Fedi e Porta (Pd): “Sulle pensioni il governo dimostri la propria sensibilità

Pubblicato il 18 marzo 2016 da redazione

pensionati

ROMA- “Non passa giorno senza che Tito Boeri, Presidente dell’Inps, parli della necessità di riformare il sistema pensionistico italiano. Suo cavallo di battaglia è la flessibilità dell’età pensionabile che consentirebbe l’uscita anticipata dal mondo del lavoro con l’effetto di assunzioni di giovani e soprattutto con una riduzione degli importi pensionistici”. Partono da qui le riflessioni di Marco Fedi e Fabio Porta, deputati del Pd eletti all’estero, a commento delle ultime dichiarazioni del presidente dell’Inps. 


“Le pensioni italiane, ha più volte detto Boeri, sono ancora troppo alte ed ingiustificate rispetto ai contributi versati (e probabilmente non ha tutti i torti). Ovviamente – precisano Porta e Fedi – Boeri si è guardato (o dimenticato) dall’accennare al quasi milione di pensioni italiane erogate in convenzione internazionale, di cui quasi 500.000 pagate all’estero. E della miseria degli importi della maggior parte di queste ultime pensioni, rispetto alle prestazioni pagate in Italia”. 


“Una media, – calcolano i due deputati – quella degli importi delle pensioni pagate all’estero che si aggira intorno ai 200 euro mensili ma con decine di migliaia di pensioni di importi irrisori e in molti casi pari a poche decine di euro. Una situazione – spiegano – dovuta ad una ridotta anzianità contributiva accreditata in Italia e ad un meccanismo inadeguato di rivalutazione dei contributi versati in tempi remoti. Nonostante ciò abbiamo dovuto apprendere con nostra somma sorpresa e turbamento che il rischio di una futura manovra penalizzante per i pensionati residenti all’estero è reale”. 


“Infatti – spiegano Fedi e Porta – se verrà dato seguito alle raccomandazioni contenute nel ddl delega sulla povertà recentemente approvato dal Consiglio dei ministri, dove si suggerisce di “razionalizzare” (che in gergo politico significa ridurre) le prestazioni assistenziali e previdenziali erogate dall’Inps all’estero, le pensioni già misere verrebbero praticamente azzerate.
In realtà chi conosce la materia della sicurezza sociale in regime internazionale sa che più che di una razionalizzazione ci sarebbe bisogno di una articolata riforma dell’attuale sistema di tutela socio-previdenziale che regola i diritti pensionistici dei nostri emigranti”.


“Una riforma – auspicano – che razionalizzi per davvero la disarticolata congerie di leggi, di norme, di regolamenti, di pronunce giurisprudenziali, di convenzioni bilaterali e multilaterali, che si sono succeduti negli anni nell’ambito del sistema di tutela dei lavoratori migranti. Una riforma che introduca garanzie, giustizia, certezze e soprattutto importi dignitosi e aggiornati al costo della vita nei vari Paesi.

Noi abbiamo cercato di dare un importante contributo alla realizzazione di questa necessaria riforma, con le nostre proposte di legge, le nostre mozioni e le nostre interrogazioni che vorremmo ora organizzare, con il sostegno e l’esperienza del Comitato degli italiani nel mondo della Camera, in un provvedimento quadro da sottoporre alla valutazione del Governo e del Parlamento e verificare se nella riforma generale proposta dal Presidente dell’Inps Tito Boeri possa avere dignità anche una organica revisione delle regole che disciplinano diritti e doveri previdenziali dei lavoratori migranti, considerato che tale riforma rappresenterebbe uno strumento utile di tutela anche per le migliaia di giovani che hanno iniziato ad emigrare di nuovo e che rivendicano diritti, regole certe, amministrazioni efficienti e competenti”.


Secondo Fedi e Porta “la riforma delle norme nazionali ed internazionali dovrebbe riguardare, tra l’altro, il metodo di calcolo delle pensioni, un minimale mensile più equo, una chiara definizione delle prestazioni esportabili, il campo di applicazione oggettivo e soggettivo delle convenzioni (rischi e soggetti assicurati), la regolamentazione e la tutela dei diritti fiscali e sanitari, l’introduzione di forme di solidarietà previdenziali, la sanatoria degli indebiti non dolosi, verifiche reddituali e dell’esistenza in vita agevoli e tempestive, il potenziamento delle strutture dell’Inps e del Ministero del Lavoro per l’estero, la valorizzazione dei patronati. Su queste questioni – concludono – dovremo avere, quando sarà il momento, la determinazione di sfidare il Governo e costringerlo ad assumersi le proprie responsabilità”.

Ultima ora

15:06Mafia: stragi ’92, Messina Denaro rinviato a giudizio

(ANSA) - CALTANISSETTA, 23 GEN - Il gup di Caltanissetta Marcello Testaquatra ha rinviato a giudizio il boss latitante Matteo Messina Denaro, ritenuto uno dei mandanti degli attentati di Capaci e via D'Amelio in cui vennero uccisi Giovanni Falcone, la moglie Francesca Morvillo, Paolo Borsellino e otto agenti delle scorte. E' di strage l'accusa della quale Messina Denaro dovrà rispondere davanti alla Corte d'assise nissena nel processo che inizierà il 13 marzo.

15:02Terremoto: Salvini, Charlie Hebdo disgustoso

(ANSA) - ROMA, 23 GEN - "A me non sono piaciute le vignette di Charlie Hebdo, anche quelle passate. Ritengo che il modo migliore per reagire sia quello di ignorarli. Come era disgustosa questa ne ritengo disgustose parecchie anche precedenti. Quando ci sono di mezzo dei morti bisognerebbe ironizzare su qualcosa d'altro". Lo ha detto il segretario della Lega, Matteo Salvini, commentando ai microfoni di Radio Cusano Campus la vignetta di Charlie Hebdo sul terremoto.

