Usa, spetta all’Italia decidere sull’impegno in Libia

Pubblicato il 07 marzo 2016 da redazione

italian-libia

ROMA. – Prima l’endorsement al ruolo guida dell’Italia in un eventuale intervento militare in Libia. Poi i ‘numeri’ sugli uomini che Roma potrebbe schierare. Ora gli Stati Uniti frenano: “Spetta all’Italia decidere e definire i dettagli del suo impegno” nel Paese nordafricano. E’ lo stesso ambasciatore americano a Roma, John Phillips, a tre giorni da un’intervista al ‘Corriere della Sera’ in cui parlava di 5.000 militari italiani da impegnare, a voler precisare il senso delle sue parole.

“Non si è trattato affatto di un suggerimento o di una raccomandazione da parte degli Stati Uniti”, si legge in una nota dell’ambasciata di Via Veneto. “Ho semplicemente detto – spiega quindi Phillips – che l’Italia ha pubblicamente indicato la sua volontà di inviare circa cinquemila italiani. Per quanto riguarda la preparazione e la tempistica, si tratta di decisioni che non sono state ancora prese”.

Una cifra, quella di 5.000 militari, evocata dal ministro della Difesa Roberta Pinotti oltre un anno fa, facendo un parallelo con il numero massimo di soldati inviati nella missione in Afghanistan. Ma dopo giorni di notizie che lasciavano pensare a un’accelerazione nella preparazione di un intervento anti-Isis, un freno era stato posto dal premier Matteo Renzi.

“La guerra non è un videogioco, è una cosa seria – ha detto a ‘Domenica Live’ da Barbara D’Urso -, e bisogna aver rispetto per le parole. Con cinquemila uomini a fare l’invasione della Libia, l’Italia con me presidente non ci va”.

L’opposizione critica la scelta del premier di aver parlato di Libia in tv, anziché in parlamento. Sarà invece Gentiloni a fornire mercoledì – prima al Senato, e poi alla Camera – un’informativa urgente sulla situazione nel Paese. Un appuntamento che era già stato convocato sin dalla scorsa settimana, e poi reso ancor più necessario dalla morte di due dei quattro tecnici della Bonatti rapiti a luglio.

In Aula il ministro ribadirà probabilmente quella che è la condizione necessaria senza la quale, per il governo italiano, una missione militare non è neanche ipotizzabile: e cioè, che sia un esecutivo libico unitario a chiederla. E su questo, assicura il Dipartimento di Stato a Washington, Italia e Stati Uniti sono “in totale sintonia”: “Rimaniamo stretti partner con l’Italia, a Roma abbiamo avuto diverse riunioni e stiamo lavorando a stretto contatto a sostegno della formazione di un governo di unità nazionale”, dice il portavoce Mark Toner, senza tuttavia nascondere che gli Usa hanno già compiuto alcuni raid contro leader dell’Isis in Libia perché in ballo c’era “la sicurezza nazionale”.

Il problema però è che il governo di unità mediato dall’Onu tarda a vedere la luce per l’incapacità del parlamento riconosciuto, insediatosi a Tobruk, di dare la fiducia alla squadra del premier designato Fayez Sarraj. Mentre dal canto suo la ‘rivale’ Tripoli – il cui governo filo-islamista rivendica di essere “l’unico legittimo” – ha già messo in chiaro di non voler interventi stranieri. “Cinquemila soldati italiani? Preferiremmo tecnici, dottori, ingegneri. Ci servono civili per ricostruire la Libia, non soldati per distruggerla”, ha ribadito il vicepremier della capitale Ahmed Amihimid al Hafar al Corsera, chiedendo invece “armi, munizioni e sostegno logistico” per combattere l’Isis da soli.

Sulle forze speciali già schierate sul territorio libico, è stato il sottosegretario alla Difesa, Nicola Latorre, a spiegare la norma contenuta nel decreto sulle missioni internazionali: “Qualora si debba intervenire in operazioni di interesse nazionale, come ad esempio supportare un’azione di liberazione di nostri connazionali sequestrati, oppure un’azione di intelligence che non preveda un’azione militare, si possono utilizzare reparti speciali delle forze armate, con le immunità funzionali di chi opera nei servizi di intelligence. Si tratta – ha sottolineato – di unità numericamente assai esigue, poche decine di persone che non agiscono dal punto di vista bellico”.

(di Laurence Figà-Talamanca/ANSA)

Ultima ora

10:12Stupri Rimini: indagine su mediatore verso la chiusura

(ANSA) - BOLOGNA, 22 SET - Nei prossimi giorni all'ex mediatore culturale di una cooperativa indagato a Bologna per istigazione a delinquere, dopo un post su Fb all'indomani degli stupri di Rimini, sarà inviato un avviso di chiusura indagine, atto che prelude alla richiesta di rinvio a giudizio. Lo ha fatto mettere a verbale il procuratore aggiunto Valter Giovannini, nel corso dell'interrogatorio del giovane pachistano, interrotto quando questi ha chiesto un interprete. Lo straniero aveva ricevuto un invito a comparire dalla Procura, dopo l'avvio dell'indagine sulle frasi pubblicate ("Lo stupro è peggio solo all'inizio") che gli sono costate il licenziamento. Si è presentato con due avvocati di fiducia ed è iniziata una fase preliminare dell'audizione, con le domande sulla generalità e sul suo arrivo in Italia, nel 2015. A quel punto gli è stato chiesto se comprendesse la lingua o se avesse bisogno di un'interprete: il pachistano ha risposto di non comprendere bene e di avere quindi la necessità di una traduzione. (ANSA).

