Mattarella, si all’accoglienza. Affrontare il problema dove nasce

Pubblicato il 15 marzo 2016 da redazione

Accompagnato dal ministro dell'Istruzione Stefania Giannini e dal viceministro agli Esteri Mario Giro, il presidente Mattarella saluta gli alunni della Scuola Statale Italiana di Addis Abeba

Accompagnato dal ministro dell’Istruzione Stefania Giannini e dal viceministro agli Esteri Mario Giro, il presidente Mattarella saluta gli alunni della Scuola Statale Italiana di Addis Abeba

ADDIS ABEBA. – Il “rifiuto dell’accoglienza” non può essere la risposta dell’Europa all’emergenza immigrazione; piuttosto, serve una “approccio multilaterale” che coinvolga e sia condiviso dagli Stati “dai quali ha origine il fenomeno migratorio” che, a volte, può legarsi anche a quello del terrorismo.

E’ il percorso che il presidente della Repubblica Sergio Mattarella traccia, nel corso del suo primo giorno di visita ufficiale in Etiopia, rispondendo ai giornalisti italiani che gli chiedono un commento sugli ultimi fatti di cronaca: dall’affermazione delle forze xenofobe alle recenti elezioni in Germania fino agli attentati terroristici in Costa d’Avorio ed in Turchia.

Il capo dello Stato italiano invita ad investire sulle relazioni, economiche ma soprattutto sociali e culturali, che devono instaurarsi tra le nazioni. Lo fa ad Addis Abeba dove incontra il presidente della Repubblica Mulatu Teshome ed il premier Hailemariam Desalegn.

L’Italia è in prima linea per sostenere gli sforzi di crescita del Paese africano dal quale è legato da saldi legami economici e apprezza il dinamismo diplomatico di Addis Abeba, impegnata in un tentativo di stabilizzazione e pacificazione di questa area dell’Africa occidentale dalla quale, però, giungono nuovi inquietanti segnali di tensioni

Nel corso degli incontri i vertici etiopici hanno chiesto l’impegno di Roma per una azione di pressing nei confronti dell’Europa affinché sia vigili sull’attivismo, anche militare, della confinante Eritrea. Ma alla stesso tempo il governo di Addis Abeba spinge per un più massiccio intervento, economico e di formazione della nuova classe dirigente, da parte dell’Italia per la realizzazione di poli industriali a ridosso della capitale.

Mattarella ha apprezzato l’impegno etiopico nelle operazioni di peace keeping in varie zone del continente africano e il significativo sforzo nell’accoglienza di oltre 800mila rifugiati in vari campi profughi nel paese (domani il presidente visiterà quello di Gambela con 100mila abitanti e la presenza italiana nella formazione scolastica e nell’approvvigionamento di acqua).

Ma – come ha detto più volte – “gli sforzi umanitari non bastano”. “Devono migliorare le condizioni di vita” nei paesi da cui nascono fenomeni migratori “anche perché – spiega con semplicità – nessuno lascerebbe la propria terra se potesse vivere in pace e in maniera accettabile nei paesi dai quali proviene”. L’Etiopia in questo “è in prima linea”.

Così come nella lotta al terrorismo perché – sottolinea commentando i recenti attentati della Costa d’Avorio e della Turchia – i “principi a cui si ispira l’Etiopia nel diritto internazionale coincidono con quelli dell’Italia: la lotta al terrorismo, l’affrontare in modo responsabile il fenomeno migratorio, promuovere sviluppo e pacificazione”.

Parole che – fanno notare i giornalisti – sembrano disattese in Europa dall’affermarsi di forze xenofobe come quelle che hanno avuto un buon successo in Germania. Mattarella dissente: “Io, naturalmente, rispetto, nel mio come in altri Paesi, qualsiasi posizione” ma “occorre evitare di semplificare perché queste posizioni non sono maggioritarie, non lo sono neppure in Germania”.

“Occorre tener conto di questi orientamenti ma senza cadere nell’errore di ritenere che queste posizioni di rifiuto interpretino l’Europa in quanto non sono maggioritarie. Mi pare che altre siano le posizioni maggioritarie ma io non intendo fare richiami a nessuno”.

