Obama sfida i Repubblicani e nomina il successore di Scalia

Pubblicato il 16 marzo 2016 da redazione

Federal appeals court judge Merrick Garland, receives applauds from President Barack Obama and Vice President Joe Biden as he is introduced as Obama's nominee for the Supreme Court during an announcement in the Rose Garden of the White House, in Washington, Wednesday, (ANSA/AP Photo/Pablo Martinez Monsivais)

Federal appeals court judge Merrick Garland, receives applauds from President Barack Obama and Vice President Joe Biden as he is introduced as Obama’s nominee for the Supreme Court during an announcement in the Rose Garden of the White House, in Washington, Wednesday, (ANSA/AP Photo/Pablo Martinez Monsivais)

WASHINGTON.- E’ battaglia aperta sulla Corte Suprema tra Barack Obama e i Repubblicani, con effetti immediati sulla già infuocata campagna presidenziale. Come aveva promesso, il presidente Usa ha annunciato, dopo settimane di consultazioni riservate, la nomina del successore di Antonin Scalia, il giudice conservatore morto in febbraio, che garantiva la maggioranza di destra nella massima Corte, ma il ‘Grand Old Party’ ha già ribadito che non la esaminerà al Senato, convinto che la decisione spetti al prossimo inquilino della Casa Bianca e quindi anche agli elettori.

La scelta di Obama è caduta su Merrick Garland, 63 anni, ebreo, un giudice della Corte d’Appello del Distretto di Columbia, dove era stato nominato da Bill Clinton nel 1997 e poi confermato con un sostegno bipartisan – 76 a 23 – che Obama ha voluto sottolineare quando ha annunciato il suo nome in un discorso appassionato nei giardini della Casa Bianca.

Il presidente aveva già preso in considerazione il suo curriculum per la Corte Suprema, ma poi la scelta era caduta su due donne. Garland é nato a Chicago e ha studiato legge ad Harvard (come Obama), divenendo direttore di ‘The Harvard Law Review’. Ha un passato anche nel dipartimento di giustizia, dove si occupò delle indagini del devastante attentato che nel 1995 uccise 168 persone a Oklahoma City.

La stampa americana lo dipinge come un giudice “centrista”, un progressista moderato, stimato nell’ambiente giuridico per la sua preparazione e serietà. Obama ne ha lodato anche l’integrità e la modestia, evidenziando come nella sua lunga carriera si sia guadagnato il rispetto e l’ammirazione dei leader democratici e repubblicani. Poi ha rivendicato di aver fatto scrupolosamente il proprio dovere e ha lanciato un appello al senato perché ora faccia il proprio, garantendo una audizione “corretta” e evitando il rischio di minare a lungo il processo democratico.

“Garland è la persona giusta e si merita la conferma”, ha concluso, prima che il giudice prendesse la parola stretto dall’emozione.

Scontato l’apprezzamento sul fronte democratico, anche da parte dei due candidati per la nomination alla Casa Bianca, Hillary Clinton e Bernie Sanders. Ma dai Repubblicani è arrivata subito un’alzata di scudi. A partire da Mitch McConnell, leader della maggioranza repubblicana al Senato, che ha confermato la sua decisione di non esaminare la nomina spiegando che si tratta di questione di “principio e non di persona”.

McConnell vuole evitare “ciò che sarebbe certamente un’aspra battaglia, a prescindere da quanto valida sia la persona nominata”, e ritiene che sulla decisione debbano avere “voce” gli elettori che voteranno il prossimo presidente. Gli ha fatto eco il repubblicano Paul Ryan, lo speaker della Camera: “il presidente ha tutto il diritto di fare la sua nomina e il Senato ha tutto il diritto di non confermarla”.

Si profila quindi un pericoloso muro contro muro che potrebbe congelare la nomina e paralizzare l’attività della Corte Suprema, dove ora siedono quattro giudici conservatori e quattro liberali. Uno scontro legato al ruolo cruciale della Corte stessa, chiamata a pronunciarsi nei prossimi mesi su una serie di temi politicamente esplosivi in Usa: immigrazione, aborto, la lotta contro il cambiamento climatico.

Con l’arrivo di Garland, l’equilibrio potrebbe spostarsi a sinistra per la prima volta dopo decenni. Per questo il Gop non arretra di un millimetro. Ma con la sua scelta Obama mette il partito repubblicano in forte imbarazzo. Difficile bocciare un giudice moderato ‘bipartisan’, già approvato in passato. Non solo.

Secondo un sondaggio Washington Post-Abc, il 63% degli americani ritiene che il Senato dovrebbe concedere l’audizione del giudice nominato dal presidente, contro il 32% contrario. Non facendolo, i repubblicani rischiano quindi di perdere voti anche nelle elezioni per il rinnovo parziale del Senato, contestuali come quelle della Camera alle presidenziali.

