La Roma blinda il terzo posto, la Fiorentina agganciata dall’Inter

Pubblicato il 13 marzo 2016 da redazione

Roma's Edin Dzeko (L) scores the goal during the Italian Serie A soccer match Udinese Calcio vs AS Roma at Friuli stadium in Udine, Italy, 13 March 2016. ANSA/LANCIA

Roma’s Edin Dzeko (L) scores the goal during the Italian Serie A soccer match Udinese Calcio vs AS Roma at Friuli stadium in Udine, Italy, 13 March 2016.
ANSA/LANCIA

ROMA. – La Roma festeggia il ritorno al gol di Dzeko e una prodezza di Florenzi vincendo 2-1 a Udine e blindando il terzo posto grazie all’impresa della cenerentola Verona che agguanta nel finale una Fiorentina in fase calante. Ora, in attesa del posticipo Palermo-Napoli, Spalletti rafforza la sua posizione con cinque punti di vantaggio sui viola e sull’Inter che affronterà all’Olimpico sabato prossimo.

Per la Fiorentina una brutta frenata che prolunga la scia di alcune battute a vuoto che rischiano di compromettere un campionato fin qui esemplare. Male anche il Milan che non riesce a vincere in casa del Chievo Verona e si allontana dall’Europa.

In attesa anche di Lazio-Atalanta, robusto passo avanti in chiave salvezza del Carpi che vince l’agguerrita resistenza del Frosinone con un rigore di De Guzman nel recupero. Ora gli emiliani si portano a un punto dal Frosinone, a due dal Palermo e a cinque dall’Atalanta e dall’Udinese. A rischio esonero il tecnico Colantuono visto che non riesce a far ripartire i friulani.

Formazione a trazione anteriore, come a Madrid, per la Roma che comincia giocando ariosa e mettendo in evidenza i problemi di assetto dell’Udinese: il vantaggio matura presto con un’azione ficcante Perotti-Salah e conclusione precisa di Dzeko che si sblocca dopo i tanti errori. La Roma controlla e crea altre conclusioni senza però trovare il colpo di grazia.

Nella ripresa l’ingresso di Zapata e uno schieramento meno prudente rendono i friulani più competitivi e l’ex napoletano colpisce un palo di testa. Ma l’affanno dura poco: i giallorossi ricominciano a giocare sciolti e arriva il raddoppio dopo l’ingresso di Pjanic con una giocata da attaccante di rango di Florenzi. A riaccendere le speranze ci pensa Bruno Fernandes ma poi la Roma controlla azzerando i rischi. Per Colantuono panchina a rischio, per i giocatori brusco faccia a faccia con i tifosi a fine partita.

Fa fatica la Fiorentina a prendere le misure di un Verona sempre più proiettato verso la retrocessione. Ma i veneti si battono gagliardamente, hanno qualche occasione per pungere, poi i viola escono dall’impaccio con l’aiuto di Zarate, tornato in campo dopo la lunga squalifica. L’argentino conclude bene su assist di Tello e con l’aiuto di una deviazione.

Poi Zarate è ancora pericoloso e la squadra commette il grave errore di accontentarsi del minimo vantaggio lasciando l’iniziativa al Verona, che prima sfiora il gol con Toni e poi trova il pari con un colpo di testa di Pisano. E nel recupero i veneti vanno vicini alla vittoria.

Fallisce l’ennesimo appuntamento per il salto di qualità il Milan che non riesce a vincere in casa di un ottimo Chievo. Sono proprio i veneti a tenere meglio il campo e a creare occasioni, poi nella ripresa si svegliano i rossoneri grazie a un inspirato Bonaventura. Mihajlovic è anche sfortunato per il palo di Abate e la traversa di Bertolacci nella stessa azione, ma è troppo poco per sperare di riagganciare l’Europa.

In chiave salvezza grande tensione e animosità tra Carpi e Frosinone, neopromosse che lottano per salvarsi. I padroni di casa vanno in vantaggio con Bianco in una delle rare conclusioni, poi alla distanza l’ottavo gol di Dionisi rimette in corsa i laziali. Ma in fase di recupero Crimi si procura un rigore che vale oro. La trasformazione di De Guzman è impeccabile e per gli emiliani si riaccendono le speranze di salvezza.

Si toglie definitivamente dagli impacci invece il Genoa che rimonta due gol al Torino e poi chiude i giochi con una rete preziosa di Rigoni. Ad infiammare il primo tempo la doppietta splendida di Ciro Immobile e quella su rigore di Alessio Cerci.

Ultima ora

01:23Vela: Coppa del Mondo a Miami, italiani subito protagonisti

(ANSA) - MIAMI (USA), 24 GEN - È subito grande spettacolo a Miami dove, in condizioni praticamente perfette - tra gli 8 e i 15 nodi di vento e con un sole sempre presente - sono cominciate le regate della Coppa del Mondo di Vela, circuito itinerante riservato alle Classi Olimpiche che proprio in Florida, con oltre 400 velisti di 44 Nazioni in acqua, ha fatto il suo esordio stagionale. Se la Baia di Biscayne ha sfoderato il suo miglior azzurro, anche gli italiani non sono stati da meno, partendo subito bene in alcune classi: nel Catamarano per equipaggi misti Nacra 17, con Lorenzo Bressani e Caterina Marianna Banti, e nel Doppio 470 maschile con Giacomo Ferrari e Giulio Calabrò. Bressani-Banti hanno dominato la flotta chiudendo con due vittorie e un secondo posto, risultati che li hanno proiettati subito al comando con 3 punti di vantaggio sugli inglesi Phipps-Boniface, mentre i due romani, vincitori la settimana scorsa del Campionato Nord Americano 470, sono secondi in classifica a tre punti dai giapponesi Doi-Kimura.

