Una grande festa nazionale il 17 Marzo?

Pubblicato il 16 marzo 2016 da redazione

Cartoline-Festa-del-7-Gennaio

Festa nazionale per l’Italia il 17 Marzo? Il 17 Marzo è l’anniversario dell’Unità d’Italia e, dal 2012 con la legge n. 222, è la “Giornata dell’Unità nazionale, della Costituzione, dell’inno e della bandiera”. La ricorrenza è stata istituita come festività civile con l’obiettivo di ricordare e promuovere i valori di cittadinanza e riaffermare e consolidare l’identità nazionale attraverso la memoria civica.

Terminate nel 2011 le celebrazioni per i 150 anni dell’unità d’Italia, la ricorrenza ormai passa in sordina: non è una giornata festiva, non ci sono eventi particolari, forse se ne ricorderanno solo gli studenti se hanno insegnanti attenti alla storia o forse se ne parlerà in qualche trasmissione culturale a tarda notte.

Eppure la data della nascita dell’Italia moderna potrebbe riunire tutti, superando divisioni e ricorrenti polemiche e rafforzando il sentimento di identità nazionale. Il 17 Marzo potrebbe diventare la giornata in cui tutti insieme, con il tricolore comune e senza bandiere di parte per una giornata, ci ritroviamo senza barricate, mano nella mano, per riscoprire quello che siamo stati e le grandi prospettive che si possono aprire con i valori, la cultura, la genialità di un popolo che si riassume nelle eccellenze del made in Italy.

Il 17 Marzo dovrebbe essere un giorno di festa nazionale, che potrebbe aggiungersi ad altre festività o sostituirle, per non tornare al solito dibattito di troppi giorni di vacanza, anche se feste e tradizioni non possono essere giudicate solo con la contabilità, senza considerarne i valori simbolici e i significati che le legano alla vita della comunità, al senso della storia, al progetto di futuro.

Il 17 Marzo, come festa nazionale, potrebbe essere davvero un giorno particolare, legato alle nostre radici, da riscoprire insieme ai nuovi italiani, a quanti hanno scelto la nostra terra per costruirsi un destino migliore.

Il 17 Marzo come festa nazionale ed evento patriottico unico nel corso dell’anno potrebbe riassumere, ampliandoli, i significati delle altre festività, dalla Liberazione del 25 aprile alla nascita della Repubblica del 2 giugno. Ogni ricorrenza dovrebbe tuttavia conservare i propri significati e i valori da tramandare.

Sono passati 71 anni dalla fine della guerra, ma non sono cessate divergenze e polemiche sulla festa della Liberazione, pietra miliare della nostra storia. Per questa ricorrenza molti ne esaltano i valori, ma sono pochissimi quelli che partecipano alle celebrazioni; c’è chi vuole ricordare anche “il sangue dei vinti” e propone celebrazioni distinte o in un’altra giornata; per tanti, poi, è solo l’occasione per un ponte o una bella gita fuori porta di primavera.

La nascita della Repubblica, il 2 giugno del 1946, è certamente un evento storico memorabile, ma la festa, di recente istituzione, non coinvolge molti: un bel ponte per tanti, se non capita nel fine settimana, e per non pochi studenti l’inizio dell’ultima “allegra” settimana di lezioni.

Il 4 Novembre è la giornata delle Forze Armate e dei Caduti per la patria: anche in questo caso, al di là della sfilata spettacolare romana ai Fori Imperiali (a volte ridimensionata e spesso oggetto di critiche), si ripetono celebrazioni con pochi partecipanti, talora solo istituzionali o anziani. D’altro canto la stessa data del 4 novembre, pur con i significati ampliati nel tempo, rievoca la fine della Grande Guerra, la “vittoria”, che solo all’Italia costò 600mila morti e oltre un milione di feriti, senza contare gli ingentissimi danni materiali.

Gli stessi drammi della storia dividono ancora: le sconfinate tragedie dell’Olocausto sono rievocate nella Giornata della Memoria il 27 gennaio, ma poi è stato istituito anche un Giorno del Ricordo, il 10 febbraio, per non dimenticare le vittime delle foibe e delle persecuzioni ai confini orientali.

Tra chi sostiene che “i morti sono tutti uguali” e chi ritiene che non si può mettere sullo stesso piano coloro che si sono battuti per la libertà e coloro che combattevano “dalla parte sbagliata”, continuiamo a schierarci per parte, ovviamente ognuno con le proprie sacrosante ragioni, moderni guelfi e ghibellini. Perché non dedicare una giornata all’unità nazionale, ai valori che ci uniscono, a guardarci negli occhi senza rivalità, lasciando gli altri 364 giorni alle ragioni di parte, alle legittime diversissime opinioni e ai diversi valori personali?

