Usa, spetta all’Italia decidere sull’impegno in Libia

Pubblicato il 07 marzo 2016 da redazione

italian-libia

ROMA. – Prima l’endorsement al ruolo guida dell’Italia in un eventuale intervento militare in Libia. Poi i ‘numeri’ sugli uomini che Roma potrebbe schierare. Ora gli Stati Uniti frenano: “Spetta all’Italia decidere e definire i dettagli del suo impegno” nel Paese nordafricano. E’ lo stesso ambasciatore americano a Roma, John Phillips, a tre giorni da un’intervista al ‘Corriere della Sera’ in cui parlava di 5.000 militari italiani da impegnare, a voler precisare il senso delle sue parole.

“Non si è trattato affatto di un suggerimento o di una raccomandazione da parte degli Stati Uniti”, si legge in una nota dell’ambasciata di Via Veneto. “Ho semplicemente detto – spiega quindi Phillips – che l’Italia ha pubblicamente indicato la sua volontà di inviare circa cinquemila italiani. Per quanto riguarda la preparazione e la tempistica, si tratta di decisioni che non sono state ancora prese”.

Una cifra, quella di 5.000 militari, evocata dal ministro della Difesa Roberta Pinotti oltre un anno fa, facendo un parallelo con il numero massimo di soldati inviati nella missione in Afghanistan. Ma dopo giorni di notizie che lasciavano pensare a un’accelerazione nella preparazione di un intervento anti-Isis, un freno era stato posto dal premier Matteo Renzi.

“La guerra non è un videogioco, è una cosa seria – ha detto a ‘Domenica Live’ da Barbara D’Urso -, e bisogna aver rispetto per le parole. Con cinquemila uomini a fare l’invasione della Libia, l’Italia con me presidente non ci va”.

L’opposizione critica la scelta del premier di aver parlato di Libia in tv, anziché in parlamento. Sarà invece Gentiloni a fornire mercoledì – prima al Senato, e poi alla Camera – un’informativa urgente sulla situazione nel Paese. Un appuntamento che era già stato convocato sin dalla scorsa settimana, e poi reso ancor più necessario dalla morte di due dei quattro tecnici della Bonatti rapiti a luglio.

In Aula il ministro ribadirà probabilmente quella che è la condizione necessaria senza la quale, per il governo italiano, una missione militare non è neanche ipotizzabile: e cioè, che sia un esecutivo libico unitario a chiederla. E su questo, assicura il Dipartimento di Stato a Washington, Italia e Stati Uniti sono “in totale sintonia”: “Rimaniamo stretti partner con l’Italia, a Roma abbiamo avuto diverse riunioni e stiamo lavorando a stretto contatto a sostegno della formazione di un governo di unità nazionale”, dice il portavoce Mark Toner, senza tuttavia nascondere che gli Usa hanno già compiuto alcuni raid contro leader dell’Isis in Libia perché in ballo c’era “la sicurezza nazionale”.

Il problema però è che il governo di unità mediato dall’Onu tarda a vedere la luce per l’incapacità del parlamento riconosciuto, insediatosi a Tobruk, di dare la fiducia alla squadra del premier designato Fayez Sarraj. Mentre dal canto suo la ‘rivale’ Tripoli – il cui governo filo-islamista rivendica di essere “l’unico legittimo” – ha già messo in chiaro di non voler interventi stranieri. “Cinquemila soldati italiani? Preferiremmo tecnici, dottori, ingegneri. Ci servono civili per ricostruire la Libia, non soldati per distruggerla”, ha ribadito il vicepremier della capitale Ahmed Amihimid al Hafar al Corsera, chiedendo invece “armi, munizioni e sostegno logistico” per combattere l’Isis da soli.

