Brasile: in piazza difensori di Dilma e Lula, sale la tensione

Pubblicato il 18 marzo 2016 da redazione

brasile

RIO DE JANEIRO. – E’ sempre più rovente il clima in Brasile, dove sono in corso proteste a oltranza contro la presidente Dilma Rousseff e altre – ma a suo favore – sono in programma nelle prossime ore. Il rischio di scontri tra i manifestanti contrapposti è elevatissimo, secondo le autorità. Soprattutto a San Paolo, maggiore città del Paese e tradizionale ‘feudo’ dell’opposizione e dove è presente anche l’ex capo di Stato, Luiz Inacio Lula da Silva, la cui nomina a ministro della Casa civile è stata sospesa ieri da un giudice federale.

Nella megalopoli paulista, già si registrano i primi tafferugli tra dimostranti pro e anti-Dilma. In mattinata era dovuto intervenire il nucleo antisommossa della polizia militare con idranti e granate stordenti per disperdere la folla che aveva occupato per quasi 48 ore consecutive l’Avenida Paulista, una delle strade più importanti della città, chiedendo le dimissioni di Rousseff.

Sull’ipotesi che la presidente non concluda il proprio mandato, ufficialmente in scadenza nel 2018, tendono ormai a lavorare anche gli analisti del mercato finanziario: lo testimonierebbe il comportamento della Borsa che ha aperto in rialzo anche stamane, dopo aver chiuso ieri a +6,6%, il maggior aumento in sette anni.

Si acuisce intanto anche lo scontro frontale tra potere politico e potere giudiziario. Lula ha cercato di tendere una mano alla magistratura, dopo le polemiche scatenate dalla diffusione di un’intercettazione telefonica in cui l’ex presidente definiva “invigliacchiti” i giudici del Supremo tribunale federale. “Mi aspetto giustizia, semplicemente giustizia”, ha scritto l’ex presidente-operaio in una lettera aperta con la quale ha cercato di correggere il tiro delle sue affermazioni, assicurando di avere “stima e rispetto” per il sistema giudiziario.

Ma a sferrare un nuovo, durissimo attacco al pool di magistrati della ‘Mani Pulite verde-oro’ è stata a sorpresa la sua pupilla Rousseff: la “politicizzazione” della giustizia è un “passo indietro nella storia”, ha affermato Dilma, durante un evento pubblico a Bahia, in riferimento alla diffusione sulla stampa di un’intercettazione telefonica tra lei e l’ex presidente Lula.

“In molti altri Paesi, chi intercetta le conversazioni telefoniche del presidente senza autorizzazione finisce in galera”, ha continuato Dilma, facendo capire di avercela soprattutto con il pm Sergio Moro. Nella breve conversazione intercettata ieri dalla polizia federale, Dilma informa Lula che sta per mandargli il decreto di nomina ministeriale, da usare – sottolinea la presidente – solo “in caso di necessità”.

Secondo gli inquirenti, ciò dimostrerebbe che la nomina di Lula a ministro è stata fatta con l’unico scopo di sottrarlo alla magistratura ordinaria. Tesi respinta con vigore dal governo e dalla stessa Rousseff. Indiscrezioni della stampa intanto rivelano che il procuratore generale, Rodrigo Janot, sarebbe orientato a confermare la validità e legalità della controversa intercettazione, in quanto riguarderebbe non la presidente Rousseff ma l’ex presidente Lula, nella sua veste di indagato.

(di Leonardo Cioni/ANSA)

Ultima ora

18:05Finmeccanica: caso Algeria, prosciolti Orsi e Spagnolini

(ANSA) - BUSTO ARSIZIO, 23 GEN - Giuseppe Orsi, ex ad e presidente di Finmeccanica, e Bruno Spagnolini, ex numero uno di Agusta Westland sono stati prosciolti dall'accusa di frode fiscale riguardo alla vicende della fornitura di elicotteri al Governo dell'Algeria. Lo ha deciso il gup di Busto Arsizio Nicoletta Guerrero. "Dopo l'assoluzione in Appello a Milano nel processo per corruzione internazionale per la forniture al governo indiano - commenta la difesa - naufraga definitivamente anche l'ultima indagine promossa dalla procura bustese". (ANSA).

