Liberi gli altri due italiani ostaggi dell’Isis

Pubblicato il 04 marzo 2016 da redazione

ostaggi

ROMA. – “Stiamo bene ma psicologicamente devastati, vogliamo tornare a casa”. Sono le prime parole da uomini liberi di Gino Pollicardo e Stefano Calcagno, i tecnici della Bonatti rapiti otto mesi fa in Libia insieme con altri due colleghi, che invece sono rimasti uccisi mercoledì. Adesso sono al sicuro, in attesa di un rapido rimpatrio. Non è chiaro, invece, se i due si siano liberati da soli o se in seguito ad un blitz di milizie locali di Sabrata contro un gruppo jihadista.

Numerosi sono i punti oscuri sulla dinamica che ha portato alla fine della loro prigionia, come anche alla tragica morte di Salvatore Failla e Fausto Piano. La notizia sulla liberazione di Pollicardo e Calcagno, diffusa dal quotidiano la Stampa, è stata confermata in tarda mattinata dalla Farnesina. I due, è stato spiegato, sono in buona salute e si trovano sotto tutela del Consiglio militare di Sabrata, città a ovest di Tripoli dove le milizie locali da giorni fronteggiano gruppi filo-Isis.

A tranquillizzare i familiari ci pensano i due tecnici, in un video che li ritrae seduti uno accanto all’altro, visibilmente dimagriti: “Sono Gino Pollicardo e sono qui con il mio collega Filippo Calcagno. Siamo in un posto sicuro, in un posto di polizia qui in Libia. Stiamo bene e speriamo di tornare urgentemente in Italia perché abbiamo bisogno di ritrovare la nostra famiglia”, spiegano. Su un biglietto, scrivono di stare “bene fisicamente ma psicologicamente devastati”. E riescono a parlare al telefono con i propri cari.

Fonti di intelligence hanno poi reso noto che presto saranno trasferiti in una ‘zona sicura’ e presi in consegna da agenti italiani che li riporteranno in patria. Saranno “restituiti immediatamente all’Italia una volta terminati gli interrogatori”, ha in serata riferito all’Ansa il capo del Consiglio militare di Sabrata Altaher Algrabli che ha aggiunto che i corpi di Failla e Piano arriveranno domani a Tripoli dove saranno “terminate le autopsie e le altre procedure”. Le salme “saranno rimpatriate nel più breve tempo possibile”, ha precisato.

La dinamica dei fatti, invece, è ancora tutta da chiarire. Il capo del Consiglio municipale di Sabrata, Hussein al-Zawadi, ha sostenuto che Pollicardo e Calcagno erano in mano ad un gruppo filo-Isis e sono riusciti a sfondare da soli la porta della casa in un cui erano tenuti prigionieri, nella parte nord-ovest della città. Allertati da vicini di casa sono poi intervenuti i miliziani locali che li hanno trovati in buone condizioni, anche se non mangiavano da una settimana.

Sempre da Sabrata, il capo del Consiglio militare Algrabli ha poi spiegato che la liberazione è avvenuta attraverso un blitz in un immobile vuoto, controllato da un altro gruppo dell’Isis rispetto a quello che deteneva i tecnici rimasti uccisi. Nel blitz, le milizie avrebbero messo in fuga i jihadisti, provocando la morte di tre uomini. Due donne che erano con loro hanno attivato le cinture esplosive e sono morte insieme a tre bambini. Anche sulla morte di Failla e Piano c’è poca chiarezza. Sempre secondo il sindaco di Sabrata, i due ostaggi sarebbero rimasti uccisi negli scontri tra jihadisti dell’Isis e truppe fedeli a Tripoli insieme a milizie alleate. Ma non è chiaro se siano morti nel loro ‘carcere’ o durante un conflitto a fuoco in mezzo al deserto, oppure se giustiziati con un colpo alla nuca o utilizzati come scudi umani.

