Mattarella, si all’accoglienza. Affrontare il problema dove nasce

Pubblicato il 15 marzo 2016 da redazione

Accompagnato dal ministro dell'Istruzione Stefania Giannini e dal viceministro agli Esteri Mario Giro, il presidente Mattarella saluta gli alunni della Scuola Statale Italiana di Addis Abeba

Accompagnato dal ministro dell’Istruzione Stefania Giannini e dal viceministro agli Esteri Mario Giro, il presidente Mattarella saluta gli alunni della Scuola Statale Italiana di Addis Abeba

ADDIS ABEBA. – Il “rifiuto dell’accoglienza” non può essere la risposta dell’Europa all’emergenza immigrazione; piuttosto, serve una “approccio multilaterale” che coinvolga e sia condiviso dagli Stati “dai quali ha origine il fenomeno migratorio” che, a volte, può legarsi anche a quello del terrorismo.

E’ il percorso che il presidente della Repubblica Sergio Mattarella traccia, nel corso del suo primo giorno di visita ufficiale in Etiopia, rispondendo ai giornalisti italiani che gli chiedono un commento sugli ultimi fatti di cronaca: dall’affermazione delle forze xenofobe alle recenti elezioni in Germania fino agli attentati terroristici in Costa d’Avorio ed in Turchia.

Il capo dello Stato italiano invita ad investire sulle relazioni, economiche ma soprattutto sociali e culturali, che devono instaurarsi tra le nazioni. Lo fa ad Addis Abeba dove incontra il presidente della Repubblica Mulatu Teshome ed il premier Hailemariam Desalegn.

L’Italia è in prima linea per sostenere gli sforzi di crescita del Paese africano dal quale è legato da saldi legami economici e apprezza il dinamismo diplomatico di Addis Abeba, impegnata in un tentativo di stabilizzazione e pacificazione di questa area dell’Africa occidentale dalla quale, però, giungono nuovi inquietanti segnali di tensioni

Nel corso degli incontri i vertici etiopici hanno chiesto l’impegno di Roma per una azione di pressing nei confronti dell’Europa affinché sia vigili sull’attivismo, anche militare, della confinante Eritrea. Ma alla stesso tempo il governo di Addis Abeba spinge per un più massiccio intervento, economico e di formazione della nuova classe dirigente, da parte dell’Italia per la realizzazione di poli industriali a ridosso della capitale.

Mattarella ha apprezzato l’impegno etiopico nelle operazioni di peace keeping in varie zone del continente africano e il significativo sforzo nell’accoglienza di oltre 800mila rifugiati in vari campi profughi nel paese (domani il presidente visiterà quello di Gambela con 100mila abitanti e la presenza italiana nella formazione scolastica e nell’approvvigionamento di acqua).

Ma – come ha detto più volte – “gli sforzi umanitari non bastano”. “Devono migliorare le condizioni di vita” nei paesi da cui nascono fenomeni migratori “anche perché – spiega con semplicità – nessuno lascerebbe la propria terra se potesse vivere in pace e in maniera accettabile nei paesi dai quali proviene”. L’Etiopia in questo “è in prima linea”.

Così come nella lotta al terrorismo perché – sottolinea commentando i recenti attentati della Costa d’Avorio e della Turchia – i “principi a cui si ispira l’Etiopia nel diritto internazionale coincidono con quelli dell’Italia: la lotta al terrorismo, l’affrontare in modo responsabile il fenomeno migratorio, promuovere sviluppo e pacificazione”.

Parole che – fanno notare i giornalisti – sembrano disattese in Europa dall’affermarsi di forze xenofobe come quelle che hanno avuto un buon successo in Germania. Mattarella dissente: “Io, naturalmente, rispetto, nel mio come in altri Paesi, qualsiasi posizione” ma “occorre evitare di semplificare perché queste posizioni non sono maggioritarie, non lo sono neppure in Germania”.

