L’Ue allerta l’Italia sul peso del debito

Pubblicato il 08 marzo 2016 da redazione

Italian Finance Minister Pier Carlo Padoan, center, arrives for a meeting of eurozone finance ministers at the EU LEX building in Brussels on Tuesday, July 7, 2015.     (ANSA/AP Photo/Francois Walschaerts)

Italian Finance Minister Pier Carlo Padoan, center, arrives for a meeting of eurozone finance ministers at the EU LEX building in Brussels on Tuesday, July 7, 2015. (ANSA/AP Photo/Francois Walschaerts)

BRUXELLES – Allerta debito per l’Italia. Ma il premier Matteo Renzi rassicura escludendo ogni rischio manovra. E ribadisce che i conti pubblici italiani “non sono al sicuro, ma allo strasicuro”.
– Da quando ci siamo noi, se c’è una manovra – aggiunge lasciando Bruxelles – è finita l’epoca dei politici che alzano le tasse. Se ci sarà una manovra sarà per ridurre le tasse. Non c’è niente di cui aver paura.

Parole nel giorno in cui l’Eurogruppo, come previsto dall’agenda, torna a discutere della situazione dei conti pubblici dei paesi più a rischio di non rispetto delle regole, Italia inclusa. E arriva un nuovo ‘richiamo’, simile nei toni a quello contenuto nell’opinione di novembre sulla legge di stabilità, ma aggiornato alla situazione attuale: da novembre, scrive l’Euro-gruppo, “sono state prese misure che aumentano il deficit, e c’è un rischio di significativa deviazione dall’aggiustamento”.

Uno scostamento che “rimane anche se venisse accordato il massimo potenziale di flessibilità”. Non solo. L’Italia non rispetta la regola del debito né nel 2015 né nel 2016.
Ma il ministro dell’economia Pier Carlo Padoan non si allarma, e sottolinea come sia importante il fatto che ora lo stesso Eurogruppo riconosca che “il debito si è stabilizzato e che comincerà a scendere” nel 2016.

– Anche se – ammette – ci sono alcuni margini di aggiustamento che andranno sfruttati.
Fonti del Mef spiegano che il confronto con l’Euro-gruppo sui bilanci è stato costruttivo e che nella sostanza della dichiarazione finale non c’è nulla di nuovo. Del resto, “lo scostamento significativo” del deficit strutturale, che si deteriora dello 0,7% nel 2016 invece di migliorare dello 0,1%, faceva già parte dei rilievi della Commissione a novembre. E già allora Bruxelles chiese all’Italia di intervenire, in corso d’anno, per evitare che la deviazione porti ad un richiamo formale ed alla bocciatura delle richieste di flessibilità.

Invece l’Eurogruppo rileva che da novembre non sono state prese misure in tal senso. E nonostante riconosca che “il rapporto debito/pil si è stabilizzato nel 2015 e comincia a scendere nel 2016, l’alto debito resta motivo di preoccupazione”. Tanto che “in base alle previsioni d’inverno, l’Italia non rispetterà la regola del debito nel 2015 e 2016”.

Le preoccupazioni dell’Eurogruppo, che hanno riguardato anche Spagna, Austria, Portogallo, Lituania, Belgio e Slovenia, dovrebbero essere riprese anche dall’Ecofin, che pure tornerà a discutere dei Paesi a rischio. Questo mentre la Commissione darà i suoi giudizi sugli squilibri macroeconomici, lasciando l’Italia tra i Paesi con squilibri eccessivi ma che non richiedono interventi correttivi.

E alla volta di Roma e delle altre capitali con i conti sotto tiro, dovrebbero partire altrettante lettere che ricordano loro gli impegni presi. Ma non sarà un avvertimento, perché Bruxelles confida che il Governo italiano faccia qualche passo in più per ridurre il debito, e possa vedersi così la strada spianata alla concessione a maggio di tutta la flessibilità richiesta.

Il commissario agli affari economici Pierre Moscovici spiega che il confronto va avanti, e che “l’Italia sa cosa deve fare per essere in regola”. Di certo aiuta quello che definisce “nuovo clima, ma una cosa è il clima un’altra è la sostanza e a volte è differente”.

Dal canto suo Padoan ribadisce che l’obiettivo “è di continuare sulla strada che abbiamo imboccato da tempo: da un lato il sostegno alla creazione di occupazione attraverso investimenti e riforme che cambiano in modo strutturale le potenzialità del nostro Paese, dall’altro una gestione responsabile delle finanze pubbliche con l’obiettivo di ridurre progressivamente il debito”.

Ultima ora

00:24Calcio: Barcellona, Piquè, ‘Neymar rimane’

(ANSA) - ROMA, 23 LUG - "Se queda", ovvero "Rimane". Con questo tweet, che contiene una sua foto assieme a Neymar, il difensore del Barcellona Gerard Piquè annuncia che il compagno ha deciso di rimanere in maglia blaugrana, respingendo le proposte del Paris SG, che sarebbe disposto a pagare l'altissima clausola rescissoria, di 222 milioni, del contratto del brasiliano. Per ora non ci sono conferme ufficiali da parte di O Ney, o di suo padre Neymar senior, che ne cura gli interessi. Piquè è comunque, visto il suo carisma, un autentico leader del Barca, e spesso in passato ha parlato anche a nome degli altri giocatori della squadra che adesso è allenata da Ernesto Valverde.

