Usa, spetta all’Italia decidere sull’impegno in Libia

Pubblicato il 07 marzo 2016 da redazione

italian-libia

ROMA. – Prima l’endorsement al ruolo guida dell’Italia in un eventuale intervento militare in Libia. Poi i ‘numeri’ sugli uomini che Roma potrebbe schierare. Ora gli Stati Uniti frenano: “Spetta all’Italia decidere e definire i dettagli del suo impegno” nel Paese nordafricano. E’ lo stesso ambasciatore americano a Roma, John Phillips, a tre giorni da un’intervista al ‘Corriere della Sera’ in cui parlava di 5.000 militari italiani da impegnare, a voler precisare il senso delle sue parole.

“Non si è trattato affatto di un suggerimento o di una raccomandazione da parte degli Stati Uniti”, si legge in una nota dell’ambasciata di Via Veneto. “Ho semplicemente detto – spiega quindi Phillips – che l’Italia ha pubblicamente indicato la sua volontà di inviare circa cinquemila italiani. Per quanto riguarda la preparazione e la tempistica, si tratta di decisioni che non sono state ancora prese”.

Una cifra, quella di 5.000 militari, evocata dal ministro della Difesa Roberta Pinotti oltre un anno fa, facendo un parallelo con il numero massimo di soldati inviati nella missione in Afghanistan. Ma dopo giorni di notizie che lasciavano pensare a un’accelerazione nella preparazione di un intervento anti-Isis, un freno era stato posto dal premier Matteo Renzi.

“La guerra non è un videogioco, è una cosa seria – ha detto a ‘Domenica Live’ da Barbara D’Urso -, e bisogna aver rispetto per le parole. Con cinquemila uomini a fare l’invasione della Libia, l’Italia con me presidente non ci va”.

L’opposizione critica la scelta del premier di aver parlato di Libia in tv, anziché in parlamento. Sarà invece Gentiloni a fornire mercoledì – prima al Senato, e poi alla Camera – un’informativa urgente sulla situazione nel Paese. Un appuntamento che era già stato convocato sin dalla scorsa settimana, e poi reso ancor più necessario dalla morte di due dei quattro tecnici della Bonatti rapiti a luglio.

In Aula il ministro ribadirà probabilmente quella che è la condizione necessaria senza la quale, per il governo italiano, una missione militare non è neanche ipotizzabile: e cioè, che sia un esecutivo libico unitario a chiederla. E su questo, assicura il Dipartimento di Stato a Washington, Italia e Stati Uniti sono “in totale sintonia”: “Rimaniamo stretti partner con l’Italia, a Roma abbiamo avuto diverse riunioni e stiamo lavorando a stretto contatto a sostegno della formazione di un governo di unità nazionale”, dice il portavoce Mark Toner, senza tuttavia nascondere che gli Usa hanno già compiuto alcuni raid contro leader dell’Isis in Libia perché in ballo c’era “la sicurezza nazionale”.

Il problema però è che il governo di unità mediato dall’Onu tarda a vedere la luce per l’incapacità del parlamento riconosciuto, insediatosi a Tobruk, di dare la fiducia alla squadra del premier designato Fayez Sarraj. Mentre dal canto suo la ‘rivale’ Tripoli – il cui governo filo-islamista rivendica di essere “l’unico legittimo” – ha già messo in chiaro di non voler interventi stranieri. “Cinquemila soldati italiani? Preferiremmo tecnici, dottori, ingegneri. Ci servono civili per ricostruire la Libia, non soldati per distruggerla”, ha ribadito il vicepremier della capitale Ahmed Amihimid al Hafar al Corsera, chiedendo invece “armi, munizioni e sostegno logistico” per combattere l’Isis da soli.

Sulle forze speciali già schierate sul territorio libico, è stato il sottosegretario alla Difesa, Nicola Latorre, a spiegare la norma contenuta nel decreto sulle missioni internazionali: “Qualora si debba intervenire in operazioni di interesse nazionale, come ad esempio supportare un’azione di liberazione di nostri connazionali sequestrati, oppure un’azione di intelligence che non preveda un’azione militare, si possono utilizzare reparti speciali delle forze armate, con le immunità funzionali di chi opera nei servizi di intelligence. Si tratta – ha sottolineato – di unità numericamente assai esigue, poche decine di persone che non agiscono dal punto di vista bellico”.

(di Laurence Figà-Talamanca/ANSA)

Ultima ora

12:56Incidenti stradali: investe e uccide 65nne poi fugge, preso

(ANSA) - BRESCIA, 15 DIC - È stato identificato e denunciato per omicidio stradale un automobilista bosniaco che la notte scorsa ha travolto e ucciso poco prima di mezzanotte a Esine un uomo di 65anni di Artogne, nel Bresciano, Giovanni Battista Fontana, per poi allontanarsi senza prestare soccorso. La vittima, che era a piedi, era stata trovata a terra agonizzante nei pressi dell'ospedale di Esine. Nessun testimone ha assistito all'incidente. L'automobilista è stato individuato e bloccato grazie ai filmati di alcune telecamere fisse. Deve rispondere di omicidio stradale, omissione di soccorso e fuga dopo incidente.(ANSA).

12:56Tennis: Itf Dubai, Errani sconfitta in semifinale

(ANSA) - ROMA, 15 DIC - Si ferma in semifinale la corsa di Sara Errani nel torneo Itf di Dubai (100 mila dollari di montepremi, cemento), negli Emirati Arabi Uniti: la 30enne romagnola, numero 143 del ranking mondiale, è stata sconfitta per 6-1 6-4 dalla svizzera Belinda Bencic, numero 98 Wta e quinta testa di serie. L'altra finalista è la croata Ajla Tomljanovic, numero 130 del ranking mondiale e settima testa di serie, che ha superato per 6-2 6-3 un'altra svizzera, Stefanie Voegele.

