Draghi stupisce con tassi a zero, arsenale da 2.200 miliardi

Pubblicato il 10 marzo 2016 da redazione

President of European Central Bank Mario Draghi  is on his way to a press conference following a meeting of the governing council in Frankfurt, Germany, Thursday, March 10, 2016.  The European Central Bank cut all its main interest rates, expanded its bond-buying stimulus program, and offered new cheap loans to banks, making an unexpectedly aggressive effort to boost inflation and economic growth in the 19 countries that share the euro.  (ANSA/AP Photo/Michael Probst)

President of European Central Bank Mario Draghi is on his way to a press conference following a meeting of the governing council in Frankfurt, Germany, Thursday, March 10, 2016. The European Central Bank cut all its main interest rates, expanded its bond-buying stimulus program, and offered new cheap loans to banks, making an unexpectedly aggressive effort to boost inflation and economic growth in the 19 countries that share the euro. (ANSA/AP Photo/Michael Probst)

FRANCOFORTE. – Mario Draghi stupisce ancora, trovando nella Bce il consenso su un potenziamento inatteso degli acquisti di debito, un taglio dei tassi e una spinta al credito bancario che non trova precedenti neanche fuori dall’Eurozona: l’arsenale è di oltre 2.200 miliardi di euro.

“Abbiamo mostrato che non ci mancano le munizioni”, dice il presidente della Bce: un segnale forte ai dubbi dei mercati su quanto le banche centrali possano ancora fare, accolto però con una fiammata iniziale delle borse poi andate giù: Milano chiude a -0,50% dopo aver superato il +2%, le altre piazze europee sono in negativo con un tonfo a Francoforte (-2,3%), l’euro anziché scendere vola a 1,12 dollari.

Pesano le parole di Draghi secondo cui, sulla base dei dati di oggi, i tassi Bce non dovrebbero più scendere. Lo spread è sceso fino a 104 dopo le decisioni di Francoforte per poi chiudere a quota 115. “Le misure approvate a stragrande maggioranza fanno piena giustizia della nostra volontà di agire”, spiega Draghi ai giornalisti.

“Immaginate se non avessimo fatto niente, incrociando le braccia e dicendo ‘nein zu allen’, no a qualsiasi cosa. Oggi ci ritroveremmo con una disastrosa deflazione”, aggiunge l’italiano togliendosi il sassolino dalla scarpa di fronte a certe rimostranze tedesche (le Sparkassen ancora oggi parlano di una nuova “dose di veleno”). Ma a differenza di occasioni passate, secondo quanto si apprende, non vi sarebbe stato un confronto serrato con la Bundesbank (che non aveva diritto di voto in base alla rotazione) nel consiglio Bce. Ma piuttosto un negoziato “costruttivo” sulle singole misure con appena due voti contrari sul solo Qe.

Il segnale è diretto a chi temeva che una fronda tedesca avrebbe spaccato il consiglio Bce legandogli le braccia; e a un’economia sfiduciata – europea e non solo – che rischia un avvitamento sulla deflazione: di pari passo con la crescita rivista in peggio, è drammatico il taglio delle stime d’inflazione da parte di Francoforte, che per quest’anno vede +0,1% da +1% di tre mesi fa e per il prossimo un magro 1,3%: il ritorno verso il 2% slitta al 2018 e ci aspetta “inflazione negativa nei prossimi mesi”, spiega Draghi.

Per l’italiano, poi, si trattava di riaffermare la fiducia nell’efficacia della Bce in una sorta di terza prova del fuoco dopo il “whatever it takes” del 2012 (e di quel 26 luglio Draghi indossava la stessa cravatta), la svolta del Qe l’anno scorso e la delusione con il più blando ‘Qe2’ dello scorso dicembre.

Tecnicamente ha funzionato: il Qe passa a 80 miliardi di titoli comprati al mese e si aggiungono ora anche i corporate bond, tanto da poter parlare di un vero e proprio ‘Qe3’ che fa lievitare il totale dell’intervento a 1.750 miliardi di euro. Scende nuovamente il tasso principale, da 0,05% a 0%. E scende, come da attese, quello sui depositi delle banche, a -0,40% da -0,30%.

E c’è la novità di quattro maxi-prestiti alle banche, i ‘Tltro2’, che rappresentano un unicum su scala globale per stimolare il credito all’economia: alle banche che presteranno al di sopra di un benchmark prestabilito, la Bce presta liquidità illimitata non più a tasso zero ma al tasso negativo sui depositi: in pratica le paga (al tasso dello 0,40%) per prendere a prestito purché reimpieghino i prestiti.

L’intervento complessivo vale 2.200 miliardi. La reazione dei mercati, però, solleva alcuni interrogativi. Se sia sufficiente l’azione delle banche centrali, innanzitutto: non è un caso che Draghi abbia ricordato che occorre l’azione dei governi. Se misure tanto forti da parte della Bce non nascondano preoccupazioni sul futuro, ora che il Fondo monetario internazionale si appresta nuovamente a tagliare le sue stime di crescita. E, probabilmente, anche se abbia senso per le banche centrali seguire le attese dei mercati che si fanno sempre più elevate.

(dell’inviato Domenico Conti/ANSA)

Ultima ora

01:51Rigopiano:da hotel solo morti,altri 3.Bilancio sale a 9

(ANSA) - PENNE (PESCARA), 24 GEN - Continuano senza sosta le ricerche di superstiti tra le macerie dell'hotel Rigopiano a Farindola che ieri in tarda serata ha restituito 4 cadaveri: uno é della vittima individuata ieri, due sono un uomo e una donna ancora da identificare e l'ultimo é quello di Linda Salzetta, l'estetista del Rigopiano e sorella di Fabio, il tuttofare dell'hotel. Ormai i morti sono nove. E i dispersi sono ancora 20.

