Fedi e Porta (Pd): “Sulle pensioni il governo dimostri la propria sensibilità

Pubblicato il 18 marzo 2016 da redazione

pensionati

ROMA- “Non passa giorno senza che Tito Boeri, Presidente dell’Inps, parli della necessità di riformare il sistema pensionistico italiano. Suo cavallo di battaglia è la flessibilità dell’età pensionabile che consentirebbe l’uscita anticipata dal mondo del lavoro con l’effetto di assunzioni di giovani e soprattutto con una riduzione degli importi pensionistici”. Partono da qui le riflessioni di Marco Fedi e Fabio Porta, deputati del Pd eletti all’estero, a commento delle ultime dichiarazioni del presidente dell’Inps. 


“Le pensioni italiane, ha più volte detto Boeri, sono ancora troppo alte ed ingiustificate rispetto ai contributi versati (e probabilmente non ha tutti i torti). Ovviamente – precisano Porta e Fedi – Boeri si è guardato (o dimenticato) dall’accennare al quasi milione di pensioni italiane erogate in convenzione internazionale, di cui quasi 500.000 pagate all’estero. E della miseria degli importi della maggior parte di queste ultime pensioni, rispetto alle prestazioni pagate in Italia”. 


“Una media, – calcolano i due deputati – quella degli importi delle pensioni pagate all’estero che si aggira intorno ai 200 euro mensili ma con decine di migliaia di pensioni di importi irrisori e in molti casi pari a poche decine di euro. Una situazione – spiegano – dovuta ad una ridotta anzianità contributiva accreditata in Italia e ad un meccanismo inadeguato di rivalutazione dei contributi versati in tempi remoti. Nonostante ciò abbiamo dovuto apprendere con nostra somma sorpresa e turbamento che il rischio di una futura manovra penalizzante per i pensionati residenti all’estero è reale”. 


“Infatti – spiegano Fedi e Porta – se verrà dato seguito alle raccomandazioni contenute nel ddl delega sulla povertà recentemente approvato dal Consiglio dei ministri, dove si suggerisce di “razionalizzare” (che in gergo politico significa ridurre) le prestazioni assistenziali e previdenziali erogate dall’Inps all’estero, le pensioni già misere verrebbero praticamente azzerate.
In realtà chi conosce la materia della sicurezza sociale in regime internazionale sa che più che di una razionalizzazione ci sarebbe bisogno di una articolata riforma dell’attuale sistema di tutela socio-previdenziale che regola i diritti pensionistici dei nostri emigranti”.


“Una riforma – auspicano – che razionalizzi per davvero la disarticolata congerie di leggi, di norme, di regolamenti, di pronunce giurisprudenziali, di convenzioni bilaterali e multilaterali, che si sono succeduti negli anni nell’ambito del sistema di tutela dei lavoratori migranti. Una riforma che introduca garanzie, giustizia, certezze e soprattutto importi dignitosi e aggiornati al costo della vita nei vari Paesi.

Noi abbiamo cercato di dare un importante contributo alla realizzazione di questa necessaria riforma, con le nostre proposte di legge, le nostre mozioni e le nostre interrogazioni che vorremmo ora organizzare, con il sostegno e l’esperienza del Comitato degli italiani nel mondo della Camera, in un provvedimento quadro da sottoporre alla valutazione del Governo e del Parlamento e verificare se nella riforma generale proposta dal Presidente dell’Inps Tito Boeri possa avere dignità anche una organica revisione delle regole che disciplinano diritti e doveri previdenziali dei lavoratori migranti, considerato che tale riforma rappresenterebbe uno strumento utile di tutela anche per le migliaia di giovani che hanno iniziato ad emigrare di nuovo e che rivendicano diritti, regole certe, amministrazioni efficienti e competenti”.


