Obama sfida i Repubblicani e nomina il successore di Scalia

Pubblicato il 16 marzo 2016 da redazione

Federal appeals court judge Merrick Garland, receives applauds from President Barack Obama and Vice President Joe Biden as he is introduced as Obama's nominee for the Supreme Court during an announcement in the Rose Garden of the White House, in Washington, Wednesday, (ANSA/AP Photo/Pablo Martinez Monsivais)

Federal appeals court judge Merrick Garland, receives applauds from President Barack Obama and Vice President Joe Biden as he is introduced as Obama’s nominee for the Supreme Court during an announcement in the Rose Garden of the White House, in Washington, Wednesday, (ANSA/AP Photo/Pablo Martinez Monsivais)

WASHINGTON.- E’ battaglia aperta sulla Corte Suprema tra Barack Obama e i Repubblicani, con effetti immediati sulla già infuocata campagna presidenziale. Come aveva promesso, il presidente Usa ha annunciato, dopo settimane di consultazioni riservate, la nomina del successore di Antonin Scalia, il giudice conservatore morto in febbraio, che garantiva la maggioranza di destra nella massima Corte, ma il ‘Grand Old Party’ ha già ribadito che non la esaminerà al Senato, convinto che la decisione spetti al prossimo inquilino della Casa Bianca e quindi anche agli elettori.

La scelta di Obama è caduta su Merrick Garland, 63 anni, ebreo, un giudice della Corte d’Appello del Distretto di Columbia, dove era stato nominato da Bill Clinton nel 1997 e poi confermato con un sostegno bipartisan – 76 a 23 – che Obama ha voluto sottolineare quando ha annunciato il suo nome in un discorso appassionato nei giardini della Casa Bianca.

Il presidente aveva già preso in considerazione il suo curriculum per la Corte Suprema, ma poi la scelta era caduta su due donne. Garland é nato a Chicago e ha studiato legge ad Harvard (come Obama), divenendo direttore di ‘The Harvard Law Review’. Ha un passato anche nel dipartimento di giustizia, dove si occupò delle indagini del devastante attentato che nel 1995 uccise 168 persone a Oklahoma City.

La stampa americana lo dipinge come un giudice “centrista”, un progressista moderato, stimato nell’ambiente giuridico per la sua preparazione e serietà. Obama ne ha lodato anche l’integrità e la modestia, evidenziando come nella sua lunga carriera si sia guadagnato il rispetto e l’ammirazione dei leader democratici e repubblicani. Poi ha rivendicato di aver fatto scrupolosamente il proprio dovere e ha lanciato un appello al senato perché ora faccia il proprio, garantendo una audizione “corretta” e evitando il rischio di minare a lungo il processo democratico.

“Garland è la persona giusta e si merita la conferma”, ha concluso, prima che il giudice prendesse la parola stretto dall’emozione.

Scontato l’apprezzamento sul fronte democratico, anche da parte dei due candidati per la nomination alla Casa Bianca, Hillary Clinton e Bernie Sanders. Ma dai Repubblicani è arrivata subito un’alzata di scudi. A partire da Mitch McConnell, leader della maggioranza repubblicana al Senato, che ha confermato la sua decisione di non esaminare la nomina spiegando che si tratta di questione di “principio e non di persona”.

McConnell vuole evitare “ciò che sarebbe certamente un’aspra battaglia, a prescindere da quanto valida sia la persona nominata”, e ritiene che sulla decisione debbano avere “voce” gli elettori che voteranno il prossimo presidente. Gli ha fatto eco il repubblicano Paul Ryan, lo speaker della Camera: “il presidente ha tutto il diritto di fare la sua nomina e il Senato ha tutto il diritto di non confermarla”.

Si profila quindi un pericoloso muro contro muro che potrebbe congelare la nomina e paralizzare l’attività della Corte Suprema, dove ora siedono quattro giudici conservatori e quattro liberali. Uno scontro legato al ruolo cruciale della Corte stessa, chiamata a pronunciarsi nei prossimi mesi su una serie di temi politicamente esplosivi in Usa: immigrazione, aborto, la lotta contro il cambiamento climatico.

Con l’arrivo di Garland, l’equilibrio potrebbe spostarsi a sinistra per la prima volta dopo decenni. Per questo il Gop non arretra di un millimetro. Ma con la sua scelta Obama mette il partito repubblicano in forte imbarazzo. Difficile bocciare un giudice moderato ‘bipartisan’, già approvato in passato. Non solo.

Secondo un sondaggio Washington Post-Abc, il 63% degli americani ritiene che il Senato dovrebbe concedere l’audizione del giudice nominato dal presidente, contro il 32% contrario. Non facendolo, i repubblicani rischiano quindi di perdere voti anche nelle elezioni per il rinnovo parziale del Senato, contestuali come quelle della Camera alle presidenziali.

(di Claudio Salvalaggio/ANSA)

Ultima ora

20:14Italia team: Fontana portabandiera a PyeongChang 2018

(ANSA) - ROMA, 20 OTT - Sarà l'azzurra dello short track Arianna Fontana la portabandiera dell'Italia team alle Olimpiadi invernali di PyeongChang 2018. Lo apprende l'Ansa in ambienti dello sport del ghiaccio. La decisione verrà ufficializzata dal presidente del Coni, Giovanni Malagò, martedì prossimo in una cerimonia al salone d'onore del Foro Italico.

