Il Napoli supera 3-1 il Chievo e aggancia momentaneamente la Juventus al primo posto

Napoli's forward Jose' Callejon in action during the Italian Serie A soccer match between SSC Napoli and Chievo Verona at San Paolo Stadium in Naples, 5 March 2016. ANSA/ CIRO FUSCO
Napoli's forward Jose' Callejon in action during the Italian Serie A soccer match between SSC Napoli and Chievo Verona at  San Paolo Stadium in Naples, 5 March 2016.  ANSA/ CIRO FUSCO
Napoli’s forward Jose’ Callejon in action during the Italian Serie A soccer match between SSC Napoli and Chievo Verona at San Paolo Stadium in Naples, 5 March 2016.
ANSA/ CIRO FUSCO

NAPOLI. – Con la vittoria sul Chievo, il Napoli di Sarri è il migliore della storia dopo 28 giornate di campionato: gli azzurri hanno 61 punti, frutto di 18 vittorie, 7 pareggi e 3 sconfitte. A questo punto della stagione meglio di questo Napoli aveva fatto solo quello della stagione 1987/88 che aveva realizzato alla 28esima giornata 18 vittorie, 6 pareggi e 4 sconfitte per un totale, se ci fossero stati i tre punti per la vittoria, di 60 punti.

Intanto Gonzalo Higuain si avvicina la suo record personale di reti: è a quota 26 in campionato, a una lunghezza dai 27 gol che costituiscono il suo primato personale, realizzato con la maglia del Real Madrid nella Liga 2009/2010.

Il Napoli ed Higuain fanno 61. Sessantuno sono i punti in classifica, sessantuno sono i gol del Pipita in campionato da quando è in azzurro. Il Napoli sgrana il rosario dei grandi numeri della Serie A. La 26esima perla di Gonzalo sempre più capocannoniere solitario, il primo gol in campionato di Chiriches, l’undicesima rete stagionale di Callejon.

I Guerrieri di Sarri aprono il mese di marzo con tutti i sentimenti, rimontano i mussi clivensi e sfondano il tetto dei sessanta punti. Il sabato sera del San Paolo è un “rave party” a cielo aperto, le stelle di Fuorigrotta illuminano la squadra che sta battendo tutti i record della storia napoletana.

Si allunga il primato di punti nell’era dei tre punti: sono 61 in 28 giornate, con una media impressionante di oltre 2 punti a partita. Mancano ancora 10 giornate e l’iperbole tratteggia un sentiero di gloria che può riscrivere la storia.

Domenica si va a Palermo, per un altro posticipo notturno che trascinerà sull’isola la passione infinita del popolo azzurro…

Condividi: