La Roma blinda il terzo posto, la Fiorentina agganciata dall’Inter

Pubblicato il 13 marzo 2016 da redazione

Roma's Edin Dzeko (L) scores the goal during the Italian Serie A soccer match Udinese Calcio vs AS Roma at Friuli stadium in Udine, Italy, 13 March 2016. ANSA/LANCIA

Roma’s Edin Dzeko (L) scores the goal during the Italian Serie A soccer match Udinese Calcio vs AS Roma at Friuli stadium in Udine, Italy, 13 March 2016.
ANSA/LANCIA

ROMA. – La Roma festeggia il ritorno al gol di Dzeko e una prodezza di Florenzi vincendo 2-1 a Udine e blindando il terzo posto grazie all’impresa della cenerentola Verona che agguanta nel finale una Fiorentina in fase calante. Ora, in attesa del posticipo Palermo-Napoli, Spalletti rafforza la sua posizione con cinque punti di vantaggio sui viola e sull’Inter che affronterà all’Olimpico sabato prossimo.

Per la Fiorentina una brutta frenata che prolunga la scia di alcune battute a vuoto che rischiano di compromettere un campionato fin qui esemplare. Male anche il Milan che non riesce a vincere in casa del Chievo Verona e si allontana dall’Europa.

In attesa anche di Lazio-Atalanta, robusto passo avanti in chiave salvezza del Carpi che vince l’agguerrita resistenza del Frosinone con un rigore di De Guzman nel recupero. Ora gli emiliani si portano a un punto dal Frosinone, a due dal Palermo e a cinque dall’Atalanta e dall’Udinese. A rischio esonero il tecnico Colantuono visto che non riesce a far ripartire i friulani.

Formazione a trazione anteriore, come a Madrid, per la Roma che comincia giocando ariosa e mettendo in evidenza i problemi di assetto dell’Udinese: il vantaggio matura presto con un’azione ficcante Perotti-Salah e conclusione precisa di Dzeko che si sblocca dopo i tanti errori. La Roma controlla e crea altre conclusioni senza però trovare il colpo di grazia.

Nella ripresa l’ingresso di Zapata e uno schieramento meno prudente rendono i friulani più competitivi e l’ex napoletano colpisce un palo di testa. Ma l’affanno dura poco: i giallorossi ricominciano a giocare sciolti e arriva il raddoppio dopo l’ingresso di Pjanic con una giocata da attaccante di rango di Florenzi. A riaccendere le speranze ci pensa Bruno Fernandes ma poi la Roma controlla azzerando i rischi. Per Colantuono panchina a rischio, per i giocatori brusco faccia a faccia con i tifosi a fine partita.

Fa fatica la Fiorentina a prendere le misure di un Verona sempre più proiettato verso la retrocessione. Ma i veneti si battono gagliardamente, hanno qualche occasione per pungere, poi i viola escono dall’impaccio con l’aiuto di Zarate, tornato in campo dopo la lunga squalifica. L’argentino conclude bene su assist di Tello e con l’aiuto di una deviazione.

Poi Zarate è ancora pericoloso e la squadra commette il grave errore di accontentarsi del minimo vantaggio lasciando l’iniziativa al Verona, che prima sfiora il gol con Toni e poi trova il pari con un colpo di testa di Pisano. E nel recupero i veneti vanno vicini alla vittoria.

Fallisce l’ennesimo appuntamento per il salto di qualità il Milan che non riesce a vincere in casa di un ottimo Chievo. Sono proprio i veneti a tenere meglio il campo e a creare occasioni, poi nella ripresa si svegliano i rossoneri grazie a un inspirato Bonaventura. Mihajlovic è anche sfortunato per il palo di Abate e la traversa di Bertolacci nella stessa azione, ma è troppo poco per sperare di riagganciare l’Europa.

In chiave salvezza grande tensione e animosità tra Carpi e Frosinone, neopromosse che lottano per salvarsi. I padroni di casa vanno in vantaggio con Bianco in una delle rare conclusioni, poi alla distanza l’ottavo gol di Dionisi rimette in corsa i laziali. Ma in fase di recupero Crimi si procura un rigore che vale oro. La trasformazione di De Guzman è impeccabile e per gli emiliani si riaccendono le speranze di salvezza.

Si toglie definitivamente dagli impacci invece il Genoa che rimonta due gol al Torino e poi chiude i giochi con una rete preziosa di Rigoni. Ad infiammare il primo tempo la doppietta splendida di Ciro Immobile e quella su rigore di Alessio Cerci.

Ultima ora

00:17Calcio: 3-1 all’Alaves, il Barcellona vince la Coppa del Re

(ANSA) - ROMA, 27 MAG - Il Barcellona saluta Luis Enrique vincendo 3-1 la finale di Coppa del Re contro l'Alaves. Per i blaugrana si tratta del 29/o successo nel torneo, il terzo consecutivo. L'allenatore lascia dopo tre anni e con un bottino di nove titoli. L'incontro al 'Vicente Calderon' di Madrid non ha avuto storia, con il Barca che ha chiuso il primo tempo in ampio vantaggio grazie alle reti di Messi (30'), Neymar (45', in dubbio offside) e Paco Alcacer (48'), più che sufficienti a stroncare ogni velleità dell'Alaves che pure aveva trovato il pareggio su punizione al 33' con Hernandez.

