Tutelare la stampa, Renzi minaccia il veto sulla Turchia

Pubblicato il 07 marzo 2016 da redazione

fuocoammare

BRUXELLES.- Senza un chiaro riferimento alla difesa della libertà di stampa nelle conclusioni del summit, l’Italia non firmerà alcun accordo con la Turchia. Il premier Matteo Renzi, secondo quanto riferito da fonti europee, minaccia di porre il suo veto durante il braccio di ferro durissimo tra l’Unione europea e la Turchia che segna questo vertice straordinario sull’emergenza migranti.

Il premier italiano pone un paletto chiarissimo, nel giorno in cui il governo di Ankara, a sorpresa, alza la posta del negoziato con Bruxelles, lanciando all’ultimo minuto nuove richieste. Proposte che sono state al centro dell’esame del Consiglio tutta la giornata, ma anche di un ‘minivertice’ cruciale a margine dei lavori, con la partecipazione del presidente del Consiglio, Matteo Renzi, della cancelliera Angela Merkel, del premier britannico David Cameron, del presidente francese François Hollande, del premier turco Ahmet Davutoglu e dell’Alto Rappresentante Federica Mogherini.

Secondo quanto riferiscono fonti del Consiglio, l’idea di una sorta di ricatto, posto dalla Turchia a un’Unione dilaniata dalla crisi migranti, non è piaciuta a nessuno. Anzi, pare che la mossa turca sia stata definita da tutti, compresa l’Italia, quanto meno eccessiva nel metodo e nel merito. Soprattutto alla luce del fatto che sull’argomento avevano lavorato in tanti, nei giorni scorsi, a partire del presidente del Consiglio Ue, Donald Tusk. Un lavoro delicato che è stato spazzato via dagli eventi.

Tuttavia, l’impegno di tutti, con il governo italiano in prima linea, a fianco soprattutto della Merkel e della Commissione, è quello di cercare una soluzione soddisfacente, in modo da consolidare Schengen. Un sentiero molto stretto, visto che non si vuole ‘mollare’ su tutta la linea rispetto alle richieste turche, ma d’altro canto bisogna evitare con tutte le forze una rottura con Ankara che potrebbe avere l’effetto immediato della chiusura delle frontiere.

Uno scenario drammatico se si pensa a ciò che potrebbe comportare nell’aggravamento della situazione sul campo in Grecia e lungo la rotta balcanica. Insomma, una trattativa lunga, estenuante e durissima. Come la traversata dei migranti che da mesi cercano di sbarcare in Europa attraversando il braccio di mare che separa le coste africane a Lampedusa.

E’ la tragica storia raccontata nel film documentario ‘Fuocoammare’, diretta da Francesco Rosi, che ha conquistato l’Orso d’Oro al Festival di Berlino. Quel giorno, così importante per il cinema italiano, Renzi annunciò che avrebbe regalato quel film ai suoi interlocutori di Bruxelles.

Ed è stato di parola: ha donato a tutti i leader presenti al Consiglio un dvd del film, con tanto di bigliettino con dedica, da “Cara Angela” a “Caro Donald” a “Caro Jean-Claude”. “Fuocoammare – scrive Renzi su Fb – racconta la poesia dell’accoglienza di Lampedusa”. Quel sentimento che è più facile trovare tra i cittadini delle tante Lampeduse d’Europa, che tra i capi di Stato e di governo.

(di Marcello Campo/ANSA)

Ultima ora

05:09Veglia ad Amatrice, 249 rintocchi di campana

(ANSA) - AMATRICE (RIETI), 24 AGO - Con una fiaccolata culminata con 249 rintocchi di campana, il numero delle vittime di Amatrice e Accumuli, sono iniziate questa notte le celebrazioni ad un anno esatto dal sisma che ha devastato una buona parte dell'Italia centrale il 24 agosto del 2016. Preceduta da una lettura delle biografie delle vittime, colma di commozione, la fiaccolata ha costeggiato la zona rossa di Amatrice, muovendo da piazza Sagnotti al parco don Minozzi. Qui sono stati suonati i 249 rintocchi e si è tenuta una veglia di preghiera celebrata dal vescovo di Rieti, monsignor Domenico Pompili, con i familiari delle vittime. Il sindaco di Amatrice, Sergio Pirozzi, ha quindi scoperto un monumento eretto al parco don Minozzi in ricordo dei morti.

00:21Terremoto: veglia Arquata, vescovo, ‘è notte del silenzio’

(ANSA) - ARQUATA DEL TRONTO (ASCOLI PICENO), 23 AGO - Un corteo silenzioso di persone, che si sono date appuntamento a Trisungo e hanno raggiunto Pescara del Tronto con dei bus, ricorda in una veglia di preghiera le 48 vittime del sisma di un anno fa nel territorio di Arquata. ''Per desiderio delle famiglie - ha spiegato il vescovo mons. Giovanni D'Ercole - questa è la notte del silenzio, dell'intimità, della memoria e della preghiera. È una notte per riflettere: domani sarà il giorno per progettare il futuro di questo territorio facendo tesoro degli errori del passato''. ''Sosteniamo familiari e superstiti e ringraziamo tutti coloro che si sono adoperati in questo anno'' ha aggiunto. Il luogo del raccoglimento è il parco dove i bambini di Pescara del Tronto giocavano, trasformato in obitorio a cielo aperto nelle prime terribili ore dopo il sisma. Accanto al vescovo il parroco di Arquata, don Nazzareno. Alle 3:36l, l'ora della scossa, la lettura dei nomi delle vittime, accompagnata dai rintocchi della campana della vecchia chiesa.

