Europa League: la Lazio umiliata, lo Sparta passa 3-0

Pubblicato il 18 marzo 2016 da redazione

SS Lazio's players react during the UEFA Europa League soccer match between SS Lazio and AC Sparta Prague at the Olimpico stadium in Rome, Italy, 17 March 2016.      ANSA/ETTORE FERRARI

SS Lazio’s players react during the UEFA Europa League soccer match between SS Lazio and AC Sparta Prague at the Olimpico stadium in Rome, Italy, 17 March 2016. ANSA/ETTORE FERRARI

ROMA – La Lazio affonda e saluta l’Europa League e con lei l’Italia del calcio, mai senza quarti di finale nelle coppe dal 2001, anno di un’altra finale Champions assegnata allo stadio di San Siro.

L’addio ai sogni di gloria è fragoroso, come la contestazione che si leva all’indirizzo del presidente Lotito pochi secondi prima dell’intervallo, quando la frittata è già andata di traverso ai sostenitori biancocelesti, che pure hanno risposto più di altre volte al richiamo della propria squadra del cuore.

A un paio di settimane dal derby la Lazio vive un vero e proprio psicodramma: lontana dalla zona Champions, e dai ‘cugini’ romanisti, eliminata dall’Europa League con una sconfitta (3-0) che non ammette repliche e, soprattutto, impigliata in una dirigenza statica. Chi si aspettava una serata di gloria, o comunque la qualificazione ai quarti dopo l’1-1 di Praga, è rimasto deluso. Sono bastati infatti solo 12’ ai cechi, seguiti nella Capitale da quasi duemila tifosi, per chiudere i conti e azzerare le ambizioni della quadra di Stefano Pioli, che pure era partita discretamente bene, con una conclusione di Candreva sul portiere, dopo appena 18 secondi dal via.

Lo Sparta ha trovato la formula vincente, rispolverando un’antica e mai tramontata mini-strategia fatta di brevi fraseggi, triangolazioni veloci e fulminee ripartenze sull’errore dell’avversario di turno. I gol, arrivati fra il 10′ e il 12′, sono due fotocopie a colori: nel primo bella triangolazione sulla destra che Zahustel chiude con un cross per Krejci, bravo ad approfittare di una leggerezza di Bisavac e a servire Dockal, che supera Marchetti con un bel diagonale di sinistro nell’angolo alla destra del portiere; nel secondo Hoedt pasticcia, centrando Julis con un rinvio.

Il giocatore dello Sparta Praga ne approfitta, serve Krejci, che controlla e, con una conclusione d’interno sinistro, cala il 2-0. Due schiaffi in pieno volto, che stordiscono la Lazio e, di fatto, la escludono subito dal torneo continentale. La reazione arriva al 18′, ma Parolo tira a lato. Clamoroso quanto accade al 25′, allorchè Klose serve Candreva sulla destra, che gira dalla parte opposta per l’accorrente Mauri, la cui conclusione di sinistro viene deviata con un mezzo miracolo dal portiere Bicik. Che si ripete al 32′, deviando in tuffo un tiro avvelenato di Biglia.

Al 34′ lo Sparta prova a calare il tris con Vacha, Marchetti si oppone, ma il 3-0 arriva ugualmente al 44′, grazie a Julis che gira in porta un cross dalla sinistra di Frydek. Nella ripresa la Lazio parte a testa bassa, prova un paio di conclusioni, ma non passa con Mauri, che spara sul portiere. Al 14′ Keita impegna ancora Bicik e, alla mezz’ora, gli uomini di Pioli hanno due sussulti: prima il solito Biglia spara alto e, a seguire, Matri viene sgambettato in area (l’arbitro sorvola, ma il rigore ci poteva stare).

L’ultima parola spetta ancora a Biglia, la cui punizione finisce a pochi centimetri dall’incrocio. Finisce in modo inglorioso per la Lazio e per Lotito, sommerso da un oceano di fischi. Il finale di stagione dei biancocelesti rischia di diventare puro happening. Il derby contro la Roma può rappresentare una piccola ancora di salvezza, per quello che può servire.

Ultima ora

07:59Corea Nord: media, Usa inviano terza portaerei

(ANSA) - NEW YORK, 28 MAG - Gli Stati Uniti avrebbero inviato una terza portaerei nel Pacifico occidentale come deterrente per i test missilistici e il programma nucleare della Corea del Nord. Lo riportano i media americani, sottolineando che la USS Nimitz si unirà alla USS Carl Vinson e alla USS Ronald Reagan già presenti nell'area.