Risposte importanti dovrebbero arrivare dall’autopsia disposta dalla Procura di Roma, non appena i corpi rientreranno in Italia. Allo stesso modo, Pollicardo e Calcagno potranno fornire informazioni decisive per scoprire da chi sono stati rapiti, lo scorso luglio, nel caos di un Paese senza pace da 5 anni in cui bande criminali, milizie rivali e gruppi jihadisti si contendono il territorio, utilizzando gli stranieri come merce di scambio per denaro o per guadagnare spazio politico.

Al momento, si registra il sollievo e la gioia per i familiari e gli amici di Calcagno e di Pollicardo, che aspettano di festeggiare il rientro dei propri cari. E all’opposto, il dolore e la rabbia tra i familiari di Piano e di Failla, che adesso pretendono spiegazioni. Ad esempio, come è stato possibile che l’uccisione dei loro cari e il rilascio dei colleghi sia avvenuto ad appena 24 ore di distanza.

(di Luca Mirone/ANSA)

Ultima ora

21:10Battisti, ‘se sarò estradato in Italia mi uccideranno’

(ANSA) - BRASILIA, 23 OTT - Nel caso in cui fossi estradato in Italia, "gli agenti penitenziari italiani hanno detto che mi uccideranno": lo ha detto alla stampa brasiliana Cesare Battisti alla vigilia della riunione del Supremo Tribunale brasiliano, ricordando "l'odio alimentato in tutti questi anni da una parte dei media e dalle forze politiche italiane. Quelli che mi vogliono uccidere sono quelli che dovranno avere cura di me in carcere... ho paura della violenza fisica da parte dell'Italia", ha aggiunto l'ex terrorista dei Pac condannato all'ergastolo per quattro omicidi. Battisti ha tuttavia affermato: "Sto aspettando la risposta del Supremo Tribunal Federal, credo sarà positiva. Stiamo parlando della legge, e secondo la legge la mia estradizione è impossibile. Un decreto non può essere derogato dopo cinque anni" dall'approvazione, ha detto alla stampa brasiliana Battisti. Domani è in programma a Brasilia un'udienza dell'Alta corte che esaminerà l'habeas corpus richiesto dai legali di Battisti.

21:04Madagascar: epidemia di peste dilaga, oltre 100 morti

(ANSA) - ANTANANARIVO, 23 OTT - Ha passato la soglia dei 100 e non sembra aver ancora raggiunto il proprio picco l'epidemia di peste che sta colpendo il Madagascar. Lo ha riferito dirigente locale dell'organizzazione umanitaria Action Against Hunger, Olivier Le Guillou. Il numero di morti da quando l'epidemia è scoppiata ad agosto è salito a 102, ha detto il dirigente dell'organizzazione alzando così di oltre una decina di casi il bilancio aggiornato al 17 ottobre dato dall'Onu giovedì. La maggior parte dei quasi 1.300 malati hanno contratto la peste polmonare, più pericolosa e infettiva rispetto a quella bubbonica: è quasi sempre mortale se non curata e si trasmette per via aerea con colpi di tosse e starnuti. L'anno scorso c'erano stati 63 morti, ma nell'arco dell'intero anno e come conseguenza di sole 275 infezioni. Tra le prime vittime dell'epidemia che in Europa ricorda il Medioevo c'è stato anche un allenatore di basket delle Seychelles che stava partecipando a un torneo nella capitale.

