Sci: Peter Fill vince la Coppa di discesa ed è nella storia

Pubblicato il 16 marzo 2016 da redazione

Italy's Peter Fill competes during a men's super G, Alpine Ski World Cup race, in Kvitfjell, Norway, Sunday, March 13, 2016. (ANSA/AP Photo/Gabriele Facciotti)

Italy’s Peter Fill competes during a men’s super G, Alpine Ski World Cup race, in Kvitfjell, Norway, Sunday, March 13, 2016. (ANSA/AP Photo/Gabriele Facciotti)

ROMA. – Peter Fill ce l’ha fatta ed ha conquistato, primo azzurro nei 50 anni di storia della Coppa del mondo, la Coppa di discesa che consacra il re degli uomini jet. Il tutto è successo a St. Moritz, nella giornata di apertura della Finale dedicata proprio alle discese.

Non bastasse, la giornata di gloria azzurra è stata completata dall’eccellente terzo posto di Elena Curtoni, primo podio in carriera per la valtellinese. Sono state due discese non facili per le condizioni meteo non buone, con nevicate che andavano e venivano e soprattutto con nuvole basse e visibilità precaria. Si è gareggiato, infatti, ben sopra i duemila metri di quota, in zone aperte e senza alberi a creare contrasti. Il fondo della pista è così risultato una massa bianca indecifrabile su cui era impossibile cogliere le ondulazioni del terreno.

Nella gara maschile Fill ha lottato sino in fondo e, in una discesa così complicata, gli è bastato alla fine un decimo posto per portare a 462 punti il suo irraggiungibile primato in classifica.

Ha lottato ancor di più – ma visibilmente dolente dopo la brutta caduta di ieri e con conseguenti inevitabili errori – l’altro altoatesino Dominik Paris, che ha chiuso 19/o e dunque senza far punti: alla fine, è terzo a quota 432, ex aequo con il norvegese Kjetil Jansrud, che ha rischiato l’osso del collo ma non è andato più in là di un insufficiente 4/o posto.

Secondo, sempre nella classifica di disciplina, c’è così l’altro norvegese Aksel Svindal, il grande assente vittima dell’incidente di metà gennaio sulla Streif, con i 436 punti raccolti grazie alle quattro vittorie e al settimo posto ottenuti ad inizio stagione nelle cinque gare a cui ha partecipato e che ha dominato.

Senza incidente, la Coppa di disciplina sarebbe stata sua e avrebbe dato pure filo da torcere all’austriaco Marcel Hirscher per la Coppa del mondo. Ma così va lo sport. E per Fill è una soddisfazione enorme, anche perché è riuscito là dove avevano fallito anche i grandissimi della discesa azzurra come Herbert Plank, Much Mair e Kristian Ghedina.

La gara odierna, per la cronaca, è stata vinta in 1’40″44 dallo svizzero Beat Feuz davanti all’americano Steven Nyman in 1’40″52 e al canadese Erik Guay in 1’40″98.

La discesa femminile, ancor più complicata per il meteo avverso, è stata vinta – primo successo e primo podio in carriera – dall’austriaca Mirjam Puechner in 1’40″93, davanti alla svizzera Fabienne Suter in 1’41″06 e alla bella sorpresa di Elena Curtoni in 1’41″10. Anche per lei è stato il meritato primo podio in carriera.

Poi, 5/a e 6/a, le altre azzurre Johanna Schnarf e Verena Stuffer, con la campionissima locale Lara Gut solo 13/a, tradita dalla scarsa visibilità visto che era partita tra le ultime e quando la nevicata era più fitta. La Coppa, del resto, era già stata vinta dall’infortunata Lindsey Vonn. L’americana si è presentata comunque a St. Moritz per ritirare il suo trofeo e far vedere che sta già bene e far capire che nella prossima stagione non ce ne sarà per nessuna.

Ultima ora

21:55Doping: avvocato Lucioni, “nessuna responsabilità atleta”

(ANSA) - ROMA, 16 GEN - "Il collegio ha riconosciuto tutte le attenuanti previste dalla normativa, ma non si è sentito di applicare la norma sull'assoluta mancanza di responsabilità, che era quello che chiedevamo in via principale". L'avvocato di Fabio Lucioni, Saverio Sticchi Damiani, ha commentato così la sentenza del Tribunale nazionale antidoping di Nado Italia che ha comminato al difensore del Benevento una squalifica di un anno (4 anni di inibizione per il medico sociale Walter Giorgione) per l'uso del Clostebol. "Dispiace, perché si poteva arrivare a una decisione del genere in tempi meno lunghi e senza illudere il ragazzo - aggiunge il legale - che è rientrato in campo e ora è stato squalificato. Era opportuna una gestione più attenta dei tempi del processo". Sicuro il ricorso in appello: "Andremo avanti, perché questo è uno dei pochi casi nei quali si può davvero escludere completamente la responsabilità dell'atleta".

21:52Incidente Milano: i morti salgono a tre, quarto gravissimo

(ANSA) - MILANO, 16 GEN - Sale a tre morti il bilancio dell'incidente avvenuto oggi pomeriggio in una fabbrica di materiali ferrosi alla periferia di Milano, in via Rho. In serata è deceduto infatti all'ospedale San Raffaele un altro dei 6 dipendenti che sono rimasti intossicati nello stabilimento dopo aver inalato gas tossici. Un quarto lavoratore è in condizioni gravissime. Sono rimasti intossicati da esalazioni tossiche durante le operazioni di pulizia di un forno. All'arrivo del 118 le loro condizioni erano già disperate.