22:39Calcio: Crotone ingaggia Izco, contratto annuale con opzione

(ANSA) - CROTONE, 23 LUG - Mariano Izco è un calciatore del Crotone. Il suo tesseramento è stato ufficializzato nella tarda serata dalla società calabrese. Il centrocampista argentino di 34 anni, che era svincolato dopo l'ultima stagione al Chievo, ha firmato con la squadra calabrese un contratto annuale con opzione sul secondo. Izco vanta un curriculum di tutto rispetto con quasi 300 presenze in Serie A avendo vestito le maglie del Catania per otto stagioni e quella del Chievo Verona negli ultimi tre anni. Il neo-acquisto ha già effettuato le visite mediche e ha raggiunto il gruppo nel ritiro di Moccone.

22:37Atletica: Mondiali Paralimpici, Caironi e Legnante d’oro

(ANSA) - LONDRA, 23 LUG - Italia ancora grande protagonista ai Mondiali di atletica paralimpica, chiusisi a Londra. Il 'bottino' della giornata conclusiva è stato di 2 ori, con Martina Caironi nel salto in lungo e Assunta Legnante nel peso, e un bronzo, quello della staffetta 4X100 T42/47. C'è voluto il sesto salto, a 4.72, per Martina Caironi, già sul trono del mondo pochi giorni fa per la vittoria sui 100 metri T42. Oggi nel lungo non ha tradito le aspettative, compiendo una spettacolare progressione finale. Argento alla giapponese Maegawa. Puntuale anche questa volta, Assunta Legnante ha 'toccato' il cielo con il peso, mettendosi al collo un altro oro, dopo quelli di Rio 2016, dei Mondiali 2015, degli Europei 2014, e di Londra 2012. La lanciatrice campana realizza 15.82 al 2/o tentativo e il distacco dall'uzbeka Burkanova, argento, è di oltre un metro. Sul podio sale anche la staffetta 4x100 uomini T42/47: per Di Marino, Manigrasso, Lanfri e Bagaini arriva anche, in 43.32, il nuovo record italiano, alle spalle di Usa e Germania.

22:06Calcio: amichevoli, Parma-Pieve di Bono 14-0

(ANSA) - PARMA, 23 LUG - Sono 14 (a zero) le reti segnate dal Parma nella sua prima uscita stagionale, in amichevole a Pinzolo (Trento), contro il Pieve di Bono che disputa il campionato di Prima categoria. Protagonisti Baraye e Calaiò, con due triplette, e doppietta per Nocciolini.

22:03Scherma: Mondiali, delusione Garozzo, bronzo? volevo l’oro

(ANSA) - LIPSIA (GERMANIA), 23 LUG - "Non ce la faccio a vedere il bicchiere mezzo pieno. Sognavo di vincere nel giro di un anno Olimpiadi, Europei e Mondiali. Sognavo questo grande Slam, però mi sono fermato ad un passo dal risultato. Non voglio sminuire questo bronzo, ma io qui ambivo all'oro e non l'ho raggiunto". Daniele Garozzo non rinuncia alla consueta sincerità nemmeno dopo essersi messo un'altra medaglia al collo, anche se non del metallo desiderato. "Ce l'ho messa tutta - continua l'azzurro del fioretto -, ma in semifinale ho sbagliato ad intestardirmi e a protestare con l'arbitro. Saito è stato bravo, è un ragazzo, ha 20 anni, lo conosciamo poco nel circuito perché ancora fa poche gare in Coppa del Mondo. Ma la colpa oggi è solo mia. Ricorderò a lungo questo assalto, ma adesso devo concentrarmi sulla gara a squadre. Ma dal punto di vista schermistico ho sbagliato io, e quindi sono deluso e amareggiato".

22:01Carceri: lite tra detenuti a Gorgona, uno è grave

(ANSA) - GORGONA (LIVORNO), 23 LUG - Un detenuto di 48 anni è ricoverato in gravi condizioni all'ospedale di Livorno dopo una lite con un altro ristretto nella casa di reclusione dell'isola di Gorgona. Sull'episodio, avvenuto nel pomeriggio, indagano gli agenti della polizia penitenziaria che sulla vicenda mantengono ancora il massimo riserbo. Il detenuto ferito che ha riportato un trauma cranico importante è stato trasferito dall'isola con l'elisoccorso. La tensione nell'isola-carcere è subito rientrata e già in serata la polizia penitenziaria ha fatto sapere che la situazione era tornata normale, pur senza fornire dettagli sui motivi che hanno innescato la lite violenta di qualche ora prima. Ieri il sindacato Fns Cisl aveva annunciato l'inizio dello sciopero della fame dei propri agenti iscritti per protestare contro l'amministrazione penitenziaria che "costringe" le guardie a vivere come reclusi senza alcun servizio esterno. (ANSA).

21:53Kenya:media,’italiana uccisa durante rapina in villa’

(ANSA) - ROMA, 23 LUG - Un'italiana è stata uccisa e suo marito ferito a Mombasa, in Kenya, durante una rapina nella loro villa. Lo scrive il sito Africa Express ma non ci sono ancora conferme da parte delle autorità italiane.

Archivio Ultima ora