Liberi gli altri due italiani ostaggi dell’Isis

Pubblicato il 04 marzo 2016 da redazione

ostaggi

ROMA. – “Stiamo bene ma psicologicamente devastati, vogliamo tornare a casa”. Sono le prime parole da uomini liberi di Gino Pollicardo e Stefano Calcagno, i tecnici della Bonatti rapiti otto mesi fa in Libia insieme con altri due colleghi, che invece sono rimasti uccisi mercoledì. Adesso sono al sicuro, in attesa di un rapido rimpatrio. Non è chiaro, invece, se i due si siano liberati da soli o se in seguito ad un blitz di milizie locali di Sabrata contro un gruppo jihadista.

Numerosi sono i punti oscuri sulla dinamica che ha portato alla fine della loro prigionia, come anche alla tragica morte di Salvatore Failla e Fausto Piano. La notizia sulla liberazione di Pollicardo e Calcagno, diffusa dal quotidiano la Stampa, è stata confermata in tarda mattinata dalla Farnesina. I due, è stato spiegato, sono in buona salute e si trovano sotto tutela del Consiglio militare di Sabrata, città a ovest di Tripoli dove le milizie locali da giorni fronteggiano gruppi filo-Isis.

A tranquillizzare i familiari ci pensano i due tecnici, in un video che li ritrae seduti uno accanto all’altro, visibilmente dimagriti: “Sono Gino Pollicardo e sono qui con il mio collega Filippo Calcagno. Siamo in un posto sicuro, in un posto di polizia qui in Libia. Stiamo bene e speriamo di tornare urgentemente in Italia perché abbiamo bisogno di ritrovare la nostra famiglia”, spiegano. Su un biglietto, scrivono di stare “bene fisicamente ma psicologicamente devastati”. E riescono a parlare al telefono con i propri cari.

Fonti di intelligence hanno poi reso noto che presto saranno trasferiti in una ‘zona sicura’ e presi in consegna da agenti italiani che li riporteranno in patria. Saranno “restituiti immediatamente all’Italia una volta terminati gli interrogatori”, ha in serata riferito all’Ansa il capo del Consiglio militare di Sabrata Altaher Algrabli che ha aggiunto che i corpi di Failla e Piano arriveranno domani a Tripoli dove saranno “terminate le autopsie e le altre procedure”. Le salme “saranno rimpatriate nel più breve tempo possibile”, ha precisato.

La dinamica dei fatti, invece, è ancora tutta da chiarire. Il capo del Consiglio municipale di Sabrata, Hussein al-Zawadi, ha sostenuto che Pollicardo e Calcagno erano in mano ad un gruppo filo-Isis e sono riusciti a sfondare da soli la porta della casa in un cui erano tenuti prigionieri, nella parte nord-ovest della città. Allertati da vicini di casa sono poi intervenuti i miliziani locali che li hanno trovati in buone condizioni, anche se non mangiavano da una settimana.

Sempre da Sabrata, il capo del Consiglio militare Algrabli ha poi spiegato che la liberazione è avvenuta attraverso un blitz in un immobile vuoto, controllato da un altro gruppo dell’Isis rispetto a quello che deteneva i tecnici rimasti uccisi. Nel blitz, le milizie avrebbero messo in fuga i jihadisti, provocando la morte di tre uomini. Due donne che erano con loro hanno attivato le cinture esplosive e sono morte insieme a tre bambini. Anche sulla morte di Failla e Piano c’è poca chiarezza. Sempre secondo il sindaco di Sabrata, i due ostaggi sarebbero rimasti uccisi negli scontri tra jihadisti dell’Isis e truppe fedeli a Tripoli insieme a milizie alleate. Ma non è chiaro se siano morti nel loro ‘carcere’ o durante un conflitto a fuoco in mezzo al deserto, oppure se giustiziati con un colpo alla nuca o utilizzati come scudi umani.

