L’accusa di Obama, caos dopo Gheddafi colpa dell’Europa

Pubblicato il 10 marzo 2016 da redazione

US President Barack Obama speaks during a joint news conference with Prime Minister of Canada Justin Trudeau (not pictured), in the Rose Garden of the White House, in Washington, DC, USA, 10 March 2016. This is the first official visit of Prime Minister of Canada Justin Trudeau to the White House.  EPA/MICHAEL REYNOLDS

US President Barack Obama speaks during a joint news conference with Prime Minister of Canada Justin Trudeau (not pictured), in the Rose Garden of the White House, in Washington, DC, USA, 10 March 2016. This is the first official visit of Prime Minister of Canada Justin Trudeau to the White House. EPA/MICHAEL REYNOLDS

NEW YORK. – Scrocconi, opportunisti. In una lunga intervista a The Atlantic Barack Obama si toglie più di un sassolino dalla scarpa. E pur ammettendo che l’intervento in Libia nel 2011 fu “un errore”, se la prende con gli alleati europei e del Golfo che prima spinsero gli Usa ad agire a sostegno della Nato, poi non fecero fino in fondo il loro dovere. Non avviarono, come avrebbero dovuto, il necessario processo di transizione per costruire il dopo-Gheddafi. Risultato: l’attuale caos in cui si trova oggi il paese noradficano, sempre più nuova frontiera dell’Isis.

Non usa mezzi termini Obama, più volte duramente criticato per quello sciagurato capovolgimento del regime di Tripoli: se la cosa “non ha funzionato” la colpa è stata soprattutto di Francia, Regno Unito, Arabia Saudita, definiti appunto come ‘free rider’, opportunisti. Mai come stavolta – nel colloquio con Jeffrey Goldberg intitolato ‘La dottrina Obama’ – il presidente Usa svela il suo disappunto per come sono andate le cose, la sua delusione per gli impegni non mantenuti dai partner e la fiducia tradita degli Stati Uniti.

Uno sfogo che arriva in un momento di grande attenzione e mobilitazione della comunità internazionale sulla Libia, nel quale Obama vuole evitare che si ripeta quella che definisce la cattiva abitudine di molti alleati di lanciare il sasso e poi nascondere la mano. Abitudine che negli ultimi anni lo ha “indispettito” non poco.

Obama ricordando il 2011 fa nomi e cognomi. Il premier britannico David Cameron – spiega – fu distratto da altre questioni. Mentre l’allora presidente francese Nicolas Sarkozy – aggiunge senza peli sulla lingua – voleva solo vantarsi, “strombazzare la sua partecipazione alla campagna aerea nonostante il fatto che gli Usa avevano già spazzato via tutte le difese aeree”.

Il presidente americano non ha invece nulla da rimproverare alla sua amministrazione per aver deciso di intervenire nel 2011. “Quando torno indietro e mi chiedo cosa è andato storto – confessa – posso criticarmi solo per avere avuto troppa fiducia negli europei che, vista la loro vicinanza alla Libia, avrebbero dovuto fare di più nel dare seguito al piano”.

Mentre gli Stati Uniti – assicura – la loro parte l’hanno fatta bene, eccome: “Abbiamo ottenuto un mandato dall’Onu, costruito una coalizione costataci un miliardo di dollari. Abbiamo evitato vittime civili su larga scala, evitata quella che quasi sicuramente sarebbe stata una guerra civile lunga e sanguinosa”.

Proprio per prevenire il massacro si decise di agire, anche se – ricorda Obama – i suoi più stretti consiglieri erano divisi tra falchi e colombe. Da una parte il vice presidente Joe Biden e l’ex segretario di stato Robert Gates che predicavano prudenza; dall’altra Hillary Clinton e l’allora ambasciatrice all’Onu Susan Rice che erano per l’azione. Alla fine prevalsero questi ultimi.

Il presidente americano rilancia quindi con forza il concetto di “azione multilaterale”, al centro della sua dottrina. “Non possiamo essere sempre noi gli unici al fronte”, spiega, perché c’è un’agenda condivisa con gli alleati che va portata avanti insieme”.

(di Ugo Caltagirone/ANSA)

Ultima ora

19:28Gerusalemme: corrispondente Rai ferito in scontri

(ANSAmed) - TEL AVIV, 28 LUG - Il corrispondente della sede Rai di Gerusalemme Carlo Paris è stato ferito a Gerusalemme alla Porta dei Leoni della Città Vecchia durante gli scontri di oggi pomeriggio tra manifestanti palestinesi e polizia israeliana. Secondo quanto ha spiegato lui stesso, Paris è stato colpito da una granata assordante lanciata dalla polizia che gli ha procurato una ustione alla gamba destra. Paris è stato ricoverato in ospedale dal quale è stato poi dimesso. Con lui è stato ricoverato, e poi dimesso, l'operatore tv israeliano mentre la producer palestinese è ancora in ospedale.