23:18Champions: Liverpool e Cska Mosca a fase a gironi

(ANSA) - ROMA, 23 AGO - Liverpool, Apoel Nicosia, Cska Mosca, Qarabag e Sporting Lisbona sono le ultime cinque squadre ad accedere alla fase a gironi della Champions League. Risultati delle gare di ritorno dei playoff: Liverpool-Hoffenheim 4-2 (andata 2-1); Slavia Praga-Apoel Nicosia 0-0 (andata 0-2); Cska Mosca-Young Boys 2-0 (andata 1-0); Copenaghen-Qarabag 2-1 (andata 0-1); Steaua Bucarest-Sporting Lisbona 1-5 (andata 0-0).

22:58Calcio: Niang, stress perché voglio decidere io dove giocare

(ANSA) - MILANO, 23 AGO - "Vorrei scegliere io dove andare a giocare e non gli altri". Mbaye Niang spiega così il proprio stato di stress, messo nero su bianco su un certificato che lo esonera dagli allenamenti con il Milan, presentato dopo il rifiuto di essere ceduto allo Spartak Mosca. "Ho ascoltato le parole di Montella in conferenza, vorrei solo dire che il calcio è sempre stato l'amore della mia vita ed è il mio mestiere - ha dichiarato l'attaccante francese al sito Milan news.it -. Mi sono sempre allenato con il sorriso, gioco nel Milan da cinque anni e pure i compagni possono testimoniarlo. Lo stress non è legato ad una situazione tecnica ma a quello che sta succedendo fuori dal campo, su come si stanno facendo le cose. Vorrei solo scegliere dove andare a giocare, vorrei sceglierei io e non gli altri. Non ho nulla contro il Milan e la società, vorrei solo spiegare la situazione".

22:23Incendi: Croazia, ancora critica la situazione in Dalmazia

(ANSAmed) - ZAGABRIA, 23 AGO - È ancora critica la situazione in vari luoghi della Dalmazia, specie nell'entroterra e su alcune isole, dove da alcuni giorni divampano vasti incendi nel cui spegnimento è impegnato praticamente l'intero corpo dei vigili del fuoco della Croazia, con l'aiuto dell'esercito. Negli scorsi giorni le fiamme hanno divorato centinaia di ettari di boschi, uliveti e macchia mediterranea nella zona di Zara e Sibenico, mentre oggi sono stati domati gli incendi sulle isole di Hvar, Brac e Mljet, in questo periodo affollate da turisti. A complicare le operazioni di spegnimento è il forte vento, ma anche il fatto che i vigili del fuoco devono lottare contro almeno 15 roghi in vari punti, spesso distanti tra loro. Per ora sono state evacuate un centinaio di persone da piccoli villaggi dell'entroterra dalmata. Non ci sono informazioni su feriti né su danni ad abitazioni o infrastrutture. Fino ad oggi la polizia croata ha arrestato cinque persone per incendio doloso, tra cui due minorenni.

22:19Barcellona: Isis celebra jihadisti,’colpire ancora’

(ANSA) - ROMA, 23 AGO - L'Isis ha pubblicato un video in cui celebra i jihadisti di Barcellona e fa appello per nuovi attentati. Lo riferisce il Site. Nel filmato, due jihadisti lanciano le nuove minacce in spagnolo. Il video è stato realizzato dalla 'provincia' siriana dell'Isis a est, nella regione di Dayr az Zor.

22:16Basket: torneo Acropolis, Italia-Serbia 65-73

(ANSA) - ROMA, 23 AGO - Si apre con una sconfitta contro la Serbia (73-65) il torneo dell'Acropolis per l'Italbasket di Ettore Messina, ma se non nel risultato la prestazione di Atene soddisfa il ct, che a meno di dieci giorni dal via dell'Europeo ha visto gli azzurri affrontare i più quotati avversari con una prestazione solida e di volontà. "Oggi la squadra ha fatto dei passi in avanti molto seri - ha sottolineato Messina -. Abbiamo avuto un ottimo atteggiamento per 40', dovendo affrontare quello che è un serio problema anche a livello Nba, ovvero marcare Boban Marjanovic. Abbiamo costruito buoni tiri, pur sbagliandone qualcuno di troppo nei momenti cruciali. Sono contento per i ragazzi per questa prestazione contro una squadra da medaglia". Domani sera l'Italia tornerà in campo all'Oaja per sfidare la Grecia padrona di casa.

Archivio Ultima ora