07:56Usa: Mattis, Trump ‘molto aperto’ su clima

(ANSA) - NEW YORK, 28 MAG - Il presidente Donald Trump è "molto aperto" sul tema dell'accordo sul clima di Parigi e "valuta i pro e i contro" di un'eventuale permanenza degli Stati Uniti nell'intesa. Lo afferma il segretario alla Difesa, James Mattis, in un'intervista alla Cbs di cui sono stati diffusi gli estratti. "Stiamo valutando quale sarà la nostra politica sul tema. Ho partecipato ad alcuni degli incontri a Bruxelles dove il clima è stato uno degli argomenti, e il presidente era aperto. Era curioso del perché gli altri avevano assunto una certa posizione sul tema", mette in evidenza Mattis.

00:17Calcio: 3-1 all’Alaves, il Barcellona vince la Coppa del Re

(ANSA) - ROMA, 27 MAG - Il Barcellona saluta Luis Enrique vincendo 3-1 la finale di Coppa del Re contro l'Alaves. Per i blaugrana si tratta del 29/o successo nel torneo, il terzo consecutivo. L'allenatore lascia dopo tre anni e con un bottino di nove titoli. L'incontro al 'Vicente Calderon' di Madrid non ha avuto storia, con il Barca che ha chiuso il primo tempo in ampio vantaggio grazie alle reti di Messi (30'), Neymar (45', in dubbio offside) e Paco Alcacer (48'), più che sufficienti a stroncare ogni velleità dell'Alaves che pure aveva trovato il pareggio su punizione al 33' con Hernandez.

00:14Calcio: un autogol piega l’Angers, coppa di Francia al Psg

(ANSA) - ROMA, 27 MAG - Il Paris Saint Germain vince la 100/a edizione della coppa di Francia, conquistando il trofeo per l'undicesima volta, la terza consecutiva. Nessuna sorpresa nel risultato della sfida tra la corazzata di Unai Emery, forse al passo d'addio, e la cenerentola Angers, ma la partita allo Stade de France è andata in maniera diversa rispetto alle attese. Il 93' il risultato era ancora sullo 0-0 e solo una sfortunata autorete di Cissokho ha consentito al Psg di passare in vantaggio e vincere l'incontro quando ormai i bianconeri speravano di aver conquistato i supplementari.

23:54Basket: playoff, Milano-Trento 71-78

(ANSA) - ASSAGO (MILANO), 27 MAG - La sfrontatezza di Flaccadori, la versatilità di Craft e la prestanza atletica di Sutton: con questi ingredienti la Dolomiti Energia Trento sorprende nuovamente una deludente EA7 (71-78), portandosi avanti 2-0 nella serie di semifinale. Il Forum d'Assago è spaccato in due ma unito in un clima di contestazione generale: la curva prende di mira la dirigenza e chiede le dimissioni del presidente Proli e del gm Portaluppi, il resto dell'arena becca coach Repesa, poco convincente in molte delle sue scelte. Trento è piena zeppa di meriti, Milano confusa e infelice. E ora senza più possibilità di sbagliare: per riportare la serie al Forum dovrà sbancare almeno una volta Trento.

23:24Calcio: playoff serie B, Benevento-Perugia 1-0

(ANSA) - BENEVENTO, 27 MAG - Il Benevento supera 1-0 il Perugia e si aggiudica il primo atto della semifinale playoff di serie B. Di Chibsah, al 14' st, la rete che decide il match e consente ai sanniti la possibilità di passare il turno anche con un pareggio nel ritorno allo stadio 'Curi'. I giallorossi partono a spron battuto ma al 10' una conclusione sbilenca di Mustacchio diventa un assist per Dezi che di testa batte Cragno. Dopo un lungo conciliabolo, però, l'arbitro annulla per offside. Il gol decisivo giunge nella ripresa. Ingenuità di Gnahoré che al limite dell'area si fa rubar palla da Chibsah, lesto ad entrare in area e freddo nel battere Brignoli. La reazione del Perugia è veemente ma sterile e di nitide chance non se ne registrano.

23:01Calcio: Borussia Dortmund vince la coppa di Germania

(ANSA) - ROMA, 27 MAG - Il Borussia Dortmund si aggiudica la coppa di Germania battendo 2-1 l'Eintracht Francoforte nella finale disputata allo stadio olimpico di Berlino. Dopo tre ko consecutivi nella partita decisiva, la squadra guidata ha Thomas Tuchel ha conquistato la quinta coppa nazionale della sua storia, ritrovando un successo che mancava dal 2012. Andato in vantaggio all'8' con Dembele, il Borussia ha subito al 29' il pareggio di Rebic, tornando poi avanti in maniera definitiva grazie ad un rigore trasformato da Aubemeyang al 22' della ripresa.

Archivio Ultima ora