Emergenti e debito, la Bce rischia la tempesta perfetta?

Pubblicato il 12 marzo 2016 da redazione

tempesta

ROMA. – E’ il paradosso della crisi: innescata dieci anni fa dalle banche americane che ingozzavano famiglie già piene di debiti con persino più prestiti di quanto queste ne chiedessero, si trascina in Europa con la Bce che arriva a pagare le banche perché prestino di più. La semplificazione è rozza. Ma rende la posizione di quanti ritengono che Mario Draghi non abbia assestato un colpo da maestro, ma nel migliore dei casi un meccanismo per guadagnare ancora tempo ed evitare il peggio. E, nel peggiore dei casi, un nuovo capitolo scritto dalle banche centrali nella storia di un ipotetico, futuro disastro finanziario mondiale.

Vale dunque la pena esaminare anche questo punto di vista. Al centro del Qe3 di Draghi c’è un’espansione del bilancio della Bce (comprando titoli) che si appresta a superare quello della Fed, con l’obiettivo di allontanare una “deflazione disastrosa”. Tassi sui depositi negativi a -0,40% in una corsa globale con la Bank of Japan. E l’incentivo economico senza precedenti alle banche che in borsa hanno visto un mezzo tracollo da gennaio.

Vista da alcuni Paesi europei, la prima critica che viene mossa è che si incentiva ad indebitarsi un sistema di imprese che (come in Italia) di debito ne ha già tanto o non ne vuole per mancanza di prospettive di sviluppo. Di dare acqua a un cavallo che non beve. Rischiando di dirottare verso un maggiore profilo di rischio banche che dovrebbero invece risanarsi. Il crollo degli spread, che Draghi rivendica, per alcuni a Berlino toglie l’incentivo a ridurre il debito pubblico dei Paesi.

E’ chiara la controdeduzione: non c’è altra via per contrastare la deflazione. Con gli spread di due anni fa il debito di alcuni paesi sarebbe esploso. E per non cadere nella trappola del Giappone, che da vent’anni lotta contro i prezzi in caduta, la Bce deve sostenere le banche e da ieri le ‘ricompensa’ per l’impatto dei tassi negativi.

Il rischio – si ragiona fra gli scettici – è la Svezia. Con un Pil cresciuto di oltre il 4% grazie al suo Qe, Stoccolma ha innescato una bolla creditizia e immobiliare che fa temere le autorità per la tenuta del sistema. Senza riuscire a creare inflazione. I detrattori della Bce, poi, hanno al loro arco la freccia degli effetti collaterali, a partire dalla spinta artificiale alle borse. La diseguaglianza risulta così aumentata con il Qe, a favore dei ricchi e delle finanza.

Draghi ha le sue ragioni quando dice che la deflazione colpisce chiunque. Ma come ha ricordato la Banca dei regolamenti internazionali, evocando “segnali di una tempesta ormai vicina” e ricordando che la crisi è partita proprio dal debito che continua a salire, c’è dell’altro. E ha a che vedere con l’economia globale.

Una banca d’investimento rispettabile come Bnp Paribas, scrive che Bce, Banca del Giappone, ma anche Fed e People’s Bank of China, “sono responsabili del grande caos monetario globale”: la corsa delle prime due ai tassi negativi, e la guerra delle valute, facendo apprezzare il dollaro hanno corroso le riserve valutarie dei Paesi emergenti (costretti a ricomprare la propria valuta per equilibrare il cambio), imponendo loro una stretta monetaria drammatica.

L’effetto assurdo è che il nostro Qe si è tradotto in una stretta monetaria globale, favorendo il crollo delle materie prime e peggiorando la recessione degli emergenti, con una vittima esemplare come il Brasile.

La realtà, probabilmente, è che Draghi sta cercando di proteggere la già debole Europa da una congiuntura globale tornata sfavorevole. E deve assolutamente scongiurare la deflazione. Il rischio segnalato da mercati assuefatti, che chiedono sempre di più, è sicuramente che il solo sentir parlare di una fine dello stimolo monetario, sia pure fra due o cinque anni, fa paura. E può innescare reazioni incontrollate. E questo sì è un campanello d’allarme.

