Ue, non faremo rimpatri a tappeto. Ma l’Italia faccia di più

Pubblicato il 16 marzo 2016 da redazione

Migrants cast their reflection in a muddy puddle, while waiting in line for tea and bread in a makeshift camp at the northern Greek border post of Idomeni, Wednesday, March 16, 2016. Hundreds of migrants and refugees walked out Monday of an overcrowded camp on the Greek-Macedonian border, determined to use a dangerous crossing to head north but were returned to Greece. (ANSA/AP Photo/Boris Grdanoski)

Migrants cast their reflection in a muddy puddle, while waiting in line for tea and bread in a makeshift camp at the northern Greek border post of Idomeni, Wednesday, March 16, 2016. Hundreds of migrants and refugees walked out Monday of an overcrowded camp on the Greek-Macedonian border, determined to use a dangerous crossing to head north but were returned to Greece. (ANSA/AP Photo/Boris Grdanoski)

BRUXELLES. – Bruxelles, impegnata in complicati negoziati dell’ultim’ora per risolvere il difficile puzzle dell’intesa con la Turchia sulla crisi dei migranti per il vertice dei leader Ue di domani, sollecita gli Stati membri a ricollocare almeno 20mila richiedenti asilo da Italia e Grecia entro il 16 maggio e promette che non farà rimpatri indiscriminati. Mentre all’Italia chiede di aumentare il numero dei centri per gli immigrati illegali, “estremamente limitati e al di sotto della soglia dichiarata nella roadmap” perché la situazione pone “serie sfide per la rapida attuazione delle operazioni di rimpatrio”.

Ma alla vigilia del summit è il presidente della Commissione Jean-Claude Juncker a gelare le aspettative di Ankara: “La Turchia non è matura per l’ingresso nell’Ue”, dice in un’intervista all’Handelsblatt. “E io credo non lo sarà neppure in 10 anni”, aggiunge Juncker, sostenendo tuttavia di essere “cautamente ottimista” su un’intesa con Ankara sui profughi.

Col proseguire massiccio dei flussi intanto, secondo l’Unhcr, potrebbero essere oltre 100mila i migranti che resteranno bloccati in Grecia entro un mese. Dall’inizio del 2015 ne sono arrivati oltre un milione. Ma gli sbarchi stanno riprendendo in modo consistente anche dalle coste libiche verso l’Italia.

Nel Canale di Sicilia sono stati soccorsi 1.467 migranti e recuperati tre cadaveri: con l’arrivo della bella stagione, e la chiusura della rotta balcanica, i mesi a venire appaiono critici. Per questo motivo i leader Ue dedicheranno parte della loro discussione alla necessità di prevenire nuove emergenze sulle rotte alternative, come quella adriatica attraverso l’Albania, mentre l’Austria ha già annunciato di voler sollevare la questione delle frontiere al Brennero.

Sul fronte dell’intesa Ue-Turchia, dopo l’accordo di principio siglato il 7 marzo, la situazione resta complessa. L’Ue sembra infatti pronta ad offrire ad Ankara molto meno di quanto la Mezzaluna chiede. “C’è ancora molto da fare”, avverte il presidente del Consiglio Ue, Donald Tusk. “Il catalogo delle questioni da risolvere è lungo”.

“E’ giusto fare l’accordo con la Turchia ma ci sono principi che sono per noi fondamentali, a partire dai diritti umani e dalla libertà di stampa”, avverte il premier Matteo Renzi. La Commissione Ue, con una comunicazione in cui dettaglia gli aspetti legali, operativi e finanziari sulla fattibilità, tenta di dare una mano.

Il vicepresidente vicario Frans Timmermans, nel presentare il lavoro, cerca di fugare i dubbi: “Non ci saranno rimpatri a tappeto o respingimenti, il diritto internazionale e Ue sarà rispettato. Grecia e Turchia non diventeranno enormi campi per i rifugiati”. Svezia, Lussemburgo, Italia, Spagna sono stati tra i Paesi più critici su questo aspetto.

