Draghi stupisce con tassi a zero, arsenale da 2.200 miliardi

Pubblicato il 10 marzo 2016 da redazione

President of European Central Bank Mario Draghi  is on his way to a press conference following a meeting of the governing council in Frankfurt, Germany, Thursday, March 10, 2016.  The European Central Bank cut all its main interest rates, expanded its bond-buying stimulus program, and offered new cheap loans to banks, making an unexpectedly aggressive effort to boost inflation and economic growth in the 19 countries that share the euro.  (ANSA/AP Photo/Michael Probst)

President of European Central Bank Mario Draghi is on his way to a press conference following a meeting of the governing council in Frankfurt, Germany, Thursday, March 10, 2016. The European Central Bank cut all its main interest rates, expanded its bond-buying stimulus program, and offered new cheap loans to banks, making an unexpectedly aggressive effort to boost inflation and economic growth in the 19 countries that share the euro. (ANSA/AP Photo/Michael Probst)

FRANCOFORTE. – Mario Draghi stupisce ancora, trovando nella Bce il consenso su un potenziamento inatteso degli acquisti di debito, un taglio dei tassi e una spinta al credito bancario che non trova precedenti neanche fuori dall’Eurozona: l’arsenale è di oltre 2.200 miliardi di euro.

“Abbiamo mostrato che non ci mancano le munizioni”, dice il presidente della Bce: un segnale forte ai dubbi dei mercati su quanto le banche centrali possano ancora fare, accolto però con una fiammata iniziale delle borse poi andate giù: Milano chiude a -0,50% dopo aver superato il +2%, le altre piazze europee sono in negativo con un tonfo a Francoforte (-2,3%), l’euro anziché scendere vola a 1,12 dollari.

Pesano le parole di Draghi secondo cui, sulla base dei dati di oggi, i tassi Bce non dovrebbero più scendere. Lo spread è sceso fino a 104 dopo le decisioni di Francoforte per poi chiudere a quota 115. “Le misure approvate a stragrande maggioranza fanno piena giustizia della nostra volontà di agire”, spiega Draghi ai giornalisti.

“Immaginate se non avessimo fatto niente, incrociando le braccia e dicendo ‘nein zu allen’, no a qualsiasi cosa. Oggi ci ritroveremmo con una disastrosa deflazione”, aggiunge l’italiano togliendosi il sassolino dalla scarpa di fronte a certe rimostranze tedesche (le Sparkassen ancora oggi parlano di una nuova “dose di veleno”). Ma a differenza di occasioni passate, secondo quanto si apprende, non vi sarebbe stato un confronto serrato con la Bundesbank (che non aveva diritto di voto in base alla rotazione) nel consiglio Bce. Ma piuttosto un negoziato “costruttivo” sulle singole misure con appena due voti contrari sul solo Qe.

Il segnale è diretto a chi temeva che una fronda tedesca avrebbe spaccato il consiglio Bce legandogli le braccia; e a un’economia sfiduciata – europea e non solo – che rischia un avvitamento sulla deflazione: di pari passo con la crescita rivista in peggio, è drammatico il taglio delle stime d’inflazione da parte di Francoforte, che per quest’anno vede +0,1% da +1% di tre mesi fa e per il prossimo un magro 1,3%: il ritorno verso il 2% slitta al 2018 e ci aspetta “inflazione negativa nei prossimi mesi”, spiega Draghi.

Per l’italiano, poi, si trattava di riaffermare la fiducia nell’efficacia della Bce in una sorta di terza prova del fuoco dopo il “whatever it takes” del 2012 (e di quel 26 luglio Draghi indossava la stessa cravatta), la svolta del Qe l’anno scorso e la delusione con il più blando ‘Qe2’ dello scorso dicembre.

Tecnicamente ha funzionato: il Qe passa a 80 miliardi di titoli comprati al mese e si aggiungono ora anche i corporate bond, tanto da poter parlare di un vero e proprio ‘Qe3’ che fa lievitare il totale dell’intervento a 1.750 miliardi di euro. Scende nuovamente il tasso principale, da 0,05% a 0%. E scende, come da attese, quello sui depositi delle banche, a -0,40% da -0,30%.

