Calcio venezuelano: lo Zamora si riprende la vetta del Torneo Apertura

Pubblicato il 15 marzo 2016 da redazione

Gabriel Torres festeggia a modo suo il gol contro il Portuguesa

Gabriel Torres festeggia a modo suo il gol contro il Portuguesa

CARACAS – Lo Zamora si riprende la vetta della classifica del Torneo Apertura battendo 2-1 in trasferta il Portuguesa nell’anticipo della nona giornata della Primera División. La squadra di Francesco Stifano risolve la partita grazie alle reti di Gabriel Torres (34’) e Ricardo Clarke (55’). Ma a sbloccare il risultato erano stati i padroni di casa con il rigore trasformato da Manzano dopo 11 minuti di gioco. I bianconeri di Barinas scavalcano cosí il Deportivo Anzoátegui con 21 punti.

Il match clou della giornata, quello tra Deportivo Anzoátegui e Deportivo Táchira si é chiuso con il risultato di 1-1. Gli aurinegros visitavano Puerto La Cruz con la missione di portare a casa l’intera posta in palio: risultato che avrebbe permesso alla squadra di Maldonado di posizionarsi ad una sola lunghezza dalla vetta della classifica. Ma in una gara altalenante i tifosi delle due squadre possono essere soddisfatti per il risultato finale. In questo modo il Danz é secondo con 20 punti ed il Táchira terzo con 18.

Il Caracas cala il poker in casa del Monagas. A Maturín tutto facile per gli uomini di Antonio Franco, che chiudono la pratica giá nel primo tempo: al 18’ tap-in vincente di Diomar Díaz, al 41’ il colombiano Arango firma il 2-0 e al 44’ Díaz sigla la sua doppietta personale. Nella ripresa ci ha pensato Armandio Maita ad arrotondare il risultato. I rojos del Ávila sono quarti con 16 punti.

Vittoria al fotofinish per il Deportivo La Guaira in casa dell’Atlético Venezuela grazie al guizzo di Irwin Antón nell’ultima giocata della gara. Padroni di casa in vantaggio grazie alla rete firmata da Giancarlo Maldonado al 50’, poi la rimonta degli arancioni con Gustavo Rojas ed Irwin Antón.

Successo importante in ottica salvezza per il Petare che supera 1-0 il Llaneros: decisiva la rete di Arce al quinto minuto di gioco. I capitolini salgono a quota 10 punti e si allontanano dalla sabbie mobili della zona retrocessione.

A Maracaibo, Jbl Zulia ed Estudiantes de Caracas hanno pareggiato 2-2. Continua il momento negativo dell’Ureña che é stata battuta a San Cristóbal dall’Aragua.

Hanno completato il quadro della nona giornata: Trujillanos-Zulia 2-1 ed Estudiantes de Mérida-Deportivo Lara 2-1.

(Fioravante De Simone/Voce)

Ultima ora

16:38Kosovo: a Belgrado folla commossa a funerali Oliver Ivanovic

(ANSAmed) - BELGRADO, 18 GEN - Una folla commossa e silenziosa ha partecipato oggi al cimitero di Belgrado alla cerimonia funebre in memoria di Oliver Ivanovic, il noto esponente politico della comunità serba in Kosovo ucciso a colpi d'arma da fuoco in un agguato martedì scorso a Kosovska Mitrovica. A dare l'estremo saluto a Ivanovic vi erano esponenti politici, rappresentanti della società civile, della cultura, dello sport, dello spettacolo. Ma sopratutto centinaia di comuni cittadini che hanno deposto fiori e acceso candele per rendere omaggio a un uomo considerato uno strenuo difensore degli interessi dei serbi del Kosovo.

16:20Sicurezza: Gabrielli, noi stufi fare ‘foglie fico’

(ANSA) - VERCELLI, 18 GEN - "Nel momento in cui avvengono fatti gravi, il magistrato va a cercare una posizione di garanzia, e molto spesso il questore è il soggetto a cui riferire le responsabilità. Torino docet. Quindi noi abbiamo detto basta, siamo stanchi di fare le foglie di fico rispetto a responsabilità che non sono le nostre". Così il capo della Polizia Franco Gabrielli a Torino rispondendo ad alcune domande sulla circolare per la gestione delle manifestazioni pubbliche che stabilisce precise responsabilità su safety e security. "Il fatto che oggi qualcuno non faccia gli eventi perché non ha i soldi, mi fa sorgere il fondato sospetto che prima si facevano le cose così, perché si è sempre fatto", aggiunge Gabrielli, ricordando che "più che la famigerata circolare Gabrielli esiste un secondo comma dell'articolo 40 del codice penale, secondo il quale chi ha l'obbligo giuridico di impedire che avvenga un tragico fatto, e non lo impedisce, equivale a cagionarlo: e quello è il fondamento del reato colposo".(ANSA).