“Occorre tener conto di questi orientamenti ma senza cadere nell’errore di ritenere che queste posizioni di rifiuto interpretino l’Europa in quanto non sono maggioritarie. Mi pare che altre siano le posizioni maggioritarie ma io non intendo fare richiami a nessuno”.

Oggi, accompagnato dal ministro dell’Istruzione Stefania Giannini e dal viceministro agli Esteri Mario Giro, Mattarella saluterà gli alunni della Scuola Statale Italiana di Addis Abeba (circa 800 di cui il 72% etiopi ed il 22% italiani) e, dopo un incontro con una rappresentanza di imprenditori italiani e funzionari dell’Onu, sarà ricevuto dalla presidente della Commissione dell’Unione Africana.

(Teodoro Fulgione/Ansa)

Ultima ora

23:15Calcio:playoff Serie B,2-1 a Spezia, Benevento in semifinale

(ANSA) - BENEVENTO, 23 MAG - Nel secondo turno preliminare dei playoff di Serie B, il Benevento supera 2-1 lo Spezia e stacca il pass per la semifinale contro il Perugia. Di Ceravolo e Puscas le reti decisive per avere la meglio sui liguri, a segno con Nenè nella ripresa. Dopo una buona chance mancata dallo spezzino Vignali in avvio, i locali sfiorano il vantaggio con un traversone di Lopez su cui Chichizola si fa cogliere impreparato. L'impressione è che il portiere si trascini la sfera oltre la linea ma in B non c'è la goal line e si prosegue. La rete arriva al 21': Djokovic stende in piena area Eramo, l'arbitro non ha esitazioni ed assegna il penalty. Dal dischetto Ceravolo si fa parare il rigore ma sugli sviluppi del corner successivo trova l'1-0 di testa. Lo Spezia accusa il colpo e incassa il raddoppio al 24' con una bordata dalla distanza di Puscas. Nella ripresa gli ospiti accorciano le distanze al 68' con una conclusione da fuori del neoentrato Nenè.

21:53Migranti: media, 6,6 milioni in attesa di venire in Europa

(ANSA) - BERLINO, 23 MAG - Fino a 6,66 milioni di migranti attendono nei Paesi nordafricani, in Turchia e in Giordania di mettersi in viaggio verso l'Europa. Secondo la Bild il dato, aggiornato a fine aprile, è contenuto in un documento riservato delle autorità di sicurezza tedesche. A fine gennaio si trattava di 5,95 milioni di persone. In concreto fino a 3,3 milioni di migranti sono in attesa in Turchia (400.000 in più rispetto a gennaio), fino a un milione in Libia (-200.000), altrettanti in Egitto (+500.000), fino a 720.000 in Giordania (+10.000), fino a 430.000 in Algeria (+30.000), fino a 160.000 in Tunisia (+10.000) e fino a 50.000 in Marocco (-10.000). Inoltre 79.000 rifugiati (+1.000) sono bloccati lungo la rotta balcanica, di cui 62.500 in Grecia. Stando al documento, fino alla fine di aprile sono sbarcati in Italia 37.300 migranti, il 55% dei quali arrivano da Nigeria, Bangladesh, Guinea, Costa d'Avorio e Gambia.

21:38Calcio: Lega di Serie B, Corradino candidato alla Presidenza

(ANSA) - ROMA, 23 MAG - ''Una candidatura per unire la Lega e trovare una soluzione politica alla nostra governance''. Parola di Andrea Corradino, candidato alla presidenza della Lega di Serie B, che a due giorni dalla Assemblea Elettiva della LNPB, prevista per giovedì 25 maggio, aggiunge: ''sento il dovere istituzionale e morale di offrire, in prima persona, una soluzione alla complessa situazione che la nostra Lega sta fronteggiando da qualche settimana, nella ricerca della ricostituzione dell'organo di presidenza dopo le dimissioni di Abodi''. ''Ho cercato in questi mesi di Vice Presidente facente funzioni - aggiunge Corradino - di garantire, con senso di responsabilità, rispetto per il ruolo e impegno, la più alta rappresentatività della Lega, supportato dal prezioso contributo dei consiglieri, ai quali ho costantemente riportato le risultanze della mia attività, coadiuvato dall'operato del Direttore generale e della sua struttura''.

