Ucciso giovane abruzzese nello Stato Carabobo

Pubblicato il 03 marzo 2016 da redazione

Pag 2

CARACAS – Il Venezuela è sempre più pericoloso. La delinquenza non fa sconti e l’eccidio di innocenti aumenta giorno dopo giorno. Nessuno può considerarsi a salvo e la nostra Collettività spesso è vittima della violenza. Dopo il vile omicidio di Dino Rubens Tomassilli, avvenuto appena quindici giorni fa, un’altra morte violenta addolora la nostra Collettività.

Anche in questa occasione si tratta di un giovane abruzzese: Matteo Di Francescantonio, 21 anni nato a Popoli (Pescara). Il movente, d’accordo alle prime indagini degli inquirenti, non sarebbe né il furto, né il sequestro. Stando a quanto trapelato, nonostante il riserbo delle Forze dell’Ordine, l’autore dell’assassinio potrebbe essere un rivale in amore.

Il giovane Di Francescantonio, dal Comune di Diego Ibarra dove viveva, si era trasferito recentemente nello “Stato Carabobo”, sulla costa dei Caraibi. Circa un anno fa, aveva deciso di raggiungere la madre in Venezuela e di restare nel Paese. E, difatti, poco a poco aveva trovato un lavoro e si era ambientato.

Secondo la prima ricostruzione fatta dagli inquirenti, Matteo ha salutato la madre martedì scorso, poco dopo le 21. Era sua intenzione raggiungere alcuni amici e andare a cena con loro. Ed invece l’agguato. Il giovane sarebbe stato freddato a colpi di pistola sparati da distanza ravvicinata. Praticamente a bruciapelo. Stando a indiscrezioni, Francescantonio non avrebbe nè reagito nè tentato la fuga. Ció farebbe suporre agli inquirenti che l’assassino potrebbe essere una persona conosciuta dalla vittima.

Il primo allarme è stato dato dalla stessa madre. La donna, visto il ritardo inconsueto del figlio, prima è andata a cercarlo a casa di vicini e amici. Poi, disperata, ha chiesto l’aiuto della polizia.

Il corpo senza vita del giovane connazionale di origine abruzzese sarebbe stato rinvenuto dalla polizia stessa, abbandonato in una zona non molto frequentata del quartiere di Los Jardines, a pochi chilometri di distanza da Victoria Street, dove Matteo Di Francescantonio abitava con la madre.

Gli inquirenti battono la pista della vendetta passionale ma, stando a quanto riferito alla Voce da fonti della polizia, per il momento l’indagine è aperta a ogni ipotesi.

Matteo Di Francescantonio è il secondo giovane connazionale di origine abruzzese ad essere stato ucciso dall’inizio dell’anno in Venezuela. Ed infatti, circa due settimane fa, nella città di Maracay, il giovane tassista Dino Rubens Tomassilli, appena 25 anni, originario di Pratola Peligna (L’Aquila), è stato ucciso da una banda di rapinatori che voleva rubargli la vettura.

Il giovane Rubens Tomassilli, da pochi mesi in Venezuela, sarebbe stato bloccato e minacciato con le armi lungo la superstrada che porta a Caracas. I malviventi gli avrebbero chiesto le chiavi della sua Chevrolet Spark di colore blu. Il connazionale si sarebbe opposto, avrebbe reagito e si sarebbe dato alla fuga.

I delinquenti, comunque, sarebbero riusciti a raggiungerlo e, senza esitare, gli avrebbero sparato in testa.
Le autorità di polizia sono tutt’ora sulle tracce dei malviventi che, pare, agiscano impunemente lungo la “Autopista Regional del Centro”.

La nostra Collettività costernata e rattristata per quanto accaduto ai due giovgani connazionali teme che, come tanti omicidi in Venezuela, anche questi passino ad ingrossare la lunga lista dei “cold case”, dei casi mai risolti. E, quindi, che i malviventi possano continuare a commettere impunemente crimini efferati.