17:53Donna minaccia di darsi fuoco a Palazzo Giustizia La Spezia

(ANSA) - LA SPEZIA, 23 GEN - Una donna di origine albanese, a quanto risulta disperata per uno sfratto esecutivo, si è cosparsa di benzina e con un accendino tra le mani ha minacciato di darsi fuoco all'interno del Palazzo di Giustizia della Spezia. Gli agenti della polizia giudiziaria chiamati da alcuni avvocati sono riusciti a farla desistere. Il dramma è andato in scena al primo piano del palazzo, dove la donna si è cosparsa di liquido infiammabile ed è poi entrata nell'aula degli avvocati. Alcune persone presenti si sono subito accorte della situazione e hanno chiamato gli agenti di polizia giudiziaria che hanno iniziato a parlare alla donna cercando di farsi spiegare le ragioni del gesto. Alla fine, dopo alcuni interminabili momenti, la donna è stata convinta a desistere. E' stata quindi sottoposta ad un trattamento sanitario obbligatorio. (ANSA).

17:44Giorno memoria: danneggiata a Milano altra pietra inciampo

(ANSA) - MILANO, 23 GEN - L'anno scorso successe alla pietra d'inciampo posata sul marciapiede di via Plinio a Milano per ricordare Dante Coen, deportato ad Auschwitz e ucciso a Buchenvald. Quest'anno ad essere danneggiata è stata la pietra d'inciampo posata in viale Lombardia 65 per Angelo Fiocchi, deportato a Mauthausen e assassinato nell'aprile 1945 ad Ebensee. La lastra in metallo che riporta il nome di Fiocchi, davanti alla sua casa, posizionata il 20 gennaio scorso, è stata graffiata a cercare di cancellare nome, deportazione e data della morte. (ANSA).

17:43Tennis: Australia, Wozniacki avanti

(ANSA) - ROMA, 23 GEN - Caroline Wozniacki si è qualificata per le semifinali dell'Open d'Australia battendo per 6-0 6-7 6-2 la spagnola Carla Suarez Navarro. In semifinale la danese, testa di serie n.2 del torneo, affronterà la belga Elise Mertens che ha eliminato l'ucraina Elina Svitolina.

17:39Calcio: due colpi per il City, pronti Fred e Laporte

(ANSA) - ROMA, 23 GEN - Il Manchester City è molto attivo in questa finestra invernale di calciomercato. Secondo la stampa inglese, l'attaccante brasiliano dello Shaktar Donetsk, Fred, è l'obiettivo più imminente dei 'citizens', che hanno nel mirino anche Aymeric Laporte, difensore della Nazionale francese e dell'Athletic Bilbao. L'allenatore del Manchester City, Pep Guardiola, come conferma il Mundo deportivo, ha richiesto la firma del del club basco per questo mercato. La clausola rescissoria del giocatore ammonta a 65 milioni.

17:37Calcio: Juve, Matuidi è a rischio per il Chievo Verona

(ANSA) - TORINO, 23 GEN - Tre bianconeri acciaccati dopo il posticipo contro il Genoa di ieri sera: Blaise Matuidi ha riportato una forte contusione alla coscia destra, con versamento di sangue, ed è a rischio per la trasferta di sabato a Verona contro il Chievo. Le sue condizioni saranno valutate nei prossimi giorni dallo staff medico. Juventus dopo la vittoria di ieri sera con il Genoa, riposo per Blaise Matuidi. Seduta in palestra, oggi a Vinovo, per Alex Sandro, che ha riportato una forte contusione alla regione sacrale, e Khedira, alle prese con un affaticamento alla gamba sinistra.

17:36Usa: sparatoria in una scuola del Kentucky, un morto

(ANSA) - WASHINGTON, 23 GEN - Una persona è stata uccisa in una sparatoria presso un liceo di Benton, in Kentucky. Lo ha annunciato il governatore, Matt Bevin. La situazione è al momento sotto controllo secondo la Cbs, almeno 5 studenti sono stati colpiti.

Archivio Ultima ora