L’On. Merlo in Venezuela: “Torno in Italia preoccupato”

Pubblicato il 18 marzo 2016 da redazione

video_merlo

CARACAS – La classica toccata e fuga. Nessun incontro a porte aperte con la nostra Collettività, forse per evitare di affrontare, in un dibattito franco e schietto, i connazionali, giovani e anziani, che soffrono le conseguenze di una crisi economica e sociale devastante.

Solo una riunione ristretta, in una saletta di un Hotel molto “in” della capitale, il “Renaissance”, con pochi connazionali, alcuni membri del Comites – i soliti -, vari mestieranti dell’emigrazione e gli integranti del Maie; una breve visita in Consolato, dove è stato ricevuto dal Console Generale d’Italia, Mauro Lorenzini; e incontri con i deputati William Barrientos e Carlo Prosperi.

Il breve soggiorno dell’On. Ricardo Merlo, deputato eletto nella circoscrizione America Meridionale, è durato meno di due giorni ed è trascorso per lo più dentro l’accogliente spazio dell’Hotel, accompagnato dai rappresentanti del suo partito in Venezuela. Poco, troppo poco anche per un politico navigato, come l’on. Merlo, non tanto o non soltanto per capire l’odierno “realismo magico” del Venezuela e le difficoltà che deve affrontare la Comunità ma soprattutto per cercare di tratteggiare una strategia che, al di là delle promesse pre-elettorali, riesca davvero a offrire qualche soluzione concreta, anche piccola, ai nostri problemi.

In particolare quelli che deve affrontare la comunità meno abbiente, oggi purtroppo sempre più numerosa, ma che non era quella presente all’incontro quasi “privato” del parlamentare con pochi industriali svoltosi nel “Renaissance”.

– Torno a Roma molto preoccupato – ha dichiarato l’on. Merlo alla “Voce” -. Negli incontri sostenuti, mi sono state trasmesse le ansie dei nostri pensionati e i timori dei connazionali per l’insicurezza. Mi è stato detto che ormai nel Paese mancano medicine, generi alimentari e, addirittura, la carta igienica. E’ probabile che prossimamente non ci sia neanche l’acqua. A Roma informerò il Parlamento, il Governo e, in particolare, il Ministero degli Affari Esteri. Secondo me bisogna dichiarare l’emergenza della Comunità italiana in Venezuela.

L’on. Merlo è convinto che con la dichiarazione dell’emergenza “potrebbero essere destinati più fondi al nostro Consolato e questo, a sua volta, potrebbe dirottarli verso l’assistenza sociale”.

– Mi è stato raccontato – ha proseguito – che vi sono 700 assistiti in Consolato che prendevano 40mila bolìvares e che ora ne ricevono solo 15mila. C’è chi non riesce a trovare le medicine e chi chiede denaro per mangiare. E’ una situazione preoccupante. L’italiano ne deve prendere coscienza.

Sottolinea che la realtà che vive il Paese è insostenibile.
– Non si può andare avanti così – ha affermato -. Ci deve essere un cambio; in un futuro prossimo, non sappiamo quando, sicuramente ci sarà.

Poi, senza far cenno a quanto già è stato fatto dai colleghi parlamentari che l’hanno preceduto in questi anni – il caso, ad esempio, dell’on. Fabio Porta, che in Venezuela è di casa, o della delegazione del Comitato per le Questioni per gli Italiani all’Estero, presieduto dal senatore Claudio Micheloni -, l’on. Merlo ha assicurato che prenderà a cuore il caso delle pensioni in Venezuela e ha affermato:

– Il governo del Presidente Maduro deve rispettare le pensioni italiane. Deve rispettare la comunità italiana.
Ha quindi commentato che è necessario chiedere al governo venezuelano l’autorizzazione che permetta ai connazionali di ricevere la pensione in bolìvares o in euro, se così lo desiderano.

– In Argentina è stato autorizzato con una semplice circolare – ha ricordato -. Non sarà facile. Dobbiamo insistere, anche se ci sarà detto che è impossibile.

Purtroppo, però, le radici del problema dei “pensionati in convenzione” derivano dal calcolo che realizza l’Inps in Italia e non dal Venezuela

Per concludere, l’on. Merlo ha informato che chiederà sia ripristinata la presenza di un esperto antisequestro, inspiegabilmente richiamato in sede in seguito a suggerimento del precedente ambasciatore, Paolo Serpi.

Ultima ora

13:24Noemi: padre, verità e giustizia per mia figlia

(ANSA) - PERUGIA, 23 SET - "Voglio verità e giustizia per mia figlia Noemi": a dirlo è Umberto Durini, il padre della sedicenne di Specchia (Lecce) uccisa il 3 settembre dal suo fidanzato di 17 anni che ha poi confessato l'omicidio. L'uomo si è affidato all'avvocato del foro di Perugia Walter Biscotti, già legale della mamma di Sarah Scazzi e difensore di Salvatore Parolisi, che si è recato appositamente nella città pugliese. "Umberto Durini - ha detto all'ANSA l'avvocato Biscotti - vuole ringraziare le forze dell'ordine e tutti quelli che hanno collaborato alle indagini. Chiede che rimanga alta l'attenzione sul caso perché ci sono punti ancora oscuri legati alla confessione del ragazzo". Secondo il legale "occorre chiarire in particolare il ruolo del padre del diciassettenne". (ANSA).

