Mattarella, l’Ue dovrebbe visitare i campi profughi in Etiopia

Pubblicato il 16 marzo 2016 da redazione

Mattarella nel campo profughi in Etiopia: “L'Europa guardi queste immagini”

Mattarella nel campo profughi in Etiopia: “L’Europa guardi queste immagini”

TEIRKIDI (ETIOPIA). – Basterebbe visitare un campo profughi in Etiopia, “vedere le immagini di oggi”. Sergio Mattarella ha ancora negli occhi l’umanità dolente ammassata in un campo profughi etiope al confine con il Sudan quando, al suo rientro nella capitale, gli chiedono con quale spirito le leadership europee dovrebbero affrontare il delicatissimo Consiglio europeo che si apre a Bruxelles quasi interamente dedicato all’emergenza immigrazione.

Il presidente ha infatti visto di persona centinaia di persone in cammino – qualcuno con taniche d’acqua, altri con pacchetti di cibo o rami portati in testa – lungo una sottile striscia di terra arida, mentre decine di bambini, ai lati della strada, salutano il corteo di auto che al suo passaggio alzavano nuvole di polvere.

Il capo dello Stato ha visitato il campo profughi di Teirkidi, uno dei più grandi di tutta l’Africa, che l’Etiopia ospita a pochi chilometri dal confine con il Sud Sudan e che Sergio Mattarella nel corso della sua visita di Stato nel paese sub-sahariano ha voluto fortemente visitare.

E’ uno dei campi dove è più attiva la cooperazione italiana, impegnata nella realizzazione di un sistema di pompaggio dell’acqua ed in progetti di istruzione. Ed è uno dei campi – come spiega il presidente Mattarella – dove “si può cogliere con mano cosa ha spinto tante persone, donne e bambini, a fuggire dalla propria terra”.

Un messaggio per tutti. Soprattutto alla vigilia del vertice Ue che deve cercare di ritrovare l’unità per fronteggiare in maniera solidale l’ondata immigratoria che si sta abbattendo sull’Europa. Teirkidi ospita oltre 50mila rifugiati (l’area di Gambela, dove si trova, supera i 100mila mentre l’intera Etiopia accoglie oltre 800mila profughi): sono quasi esclusivamente sud sudanesi scappati dalla guerra che sta devastando da oltre sei anni il giovane paese subsahariano. Alle loro spalle hanno lasciato il terrore: morti, stupri di massa, violenze di ogni genere fino ad episodi sconvolgenti come alcune uccisioni di bambini bruciati vivi.

Il presidente italiano visita una delle centrali di pompaggio realizzate grazie alla Agenzia per la Cooperazione Italiana allo Sviluppo e, poi, si ferma in una scuola gestita dall’Alto Commissariato dell’Onu per i Rifugiati e da Save The Children: ad accoglierlo decine di bambini con canti e balli tradizionali.

“Attraversare il campo – sottolinea Mattarella, il primo presidente italiano a visitare un campo profughi – rafforza alcuni sentimenti. Il primo è il senso di solidarietà nei confronti di chi si trova qui perché è dovuto fuggire dalla violenze e dal pericolo grave di morte. Il secondo è la conferma del grande apprezzamento per quanto l’Etiopia sta facendo, in un momento di grande difficoltà” per la siccità causata dal Niño.

Il capo dello Stato ha negli occhi le immagini dei bambini. “Mentre attraversavamo il campo, vederli che salutavano con allegria o vedere che ora cantano e danzano fa rendere conto di quanto sia forte il desiderio di vita e di futuro qui dentro”. Mattarella ringrazia “tutti coloro che si adoperano come cooperanti a sostegno dei poveri” ma rassicura anche che “l’Italia continuerà a dare il proprio sostegno”. Anzi, il presidente annuncia “ulteriori somme a favore di questo campo: esattamente 630mila euro attraverso l’Unicef e l’Unhcr”.

“Naturalmente – aggiunge – non è sufficiente, occorrerebbe molto di più ma l’Italia continuerà ad esprimere il suo sostegno”.

Mattarella, che adesso raggiungerà il Cameroun per una visita di stato di quattro giorni, nei suoi incontri con le massime autorità della repubblica etiopica e dell’Unione Africana, la cui sede è ospitata ad Addis Abeba, ha sottolineato la necessità, soprattutto per l’Occidente, di adottare un approccio multilaterale per l’emergenza immigrazione e, indirettamente, per quella del terrorismo: si deve intervenire laddove “i fenomeni migratori hanno inizio” perché “nessuno lascerebbe la propria terra se vi potesse vivere in pace”.

(dell’inviato Teodoro Fulgione/ANSA)

Ultima ora

00:24Furgone travolge bimbi e donna in gelateria

(ANSA) - FIRENZE, 21 LUG - Un furgone ha travolto quattro persone che si trovavano in una gelateria a Firenze. E' accaduto poco dopo le 22 in via Quintino Sella, all'immediata periferia est della città. I quattro feriti sono tre bambini: una bimba di sei anni, la più grave, trasportata in codice rosso all'ospedale pediatrico Meyer, un bambino della stessa età ed una bimba di tre anni, anche loro ricoverati al Meyer ed una donna. Non è ancora chiara la dinamica dell'incidente, ma il furgone, secondo le prime ipotesi, avrebbe sbagliato una manovra e, senza controllo, sarebbe "entrato" nella gelateria all'immediata periferia est del capoluogo toscano, falciando alcuni degli avventori dopo aver travolto i tavolini che si trovano davanti all'ingresso del locale. Sul posto sono intervenuti i sanitari del 118 e la polizia municipale.