Secondo Fedi e Porta “la riforma delle norme nazionali ed internazionali dovrebbe riguardare, tra l’altro, il metodo di calcolo delle pensioni, un minimale mensile più equo, una chiara definizione delle prestazioni esportabili, il campo di applicazione oggettivo e soggettivo delle convenzioni (rischi e soggetti assicurati), la regolamentazione e la tutela dei diritti fiscali e sanitari, l’introduzione di forme di solidarietà previdenziali, la sanatoria degli indebiti non dolosi, verifiche reddituali e dell’esistenza in vita agevoli e tempestive, il potenziamento delle strutture dell’Inps e del Ministero del Lavoro per l’estero, la valorizzazione dei patronati. Su queste questioni – concludono – dovremo avere, quando sarà il momento, la determinazione di sfidare il Governo e costringerlo ad assumersi le proprie responsabilità”.

Ultima ora

20:08Giro: Nibali, domani io e Quintana c’inventeremo qualcosa

(ANSA) - ROMA, 24 MAG - "Bisognerà tentare qualcosa, anche se la tappa di domani ti consuma". Nelle parole di Vincenzo Nibali dopo la tappa odierna del Giro d'Italia, c'è il senso della sfida per la maglia rosa che domani, con la tappa dolomitica, vivrà una giornata forse decisiva. "Sicuramente Quintana vuole inventarsi qualcosa ed io pure - continua lo "Squalo" - Vedremo in corsa se nasceranno alleanze. Dumoulin ha ancora un grande vantaggio in classifica e dalla sua ha anche la crono finale. Se avremo la forza di farlo, dovremo attaccare; altrimenti, resterà il rammarico di non averci provato". Dopo aver rischiato ieri di cedere lo scettro di leader, Tom Dumoulin torna a sorridere: "Non voglio passare alla storia per averla fatta nel bosco... Quella di oggi era una tappa difficile, il mio team ha lavorato duro per salvare la maglia: hanno pedalato a tutta e sono davvero soddisfatto, sono stati bravissimi. Io mi sento bene, nessun problema". In classifica, Dumoulin ha un vantaggio di 31" su Quintana e di 1'12" su Nibali.

19:39Migranti: Oim, almeno 156 dispersi nel week-end

(ANSA) - ROMA, 24 MAG - "Ci sono almeno 156 persone disperse da venerdì scorso nel Mediterraneo, vittime di un naufragio di cui abbiamo avuto notizia solo ieri sera": lo rende noto Flavio Di Giacomo, portavoce dell'Oim, riferendo quanto raccontato da alcuni superstiti. "Con questi 156 e i 31 dispersi di oggi - spiega Di Giacomo - siamo arrivati a 1.500 morti in tutto il Mediterraneo quest'anno, dei quali circa 1.400 sulla rotta Libia-Italia". Secondo le notizie di cui è venuto a conoscenza l'Oim da alcuni dei 952 migranti sbarcati domenica scorsa a Taranto, un gommone con 130 persone, partito venerdì 19 maggio da Sabrata, in Libia, dopo qualche ora ha incontrato un gommone semi-affondato con quattro persone aggrappate, che sono state soccorse e prese a bordo. I quattro superstiti hanno raccontato ai loro soccorritori - che lo hanno poi riferito agli operatori dell'Oim - di essere partiti anche loro venerdì, ma da Tripoli, in 160; a bordo c'erano anche donne e bambini. I dispersi sarebbero quindi 156.

19:35Manchester: Aisi, non risultano legami Abedi con Italia

(ANSA) - ROMA, 24 MAG - Allo stato non risultano collegamenti del kamikaze di Manchester, Salman Abedi, con l'Italia. E' quanto riferito - si apprende - dal direttore dell'Aisi, Mario Parente, al Copasir. Con l'intelligence britannica ci sono stati scambi di informazioni ed il fatto che l'attentatore fosse di origine libica aveva fatto salire l'attenzione degli 007 italiani. Ma sembra che il giovane non abbia mai avuto contatti con soggetti 'attenzionati' in Italia. Pare inoltre escluso che Abedi abbia fatto tutto da solo, si cercano complici e collegamenti.

19:34Trump dal Papa:Francesco a Melania,gli fai mangiare putizza?