14:55Terremoto: crepe a sede, lavoratori Afm L’Aquila non entrano

(ANSA) - L'AQUILA, 23 GEN - Sede mai ristrutturata dal terremoto del 2009 e danni in aumento per le continue scosse con nuove crepe evidenti: per questo motivo 10 dipendenti dell'Azienda farmaceutica municipalizzata di L'Aquila, società comunale che gestisce sette farmacie pubbliche, si sono rifiutati di entrare a lavoro. La notizia è stata diffusa dall'Ugl con una nota del segretario provinciale Giuliana Vespa, che chiede prima di tutto una sede sicura per i dipendenti amministrativi, "fosse pure un container". "La sede della Afm, come da noi più volte ribadito anche in sede prefettizia il 19 dicembre 2014, non è stata mai oggetto dei lavori di ristrutturazione post-sisma - afferma -. In quella sede ci fu detto che lo stabile che ospita l'Afm aveva ottenuto la agibilità parziale con classificazione 'B' e che era stato interessato, quale proprietario dell'immobile, il Comune per i lavori di ristrutturazione, mai avvenuti".

14:49Calcio: Real, Marcelo salta il Napoli

(ANSA) - ROMA, 23 GEN - Brutte notizie per Marcelo, il terzino sinistro del Real uscito anzitempo durante la sfida di Liga contro il Malaga: il brasiliano ha riportato una lesione di secondo grado al bicipite femorale destro e starà fuori almeno un mese, saltando quindi la sfida di andata di Champions contro il Napoli, con qualche speranza di averlo per il ritorno (7 marzo). Questo l'esito dell'esame cui si è sottoposto stamani il giocatore, visitato insieme a Luka Modric che invece tornerà in campo tra circa 10 giorni: per il croato solo un sovraccarico all'adduttore della gamba destra. Marcelo sarà invece certamente indisponibile contro Celta (Liga e Coppa del Re), Real Sociedad, Osasuna, Espanyol, Valencia e Villarreal (Liga) e, appunto, Napoli. Per la sfida contro il Celta di mercoledì prossimo (che i blancos devono recuperare dopo il ko casalingo dell'andata), Zidane oltre a Marcelo e Modric, dovrà fare a meno anche di Carvajal, Pepe e Bale.

14:47Sindaci dopo allarme Grandi rischi, no a scaricabarile

(ANSA) - ASCOLI PICENO, 23 GEN - "Mi assumo la responsabilità di riaprire domani le scuole di Ascoli Piceno perché sono nelle condizioni in cui erano prima del terremoto del 24 agosto. Alla luce dell'allarme della Commissione Grandi Rischi, ho però scritto al presidente del consiglio Gentiloni, al ministro Fedeli, a Errani e Curcio chiedendo loro di dirmi se la mia decisione è amministrativamente corretta o se, in assenza dei certificati di vulnerabilità che non abbiamo per nessun edificio scolastico, come del resto praticamente in tutta Italia, devo tenerle chiuse e dichiarare finito anche l'anno scolastico". Così il sindaco Guido Castelli. ''Scaricare sui sindaci responsabilità che è impossibile sostenere è il sintomo di un Paese malato'' dice il sindaco di Fabriano Giancarlo Sagramola. ''Ho fatto quello che posso fare: ho disposto che in tutte le scuole di ogni ordine e grado e in tutti gli uffici pubblici si effettuino prove di evacuazione ogni settimana. Non posso certo rafforzare le strutture''.

14:44Trump: Barron insultato sul web, Chelsea Clinton lo difende

(ANSA) - ROMA, 23 GEN - Chelsea Clinton in campo per difendere Barron Trump. A poche ore dall'insediamento del padre alla Casa Bianca il più piccolo dei figli del presidente americano, l'unico avuto dalla First Lady Melania, è stato vittima di violenze e insulti su internet. Così Chelsea, che sa cosa vuol dire crescere con gli occhi del mondo puntati addosso, ha deciso di difenderlo. D'altronde lei, oggi madre di due bambini, aveva 13 anni, solo tre in più di Barron, quando ha varcato per la prima volta la soglia della Casa Bianca. "Barron Trump ha il diritto che tutti i bambini devono avere: quello di essere un bambino", ha scritto su Twitter la figlia di Hillary e Bill che non ha anche colto l'occasione per lanciare una frecciata a Trump. "Difendere i diritti di tutti i bambini, vuol dire anche opporsi a quelle politiche del presidente (Potus) che li danneggiano", ha puntualizzato Chelsea.

14:42Tennis: Internazionali Italia, le rassicurazioni di Frongia

(ANSA) - ROMA, 23 GEN - "Gli Internazionali di tennis erano, sono e resteranno a Roma". Ne è certo l'assessore allo Sport del Comune di Roma, Daniele Frongia, a margine della presentazione del Sei Nazioni di rugby avvenuta oggi al Salone d'Onore del Coni. "Stiamo lavorando insieme alla Fit per rendere questo evento per la prima volta estremamente positivo anche per la mobilità e i servizi - ha aggiunto Frongia - Binaghi chiede uno spazio a Piazza del Popolo e la cerimonia del sorteggio al Colosseo? Ci siamo già attivati e stiamo lavorando su entrambi i fronti. Di più non posso dire". Il responsabile del Campidoglio ha quindi affrontato il tema della copertura del Centrale del tennis: "È in fase di completamento un'istruttoria dell'ufficio urbanistica - ha spiegato l'assessore - Stiamo parlando anche di questo con Mibact, Coni e Fit. Avremo degli aggiornamenti entro la data della conferenza stampa di presentazione degli Internazionali, a marzo".

Archivio Ultima ora