Ucciso giovane abruzzese nello Stato Carabobo

Pubblicato il 03 marzo 2016 da redazione

Pag 2

CARACAS – Il Venezuela è sempre più pericoloso. La delinquenza non fa sconti e l’eccidio di innocenti aumenta giorno dopo giorno. Nessuno può considerarsi a salvo e la nostra Collettività spesso è vittima della violenza. Dopo il vile omicidio di Dino Rubens Tomassilli, avvenuto appena quindici giorni fa, un’altra morte violenta addolora la nostra Collettività.

Anche in questa occasione si tratta di un giovane abruzzese: Matteo Di Francescantonio, 21 anni nato a Popoli (Pescara). Il movente, d’accordo alle prime indagini degli inquirenti, non sarebbe né il furto, né il sequestro. Stando a quanto trapelato, nonostante il riserbo delle Forze dell’Ordine, l’autore dell’assassinio potrebbe essere un rivale in amore.

Il giovane Di Francescantonio, dal Comune di Diego Ibarra dove viveva, si era trasferito recentemente nello “Stato Carabobo”, sulla costa dei Caraibi. Circa un anno fa, aveva deciso di raggiungere la madre in Venezuela e di restare nel Paese. E, difatti, poco a poco aveva trovato un lavoro e si era ambientato.

Secondo la prima ricostruzione fatta dagli inquirenti, Matteo ha salutato la madre martedì scorso, poco dopo le 21. Era sua intenzione raggiungere alcuni amici e andare a cena con loro. Ed invece l’agguato. Il giovane sarebbe stato freddato a colpi di pistola sparati da distanza ravvicinata. Praticamente a bruciapelo. Stando a indiscrezioni, Francescantonio non avrebbe nè reagito nè tentato la fuga. Ció farebbe suporre agli inquirenti che l’assassino potrebbe essere una persona conosciuta dalla vittima.

Il primo allarme è stato dato dalla stessa madre. La donna, visto il ritardo inconsueto del figlio, prima è andata a cercarlo a casa di vicini e amici. Poi, disperata, ha chiesto l’aiuto della polizia.

Il corpo senza vita del giovane connazionale di origine abruzzese sarebbe stato rinvenuto dalla polizia stessa, abbandonato in una zona non molto frequentata del quartiere di Los Jardines, a pochi chilometri di distanza da Victoria Street, dove Matteo Di Francescantonio abitava con la madre.

Gli inquirenti battono la pista della vendetta passionale ma, stando a quanto riferito alla Voce da fonti della polizia, per il momento l’indagine è aperta a ogni ipotesi.

Matteo Di Francescantonio è il secondo giovane connazionale di origine abruzzese ad essere stato ucciso dall’inizio dell’anno in Venezuela. Ed infatti, circa due settimane fa, nella città di Maracay, il giovane tassista Dino Rubens Tomassilli, appena 25 anni, originario di Pratola Peligna (L’Aquila), è stato ucciso da una banda di rapinatori che voleva rubargli la vettura.

Il giovane Rubens Tomassilli, da pochi mesi in Venezuela, sarebbe stato bloccato e minacciato con le armi lungo la superstrada che porta a Caracas. I malviventi gli avrebbero chiesto le chiavi della sua Chevrolet Spark di colore blu. Il connazionale si sarebbe opposto, avrebbe reagito e si sarebbe dato alla fuga.

I delinquenti, comunque, sarebbero riusciti a raggiungerlo e, senza esitare, gli avrebbero sparato in testa.
Le autorità di polizia sono tutt’ora sulle tracce dei malviventi che, pare, agiscano impunemente lungo la “Autopista Regional del Centro”.

La nostra Collettività costernata e rattristata per quanto accaduto ai due giovgani connazionali teme che, come tanti omicidi in Venezuela, anche questi passino ad ingrossare la lunga lista dei “cold case”, dei casi mai risolti. E, quindi, che i malviventi possano continuare a commettere impunemente crimini efferati.