Il Venezuela, assieme a Honduras, è considerato il Paese con l’indice di criminalità più alto al mondo ed anche quello tra i Paesi con l’indice di impunitá piú elevato. Stando all’Osservatorio Venezuelano per la Violenza, una delle Ong piú qualificate e autorevoli del Paese, nel 2015 le morti violente registrate nel Paese sarebbero state 27.875, ossia una media di 90 omicidi ogni 100.000 abitanti.

Per la Procuratrice, Luisa Orttega Díaz, invece, le morti violente lo scorso anno sono state 17.778. E cioè un tasso di omicidi di 58,1 ogni 100.000 abitanti. Una cifra comunque da capogiro che dimostra, senza ombra di dubbio, la pericolosità del Paese e di quanto sia indifeso e inerme il cittadino di fronte alla violenza della criminalità crescente.

Per L’Osservatorio Venezuelano per la Violenza, sono sei i fattori che possono spiegare l’incremento della violenza nel Venezuela. Tra di questi figura una maggiore presenza del crimine organizzato e lo scadimento dei Corpi della Sicurezza di Stato.

Ultima ora

23:52Calcio: Bari-Cittadella 4-2

(ANSA) - BARI, 20 OTT - Una vittoria che vale il (temporaneo) secondo posto in classifica: il Bari, nel secondo anticipo della decima giornata, davanti agli oltre quindicimila spettatori del San Nicola, ha battuto il Cittadella per 4-2, confermando il buon momento di forma con il terzo risultato utile di fila. La squadra di Fabio Grosso, dopo un avvio da incubo e un gol di svantaggio rimediato al 2' con una incornata di Salvi, è cresciuto arrivando a dilagare nel finale. Il pari dei pugliesi è arrivato al 20' con un colpo di testa di Basha; nella ripresa al 3' il vantaggio di Improta (settima realizzazione stagionale) al termine di una azione elaborata con ben cinque rapidi passaggi prima della conclusione che ha battuto il portiere Alfonso. Poi i veneti hanno avuto una occasionissima con Chiaretti al 9', ma Micai ha compiuto una prodezza. Il terzo centro è firmato da Galano (quinto gol) in contropiede, mentre il poker è siglato sempre Basha (doppietta). Al 37' Pasa ha accorciato le distanze per la squadra di Venturato.

23:51Somalia: premier,contro Shabaab sarà ‘stato di guerra’

(ANSA) - MOGADISCIO, 20 OTT - La Somalia decreta lo "stato di guerra" contro gli shabaab dopo l'attacco di sabato che ha fatto 358 morti. Lo ha reso il premier precisando che sarà lo stesso presidente ad annunciare una nuova offensiva contro gli estremisti islamici. Una fonte militare, coperta dall'anonimato, ha precisato che l'offensiva dovrebbe essere supportata dagli Stati Uniti.

23:10F1: Hamilton vola anche in seconde libere Usa, Vettel 3/o

(ANSA) - ROMA, 20 OTT - Lewis Hamilton si conferma il più veloce anche nella seconda tornata di prove libere del Gp degli Usa. Sulla pista di Austin, in Texas, il pilota della Mercedes ha fatto registrare il miglior tempo in 1'34"668, la Red Bull di Max Verstappen e la Ferrari di Sebastian Vettel, lontano oltre mezzo secondo dal leader mondiale. Quarta l'altra Mercedes di Valtteri Bottas: sesta la rossa di Kimi Raikkone, alle spalle della Red Bull di Daniel Ricciardo.