(di Claudio Salvalaggio/ANSA)

Ultima ora

20:59Travolta da un’onda, 15enne ungherese muore in Gallura

(ANSA) - OLBIA, 25 LUG - Una ragazza ungherese di 15 anni è morta annegata questo pomeriggio a Costa Paradiso, nel comune di Trinità d'Agultu, in Gallura. La giovane è stata travolta da un'onda mentre si trovava sopra uno scoglio, forse per ammirare lo spettacolo del mare in burrasca a causa del forte vento di maestrale. Il corpo è stato recuperato dall'elicottero dei vigili del fuoco di Sassari con a bordo una equipe medica del 118 che ha tentato di rianimare la 15enne per oltre mezz'ora. Purtroppo per l'adolescente non c'è stato nulla da fare. Sul posto è intervenuta anche una motovedetta della Capitaneria di Porto Torres.

20:53Sesso in cambio di favori, arrestato cc ispettorato lavoro

(ANSA) - LIVORNO, 25 LUG - I carabinieri del Nucleo investigativo di Livorno hanno eseguito, su ordine della Procura livornese, un'ordinanza di custodia cautelare a carico di un sottufficiale dell'Arma che ha comandato il nucleo carabinieri dell'ispettorato del lavoro livornese. Il cc è accusato di avere ottenuto prestazioni sessuali in cambio di favori. Le indagini, spiega una nota della procura, "hanno fatto emergere fatti per i quali viene ipotizzata la sistematica strumentalizzazione dei poteri connessi alla funzione di controllo dell'ispettorato del lavoro per ottenere favori di vario genere ed in particolare prestazioni personali". Il gip Antonio Del Forno ha perciò ritenuto sussistenti gravi indizi di concussione continuata, consumata e tentata e ha emesso l'ordinanza di arresto per il sottufficiale ora in servizio a Firenze: l'uomo si trova ai domiciliari, dopo il trasferimento fuori dalla Toscana. Le indagini proseguono: gli inquirenti non escludono che possano esserci altri casi non ancora venuti alla luce.

20:35Siccità: Regione Calabria chiede stato calamità naturale

(ANSA) - CATANZARO, 25 LUG - La Giunta regionale della Calabria, riunitasi sotto la presidenza di Mario Oliverio, ha chiesto al Governo il riconoscimento dello stato di calamità naturale per la siccità. La decisione dell'esecutivo é stata presa su proposta dello stesso presidente Oliverio. "La siccità - si afferma in una nota dell'ufficio stampa della Giunta - ha già fatto registrare centinaia di migliaia di euro di danni nel settore agricolo".

20:27Nuoto: Mondiali, King oro e record mondo

(ANSA) - ROMA, 25 LUG - Medaglia d'oro e record del mondo per la statunitense Lilly King che trionfa nei 100 metri rana con il tempo di 1'04"13 ai Mondiali di nuoto di Budapest. Il primato precedente era della lituana Ruta Meilutyte che ai Mondiali di Barcellona 2013 aveva nuotato in 1'04"35. Medaglia d'argento per un'altra statunitense, Katie Meili (1'05"03), bronzo alla russa Yuliya Efimova (1'05"05).

20:15Calcio: Cassano, un invito dal Legino

(ANSA) - SAVONA, 25 LUG - "Cassano venga a giocare a Savona: sarà vicino a casa e non sentirà la nostalgia". È l'invito lanciato dalla società Unione Sportiva Legino 1910, squadra di Savona che milita nel campionato di Promozione e che ha visto i 'primi passi' di Stefan el Shaarawy. A lanciare la proposta l'allenatore e dirigente Fabio Tobia con l'appoggio dall'assessore allo sport Maurizio Scaramuzza. Se l'ingaggio di Fantantonio potrebbe rappresentare un ostacolo insormontabile per un club di Promozione, l'allenatore e l'assessore hanno trovato una soluzione: "Il Legino calcio non può permettersi, per il budget limitato, di sostenere i costi per un campione di questo calibro. Tuttavia a Antonio Cassano garantiremo l'ospitalità e l'accoglienza della città e tutte le volte che lo desidererà, la nostra farinata bianca".

20:06Migranti: Gentiloni, dopo impegni Juncker ora fatti

(ANSA) - ROMA, 25 LUG - "Agli impegni su immigrazione presi da Juncker e Commissione, che ringrazio, corrisponda la mobilitazione dei partner Ue a fianco dell'Italia". Così il premier Paolo Gentiloni su twitter dopo le affermazioni del presidente della commissione europea.

20:01Nuoto: Pellegrini, domani sarà una bella lotta

(ANSA) - ROMA, 25 LUG - "E' stata una bella gara, sono contenta. Le altre hanno viaggiato un bel po', non si sono mai visti questi tempi per una finale Mondiale". Federica Pellegrini è felice della finale conquistata ai Mondiali di nuoto a Budapest ma è cosciente che domani è attesa ad una dura lotta per salire sul podio. "Io ho risposto presente - aggiunge ai microfoni della Rai l'azzurra - è la mia settima finale Mondiale, sono contenta di esserci e domani sarà una bella lotta".

Archivio Ultima ora