Le attuali ricorrenze, lungi dall’essere accantonate, resterebbero come momenti di rievocazioni e di riflessioni, ma la grande festa nazionale sarebbe il 17 Marzo, il giorno in cui è nata l’Italia contemporanea, in quel lontano e ora un po’ polveroso 1861, che ha fatto trepidare e sognare schiere di patrioti, letterati, artisti, musicisti, non solo Cavour, Garibaldi, Mameli o Giuseppe Verdi.

La Festa dell’Unità Nazionale potrebbe essere il giorno in cui, con i ricordi della storia, si potrebbero delineare insieme i percorsi futuri. La famiglia, la scuola, i giovani, le politiche per gli anziani e le persone in difficoltà, le scelte per uno sviluppo sostenibile, i nuovi orizzonti europei richiedono sagge politiche lungimiranti, non piccoli calcoli elettorali o di bottega. Una giornata di grande sensibilizzazione ai valori che uniscono potrebbe contribuire a far crescere il “sistema Italia” e creare una classe politica all’altezza dei tempi.

La festa dell’identità nazionale non può essere chiusura in un patriottismo sterile, ma deve portare a rivolgere lo sguardo verso le nuove frontiere dell’Europa e del mondo globalizzato. L’Italia ha storia, imprenditorialità, generosità, fantasia, eleganza, paesaggi incantevoli e un immenso patrimonio artistico e culturale che non possono perdersi in interminabili divisioni e chiusi orizzonti.

Il 17 Marzo può essere una grande festa per unire, riscoprire il nostro Paese, promuovere ricchezza, varietà e bellezza dei mille campanili, con nuovi ampi spazi anche per il turismo e l’economia.

(Felice d’Adamo – ildirettore@italiaitaly.eu)
«Italia Italy – Tutto il bello del Bel Paese» – www.italiaitaly.eu

Ultima ora

16:45Libia: Sì da Fi ad intervento se sarà efficace

(ANSA) - ROMA, 27 LUG - "Se l'intervento di cui si parla in queste ore prevederà il blocco delle partenze di migranti dalla Libia, l'immediato ritorno e sbarco sulle coste libiche dei barconi intercettati, regole di ingaggio degli assetti militari impiegati chiare ed efficaci, noi saremo favorevoli. È quello che chiediamo da tempo ed è ciò che andava fatto da tempo". Lo dichiarano Renato Brunetta e Paolo Romani, capigruppo FI di Camera e Senato, Maurizio Gasparri ed Elio Vito, responsabili Consulta sicurezza di FI e Laura Ravetto presidente Comitato Schengen.

16:45Bomba in centro migranti: parrocchia reagisce con foto su Fb

(ANSA) - NUORO, 27 LUG - Il parroco di Santa Caterina D'Alessandria, don Michele Casula, reagisce all'attentato contro il centro di accoglienza di Dorgali. Lo fa attraverso una foto postata sul profilo Facebook della parrocchia, che ritrae i giovani migranti ospiti di "Su Babbu Mannu" insieme al parroco, e affidandosi alla forza delle parole di Charles de Foucauld, il religioso francese proclamato beato il 13 novembre 2005 da papa Benedetto XVI: "Se tu credi che ciò che riunisce gli uomini è più importante di ciò che li divide, Se per te lo straniero che incontri è un fratello, Se tu dividi il tuo pane e sai aggiungere ad esso un pezzo del tuo cuore, allora…La pace verrà". "Forse per tutti noi questo fatto - scrive don Michele - è una occasione per donare agli altri parole 'buone' e mettere da parte sentimenti e parole che certamente non aiutano a crescere… ma specialmente non aiutano i più giovani: facciamo un piccolo sforzo e lavoriamo per questo!". Poi un invito ai cittadini di Dorgali: "Questa sera alle 20 ci ritroveremo davanti al centro di Su Babbu Mannu per esprimere la nostra vicinanza...si può portare un segno di affetto per questi ragazzi. Ciascuno si muova liberamente". (ANSA).

16:43F.1: Vettel, riportare Ferrari dove merita

(ANSA) - ROMA, 27 LUG - "E' bellissimo far parte della famiglia Ferrari. Siamo concentrati per portarla al posto che le compete, questa è la missione e il nostro obiettivo". Così Sebastian Vettel alla vigilia del Gp d'Ungheria di F1. "Qui penso che avremo un buona opportunità - ha aggiunto il pilota tedesco - Tornando indietro con la memoria quest'anno è stato molto positivo per gran parte della stagione Ancora non ho firmato un contratto - spiega Vettel nella conferenza stampa Fia - ma l'obiettivo è avere buoni risultati, non firmare le carte. Siamo in ritardo? Lavoriamo sodo io e il team, pensiamo alle cose che ci sono da fare. In estate avremo più tempo per pensarci, siamo concentrati sul lavoro e sulla macchina. Un pezzo di carta si firma in fretta. Comunque nessuno ha fretta, con la Ferrari siamo sempre in contatto conclude Vettel - mi diranno loro quando è il momento, non vedo problemi".

