Obama sfida i Repubblicani e nomina il successore di Scalia

Pubblicato il 16 marzo 2016 da redazione

Federal appeals court judge Merrick Garland, receives applauds from President Barack Obama and Vice President Joe Biden as he is introduced as Obama's nominee for the Supreme Court during an announcement in the Rose Garden of the White House, in Washington, Wednesday, (ANSA/AP Photo/Pablo Martinez Monsivais)

Federal appeals court judge Merrick Garland, receives applauds from President Barack Obama and Vice President Joe Biden as he is introduced as Obama’s nominee for the Supreme Court during an announcement in the Rose Garden of the White House, in Washington, Wednesday, (ANSA/AP Photo/Pablo Martinez Monsivais)

WASHINGTON.- E’ battaglia aperta sulla Corte Suprema tra Barack Obama e i Repubblicani, con effetti immediati sulla già infuocata campagna presidenziale. Come aveva promesso, il presidente Usa ha annunciato, dopo settimane di consultazioni riservate, la nomina del successore di Antonin Scalia, il giudice conservatore morto in febbraio, che garantiva la maggioranza di destra nella massima Corte, ma il ‘Grand Old Party’ ha già ribadito che non la esaminerà al Senato, convinto che la decisione spetti al prossimo inquilino della Casa Bianca e quindi anche agli elettori.

La scelta di Obama è caduta su Merrick Garland, 63 anni, ebreo, un giudice della Corte d’Appello del Distretto di Columbia, dove era stato nominato da Bill Clinton nel 1997 e poi confermato con un sostegno bipartisan – 76 a 23 – che Obama ha voluto sottolineare quando ha annunciato il suo nome in un discorso appassionato nei giardini della Casa Bianca.

Il presidente aveva già preso in considerazione il suo curriculum per la Corte Suprema, ma poi la scelta era caduta su due donne. Garland é nato a Chicago e ha studiato legge ad Harvard (come Obama), divenendo direttore di ‘The Harvard Law Review’. Ha un passato anche nel dipartimento di giustizia, dove si occupò delle indagini del devastante attentato che nel 1995 uccise 168 persone a Oklahoma City.

La stampa americana lo dipinge come un giudice “centrista”, un progressista moderato, stimato nell’ambiente giuridico per la sua preparazione e serietà. Obama ne ha lodato anche l’integrità e la modestia, evidenziando come nella sua lunga carriera si sia guadagnato il rispetto e l’ammirazione dei leader democratici e repubblicani. Poi ha rivendicato di aver fatto scrupolosamente il proprio dovere e ha lanciato un appello al senato perché ora faccia il proprio, garantendo una audizione “corretta” e evitando il rischio di minare a lungo il processo democratico.

“Garland è la persona giusta e si merita la conferma”, ha concluso, prima che il giudice prendesse la parola stretto dall’emozione.

Scontato l’apprezzamento sul fronte democratico, anche da parte dei due candidati per la nomination alla Casa Bianca, Hillary Clinton e Bernie Sanders. Ma dai Repubblicani è arrivata subito un’alzata di scudi. A partire da Mitch McConnell, leader della maggioranza repubblicana al Senato, che ha confermato la sua decisione di non esaminare la nomina spiegando che si tratta di questione di “principio e non di persona”.

McConnell vuole evitare “ciò che sarebbe certamente un’aspra battaglia, a prescindere da quanto valida sia la persona nominata”, e ritiene che sulla decisione debbano avere “voce” gli elettori che voteranno il prossimo presidente. Gli ha fatto eco il repubblicano Paul Ryan, lo speaker della Camera: “il presidente ha tutto il diritto di fare la sua nomina e il Senato ha tutto il diritto di non confermarla”.

Si profila quindi un pericoloso muro contro muro che potrebbe congelare la nomina e paralizzare l’attività della Corte Suprema, dove ora siedono quattro giudici conservatori e quattro liberali. Uno scontro legato al ruolo cruciale della Corte stessa, chiamata a pronunciarsi nei prossimi mesi su una serie di temi politicamente esplosivi in Usa: immigrazione, aborto, la lotta contro il cambiamento climatico.

Con l’arrivo di Garland, l’equilibrio potrebbe spostarsi a sinistra per la prima volta dopo decenni. Per questo il Gop non arretra di un millimetro. Ma con la sua scelta Obama mette il partito repubblicano in forte imbarazzo. Difficile bocciare un giudice moderato ‘bipartisan’, già approvato in passato. Non solo.

Secondo un sondaggio Washington Post-Abc, il 63% degli americani ritiene che il Senato dovrebbe concedere l’audizione del giudice nominato dal presidente, contro il 32% contrario. Non facendolo, i repubblicani rischiano quindi di perdere voti anche nelle elezioni per il rinnovo parziale del Senato, contestuali come quelle della Camera alle presidenziali.

(di Claudio Salvalaggio/ANSA)

Ultima ora

17:44Calcio: Samp, Giampaolo “andar oltre nostre caratteristiche”

(ANSA) - GENOVA, 21 GEN - "Se vogliamo migliorare dobbiamo fare anche cose che non rientrano nelle nostre caratteristiche principali" con l'obiettivo di voltare pagina dopo il ko in Coppa Italia a Roma. Così Marco Giampaolo, tecnico della Sampdoria, alla vigilia della gara con l'Atalanta lancia un messaggio alla sua squadra con, un invito a dare tutti di più: "Con la squadra sono sempre sincero: sottolineo le cose positive fatte e quelle che invece vanno migliorate". "L'Atalanta? E' la classica squadra di Gasperini, con valori tecnici migliori e che palleggia bene", continua Giampaolo che recupera Silvestre in difesa dopo il turno di squalifica, mentre a centrocampo toccherà a Praet al posto dell'acciaccato Barreto mentre Bruno Fernandes giocherà sulle trequarti in appoggio alla coppia offensiva formata da Quagliarella e Muriel.