Sulle forze speciali già schierate sul territorio libico, è stato il sottosegretario alla Difesa, Nicola Latorre, a spiegare la norma contenuta nel decreto sulle missioni internazionali: “Qualora si debba intervenire in operazioni di interesse nazionale, come ad esempio supportare un’azione di liberazione di nostri connazionali sequestrati, oppure un’azione di intelligence che non preveda un’azione militare, si possono utilizzare reparti speciali delle forze armate, con le immunità funzionali di chi opera nei servizi di intelligence. Si tratta – ha sottolineato – di unità numericamente assai esigue, poche decine di persone che non agiscono dal punto di vista bellico”.

(di Laurence Figà-Talamanca/ANSA)

Ultima ora

11:35Fuori pericolo donna accoltellata a Bolzano

(ANSA) - BOLZANO, 26 MAR - E' fuori pericolo di vita la donna 30enne accoltellata e ferita gravemente sabato mattina in casa a Bolzano. Il marito, Khalid Ouassafi, 37 anni del Marocco, è stato arrestato dalla Polizia per tentato omicidio. L'aggressione si è svolta in prima mattina in un condominio dell'edilizia sociale nel quartiere Don Bosco. Come riporta la stampa locale, le liti in famiglia tra i due coniugi sarebbero state abbastanza frequenti e proprio durante una di questi liti, l'uomo avrebbe afferrato un coltello e si sarebbe scagliato contro sua moglie colpendola almeno due volte all'addome. Un figlio avrebbe disarmato il padre che in seguito era fuggito in cantina dove è stato poi arrestato. La donna fortunatamente è stata soccorsa con tempestività. E' ricoverata in gravi condizioni all'ospedale San Maurizio, ma è stata dichiarata fuori pericolo. (ANSA).

11:32Tir travolge operai in cantiere A10, due morti

(ANSA) - SAVONA, 26 MAR - Un tir ha sbandato, si è rovesciato ed ha invaso un cantiere nel tratto Savonese della autostrada A10 dove lavoravano alcuni operai. Due, secondo i vigili del fuoco, sono morti. Le persone coinvolte, sempre secondo i vigili del fuoco, sarebbero sette. L'incidente è avvenuto, poco dopo le 9, tra Albisola e Celle Ligure, in direzione di Genova, nello stesso punto dove ieri un camion era andato a sbattere contro il muro laterale della carreggiata prendendo fuoco e paralizzando il traffico per alcune ore. Il cantiere dove sono stati travolti gli operai "era regolarmente segnalato", fa sapere Autostrade, ed era stato allestito proprio per sistemare i danni causati dal precedente incidente. Sul posto sono intervenuti i vigili del fuoco, anche con l'elicottero, i sanitari del 118, diverse ambulanze, polizia stradale e personale di Autostrade. L'autostrada è stata chiusa al traffico e per chi transita in direzione Genova è stata consigliata l'uscita ad Albisola.

11:23Gaza: Hamas chiude frontiera dopo uccisione suo comandante

(ANSAmed) - TEL AVIV, 26 MAR - Hamas ha chiuso il valico di frontiera che porta ad Erez, confine con Israele, dopo l'uccisione nei giorni scorsi di Mazan Fukha, uno dei suoi maggiori comandanti. Il ministero dell'interno dell'organizzazione ha detto che il valico resterà chiuso fino a nuovo ordine. Fukha (38 anni) è stato ucciso venerdì scorso vino casa sua a Tel Hawa da colpi di arma da fuoco silenziati ed Hamas ha subito accusato Israele, che non ha confermato. Durante i funerali di Fukha ieri, più volte, secondo i media, la folla ha scandito slogan di "vendetta, vendetta". Fukha - condannato all'ergastolo in Israele per aver preso parte dalla Cisgiordania agli attacchi suicidi nella Seconda Intifada tra 2000 e 2005 - fu rilasciato nel 2011 nell'ambito dello scambio di oltre 1000 detenuti palestinesi in cambio del ritorno del soldato Gilad Shalit. Secondo i media, l'esercito israeliano attorno alla Striscia è in allarme per timori di rappresaglie di Hamas.

