Dybala, una magia per superare il Sassuolo

Pubblicato il 11 marzo 2016 da redazione

Juventus' Paulo Dybala jubilates after scoring the goal during the Italian Serie A soccer match Juventus FC vs US Sassuolo at the Juventus Stadium in Turin, Italy, 11 March 2016. ANSA/ANDREA DI MARCO

Juventus’ Paulo Dybala jubilates after scoring the goal during the Italian Serie A soccer match Juventus FC vs US Sassuolo at the Juventus Stadium in Turin, Italy, 11 March 2016.
ANSA/ANDREA DI MARCO

TORINO. – La Juventus ha battuto il Sassuolo 1-0 nell’anticipo della ventinovesima giornata della serie A. Decide la rete di Dybala al 36′ del primo tempo. Sorride Allegri che vede così la sua squadra allungare in vetta alla classifica, momentaneamente a +6 dal Napoli che domenica giocherà il posticipo in casa del Palermo.

Ma non ci sono solo i tre punti contro l’insidioso Sassuolo a rendere felice la Juve: Gigi Buffon ha infatti superato il record di imbattibilità (in campionato) di un portiere bianconero, arrivando a 904′ minuti con la porta inviolata. Zoff si era fermato a 903′ nel campionato ’72/’73. Il record assoluto in serie A restano i 929′ di Sebastiano Rossi (Milan, ’93/’94).

Una magia di Dybala nel primo tempo e una prova attenta, contro un ottimo Sassuolo, regalano alla Juve un successo di misura, due nuovi record di cui diremo più avanti, tre punti pesantissimi e la fondamentale serenità di poter preparare la sfida di Champions contro il Bayern con il primo posto in campionato saldamente in mano.

Che vincere fosse importantissimo lo dimostra l’approccio con cui i bianconeri iniziano la partita e l’azione, da spellarsi le mani, confezionata dopo neanche 30 secondi: Cuadrado parte in velocità sulla destra e tocca centralmente per Mandzukic, che appoggia a Dybala. Il pallone si impenna e l’argentino batte al volo, sparando una sventola di sinistro che Consigli riesce a deviare in angolo, evitando un eurogol.

La gara è vivace e il Sassuolo, anche senza l’influenzato Berardi, si conferma squadra di qualità e si affaccia dalle parti di Buffon con la combinazione tra Sansone e Politano, la cui girata è fuori misura. È invece perfettamente indirizzato il colpo di testa di Alex Sandro, che devia in porta la punizione di Dybala e trova l’opposizione di Consigli che riesce a deviare in angolo.

Il botta e risposta continua e Duncan a prova il rasoterra dal limite, mettendo a lato.

Al 26′ arriva l’occasione più ghiotta: Mandzukic pesca in area Dybala che dalla linea di fondo serve Khedira davanti alla porta. Consigli è preso in contro tempo, ma il tocco ravvicinato del tedesco, disturbato da Antei, finisce alto. La Joya è in gran vena e i suoi scambi in velocità sulla destra con Cuadrado fanno ammattire Duncan e Peluso. Quello che i due confezionano poco dopo la mezz’ora poi è letale: il colombiano, dopo aver ricevuto proprio da Dybala, arriva quasi sul fondo e restituisce palla all’argentino. Il controllo forse non è perfetto come al solito, ma il sinistro a giro che accarezza il palo e si infila alle spalle di Consigli è un capolavoro.

La convinzione con cui la Juve aggredisce il secondo tempo è pari a quella messa in campo a inizio gara. Cuadrado continua a seminare il panico sulla destra e anche Alex Sandro, più accentrato rispetto al colombiano, entra spesso e volentieri nelle trame offensive. Dalla parte opposta l’uomo da tenere d’occhio è Sansone che all’11’ crea un po’ di scompiglio nella difesa bianconera con una serpentina apprezzabile, conclusa dal tiro di Politano, respinto da Bonucci.

