Kim brandisce arma nucleare in risposta alle sanzioni dell’Onu

Pubblicato il 04 marzo 2016 da redazione

kim

PECHINO.- L’ordine è perentorio: “Nei confronti dei nemici è ora di cambiare la posizione di contrattacco militare con un atteggiamento preventivo sotto ogni aspetto”. Kim Jong-un brandisce anche l’arma nucleare, invitando i suoi soldati a “tenerla pronta per essere usata in ogni momento”, dopo ‘l’onta’ delle nuove sanzioni contro la Corea del Nord decise mercoledì all’unanimità dal Consiglio di Sicurezza dell’Onu e le imminenti esercitazioni militari congiunte di Stati Uniti e Corea del Sud.

“L’unico modo di difendere la sovranità della nostra nazione e il suo diritto all’esistenza, vista la presente ed estrema situazione, è rafforzare ancora di più la nostra forza nucleare sia in qualità sia in quantità”, dice il leader in un dispaccio dell’agenzia ufficiale Kcna, che dà conto dell’ispezione sul campo in occasione del lancio di missili multipli.
A poche ore dalle sanzioni, il Nord ha sparato sei vettori a corto raggio finiti dopo circa 100-150 chilometri nel mar del Giappone.

“La situazione ha raggiunto una fase molto dannosa che non può più essere trascurata”, aggiunge il “giovane generale” in merito alle manovre annuali di Washington e Seul che vedranno schierato da lunedì uno staordinario combinato tecnologico e militare mai visto finora nella penisola coreana, tanto da preoccupare la Cina, in base agli allarmi dei media di Pechino.

A parte la tradizionale retorica, i margini di manovra per Kim e la Corea del Nord appaiono ristretti. La Cina, l’alleato storico, vuole marcare le distanze e gli editoriali della stampa governativa vanno in questa direzione (“il nucleare porterà Pyongyang su una strada morta”, ha scritto il Global Times), mentre anche i commenti del ministero degli Esteri sembrano improntati a un certo distacco e all’auspicio che le sanzioni siano l’avvio di un percorso di compromesso e di pace.

La Cina ha problemi più urgenti che dover assecondare un vicino così imprevedibile di cui è il principale sostegno: un Congresso nazionale del popolo che deve dare il via libera al piano quinquennale 2016-20 (quello per il corpo e la forma alla “nuova normalità” del presidente Xi Jinping); l’economia da riequilibrare; infine, la questione complessa come i contenziosi con i vicini nel mar Cinese meridionale che non necessitano di variabili come i sistemi americani anti-missile Thaad in Corea del Sud e le manovre navali tra India, Usa e Giappone vicino alle Filippine.

Le nuove sanzioni, le più dure contro Pyongyang negli ultimi 20 anni in risposta al test nucleare del 6 gennaio e al lancio del razzo/satellite del 7 febbraio, ammettono tra le altre cose le ispezioni su tutti i cargo riconducibili al Nord. Una nave nordcoreana è stata fermata dalla guardia costiera filippina senza che siano state trovate anomalie.

Il regime ha minacciato azioni severe: “Mobiliteremo diversi strumenti e modi a disposizione per avviare forti e spietate azioni, incluse quelle fisiche”, ha riportato ancora la Kcna, rilanciando la dichiarazione di un portavoce del governo. “Rigettiamo con decisione le sanzioni dell’Onu che valutiamo come la più sfacciata delle provocazioni possibili”.

(Antonio Fatiguso/Ansa)

Ultima ora

14:14M5S: via parlamentarie, “non si decide in segrete stanze”

(ANSA) - ROMA, 16 GEN - "Iniziano le parlamentarie del MoVimento 5 Stelle! Mentre tutti i partiti decidono nelle segrete stanze chi mettere nelle liste bloccate che si sono approvati con il Rosatellum, noi utilizziamo un metodo democratico e all'avanguardia in tutto il mondo: la votazione online e diretta da parte dei nostri iscritti. Tutti i candidati che troverete nelle liste hanno accettato il nostro Statuto e il nostro Codice Etico, che definisce regole chiare per evitare i voltagabbana e gli approfittatori, e ne rispettano i prerequisiti". E' quanto annuncia il blog di Beppe Grillo precisando che le primarie online avranno oggi e domani dalle 10 alle 21. "Nel caso si creasse, per la grande partecipazione, l'effetto di coda virtuale ai seggi nelle ultime ore che potrebbe causare difficoltà ad accedere al sito, la scadenza sarà prorogata e sarà possibile votare dalle 10 alle 14 di giovedì 18 gennaio", si legge ancora.