Risposte importanti dovrebbero arrivare dall’autopsia disposta dalla Procura di Roma, non appena i corpi rientreranno in Italia. Allo stesso modo, Pollicardo e Calcagno potranno fornire informazioni decisive per scoprire da chi sono stati rapiti, lo scorso luglio, nel caos di un Paese senza pace da 5 anni in cui bande criminali, milizie rivali e gruppi jihadisti si contendono il territorio, utilizzando gli stranieri come merce di scambio per denaro o per guadagnare spazio politico.

Al momento, si registra il sollievo e la gioia per i familiari e gli amici di Calcagno e di Pollicardo, che aspettano di festeggiare il rientro dei propri cari. E all’opposto, il dolore e la rabbia tra i familiari di Piano e di Failla, che adesso pretendono spiegazioni. Ad esempio, come è stato possibile che l’uccisione dei loro cari e il rilascio dei colleghi sia avvenuto ad appena 24 ore di distanza.

(di Luca Mirone/ANSA)

Ultima ora

07:46Usa, amministrazione federale in shutdown

(ANSA) - WASHINGTON, 20 GEN - E' scattato alla mezzanotte ora di Washington (le 6 in Italia) il temuto 'shutdown', ovvero la chiusura degli uffici amministrativi federali negli Stati Uniti in seguito al voto al Senato contro il provvedimento per finanziare il bilancio di governo. In una corsa contro il tempo si sono tentati negoziati in aula che non hanno tuttavia portato ad alcun accordo prima della scadenza fissata. La Casa Bianca, nella prima reazione allo shutdown, punta il dito contro i democratici. La portavoce Sarah Sanders in un comunicato sottolinea: "Non negozieremo lo status di cittadini illegali mentre (i democratici) tengono i nostri cittadini ostaggio di richieste incoscienti". E continua: "Questo e' comportamento da ostruzionisti, non da legislatori".

22:17Turista tedesco cade da scala e muore

(ANSA) - BOLZANO, 19 GEN - Un turista tedesco di 62 anni è morto in Val Badia dopo essere caduto da una scala. L'incidente è avvenuto poco prima delle ore 18 nel rifugio Piz Sorega, a quota 2.000 metri, poco prima che gli impianti sciistici chiudessero. Vano l'intervento dei soccorritori dell'Aiut Alpin che sono giunti sul posto in elicottero. L'uomo è morto per un trauma cranico. Secondo i primi rilievi dei carabinieri, il tedesco sarebbe scivolato sulle scale interne della struttura, in quanto indossava gli scarponi da neve.

21:50Acquisizione Bari Calcio, Procura Bari indaga per estorsione

(ANSA) - BARI, 19 GEN - La Procura di Bari indaga sull'acquisizione della società Fc Bari 1908 da parte dell'attuale presidente Cosmo Antonio Giancaspro. A quanto si apprende l'inchiesta della Guardia di finanza, coordinata dal pm Bruna Manganelli, è stata aperta circa un anno e mezzo fa sulla base di una denuncia dell'ex presidente del Bari Calcio Gianluca Paparesta. Nel fascicolo il pm ipotizza i reati di estorsione contrattuale e usura. I fatti su cui sono in corso gli accertamenti degli inquirenti baresi risalgono al primo semestre del 2016. Al centro dell'indagine ci sarebbero l'ingresso di Giancaspro in società come socio di minoranza, un accordo sottoscritto fra i due soci per il pagamento di debiti pregressi e la successiva ricapitalizzazione della società calcistica da parte di Giancaspro. Paparesta contesta in sostanza le modalità di trasformazione dei crediti di Giancaspro in capitale sociale. La vicenda fu pubblicamente denunciata dallo stesso Paparesta nel novembre 2016 in una conferenza stampa.