12:48Ubi: pm Bergamo, a processo tutti i 31 imputati

(ANSA) - BERGAMO, 15 DIC - Il pm di Bergamo Fabio Pelosi ha insistito nella richiesta di rinvio a giudizio per 31 imputati (30 persone fisiche e la stessa banca) per il caso Ubi. La Procura, nel corso dell'udienza preliminare, ha chiesto il processo, tra gli altri, per il banchiere Giovanni Bazoli e per il consigliere delegato Victor Massiah. Le accuse sono di ostacolo agli organismi di vigilanza e di presunte interferenze illecite in vista della formazione dell'assemblea del 2013. (ANSA).

12:43Nuoto: bene azzurri a Europei, Panziera in finale 200 dorso

(ANSA) - ROMA, 15 DIC - Buona mattinata per gli azzurri ai campionati europei di nuoto in vasca corta, in corso a Copenhagen. Margherita Panziera ha guadagnato la finale dei 200 dorso, con il quarto tempo, giungendo seconda in batteria alle spalle della campionessa ungherese Hosszu. Finale conquistata anche per le ragazze dei 200 farfalla, Alessia Pirozzi e Ilaria Bianchi. Grande risultato anche per le staffettiste della 4X50 sl, che vincono la batteria davanti a Francia e Polonia in 1.37"74 e volano in finale con il quarto tempo. In semifinale Arianna Castiglioni e Martina Carraro nei 100 rana. Semifinale raggiunta anche per Luca Dotto e Marco Orsi nei 50 sl uomini. Nei 100 rana maschili in semifinale Luca Pizzini, che vince la sua batteria e fa il primato personale in 58"93, anche se spaventa il 56"663 con cui l'olandese Kammkinga ha vinto la quarta batteria. In semifinale nei 100 rana anche Fabio Scozzoli in 57"31 e Nicolò Martinenghi, quest'ultimo con il tempo di 57"78 nuovo primato personale. (ANSA).

12:40Terrorismo: algerino arrestato dal Ros in stazione Foggia

(ANSA) - ROMA, 15 DIC - Arresto a Foggia per terrorismo internazionale: un cittadino algerino, Yacine Gasry, è stato rintracciato e fermato dai Carabinieri del Ros nella stazione ferroviaria della città in esecuzione di un provvedimento dell'Ufficio esecuzione penale della Procura generale di Napoli. L'uomo è stato condannato in via definitiva a quattro anni, nove mesi e 21 giorni di reclusione per associazione con finalità di terrorismo internazionale. Secondo l'accusa, avrebbe fatto parte di una rete che forniva sostegno logistico a formazioni terroristiche algerine. Gasry venne arrestato nel 2004, insieme ad altri stranieri, in seguito a indagini condotte dal Ros e coordinate dalla procura di Napoli dopo gli attentati dell'11 settembre. L'inchiesta riguardava una rete di supporto logistico del Fronte islamico di salvezza (Fis) algerino attiva in Italia tra le province di Napoli, Caserta, Vicenza e Milano.

12:37M5S: sindaca Dorgali annuncia su Fb, sono indagata

(ANSA) - NUORO, 15 DIC - La sindaca di Dorgali (Nuoro) Maria Itria Fancello, del Movimento 5 stelle, è indagata dalla Procura di Nuoro per turbativa d'asta. Lo ha annunciato lei stessa su Facebook, in nome di quella trasparenza richiesta dal suo partito. "Volevo informare i cittadini di Dorgali che mi è stata notificata una richiesta di proroga delle indagini da parte della procura di Nuoro - spiega - a quanto pare, insieme a mio marito, ex dipendente della cooperativa Ghivine, e all'assessore Fabrizio Corrias sono indagata per turbativa d'asta. Per quanto sono riuscita a ricostruire, non ho ricevuto avvisi di garanzia, né ero a conoscenza dell'attività, si tratterebbe della gara di aggiudicazione della gestione dei siti archeologici. Un bando che è stato pubblicato il giorno successivo all'insediamento del nuovo consiglio comunale. Per cui né io, né altri componenti della giunta abbiamo avuto nulla a che fare con la gara, assegnata da un'apposita commissione". "Ho fiducia nella giustizia - prosegue la prima cittadina di Dorgali - e mi sento confortata dal fatto di aver sempre agito per il bene dei cittadini. Ve lo dovevo per quella trasparenza che contraddistingue il MoVimento 5 Stelle. Vi terrò aggiornati." (ANSA).

12:32Brexit: Gentiloni, seconda fase non più facile della prima

(ANSA) - BRUXELLES, 15 DIC - "La seconda fase (dei negoziati sulla Brexit, ndr) non sarà più facile della prima": lo ha detto il premier Paolo Gentiloni, spiegando che ieri il Consiglio Ue ha "accolto con grande cortesia" la disponibilità espressa dalla premier britannica Theresa May nel suo intervento. Il summit Ue discuterà di Brexit questa mattina, senza la May. Ieri la premier ha "rivendicato la linea con la quale siamo riusciti ad arrivare all'intesa con la Commissione qualche giorno fa", ha spiegato Gentiloni, ribadendo che i leader Ue restano "consapevoli" delle difficoltà della seconda fase.

Archivio Ultima ora