Emergenti e debito, la Bce rischia la tempesta perfetta?

Pubblicato il 12 marzo 2016 da redazione

tempesta

ROMA. – E’ il paradosso della crisi: innescata dieci anni fa dalle banche americane che ingozzavano famiglie già piene di debiti con persino più prestiti di quanto queste ne chiedessero, si trascina in Europa con la Bce che arriva a pagare le banche perché prestino di più. La semplificazione è rozza. Ma rende la posizione di quanti ritengono che Mario Draghi non abbia assestato un colpo da maestro, ma nel migliore dei casi un meccanismo per guadagnare ancora tempo ed evitare il peggio. E, nel peggiore dei casi, un nuovo capitolo scritto dalle banche centrali nella storia di un ipotetico, futuro disastro finanziario mondiale.

Vale dunque la pena esaminare anche questo punto di vista. Al centro del Qe3 di Draghi c’è un’espansione del bilancio della Bce (comprando titoli) che si appresta a superare quello della Fed, con l’obiettivo di allontanare una “deflazione disastrosa”. Tassi sui depositi negativi a -0,40% in una corsa globale con la Bank of Japan. E l’incentivo economico senza precedenti alle banche che in borsa hanno visto un mezzo tracollo da gennaio.

Vista da alcuni Paesi europei, la prima critica che viene mossa è che si incentiva ad indebitarsi un sistema di imprese che (come in Italia) di debito ne ha già tanto o non ne vuole per mancanza di prospettive di sviluppo. Di dare acqua a un cavallo che non beve. Rischiando di dirottare verso un maggiore profilo di rischio banche che dovrebbero invece risanarsi. Il crollo degli spread, che Draghi rivendica, per alcuni a Berlino toglie l’incentivo a ridurre il debito pubblico dei Paesi.

E’ chiara la controdeduzione: non c’è altra via per contrastare la deflazione. Con gli spread di due anni fa il debito di alcuni paesi sarebbe esploso. E per non cadere nella trappola del Giappone, che da vent’anni lotta contro i prezzi in caduta, la Bce deve sostenere le banche e da ieri le ‘ricompensa’ per l’impatto dei tassi negativi.

Il rischio – si ragiona fra gli scettici – è la Svezia. Con un Pil cresciuto di oltre il 4% grazie al suo Qe, Stoccolma ha innescato una bolla creditizia e immobiliare che fa temere le autorità per la tenuta del sistema. Senza riuscire a creare inflazione. I detrattori della Bce, poi, hanno al loro arco la freccia degli effetti collaterali, a partire dalla spinta artificiale alle borse. La diseguaglianza risulta così aumentata con il Qe, a favore dei ricchi e delle finanza.

Draghi ha le sue ragioni quando dice che la deflazione colpisce chiunque. Ma come ha ricordato la Banca dei regolamenti internazionali, evocando “segnali di una tempesta ormai vicina” e ricordando che la crisi è partita proprio dal debito che continua a salire, c’è dell’altro. E ha a che vedere con l’economia globale.

Una banca d’investimento rispettabile come Bnp Paribas, scrive che Bce, Banca del Giappone, ma anche Fed e People’s Bank of China, “sono responsabili del grande caos monetario globale”: la corsa delle prime due ai tassi negativi, e la guerra delle valute, facendo apprezzare il dollaro hanno corroso le riserve valutarie dei Paesi emergenti (costretti a ricomprare la propria valuta per equilibrare il cambio), imponendo loro una stretta monetaria drammatica.

L’effetto assurdo è che il nostro Qe si è tradotto in una stretta monetaria globale, favorendo il crollo delle materie prime e peggiorando la recessione degli emergenti, con una vittima esemplare come il Brasile.

La realtà, probabilmente, è che Draghi sta cercando di proteggere la già debole Europa da una congiuntura globale tornata sfavorevole. E deve assolutamente scongiurare la deflazione. Il rischio segnalato da mercati assuefatti, che chiedono sempre di più, è sicuramente che il solo sentir parlare di una fine dello stimolo monetario, sia pure fra due o cinque anni, fa paura. E può innescare reazioni incontrollate. E questo sì è un campanello d’allarme.

(di Domenico Conti/ANSA)

Ultima ora

12:29Totti: Lotti, mi auguro grande festa per lui domani

(ANSA) - FIRENZE, 27 MAG - "Totti non si discute, è un grande campione. Domani mi auguro che sarà per lui una grande festa, come è giusto che sia, e come sono convinto che l'Olimpico gli tributerà". Lo ha detto il ministro per lo sport Luca Lotti, rispondendo ai giornalisti sull'ultima partita in maglia giallorossa del capitano della Roma. Il ministro è intervenuto oggi a margine di una premiazione organizzata dal comitato toscano dilettanti, al centro tecnico di Coverciano a Firenze.