16:32Esami da avvocato truccati: undici condanne a Bari

(ANSA) - BARI, 27 LUG - Il gup del Tribunale di Bari Giulia Romanazzi ha condannato a pene comprese fra i 3 anni e 6 mesi e i 4 mesi di reclusione 11 dei 16 imputati accusati, a vario titolo, di aver truccato il regolare svolgimento delle prove scritte dell'esame da avvocato svoltosi a Bari nel dicembre 2014. Altri due imputati sono stati assolti, per altri due è stata disposta la 'messa alla prova', un altro ancora è stato prosciolto. I reati riconosciute dal giudice sono, a vario titolo, falsa attribuzione di un lavoro altrui, falso ideologico, rivelazione ed utilizzazione di segreti di ufficio, corruzione e truffa aggravata ai danni dello Stato. L'ex funzionaria dell'Università di Bari Tina Laquale è stata condannata alla pena di 2 anni e 8 mesi di reclusione; sua figlia Innocenza Losito, funzionaria Adisu, a 3 anni e 6 mesi (condannata anche al risarcimento danni nei confronti dell'Adisu); l'avvocato barese Giuseppe Colella a 3 anni. Nell'ambito di questa indagine i tre furono arrestati nell'aprile 2016.

16:28Fincantieri: Alfano, no ad ultimatum,vediamo cosa fa Francia

(ANSA) - MILANO, 27 LUG - "Noi non accettiamo ultimatum, vediamo cosa farà la Francia. Non mi pare ci siano grandi precedenti di nazionalizzazioni tecniche. Vedremo quale sarà dal punto di vista giuridico la decisione finale del governo francese e poi noi assumeremo le nostre decisioni". Lo ha detto il ministro degli Esteri, Angelino Alfano, commentando coi giornalisti a Milano la volontà del governo francese di nazionalizzare Stx.

16:27Calcio: Inter-Bayern Monaco 2-0, doppietta Eder

(ANSA) - MILANO, 27 LUG - Una doppietta di Eder regala la vittoria all'Inter contro il Bayern Monaco, nella seconda partita dell'International Champions Cup (Icc). Inter in vantaggio al 9' grazie al colpo di testa di Eder su cross dalla destra di Candreva, al 30' è ancora l'attaccante della Nazionale a castigare la difesa non perfetta del Bayern: ottimo passaggio dalla sinistra di Perisic con Eder che dalle retrovie impatta sempre di testa. Nerazzurri cinici sotto porta e ordinati in difesa. Skriniar, Borja Valero e Perisic tra i migliori in campo, oltre ovviamente ad Eder. Nella ripresa il Bayern Monaco, senza alcuni giocatori chiave tra cui Vidal che è nel mirino proprio dell'Inter, fa la partita e prova ad accorciare le distanze ma i nerazzurri escono imbattuti. In una delle rare disattenzioni di Miranda, Handanovic si fa trovare pronto e gli evita anche l'autogol. Sabato ultima sfida dell'Inter nella tournèe asiatica contro il Chelsea di Antonio Conte.

16:27Sparano in friggitoria Vieste, ucciso il proprietario

(ANSA) - VIESTE (FOGGIA), 27 LUG - Il proprietario di una friggitoria, in via Cesare Battisti, a Vieste, è stato ucciso con diversi colpi di pistola sparati da due persone che sono entrate nel locale facendo fuoco. La vittima è Omar Trotta, di 30 anni, con precedenti penali, di Vieste. L'omicidio è avvenuto, a quanto si è saputo, sotto gli occhi della moglie e della figlia di pochi mesi della vittima. Un giovane che in quel momento era seduto allo stesso tavolo, insieme con Omar Trotta, è rimasto ferito. E' stato trasportato all'ospedale di San Giovanni Rotondo (Foggia) dove è stato ricoverato. Non si conoscono le sue condizioni. Sull'episodio indagano i carabinieri del Comando provinciale di Foggia che sono giunti subito sul posto. Secondo i militari i due killer dopo la sparatoria sono fuggiti a bordo di uno scooter. Gli investigatori stanno acquisendo le immagini di telecamere di videosorveglianza presenti nella zona.

Archivio Ultima ora