20:40Ilva:Emiliano,tragedia polveri sottili non preoccupa governo

(ANSA) - BARI, 23 OTT - "Quei parchi minerari avrebbero dovuto essere coperti già da anni eppure si chiede da parte degli acquirenti Ilva una proroga per l'adozione di questa prescrizione indispensabile per salvare vite umane. Ma nessuno si preoccupa. Meno che mai il governo ed il Ministro Calenda, che addirittura non vuole la Regione Puglia ed il Comune di Taranto al tavolo Ilva per ricattare i lavoratori facendogli accettare esuberi e veleni senza il supporto della loro Regione e del loro Comune". E' un passaggio del post su Fb del governatore pugliese, Michele Emiliano, a corredo di un video delle polveri diffuse dal vento in una strada del quartiere Tamburi di Taranto. L'uomo, che ha fatto il video e che dice di essere un operaio Ilva, dice amareggiato: "Guardate i parchi minerari cosa hanno combinato, non si vede un c...Guardate, noi abbiamo i bambini...". "Oggi - scrive Emiliano - una vera e propria tragedia, le polveri sottili scagliate nell'aria dal vento a Taranto provenienti dai parchi minerari dell'Ilva".

20:14Turchia: si dimette anche sindaco Ankara

(ANSA) - ISTANBUL, 23 OTT - Il sindaco di Ankara, Melih Gokcek, esponente di spicco dell'Akp del presidente turco Recep Tayyip Erdogan, si dimetterà sabato prossimo, come chiesto proprio da Erdogan. Lo ha annunciato stasera sul suo profilo Twitter lo stesso Gokcek, che guida la capitale turca dal 1994. La decisione è giunta al termine di un nuovo faccia a faccia con il presidente, dopo settimane di resistenze alle sue richieste di lasciare la poltrona. Si tratta del quinto primo cittadino dell'Akp spinto alle dimissioni da Erdogan per "rinnovare" il partito, dopo quelli di Istanbul, Duzce, Nigde e oggi pomeriggio Bursa. I sostituti vengono eletti dai consigli comunali, mentre le prossime amministrative sono fissate in tutto il Paese nel 2019, come le parlamentari e le presidenziali.

20:12Insulti antisemiti: Lotti, “Fatto gravissimo”

(ANSA) - ROMA, 23 OTT - Il ministro per lo Sport Luca Lotti "condanna con forza il grave episodio" di antisemitismo che si è verificato allo stadio Olimpico. "Quello che è accaduto ieri sera è gravissimo, non ci sono giustificazioni: sono episodi da condannare, senza se e senza ma" ha affermato il ministro. "Sono certo che le autorità competenti faranno luce su quanto avvenuto e che i colpevoli saranno presto individuati e condannati" conclude il ministro Lotti.

20:11Calcio: Benevento esonera Baroni, arriva De Zerbi

(ANSA) - BENEVENTO, 23 OTT - Il Benevento, fanalino di coda in serie A con zero punti dopo nove giornate, ha esonerato il tecnico Marco Baroni. All'allenatore protagonista della cavalcata dei sanniti dalla B alla A la scorsa stagione, è risultata fatale l'ennesima sconfitta di questo avvio di campionato, il 3-0 rimediato ieri dalla Fiorentina tra le mura di casa. Al suo posto la società diretta dal patron Vigorito ha chiamato Roberto De Zerbi, l'anno scorso al Palermo per tre mesi prima di essere esonerato da Zamparini.

20:11Architetto Sarzana morto per colpo pistola in bocca

(ANSA) - GENOVA, 23 OTT - E' morto per un colpo di revolver calibro 38 sparato in bocca Giuseppe Stefano Di Negro, l'architetto spezzino di 50 anni trovato con il cranio fracassato sulle sponde di un torrente nel quartiere Braida di Sarzana (La Spezia) sabato sera. Il proiettile, pur provocando una profonda ferita nella zona occipitale del cranio, è stato ritenuto e trovato dal medico legale in sede autoptica. La polizia non esclude il suicidio. Sono in questura dove verranno sottoposti alla prova del guanto di paraffina i due ragazzi che sabato sera hanno trovato agonizzante l'architetto spezzino Giuseppe Stefano Di Negro. Secondo quanto appreso i due si sarebbero impossessati della pistola trovata accanto al corpo e l'avrebbero riconsegnata alla polizia dopo un lungo interrogatorio. I due potrebbero dover rispondere di aver alterato la scena del crimine.

Archivio Ultima ora