20:10Separazione per Noemi Letizia, a lei 6000 euro al mese

(ANSA) - NAPOLI, 20 OTT - Noemi Letizia e Vittorio Romano hanno raggiunto l'accordo per una separazione consensuale: a lei, di Portici (Napoli) - diventata famosa quando l'allora presidente del Consiglio, Silvio Berlusconi si presentò a sorpresa nell'aprile del 2009 alla sua festa per il 18esimo compleanno a Casoria (Napoli) - andranno 6 mila euro al mese. L'intesa tutela i due piccoli bambini nati dalla loro unione. Per il via libera definitivo all'accordo manca solo l'ok del pubblico ministero. I due, 26 anni lei, 36 lui, si erano sposati lo scorso 23 giugno con una cerimonia a Nerano, in Costiera Amalfitana. Dopo tre mesi dal matrimonio la fine della loro relazione. I coniugi avrebbero utilizzato la procedura della 'negoziazione assistita', prevista dal 2014, che consente di decidere in tempi rapidi mantenimento, affidamento dei figlio, conti. A marzo del 2015, ad Arcore, Berlusconi aveva fatto da padrino al secondo figlio di Noemi.

20:05Studente morto: Procura indaga, istigazione al suicidio

(ANSA) - ROMA, 20 OTT - La Procura di Roma ha aperto un fascicolo contro ignoti per fare luce sul suicidio dello studente avvenuto in Via Tasso. Il pm Elena Neri procede per istigazione al suicidio e tale ipotesi è stata configurata, benché agli inquirenti siano già apparsi chiari i tormenti del ragazzo, per svolgere una serie di accertamenti a tutto campo.

20:01Polonia: accoltella 8 persone, 1 donna muore

(ANSA) - VARSAVIA, 20 OTT - Otto persone sono state colpite con un coltello da un uomo che le ha attaccate in un centro commerciale a Stalowa Wola, nel sud-est della Polonia e una di loro, una donna di 50 anni, è deceduta dopo il ricovero in ospedale. L'aggressore, che è stato arrestato dalla polizia, ha 27 anni ed è un polacco abitante in città. Lo riferisce la polizia precisando che l'uomo "ha attaccato le persone alle spalle, colpendole con un coltello". Successivamente la polizia ha affermato che non si è trattato di un atto di terrorismo.

19:54Morti in corsia: chiuse indagini,cinque nuovi casi a Saronno

(ANSA) - MILANO, 20 OTT - La Procura di Busto Arsizio (Varese) ha ufficialmente chiuso la seconda trance di indagini della maxi inchiesta 'Angeli e Demoni' sulle morti sospette in corsia all'ospedale di Saronno. La notifica è stata trasmessa agli indagati Laura Taroni e Leonardo Cazzaniga, rispettivamente infermiera e medico del pronto soccorso di Saronno, nel pomeriggio. Il fascicolo include cinque nuovi casi di morti sospette, avvenute al pronto soccorso di Saronno (Varese) tra il 2011 e il 2013, all'epoca curati dal vice primario Cazzaniga (arrestato undici mesi fa per altri quattro decessi sospetti in corsia e la morte di Massimo Guerra, marito dell'infermiera con cui aveva una relazione) e i decessi di Maria Rita Clerici e Luciano Guerra, rispettivamente madre e suocero di Taroni, anche lei in carcere dal 29 novembre scorso con l'accusa di aver ucciso suo marito insieme a Cazzaniga.

19:46Usa: ad università Michigan prima laurea in cannabis

(ANSA) - NEW YORK, 20 OTT - Dopo la legalizzazione della marijuana in alcuni stati americani, arriva anche la prima laurea in cannabis. La offre la Northern Michigan University, per rispondere alla sempre crescente domanda dell'industria di settore. Dal college, però, avvertono i giovani che si tratta di un progetto serio e complesso. "Gli studenti dovranno essere molto dedicati e motivati​ - ha detto il docente di chimica Brandon Canfield - Non è un corso facile, ma e' un programma intensivo di chimica e biologia". Canfield ha spiegato che gli alunni non coltiveranno la marijuana come parte del loro percorso, ma studieranno piante simili con valore terapeutico. In America stanno aumentando sempre più gli stati che hanno legalizzato la cannabis, per uso medico o ricreativo: ad oggi sono 29, oltre il District of Columbia.

19:21Ergastolano ha diritto a permesso parto

(ANSA) - ROMA, 20 OTT - Per un genitore "la nascita di un figlio rappresenta un evento emozionale di natura eccezionale e insostituibile, tale da realizzare un unicum indelebile nella sua esperienza di vita". In ragione di questo è possibile il permesso anche per il detenuto all'ergastolo con il regime del 4 bis, che prevede il divieto dei benefici, e si applica per alcuni reati, come quelli di mafia. Lo ha stabilito la Cassazione, accogliendo il ricorso di un detenuto (originario di Lecce, condannato per reati di criminalità organizzata) cui il tribunale di sorveglianza di Roma aveva, invece, detto no al permesso. La Suprema Corte ha quindi disposto una nuova pronuncia da parte del giudice, che tenga conto di questo principio. Ma ormai, da quanto emerge dalle date dell'iter giudiziario, è troppo tardi: la data prevista per il parto è già passata.

Archivio Ultima ora