16:16Calcio: Rosetti,al momento challenge allenatori non previsto

(ANSA) - ROMA, 18 GEN - "Se è prevista in futuro la chiamata della Var da parte degli allenatori? Il Var è un protocollo internazionale Ifab ed è questo che determina la stesura delle regole. In questo momento il challenge non è previsto". Lo dice il responsabile Var in Italia, Roberto Rosetti, a margine di un convegno Ussi a Roma. "A fine stagione - ha specificato Rosetti - faremo una relazione e anche delle proposte. Ma in questo momento dobbiamo lavorare sulle regole. Se mi piace come idea? A me piacciono tante idee...". "Spiegare in diretta al pubblico le decisioni? State correndo troppo - conclude l'ex fischietto internazionale - Anche in questo caso non è previsto come non sono previste le immagini sul maxischermo".

16:15Cadavere uomo in giardino, droga tra ipotesi decesso

(ANSA) - CAMAIORE (LUCCA), 18 GEN - Non si esclude un malore dovuto all'assunzione di droga e al freddo della scorsa notte, come causa del decesso dell'uomo, identificato poi come un tunisino di 43 anni, rinvenuto privo di vita stamani nel cortile di una villa in ristrutturazione in Versilia, a Camaiore (Lucca). E' quanto emerge dagli investigatori. Le indagini sono seguite dai carabinieri. Sarà comunque l'autopsia, affidata al medico legale Stefano Pierotti, a chiarire le cause del decesso. Secondo quanto ricostruito, il nordafricano, già noto alle forze dell'ordine, viveva in una casa poco distante dalla villa, abitazione che aveva ricevuto in eredità da un italiano, deceduto anni fa. L'uomo è stato rinvenuto nudo nel giardino: gli abiti sono stati trovati, a terra, poco lontano.(ANSA). Ad accorgersi del corpo senza vita alcuni passanti che hanno immediatamente allertato i soccorsi.

16:13Obitorio ospedale troppo piccolo,bare con salme in corridoio

(ANSA) - SERRA SAN BRUNO (VIBO VALENTIA), 18 GEN - Lamentele e proteste nell'ospedale di Serra San Bruno per l'impossibilità di collocare le salme di persone decedute nell'obitorio del nosocomio per mancanza di spazi. La direzione dell'ospedale si é vista costretta a fare collocare in un corridoio due bare con le salme, suscitando le proteste dei parenti dei defunti. Nel corridoio in cui sono state collocate le salme, tra l'altro, si é determinato un sovraffollamento per la presenza dei parenti delle persone decedute. Una situazione difficile da gestire per i responsabili dell'ospedale, che già in passato avevano dovuto fare fronte a difficoltà dello stesso tipo. La Direzione sanitaria dell'ospedale ha reso noto, con un comunicato, di avere "ulteriormente sollecitato all'Azienda sanitaria provinciale di Vibo Valentia la soluzione del problema", chiedendo l'ampliamento della sala mortuaria. (ANSA).

16:04Catalogna: Puigdemont chiede voto delegato in Parlament

(ANSA) - MADRID, 18 GEN - Il presidente catalano uscente Carles Puigdemont, e gli altri neo deputati della lista JxCat in esilio a Bruxelles Clara Ponsati e Lluis Puig hanno chiesto oggi alla nuova presidenza del Parlament di poter delegare il voto. Nella seduta costitutiva ieri è stata accolta la richiesta di voto delegato dei tre deputati in carcere a Madrid Oriol Junuqeras, Jordi Sanchez e Joaquim Forn. Il governo di Madrid ha però annunciato che farà ricorso alla Corte costituzionale se a Puigdemont sarà consentito votare dall'esilio belga.

16:04Sci: Marsaglia il migliore in prova discesa Kitzbuehel

(ANSA) - KITZBUEHEL (AUSTRIA), 18 GEN - L'azzurro Matteo Marsaglia è stato il più veloce nelle prove della discesa libera di coppa del mondo in programma sabato prossimo a Kitzbuehel, disputate su un tracciato ridotto, sulla parte alta della pista, per salvaguardare il fondo nella parte finale date le condizioni meteo non buone. Marsaglia ha fermato il cronometro sull'1'24''73, solo un centesimo più veloce del francese Brice Roger. Poco più distante si è piazzato l'austriaco Vincent Krieschmayr. Appena fuori dalla top ten si sono classificati quattro italiani: Dominik Paris 13/o, Peter Fill 14/o, Mattia Casse 16/o e Werner Hell 18/o. Molto più distanti Christof Innerhofer ed Emanuele Buzzi, che hanno preferito provare le linee da utilizzare in gara.

Archivio Ultima ora