Una grande festa nazionale il 17 Marzo?

Pubblicato il 16 marzo 2016 da redazione

Cartoline-Festa-del-7-Gennaio

Festa nazionale per l’Italia il 17 Marzo? Il 17 Marzo è l’anniversario dell’Unità d’Italia e, dal 2012 con la legge n. 222, è la “Giornata dell’Unità nazionale, della Costituzione, dell’inno e della bandiera”. La ricorrenza è stata istituita come festività civile con l’obiettivo di ricordare e promuovere i valori di cittadinanza e riaffermare e consolidare l’identità nazionale attraverso la memoria civica.

Terminate nel 2011 le celebrazioni per i 150 anni dell’unità d’Italia, la ricorrenza ormai passa in sordina: non è una giornata festiva, non ci sono eventi particolari, forse se ne ricorderanno solo gli studenti se hanno insegnanti attenti alla storia o forse se ne parlerà in qualche trasmissione culturale a tarda notte.

Eppure la data della nascita dell’Italia moderna potrebbe riunire tutti, superando divisioni e ricorrenti polemiche e rafforzando il sentimento di identità nazionale. Il 17 Marzo potrebbe diventare la giornata in cui tutti insieme, con il tricolore comune e senza bandiere di parte per una giornata, ci ritroviamo senza barricate, mano nella mano, per riscoprire quello che siamo stati e le grandi prospettive che si possono aprire con i valori, la cultura, la genialità di un popolo che si riassume nelle eccellenze del made in Italy.

Il 17 Marzo dovrebbe essere un giorno di festa nazionale, che potrebbe aggiungersi ad altre festività o sostituirle, per non tornare al solito dibattito di troppi giorni di vacanza, anche se feste e tradizioni non possono essere giudicate solo con la contabilità, senza considerarne i valori simbolici e i significati che le legano alla vita della comunità, al senso della storia, al progetto di futuro.

Il 17 Marzo, come festa nazionale, potrebbe essere davvero un giorno particolare, legato alle nostre radici, da riscoprire insieme ai nuovi italiani, a quanti hanno scelto la nostra terra per costruirsi un destino migliore.

Il 17 Marzo come festa nazionale ed evento patriottico unico nel corso dell’anno potrebbe riassumere, ampliandoli, i significati delle altre festività, dalla Liberazione del 25 aprile alla nascita della Repubblica del 2 giugno. Ogni ricorrenza dovrebbe tuttavia conservare i propri significati e i valori da tramandare.

Sono passati 71 anni dalla fine della guerra, ma non sono cessate divergenze e polemiche sulla festa della Liberazione, pietra miliare della nostra storia. Per questa ricorrenza molti ne esaltano i valori, ma sono pochissimi quelli che partecipano alle celebrazioni; c’è chi vuole ricordare anche “il sangue dei vinti” e propone celebrazioni distinte o in un’altra giornata; per tanti, poi, è solo l’occasione per un ponte o una bella gita fuori porta di primavera.

La nascita della Repubblica, il 2 giugno del 1946, è certamente un evento storico memorabile, ma la festa, di recente istituzione, non coinvolge molti: un bel ponte per tanti, se non capita nel fine settimana, e per non pochi studenti l’inizio dell’ultima “allegra” settimana di lezioni.

Il 4 Novembre è la giornata delle Forze Armate e dei Caduti per la patria: anche in questo caso, al di là della sfilata spettacolare romana ai Fori Imperiali (a volte ridimensionata e spesso oggetto di critiche), si ripetono celebrazioni con pochi partecipanti, talora solo istituzionali o anziani. D’altro canto la stessa data del 4 novembre, pur con i significati ampliati nel tempo, rievoca la fine della Grande Guerra, la “vittoria”, che solo all’Italia costò 600mila morti e oltre un milione di feriti, senza contare gli ingentissimi danni materiali.

Gli stessi drammi della storia dividono ancora: le sconfinate tragedie dell’Olocausto sono rievocate nella Giornata della Memoria il 27 gennaio, ma poi è stato istituito anche un Giorno del Ricordo, il 10 febbraio, per non dimenticare le vittime delle foibe e delle persecuzioni ai confini orientali.

Tra chi sostiene che “i morti sono tutti uguali” e chi ritiene che non si può mettere sullo stesso piano coloro che si sono battuti per la libertà e coloro che combattevano “dalla parte sbagliata”, continuiamo a schierarci per parte, ovviamente ognuno con le proprie sacrosante ragioni, moderni guelfi e ghibellini. Perché non dedicare una giornata all’unità nazionale, ai valori che ci uniscono, a guardarci negli occhi senza rivalità, lasciando gli altri 364 giorni alle ragioni di parte, alle legittime diversissime opinioni e ai diversi valori personali?

