A Valera l’incontro delle Associazioni italo-venezuelane

Pubblicato il 04 marzo 2016 da redazione

Ambasciatore-sindaco

VALERA. – La città dei sette colli, proprio come Roma. Così chiamano Valera località immersa tra le pieghe delle Ande venezuelane che accoglie i rappresentanti e i delegati delle Associazioni italiane in Venezuela in una bella giornata di sole e temperatura mite. Clima tipico di una cittadina che sta a circa 600 metri sul livello del mare, e che si stende tra fiumiciattoli e vegetazione subtropicale.

Il Centro Deportivo Italo-Venezolano è agghindato a festa, bandiere italiane sventolano nella piazzetta principale con i busti di Simón Bolívar e Giuseppe Garibaldi, dove il comitato di ricevimento saluta i delegati che arrivano a gruppi da Caracas e dalle altre città del Venezuela.

Il presidente del Centro, Giosuè Mandolfi, stringe mani, saluta con pacche sulle spalle e grande allegria.
Poi, dopo aver riunito tutti nel salone conferenze, saluta gli ospiti annunciando che durante la conferenza il sindaco di Valera offrirà le chiavi della città, dichiarandolo “cittadino onorario”, al nostro Ambasciatore Silvo Mignano che con la sua presenza conferisce all’incontro una particolare solennità.

Dopo le parole di benvenuto del presidente di Faiv, Carlo Villino, l’Ambasciatore Mignano approfitta l’occasione per esporre la sua visione del mondo globalizzato facendo riferimento alla cosiddetta “società liquida” teorizzata dal grande filosofo Zygmunt Bauman e che, come diceva Umberto Eco, recentemente scomparso, “richiede, per essere capita e forse superata, nuovi strumenti”.

Il nostro Ambasciatore ha spiegato come le società, a causa della globalizzazione, perdono i propri confini assumendo una “liquidità” che trasforma tutti in cittadini del mondo, emigranti alla ricerca di una nuova identità.

Concetti simili ha ribadito il sindaco di Valera, José Karkom Zoghby, di origine siriana, che ha sottolineato l’importante apporto della collettività italiana allo sviluppo del Venezuela ed in particolare della sua città, grazie al suo positivo inserimento in ogni settore, da quello della costruzione, al commercio e alla produzione agricola. Ha poi invitato l’ambasciatore Mignano ad effettuare una visita ufficiale con una delegazione di imprenditori italiani per far conoscere loro le potenzialità della zona, sita in un crocevia tra Maracaibo, Mérida e San Cristobal.

Prendeva quindi la parola il consigliere del Cgie per il Venezuela, Nello Collevecchio, per tracciare una panoramica della storia e dei successi di Faiv, che in tanti anni ha saputo cogliere l’essenza e soprattutto lo spirito d’unione e di solidarietà della nostra collettività. Ha quindi illustrato la situazione a volte disperata che vivono molti connazionali in questo momento delicato del paese, a causa della carenza di prodotti di prima necessità, ma soprattutto di medicine e ribadendo che, in ogni caso, le istituzioni italiane non li abbandoneranno mai.

Anche Jhonny Margiotta, presidente del Comites di Maracaibo, dopo un saluto agli invitati e un augurio di buon lavoro ha incontrato insieme all’ambasciatore Silvio Mignano, al presidente del Centro Deportivo di Valera, Giosuè Mandolfi, al consigliere del Cgie, Nello Collevecchio e al Console onorario di Valera, Giuseppe Saglimbeni, un gruppo di connazionali desiderosi di esprimere le proprie preoccupazioni e richieste.

Parallelamente il presidente della Camera di Commercio Venezolano-Italiana (Cavenit), Alfredo D’Ambrosio si rivolgeva ai delegati di Faiv prima con un breve escursus sulla storia e le attività della nostra Camera di Commercio e poi anticipando alcuni eventi da realizzare insieme alle associazioni tra cui spicca il Festival Italiano a Chacao, dal 2 al 5 giugno, in occasione della Festa della Repubblica italiana, celebrazione durante la quale teatro, musica e spuntini di prodotti italiani saranno “serviti” nella piazza Bolívar di Chacao in Caracas.