Per la liberalizzazione dei visti “non ci saranno scorciatoie”, avverte Timmermans: se Ankara vuole raggiungere l’obiettivo entro giugno, dovrà dimostrare di aver onorato il grosso dei 37 benchmark che le restano, a fine aprile. Francia e Austria hanno dimostrato di essere le più dure sul punto.

Per i reinsediamenti del meccanismo di scambio ‘uno a uno’ (un siriano in Europa legalmente, per uno respinto), sarà “una misura temporanea e straordinaria” e non prevederà nuovi impegni degli Stati: si utilizzeranno i 18mila reinsediamenti disponibili dei 22.500 decisi a luglio ed i 54mila ricollocamenti di cui l’Ungheria non ha beneficiato. Una rassicurazione per i quattro Paesi di Visegrad che più di altri spingono sulla questione. Nel ‘non paper’ (documento non ufficiale) di Tusk si spiega che nel caso si dovesse andare oltre, l’accordo “dovrebbe essere rivisto”, cioè cesserebbe.

“Basteranno settimane per capire se il meccanismo funziona, se i flussi si arrestano “si passerà da questo meccanismo ad uno schema di riammissioni permanenti”, altrimenti “finirà”, spiegano fonti Ue. Anche sui negoziati per l’adesione, l’Unione “non offre una corsa gratis”, ha spiegato Timmermans. Questo è forse il punto più controverso, dopo la minaccia di veto del presidente cipriota Nikos Anastasiades.

Il ministro degli Affari europei di Ankara, Volkan Bozkir ha reagito: “L’Ue non deve permettere ai capricci di Cipro di rovinare l’accordo”. Ma le parole arrivate in serata da Juncker sono chiarissime. Quanto ai tre miliardi aggiuntivi che Ankara chiede, l’Europa sembra disposta solo ad accelerare sui tre già previsti, per poi sedersi di nuovo al tavolo, ma in futuro. Intanto la Macedonia ha spostato al confine con la Grecia un numero imprecisato di truppe, stazionate da tempo in prossimità del centro di accoglienza di Gevgelija.

(di Patrizia Antonini/ANSA)

Ultima ora

01:47Wp, Trump sollecito’ aiuto due capi 007 contro Fbi

(ANSA) - WASHINGTON, 23 MAG - Donald Trump chiese invano lo scorso marzo ai capi di due agenzie di intelligence di negare pubblicamente l'esistenza di qualsiasi prova di collusione tra il suo entourage e i russi per smontare l'inchiesta dell'Fbi. Lo rivela il Wp citando due dirigenti americani attuali e due ex. La richiesta fu rivolta a Daniel Coats, capo della National Intelligence (Dia), e all'ammiraglio Michael S. Rogers, direttore della National Security Agency (Nsa).

01:44Manchester: morti e feriti a concerto

(ANSA) - LONDRA, 22 MAG - Ci sono alcuni morti e feriti a causa dell'incidente avvenuto in serata alla Manchester Arena, dove e' stata udita 'almeno una esplosione' che ha scatenato il panico fra migliaia di persone subito dopo la conclusione di un concerto della cantante americana Ariana Grande. Lo riferisce la polizia della città britannica. Stando alle prime informazioni l'esplosione sarebbe avvenuta nella zona delle biglietterie, subito fuori dall'arena, che può contenere circa 20.000 spettatori.

01:44Svezia: tracce esplosivo in borsa, evacuato scalo

(ANSA) - ROMA, 23 MAG - E' stato evacuato in Svezia l'aeroporto internazionale di Goteborg Landvetter, dopo che in un bagaglio lasciato incustodito sono state rilevate tracce di esplosivo. La borsa abbandonata era nell'area partenze, che è stata subito evacuata, transennata e raggiunta da polizia e artificieri. L'allarme è scattato verso le 21 di ieri. Il bagaglio sospetto è stato trovato vicino a un banco informazioni e dopo che la sicurezza non è riuscita a trovarne il proprietario sono scattati gli accertamenti, dai quali è risultata la presenza di tracce di esplosivo. La polizia svedese afferma che per ora non si può parlare di una situazione di "minaccia effettiva", ma le indagini sono ancora in corso.

