L’On. Merlo in Venezuela: “Torno in Italia preoccupato”

Pubblicato il 18 marzo 2016 da redazione

video_merlo

CARACAS – La classica toccata e fuga. Nessun incontro a porte aperte con la nostra Collettività, forse per evitare di affrontare, in un dibattito franco e schietto, i connazionali, giovani e anziani, che soffrono le conseguenze di una crisi economica e sociale devastante.

Solo una riunione ristretta, in una saletta di un Hotel molto “in” della capitale, il “Renaissance”, con pochi connazionali, alcuni membri del Comites – i soliti -, vari mestieranti dell’emigrazione e gli integranti del Maie; una breve visita in Consolato, dove è stato ricevuto dal Console Generale d’Italia, Mauro Lorenzini; e incontri con i deputati William Barrientos e Carlo Prosperi.

Il breve soggiorno dell’On. Ricardo Merlo, deputato eletto nella circoscrizione America Meridionale, è durato meno di due giorni ed è trascorso per lo più dentro l’accogliente spazio dell’Hotel, accompagnato dai rappresentanti del suo partito in Venezuela. Poco, troppo poco anche per un politico navigato, come l’on. Merlo, non tanto o non soltanto per capire l’odierno “realismo magico” del Venezuela e le difficoltà che deve affrontare la Comunità ma soprattutto per cercare di tratteggiare una strategia che, al di là delle promesse pre-elettorali, riesca davvero a offrire qualche soluzione concreta, anche piccola, ai nostri problemi.

In particolare quelli che deve affrontare la comunità meno abbiente, oggi purtroppo sempre più numerosa, ma che non era quella presente all’incontro quasi “privato” del parlamentare con pochi industriali svoltosi nel “Renaissance”.

– Torno a Roma molto preoccupato – ha dichiarato l’on. Merlo alla “Voce” -. Negli incontri sostenuti, mi sono state trasmesse le ansie dei nostri pensionati e i timori dei connazionali per l’insicurezza. Mi è stato detto che ormai nel Paese mancano medicine, generi alimentari e, addirittura, la carta igienica. E’ probabile che prossimamente non ci sia neanche l’acqua. A Roma informerò il Parlamento, il Governo e, in particolare, il Ministero degli Affari Esteri. Secondo me bisogna dichiarare l’emergenza della Comunità italiana in Venezuela.

L’on. Merlo è convinto che con la dichiarazione dell’emergenza “potrebbero essere destinati più fondi al nostro Consolato e questo, a sua volta, potrebbe dirottarli verso l’assistenza sociale”.

– Mi è stato raccontato – ha proseguito – che vi sono 700 assistiti in Consolato che prendevano 40mila bolìvares e che ora ne ricevono solo 15mila. C’è chi non riesce a trovare le medicine e chi chiede denaro per mangiare. E’ una situazione preoccupante. L’italiano ne deve prendere coscienza.

Sottolinea che la realtà che vive il Paese è insostenibile.
– Non si può andare avanti così – ha affermato -. Ci deve essere un cambio; in un futuro prossimo, non sappiamo quando, sicuramente ci sarà.

Poi, senza far cenno a quanto già è stato fatto dai colleghi parlamentari che l’hanno preceduto in questi anni – il caso, ad esempio, dell’on. Fabio Porta, che in Venezuela è di casa, o della delegazione del Comitato per le Questioni per gli Italiani all’Estero, presieduto dal senatore Claudio Micheloni -, l’on. Merlo ha assicurato che prenderà a cuore il caso delle pensioni in Venezuela e ha affermato:

– Il governo del Presidente Maduro deve rispettare le pensioni italiane. Deve rispettare la comunità italiana.
Ha quindi commentato che è necessario chiedere al governo venezuelano l’autorizzazione che permetta ai connazionali di ricevere la pensione in bolìvares o in euro, se così lo desiderano.

– In Argentina è stato autorizzato con una semplice circolare – ha ricordato -. Non sarà facile. Dobbiamo insistere, anche se ci sarà detto che è impossibile.

Purtroppo, però, le radici del problema dei “pensionati in convenzione” derivano dal calcolo che realizza l’Inps in Italia e non dal Venezuela

Per concludere, l’on. Merlo ha informato che chiederà sia ripristinata la presenza di un esperto antisequestro, inspiegabilmente richiamato in sede in seguito a suggerimento del precedente ambasciatore, Paolo Serpi.

Ultima ora

15:04Ladro a processo per direttissima fugge dal tribunale

(ANSA) - GENOVA, 23 MAG - Evasione dal tribunale di Genova questa mattina. Un marocchino di 26 anni è scappato mentre stava per essere processato per direttissima per una serie di furti in auto. L'uomo era appena stato chiamato dal giudice per il suo turno ma invece di entrare in aula, con una azione fulminea, ha iniziato a correre ed è evaso. Sul posto sono arrivate sei pattuglie della polizia che lo stanno ancora cercando.(ANSA).

