Strepitosi gli azzurri dello sci, Paris e Fill vogliono la Coppa

Pubblicato il 12 marzo 2016 da redazione

Dominik Paris of Italy speeds down the slope during the Men's Downhill race at the FIS Alpine Skiing World Cup event in Kvitfjell, Norway, 12 March 2016.  EPA/CORNELIUS POPPE

Dominik Paris of Italy speeds down the slope during the Men’s Downhill race at the FIS Alpine Skiing World Cup event in Kvitfjell, Norway, 12 March 2016. EPA/CORNELIUS POPPE

KVITFJELL (NORVEGIA). – Ancora una grandissima prova dell’Italia jet. Dopo il successo nell’ultima discesa di Chamonix, l’altoatesino Dominik Paris in 1.45.98 ha vinto anche quella di Kvitfjell. Si è imposto sul francese Valentin Giraud Moine, secondo a sorpresa in 1.46.18, e sull’americano Steve Nyman 3/o in 1.46.22. Ma il bello, il bellissimo, è che con la vittoria di Paris ci sono ora ben due azzurri in corsa per la conquista della coppa del mondo di discesa, impresa sinora mai riuscita ad un italiano.

Peter Fill, alla vigilia il più quotato, è infatti finito decimo in 1.46.96 mentre il suo rivale norvegese Kjetil Jansrud, a sua volta tra i favoriti, ha chiuso quinto. Pertanto la corsa per l’aggiudicazione della coppa di discesa vede Fill al comando con 436 punti ex aequo con il norvegese Aksel Svindal, che è però assente da metà gennaio per infortunio. E poi c’è subito Paris con 432 , solo quattro dunque da Peter. Più indietro, ma ancora temibile e mai da sottovalutare, c’è Jansrud che di punti ne ha 382.

Comunque sia l’Italia può sognare e con ben due atleti ha le carte in regola per conquistare l’ambitissimo trofeo. L’appuntamento è per l’ultima discesa, mercoledì prossimo alle Finali di St. Moritz. ”Ci proveremo sino in fondo, senza farci sconti”, hanno detto i due azzurri. E Paris – sesta vittoria in carriera e seconda stagionale con un palmares che vede altri quattro secondi e sette terzi posti – ha aggiunto: ”Sono in gran forma ed oggi in gara mi sono proprio divertito: un segnale che per me dice tutto. È dalle gare di Corea che mi sento al top e dunque voglio chiudere alla grande la stagione.”

Niente di speciale invece per gli altri azzurri in questa discesa visto che dopo i migliori venti sono finiti Mattia Casse in 1.47.66, Christof Innerhofer in 1.47.89 e Werner Heel in 1.48.64 La gara, iniziata con 30 minuti di ritardo per un banco di nebbia, è stata sulla pista Olympiabakke, un classico tracciato disegnato dall’ex campione svizzero Bernhard Russi: tecnico e con tutte le difficoltà del caso, da ripidi muri a curve vertiginose, tratti di velocità e salti spettacolari. Il tutto con neve naturale molto compatta.

Non così bene – anche se con una buona prova di squadra – sono andate le cose per l’Italia nel supergigante donne di Lenzerheide. Ha vinto l’austriaca Cornelia Huetter in 1.14.52 davanti alla svizzera Fabienne Suter in 1.14.62 ed all’altra austriaca Tamara Tippler in 1.14.87. Migliore azzurra Johanna Schnarf 6/a in 1.15.19 con Sofia Goggia 8/a in 1.15.50. Decima Francesca Marsaglia in 1.15.63, 12/a Elena Curtoni in 1.15.68 e 13/a Fede Brignone in 1.15.80.

La svizzera Lara Gut, oggi ”solo” 5/a , non ha così ancora vinto la coppa di supergigante e neppure quella generale. Ma ormai ci siamo, deve solo avere pazienza. Forse ci riuscirà già domani a portare a casa la grande sfera di cristallo. Domani a Lenzerheide ultima combinata con coppa in palio. A Kvitfjell penultimo supergigante ed anche qui con possibilità di assegnazione della coppa.

Ultima ora

01:19Calcio: Gattuso “Donnarumma passa per mostro, ma non lo è”

(ANSA) - MILANO, 13 DIC - Gennaro Gattuso prende le difese di Gianluigi Donnarumma, "pur rispettando i tifosi" che hanno contestato il portiere durante Milan-Verona. "Si sta facendo passare un ragazzo così giovane - spiega l'allenatore dei rossoneri - come un mostro. Non se lo merita, ha valori incredibili. Dobbiamo tutelare un ragazzo in grandissima difficoltà. Non ha saltato mai un allenamento o una partita, dopo il pareggio con il Benevento ha pianto. Io vedo un ragazzo che si allena con grande professionalità e voglia: è il portiere più forte del mondo e un grandissimo uomo". Gattuso commenta le voci di mercato sul portiere: "Se la società dice che non vuole vendere, cosa devo dire di più? Gigio non mi ha mai detto che vuole andar via. E non ho detto che Mino sta convincendo il ragazzo. Vediamo come andrà a finire".