19:26Amburgo: media, aggressore gridava ‘Allah u Akbar’

(ANSA) - ROMA, 28 LUG - Avrebbe gridato Allah u Akbar prima di accoltellare le proprie vittime l'aggressore del supermarket di Amburgo. Lo riferisce la Bild citando un testimone oculare. L'attentatore era armato di un macete: lo riferisce la Bild citando alcuni testimoni. L'aggressore è stato fermato dai passanti mentre tentava la fuga, precisa la polizia di Amburgo che ha poi arrestato l'uomo. E' stata aperta un indagine per terrorismo sull'attacco.

19:25Calcio: Parma, Crespo vicepresidente

(ANSA) - Parma, 28 LUG - Hernan Crespo vice presidente del Parma, di cui è stato bandiera come giocatore. "La Società Parma Calcio 1913 comunica, in seguito al CdA che si è svolto questo pomeriggio - spiega una nota -, di aver conferito la nomina di Vicepresidente a Hernan Crespo, indimenticato crociato del secolo, e al parmigiano Giacomo Malmesi, avvocato e socio fondatore di Nuovo Inizio S.r.l.. Crespo e Malmesi, ricopriranno il ruolo rivestito fino al termine della scorsa stagione da Marco Ferrari - che resta azionista di Nuovo Inizio S.r.l. - al quale la società crociata rinnova il ringraziamento per l'eccellente lavoro svolto".

19:18Golf: Romano vince l’English boys U18 open

(ANSA) - ROMA, 28 LUG - Nuovo successo del golf italiano in campo internazionale in una stagione che si colora sempre più di azzurro: Andrea Romano ha vinto l'English Boys U18 Open Amateur Stroke Play Championship/The Carris Trophy al West Sussex Golf Club (par 68) di Pulborough in Inghilterra. Dopo aver concluso il torneo con 264 (64 72 63 65, -8) colpi alla pari con il francese Jean Bekirian (264 - 65 68 65 66), Romano ha poi conquistato il titolo con un birdie alla prima buca di spareggio. E' stato un autentico trionfo italiano per la presenza di altri tre azzurri nelle prime sette posizioni e per il primo posto nella Nations Cup. Gian Paolo Montali, Direttore Generale del Progetto Ryder Cup 2022 e Direttore Tecnico del settore professionisti e dilettanti FIG si è complimentato con lui: ''Un giovane in grande crescita che, vinto il Campionato Nazionale Ragazzi, si è ora confermato a livello internazionale.

19:17Corea Nord: Tokyo, missile intercontinentale

(ANSA) - PECHINO, 28 LUG - Il missile balistico lanciato in piena notte dalla Corea del Nord ha le caratteristiche del tipo intercontinentale (Icbm): lo riferisce l'agenzia Kyodo citando fonti del governo di Tokyo. Il vettore, ha affermato invece, il premier Shinzo Abe, sarebbe caduto nella zona economica esclusiva nipponica nel mar del Giappone dopo un volo di 45 minuti circa, secondo il portavoce del governo, Yoshihide Suga. Anche Tokyo, come la Corea del Sud, ha convocato il Consiglio sulla sicurezza nazionale.

19:16Sisma Emilia: verso dimezzamento comuni del cratere

(ANSA) - BOLOGNA, 28 LUG - Si dimezza il "cratere sismico" in Emilia, l'area colpita dai terremoti del 2012: 5 anni dopo, per 29 comuni su 59 la ricostruzione è terminata o in avanzamento molto elevato, tanto da essere compatibile con le procedure ordinarie degli Enti locali. Nei restanti 30 comuni le problematiche rimangono consistenti e di una certa complessità. E' l'esito dell'analisi dei lavori al 30 giugno, compiuta nel Comitato istituzionale per il terremoto riunito oggi con i sindaci dei comuni colpiti, il presidente della Regione e commissario Stefano Bonaccini e l'assessore alla ricostruzione, Palma Costi. La proposta di dimezzamento dovrà essere vagliata dal Governo, assieme alle richieste di inserire nella legge di stabilità 2018 la proroga di 2 anni (al 31 dicembre 2020) dello stato di emergenza, risorse per la ricostruzione pubblica (le stime parlano di 350 mln ancora necessari), la proroga dell'autorizzazione per il personale, la sospensione mutui degli Enti locali colpiti e i lavoratori interinali.

19:13Terremoto: Pirozzi, Amatrice chiusa alla stampa il 24 agosto

(ANSA) - RIETI, 28 LUG -"Non darò a nessun giornalista l'autorizzazione ad entrare ad Amatrice la notte tra il 23 e il 24 agosto: non vogliamo che venga fatta spettacolarizzazione del nostro dolore. Il 24 agosto sarà il giorno del silenzio". È quanto ha ribadito, come era già avvenuto nei giorni scorsi, il sindaco di Amatrice, Sergio Pirozzi, parlando ai microfoni della radio di sevizio del comune reatino colpito dal sisma della scorsa estate.(ANSA).

Archivio Ultima ora