11:21Tortorella: ai funerali il Piccolo Coro dell’Antoniano

(ANSA) - MILANO, 26 MAR - I funerali di Cino Tortorella domani a Quinto Romano, alla periferia di Milano, saranno accompagnati dai canti del Piccolo coro dell'Antoniano di Bologna. Lo ha reso noto lo stesso Antoniano, precisando che il coro "Mariele Ventre" sarà diretto da Sabrina Simoni. "Questa presenza vuole rendere omaggio nel modo più semplice e sincero a chi per primo ha saputo valorizzare con uno strumento nuovo come quello della televisione il mondo dell'infanzia" sottolineano l'Antoniano. La camera ardente sarà allestita invece dalle 9 alle 13 presso il Piccolo Teatro Grassi, nella sede storica di via Rovello 2 a Milano. I figli Chiara, Guido, Davide e Lucia hanno fatto sapere tramite l'Antoniano che "chiunque voglia salutarlo è benvenuto".(ANSA).

11:12Marocco esce da impasse, accordo per squadra di governo

(ANSA) - RABAT, 26 MAR - Ha allargato la maggioranza a 6 partiti. Un accordo in gran velocità per far uscire il Marocco dal blocco che impediva di formare un nuovo governo. Saaheddine El Othmani, nuovo primo ministro incaricato, in meno di una settimana ha chiuso il cerchio sui possibili ministri: il predecessore, Benkirane, non era riuscito a farlo in cinque mesi di estenuanti consultazioni. Per ottenere 240 seggi sui 395 del parlamento, El Othmani del partito islamista Pdj (Partito dello sviluppo e della giustizia) conta sul sostegno compatto dei conservatori e cioè di RNI (Unione nazionale degli indipendenti), i liberali di Aziz Akhannouch, di UC (Unione dei costituzionalisti) di Mohamed Sajid di MP (Movimento popolare) di Mohaned Laenser, ma anche dei partiti di area socialista PPS(Partito del progresso e del socialismo) di Nabil Benabdellah e dell'USFP (Unione socialista delle forze popolari) di Driss Lachgar.

11:00Papa a Milano: area Monza già pulita e in ordine

(ANSA) - MILANO, 26 MAR - L'area del Parco di Monza dove ieri un milione di persone hanno presenziato alla messa del Papa, è già stata ripulita ed è perfettamente in ordine. "Sono stati bravissimi, sembra che non ci sia stato nessuno" ha dichiarato Maurizio Fetoni, responsabile tecnico logistico di una delle società che ha collaborato alla realizzazione dell'evento. La Curia ha tenuto a sottolineare che i fedeli hanno avuto grande rispetto e cura dell'ambiente attenendosi alle regole che erano state concordate con l'ente Parco e diffuse attraverso una capillare campagna di comunicazione. "Un sentito grazie a tutti i pellegrini per il rispetto che hanno portato al parco" ha ringraziato via twitter l'account ufficiale della Reggia di Monza. (ANSA).

10:53Allarme Australia, Isis prepara Califfato in sud Filippine

(ANSA) - ROMA, 26 MAR - L'Australia si "prepara" alla possibilità che lo Stato islamico proclami un 'Califfato' nel sud delle Filippine, man mano che i jihadisti vengono sconfitti in Medio Oriente. "C'è la preoccupazione che l'Isis possa insediarsi nel sud delle Filippine, con la minaccia che arriverebbe alle nostre porte", avverte il ministro degli Esteri Julie Bishop, citata dalla Bbc, appena rientrata dal vertice anti-Isis in Usa. Si stima che siano almeno 600 i jihadisti originari del sudest asiatico scampati al conflitto in Iraq e Siria che stanno rientrando nella regione. Nel sud delle Filippine è attivo il gruppo terroristico Abu Sayyaf che ha giurato fedeltà ad Abu Bakr al Baghdadi.

Archivio Ultima ora