00:16Calcio: Coppa Italia, Napoli in semifinale

(ANSA) - NAPOLI, 24 GEN - Il Napoli si è qualificato per le semifinali di Coppa Italia grazie al successo per 1-0 sulla Fiorentina. Partita molto vivace con occasioni da entrambe le parti e decisa al 71' da un colpo di testa di Callejon su cross dalla sinistra di Hamsik. Le squadre hanno finito l'incontro in 10 per le espulsioni nel finale di Hysaj e Maxi Olivera. In semifinale il Napoli incontrerà la vincente di Juventus-Milan, in programma domani.

00:12Rigopiano, estratta la diciottesima vittima

(ANSA) - ROMA, 24 GEN - E' un uomo non ancora identificato la diciottesima vittima estratta dai Vigili del fuoco dall' hotel Rigopiano di Farindola (Pescara), travolto da una valanga mercoledì scorso. Lo ha fatto sapere la Prefettura di Pescara. Il numero delle vittime sale così a 18; scende a 11 il numero dei dispersi.

23:59Calcio: Coppa d’Africa, Costa d’Avorio eliminata

(ANSA) - ROMA, 24 GEN - Fuori i campioni in carica della Costa d'Avorio, vanno ai quarti la Repubblica Democratica del Congo e Marocco. Questo il responso della Coppa d'Africa dopo l'ultimo turno del gruppo C, le cui partite sono state giocate oggi. I Simba del Congo hanno battuto il Togo per 3-1, vincendo il girone. Reti di Kabananga (29' pt), Mubele (9' st) e M'Poku (35' st). A segno Laba (24' st) per gli Sparvieri togolesi, tra le cui file il portiere Agassa ha mantenuto il proposito di non giocare dopo che, in patria, dei teppisti gli avevano devastato la casa. Nell'altro match di oggi sconfitta degli Elefanti ivoriani contro il Marocco di capitan Benatia. è finita 1-0 con rete di Alioui. Questa la classifica finale del girone: RD Congo 7; Marocco 6; Costa d'Avorio 2; Togo 1.

23:56Calcio: Sampdoria, rescisso contratto Cassano

(ANSA) - GENOVA, 24 GEN - "La rescissione con Cassano è un epilogo amaro, il suo ritorno poteva essere diverso, ma alla fine dirsi addio è la soluzione migliore per entrambi visto che le posizioni sono differenti ma tutte e due legittime". Con queste parole all'emittente Primocanale, il braccio destro del presidente della Sampdoria Massimo Ferrero, l'avvocato Antonio Romei, ha confermato il divorzio tra la Sampdoria e Antonio Cassano. La rescissione del contratto che legava il giocatore alla Sampdoria sino a giugno, verrà ufficializzata probabilmente giovedì ma oggi a Bogliasco c'è stato l'incontro decisivo. Cassano, già in blucerchiato dal 2007 al gennaio 2011, era tornato alla Sampdoria nell'agosto 2015 ma dalla scorsa estate non rientrava più nei piani societari e dopo essere stato messo fuori rosa, solo a novembre aveva avuto il via libera per allenarsi con la Primavera. Ora per lui, che non vorrebbe lasciare la Liguria, c'è già l'offerta dell'Entella. Non verranno prese in considerazione le proposte dalla Cina.

23:35Sci: slalom Schladming, vittoria Kristoffersen

(ANSA) - SCHLADMING (AUSTRIA), 24 GEN - Il norvegese Henrik Kristoffersen ha vinto la 20/a edizione dello slalom speciale notturno di Schladming bissando il successo dello scorso anno. Al secondo posto l'austriaco Marcel Hirscher in 1.39.92 davanti al russo Alexander Khoroshilov in 1.40.46. Migliore degli italiani il trentino Stefano Gross, quinto in 1.41.37 Gli altri azzurri in classifica sono Manfred Moelgg, 12/o in 1.42.36, il giovane Tommaso Sala 20/o in 1.43.08 e Giuliano Razzoli 22/o in 1.43.37, mentre Patrick Thaler ha inforcato con dolorosa torsione al ginocchio destro. Dopo questa gara in classifica generale di Coppa l'austriaco Marcel Hirscher e' saldamente al comando con 1.160 punti davanti a Kristoffersen a quota 792. La coppa maschile si trasferisce ora in Germania, a Garmisch-Partenkirchen: venerdì una prima discesa recupero di Wengen, sabato un'altra discesa e domenica slalom gigante. Sono le ultime gare in queste discipline prima dei Mondiali di St.Moritz.

22:47Calcio: Zamparini, non contento del gioco di Corini

(ANSA) - PALERMO, 24 GEN - "Io credo ancora alla salvezza. Reputo che, con i rinforzi in procinto di essere ingaggiati dal ds Salerno, ci possiamo salvare. Non ero contento del gioco di Corini, per Eugenio era un compito difficile: non è riuscito a cambiare la mentalità della squadra". Lo ha detto il presidente del Palermo, Maurizio Zamparini, ai microfoni di Sky Sport. "Non abbiamo scelto ancora nessuno per la panchina - ha spiegato il patron del club rosanero -. Diego Lopez sta arrivando in Italia, Salerno lo conosce bene e valuteremo. E' il profilo preferito dal direttore Salerno, io devo conoscerlo un pò, ma il 'mio' direttore ha il 100% della mia fiducia: mi fido di lui".

Archivio Ultima ora