Emergenti e debito, la Bce rischia la tempesta perfetta?

Pubblicato il 12 marzo 2016 da redazione

tempesta

ROMA. – E’ il paradosso della crisi: innescata dieci anni fa dalle banche americane che ingozzavano famiglie già piene di debiti con persino più prestiti di quanto queste ne chiedessero, si trascina in Europa con la Bce che arriva a pagare le banche perché prestino di più. La semplificazione è rozza. Ma rende la posizione di quanti ritengono che Mario Draghi non abbia assestato un colpo da maestro, ma nel migliore dei casi un meccanismo per guadagnare ancora tempo ed evitare il peggio. E, nel peggiore dei casi, un nuovo capitolo scritto dalle banche centrali nella storia di un ipotetico, futuro disastro finanziario mondiale.

Vale dunque la pena esaminare anche questo punto di vista. Al centro del Qe3 di Draghi c’è un’espansione del bilancio della Bce (comprando titoli) che si appresta a superare quello della Fed, con l’obiettivo di allontanare una “deflazione disastrosa”. Tassi sui depositi negativi a -0,40% in una corsa globale con la Bank of Japan. E l’incentivo economico senza precedenti alle banche che in borsa hanno visto un mezzo tracollo da gennaio.

Vista da alcuni Paesi europei, la prima critica che viene mossa è che si incentiva ad indebitarsi un sistema di imprese che (come in Italia) di debito ne ha già tanto o non ne vuole per mancanza di prospettive di sviluppo. Di dare acqua a un cavallo che non beve. Rischiando di dirottare verso un maggiore profilo di rischio banche che dovrebbero invece risanarsi. Il crollo degli spread, che Draghi rivendica, per alcuni a Berlino toglie l’incentivo a ridurre il debito pubblico dei Paesi.

E’ chiara la controdeduzione: non c’è altra via per contrastare la deflazione. Con gli spread di due anni fa il debito di alcuni paesi sarebbe esploso. E per non cadere nella trappola del Giappone, che da vent’anni lotta contro i prezzi in caduta, la Bce deve sostenere le banche e da ieri le ‘ricompensa’ per l’impatto dei tassi negativi.

Il rischio – si ragiona fra gli scettici – è la Svezia. Con un Pil cresciuto di oltre il 4% grazie al suo Qe, Stoccolma ha innescato una bolla creditizia e immobiliare che fa temere le autorità per la tenuta del sistema. Senza riuscire a creare inflazione. I detrattori della Bce, poi, hanno al loro arco la freccia degli effetti collaterali, a partire dalla spinta artificiale alle borse. La diseguaglianza risulta così aumentata con il Qe, a favore dei ricchi e delle finanza.

Draghi ha le sue ragioni quando dice che la deflazione colpisce chiunque. Ma come ha ricordato la Banca dei regolamenti internazionali, evocando “segnali di una tempesta ormai vicina” e ricordando che la crisi è partita proprio dal debito che continua a salire, c’è dell’altro. E ha a che vedere con l’economia globale.

Una banca d’investimento rispettabile come Bnp Paribas, scrive che Bce, Banca del Giappone, ma anche Fed e People’s Bank of China, “sono responsabili del grande caos monetario globale”: la corsa delle prime due ai tassi negativi, e la guerra delle valute, facendo apprezzare il dollaro hanno corroso le riserve valutarie dei Paesi emergenti (costretti a ricomprare la propria valuta per equilibrare il cambio), imponendo loro una stretta monetaria drammatica.

L’effetto assurdo è che il nostro Qe si è tradotto in una stretta monetaria globale, favorendo il crollo delle materie prime e peggiorando la recessione degli emergenti, con una vittima esemplare come il Brasile.

La realtà, probabilmente, è che Draghi sta cercando di proteggere la già debole Europa da una congiuntura globale tornata sfavorevole. E deve assolutamente scongiurare la deflazione. Il rischio segnalato da mercati assuefatti, che chiedono sempre di più, è sicuramente che il solo sentir parlare di una fine dello stimolo monetario, sia pure fra due o cinque anni, fa paura. E può innescare reazioni incontrollate. E questo sì è un campanello d’allarme.

(di Domenico Conti/ANSA)

Ultima ora

22:32Calcio: Marotta, quella su Balotelli è una bufala

(ANSA) - ROMA, 22 GEN - "Le voci su Balotelli? C'è affetto e stima per questo ragazzo, ma è una notizia da fantacalcio, una bufala. Quello di Balotelli è un profilo che non occorre alla Juventus". L'ad della Juventus, Giuseppe Marotta, prima di Juve-Genoa nega ogni interesse per l'attaccante del Nizza e anche per il giocatore della Lazio De Vrij: "non è un nostro obiettivo". Confermata invece la pista Emre Can. "L'interesse è chiaro - dice il dirigente a Premium Sport - vogliamo tentare di portarlo con noi, ma non è detto che ci riusciremo perché al momento ha un contratto con il Liverpool. Potrebbe rinnovarlo e oltretutto ci sono altre squadre su di lui".

