Mattarella, l’Ue dovrebbe visitare i campi profughi in Etiopia

Pubblicato il 16 marzo 2016 da redazione

Mattarella nel campo profughi in Etiopia: “L'Europa guardi queste immagini”

Mattarella nel campo profughi in Etiopia: “L’Europa guardi queste immagini”

TEIRKIDI (ETIOPIA). – Basterebbe visitare un campo profughi in Etiopia, “vedere le immagini di oggi”. Sergio Mattarella ha ancora negli occhi l’umanità dolente ammassata in un campo profughi etiope al confine con il Sudan quando, al suo rientro nella capitale, gli chiedono con quale spirito le leadership europee dovrebbero affrontare il delicatissimo Consiglio europeo che si apre a Bruxelles quasi interamente dedicato all’emergenza immigrazione.

Il presidente ha infatti visto di persona centinaia di persone in cammino – qualcuno con taniche d’acqua, altri con pacchetti di cibo o rami portati in testa – lungo una sottile striscia di terra arida, mentre decine di bambini, ai lati della strada, salutano il corteo di auto che al suo passaggio alzavano nuvole di polvere.

Il capo dello Stato ha visitato il campo profughi di Teirkidi, uno dei più grandi di tutta l’Africa, che l’Etiopia ospita a pochi chilometri dal confine con il Sud Sudan e che Sergio Mattarella nel corso della sua visita di Stato nel paese sub-sahariano ha voluto fortemente visitare.

E’ uno dei campi dove è più attiva la cooperazione italiana, impegnata nella realizzazione di un sistema di pompaggio dell’acqua ed in progetti di istruzione. Ed è uno dei campi – come spiega il presidente Mattarella – dove “si può cogliere con mano cosa ha spinto tante persone, donne e bambini, a fuggire dalla propria terra”.

Un messaggio per tutti. Soprattutto alla vigilia del vertice Ue che deve cercare di ritrovare l’unità per fronteggiare in maniera solidale l’ondata immigratoria che si sta abbattendo sull’Europa. Teirkidi ospita oltre 50mila rifugiati (l’area di Gambela, dove si trova, supera i 100mila mentre l’intera Etiopia accoglie oltre 800mila profughi): sono quasi esclusivamente sud sudanesi scappati dalla guerra che sta devastando da oltre sei anni il giovane paese subsahariano. Alle loro spalle hanno lasciato il terrore: morti, stupri di massa, violenze di ogni genere fino ad episodi sconvolgenti come alcune uccisioni di bambini bruciati vivi.

Il presidente italiano visita una delle centrali di pompaggio realizzate grazie alla Agenzia per la Cooperazione Italiana allo Sviluppo e, poi, si ferma in una scuola gestita dall’Alto Commissariato dell’Onu per i Rifugiati e da Save The Children: ad accoglierlo decine di bambini con canti e balli tradizionali.

“Attraversare il campo – sottolinea Mattarella, il primo presidente italiano a visitare un campo profughi – rafforza alcuni sentimenti. Il primo è il senso di solidarietà nei confronti di chi si trova qui perché è dovuto fuggire dalla violenze e dal pericolo grave di morte. Il secondo è la conferma del grande apprezzamento per quanto l’Etiopia sta facendo, in un momento di grande difficoltà” per la siccità causata dal Niño.

Il capo dello Stato ha negli occhi le immagini dei bambini. “Mentre attraversavamo il campo, vederli che salutavano con allegria o vedere che ora cantano e danzano fa rendere conto di quanto sia forte il desiderio di vita e di futuro qui dentro”. Mattarella ringrazia “tutti coloro che si adoperano come cooperanti a sostegno dei poveri” ma rassicura anche che “l’Italia continuerà a dare il proprio sostegno”. Anzi, il presidente annuncia “ulteriori somme a favore di questo campo: esattamente 630mila euro attraverso l’Unicef e l’Unhcr”.

“Naturalmente – aggiunge – non è sufficiente, occorrerebbe molto di più ma l’Italia continuerà ad esprimere il suo sostegno”.

Mattarella, che adesso raggiungerà il Cameroun per una visita di stato di quattro giorni, nei suoi incontri con le massime autorità della repubblica etiopica e dell’Unione Africana, la cui sede è ospitata ad Addis Abeba, ha sottolineato la necessità, soprattutto per l’Occidente, di adottare un approccio multilaterale per l’emergenza immigrazione e, indirettamente, per quella del terrorismo: si deve intervenire laddove “i fenomeni migratori hanno inizio” perché “nessuno lascerebbe la propria terra se vi potesse vivere in pace”.

(dell’inviato Teodoro Fulgione/ANSA)

Ultima ora

18:32Incidenti lavoro, operaio morto a Napoli

(ANSA) - NAPOLI, 12 DIC - Un operaio è deceduto in un incidente sul lavoro, avvenuto in salita Tarsia, nel centro cittadino di Napoli. L'uomo stava lavorando su un terrazzo di uno stabile in Salita Tarsia quando probabilmente ha perso l'equilibrio ed è caduto. La dinamica è in fase di ricostruzione da parte della Polizia di Stato. L'operaio stava ricoprendo il terrazzo con una guaina impermeabile; nella caduta, terminata su un'automobile in sosta, ha trascinato con sé anche la bombola del gas e il cannello bruciatore che stava utilizzando. Forse sul posto c'era anche un collega.