14:10Moscovici: Di Maio su 3%? ‘Controsenso assoluto’

(ANSA) - PARIGI, 16 GEN - La proposta di Luigi Di Maio di sfondare il tetto del 3% nel rapporto tra deficit e Pil "è un controsenso assoluto": lo ha detto il commissario Ue, Pierre Moscovici, rispondendo alle domande dei giornalisti in conferenza stampa a Parigi. "Sul piano economico - ha aggiunto - questa riflessione non è pertinente: il tetto del 3% ha un senso molto preciso, quello di evitare che il debito non slitti ulteriormente. Ridurre il deficit - ha martellato il responsabile Ue - significa combattere il debito e combattere il debito significa rilanciare la crescita".

14:08Lombardia: Salvini, per Cav Fontana inadeguato? Mai detto

(ANSA) - ROMA, 16 GEN - "Mai detto". Così il leader della Lega Matteo Salvini, a Radio Anch'io, rispondendo a chi sottolinea alcuni articoli di stampa secondo cui Silvio Berlusconi, in seguito alle parole sulla razza bianca dette da Fontana, candidato del centrodestra in Lombardia, avrebbe detto che l'ex sindaco di Varese è inadeguato.

14:03Moscovici, Fontana? Su razza bianca parole scandalose

(ANSA) - PARIGI, 16 GEN - "Scandalose": il vicepresidente della Commissione europea, Pierre Moscovici, in conferenza stampa a Parigi, ha commentato così le parole di Attilio Fontana, candidato del centrodestra in Lombardia, sulla razza bianca. Moscovici ha sottolineato che "i partiti illiberali, razzisti, estremisti, vanno combattuti sul terreno politico. Siamo delle democrazie, bisogna lasciare i popoli votare. Anche se sono parole ovviamente scandalose".

14:01Gdf Forlì sgomina associazione a delinquere, 8 arresti

(ANSA) - BOLOGNA, 16 GEN - Abusivismo finanziario, bancarotta fraudolenta, truffe - anche aggravate - realizzate mediante emissioni di garanzie fideiussorie false per oltre 200 milioni di euro, ricettazione ed appropriazione indebita. Questi i reati contestati dalla Guardia di Finanza di Forlì, ad una associazione a delinquere - attiva in Italia e all'estero - con l'operazione ribattezzata 'Mister James' e che vede in corso da parte delle Fiamme Gialle l'esecuzione di otto ordinanze di custodia cautelare: due in carcere e sei ai domiciliari. Gli accertamenti avviati dai finanzieri nel 2016, hanno portato a deferire all'autorità giudiziaria 34 soggetti e a delineare le ramificazioni e la struttura di una associazione a delinquere con sede nel territorio forlivese operava anche in Lombardia, Lazio, Campania e Sicilia attraverso più società e con flussi finanziari - segnalati dai presidi antiriciclaggio - dirottati anche su banche estere site nel Principato di Monaco e Malta.(ANSA).

13:56Farnesina segue caso imprenditore italiano in Messico

(ANSA) - ROMA, 16 GEN - L'Ambasciata d'Italia a città del Messico, in stretto raccordo con la Farnesina, segue con la massima attenzione il caso del connazionale Alessandro Bozzato, prestando ogni possibile assistenza al connazionale ed ai suoi familiari in Italia. Lo rende noto la Farnesina. L'imprenditore rodigino aveva chiesto aiuto alla sorella Erica, residente a Cavarzere (Venezia), sostenendo di essere in pericolo di vita. La sorella ha poi raccontato ai media di avere perso i contatti con lui.

13:51Autonomia: Chiamparino, presto intesa con regioni Nord

(ANSA) - TORINO, 16 GEN - "L'incontro col sottosegretario Bressa è stato molto positivo, si stanno attivando tavoli ulteriori rispetto a quello già attivo con Veneto, Emilia Romagna e Lombardia, e credo che presto arriveremo a un' intesa comune in tutte le cinque Regioni del Nord sulle materie che possono essere oggetto di autonomia. Naturalmente gli aspetti finanziari saranno sottoposti al nuovo governo e al nuovo Parlamento". Così il presidente della Regione Piemonte, Sergio Chiamparino, a margine del Consiglio regionale. Chiamparino era disponibile a fare comunicazioni in materia al Consiglio regionale, ma non ci sono state per la protesta del Movimento 5 Stelle, che ha lamentato la mancata disponibilità della Giunta a fare prima le comunicazioni sulla Sanità chieste dai pentastellati. "Il silenzio in aula - ha detto Chiamparino - non è una scelta mia, ho dato la mia disponibilità. Il Consiglio ha ritenuto che per ragioni procedurali non fosse il caso di farlo e mi adeguo a questa volontà. Però parlo come e quando voglio".(ANSA).

Archivio Ultima ora