Oggi, accompagnato dal ministro dell’Istruzione Stefania Giannini e dal viceministro agli Esteri Mario Giro, Mattarella saluterà gli alunni della Scuola Statale Italiana di Addis Abeba (circa 800 di cui il 72% etiopi ed il 22% italiani) e, dopo un incontro con una rappresentanza di imprenditori italiani e funzionari dell’Onu, sarà ricevuto dalla presidente della Commissione dell’Unione Africana.

(Teodoro Fulgione/Ansa)

Ultima ora

22:00India: petroliera in fiamme al largo del Gujarat

(ANSA) - NEW DELHI, 17 GEN - Un incendio è scoppiato oggi pomeriggio a bordo della petroliera indiana MT Genessa che era all'ancora a 15 miglia nautiche al largo del porto di Deendayal nel distretto di Kutch dello Stato nord-occidentale di Gujarat. Lo riferisce l'agenzia di stampa Pti, precisando che non si segnalano vittime. Un portavoce della Guardia costiera ha DETto che tutti i 26 membri dell'equipaggio sono stati tratti in salvo, che due hanno ustioni importanti, e che nei serbatoi della nave vi sono 30.000 tonnellate di gasolio. La stessa fonte ha detto che le fiamme si sono sprigionate nella zona delle cabine dell'equipaggio e che sul posto sono in corso le operazioni di spegnimento dell'incendio, con l'ausilio di unità navali e di un aereo. Sono inoltre intervenute unità specializzate nella lotta all'inquinamento che per una eventuale fuoriuscita di carburante.

21:38Maltempo: cade da tetto scoperchiato da vento e muore

(ANSA) - CROTONE, 17 GEN - Un uomo è morto cadendo dal tetto di un edificio sul quale era salito per verificare i danni provocati dal vento che aveva scoperchiato l'abitazione del fratello. Giuseppe Talarico insieme al fratello, è salito per verificare i danni e per cause da accertare è caduto nel vuoto. Le sue condizioni sono apparse subito gravissime ed è stato deciso di trasferirlo nell'ospedale di Catanzaro, ma è morto poco prima dell'arrivo. Il fratello è rimasto ferito in maniera non grave. A Crotone un altro uomo è rimasto ferito dopo che un albero abbattuto dal vento lo ha colpito. Soccorso dai vigili del fuoco è stato portato in ospedale. Le sue condizioni non sono gravi. Il forte vento, assimilabile a trombe d'aria, che si è abbattuto oggi sulla fascia ionica calabrese ha provocato danni in varie località, con alberi e cartelloni pubblicitari caduti e tegole divelte. Danni si registrano anche sulla rete elettrica in alcune zone delle province di Crotone, Catanzaro e Cosenza. (ANSA).

21:08Alberi caduti e tetti pericolanti per vento nel Bolognese

(ANSA) - BOLOGNA, 17 GEN - Un cedro alto 20 metri sradicato e finito su un autocarro a San Lazzaro di Savena, mentre a Pianoro un albero è caduto nel giardino della scuola elementare. Sono alcuni dei danni causati dal forte vento che nel pomeriggio ha colpito molte zone del Bolognese. I Vigili del fuoco hanno fatto un centinaio di interventi, anche per finestre e tetti pericolanti e per pali elettrici piegati dalle raffiche. In città sono state colpite soprattutto le zone Arcoveggio e Andrea Costa, ma ci sono stati interventi anche in centro storico. Non sono stati segnalati feriti, ma diversi danni. L'albero che si è spezzato nel cortile della scuola a Pianoro è stato rapidamente messo in sicurezza. Il cedro caduto a San Lazzaro, in via Pasubio, ha danneggiato la recinzione del condominio dove era piantato, e l'autocarro di un artigiano che era in zona per fare lavori. Alcuni residenti e l'amministratore del condominio avevano già segnalato le condizioni dell'albero e di altri due cedri vicini.