Filippo Vagnoni, presidente-fondatore della Fondazione Fundavag, portava come esempio della caparbietà, volontà di superamento e capacità delle maestranze costituite per la maggior parte da emigranti italiani, la realizzazione, in soli sei mesi, della magnifica opera dell’Hotel Humboldt, che ancora oggi sovrasta Caracas dalla cima dell’Avila. E, invitando a non emigrare di nuovo ma a rimanere nel Paese nonostante le difficoltà, elogiava il lavoro di un gruppo di giovani che recentemente ha preso l’iniziativa di raccogliere le testimonianze degli emigranti della prima ora.

A seguire, Antonella Pinto, presidentessa della Federazione dei Giovani Italo-Venezuelani (Fegiv), annunciava la preparazione di un Incontro dei giovani italo-venezuelani che si svolgerà dall’11 al 13 marzo presso la Casa d’Italia di Maracay, i cui dettagli verranno resi noti a breve.

Mentre l’assemblea di Faiv proseguiva con la presentazione della situazione finanziaria da parte del tesoriere Miguel Tortora, in un altro salone si svolgeva la riunione dei delegati sportivi dei Centri Italo-Venezuelani (Fedeciv), per raccogliere le opinioni sullo svolgimento dei prossimi Giochi Fedeciv, una mini-Olimpiade con gli atleti dei Centri Italo-Venezuelani. Ancora una volta è stata ribadita la volontà di effettuarli, ma bisogna ancora decidere in quale località. In questa occasione sono state consegnate targhe ricordo a ex-presidenti dell’istituzione che si sono distinti durante il loro mandato, tra cui Angelo Ragone di Maracaibo.

La riunione di Valera è stata un’occasione unica per capire la volontà di superamento della nostra collettività che anche nei momenti di maggiore crisi ritrova la grinta dei pionieri e affronta con decisione ogni ostacolo e difficoltà.

(EP)

Ultima ora

05:19Filippine: Eruzione vulcano Mayon, evacuazione di massa

(ANSA) - MANILA, 23 GEN - Sempre più intensa l'attività del vulcano Mayon, il più attivo delle Filippine, che sta eruttando fontane di lava mentre pennacchi di cenere alti fino a 700 metri escono dal cratere. Le autorità hanno avvertito che potrebbe essere imminente una violenta eruzione e hanno innalzato il livello di allerta a 4 su una scala di cinque. Oltre trentamila persone sono fuggite dai villaggi della provincia di Albay, dove si trova il vulcano, e hanno trovato rifugio negli alloggi dei centri di evacuazione predisposti dalle autorità. Secondo l'Istituto filippino di vulcanologia e sismologia, un'eruzione esplosiva potrebbe verificarsi entro poche ore. E' considerata di pericolo l'area fino a 8 km dal cratere, dove vivono migliaia di persone. Il fiume di lava ha già raggiunto i villaggi più vicini, colpiti anche da una pioggia di rocce e detriti. Al momento non si segnalano né morti né feriti. Molti voli sono stati cancellati, e l'intera area è stata interedetta al traffico aereo.

01:14Calcio: Liverpool battuto dall’ultima in classifica

(ANSA) - ROMA, 22 GEN - Una settimana dopo aver inflitto al Manchester City, dominatore della Premier League, la sua prima sconfitta in campionato, il Liverpool è riuscito nell'impresa di andare a perdere (1-0) sul campo dello Swansea, ultima in classifica, nel posticipo del 24/o turno. Si è così interrotta la striscia di 18 risultati utili consecutivi della formazione allenata da mister Jurgen Klopp, tra tutte le competizioni. La rete di Alfie Mawson, al 40', ha siglato uno dei risultati più inattesi della stagione e lasciato il Liverpool in quarta posizione, a -3 dal Chelsea.