Le attuali ricorrenze, lungi dall’essere accantonate, resterebbero come momenti di rievocazioni e di riflessioni, ma la grande festa nazionale sarebbe il 17 Marzo, il giorno in cui è nata l’Italia contemporanea, in quel lontano e ora un po’ polveroso 1861, che ha fatto trepidare e sognare schiere di patrioti, letterati, artisti, musicisti, non solo Cavour, Garibaldi, Mameli o Giuseppe Verdi.

La Festa dell’Unità Nazionale potrebbe essere il giorno in cui, con i ricordi della storia, si potrebbero delineare insieme i percorsi futuri. La famiglia, la scuola, i giovani, le politiche per gli anziani e le persone in difficoltà, le scelte per uno sviluppo sostenibile, i nuovi orizzonti europei richiedono sagge politiche lungimiranti, non piccoli calcoli elettorali o di bottega. Una giornata di grande sensibilizzazione ai valori che uniscono potrebbe contribuire a far crescere il “sistema Italia” e creare una classe politica all’altezza dei tempi.

La festa dell’identità nazionale non può essere chiusura in un patriottismo sterile, ma deve portare a rivolgere lo sguardo verso le nuove frontiere dell’Europa e del mondo globalizzato. L’Italia ha storia, imprenditorialità, generosità, fantasia, eleganza, paesaggi incantevoli e un immenso patrimonio artistico e culturale che non possono perdersi in interminabili divisioni e chiusi orizzonti.

Il 17 Marzo può essere una grande festa per unire, riscoprire il nostro Paese, promuovere ricchezza, varietà e bellezza dei mille campanili, con nuovi ampi spazi anche per il turismo e l’economia.

(Felice d’Adamo – ildirettore@italiaitaly.eu)
«Italia Italy – Tutto il bello del Bel Paese» – www.italiaitaly.eu

Ultima ora

21:33Ghiaccio: Kostner seconda a Mosca

(ANSA) - ROMA, 21 OTT - Si chiude con un exploit per l'Italia la Rostelecom Cup di Mosca, prima tappa del Grand Prix 2017-18 di pattinaggio sul ghiaccio. Nella seconda e ultima giornata, Carolina Kostner (Fiamme Azzurre) chiude la gara al secondo posto con 215.98 punti, lo stesso risultato che aveva ottenuto nella sua ultima apparizione al Grand Prix, proprio alla Rostelecom Cup, nel 2013. La gardenese si arrende solo alla campionessa del mondo russa Evgenia Medvedeva, tenendosi alle spalle la giapponese Wakaba Higuchi. Reduce dai due podi conquistati al Lombardia Trophy di Bergamo e al Finlandia Trophy di Espoo, Carolina Kostner ne centra subito un altro, regalandosi un grande esordio sul circuito internazionale, dove tornerà a pattinare all'NHK Trophy di novembre, in Giappone.

21:28Calcio: esami Belotti ok, ginocchio in via guarigione

(ANSA) - TORINO, 21 OTT - Hanno dato "esiti confortanti" gli esami a cui nel pomeriggio si è sottoposto l'attaccante del Torino, e della Nazionale, Andrea Belotti. Lo rende noto, sul suo sito internet, il club granata al termine degli accertamenti cui il giocatore è stato sottoposto a Perugia dal professor Giuliano Cerulli. La lesione capsulo-legamentosa del ginocchio destro sta guarendo e l'attaccante può procedere con i lavori di recupero stabiliti. Belotti si era infortunato il primo ottobre, durante Torino-Verona, ed era stato costretto a saltare anche gli impegni con la Nazionale. Alla luce degli esami di oggi, a cui si è sottoposto accompagnato dal responsabile sanitario Rodolfo Tavana e dal riatletizzatore Paolo Solustri, non è escluso che Belotti possa essere in campo il 5 novembre per Inter-Torino e, quindi, che possa essere convocato dal ct azzurro, Gianpiero Ventura, per gli spareggi Mondiali.

21:15Calcio: Bundesliga, Bayern raggiunge Dortmund

(ANSA) - ROMA, 21 OTT - Il Bayern Monaco vince 1-0 ad Amburgo e aggancia il Borussia Dortmund in testa alla classifica della Bundesliga dopo la nona giornata. Il gol della squadra di Heynckes porta la firma di Tolisso al 7' del secondo tempo. L'Amburgo ha chiuso l'incontro in 10 per l'espulsione di Jung dopo 38 minuti. Con questo successo i bavaresi salgono a quota 20 e raggiungono i gialloneri che sprecano un doppio vantaggio in casa dell'Eintracht Francoforte. Borussia avanti con le reti di Sahin al 19'pt e Philipp al 12'st ma subisce la rimonta dei padroni di casa che prima accorciano le distanze con un rigore di Haller al 19' st e poi raggiungono la parità quattro minuti dopo con una rete di Wolf. Grazie ad una rete di Sabitzer il Lipsia batte 1-0 lo Stoccarda ed è terzo da solo. Il Borussia Moenchengladbach va in vantaggio contro il Bayer Leverkusen (Johnson) poi gli ospiti si scatenano e segnano 5 reti con Bender, Bailey, Brandt, Volland e Pohjanpalo. Successo esterno infine per l'Hannover che passa 2-1 sull'Augusta.

