Libia: Prodi, guerra? E’ l’ultima cosa da fare

Pubblicato il 04 marzo 2016 da ansa

(ANSA) – GENOVA, 4 MAR – “La guerra è l’ultima cosa da fare, il problema libico è di una società sfrangiata con mille tensioni, con tribù, bande armate diverse. O c’è una vera unità che ti chiama, allora vai a ricostruire lo Stato, a fare la pace, oppure chiunque vada è nemico del popolo”. È l’indicazione di Romano Prodi, a Genova a Palazzo Ducale, per partecipare al Festival di Limes. “Sulla divisione in tre parti della Libia non ne vedo la possibilità o la convenienza. E’ vero che hanno una storia diversa le tre regioni, ma ormai lo Stato unitario c’è da molto tempo e le divisioni sono anche interne a queste tre regioni. Mi permetta di essere sospettoso che in caso di divisione o le potenze esterne o vicine potrebbero metterci la mano sopra”, ha aggiunto. “In Libia serve un governo di unità nazionale che rappresenti veramente il Paese”, ha sottolineato l’ex premier.

I commenti sono chiusi.

Ultima ora

11:03Violenza sessuale: abusava di figlia, condannato a 12 anni

(ANSA) - BOLZANO, 20 SET - Il tribunale di Bolzano ha condannato un uomo a 12 anni di reclusione, per aver abusato ripetutamente della propria figlia. Gli abusi, secondo l'accusa, erano iniziati nel 2009, quando la bimba aveva appena 5 anni e sono andati avanti per tre anni. I genitori all'epoca dei fatti erano già separati e il padre approfittava dei giorni nei quali si occupava della figlia. I fatti sono venuti alla luce, quando la bambina ha iniziato a rifiutare di andare da sua padre e ha raccontato tutto al tribunale dei minori, in presenza di una psicologa. La dichiarazione è stata ritenuta credibile. L'imputato, che ha invece sempre respinto ogni addebito, affermando di essere vittima di una vendetta dell'ex compagna, dovrà pagare una provvisionale di 50.000 euro a favore della figlia e di 10.000 euro a favore della donna. L'accusa aveva chiesto 20 anni di pena.

11:03Turchia: 2 agenti servizi segreti rapiti dal Pkk in Iraq

(ANSA) - ISTANBUL, 20 SET - Due agenti dei servizi segreti turchi sono stati rapiti da militanti del Pkk curdo in nord Iraq. A confermarlo, dopo diverse indiscrezioni apparse su media locali, è stato il ministro degli Esteri di Ankara, Mevlut Cavusoglu. La Turchia sta lavorando per il rilascio di "tutti i suoi cittadini che il Pkk ha rapito", ha spiegato Cavusoglu, negando tuttavia trattative dirette con il gruppo ribelle, che Ankara considera "terrorista". Secondo la stampa curda, gli 007 sarebbero finiti nelle mani della guerriglia il mese scorso durante un'operazione oltreconfine.

11:00Catalogna: Rajoy, unica risposta possibile

(ANSA) - MADRID, 20 SET - Il premier spagnolo Mariano Rajoy ha detto davanti al Congresso dei deputati dopo il blitz della Guardia Civil contro il governo catalano che la risposta alla sfida indipendentista di Barcellona "non può essere diversa da quella decisa". "A nessuno piace questa situazione, e a me neppure" ha aggiunto.

10:59Messico: Protezione civile si corregge, 217 morti

(ANSA) - ROMA, 20 SET - Il coordinatore nazionale della Protezione civile messicana, Luis Felipe Puente, ha rivisto al ribasso - da 248 a 217 - il bilancio delle vittime del terremoto che ha colpito il Paese ieri sera. Di queste, ha scritto in un tweet, 86 si contano a Città del Messico, 71 nello Stato di Morelos, 43 in quello di Puebla, 12 nello Stato del Messico, 4 in quello di Guerrero e una in quello di Oaxaca.

10:58Noemi:feretro nella camera ardente,nel pomeriggio i funerali

(ANSA) - SPECCHIA (LECCE), 20 SET - É stato trasferito stamani dalla casa della vittima alla camera ardente allestita presso il centro Capsda il feretro di Noemi Durini, la sedicenne uccisa il 3 settembre dal fidanzato 17enne. Ad accogliere il feretro il sindaco di Specchia Rocco Pagliara. Assieme a lui, nella camera ardente, ci sono molte persone arrivate per dare l'ultimo saluto alla sedicenne. La bara bianca era arrivata a Specchia ieri sera attorno alle 21, accolta da numerosi presenti in un religioso silenzio, interrotto solo dal grido di dolore dei nonni della giovane davanti alla casa in via Madonna Del Passo, dove Noemi abitava con la madre e dove si é svolta la veglia funebre in forma privata per volere della famiglia. Straziante l'abbraccio tra le lacrime alla bara della madre Imma. Da ieri sera in tutto il paese sono comparsi i manifesti funebri. Nel pomeriggio il funerale officiato dal vescovo della diocesi di Ugento-Santa Maria di Leuca, monsignor Vito Angiuli. A Specchia oggi è stato proclamato il lutto cittadino.

10:57Messico: oltre 4 milioni e mezzo di edifici al buio

(ANSA) - ROMA, 20 SET - Quasi 4 milioni e 600mila tra case, negozi e altri edifici sono senza elettricità in Messico. Lo riferisce la compagnia elettrica nazionale citata dai media locali. La gran parte delle abitazioni senza elettricità si trovano nella zona della capitale e negli Stati di Guerrero, Morelos, Puebla, Oaxaca, e Tlaxcala.

10:56Catalogna:gente in piazza contro blitz Guardia Civil

(ANSA) - MADRID, 20 SET - Decine di persone si stanno concentrando davanti alla sede del governo catalano nel centro di Barcellona per denunciare il blitz della Guardia Civil spagnola contro le istituzioni catalane. La folla grida "Indipendenza!", "Vogliamo essere liberi", "Vergogna!".

Archivio Ultima ora