Sci: Peter Fill vince la Coppa di discesa ed è nella storia

Pubblicato il 16 marzo 2016 da redazione

Italy's Peter Fill competes during a men's super G, Alpine Ski World Cup race, in Kvitfjell, Norway, Sunday, March 13, 2016. (ANSA/AP Photo/Gabriele Facciotti)

Italy’s Peter Fill competes during a men’s super G, Alpine Ski World Cup race, in Kvitfjell, Norway, Sunday, March 13, 2016. (ANSA/AP Photo/Gabriele Facciotti)

ROMA. – Peter Fill ce l’ha fatta ed ha conquistato, primo azzurro nei 50 anni di storia della Coppa del mondo, la Coppa di discesa che consacra il re degli uomini jet. Il tutto è successo a St. Moritz, nella giornata di apertura della Finale dedicata proprio alle discese.

Non bastasse, la giornata di gloria azzurra è stata completata dall’eccellente terzo posto di Elena Curtoni, primo podio in carriera per la valtellinese. Sono state due discese non facili per le condizioni meteo non buone, con nevicate che andavano e venivano e soprattutto con nuvole basse e visibilità precaria. Si è gareggiato, infatti, ben sopra i duemila metri di quota, in zone aperte e senza alberi a creare contrasti. Il fondo della pista è così risultato una massa bianca indecifrabile su cui era impossibile cogliere le ondulazioni del terreno.

Nella gara maschile Fill ha lottato sino in fondo e, in una discesa così complicata, gli è bastato alla fine un decimo posto per portare a 462 punti il suo irraggiungibile primato in classifica.

Ha lottato ancor di più – ma visibilmente dolente dopo la brutta caduta di ieri e con conseguenti inevitabili errori – l’altro altoatesino Dominik Paris, che ha chiuso 19/o e dunque senza far punti: alla fine, è terzo a quota 432, ex aequo con il norvegese Kjetil Jansrud, che ha rischiato l’osso del collo ma non è andato più in là di un insufficiente 4/o posto.

Secondo, sempre nella classifica di disciplina, c’è così l’altro norvegese Aksel Svindal, il grande assente vittima dell’incidente di metà gennaio sulla Streif, con i 436 punti raccolti grazie alle quattro vittorie e al settimo posto ottenuti ad inizio stagione nelle cinque gare a cui ha partecipato e che ha dominato.

Senza incidente, la Coppa di disciplina sarebbe stata sua e avrebbe dato pure filo da torcere all’austriaco Marcel Hirscher per la Coppa del mondo. Ma così va lo sport. E per Fill è una soddisfazione enorme, anche perché è riuscito là dove avevano fallito anche i grandissimi della discesa azzurra come Herbert Plank, Much Mair e Kristian Ghedina.

La gara odierna, per la cronaca, è stata vinta in 1’40″44 dallo svizzero Beat Feuz davanti all’americano Steven Nyman in 1’40″52 e al canadese Erik Guay in 1’40″98.

La discesa femminile, ancor più complicata per il meteo avverso, è stata vinta – primo successo e primo podio in carriera – dall’austriaca Mirjam Puechner in 1’40″93, davanti alla svizzera Fabienne Suter in 1’41″06 e alla bella sorpresa di Elena Curtoni in 1’41″10. Anche per lei è stato il meritato primo podio in carriera.

Poi, 5/a e 6/a, le altre azzurre Johanna Schnarf e Verena Stuffer, con la campionissima locale Lara Gut solo 13/a, tradita dalla scarsa visibilità visto che era partita tra le ultime e quando la nevicata era più fitta. La Coppa, del resto, era già stata vinta dall’infortunata Lindsey Vonn. L’americana si è presentata comunque a St. Moritz per ritirare il suo trofeo e far vedere che sta già bene e far capire che nella prossima stagione non ce ne sarà per nessuna.

Ultima ora

12:13Sport: Cantone, corruzione si combatte dall’interno

(ANSA) - ROMA, 23 OTT - "Il Coni può e deve provare da rendere sempre più obbligatori i sistemi di compliance alle società sportive, ad esempio con le norme di 'self cleaning' della legge 231 del 2001 (Responsabilità amministrativa delle società e degli enti) stimolandone l'adozione nelle società professionistiche private". Così il presidente dell'Autorità nazionale anticorruzione, Raffaele Cantone, intervenendo al convegno 'La governance dello sport'. Cantone ha evidenziato che 'il piano della prevenzione della corruzione può essere utile, non è repressione ma viene fatta dall'interno (del movimento sportivo, ndr) ed è in grado di capire dove si possono annidare i rischi e come possono essere sterilizzati", suddividendo la corruzione su due piani: 'on the field', per tutti i fatti che avvengono in gara come doping e match fixing, e 'off the field', vale a dire tutto quel sistema di interessi economici che prescinde dalla competizione sportiva, come i meccanismi elettivi, le sponsorizzazioni e i rapporti con i terzi.

12:08Salvini, ieri lezione democrazia a Italia ed Europa

(ANSA) - MILANO, 23 OTT - Ieri in Lombardia e Veneto "è stata una lezione di democrazia per tutta Europa, abbiamo scelto la via legale, pacifica e costituzionale. La stessa opportunità la offriremo da nord a sud a chi ce lo chiederà". Lo ha detto il segretario della Lega, Matteo Salvini, in conferenza stampa in via Bellerio.