Il Venezuela, assieme a Honduras, è considerato il Paese con l’indice di criminalità più alto al mondo ed anche quello tra i Paesi con l’indice di impunitá piú elevato. Stando all’Osservatorio Venezuelano per la Violenza, una delle Ong piú qualificate e autorevoli del Paese, nel 2015 le morti violente registrate nel Paese sarebbero state 27.875, ossia una media di 90 omicidi ogni 100.000 abitanti.

Per la Procuratrice, Luisa Orttega Díaz, invece, le morti violente lo scorso anno sono state 17.778. E cioè un tasso di omicidi di 58,1 ogni 100.000 abitanti. Una cifra comunque da capogiro che dimostra, senza ombra di dubbio, la pericolosità del Paese e di quanto sia indifeso e inerme il cittadino di fronte alla violenza della criminalità crescente.

Per L’Osservatorio Venezuelano per la Violenza, sono sei i fattori che possono spiegare l’incremento della violenza nel Venezuela. Tra di questi figura una maggiore presenza del crimine organizzato e lo scadimento dei Corpi della Sicurezza di Stato.

Ultima ora

18:44Scarponi: ultimo km ‘Aquila’ tra due ali di folla

(ANSA) - FILOTTRANO (ANCONA), 25 APR - Non è stata una volata come avrebbe voluto, ma Michele Scarponi ha fatto il suo ultimo chilometro tra due ali di folla da grande campione. E' stato lo Scarponi Fan Club a chiedere alle migliaia di persone che hanno partecipato ai funerali (il dato dei 5.000 sarebbe per difetto) di lasciar passare in un 'corridoio' il carro funebre con il feretro, seguito a piedi dal team dell'Aquila di Filottrano, l'Astana. La gente lo ha accompagnato poi fino al cimitero, dove la famiglia ha chiesto di poter tumulare il campione in privato.

18:39Ciclismo: Romandia, Felline vince prologo, dedica a Scarponi

(ANSA) - AIGLE (SVIZZERA), 25 APR - Fabio Felline ha vinto il prologo del Giro di Romandia, una mini-cronometro di 4.8 km. Il portacolori della Trek-Segafredo, che ha preceduto di 2 secondi il britannico Alex Dowsett e di 7 l'australiano Alex Edmonson, ha poi dedicato il successo a Michele Scarponi. Domani è in programma la prima tappa, una frazione di montagna.

18:19Francesi in Italia hanno votato per Macron, Le Pen quarta

(ANSA) - ROMA, 25 APR - Emmauel Macron è arrivato in testa al primo turno delle presidenziali nel voto dei francesi residenti in Italia, sfiorando il 42%. Solo quarta la leader del Front National, Marine Le Pen, che ha ottenuto l'11% delle preferenze, dopo il candidato di centrodestra François Fillon (secondo con il 21,45%) e quello della sinistra alternativa, Jean-Luc Mélenchon (14,14%). Si tratta dei dati forniti dal Quai d'Orsay. Gli elettori francesi in Italia sono stati 11.295. In generale, Macron è arrivato primo nel voto all'estero, Le Pen quinta, superata anche dal candidato socialista Benoit Hamon.

18:1325 aprile:Emiliano,spesso mafiosi interferiscono in politica

(ANSA) - BARI, 25 APR - "I mafiosi spesso interferiscono nella politica, cercano di mettere gli uni contro gli altri, scendono in campo in qualche caso e cercano di dividerci. Cercano anche di sporcare l'immagine, la faccia di politici, giovani e meno giovani. E ottengono un risultato per due volte perché si appropriano delle istituzioni e quindi bisogna respingerli, e quando non ci riescono seminano comunque sfiducia. Ecco, la sfiducia è l'altra faccia della forza di intimidazione delle organizzazioni mafiose". Lo ha detto il presidente della Regione Puglia e candidato alla segreteria nazionale Pd, Michele Emiliano, in collegamento con la manifestazione 'Un 25 aprile per la legalità' che si tiene a San Severo (Foggia). Emiliano, ringraziando la consigliera regionale pugliese del Movimento 5 Stelle Rosa Barone per il lavoro di presidente della Commissione antimafia regionale, ha spiegato che "la Regione Puglia sta facendo uno sforzo che va al di là degli schieramenti politici per reagire contro il crimine organizzato".

