Sci: Peter Fill vince la Coppa di discesa ed è nella storia

Pubblicato il 16 marzo 2016 da redazione

Italy's Peter Fill competes during a men's super G, Alpine Ski World Cup race, in Kvitfjell, Norway, Sunday, March 13, 2016. (ANSA/AP Photo/Gabriele Facciotti)

Italy’s Peter Fill competes during a men’s super G, Alpine Ski World Cup race, in Kvitfjell, Norway, Sunday, March 13, 2016. (ANSA/AP Photo/Gabriele Facciotti)

ROMA. – Peter Fill ce l’ha fatta ed ha conquistato, primo azzurro nei 50 anni di storia della Coppa del mondo, la Coppa di discesa che consacra il re degli uomini jet. Il tutto è successo a St. Moritz, nella giornata di apertura della Finale dedicata proprio alle discese.

Non bastasse, la giornata di gloria azzurra è stata completata dall’eccellente terzo posto di Elena Curtoni, primo podio in carriera per la valtellinese. Sono state due discese non facili per le condizioni meteo non buone, con nevicate che andavano e venivano e soprattutto con nuvole basse e visibilità precaria. Si è gareggiato, infatti, ben sopra i duemila metri di quota, in zone aperte e senza alberi a creare contrasti. Il fondo della pista è così risultato una massa bianca indecifrabile su cui era impossibile cogliere le ondulazioni del terreno.

Nella gara maschile Fill ha lottato sino in fondo e, in una discesa così complicata, gli è bastato alla fine un decimo posto per portare a 462 punti il suo irraggiungibile primato in classifica.

Ha lottato ancor di più – ma visibilmente dolente dopo la brutta caduta di ieri e con conseguenti inevitabili errori – l’altro altoatesino Dominik Paris, che ha chiuso 19/o e dunque senza far punti: alla fine, è terzo a quota 432, ex aequo con il norvegese Kjetil Jansrud, che ha rischiato l’osso del collo ma non è andato più in là di un insufficiente 4/o posto.

Secondo, sempre nella classifica di disciplina, c’è così l’altro norvegese Aksel Svindal, il grande assente vittima dell’incidente di metà gennaio sulla Streif, con i 436 punti raccolti grazie alle quattro vittorie e al settimo posto ottenuti ad inizio stagione nelle cinque gare a cui ha partecipato e che ha dominato.

Senza incidente, la Coppa di disciplina sarebbe stata sua e avrebbe dato pure filo da torcere all’austriaco Marcel Hirscher per la Coppa del mondo. Ma così va lo sport. E per Fill è una soddisfazione enorme, anche perché è riuscito là dove avevano fallito anche i grandissimi della discesa azzurra come Herbert Plank, Much Mair e Kristian Ghedina.

La gara odierna, per la cronaca, è stata vinta in 1’40″44 dallo svizzero Beat Feuz davanti all’americano Steven Nyman in 1’40″52 e al canadese Erik Guay in 1’40″98.

La discesa femminile, ancor più complicata per il meteo avverso, è stata vinta – primo successo e primo podio in carriera – dall’austriaca Mirjam Puechner in 1’40″93, davanti alla svizzera Fabienne Suter in 1’41″06 e alla bella sorpresa di Elena Curtoni in 1’41″10. Anche per lei è stato il meritato primo podio in carriera.

Poi, 5/a e 6/a, le altre azzurre Johanna Schnarf e Verena Stuffer, con la campionissima locale Lara Gut solo 13/a, tradita dalla scarsa visibilità visto che era partita tra le ultime e quando la nevicata era più fitta. La Coppa, del resto, era già stata vinta dall’infortunata Lindsey Vonn. L’americana si è presentata comunque a St. Moritz per ritirare il suo trofeo e far vedere che sta già bene e far capire che nella prossima stagione non ce ne sarà per nessuna.

Ultima ora

13:04Bus ungherese: molto gravi le condizioni di due feriti

(ANSA) - VERONA, 23 GEN - Permangono molto gravi, secondo i sanitari veronesi, le condizioni di salute di due dei passeggeri coinvolti nell'incidente del pullman ungherese in A4, costato la vita a 16 persone che stavano facendo ritorno a Budapest dopo una settimana di vacanza scolastica in Francia. Si tratta di un paziente che presenta ustioni sul 60% del corpo ed è ricoverato al centro grandi ustioni dell'Ospedale Borgo Trento e di un professore che ha riportato un grave trauma cranico e che è attualmente in cura nel reparto di terapia intensiva del Policlinico di Verona.

12:59Tennis: Australian Open, Serena Williams ai quarti

(ANSA) - ROMA, 23 GEN - Con un successo per 7-5 6-4 ai danni della ceca Barbora Strycova, Serena Williams si è qualificata per i quarti di finale degli Open d'Australia di tennis. La statunitense, che punta a tornare n.1 del mondo dopo l'eliminazione ieri della tedesca Angelique Kerber, incontrerà ora la britannica Johanna Konta - n.9 del tabellone - che si è sbarazzata per 6-1 6-4 della russa Elena Makarova. Avanza anche la croata Mirjana Lucic-Baroni - che torna nei quarti di finale di uno Slam dopo 18 anni - vincitrice sulla statunitense Jennifer Brady per 6-4 6-2. Approda ai quarti anche la ceca Karolina Pliskova, quinta favorita del tabellone, che ha eliminato con un doppio 6-3 l'australiana (nata in Russia) Daria Gavrilova.