21:02Calcio: Alexis Sanchez a un passo dallo United

(ANSA) - ROMA, 17 GEN - Il trasferimento di Alexis Sanchez al Manchester United "è imminente". Lo scrive il Daily Mail nella versione online, aggiungendo che l'attaccante cileno dell'Arsenal (in scadenza di contratto nel prossimo giugno) "ha trovato l'accordo" con i Red Devils sulla base di 269 mila sterline nette a settimana (15 milioni di euro l'anno). Il costo del trasferimento dovrebbe essere nell'ordine dei 40 milioni di euro, con Henrikh Mkhitaryan come possibile contropartita per i Gunners.

21:01Fatture false per 100 milioni di euro, 17 indagati a Bari

(ANSA) - BARI, 17 GEN - La Procura di Bari ha chiuso le indagini su un presunto giro di fatture false per oltre 100 milioni di euro realizzato attraverso la creazione di società cartiere sui cui conti correnti far transitare i flussi di denaro illecitamente accumulati mediante l'emissione di fatture per operazioni inesistenti. L'avviso di conclusione delle indagini preliminari è stato notificato a 17 persone fisiche, fra imprenditori, un avvocato, un commercialista e due società. Stando agli accertamenti della Guardia di Finanza gli imprenditori, avvalendosi di imprese false, avrebbero accumulato fondi in nero depositati anche all'estero, grazie soprattutto a false fatture, per complessivi 107 mln in due anni. Questo contante non tracciabile sarebbe stato in parte intascato dai presunti componenti del sodalizio criminale, e in altra parte destinato alle relative attività imprenditoriali per pagamenti in nero di lavoratori e fornitori. L'inchiesta a ottobre 2017 ha portato all'arresto di 9 persone.

20:58Noemi: ‘Quarto grado’, meccanico indagato per il delitto

(ANSA) - LECCE, 17 GEN - La Procura della Repubblica di Lecce avrebbe iscritto nel registro degli indagati per il reato di omicidio un meccanico, Fausto Nicolì, per l'uccisione della sedicenne Noemi, scomparsa da casa il 3 settembre 2017 da Montesardo, frazione di Alessano (Lecce) e il cui corpo venne ritrovato il successivo 13 settembre sotto un cumulo di pietre nelle campagne di Castrignano del Capo (Lecce). A riferirlo è la trasmissione 'Quarto grado' con un video sulla propria pagina Facebook. Nei giorni scorsi l'ex fidanzato di Noemi, Lucio, all'epoca dei fatti 17enne e attualmente rinchiuso nell'istituto per minorenni di Quartucciu (Cagliari) perché reo confesso del delitto, aveva inviato una lettera agli inquirenti ritrattando la confessione e scrivendo che ad uccidere Noemi era stato Nicolì. Secondo quanto riferito da 'Quarto grado', la polizia, su disposizione della Procura, avrebbero perquisito stamani l'abitazione di Nicolì, notificandogli il provvedimento che lo vede indagato.

20:54Cassazione, libertà di pensiero non è ingiuria

(ANSA) - BOLZANO, 17 GEN - Nessuna giustificazione, in nome del diritto alla critica politica, può essere concessa ai separatisti altoatesini quando sui loro manifesti denigrano il tricolore italiano paragonandolo a "spazzatura e sudiciume". E' il parere della Cassazione che - nelle motivazioni di annullamento dell'assoluzione dall'accusa di vilipendio al tricolore nei confronti di Eva Klotz, Sven Knoll e Werner Thaler di Süd-Tiroler Freiheit (Stf)- ricorda che la libertà di pensiero è senz'altro tutelata dalla Costituzione, ma che anche il tricolore gode della stessa 'protezione'. La libertà di pensiero e di critica politica, afferma il verdetto della Prima sezione penale, "non può trascendere in espressioni di ingiuria o di disprezzo che leda il prestigio e l'onore dello Stato, dei suoi emblemi e delle sue istituzioni". I tre esponenti di Stf erano finiti sotto processo per aver diffuso nell'ottobre del 2010, manifesti che raffiguravano, tra l'altro, una scopa che spazzava via il tricolore.

Archivio Ultima ora