17:42Scaraventa la convivente giù dal balcone, arrestato dai Cc

(ANSA) - RAVENNA, 21 GEN - Al culmine di un litigio per futili motivi, ha scaraventato dal balcone la convivente. E' accaduto ieri sera in un appartamento di Bagnacavallo, nel Ravennate, dove i carabinieri - avvisati dai vicini - hanno arrestato un 37enne nigeriano per tentato omicidio aggravato e lesioni. La donna, una connazionale 36enne caduta al suolo dal primo piano, è in ospedale con sospette fratture ma non è in pericolo di vita. L'uomo, come disposto dal Pm di turno Cristina D'Aniello, e' stato portato in cella. (ANSA).

17:41Coniugi uccisi: funerali, ‘cose che non possiamo capire’

(ANSA) - TORINO, 21 GEN - "Oggi siamo qui in questa Chiesa perché il nostro pianto e i sentimenti che albergano nei nostri cuori, le cose che capiamo e quelle che non abbiamo ancora capito, le cose che premono nello stomaco, nel cuore e nella testa, vengano rimesse a qualcosa più grande di noi". Così don Stefano Lavelli durante i funerali di Salvatore Vincelli e Nunzia Di Gianni, i coniugi uccisi nella loro abitazione di Pontelangorino di Codigoro (Ferrara), celebrati a Torino nella chiesa di Santa Giulia. E' stata una cerimonia ristretta e discreta. Un centinaio di persone hanno accompagnato le due bare: sopra, un copricassa con tre rose rosse. Per il duplice delitto sono stati arrestati un figlio della coppia, minorenne, con un suo amico ora recluso a Bologna. Il figlio più grande di Nunzia e Salvatore, Alessandro, ha nascosto il dolore dietro un paio di occhiali scuri.(ANSA).

17:39Gerry Adams, con Brexit salteranno accordi pace Ulster

(ANSA) - ROMA, 21 GEN - La Brexit e l'uscita dell'Irlanda del Nord dall'Unione europea "distruggeranno" l'accordo di pace del Venerdì Santo, che nel 1998 mise fine al conflitto nell'Ulster: Lo ha detto oggi a Dublino lo storico leader dei cattolici nordirlandesi Gerry Adams, presidente dello Sinn Fein. Intervenendo a Dublino a una conferenza sull'Irlanda unita, Adams non ha però spiegato quali sarebbero esattamente le conseguenze sull'accordo del venerdì santo. Secondo il presidente dello Sinn Fein, l'Irlanda del Nord dovrebbe comunque ottenere uno statuto speciale in seno ai 27 dopo la Brexit, senza che ciò abbia conseguenze sull'accordo costituzionale che offre all'Ulster lo statuto di componente del Regno Unito. Per Adams, "l'intenzione del governo britannico di portare il Nord fuori dall'Ue, nonostante la volontà del popolo di rimanerci, è un'azione ostile".

17:39Calcio: Genoa, Juric: “Crisi? Non mi sento in bilico’

(ANSA) - GENOVA, 21 GEN - "E' un periodo duro ma sono convinto che con un po' di fortuna e forza mentale la squadra tornerà a fare il suo gioco, non ho dubbi. I nuovi devono assimilare i miei concetti. Io in bilico? Non riesco a pensare di essere in bilico, a me stesso non penso ma solo alla squadra e a cercare di vincere le partite". Dopo cinque sconfitte consecutive, Coppa Italia compresa, Ivan Juric allontana da se' la crisi e non ha dubbi sui mali del Genoa. Partenze e arrivi dal calciomercato e infortuni e indisponibilità hanno stravolto l'identità del Genoa. "Dobbiamo tornare ad essere quelli che eravamo. Dobbiamo ritrovare la nostra identità. Quando perdi quei 4/5 giocatori, nello spogliatoio c'è bisogno di tempo per ripartire, senza contare che i nuovi devono ancora inserirsi al meglio. Bisogna lavorare come in ritiro ma giocando ogni tre giorni è più difficile". Fondamentale la gara con il Crotone con Simeone in dubbio (é stato influenzato) e Pinilla candidato a sostituirlo.

17:37Calcio: Allegri, “Lazio di qualità, ottimo lavoro Inzaghi”

(ANSA) - TORINO, 21 GEN - "Devo fare i complimenti ad Inzaghi, ha fatto un ottimo lavoro: la Lazio ha grande qualità e un'ottima organizzazione". Massimiliano Allegri elogia così gli avversari di domani. "Sarà una partita difficile come le altre - ha aggiunto - dobbiamo farci trovare pronti per questa sfida equilibrata e portare a casa i tre punti". Per farlo i bianconeri dovranno fare a meno di Marchisio, fermato da "un risentimento muscolare", con Hernanes che "potrebbe giocare davanti alla difesa". Dubbi sulla posizione di Pjanic, che potrebbe giocare "nei tre di centrocampo o nei tre davanti, dietro alle punte", anche se la sorpresa potrebbe essere rappresentata dal tridente Dybala-Higuain-Mandzukic, con la possibilità "che ci sia Cuadrado ed esca uno di questi".

17:32Calcio: Allegri, a Firenze sofferto marcatura quarto uomo…

(ANSA) - TORINO, 21 GEN - "A Firenze ho sofferto la marcatura del quarto uomo, ma non ho mai commentato o detto una parola sugli arbitri, che fanno un mestiere difficile. Domenica mi marcava vicino all'area e non riuscivo a districarmi...". Così il tecnico della Juventus, Massimiliano Allegri, sul battibecco con il quarto uomo nella partita contro la Fiorentina.

Archivio Ultima ora