L’azione dà fiducia al Sassuolo, che pur non costruendo occasioni, riesce a tenere la Juve lontana dalla propria area. Quando i bianconeri ci arrivano però, sono sempre pericolosi e dopo l’inserimento di Asamoah e il tentativo ribattuto a Khedira, serve un provvidenziale intervento di Peluso per respingere a pochi metri dalla linea di porta il destro di Cuadrado.

Allegri opera il primo cambio al 27′, facendo rifiatare Khedira e sostituendolo con Pogba. Poco dopo Buffon, che al 23′ aveva stabilito un nuovo record di imbattibilità per i portieri bianconeri, superando i 903′ minuti di Zoff, mantiene la propria rete immacolata respingendo una sventola dal limite del solito Sansone. Dalla parte opposta, Consigli emula l’illustre collega, ribattendo il tentativo di Pogba, servito in area da Cuadrado.

Al 35′ tocca a Morata, in campo al posto di Dybala, e lo spagnolo cinque minuti dopo si esibisce in uno slalom in area e in un destro da posizione troppo angolata perché Consigli non riesca a chiudere lo specchio. Sansone intanto continua a stuzzicare Buffon dalla distanza e il capitano bianconero deve bloccare in due tempi il suo destro.

Per evitare patemi, Allegri toglie Mandzukic e inserisce Lichtsteiner, lasciando Morata unica punta. La mossa dà più compattezza ai bianconeri, che controllano in risultato fino al fischio finale. Ora il vantaggio in classifica, in attesa della gara del Napoli a Palermo, sale a sei punti. Ora la Juve è la prima squadra ad aver mantenuto la propria porta inviolata per 10 partite consecutive. Ora Buffon è a quattro minuti dal record di imbattibilità di tutti i tempi. Ora, soprattutto, si può pensare alla Champions. Ora c’è davvero solo il Bayern.

(www.juventus.it)

Ultima ora

02:04Rigopiano: riconosciute altre due vittime della tragedia

(ANSA) - Rigopiano (Pescara), 22 gen - Sono state riconosciute altre due vittime della tragedia dell'hotel Rigopiano. Si tratta di Sebastiano Di Carlo, 49 anni, di Loreto Aprutino (Pescara), e di Barbara Nobilio, di 51 anni, anche lei di Loreto Apritino.

01:11Autobomba vicino amb.italiana a Tripoli

(ANSA) - IL CAIRO, 21 GEN - L'ambasciata italiana a Tripoli è già a rischio nel caos libico, a pochi giorni dalla sua riapertura. Due kamikaze hanno tentato di farsi esplodere proprio nei pressi della nostra sede, ma il tentativo è andato a vuoto e nessun membro del personale è rimasto coinvolto. In serata, i media libici hanno diffuso la notizia dell'esplosione di un'autobomba vicino alla sede diplomatica italiana, nella zona di al Dahra, dove si trova anche la sede egiziana. Secondo una fonte della sicurezza, un uomo "ha tentato di parcheggiare" la sua auto carica di esplosivo "proprio nei pressi dell'ambasciata italiana", ma è stato sorpreso dal personale della sicurezza, che lo ha messo in fuga. Così si è fermato in mezzo alla strada, facendosi esplodere di fronte al Ministero della Pianificazione, a circa 400 metri di distanza. La Mezzaluna Rossa poi ha recuperato due corpi dall'auto esplosa, e al momento non ci sono informazioni su altre vittime.

01:03Gambia: Jammeh lascia Paese, Barrow rientrerà a breve

(ANSA) - ROMA, 21 GEN - L'ex presidente del Gambia Yahya Jammeh ha lasciato il Paese, a quanto sembra diretto in Guinea. Lo ha reso noto la Bbc. Il neopresidente Adama Barrow, che si trova in Senegal nonostante la vittoria alle elezioni dello scorso dicembre, ha spiegato che rientrerà nel Paese "il più presto possibile" e che creerà una commissione d'inchiesta sulle accuse di violazione dei diritti umani da parte di Jammeh, padre-padrone del Gambia degli ultimi 22 anni.