10:11Caffè era arabico solo nel nome, sequestro da mezzo mln euro

(ANSA) - TORINO, 22 SET - Commercializzava caffè del Guatemala di qualità arabica, ma che del Paese centroamericano ben poco aveva. La guardia di finanza ha sequestrato in una azienda di Torino 10mila confezioni di caffè, in realtà provenienti da Vietnam e Uganda, e altre 100mila ancora da confezionare, per un valore complessivo di mezzo milione di euro. Sequestrato anche tutto l'occorrente per il confezionamento del caffè, macchinari compresi. Denunciato per frode in commercio il titolare, un sessantenne italiano, che rischia ora fino a tre anni di reclusione. Il caffè, che sulla confezione riportava come provenienza il Gautemala, uno dei Paesi più noti al mondo proprio per la qualità del caffè, di fatto, era composto da miscele asiatiche e, in minor percentuale, da altre provenienti dal sud-america. Inoltre, il prodotto era destinato ad un packaging, ad atmosfera protettiva, riportante un marchio contraffatto.(ANSA).

09:48Sgombero ex caserma, indagine chiusa per 11 attivisti Làbas

(ANSA) - BOLOGNA, 22 SET - Undici attivisti del collettivo bolognese Làbas sono accusati a vario titolo di resistenza e lesioni a pubblico ufficiale per i tafferugli nel giorno dello sgombero dell'ex caserma occupata in via Orfeo, l'8 agosto. La Procura di Bologna, secondo quanto riferito dalla stampa locale, ha inviato avvisi di fine indagine, atto che di solito precede la richiesta di processo, ai militanti identificati dall'informativa della Digos. Rischiano il processo gli attivisti che tentarono invano di impedire l'ingresso dei poliziotti. Furono sei gli agenti feriti, due con prognosi di 30 giorni mentre un funzionario della Digos ne ha avuti 15, colpito da una bottiglia e da un cerchione. Inchiesta chiusa, dunque, nel giro di un mese e mezzo. A sostegno delle ragioni di Làbas, ora alla ricerca di una nuova sede per riaprire le proprie attività, il 9 settembre è stato organizzato un corteo cittadino a cui hanno partecipato migliaia di persone. (ANSA).

09:47Caporalato: paga in base colore pelle, due arresti

(ANSA) - PAOLA (COSENZA), 22 SET - Due fratelli sono stati arrestati e posti ai domiciliari dai carabinieri della Compagnia di Paola nell'ambito di un'operazione contro il caporalato. I due, titolari di un'azienda agricola, sono accusati di intermediazione illecita e sfruttamento del lavoro, aggravati dalla discriminazione razziale. Da quanto accertato i due facevano lavorare in nero nella loro azienda migranti africani oltre a romeni e indiani e la paga variava in base al colore della pelle. I "bianchi", infatti, prendevano 10 euro in più degli altri, 35 euro contro 25 al giorno. I provvedimenti restrittivi sono stati disposti dal gip del Tribunale di Paola Maria Grazia Elia su richiesta della Procura della Repubblica nell'ambito di un'inchiesta sullo sfruttamento dei rifugiati ospitati nei centri di accoglienza. Ai due fratelli, di 48 e 41 anni, è stata anche sequestrata l'azienda ed altri beni per un valore di due milioni circa.

09:11Barcellona: arrestato sospetto legato ad attacchi

(ANSA) - ROMA, 22 SET - Un presunto jihadista collegato agli attacchi di Barcellona del mese scorso è stato arrestato a Vinaroz dalla Guardia Civil. Lo riferisce La Vanguardia. Il giovane, di 24 anni, avrebbe avuto un ruolo di supporto logistico, in particolare per reperire il materiale per costruire gli ordigni esplosivi.

04:26Corea Nord, possibile test bomba H in Pacifico

(ANSA) - PECHINO, 22 SET - La Corea del Nord potrebbe condurre il più potente test di bomba all'idrogeno nel Pacifico, tra le "azioni di più alto livello" contro gli Usa. E' l'ipotesi espressa dal ministro degli Esteri nordcoreano Ri Yong-ho in merito alle affermazioni del leader Kim Jong-un, che sta considerando iniziative in risposta al presidente americano Donald Trump e alla sua minaccia di "distruzione totale" del Paese asiatico.

01:37Corea del Nord, Kim: Trump è folle e pagherà per minacce

(ANSA) - PYONGYANG, 22 SET - Il leader nordcoreano Kim Jong-un ha definito Donald Trump "un folle" e ha aggiunto che il presidente statunitense "pagherà caro" per le sue minacce. Kim ha accusato Trump di non essere adeguato per ricoprire il ruolo di "comandante in capo di un Paese". Il capo del regime nordcoreano ha descritto il presidente Usa come "una canaglia e un bandito, desideroso di giocare con il fuoco". Le parole di Kim arrivano in risposta al bellicoso discorso fatto da Trump sulla Corea del Nord all'assemblea generale dell'Onu.

Archivio Ultima ora