12:55Turchia: stato d’emergenza, fermo polizia ridotto a 7 giorni

(ANSAmed) - ROMA, 23 GEN - Riduzione della durata massima del fermo di polizia da 30 a 7 giorni e creazione di una commissione per i ricorsi contro le purghe. Sono alcune delle misure introdotte in Turchia da 4 nuovi decreti dello stato d'emergenza, dichiarato dopo il fallito golpe del 15 luglio, pubblicati oggi sulla gazzetta ufficiale. La nuova "Commissione di indagine sulle procedure dello stato d'emergenza" avrà il compito di esaminare i ricorsi dei dipendenti pubblici epurati e di compagnie, ong e sindacati chiusi dalle autorità e sarà composta da 7 membri, 5 dei quali di nomina governativa e 2 indicati dal Csm turco (Hsyk) per la durata di 2 anni. Nei decreti sono inoltre previste altre 367 epurazioni e il reintegro di 124 persone allontanate in precedenza dalle pubbliche amministrazioni. Chiusi anche altri 2 canali tv. Le nuove purghe hanno colpito tra gli altri alcuni alti dirigenti del fondo statale che gestisce proprio le aziende commissariate dopo il golpe.

12:54Trump: in Slovenia pantofole ‘Casa Bianca’ in onore Melania

(ANSAmed) - LUBIANA, 23 GEN - Una fabbrica di Sevnica, la cittadina slovena dove e' nata Melania Trump, ha avviato la produzione di una linea di pantofole denominate 'Casa Bianca' in onore della nuova first lady americana, la prima di origini straniere in quasi due secoli. Come riferisce il settimanale di Lubiana 'Mladina', a creare per la fabbrica 'Kopitarna' l'elegante modello di pantofole nelle varianti color crema e viola e' stata la designer Maja Stamol. Uun loro esemplare con lustrini e pelliccia autentica e' stato inviato a Melania Trump a New York con l'auspicio che la first lady le indossi alla Casa Bianca. La nuova collezione di pantofole, si precisa, ha una produzione limitata e il prodotto non e' ancora in vendita nei negozi, anche se e' possibile ordinare le pantofole di Melania direttamente alla fabbrica. Venerdì scorso, in concomitanza con le cerimonie di insediamento del neopresidente Usa Donald Trump a Washington, festeggiamenti e una cena di gala si sono svolti anche a Sevnica, città d'origine di Melania.

12:50Compie 33 anni disperso umbro a hotel Rigopiano

(ANSA) - TERNI, 23 GEN - Compie oggi 33 anni Alessandro Riccetti, il ternano disperso per la slavina che ha distrutto l'hotel Rigopiano, dove lavorava come receptionist. Di lui non si hanno più notizie da mercoledì, quando ha avuto gli ultimi contatti con la madre. "La preghiera è l'unica cosa da fare. Vi abbraccio" scrive oggi su Facebook Antonella Maria, la madre di Alessandro. La famiglia di Riccetti sta seguendo i soccorsi in Abruzzo e quella che doveva essere una giornata di festa per il compleanno è invece di attesa e di angoscia. La mamma e il fratello del receptionist laureato in Lingue sono in attesa di notizie da Pescara, dove vengono seguiti passo passo dalla prefettura e da una psicologa. "Tutto questo è inumano..." è il pensiero di una zia del giovane. Alla preghiera chiede di affidarsi anche Isabella, un'amica del trentatreenne alla quale aveva inviato un selfie scattato al Rigopiano poco prima che la struttura venisse travolta. La ragazza dal Brasile sta seguendo con apprensione la vicenda.

12:31Golf: Pga Tour,super Molinari 12/o,dopo rimonta 80 posizioni

(ANSA) - ROMA, 23 GEN - Francesco Molinari, con una super prestazione recupera 80 posizioni in due giri, e si classifica 12° con 275 colpi (69 73 66 67, -13) nel Career Builder Challenge (PGA Tour) vinto con 268 (65 65 71 67, -20) da Hudson Swafford. Nel torneo disputando a La Quinta in California Swafford ha avuto ragione con tre birdie nelle ultime quattro buche del canadese Adam Hadwin (269, -19), autore di un 59 (-13) nel terzo turno, e di Bud Cauley e di Brian Harman, terzi con 270 (-18). Molinari è stato affiancato da Patrick Reed, mentre Phil Mickelson è terminato 21° con 277 (-11). Il primo titolo ha fruttato a Swafford, 30enne di Lakeland (Florida) un assegno di 1.044.000, dollari su un montepremi di 5.800.000 dollari, e la partecipazione al Masters. (ANSA).

12:25Molestie su studentessa 14 anni, misura cautelare per prof

(ANSA) - NAPOLI, 23 GEN - Avrebbe rivolto ingiurie, minacce e molestie per più di un anno a una studentessa oggi quindicenne che, alla fine, ha manifestato anche istinti suicidi: è quanto viene contestato a un professore di italiano di 55 anni, ancora in servizio nella stessa scuola media del Napoletano, nei confronti del quale il gip del Tribunale di Napoli Nord ha emesso un divieto di avvicinamento, a non meno di mille metri, ai luoghi frequentati dalla giovane. La ragazza sarebbe stata vittima delle presunte attenzioni morbose del suo prof da marzo/aprile 2015, quando frequentava la terza media, fino all'ottobre del 2016, quando ha iniziato a frequentare il primo anno di liceo. Campanello d'allarme, per la famiglia, sono stati i gravi disturbi psicologici che la giovane, all'epoca dei fatti 14enne, ha iniziato a manifestare: non usciva più di casa, piangeva continuamente, si feriva le braccia con una lametta e, infine, ha anche manifestato l'intenzione di uccidersi.

Archivio Ultima ora