(di Domenico Conti/ANSA)

Ultima ora

08:16Sudafrica: morto Ahmed Kathrada, uno dei padri antiapartheid

(ANSA) - JOHANNESBURG, 28 MAR - E' morto questa mattina a Johannesburg Ahmed Kathrada, uno dei padri della lotta antiapartheid in Sudafrica e compagno di prigione di Nelson Mandela: Kathrada aveva 87 anni, 26 dei quali trascorsi in carcere, molti insieme a Mandela. La sua fondazione ha annunciato che il 'grande vecchio' del partito di Zuma, detto anche Kathy, e' morto dopo essere stato ricoverato in ospedale per un'embolia cerebrale all'inizio di questo mese. Nato il 21 agosto del 1929 nel nordovest del Sudafrica, Kathrada e' stato impegnato contro l'apartheid fin da giovane. Arrestato nel luglio del 1963 alla periferia di Johannesburg, fu condannato all'ergastolo l'anno successivo.

07:15Pakistan: treno merci contro autocisterna, due morti

ISLAMABAD - Almeno due persone sono morte ed altre 10 sono rimaste ferite ieri sera in Pakistan quando un'autocisterna per il trasporto di carburante si e' bloccata sui binari di un passaggio a livello incustodito nella provincia di Punjab poco prima che sopraggiungesse un treno merci. La tv DawnNews ha indicato che l'incidente e' avvenuto nel distretto di Sheikhupura ed ha coinvolto un convoglio partito da Lahore e diretto a Karachi.

05:30Giappone:bilancio valanga Tochigi sale a 9 morti e 40 feriti

TOKYO - Ammonta a 9 il bilancio finale delle vittime della valanga che si e' abbattuta nella prefettura di Tochigi, a circa 100 km a nord di Tokyo, nel corso di un evento di arrampicata in programma a inizio settimana. Le autorita' municipali hanno confermato la morte di 8 studenti di scuola superiore e un insegnante, oltre al ferimento di 40 persone. La polizia ha aperto un'indagine sui motivi per i quali la manifestazione era stata organizzata malgrado la forte nevicata, circa 30 centimetri di neve, caduta il giorno prima sul villaggio.

04:27Trump, storia Russia e’ truffa, guardare Bill e Hillary

NEW YORK - ''La storia di Trump e la Russia e' una truffa. Perche' la commissione di intelligence della Camera non guarda agli accordi di Bill e Hillary'' Clinton ''con la Russia, ai discorsi pagati dalla Russia a Bill o alla societa' russa di Podesta?''. Lo afferma il presidente Donald Trump su Twitter.

04:11Messico: narcoboss trasferito in carcere Ciudad Juarez

CITTA' DEL MESSICO - Miguel Angel Trevino Morales, leader del cartello messicano della droga Los Zetas, e' stato trasferito dal carcere di Altiplano a quello di Ciudad Juarez, la citta' di confine tra il paese centramericano e El Paso, in Texas, tristemente nota, fra l'altro, per l'alto numero di femminicidi. Sono state le stesse autorita' messicane a renderlo noto precisando che il trasferimento e' da considerarsi ''di routine'' per evitare eventuali fughe. Il carcere e' lo stesso nel quale venne recluso Joaquin ''El Chapo'' Guzman dopo la sua nuova cattura dell'8 gennaio 2016 e prima dell'estradizione negli Stati Uniti nel gennaio scorso.

03:33Usa: class action contro agenti Ny, in mirino chi sembra gay

NEW YORK - Prendevano di mira uomini che sembravano 'gay' o 'non conformi al loro sesso' e li arrestavano con la falsa accusa di masturbarsi in pubblico. E' l'accusa mossa agli agenti del Dipartimento di Polizia di Port Authority di New York in una class action. I poliziotti della stazione di bus avrebbe ''abusato'' del loro potere per spiare nei bagni chi a loro avviso non 'rispettava' il proprio sesso o appariva effeminato.

03:28Trump:bufera su presidente commissione intelligence, ‘lasci’

NEW YORK - Il presidente della commissione di intelligence della Camera, Devin Nunes, ammette di aver incontrato alla Casa Bianca la fonte delle sue rivelazioni sulle intercettazioni nel transition team di Donald Trump. E scoppia il caso, con i democratici che chiedono si astenga dalle indagini sul Russiagate. Lo chiede il leader dei democratici alla Camera, Nancy Pelosi, mentre il leader dei democratici in Senato ne chiede le dimissioni da capo della commissione di intelligence.

Archivio Ultima ora