18:25Calcio: Giampaolo, pronti a battaglia in Coppa

(ANSA) - GENOVA, 12 DIC - "Non ci sono partite semplici e gli avversari forti ti stimolano. Ce la giocheremo alla pari". Marco Giampaolo si affida a SampTv per presentare l'ottavo di Coppa Italia contro la Fiorentina di domani. "Alla Coppa ci teniamo anche se - ha spiegato - la formula così concepita è difficile, perché devi vincere fuori casa a Firenze per passare il turno. In ogni caso la rispettiamo come sempre e farò giocare la miglior formazione possibile. Abbiamo recuperato bene rispetto alla partita di sabato alcuni elementi non sono al meglio della condizione. Dovremo farei i conti con alcune assenze. In ogni caso chi scenderà in campo darà battaglia". A Genova sono rimasti Viviano, Quagliarella e Linetty, tutti per motivi fisici "Domattina - aggiunge Giampaolo - farò la valutazione di chi è disponibile. A oggi non ho la minima idea di chi far giocare. La Fiorentina? E' una squadra forte che è cresciuta e arriva a questa sfida dopo i risultati positivi con Lazio e Napoli".

18:23Tetraplegico per tre mesi in autobus a scuola nel milanese

(ANSA) - MILANO, 12 DIC - Tre mesi di tempo perché uno studente tetraplegico di 16 anni, milanese, ottenesse un trasporto adeguato alla scuola che frequenta fuori città, a Corsico. Nel frattempo è stato costretto ad andare sull'autobus accompagnato dalla madre o in auto col padre, perché "il Comune di Milano non ha fornito il mezzo adeguato poiché l'istituto era fuori dal capoluogo lombardo". La denuncia è di Angelo Ciocca, europarlamentare della Lega: "è un episodio davvero spiacevole, sono imbarazzato nel dire che sono dovuto intervenire su un'assenza del Comune chiedendo un intervento della Regione e non mi sembra giusto che un disabile non abbia il trattamento di cui ha diritto". "La Regione nel cuore dell'estate ha trasferito le competenze per i trasporti degli studenti superiori disabili ai Comuni, - ha replicato il Comune -. Purtroppo per la decina di studenti che vanno fuori città il contributo di Regione Lombardia è molto al di sotto del costo del servizio. Quindi il Comune ha avuto bisogno di reperire le risorse".

18:19Serena Grandi a giudizio per fallimento ristorante

(ANSA) - RIMINI, 12 DIC - Serena Grandi è stata rinviata a giudizio per il fallimento, dichiarato nel 2015, della società 'Donna serena srl' che ha gestito il ristorante la 'Locanda di Miranda', nel borgo San Giuliano di Rimini. L'attrice bolognese, 59 anni, all'anagrafe Serena Faggioli, difesa dall'avvocato Christian Guidi, sarà giudicata a partire dal prossimo 12 giugno davanti al Tribunale collegiale. Stando alle accuse, Serena Grandi, in qualità di legale rappresentante della società 'Donna serena' avrebbe distratto parte dei beni strumentali, impiegati presso il ristorante, e sottratto i libri contabili e altra documentazione obbligatoria per legge relativi alla gestione della 'Locanda di Miranda'. La procedura fallimentare della società è ancora in corso davanti al Tribunale fallimentare di Rimini.(ANSA).

18:13Il Rally del Salento ‘corre’ con la Pizzica

(ANSA) - ROMA, 12 DIC - Il Rally del Salento e la Pizzica, perfetto connubio in un territorio davvero unico per le sue eccellenze. Parte da queste basi l'accordo tra Aci Lecce e la Fondazione la Notte Della Taranta presentato durante la serata dal titolo "La danza del volante" svoltasi presso la Sala Angioina del Castello di Copertino. Un'importante sinergia, quella tra il Rally del Salento gara di rilievo internazionale, e la Pizzica, danza popolare salentina famosa in tutto il mondo, che si presenta come un nuovo ed inedito canale di promozione del Salento. "Unire due manifestazioni che pur nella diversità delle loro esperienza sono la massima espressione del territorio nei loro rispettivi campi è stato un risultato particolarmente importante" ha affermato il Presidente dell'Aci Lecce Aurelio Filippi Filippi. Per il n.1 dell'Aci Sticchi Damiani "Il Rally del Salento ha contribuito a far si che il territorio salentino fosse conosciuto non solo per il mare ma per tutta una serie di attrattive''

18:12Calcio: Napoli, De Laurentiis allontana crisi

(ANSA) - ROMA, 12 DIC - Alla presentazione del film 'Super vacanze di Natale' di Paolo Ruffini, in sala dal 14 dicembre, Aurelio De Laurentiis non raccoglie la provocazione di chi gli chiede della presunta crisi del Napoli di cui è presidente. "Una cosa va detta - ha replicato - siamo l'unica società che ha i conti a posto. Certo, essere primi è importante, ma i primi, come si sa, si vedono solo alla fine".

18:10Calcio: Coppa Italia, Giampaolo “pronti a dare battaglia”

(ANSA) - GENOVA, 12 DIC - "Non ci sono partite semplici e gli avversari forti ti stimolano. Ce la giocheremo alla pari". Marco Giampaolo si affida a SampTv per presentare l'ottavo di Coppa Italia contro la Fiorentina domani al Franchi e sottolinea. "Alla Coppa ci teniamo anche se - ha spiegato - la formula così concepita è difficile, perché devi vincere fuori casa a Firenze per passare il turno. In ogni caso la rispettiamo come sempre e farò giocare la miglior formazione possibile". Probabilmente scenderà in campo una Sampdoria diversa rispetto a quella che ha giocato a Cagliari ma, più che di turn-over tecnico, si deve parlare di turn-over fisico. "Abbiamo recuperato bene rispetto alla partita di sabato, ma alcuni elementi non sono al meglio della condizione. Dovremo farei i conti con alcune assenze. In ogni caso chi scenderà in campo darà battaglia". A Genova sono rimasti Viviano, Quagliarella e Linetty, tutti per motivi fisici, mentre le ultime scelte Giampaolo le farà domattina.

Archivio Ultima ora