00:50Calcio: Allegri, l’importante era restare in scia al Napoli

(ANSA) - ROMA, 22 GEN - "L'importante era vincere. Alla fine c'è stata un po' di ansia perché ci mancavano un po' le gambe. Abbiamo alle spalle sei giorni di lavoro importante ed i ragazzi l'hanno sentito. Potevamo chiudere la partita già nel primo tempo ed ancora con un paio di occasioni nella ripresa. Non ci siamo riusciti e quindi complimenti al Genoa". Massimiliano Allegri sa che la Juventus non ha giocato una partita entusiasmante, ma si prende i 3 punti grazie all'1-0, rete di Douglas Costa. "E' importante che la squadra vinca anche se Higuain non segna" ha commentato. Lotta scudetto riservata a Napoli e Juventus? "Il campionato è ancora lungo tutti quelli che ci stanno dietro possono ancora rientrare - ammette Allegri - Ora davanti (di un punto, ndr) abbiamo il Napoli e quindi era importante restargli in scia".

00:23Calcio: Douglas Costa, vittoria difficile ma importante

(ANSA) - ROMA, 22 GEN - "Sono contento del gol e di aver aiutato la squadra. Nel secondo tempo siamo un po' calati fisicamente, è stata difficile ma non abbiamo subito gol con grande sacrificio a parte di tutti: abbiamo portato a termine la partita in vantaggio e quello è l'importante". Le parole a caldo del giocatore juventino Douglas Costa dopo l'1-0 sul Genoa che ha riportato i bianconeri a -1 dal Napoli. "Mettere pressione al Napoli? Noi dobbiamo pensare solo a noi stessi e andare avanti senza guardare gli altri", ha aggiunto il centrocampista.

00:18Donna uccisa in agguato a Napoli, tre colpi al volto

(ANSA) - NAPOLI, 22 GEN - Una donna di 54 anni, Annamaria Palmieri, è stata uccisa in un agguato ed è stata trovata riversa in via del'Alveo Artificiale nel quartiere periferico di San Giovani a Teduccio a Napoli. Lo si apprende da fonti della Questura. Dai primi rilievi emerge che la donna è stata raggiunta da tre colpi di pistola al volto. La donna, rilevano le stesse fonti, aveva precedenti per reati contro il patrimonio, per droga e per associazione per delinquere. Agenti della Scientifica stanno operando nell'area del rinvenimento del corpo.

00:08Calcio: serie A, Juventus-Genoa 1-0

(ANSA) - ROMA, 22 GEN - La Juventus con il minimo sforzo batte il Genoa nel posticipo della 21/a giornata si serie A e tiene il passo del Napoli, vittorioso ieri a Bergamo. Di Douglas Costa, al 16', l'unica rete della partita, alla quale il Genoa non ha saputo replicare. I bianconeri, alla quarta vittoria di fila, seguono ad una lunghezza il Napoli, che comanda a quota 54, e hanno 10 lunghezze di vantaggio sulla terza, la Lazio. Il Genoa, reduce da tre risultati utili consecutivi, è fermo a 21 punti, +5 dalla zona retrocessione.

22:32Calcio: Marotta, quella su Balotelli è una bufala

(ANSA) - ROMA, 22 GEN - "Le voci su Balotelli? C'è affetto e stima per questo ragazzo, ma è una notizia da fantacalcio, una bufala. Quello di Balotelli è un profilo che non occorre alla Juventus". L'ad della Juventus, Giuseppe Marotta, prima di Juve-Genoa nega ogni interesse per l'attaccante del Nizza e anche per il giocatore della Lazio De Vrij: "non è un nostro obiettivo". Confermata invece la pista Emre Can. "L'interesse è chiaro - dice il dirigente a Premium Sport - vogliamo tentare di portarlo con noi, ma non è detto che ci riusciremo perché al momento ha un contratto con il Liverpool. Potrebbe rinnovarlo e oltretutto ci sono altre squadre su di lui".

Archivio Ultima ora