21:15Totti: Monchi, col Genoa ultima in campo poi vedremo futuro

(ANSA) - ROMA, 23 MAG - "A Roma Totti è un idolo, domenica dirà addio alla carriera da calciatore nella partita contro il Genoa e vedremo quale sarà il suo futuro". In attesa che il diretto interessato riveli pubblicamente la propria scelta, il ds giallorosso Monchi ribadisce che per la società il tempo di Francesco Totti calciatore scadrà domenica con l'ultima di campionato all'Olimpico. "Francesco ha tanta esperienza e ciò basta per dare il suo contributo. Nel mio caso sicuramente avrò molto da imparare da lui - aggiunge l'ex dirigente del Siviglia all'emittente radiofonica spagnola Canal Sur Radio -. Per me è ancora una situazione strana vivere e lavorare a Roma. E' complicato e ho ancora dei sentimenti contrastanti. Il calcio in Italia e in particolare a Roma si vive in modo molto caldo, tutto quello che viene fatto è molto amplificato. In questo senso ricorda molto la Spagna, in particolare la questione legata ai tifosi".

21:13Morta triatleta tedesca travolta da camion in Romagna

(ANSA) - BOLOGNA, 22 MAG - E' morta all'ospedale Bufalini di Cesena Julia Viellehner, 31 anni, triathleta tedesca, rimasta vittima di un incidente stradale in allenamento al Passo delle Forche, nel forlivese, il 15 maggio. I suoi organi sono stati trapiantati. Lo ha reso noto un comunicato dell'Ausl di Romagna: "Si comunica che, alle ore 19.21 odierne, il Collegio Medico ha accertato il decesso dell'atleta tedesca Julia Viellehner, da lunedì 15 maggio ricoverata nel reparto di Terapia Intensiva 2 dell'Ospedale Bufalini di Cesena, a seguito del gravissimo politrauma subito nell' incidente stradale occorso in quella stessa data. La Direzione dell'Azienda Usl della Romagna desidera ringraziare la famiglia, che ha voluto dare corso alla volontà manifestata in vita da Julia , acconsentendo alla donazione di organi e tessuti prelevati a scopo di trapianto terapeutico". L'atleta tedesca era stata agganciata da un camion e trascinata sull'asfalto mentre si stava allenando in bicicletta. (ANSA).

20:41Rai: Di Maio, Campo Dall’Orto vada avanti

(ANSA) - ROMA, 23 MAG - "Come dice il M5s, se Campo Dall'Orto non va bene a Renzi è perché avrà detto qualche No di troppo, e chi dice No all'establishment per noi deve andare avanti". Lo ha detto il vicepresidente M5s della Camera, Luigi Di Maio, a Montecitorio.

20:39La 48^ Verzegnis Sella Chianzutan è gara-test per l’Alfa 4C

(ANSA) - ROMA, 23 MAG - La 48/a Verzegnis-Sella Chianzutan è la cronoscalata delle mille occasioni. Dopo il connubio con il 100° Giro d'Italia e aver annunciato il pienone di 250 iscritti, l'evento del 26-28 maggio organizzato dalla E4Run è confermato come gara-test per l'ammirata silhouette basata sull'Alfa Romeo 4C che domenica scorsa ha mosso i primi passi alla Sarnano-Sassotetto. Marco Gramenzi, pilota e promotore del nuovo progetto, e lo staff impegnato nella preparazione dell'auto hanno ricevuto gli ultimi elementi necessari all'effettivo completamento e ora il 5 volte campione italiano annuncia la sua presenza a Verzegnis, che del Campionato Italiano Velocità Montagna 2017 è terza prova, con validità per la FIA International Hill Climb Cup e per diverse altre serie nazionali ed estere. L'auto del driver teramano è denominata MG-AR1 Furore, monta un motore Zytek V8 3 litri di cilindrata proveniente dalla F.3000

Archivio Ultima ora