12:04Sport: Malagò, evitare qualsiasi tipo conflitto interesse

(ANSA) - ROMA, 23 OTT - "Occorre evitare qualsiasi tipo di conflitto di interesse, drasticamente e a tutti i livelli. Vale per chiunque lavora da noi e con noi. La nostra competenza è in linea con i dettami dell'Anac e dei valori morali di chi si occupa di sport". Lo dice il presidente del Coni, Giovanni Malagò, durante il suo intervento al convegno 'La governance dello sport' in corso al Salone d'Onore del Coni. "Lo sport deve dare il buon esempio - ha proseguito il capo dello sport italiano - Non perché sia un settore più importante rispetto ad altri, ma perché noi siamo un modello. I nostri atleti, i nostri tecnici, i nostri dirigenti: se noi sbagliamo, facciamo un danno enorme. Per questo dobbiamo vivere dalla mattina alla sera con un vademecum, delle regole da rispettare".

11:58F1: Usa,papà Verstappen attacca Fia e Ferrari “che vergogna”

(ANSA) - ROMA, 23 OTT - Duro attacco social da parte di Jos Verstappen contro la Fia e la Ferrari, rei d'aver tolto al figlio Max il podio del Gran Premio degli Stati Uniti ottenuto con un sorpasso giudicato irregolare dai commissari, a norma di regolamento, all'ultimo giro ai danni della Rossa di Kimi Raikkonen. Con vari tweet l'ex pilota olandese ha usato la scure sul suo profilo postando una immagine con il logo Fia e la scritta 'Ferrari International Assistance): "Questa è una bullshit (stron....ta), scusate, ma fa schifo; Fia, che vergogna; Max ha preso una penalità per aver tagliato la linea e non è stato fatto a nessun altro nell'intero week end".

11:58Fanno foto a prof in aula e le postano su Instagram, sospesi

(ANSA) - BRINDISI, 23 OTT - Due studenti del primo anno dell'Itt 'Giorgi' di Brindisi sono stati sospesi dalle lezioni per due settimane, per aver postato su una pagina Instagram più di 100 immagini del loro professori scattate in aula durante le lezioni. Il fatto risale ad alcuni giorni fa. In particolare, protagonista della bravata è stato uno dei due studenti, mentre l'altro ha scattato poche foto ma ha aiutato il compagno di classe a mettere le immagini sul social network. Il provvedimento disciplinare è stato adottato dalla dirigente scolastica, che pochi giorni fa aveva sospeso uno studente del terzo anno, sorpreso a fumare uno 'spinello' sulla scalinata di emergenza dell'istituto.

11:57Veterinarie Ussita, gadget per autofinanziarci

(ANSA) - USSITA (MACERATA), 23 OTT - Le scosse di fine ottobre 2016 hanno reso inagibile il loro ambulatorio veterinario all'ingresso del centro abitato di Ussita (Macerata): ma Valentina, Monica e Noemi, tre veterinarie, non si sono perse d'animo e hanno continuato a lavorare, praticamente su base volontaria. Ogni giorno caricano la loro auto di sacchi di mangime e partono dirette alle frazioni del piccolo paese devastato dal terremoto. Portano da mangiare e, se necessario, praticano qualche terapia o anche danno solo una carezza, a galline, conigli, pecore, qualche cavallo, e soprattutto una settantina di cani e quasi 150 gatti, alcuni rimasti senza padrone, altri componenti di varie colonie di randagi. Da un po' hanno lanciato anche una serie di iniziative per autofinanziarsi, vendendo sassi artistici, magneti, calendari, stampe che raffigurano i loro 'pazienti': "Gli animali del terremoto".

11:44Migranti: Multedo, cartello minacce a prete davanti ex asilo

(ANSA) - GENOVA, 23 OTT - Un cartello contenente frasi di minaccia a don Giacomo Martino, direttore dell'ufficio diocesano 'Migrantes' è stato ritrovato stamani davanti all'ex scuola materna Govone, che ospita attualmente dieci giovani richiedenti asilo: "Forse Don Martino non ha capito… siamo tutti arrabbiatissimi con lui. La scorta non serve per i migranti", è scritto sul foglio di carta in stampatello con inchiostro nero. "Si tratta dell'ennesimo messaggio violento contro il direttore dell'ufficio Migrantes della Curia - ha detto Roberto Malini, co-presidente di EveryOne Group e membro direttivo del Comitato Genova Solidale -, ed è opera di una minoranza di irriducibili intolleranti che gettano benzina sul fuoco per aggregare le componenti xenofobe, neofasciste, antidemocratiche e violente che si oppongono a un progetto istituzionale di accoglienza". Anche il corteo delle torce, prosegue Malini "previsto per domani sta raccogliendo adesioni di realtà che cavalcano l'intolleranza sia per fini politici che per provocare disordine sociale". GenovaSolidale, il comitato per l'accoglienza promosso da Camera del Lavoro, Anpi e Centro documentazione Logos, ha già annunciato che sarà presente alla fiaccolata di domani . Il cartello intimidatorio nei confronti di don Martino è stato portato all'attenzione della Prefettura. (ANSA).

Archivio Ultima ora