21:38Calcio: Sportiello, Fiorentina si gioca posto in E.League

(ANSA) - FIRENZE, 19 GEN - "Le prime cinque in classifica fanno un campionato a parte. Noi, come Atalanta, Sampdoria, Torino, Milan e mettiamoci anche il Bologna, ci giochiamo un mini-campionato e abbiamo tutte le carte in regola per vincerlo, però sappiamo che lo dobbiamo dimostrare domenica dopo domenica". Per Marco Sportiello, ai microfoni dell'emittente Italia 7, per la Fiorentina domenica inizia un mini-campionato dove in gioco c'è un posto in Europa League. Alla squadra viola manca "una vittoria importante fuori casa, come può esserla quella del Ferraris. Ci manca uno 'strappo' - ha aggiunto Sportiello - perché è vero che nelle ultime otto partite abbiamo fatto belle prestazioni e abbiamo preso pochi gol, ma abbiamo fatto solo due vittorie e sei pareggi".

21:35Trump cerca di evitare lo ‘shutdown’

(ANSA) - WASHINGTON, 19 GEN - La Casa Bianca si sta preparando all'eventualità di uno 'shutdown', vale a dire la chiusura delle attività amministrative, nonostante continui i suoi tentativi per scongiurarlo. La Camera americana ha approvato una proroga a breve della legge di bilancio per evitare dalla mezzanotte di oggi (le sei in Italia) lo shutdown. Le prospettive del voto restano però incerte al Senato, dove i repubblicani hanno solo 51 voti dei 60 necessari e i democratici sono sulle barricate perché non è stato raggiunto un accordo né sui cosiddetti 'dreamers' né sul programma che garantisce la copertura sanitaria di nove milioni di bambini. Donald Trump ha telefonato al leader dem al Senato Charles Schumer invitandolo alla Casa Bianca per tentare di raggiungere un accordo per evitare lo shutdown.

21:30Spari in strada: Bitonto,bimbo ringrazia Cc e Ps con disegno

(ANSA) - BITONTO (BARI), 19 GEN - Un gesto di speranza a Bitonto mentre oltre 100 uomini, tra carabinieri e polizia, hanno messo oggi a soqquadro la zona ex 167 in seguito alle sparatorie avvenute il 30 dicembre culminate con l'omicidio di Anna Rosa Tarantino. Proprio mentre i carabinieri recuperavano, dietro ad un muro di cartongesso nel salone dell'abitazione di un uomo, quattro telecamere, due orientate su via Pertini e le altre due su via Spadolini, collegate a uno schermo al plasma da 55 pollici, un bambino si è avvicinato ai militari dell'Arma donando loro un disegno in cui erano ritratte un'auto della polizia e una vettura dei carabinieri. Un gesto fatto in segno di riconoscenza, con tanto di dedica e ringraziamento agli uomini delle forze dell'ordine. 'Grazie polizia e carabinieri che ci aiutate - ha scritto il bimbo - vi ringrazio del vostro lavoro Che Dio vi benedica'.

21:29Cile: storica chiusura progetto minerario per danni ambiente

(ANSA) - ROMA, 19 GEN - A cinque anni dall'inizio delle indagini, la Sovrintendenza dell'Ambiente del Cile ha emesso una storica risoluzione con la quale ha chiesto la chiusura definitiva del progetto minerario di oro e argento "Pascua-Lama" della canadese Barrick Gold, la più grande società al mondo per l'estrazione dell'oro. Lo riporta Diario Financiero. Nel procedimento sono stati identificati 33 elementi negativi a carico della società, tra i quali il fatto di aver prodotto un danno ambientale irreparabile all'area, situata a sud di Atacama, al confine tra Cile e Argentina. Tra le accuse contro il progetto minerario ci sarebbero lo scarico di acque acide, la distruzione della flora e il parziale monitoraggio ambientale e sociale. In precedenza c'è stato solamente un altro caso nel quale la Sovrintendenza cilena ha chiesto la chiusura definitiva di un progetto minerario, ed era legato al commercio illegale di minerali.

Archivio Ultima ora