22:21Calcio: Verona, presidente conferma la panchina a Pecchia

(ANSA) - VERONA, 22 GEN - Niente cambi sulla panchina del Verona. Fabio Pecchia resta in sella, e guiderà la squadra gialloblù anche nel prossimo impegno di campionato, in trasferta al Franchi, contro la Fiorentina. Lo ha deciso il presidente del club, Maurizio Setti. La squadra andrà intanto in ritiro. "Al termine di una giornata di riflessioni e confronti - spiega il Verona in una nota - il presidente dell'Hellas Verona, Maurizio Setti, ha deciso che la squadra andrà in ritiro fino a data da destinarsi. Il gruppo, in vista del match contro la Fiorentina, si allenerà ad Imola agli ordini di Fabio Pecchia e del suo staff, con il primo allenamento in programma per mercoledì 24 gennaio". La proprietà comunica inoltre di aver indetto il silenzio stampa, esteso "a tutti i propri tesserati".

22:15Calcio: Rafinha, voglio vincere dei titoli con l’Inter

(ANSA) - MILANO, 22 GEN - "Sono davvero molto felice, è una grande soddisfazione arrivare qui. E' una tappa importante della mia vita e ho tanta voglia di affrontare questa nuova fase della mia carriera. All'Inter sono passati tanti giocatori importanti, che hanno fatto la storia. Voglio fare del mio meglio e dare tutto per arrivare il più in alto possibile e vincere titoli con questi colori". Sono le prime parole di Rafinha da giocatore, rilasciate a Inter TV. "Cerco sempre di ottenere il massimo, voglio vincere più partite possibili e aiutare la squadra a raggiungere il nostro obiettivo, la Champions League", ha aggiunto. Rafinha, che vestirà la maglia numero 8, ritrova anche Mauro Icardi, compagno ai tempi della Cantera del Barcellona: "È sempre bello avere nel gruppo chi parla la tua lingua, conosco anche Mauro, ho giocato con lui. Mi ha dato subito una mano facendomi visitare il Centro Sportivo di Appiano Gentile".

22:12Calcio: 40 anni Buffon, France Football gli dedica copertina

(ANSA) - ROMA, 22 GEN - Un regalo per i 40 anni di Gianluigi Buffon, che li compirà domenica prossima. France Football, nel suo numero in edicola domani, dedica la copertina e uno speciale di 16 pagine al portiere juventino e della Nazionale, definito, tra l'altro, un monumento del calcio. Lo speciale rievoca la lunga carriera del giocatore "fenomeno di longevità e di successo", che "pur ancora in piena attività è già diventato una leggenda del football mondiale" e un "modello per i colleghi, per le prestazioni e il comportamento". Non manca nello speciale una carrellata di auguri, a volte sorprendenti, di colleghi di tutto il mondo e l'interrogativo se il portiere azzurro sia da inserite tra i cinque più forti della storia.

21:55Scajola: mi sono interessato asilo Matacena, no reato

(ANSA) - REGGIO CALABRIA, 22 GEN - "Io non ho mai negato di essermi interessato a far ottenere l'asilo politico a Matacena, ma continuo a pensare che non sia un reato. Semmai una questione inopportuna, che non rifarei". A dirlo è stato Claudio Scajola parlando con i giornalisti in una pausa del processo in cui è imputato a Reggio Calabria per procurata inosservanza della pena in relazione alla latitanza dell'ex deputato di Fi Amedeo Matacena, condannato a 3 anni per concorso esterno in associazione mafiosa e adesso a Dubai. Nel corso dell'udienza è stata confermata la convocazione come teste per il prossimo 5 febbraio di Silvio Berlusconi. I giudici oggi hanno ascoltato la testimonianza del funzionario ex Carige (banca di cui era vicepresidente un fratello di Scajola) Paolo Pippione, che ha affermato che l'ex ministro gli chiese se era possibile aiutare Chiara Rizzo spostando una somma di denaro. Pippione ha riferito che quando accertò che Matacena era stato condannato disse a Scajola che non era possibile e lui ne prese atto.

21:47Calcio: Eysseric sprona la Fiorentina, ora ripartiamo

(ANSA) - FIRENZE, 22 GEN - "Abbiamo fallito nel nostro dovere di rappresentare con orgoglio i colori della Fiorentina e le nostre ambizioni, ora dobbiamo lavorare ancor più per vincere la prossima partita". Così Valentin Eysseric su Instagram ha espresso tutta la delusione per la pesante sconfitta rimediata dalla Fiorentina ieri a Marassi contro la Sampdoria. "Dopo una partita come quella di ieri la notte è stata molto breve - scrive ancora il centrocampista francese che Pioli ha schierato titolare per l'assenza di Veretout - Le critiche sono facili quando perdiamo, ma ci prenderemo questa sconfitta da uomini puntando a tornare già domenica alla vittoria". Il prossimo impegno al Franchi per Eysseric e compagni sarà contro il Verona con l'obiettivo di ritrovare il successo che sul proprio campo manca da un mese e mezzo: l'ultimo è stato quello ottenuto il 3 dicembre contro il Sassuolo, poi tre pareggi interni di fila contro Genoa, Milan e Inter.

21:41Calcio: è ufficiale, Rafinha è un giocatore dell’Inter

(ANSA) - MILANO, 22 GEN - Rafinha è un giocatore dell'Inter, lo annuncia il club nerazzurro sul proprio sito. L'Inter "detiene un'opzione per l'acquisto del giocatore per 35 milioni più 3 milioni di euro in bonus - si legge - che dovrà essere esercitata prima del termine dell'attuale stagione sportiva".

Archivio Ultima ora