E c’è la novità di quattro maxi-prestiti alle banche, i ‘Tltro2’, che rappresentano un unicum su scala globale per stimolare il credito all’economia: alle banche che presteranno al di sopra di un benchmark prestabilito, la Bce presta liquidità illimitata non più a tasso zero ma al tasso negativo sui depositi: in pratica le paga (al tasso dello 0,40%) per prendere a prestito purché reimpieghino i prestiti.

L’intervento complessivo vale 2.200 miliardi. La reazione dei mercati, però, solleva alcuni interrogativi. Se sia sufficiente l’azione delle banche centrali, innanzitutto: non è un caso che Draghi abbia ricordato che occorre l’azione dei governi. Se misure tanto forti da parte della Bce non nascondano preoccupazioni sul futuro, ora che il Fondo monetario internazionale si appresta nuovamente a tagliare le sue stime di crescita. E, probabilmente, anche se abbia senso per le banche centrali seguire le attese dei mercati che si fanno sempre più elevate.

(dell’inviato Domenico Conti/ANSA)

Ultima ora

21:15Totti: Monchi, col Genoa ultima in campo poi vedremo futuro

(ANSA) - ROMA, 23 MAG - "A Roma Totti è un idolo, domenica dirà addio alla carriera da calciatore nella partita contro il Genoa e vedremo quale sarà il suo futuro". In attesa che il diretto interessato riveli pubblicamente la propria scelta, il ds giallorosso Monchi ribadisce che per la società il tempo di Francesco Totti calciatore scadrà domenica con l'ultima di campionato all'Olimpico. "Francesco ha tanta esperienza e ciò basta per dare il suo contributo. Nel mio caso sicuramente avrò molto da imparare da lui - aggiunge l'ex dirigente del Siviglia all'emittente radiofonica spagnola Canal Sur Radio -. Per me è ancora una situazione strana vivere e lavorare a Roma. E' complicato e ho ancora dei sentimenti contrastanti. Il calcio in Italia e in particolare a Roma si vive in modo molto caldo, tutto quello che viene fatto è molto amplificato. In questo senso ricorda molto la Spagna, in particolare la questione legata ai tifosi".

21:13Morta triatleta tedesca travolta da camion in Romagna

(ANSA) - BOLOGNA, 22 MAG - E' morta all'ospedale Bufalini di Cesena Julia Viellehner, 31 anni, triathleta tedesca, rimasta vittima di un incidente stradale in allenamento al Passo delle Forche, nel forlivese, il 15 maggio. I suoi organi sono stati trapiantati. Lo ha reso noto un comunicato dell'Ausl di Romagna: "Si comunica che, alle ore 19.21 odierne, il Collegio Medico ha accertato il decesso dell'atleta tedesca Julia Viellehner, da lunedì 15 maggio ricoverata nel reparto di Terapia Intensiva 2 dell'Ospedale Bufalini di Cesena, a seguito del gravissimo politrauma subito nell' incidente stradale occorso in quella stessa data. La Direzione dell'Azienda Usl della Romagna desidera ringraziare la famiglia, che ha voluto dare corso alla volontà manifestata in vita da Julia , acconsentendo alla donazione di organi e tessuti prelevati a scopo di trapianto terapeutico". L'atleta tedesca era stata agganciata da un camion e trascinata sull'asfalto mentre si stava allenando in bicicletta. (ANSA).

20:41Rai: Di Maio, Campo Dall’Orto vada avanti

(ANSA) - ROMA, 23 MAG - "Come dice il M5s, se Campo Dall'Orto non va bene a Renzi è perché avrà detto qualche No di troppo, e chi dice No all'establishment per noi deve andare avanti". Lo ha detto il vicepresidente M5s della Camera, Luigi Di Maio, a Montecitorio.