12:23G7: su Russia i sette pronti a ‘ulteriori azioni’

(ANSA) - TAORMINA, 27 MAG - Nella dichiarazione finale del G7 i grandi si impegneranno a prendere 'ulteriori azioni' nei confronti della Russia se non rispetta gli accordi di Minsk sull'Ucraina. Lo riferiscono fonti vicine al dossier, precisando che la discussione sulla Russia si tiene oggi. Sulla necessità di non levare le sanzioni a Mosca ci sarebbe quindi anche l'accodo degli Usa.

12:22Filippine: esercito bombarda Marawi, bandiere bianche civili

(ANSA) - BANGKOK, 27 MAG - Nei combattimenti di Marawi l'esercito filippino sta impiegando contro gli estremisti affiliati all'Isis anche bombardamenti aerei, mentre da alcuni edifici della città di 200 mila abitanti sono spuntate bandiere bianche sventolate da civili. Lo hanno riferito all'Associated Press alcuni testimoni. Con il bilancio ufficiale delle vittime fermo a 44 da ieri mattina (ma probabilmente già aumentato sul campo), gli scontri proseguono senza sosta tra le truppe di Manila e un centinaio di militanti armati appartenenti ai gruppi Maute e Abu Sayyaf, entrambi affiliati all'Isis. Un portavoce dell'esercito ha annunciato che le operazioni andranno avanti "fino a che la città sarà ripulita" dai combattenti che da martedì pongono assedio a Marawi, in seguito al blitz fallito delle forze di sicurezza per catturare uno dei loro comandanti. Nonostante migliaia di residenti abbiano lasciato la città, in molti sono rimasti nelle proprie case.

12:20Migranti: fiori e tedesco per integrazione profughi

(ANSA) - BOLZANO, 27 MAG - Hanno appreso primi rudimenti della lingua tedesca assieme a nozioni di floristica e cura dei giardini: sono 13 ragazzi profughi, richiedenti asilo in Alto Adige. Grazie ad un progetto organizzato dall'ufficio educazione permanente del dipartimento cultura tedesca in collaborazione con la scuola professionale Laimburg, e in sinergia con l'associazione dei giardinieri altoatesini, hanno compiuto un corso a moduli e uno stage presso 8 giardinerie in Alto Adige. In precedenza i ragazzi avevano acquisito i comportamenti corretti per la sicurezza sul lavoro. Ora sono pronti per una chiamata all'opera. Gli assessori provinciali di Bolzano Philipp Achammer e Arnold Schuler si sono complimentati con i corsisti e hanno consegnato loro gli attestati di frequenza del percorso formativo nell'ambito di una piccola festa.

12:18Migranti:altre due navi arrivate in Calabria,in una 32 salme

(ANSA) - CROTONE, 27 MAG - È approdata questa mattina nel porto di Crotone la nave Phoenix, dell'organizzazione non governativa Moas, con a bordo 600 migranti, tra i quali 150 bambini non accompagnati. La nave trasporta anche le salme di 32 persone morte nel naufragio dei giorni scorsi al largo della Libia, tra cui quelle di alcuni bambini. Le operazioni di sbarco e di assistenza ai migranti sono coordinate dalla Prefettura di Crotone. Un altro gruppo di 481 migranti é giunto, sempre stamattina, nel porto di Reggio Calabria a bordo della nave "Sirio" della Marina Militare. Quattro dei migranti sono stati ricoverati in ospedale per patologie varie. Le due navi sarebbero dovute approdare in Sicilia, ma sono state dirottate in Calabria per il blocco disposto per il G7 di Taormina. Ieri, per lo stesso motivo, erano approdate in Calabria altre quattro navi, con a bordo, complessivamente, 1.669 migranti. (ANSA).

12:15G7: anche Merkel cancella conferenza stampa finale

(ANSA) - Taormina, 27 MAG - Anche la cancelliera Angela Merkel, come il presidente Usa Donald Trump, rinuncia alla conferenza stampa finale della delegazione tedesca al G7. La Merkel avrà solo un breve colloquio con i giornalisti tedeschi, non con la stampa internazionale. Come nel caso di Trump, a Taormina si rincorrono ipotesi per spiegare la decisione di cancellare la conferenza stampa: ieri i due leader hanno avuto una discussione, definita "vivace e franca" dalla Merkel, senza replicare frontalmente alle accuse di Trump alle pratiche commerciali tedesche.

12:13G7: unica dichiarazione su clima, ‘più tempo agli Usa’

(ANSA) - TAORMINA, 27 MAG - Sulla questione del clima ci sarà "un'unica dichiarazione a sette" al termine del G7, nella quale i sei altri partner si impegnano "a lasciare più tempo agli Usa per prendere una decisione sull'accordo di Parigi". Lo riferiscono fonti del G7.

Archivio Ultima ora