00:29Napoli sbanca S.Siro, Milan sconfitto 2-1, è 2/o con la Roma

(ANSA) - ROMA, 21 GEN - Vittoria di importanza capitale per il Napoli che sbanca San Siro (2-1), batte il Milan, diretta concorrente in chiave Champions, aggancia la Roma - che giocherà domani - al secondo posto in classifica e può continuare a sognare alla grande. A San Siro partita bellissima con gli azzurri di Sarri che partono fortissimi e sono avanti 2-0 dopo appena 9 minuti, grazie ai gol di Insigne e Callejon. Il Milan ci mette un po' a riordinare le idee e dopo aver rischiato lo 0-3, con Mertens che si divora il gol che avrebbe forse chiuso anzitempo i giochi, riapre la gara con Kucka al 37'. Nella ripresa sono i rossoneri a fare la gara e con Pasalic sfiorano il pari ma il colpo di testa finisce sulla traversa. Inutile il forcing finale (dentro anche Bertolacci, Lapadula e Niang): i tre punti vanno alla squadra di Sarri che vola a 44 punti, insieme alla Roma che giocherà domani sera, e un punto meno della juve che però ha due partite in meno.

23:29Calcio: Coppa d’Africa, Egitto-Uganda 1-0

(ANSA) - ROMA, 21 GEN - L'Egitto si sveglia a un minuto dal termine e batte l'Uganda 1-0 nel secondo turno del Gruppo D di Coppa d'Africa. La rete decisiva di El-Said, su assist al bacio di Salah, all'89' che permette ai Faraoni di salire a 4 punti in classifica, alle spalle del Ghana (che incontrerà nel terzo turno) che ne ha sei e davanti al Mali con 1. Già eliminate le Gru dell'Uganda, che restano a zero dopo due partite. (ANSA)

22:54Maltempo: 90enne muore in casa, neve impedisce funerale

(ANSA) - ARSITA (TERAMO), 21 GEN - In contrada San Nicola manca la corrente da una settimana, i cumuli di neve sfiorano i 4 metri, troppi perché qualsiasi mezzo possa raggiungere l'abitazione di una famiglia che, ad Arsita, gestisce un'azienda agricola con 150 capi di bestiame imprigionati in un capannone. E nella notte fra mercoledì e giovedì è morta, per cause naturali, una signora 90enne; in casa la figlia, il genero e due nipoti che solo domenica potranno ricevere la visita di un un medico legale e, forse, delle pompe funebri. L'altro giorno un 'gatto delle nevi' arrivato da Belluno, insieme a una turbina disponibile sul posto, ha aperto la strada principale del paese, ma per raggiungere questa abitazione i parenti della defunta hanno dovuto inforcare le ciaspole e camminare due ore. Lo hanno fatto per condividere il dolore con i congiunti, ma anche per portare taniche di benzina per un piccolo gruppo elettrogeno, generi alimentari e medicine. Con amici hanno spalato la neve dal tetto della stalla. Ora chiedono aiuto.

22:22Calci: G.Jesùs non basta, Manchester City-Tottenham è 2-2

(ANSA) - ROMA, 21 GEN - Reduce da un periodo difficile e e dopo aver ammesso che per quest'anno di vincere la Premier League non se ne parla, Pep Guardiola si riscatta parzialmente contro il Tottenham. Il suo Manchester City infatti va sul 2-0 con le reti di Sanè e De Bruyne all'inizio del secondo tempo, poi però subisce il ritorno degli Spurs, che segnano con Alli e il coreano Son al 32'. Così per dare la scossa ai Citizens nel finale il tecnico fa entrare il nuovo acquisto Gabriel Jesùs, 19enne fenomeno ex Palmeiras e campione olimpico a Rio. Il ragazzo dà la scossa, prima con una serpentina micidiale non sfruttata a dovere dai compagni, poi con un gol annullato per fuorigioco. Così ora il Tottenham è a -6 (46 punti contro 52) dalla capolista Chelsea che domani riceve la visita dell'Hull. Il City è 5/o con 43 punti. Nelle altre partite del 22/o turno, 1-1 fra Stoke City e Manchester United con rete storica di Wayne Rooney, su punizione: é la n. 250 con i Red Devils diventando il miglior marcatore di ogni tempo nella storia del club.

Archivio Ultima ora