20:39La 48^ Verzegnis Sella Chianzutan è gara-test per l’Alfa 4C

(ANSA) - ROMA, 23 MAG - La 48/a Verzegnis-Sella Chianzutan è la cronoscalata delle mille occasioni. Dopo il connubio con il 100° Giro d'Italia e aver annunciato il pienone di 250 iscritti, l'evento del 26-28 maggio organizzato dalla E4Run è confermato come gara-test per l'ammirata silhouette basata sull'Alfa Romeo 4C che domenica scorsa ha mosso i primi passi alla Sarnano-Sassotetto. Marco Gramenzi, pilota e promotore del nuovo progetto, e lo staff impegnato nella preparazione dell'auto hanno ricevuto gli ultimi elementi necessari all'effettivo completamento e ora il 5 volte campione italiano annuncia la sua presenza a Verzegnis, che del Campionato Italiano Velocità Montagna 2017 è terza prova, con validità per la FIA International Hill Climb Cup e per diverse altre serie nazionali ed estere. L'auto del driver teramano è denominata MG-AR1 Furore, monta un motore Zytek V8 3 litri di cilindrata proveniente dalla F.3000

20:36Calcio: studenti Firenze premiano Bernardeschi

(ANSA) - FIRENZE, 23 MAG - "Ringrazio i giovani che mi hanno votato e li invito a inseguire i loro sogni con umiltà e sacrificio". Lo ha detto Federico Bernardeschi ritirando oggi in Palazzo Vecchio il 36/o Trofeo Assi Giglio Rosso. Il n.10 della Fiorentina e della Nazionale è stato il più votato dai 3500 studenti delle scuole fiorentine, precedendo il compagno di squadra Federico Chiesa e la squadra della Fiorentina Women's, vincitrice della Serie A femminile. Intanto Bernardeschi continua ad essere al centro di voci di mercato, voci alimentate anche dal fatto che il giocatore non ha ancora risposto alla proposta di prolungamento avanzata qualche mese fa dalla società viola. Nel frattempo domenica si concluderanno le celebrazioni per i 90 anni della Fiorentina Prima del fischio d'inizio del match con il Pescara sfileranno in campo i protagonisti della stagione 2003/2004 che vide la Fiorentina di tornare in A a 2 anni dal fallimento dopo aver vinto lo spareggio di B con il Perugia.

20:21Ryder Cup: M5S incontra Montali

(ANSA) - ROMA, 23 MAG - Contatto: dopo mesi di polemiche, anche feroci, oggi c'è stato il primo incontro in Campidoglio tra il Movimento 5 stelle e il direttore generale del Progetto Ryder Cup Roma 2022 Gian Paolo Montali. Lo apprende l'Ansa. Alla riunione erano presenti, oltre a Montali, il presidente dell'Assemblea capitolina Marcello De Vito, l'assessore Massimo Colomban e il responsabile sport e portavoce del M5s alla Camera, Simone Valente. "Tengo a dire - spiega al telefono Valente - che resta la contrarietà politica alla decisione del governo di stanziare soldi sull'evento, ma c'è ampia disponibilità istituzionale a collaborare da parte della giunta M5s in Campidoglio".

20:18M5s, si vota in autunno solo se partecipiamo a stesura legge

(ANSA) - ROMA, 23 MAG -"Si vota in autunno solo se il M5s parteciperà alla scrittura della nuova legge elettorale, altrimenti senza numeri si candidano al Vietnam del Senato. Noi ci siamo anche per andare a votare il prima possibile". Così Luigi Di Maio risponde a chi gli chiede se preferisca la linea Salvini dell'ok a qualsiasi legge pur di andare al voto il prima possibile: "E allora perché si è tirato fuori dalla proposta M5s di discutere sulla base della proposta della Consulta?" ribatte e ripete: "La presenza del M5s nell'accordo sulla legge elettorale velocizzerà la procedura per indire nuove elezioni".

Archivio Ultima ora