13:13Calcio: Bayern, Alaba a disposizione per la sfida con il Psg

(ANSA) - ROMA, 23 SET - All'indomani del mezzo passo falso in Bundesliga (con il pareggio interno subìto dal Wolfsburg da 2-0 a 2-2 nell'anticipo della sesta giornata), in casa Bayern Monaco arriva la buona notizia del pieno recupero di David Alaba, il quale potrebbe essere disponibile sin dal prossimo, delicato impegno della squadra di Carlo Ancelotti, mercoledì a Parigi contro il Psg in Champions League. Stamani l'esterno austriaco, infortunatosi ad una caviglia in Nazionale (nella gara del 5 settembre scorso contro la Georgia, qualificazioni mondiali), ha svolto la seduta d'allenamento con i compagni tornando anche colpire il pallone per la prima volta dall'incidente.

13:05Corea Nord: Nuova Cina, terremoto di magnitudo 3.4

(ANSA) - SEUL, 23 SET - Un terremoto di 3.4 gradi di magnitudo è stato rilevato in Corea del Nord. Lo riferisce l'agenzia Nuova Cina. Il sisma rilevato in Corea del nord ha cause naturali, secondo l'agenzia meteorologica sudcoreana. Un funzionario ha precisato che il sisma, di magnitudo 3, è stato individuato nella stessa regione in cui di recente è stato compiuto un test nucleare, ma ha detto che certamente non è stato causato da un'esplosione artificiale. Esperti cinesi, citati da media internazionali, hanno invece affermato che potrebbe trattarsi del risultato di un'esplosione.

12:35Inchiesta a Napoli su test medicina ‘venduti’ a candidati

(ANSA) - NAPOLI, 23 SET - L'ipotesi è che qualcuno abbia 'venduto' i risultati del test per l'accesso alla facoltà di medicina ai figli di due esponenti delle forze dell'ordine: per questo la Procura di Napoli ha aperto una inchiesta. Quattro gli indagati, accusati di corruzione: un'assistente bibliotecaria che il 5 settembre scorso, giorno dei test, faceva parte della squadra di 300 impiegati con compiti di vigilanza; il marito, ex dipendete dell'Università e i due appartenenti alle forze dell'ordine. Sarebbe iniziato tutto da una intercettazione telefonica, da lì su disposizione del pm Ida Frongillo la mattina del 5, tra gli oltre 4mila studenti sarebbero scattate anche le perquisizioni. Quelle sugli indagati hanno dato esito negativo; saranno esaminate le memorie di computer e cellulari. In un solo caso, tra i candidati, è stato rinvenuto un algoritmo sul quale sono in corso accertamenti per verificare la compatibilità con la risoluzione del quiz.

12:35Omicidio stradale, un arresto a Taranto

(ANSA) - TARANTO, 23 SET - Il conducente di un'automobile, che guidava sotto l'effetto dell'alcool e che è risultato positivo anche all'assunzione di sostanze stupefacenti, è stato arrestato per omicidio stradale dopo che la vettura che guidava, una Renault Megane, è uscita di strada, ribaltandosi, provocando la morte di un 24enne di Carosino (Taranto), Andrea Attanasio. Nell'incidente - avvenuto la notte scorsa sulla statale 7 Appia, nel tratto che collega Taranto a San Giorgio Jonico, nei pressi di un ristorante - è rimasto ferito lo stesso conducente dell'automobile, un 39enne, ed altre tre persone. Sul posto sono intervenuti gli operatori del 118, vigili del fuoco e Polizia stradale. L'arrestato ha riportato solo contusioni. Altri tre giovani, trasportati in ospedale, hanno riportato ferite giudicate guaribili tra i 7 e i 30 giorni.

12:17Germania: a vigilia voto si riduce distanza Merkel-Schulz

(ANSA) - BERLINO, 23 SET - Alla vigilia del voto tedesco, si riduce la distanza fra i due candidati cancellieri: stando al sondaggio Emnid di Bild am Sonntag, anticipato oggi, in una elezione diretta Angela Merkel avrebbe il 45% dei consensi e Martin Schulz il 32%. Nelle ultime settimane lo scarto si è ridotto da 29 a 13 punti: quattro settimane fa, infatti, i due candidati erano premiati rispettivamente dal 51 e dal 22% dei consensi.

12:07Calcio: Rizzoli, la Var migliori nel tempismo

(ANSA) - ROMA, 23 SET - La Var è un aiuto "per eliminare gli errori determinanti". Non se ne può abusare perché il gioco deve rimanere "spettacolare, dinamico e veloce". È "in fase di rodaggio" e c'è stato "qualche problema tecnico di comunicazione tra l'arbitro in campo e quello dietro al monitor. Speriamo che il tempismo migliori, che gli interventi siano sempre più veloci". Questo il parere del designatore arbitrale Nicola Rizzoli sulla tecnologia che ha fatto il suo esordio nel campionato di Serie A. Ospite della trasmissione "Extratime" su Rai Radio 1, Rizzoli ha parlato della sua carriera, che lo ha portato a diventare tra i migliori arbitri al mondo. Sul fatto, poi, che gli arbitri siano sempre sotto esame, ha spiegato: "Essere sempre nel mirino aiuta gli arbitri. A livello internazionale, la pressione è minore e non a caso gli italiani sono sempre stati i migliori: sono abituati alla gestione della pressione, alle polemiche. Tutta questa tensione crea una concentrazione e un'esperienza maggiore per poterla sopportare".

Archivio Ultima ora