14:55Terremoto: Marini, nuova scuola media Norcia è un simbolo

(ANSA) - NORCIA (PERUGIA), 23 MAG - "Come pensava Giovanni Falcone, di cui oggi ricorre l'anniversario della morte, è possibile realizzare un'Italia diversa affidandosi soprattutto ai più giovani. Questa inaugurazione assume quindi un significato ancora più simbolico": lo ha detto stamani la presidente della Regione Umbria, Catiuscia Marini, durante l'inaugurazione (cui è intervenuta anche la sottosegretaria Maria Elena Boschi) della nuova scuola media di Norcia, realizzata dalla fondazione Rava e grazie alla raccolta fondi di Corriere della Sera, La7 e Tim. "Insieme al commissario Errani - ha aggiunto Marini - abbiamo approvato il piano scuole che prevede di restituire con il prossimo anno scolastico l'edificio che ospita le secondarie superiori di Norcia mentre attiveremo insieme al Comune la realizzazione condivisa di quelle definitive". "Inoltre - ha aggiunto Marini - la scorsa settimana con Anas abbiamo preso atto del piano di emergenza sulla viabilità che permetterà gli interventi di riparazione e consolidamento del sistema viario dell'Appennino. Quindi speriamo che la scadenza prevista per consentire il transito agevole per Castelluccio possa avvenire - ha concluso - secondo il cronoprogramma che ci hanno presentato, quindi entro i primi di luglio". (ANSA).

14:39Manchester: Firenze, in mano al David bandiera Regno Unito

(ANSA) - FIRENZE, 23 MAG - In segno di solidarietà con il popolo inglese una bandiera del Regno Unito è stata messa in mano al David di piazza della Signoria mentre una banda nera in segno di lutto è stata legata al suo braccio. "Grande tristezza e dolore per i tragici fatti di Manchester" è stata espressa dal sindaco di Firenze, Dario Nardella che su Instagram ha anche scritto: "Firenze abbraccia il popolo britannico".

14:19Venezuela: altri due morti nelle proteste a Barinas

(ANSA) - CARACAS, 23 MAG - La Procura Nazionale venezuelana ha informato oggi sulla morte di altre due persone durante le proteste, scontri e saccheggi che si sono registrati ieri a nello stato di Barinas, nell'ovest del paese. In questo modo, il bilancio di vittime dall'inizio delle manifestazioni antigovernative sale a 56 morti.

14:11Bahrein: fuoco polizia su manifestanti sciiti

(ANSA) - TEHERAN, 23 MAG - Una persona è morta e altre sono rimaste ferite a Diraz, in Bahrein, dopo che la polizia ha aperto il fuoco contro alcuni manifestanti sciiti che protestavano contro la condanna inflitta nei giorni scorsi al leader sciita Sceicco Isa Qassim. Lo riferisce l'agenzia iraniana Tasnim, citando anche l'Istituto britannico per i diritti e la democrazia in Bahrein (Bird). Secondo quanto riferito dal ministero dell'Interno di Manama, la polizia ha arrestato diverse persone "su disposizione delle autorità", aggiungendo che oggi è stato "messo in atto un intervento nel villaggio di Diraz per preservare la sicurezza e l'ordine civile, poiché la città è un rifugio sicuro per i fuggiaschi".

14:10Manchester: Mattarella, anche oggi flagello violenza e male

(ANSA) - PALERMO, 23 MAG - In un passaggio del suo discorso alla cerimonia di commemorazione del 25esimo anniversario della strage di Capaci il capo dello Stato Sergio Mattarella ha ricordato l'attentato a Manchester. "Anche questa epoca - ha detto - è flagellata dalla violenza e dal male".

14:09Chiede andare in carcere perché madre partita per Messico

(ANSA) - VENEZIA, 23 MAG - Un uomo di Chieti si è presentato presso il Corpo di Guardia della Questura in Santa Croce, raccontando di essere sottoposto agli arresti domiciliari, ma di volere essere collocato in carcere in quanto la madre era partita per lavoro per il Messico e a casa non c'era più nessuno che potesse accudirlo. Gli agenti hanno accertato che effettivamente l'uomo era destinatario della misura cautelare degli arresti domiciliari a Chieti ed è stato quindi tratto in arresto per evasione. Il provvedimento è stato convalidato dall'Autorità Giudiziaria e l'uomo è stato tradotto in carcere. (ANSA).

Archivio Ultima ora