23:47Calcio: Quagliarella, a Schick dico di restare alla Samp

(ANSA) - MILANO, 22 MAG - "Consiglio a Schick di restare un altro anno alla Sampdoria per confermare quanto di buono fatto e continuare a crescere. Non ho mai giocato con un calciatore simile". Fabio Quagliarella, vincitore del 22esimo 'Premio Gentleman', suggerisce al suo compagno di aspettare a lasciare Genova, ma concede un indizio sull'altro oggetto del desiderio del mercato, Muriel: "Muriel è nell'età giusta per poter partire se ci sono delle richieste che soddisfano il presidente. Contro l'Udinese non ha fatto una cosa bella, ma si è reso conto dell'errore. Non c'è stato alcuna rissa con Danilo e alla fine ha chiesto scusa". Quagliarella conferma il suo desiderio di restare alla Samp ("ho ancora due anni di contratto") e spende parole al miele per Francesco Totti: "E' una leggenda. Sono orgoglioso si averci giocato contro. Un ragazzo eccezionale, c'e solo da togliersi il cappello. Non mi permetto di dire nulla a Spalletti, ma Totti non va trattato così".

23:44Calcio: Montella, il Milan vuole tenere Donnarumma

(ANSA) - MILANO, 22 MAG - "Il rinnovo di Donnarumma? So che la società sta facendo degli sforzi enormi per riconoscere le grandi qualità di Gigio. Voglio bene come a un figlio a Donnarumma, ma ora deve fare una scelta e capire cosa vuole fare da grande perché é anche diventato maggiorenne. Ma con la massima serenità perché la società sta facendo di tutto per tenerlo". Così Vincenzo Montella a margine del 22esimo Premio Gentleman, parla delle trattative per il rinnovo di Donnarumma, ma non svela nulla su chi sarà il prossimo centravanti del Milan: "Chi sarà il prossimo numero 9 tra Keita, Kalinic e Morata? Forse nessuno dei tre. La maglia numero 9 è di Lapadula e per il momento se la tiene lui".

23:15Calcio: Pescara batte Palermo 2-0

(ANSA) - PESCARA, 22 MAG - Il Pescara ha battuto 2-0 il Palermo nel posticipo della 37/a giornata della serie A di calcio, partita che ha messo di fronte due formazioni già retrocesse. Gli abruzzesi sono passati in vantaggio al 15' con la prima rete in A del croato Robert Muric. Nel finale dell'incontro è giunto il raddoppio siglato dal suo sostituto, il romeno Mitrita. Il Pescara ha così vinto la terza partita in campionato.

23:08Calcio: playoff serie B, Carpi in semifinale

(ANSA) - ROMA, 22 MAG - Il Carpi è la prima semifinalista dei playoff di serie B ed il 26 e 29 maggio affronterà il Frosinone per contendergli un posto in serie A. La squadra allenata da Fabrizio Castori ha vinto 2-1 sul campo del Cittadella. Carpi in vantaggio con Lollo al 33' del primo tempo: gran tiro dai 35 metri che si è infilato sotto l'incrocio dei pali. Raddoppio degli ospiti al 20' della ripresa con Mbakogu, lanciato a rete da Letizia. Due minuti dopo Iunco, entrato da poco al posto di Chiaretti, ha accorciato le distanze con un colpo di testa su cross dalla sinistra di Valzania. Vano l'assalto finale del Cittadella per portare la partita ai supplementari. L'eventuale parità al termine di questi ultimi avrebbe comunque promosso la squadra veneta, che ha chiuso il campionato un punto sopra il Carpi.

Archivio Ultima ora