00:21Calcio: Germania vince 2-1, Italia eliminata

(ANSA) - ROMA, 21 LUG - Sconfitta per 2-1 dall Germania l'Italia femminile di calcio esce dall'Europeo in Olanda. A Tilburg le giocatrici di Antonio Cabrini perdono, perdono ma non soccombono di fronte alle più quotate avversarie: campionesse olimpiche, detentrici del titolo continentale e vincitrici delle ultime sei edizioni. Però cuore, carattere e belle giocate non bastano. Arriva il secondo ko, dopo quello all'esordio contro la Russia. Vantaggio tedesco al 19'. Su un pallone spiovente nell'area piccola, Giuliani perde la sfera, lasciando la porta sguarnita per il gol di testa della Henning. Al 29' il pari dell'Italia. Contropiede sulla sinistra di Bonansea e cross basso sul primo palo dove Ilaria Mauro anticipa Schult con un rasoterra. L'attaccante della Fiorentina dovrà uscire nel finale di primo tempo per la distorsione ad una caviglia. Al 21' della ripresa Germania di nuovo avanti su rigore, causato dal fallo di Giuliani su Mittag. Dal dischetto Peter realizza. Italia in 10 per l'espulsioni di Bartoli al 24'.

23:49Pallanuoto: Australia-Italia 5-13

(ANSA) - ROMA, 21 LUG - Il Settebello ha vinto, ma non è riuscito a battere l'Australia con almeno 11 reti di scarto, condizione indispensabile per primeggiare nel girone B del Mondiale di pallanuoto, in corso a Budapest. Nella terza ed ultima gara della fase di qualificazione, i ragazzi del ct Sandro Campagna hanno prevalso 13-5 (parziali 5-2, 8-2, 10-5), ma il raggruppamento è stato vinto dall'Ungheria (che ha chiuso con 5 punti come l'Italia) grazie alla migliore differenza reti. I padroni di casa aveva battuto 13-3 i 'canguri'. Domenica, negli ottavi, il Settebello affronterà il Kazakistan. Passa nella parte apparentemente più complicata del tabellone, con la Croazia che aspetta nel quarti e la Serbia probabile semifinalista.

23:29Isis: Mattis, ‘credo che al Baghdadi sia vivo’

(ANSA) - NEW YORK, 21 LUG - Il segretario alla Difesa americano, John Mattis, ritiene che il leader dello stato islamico Abu Bakr al Baghdadi sia ancora vivo e abbia un ruolo nell'organizzazione. ''Credo sia ancora vivo'' dice Mattis, secondo quanto riportato dai media americani.

22:32Calcio: Lotito, “Keita? Nessuna offerta da Inter e Juve”

(ANSA) - ROMA, 21 LUG - "Le offerte arrivate per Keita? Quella del West Ham è pubblica. Le offerte di Juventus e Inter non sono arrivate. Dall'estero sì". Il presidente della Lazio, Claudio Lotito, commenta così la situazione sulla possibile partenza di Keita, ormai separato in casa con il club biancoceleste. "Io con Keita osservo, faccio l'osservatore. Per Keita sono arrivate diverse offerte importanti. Abbiamo lasciato libero di scegliere il giocatore. La società troverà le soluzioni adeguate", ha aggiunto Lotito parlando dal ritiro di Auronzo di Cadore. Riguardo al rinnovo de giocatore "non ho proposto nulla, non sono un operatore di mercato. Abbiamo tanti ruoli in società, ognuno fa il suo. Il mercato non lo faccio io".

22:19Nuoto: Mondiali sincro, il misto libero in finale

(ANSA) - ROMA, 21 LUG - Il "Paradiso perduto" del campione del mondo Giorgio Minisini e della sua partner del misto libero Mariangela Perrupato è in finale ai Mondiali di sincronizzato, in corso a Budapest. Ingresso con il secondo punteggio della routine: 90.8333 punti e "si può fare ancora meglio", assicurano i protagonisti, ma "oggi era importante rompere il ghiaccio". Meglio di tutti fanno i russi: Mikhaela Kalancha e Aleksandr Maltsev ricevono di più, 92.0000 e gli statunitensi Bill May e Kanako Kitao Splendlove sono terzi con 88.0333. Domani alle 19 la finale.

21:17Incendi Vesuvio: interventi sul campo per prevenire roghi

(ANSA) - NAPOLI, 21 LUG - Rafforzare il meccanismo di controllo del territorio e il tempestivo avvistamento degli incendi. E' la priorità scaturita dall'incontro in Prefettura a Napoli sulla emergenza roghi che sta interessando il versante del Vesuvio. Al tavolo oltre al Prefetto di Napoli, Carmela Pagano, c'erano i tredici sindaci (o loro delegati) della Comunità del Parco Nazionale del Vesuvio: Boscoreale, Boscotrecase, Ercolano, Massa di Somma, Ottaviano, Pollena Trocchia, San Giuseppe Vesuviano, San Sebastiano al Vesuvio, Sant'Anastasia, Somma Vesuviana, Terzigno, Torre del Greco, Trecase. ''L'incontro ha assolto egregiamente la sua finalità, cioè creare un piu' forte coordinamento tra tutti gli attori istituzionali che sono chiamati in causa da eventi come gli incendi boschivi, in modo da ottimizzare le risorse che di certo non sono illimitate'', ha spiegato il prefetto a termine della riunione che ha definito ''molto collaborativa e concreta''.

Archivio Ultima ora