00:14Calcio: un autogol piega l’Angers, coppa di Francia al Psg

(ANSA) - ROMA, 27 MAG - Il Paris Saint Germain vince la 100/a edizione della coppa di Francia, conquistando il trofeo per l'undicesima volta, la terza consecutiva. Nessuna sorpresa nel risultato della sfida tra la corazzata di Unai Emery, forse al passo d'addio, e la cenerentola Angers, ma la partita allo Stade de France è andata in maniera diversa rispetto alle attese. Il 93' il risultato era ancora sullo 0-0 e solo una sfortunata autorete di Cissokho ha consentito al Psg di passare in vantaggio e vincere l'incontro quando ormai i bianconeri speravano di aver conquistato i supplementari.

23:54Basket: playoff, Milano-Trento 71-78

(ANSA) - ASSAGO (MILANO), 27 MAG - La sfrontatezza di Flaccadori, la versatilità di Craft e la prestanza atletica di Sutton: con questi ingredienti la Dolomiti Energia Trento sorprende nuovamente una deludente EA7 (71-78), portandosi avanti 2-0 nella serie di semifinale. Il Forum d'Assago è spaccato in due ma unito in un clima di contestazione generale: la curva prende di mira la dirigenza e chiede le dimissioni del presidente Proli e del gm Portaluppi, il resto dell'arena becca coach Repesa, poco convincente in molte delle sue scelte. Trento è piena zeppa di meriti, Milano confusa e infelice. E ora senza più possibilità di sbagliare: per riportare la serie al Forum dovrà sbancare almeno una volta Trento.

23:24Calcio: playoff serie B, Benevento-Perugia 1-0

(ANSA) - BENEVENTO, 27 MAG - Il Benevento supera 1-0 il Perugia e si aggiudica il primo atto della semifinale playoff di serie B. Di Chibsah, al 14' st, la rete che decide il match e consente ai sanniti la possibilità di passare il turno anche con un pareggio nel ritorno allo stadio 'Curi'. I giallorossi partono a spron battuto ma al 10' una conclusione sbilenca di Mustacchio diventa un assist per Dezi che di testa batte Cragno. Dopo un lungo conciliabolo, però, l'arbitro annulla per offside. Il gol decisivo giunge nella ripresa. Ingenuità di Gnahoré che al limite dell'area si fa rubar palla da Chibsah, lesto ad entrare in area e freddo nel battere Brignoli. La reazione del Perugia è veemente ma sterile e di nitide chance non se ne registrano.

23:01Calcio: Borussia Dortmund vince la coppa di Germania

(ANSA) - ROMA, 27 MAG - Il Borussia Dortmund si aggiudica la coppa di Germania battendo 2-1 l'Eintracht Francoforte nella finale disputata allo stadio olimpico di Berlino. Dopo tre ko consecutivi nella partita decisiva, la squadra guidata ha Thomas Tuchel ha conquistato la quinta coppa nazionale della sua storia, ritrovando un successo che mancava dal 2012. Andato in vantaggio all'8' con Dembele, il Borussia ha subito al 29' il pareggio di Rebic, tornando poi avanti in maniera definitiva grazie ad un rigore trasformato da Aubemeyang al 22' della ripresa.

22:59Donna alpinista precipita a 3 mila metri in Valtellina

(ANSA) - VALFURVA (SONDRIO), 27 MAG - E' precipitata in un burrone profondo alcune centinaia di metri sotto gli occhi atterriti del marito e di alcuni amici e non ha avuto scampo. Vittima della tragedia in montagna avvenuta oggi pomeriggio in Alta Valtellina è una donna di 45 anni, residente a Vobarno, in provincia di Brescia. Si chiamava Paola Ferrari. L'incidente alpinistico si è verificato lungo le pendici del pizzo San Matteo, a quasi 3 mila metri di altitudine, nel territorio comunale di Valfurva (Sondrio), il paese turistico dell'ex campionessa olimpica di sci Deborah Compagnoni e dello scalatore degli Ottomila Marco Confortola. L'allarme, alla centrale operativa del 112, e' stato dato attorno alle 13 dal coniuge con il cellulare. La moglie, come tutti i componenti della comitiva di escursionisti d'alta quota, non era in cordata. Procedeva da sola, in fila indiana lungo il ripido pendio, quando all'improvviso e' accaduta la disgrazia.

22:27Calcio: Allegri “la Juve è pronta per una grande finale”

(ANSA) - BOLOGNA, 27 MAG - La Juve sta bene, meglio non potrebbe. Vincente, in forma, con tutti gli uomini a disposizione. Pronta "per fare una gran finale", dice Massimiliano Allegri al termine della partita vinta al 94' a Bologna. La settimana di Cardiff è già scandita: domani giorno di riposo, "poi lunedì cominciamo a preparare la partita, a questo punto serve un grande risparmio di energie per sprigionarle tutte nella finale. Serve attenzione ai dettagli e ci vuole un po' di buona sorte", aggiunge, mettendo nel mirino il Real. Allegri è contento, "per i ragazzi, perché abbiamo chiuso con una vittoria, perché abbiamo fatto 91 punti che sono una cosa importante in un campionato di alto livello. Dovevamo chiudere bene, l'abbiamo fatto nel migliore dei modi, con un'ottima mezz'ora finale e una bella reazione". Ormai è recuperato anche Khedira: "Ha fatto alcune strappate delle sue - ha detto il tecnico - qualche buon inserimento. Era la prestazione che mi aspettavo da lui, ha una settimana ancora per migliorare la condizione.

Archivio Ultima ora