21:43Calcio: serie B, Cremonese-Brescia 2-0

(ANSA) - CREMONA, 20 OTT - La Cremonese vince il derby con il Brescia 2-0 e si porta momentaneamente a un punto dalla vetta. Successo meritato da parte dei grigiorossi che con un gol per tempo regolano i biancazzurri. Primo tempo denso di emozioni con il Brescia più vivace in avvio con Somma che colpisce il palo con un destro da fuori area. La Cremonese risponde poco dopo con un cross da destra di Almici deviato da Meccariello degli ospiti che colpisce in pieno la traversa. La Cremonese è più intraprendente e al 29' si presenta a tu per tu con il portiere del Brescia ma da due passi Mokulu calcia fuori. Il gol è nell'aria e arriva al 37' con una meravigliosa azione personale di Piccolo culminata con un diagonale perfetto. La Cremonese raddoppia nel secondo tempo con Claiton di testa su un corner di Piccolo da sinistra al 24'.

21:40Legale ex moglie Della Noce, sul lastrico per colpe sue

(ANSA) - MILANO, 20 OTT - Non è stata la separazione dalla moglie a gettare sul lastrico Matteo Della Noce, l'ex comico della trasmissione Zelig che da alcuni giorni non ha altra casa che la sua macchina: a precisarlo è l'avvocato Andrea Natale, legale della ex moglie, che accusa Della Noce di aver rilasciato "molte dichiarazioni che non corrispondono a verità". L'avvocato ricorda che la separazione è avvenuta nel 2007 e dal 2013 Della Noce ha smesso di dare "qualsiasi tipo di contribuzione" per il mantenimento dei figli e che "per oltre 12 anni ha avuto un'altra relazione affettiva, dalla quale è nata una terza figlia". "L'attore - spiega l'avvocato - irresponsabilmente ha sperperato quanto accumulato nei momenti più felici della propria carriera per ragioni che nulla hanno a che vedere con la separazione" e "anche nel momento in cui era all'apice della propria carriera, è sempre stato 'restio' ad adempiere ai propri obblighi di mantenimento dei figli".

21:18Calcio: Pallotta, club responsabili per pochi idioti

(ANSA) - ROMA, 20 OTT - "La cosa frustrante è che a volte negli stadi è sufficiente che un paio di elementi facciano qualcosa di stupido affinché questo poi, purtroppo, si rifletta negativamente sul 99,9% delle persone che non la pensa in quel modo e non farebbe mai qualcosa del genere. Sono episodi gravi e deplorevoli sempre e comunque, a prescindere da quello che possa essersi verificato l'altro giorno, il mio è un discorso di carattere generale. Dispiace che i club siano ritenuti responsabili per le azioni di pochi idioti in giro per il mondo". Così James Pallotta, presidente della Roma, alla radio americana 'SiriusXM' dopo la decisione dell'Uefa di aprire un fascicolo d'inchiesta per alcuni presunti cori a sfondo razzista dei tifosi giallorossi a Londra durante la partita di Champions League col Chelsea. Da Trigoria fanno sapere che dagli audio analizzati non si riscontrano tali cori e che, soprattutto, né l'arbitro dell'incontro né il delegato Uefa hanno segnalato nulla in merito.

21:07Referendum: Zaia, veneti non hanno più anello al naso

(ANSA) - VENEZIA, 20 OTT - "La gestione di questo paese è stata una gestione centralista e assistenzialista che ha devastato i conti pubblici. E quindi fanno paura i veneti che vanno al voto. Sa perché? Perché quei mezzadri veneti che per Roma hanno l'anello al naso, non ci stanno più con l'anello al naso. È l'ora del riscatto dei veneti". Lo ha detto il presidente del Veneto, Luca Zaia, intervistato da '24Mattino' su radio 24. "È l'ora di dimostrare - ha aggiunto - che noi siamo rispettosi della Costituzione. Ma bisogna dare più Stato per chi vuole più Stato, come la Sicilia, che non riesce a incassare 52 miliardi di tasse ed è evidente che ha bisogno di più Stato perché l'autonomia la gestisce male, e meno Stato dove ci vuole meno Stato".

Archivio Ultima ora