(ANSA) - TRIESTE, 24 MAG - Scambio di battute scherzose di papa Francesco con il Presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, e la First Lady, Melania, sulla porta della Sala della Biblioteca, in Vaticano. "Gli fai mangiare putizza?", ha detto papa Francesco al quale, dopo aver ascoltato la traduzione errata dell'interprete ("pizza" invece di "putizza"), Melania ha risposto sorpresa "Pizza?". Il Papa si riferiva alla putizza (potica, in sloveno), un dolce festivo della tradizione slovena e triestina (Melania è di origini slovene), che il Pontefice ama. E' fatto di pasta dolce lievitata, ripiena di pinoli, cannella, cioccolata, noci e mandorle. Il Papa lo conosce perchè - ha raccontato un sacerdote triestino, don Ettore Malnati - da giovane in Argentina aveva conosciuto famiglie di emigranti provenienti dalla Venezia Giulia grazie ai quali ha imparato ad apprezzare la putizza, tanto che a una delegazione di religiosi triestini in visita al Vaticano avrebbe chiesto di spedirgli a Roma una putizza. Cosa che hanno poi fatto. (ANSA).

19:32Anziano si invaghisce di 25enne e la perseguita, arrestato

(ANSA) - RAVENNA, 24 MAG - Un 79enne di Solarolo, nel Ravennate, è stato arrestato dalla Polizia con l'accusa di stalking nei confronti di una 25enne della quale si era invaghito. Tra minacce di rivelare alla famiglia di lei millantati rapporti o di denunciarla alle forze dell'ordine come "poco di buono", insulti, pedinamenti, telefonate e messaggini a tutte le ore, le sortite dell'anziano erano cominciate a aprile. Il culmine il 79enne lo ha raggiunto ieri mattina con un inseguimento durante il quale avrebbe pure tentato di spingere l'auto della ragazza fuori strada. La giovane ha allora chiamato in commissariato e sul posto sono giunti gli agenti di una Volante Il 79enne, che a febbraio era stato denunciato a Forlì per sequestro di persona, violenza privata e più di recente per violenza sessuale e minacce, si è giustificato sostenendo che era stata la giovane a rivolgersi a lui perché segnata in passato da problematiche e poi si era comportata male. Per il 79enne è scattato il divieto di avvicinamento alla ragazza.(ANSA).

19:31Manchester: Mail, compiuto il quinto arresto

(ANSA) - LONDRA, 24 MAG - E' stato compiuto il quinto arresto in connessione con la strage di Manchester nella non lontana città di Wigan. Ne dà notizia il Mail online, secondo cui un uomo che portava "un pacco sospetto" è stato fermato da agenti in borghese mentre stava per avvicinarsi a un autobus. Sul sito del giornale sono state pubblicate le immagini dell'azione compiuta da una squadra anti terrorismo. Bloomberg, citando testimoni sulla scena, dà notizia anche dell'arresto del padre di Salman Abedi, a Tripoli. Bloomberg scrive che Ramadan Abedi è stato portato via a bordo di tre veicoli armati assieme ad un'altra persona non identificata. In un'intervista con l'agenzia Usa qualche ora prima, l'uomo aveva riferito di un suo recente incontro a Tripoli con il figlio, aggiungendo che le autorità britanniche non lo avevano ancora contattato.

19:20F1: Vettel, la Mercedes è favorita ma sono fiducioso

(ANSA) - ROMA, 24 MAG - "Se vediamo gli ultimi anni, la Mercedes è stata molto forte ed è ancora il team da battere". Parola di Sebastian Vettel in vista del Gran Premio di Formula 1 a Montecarlo, che domani vedrà prendere il via le prime prove libere. Sei tu il favorito? "Non lo so, credo che abbiamo un pacchetto molto forte - risponde il tedesco della Ferrari ai microfoni di Sky - Siamo una squadra molto forte e non abbiamo nulla di cui aver paura. Sono fiducioso". Per l'altro ferrarista Kimi Raikkonen, "sarà come ogni altro week-end di gara: cercheremo di fare più punti possibile e sfruttare al meglio quello che abbiamo. Siamo stati lontani dall'ideale nell'ultima gara, ma qui a Montecarlo vediamo come andrà".

Archivio Ultima ora