21:14Marina Militare: folla visitatori per la Vespucci a Trieste

(ANSA) - TRIESTE, 21 OTT - Dopo aver ormeggiato stamani alle otto al Molo Bersaglieri, l'equipaggio della splendida nave a vela con motore della Marina Militare Amerigo Vespucci non ha fatto in tempo a tirare a lucido più del solito tolda e ponti ed a tenere una breve conferenza stampa, che una fila di visitatori si era già formata a terra davanti alla passerella. La Nave Scuola resterà a Trieste fino al 24 poi continuerà il suo viaggio lungo le coste italiane. Il Comandante della nave, Capitano di Vascello Roberto Recchia, ha disposto le visite domani dalle 10.00 alle 12.00 e dalle 14.30 alle 18.30 e lunedì dalle 14.30 alle 18.30. La nave fu progettata come la "gemella" Cristoforo Colombo, da Francesco Rotundi, direttore dei cantieri navali di Castellammare di Stabia (Napoli), dove fu varata il 22 Febbraio 1931; oggi è in servizio per l'addestramento degli allievi ufficiali della Accademia di Livorno. E' stata appena dotata di uno speciale e unico motore elettrico realizzato a Monfalcone (Gorizia).

20:56Catalogna: presidente Barcellona sostiene leader catalani

(ANSA) - BARCELLONA, 21 OTT - Il presidente del Barcellona Josep Maria Bartomeu si schiera apertamente a favore dei leder catalani dopo la decisone del governo spagnolo di assumere il potere della regione. ''Il fatto che le persone siano state arrestate per le loro idee politiche - ha detto Bartomeu - è inaccettabile nel ventunesimo secolo. Nessuno può dubitare dell'impegno del Barcellona per la società catalana e le sue istituzioni democratiche". Per bloccare la spinta dell'indipendenza catalana, il primo ministro spagnolo Mariano Rajoy vuole che il Senato gli dia il potere diretto per sciogliere il governo catalano regionale e indire il prima possibile le elezioni. Bartomeu ha aggiunto inoltre che il club mira a rimanere nella campionato spagnolo. Il Barcellona conduce la Liga e questa sera ospita il Malaga.

20:37Omicidio ad Alatri:ucciso con mazza baseball,killer confessa

(ANSA) - ROMA, 21 OTT - E' stato ucciso a colpi di mazza da baseball alla testa Domenico Pascarella, il pensionato morto oggi ad Alatri nel Frusinate. Avrebbe già confessato il suo assassino, secondo quanto si apprende, un 32/enne vicino di casa con problemi psichici. Avrebbe spiegato il delitto rievocando vecchi, presunti rancori nei confronti della vittima. Il corpo di Pascarella é stato trovato in mezzo al sangue nella sua casa in via Sardegna, nel centro della cittadina; i carabinieri hanno capito che aveva aperto a qualcuno che conosceva e poco dopo in strada hanno intercettato il giovane, il quale vedendo i militari ha tentato di fuggire. Bloccato e portato in caserma ha ammesso di aver ucciso Pascarella.

20:23Calcio: serie A, Sampdoria-Crotone 5-0

(ANSA) - GENOVA, 21 OTT - Senza storia il primo anticipo della nona giornata di serie A: la Sampdoria liquida il Crotone con un perentorio 5-0. Padroni di casa già in vantaggio al 3' con un colpo di testa di Ferrari. Al 10' Ajeti stende Zapata in area, è rigore che Quagliarella trasforma per il 2-0. Al 38' i blucerchiati calano il tris con Caprari che mette dentro da distanza ravvicinata dopo un cross di Zapata. Crotone sfortunato nel recupero quando un colpo di testa di Budimir finisce sulla traversa. La Sampdoria controlla agevolmente il match e va a segno ancora due volte, al 71' con Linetty su assist di Praet e al 76' con Kownacki, appena entrato in campo al posto di Caprari. La Sampdoria, che deve ancora recuperare la partita con la Roma, sale in quinta posizione con 17 punti, Crotone fermo a quota 6.

Archivio Ultima ora