23:29Calcio: Coppa Africa, Senegal e Tunisia ai quarti

(ANSA) - ROMA, 23 GEN - Senegal e Tunisia promosse ai quarti della Coppa d'Africa, Zimbabwe e Algeria a casa. Così hanno deciso gli incontri del terzo ed ultimo turno del gruppo B del torneo in corso in Gabon. Il Senegal ha pareggiato 2-2 con l'Algeria ed ha vinto il gruppo. Nei quarti affronterà il Camerun. Spettacolare 2-4 tra Zimbabwe e Tunisia. Quest'ultima, come seconda, incrocerà il Burkina Faso.

22:27Calcio: Niang-Ocampos, idea scambio prestiti fra Milan-Genoa

(ANSA) - MILANO, 23 GEN - M'Baye Niang al Genoa e Lucas Ocampos al Milan. I due club starebbero lavorando sull'ipotesi di scambiarsi questi giocatori in prestito fino al termine della stagione, e secondo quanto filtra, l'epilogo della vicenda dipende soprattutto dalla volontà dell'attaccante francese, che ha già giocato al Genoa in prestito per sei mesi due stagioni fa, trovando spazio e gol che al Milan gli mancavano. La soluzione è tornata di attualità ora che l'attaccante francese sta vivendo un momento opaco e in rossonero rischia di trovare meno spazio per l'arrivo di Gerard Deulofeu. L'ad del Milan Adriano Galliani nel tardo pomeriggio ha annullato la sua partecipazione alla presentazione del libro di Ruud Gullit perché, secondo quanto filtrato, impegnato in un'operazione di mercato. E l'affare in questione sarebbe proprio lo scambio con il Genoa del suo amico Enrico Preziosi.

22:24Calcio: Rugani, pronti alla rivincita contro il Milan

(ANSA) - TORINO, 23 GEN - "Il passo falso di Firenze ci ha fatto bene, lo abbiamo dimostrato con la Lazio. E ora siamo pronti alla rivincita contro il Milan: le due sconfitte con i rossoneri, in campionato e in Supercoppa, ci hanno lasciato l'amaro in bocca, vogliamo assolutamente vincere". Così Daniele Rugani, che contro i rossoneri dovrebbe giocare dall'inizio, a Jtv, il canale tv bianconero. "Entriamo - ha detto il difensore bianconero - nella fase cruciale della stagione, dobbiamo dimostrare di essere solidi, per continuare a crescere e migliorare. Roma e Napoli sono pericolose, specie i giallorossi che hanno trovato una grande solidità difensiva". "Sappiamo - ha aggiunto Rugani - di dovere crescere, anche tecnicamente, per arrivare in fondo alla Champions: il segreto sta nel mettersi sempre in discussione ed essere a disposizione, poi i risultati arrivano".

22:10Province: Sardegna si ribella a taglio nazionale su risorse

(ANSA) - CAGLIARI, 23 GEN - Il Consiglio nazionale dell'Anci ha già detto che non darà l'intesa al decreto del presidente del Consiglio che taglia circa 60 milioni alle Province sarde e alla Città metropolitana di Cagliari e ora la Regione si prepara alla battaglia arrivando anche a proporre un ricorso se il Dpcm dovesse essere adottato. E' quanto emerso al termine della riunione di questa sera tra l'assessore degli Enti locali Cristiano Erriu, quello della Programmazione, Raffaele Paci, il presidente del Cal Sardegna, Andrea Soddu, il presidente regionale dell'Anci, Pier Sandro Scano, e il sindaco metropolitano di Cagliari, Massimo Zedda. E' stato proprio Zedda, che siede nel Consiglio nazionale dell'Anci, a annunciare la decisione dell'associazione che non dovrebbe dare l'intesa al decreto nella conferenza unificata Stato-Regioni in programma giovedì. "Ci opporremo in tutte le sedi - ha spiegato Erriu - viene a mancare un'importante somma che non permette agli enti locali sardi di espletare le proprie funzioni".

22:09Formazione: deputato Genovese condannato a 11 anni

(ANSA) - MESSINA, 23 GEN - Francantonio Genovese, ex parlamentare del Pd poi passato a Forza Italia, è stato condannato a 11 anni dal tribunale di Messina al processo - che vede altri 22 imputati - scaturito dall'operazione 'Corsi d'oro' sull'uso illecito di finanziamenti erogati dalla Regione siciliana a enti della formazione professionale. Il cognato di Genovese, Franco Rinaldi, ex deputato regionale del Pd e ora di FI, ha avuto una condanna a due anni e mezzo. Tra gli altri condannati anche le sorelle Schirò: Chiara, moglie di Genovese, ha avuto 3 anni e 3 mesi; Elena, moglie di Rinaldi, 6 anni e 3 mesi. Condannato anche l'ex consigliere comunale di Messina Elio Sauta: 6 anni e 6 mesi.

22:00Trump: Marchionne a Casa Bianca, con a.d. Ford e Gm

(ANSA) - WASHINGTON, 23 GEN - Il presidente Donald Trump riceverà domani alla Casa Bianca gli amministratori delegati di Fca, Ford e General Motors. Lo afferma il portavoce della Casa Bianca, Sean Spicer. Sergio Marchionne, Mark Fields e Mary Barra avranno una colazione con il presidente.

Archivio Ultima ora