21:38Prostituzione: deputato Sicilia,se regolamentata porta soldi

(ANSA) - PALERMO, 16 GEN - "In Sicilia le città, soprattutto quelle metropolitane, sono diventate luoghi dove la criminalità organizzata sfrutta la prostituzione. Non dà la misura della civiltà un Paese che si volta dall'altro lato rispetto a un fenomeno come la prostituzione che se regolamentato porterebbe gettito fiscale e garantirebbe anche verifiche sanitarie". Lo dice in deputato regionale dell'Udc, Vincenzo Figuccia, assessore per un mese nel governo Musumeci, prima delle dimissioni a causa di uno scontro con la maggioranza sugli elevati stipendi dei dipendenti dell'Assemblea siciliana. "Faccio appello al parlamento regionale affinché si intesti una battaglia per una legge nazionale sull'esercizio della prostituzione che riporti decoro nelle nostre città, togliendo dalle grinfie della malavita migliaia di persone - conclude - Paesi cattolici dell'Ue hanno fatto passi importanti per tutelare chi sceglie di prostituirsi. Non è ammissibile che alla criminalità si diano vantaggi incredibili per lucrare anche su questo".

21:08Calcio: Verdi dice no, Napoli vira su Deulofeu e Lucas

(ANSA) - NAPOLI, 16 GEN - Deulofeu, Lucas, Politano, Inglese. Ricomincia da capo il mercato del Napoli dopo il no di Simone Verdi che ha spiazzato il club azzurro. L'ipotesi tenuta in caldo in questi giorni è quella di Gerard Deulofeu, chiuso al Barcellona, che già conosce la serie A grazie ai sei mesi giocati al Milan. Deulofeu si può strappare ai catalani per circa 18 milioni di euro. Poi c'è Lucas Moura, 25 anni, brasiliano, esterno destro che può giocare anche a sinistra. Più complicata la trattativa con il Sassuolo che ha già detto diverse volte no al Napoli e all'Inter per la cessione di Matteo Politano in questa sessione di mercato. Ma il Napoli potrebbe anche tornare su Roberto Inglese, centravanti in prestito al Chievo. Il no di Verdi ha scatenato una bufera social con tanto di insulti dei tifosi partenopei sui profili del calciatore del Bologna e repliche a distanza dei tifosi emiliani, molti anche a sfondo razzista nei confronti de napoletani.

21:08Calcio: Fiorentina, giovedì test coi dilettanti del Grassina

(ANSA) - FIRENZE, 16 GEN - La Fiorentina prosegue la preparazione della trasferta di domenica contro la Samp. Una partita importante per testare le ambizioni europee dei viola e allungare ulteriormente la striscia positiva che dura in campionato da otto partite, due vittorie e sei pareggi di cui due consecutivi al Franchi con Milan e Inter. Raggiungendo contro i blucerchiati il nono risultato utile di fila consecutive, la Fiorentina eguaglierebbe un primato centrato l'ultima volta nel febbraio 2012. Pioli dovrà provarci però senza due pedine importanti quali il capitano David Astori e il centrocampista Jordan Veretout, fermi per squalifica. Il tecnico dei viola sta valutando il modo migliore per sostituirli e non a caso ha fissato per giovedì una partitella a porte chiuse con i dilettanti del Grassina: servirà a testare le varie possibili soluzioni. Sul fronte mercato, in Francia accostano la Fiorentina ad Aguilar del Montpellier, ma si tratta solo di rumors. La società viola è ancora a caccia di una squadra per Sanchez.

21:03Doping: Nado Italia, un anno di stop a Lucioni

(ANSA) - ROMA, 16 GEN - La prima sezione del Tribunale nazionale antidoping di Nado Italia ha squalificato per un anno il difensore del Benevento, Fabio Lucioni, e per 4 anni il medico del club sannita, Walter Giorgione, per l'utilizzo non consentito della sostanza Colostebol, accogliendo integralmente le richieste della Procura antidoping di Nado Italia. Entrambi i tesserati hanno annunciato ricorso.

20:40Baby gang: Minniti, individuati responsabili ultimi atti

(ANSA) - NAPOLI, 16 GEN - "Possiamo dire di essere sulla buona strada o di aver già individuato i responsabili delle violenze inaccettabili di questi giorni a Napoli. Questo grazie all'aumento dell'efficienza dei mezzi di contrasto, in particolare la videosorveglianza" ha detto il ministro dell'Interno, Marco Minniti, al termine del vertice con le forze dell'ordine che si è tenuto in prefettura a Napoli. "Non dico che le baby gang siano terroristi, ma usano metodiche di carattere terroristico: quella di colpire perché si è casualmente in un posto. Abbiamo un'assimilazione di metodiche tipiche di altre attività criminali. C'è una violenza nichilista che non ha alcun rispetto per il valore della vita, ed è ancora più drammatico se impatta con dei giovanissimi" ha aggiunto il ministro.

Archivio Ultima ora