18:1225 aprile: Venezia, tensioni tra no global e venetisti

(ANSA) - VENEZIA, 25 APR - Tensione, oggi, in Piazza San Marco a Venezia per il 25 aprile tra no global e nostalgici della Serenissima. Solo scontri verbali e situazione subito sedata e poi controllata dalle forze dell'ordine. I venetisti nostalgici della Serenissima, da anni, in occasione del 25 aprile, scendono a Venezia per la festa del patrono - San Marco - con bandiere che riproducono il Leone alato simbolo dell'evangelista e della città. La loro presenza è sempre stata contestata ma mai osteggiata in un giorno che è comunque di festa. Da parte loro i no global quest'anno hanno deciso di contestare questa presenza e sono giunti anche loro con la bandiera di San Marco, ma con la testa del leone incappucciata. I no global hanno steso uno striscione e urlato una serie di slogan tra cui "il 25 aprile non è una ricorrenza ora e sempre resistenza". La loro presenza ha indispettito qualche venetista e sono volati degli insulti tra le due fazioni.

18:09Cio: svolta ‘rosa’,il 38% dei membri commissioni ora è donna

(ANSA) - ROMA, 25 APR - Crescono le quote rosa nel Comitato olimpico internazionale. Il 38% dei membri delle commissioni del Cio è infatti ora costituito da donne: un dato che ha visto aumentare, dal 2013 a oggi, del 70% la partecipazione femminile nel'ambito delle istituzioni olimpiche: insieme è cresciuta anche la presenza da più aree geografiche, con l'aumento del numero dei membri provenienti da America, Africa e Asia, "garantendo così una rappresentanza continentale più globale e diversificata" fa sapere il Cio. "Questi cambiamenti sono in linea con l'attuazione dell'agenda Olimpica 2020 e dimostrano che una maggiore partecipazione delle donne e una rappresentanza continentale più diversificata sono le nostre priorità", ha spiegato il presidente del Cio, Thomas Bach. È stata creata anche una nuova "Commissione digitale e tecnologica" che serve da supporto alla sessione del Cio, alla commissione esecutiva e allo stesso presidente sulle questioni relative all'uso efficace e sicuro delle tecnologie digitali e dell'informazione.

17:5825 aprile: Decaro, dedico giornata a sindaco Lampedusa

(ANSA) - BARI, 25 APR - "Resistere significa andare controcorrente, avere il coraggio di essere un sindaco che non rinuncia ad accogliere, a discutere con i propri concittadini, a contrastare i subdoli tentativi del malaffare di insinuarsi nelle pratiche quotidiane, avere la forza di insegnare che non sempre la strada giusta è quella più breve o la più facile. Per questo voglio ricordare qui la mia collega sindaca di Lampedusa, Giusy Nicolini, insignita qualche giorno fa del premio Unesco per la pace. A lei, sindaco di frontiera, sempre in prima linea per difendere la libertà degli ultimi, dedico questo 25 aprile, giornata di memoria, di valore civile e di resistenza". Lo ha detto il sindaco di Bari e presidente Anci, Antonio Decaro, nel suo intervento alla cerimonia al Sacrario dei Caduti Oltremare di Bari per il 72/o anniversario della Liberazione dal nazifascismo. Dopo la cerimonia al Sacrario si è svolta una 'Passeggiata antifascista' per le strade di Bari vecchia.

Archivio Ultima ora