro preciso da dentro l'area di rigore batte il portiere della Dinamo Ivakovic. Il 2-0, dopo un'occasione di Pjanic, arriva al 73' con un colpo di testa di Rugani su azione di calcio d'angolo. Nel finale spazio anche per Dybala, al rientro dopo l'infortunio riportato nella sfida di campionato contro il Milan. La Juve chiude a 14 punti, la Dinamo Zagabria ultima a 0 e con nessun gol all'attivo. Nell'altra partita del girone, il Siviglia pareggia a Lione 0-0 e passa agli ottavi come seconda classificata.

23:49Calcio a 5: l’Italia vince in amichevole

(ANSA) - ROMA, 7 DIC - Seconda amichevole in Slovenia e seconda vittoria per la Nazionale di futsal, che ad Aidussina supera 2-1 i padroni di casa. Dopo il 4-1 di ieri in rimonta, a segnare i gol che valgono il successo agli azzurri di Roberto Menichelli sono Manoel Crema e Gabriel Lima, entrambi nel primo tempo. Inutile la rete di Cujec nella ripresa. Domani tocca alla Nazionale femminile, che farà il suo esordio al Torneo "Quattro Nazioni" organizzato dalla federazione spagnola. Le azzurre, che alle ore 18 se la vedranno contro il Portogallo (diretta streaming sul sito www.ffcm.es), anche oggi hanno effettuato una doppia seduta di allenamento ad Alcázar de San Juan dove si giocheranno tutte le partite del quadrangolare, che per la prima giornata prevede anche la sfida tra Spagna e Russia, avversarie dell'Italia rispettivamente venerdì alle 20.15 e sabato alle 17.

22:57Calcio: Juventus-Dinamo Zagabria, tre i tifosi feriti

(ANSA) - TORINO, 7 DIC - È tornata la calma nello Juventus stadium, dove i bianconeri stanno affrontando la Dinamo Zagabria in una partita della Champions League. Il bilancio degli scontri avvenuti all'esterno dello stadio è di tre tifosi croati feriti, nessuno dei quali in gravi condizioni. Uno è stato medicato sul posto, gli altri due sono stati trasportati in ospedale. Le forze dell'ordine stanno valutando la posizione di alcuni ultrà croati che si sono resi protagonisti degli incidenti.

22:49Brexit: governo si impegna a rivelare piani negoziali

(ANSA) - LONDRA, 7 DIC - Il governo britannico si impegna a rivelare i suoi piani prima dei negoziati sulla Brexit. E' quanto afferma una mozione approvata dalla Camera dei Comuni con 448 voti favorevoli e 75 contrari. Il documento era stato presentato dall'opposizione laburista ma è stato poi blindato dall'esecutivo con un emendamento per rispettare i tempi indicati dalla premier conservatrice Theresa May, che vuole avviare l'iter di uscita dall'Ue entro la fine di marzo.

22:37Calcio: Marotta, classifica girone non importante

(ANSA) - ROMA, 7 DIC - "Meglio arrivare secondi che primi? Noi siamo arrivati in finale a Berlino da secondi nel girone. Quando siamo passati come primi siamo stati eliminati. Ragionamenti razionali è difficile farli, nella Champions è importante anche il sorteggio: ci affidiamo al destino". Così Beppe Marotta a Mediaset Premium poco prima di Juventus-Dinamo Zagabria. Quanto alla squalifica di Strootman: "noi non vogliamo entrare in queste polemiche - aggiunge l'ad bianconero -. Ne abbiamo sentite tante, ma siamo abituati a confrontarci con il campo, dobbiamo vincere in ogni caso, sia che giochi Strootman o che non giochi. Sarà un match difficile e dovremo affrontarlo sapendo di essere la Juventus. Le dichiarazioni polemiche di Baldissoni? E' un tifoso romanista e quindi è giusto che abbia fatto questo tipo di esternazioni. Prima di noi affronteranno il Milan e poi l'ad della Roma è Umberto Gandini, persona molto seria, preparata, che conosce il regolamento, quindi credo che Baldissoni dovrebbe confrontarsi con lui".

22:32Calcio: Muriel, mercato? Penso solo alla Sampdoria

(ANSA) - GENOVA, 7 DIC - Luis Muriel vuole restare a Genova e continuare la sua avventura con la Sampdoria: "I tifosi possono stare tranquilli? Sì, sto pensando solo alla maglia blucerchiata ed a quello che posso fare qua a Genova. Con i tifosi il rapporto è cresciuto tantissimo, il mio obiettivo è quello di continuare a fare bene con la Sampdoria e poi vedremo", ha detto l'attaccante colombiano durante l'incontro con i tifosi al negozio ufficiale della società doriana insieme a Bruno Fernandes. L'attaccante non dovrebbe quindi lasciare la Samp a gennaio, poi la partirà di riaprirà nel mercato estivo. E l'attaccante fissa anche l'obiettivo prima della sosta natalizia: "Finire a trentuno punti prima delle feste. Davanti al Genoa? Sarebbe meglio di sì, siamo sulla buona strada", spiega ancora. E in vista del mercato di gennaio è intervenuto via Twitter anche il presidente Massimo Ferrero: "A gennaio non vendo ma compro".

Archivio Ultima ora