01:08Mirabelli: “Donnarumma? Sappiamo da dove viene male”

(ANSA) - MILANO, 13 DIC - "Non tutte le colpe sono di Gigio Donnarumma. Purtroppo sappiamo da dove viene il male, speriamo nei prossimi mesi di risolvere il problema". Nelle parole del ds del Milan, Massimiliano Mirabelli, c'è un chiaro riferimento all'agente Mino Raiola: "Gigio dovrà venire a supplicarci di mandarlo via. Semmai dovesse succedere, qualsiasi squadra arrivi detteremo noi le condizioni. Non ci facciamo prendere per il collo da nessuno. Io credo che un giorno si accorgerà dove sta il bene e dove sta il male".

01:07Calcio: Letta, fossi in curva fischierei Donnarumma

(ANSA) - ROMA, 13 DIC - "Mi spiace dirlo, ma fossi in Curva a #SanSiro, stasera #Donnarumma lo fischierei". E' il tweet con cui Enrico Letta, tifoso del Milan ed ex presidente del Consiglio, interviene sulla vicenda Donnarumma. Il portiere dei rossoneri, dopo che nei giorni scorsi il suo procuratore Mino Raiola ha chiesto di annullare il contratto appena rinnovato con il club, è stato fischiato e insultato dai tifosi stasera a San Siro, prima della partita di Coppa Italia vinta sul Verona.

00:27Calcio: Premier, Manchester City vittoria con il record

(ANSA) - ROMA, 13 DIC - Tutto invariato al vertice della Premier League, dopo le partite del turno infrasettimanale, valide per la 17/a giornata. Vincono i due Manchester, che restano separati di 11 punti in classifica: il City leader s'impone sul campo dei gallesi dello Swansea per 4-0 (15/a vittoria di fila e record), con doppietta di David Silva, reti di De Bruyne e Aguero, in campo da titolare. E' la 15/a vittoria di fila per la squadra di Guardiola, un record per il campionato. Il City non ha faatto bottino pieno l'ultima volta il 21 agosto. Lo United si è imposto per 1-0 in casa contro il Bournemouth, grazie a un gol di Romelu Lulaku, servito da Juan Mata. al 25'. Successo anche per Antonio Conte e il Chelsea sul campo dell'Huddersfield per 3-1. Di Bakayoko, Willian e Pedrito le reti. Senza gol, infine, uno dei tanti derby di Londra, quello fra West Ham United e Arsenal.

00:16Calcio: Germania, Bayern di misura e ora a +9 sullo Schalke

(ANSA) - ROMA, 13 DIC - Basta un gol del polacco Robert Lewandowski, al quarto d'ora della ripresa, per regalare la vittoria al Bayern Monaco, nella 16/a giornata della Bundesliga. Opposti al Colonia, i bavaresi si sono imposti per 1-0 e adesso hanno un vantaggio di 9 punti sullo Schalke 04, che ha dovuto faticare contro l'Augusta, piegata per 3-2. Di Di Santo al 44' l'1-0, Burgstaller firma il raddoppio al 47', poi arriva la riscossa ospite: al 19' della ripresa Caiuby accorcia le distanze, Gregoritsch pareggia. A 7' dal 90' Caligiuri fa esplodere l'AufSchalke Arena, regalando 3 punti ai 'suoi'. Adesso in classifica Bayern 38 punti, Schalke 29, il Lipsia è a quota 28, dopo essere stato fermato sul pareggio in trasferta dal Wolfsburg (di Verhaegh il vantaggio dei padroni di casa, di Halstenberg il pari ospite). (ANSA).

00:05Calcio: ottavi Coppa Italia, Milan batte Verona 3-0

(ANSA) - ROMA, 13 DIC - Il Milan batte il Verona 3-0 e si qualifica per i quarti di finale della Coppa Italia, dove troverà i 'cugini' dell'Inter, che ieri sera hanno superato ai rigori il Pordenone. I gol che hanno deciso il match sono stati realizzati al 22' da Suso, al 30' da Romagnoli e, nella ripresa, al 10' da Cutrone. Fischi e contestazione a Donnarumma prima dell'inizio del confronto.

22:51Calcio: incidenti al derby Belgrado, decine di feriti

(ANSA) - BELGRADO, 13 DIC - Gravi incidenti, con almeno una dozzina di feriti di cui uno in pericolo di vita, sono avvenuti a Belgrado durante il derby di campionato serbo tra le tifoserie rivali del Partizan e della Stella Rossa. Gli incidenti sarebbero stati causati da un 'invasione' dei sostenitori della Stella Rossa nella porzione di stadio occupata da quelli della squadra di casa, che non hanno esitato a reagire. La polizia, che nonostante l'ampio dispiegamento non era riuscita ad evitare il contatto, è intervenuta in forze e dopo dieci minuti, senza risparmiare le manganellate, è arrivata a separare i due gruppi e ad arrestare alcuni responsabili dei tafferugli. L'incontro si è comunque svolto regolarmente e si è concluso col punteggio di 1-1, lasciando la Stella Rossa prima in classifica prima della pausa invernale (si riprenderà a metà febbraio) con nove punti di vantaggio sul Partizan.

Archivio Ultima ora