Calcio venezuelano: Fari puntati su Mérida-Táchira e Carabobo-Caracas

Pubblicato il 18 marzo 2016 da redazione

Incidencias generales del encuentro correspondiente a la tercera fecha del grupo 7, partido de ida, fase de grupos de la Copa Bridgestone Libertadores 2016 entre los equipos Deportivo Tachira FC (Venezuela) Vs Pumas (Mexico).  Partido realizado en el estadio Polideportivo de Pueblo Nuevo en San Cristobal Estado Táchira en Venezuela, el 9 de marzo de 2016 (Gennaro Pascale Caicedo / Prensa Deportivo Tachira)

Incidencias generales del encuentro correspondiente a la tercera fecha del grupo 7, partido de ida, fase de grupos de la Copa Bridgestone Libertadores 2016 entre los equipos Deportivo Tachira FC (Venezuela) Vs Pumas (Mexico). Partido realizado en el estadio Polideportivo de Pueblo Nuevo en San Cristobal Estado Táchira en Venezuela, el 9 de marzo de 2016 (Gennaro Pascale Caicedo / Prensa Deportivo Tachira)

CARACAS – Durante questo fine settimana nella Primera División, che giornata dopo giornata ci regala una girandola di emozioni, si disputerà l’undicesimo turno: in programma sfide del calibro di Estudiantes de Mérida-Deportivo Táchira e Carabobo-Caracas. Senza dimenticare le gare Atlético Venezuela-Zamora e quella del rinato Mineros che andrà a far visita al Jbl Zulia.

Dopo il ko per 4-1 subito in Messico ad opera dei Pumas nella Coppa Libertadores, il Deportivo Tàchira vuole ritrovare la strada della vittoria contro l’Estudiantes, in una nuova edizione del clásico andino. In 33 precedenti gli accademici hanno ottenuto sette vittorie (6 di queste tra le mura amiche), mentre il carrusel aurinegro si é imposto in 18 occasioni.

Nelle otto gare restanti il risultato è stato di parità. L’ultima volta ache si sono affrontati nello stadio Metropolitano di Mérida, match che risale al 31 ottobre 2015, la gara si è chiusa sull’1-1: Azuaje portò in vantaggio i padroni di casa al 12’, il pari aurinegro arrivò grazie all’autorete di Ángel Hernandez. Attualmente il Táchira è terzo in classifica con 17 punti (con una gara ancora da recuperare), mentre gli accademici sono decimi con 12 punti a tre dalla zona play off.

Lo stadio Misael Delgado di Valencia, sarà lo scenario dell’incontro Carabobo-Caracas. I precedenti tra Granates e capitolini sono 31, con un bilancio di 4 vittorie per i carabobeños e 15 per i rojos del Ávila, mentre in 12 occasioni la gara è terminata in parità. L’ultima volta che queste due squadre si sono affrontate, durante il Torneo Adecuación, il risultato è stato di 1-1.

In quell’occasione Armando Maita portò in vantaggio al Caracas al 27’, mentre l’1-1 del Carabobo fu griffato dall’ex Dany Cure al 53’. Come dato curioso troviamo che l’allenatore italo-venezuelano Antonio Franco ha una scia positiva di 16 gare senza ko in Primera División.

Il Mineros, che sembra aver ritrovato la strada della vittoria con 5 vittorie in altrettante gare disputate, andrà a far visita al Jbl Zulia. Prima di questa resurrezione neroazzurra, la squadra di Puerto Ordaz aveva un bilancio di un pari e tre sconfitte in quattro gare disputate.

Il Llaneros, che nell’ultimo turno di campionato ha ottenuto la sua prima vittoria del Torneo Apertura (2-0 vs Carabobo), cercherà di ripetersi quando andrà a far visita al Deportivo Anzoátegui che a sua volta sogna di riprendersi la vetta della classifica. L’attuale leader del campionato (Zamora) andrà in casa dell’ostico Atlético Venezuela.

Il Deportivo La Guaira giocherà nel Monumental di Maturín dove sfiderà il Monagas. I litoralenses cercheranno di mantenersi nel grupo delle 8 migliori per garantire un posto nell’ottagonal, mentre i padroni di casa sperano di strappare punti importanti che gli permettano tirarsi fuori dalle sabbie mobili della zona retrocessione.

Completano il quadro dell’undicesima giornata: Ureña-Zulia, Deportivo Lara-Estudiantes de Caracas, Petare-Aragua e Portuguesa-Trujillanos.

(Fioravante De Simone/Voce)

Ultima ora

15:14Migranti: Orban a Gentiloni, Italia chiuda i porti

(ANSA) - BUDAPEST, 21 LUG - L'Italia dovrebbe "chiudere i porti" per arginare i flussi migratori dal Mediterraneo. Lo sostiene il premier ungherese Viktor Orban, annunciando che i quattro leader del gruppo di Visegrad (oltre all'Ungheria, Repubblica Ceca, Slovacchia e Polonia) hanno scritto una lettera in questo senso al presidente del Consiglio Paolo Gentiloni. Secondo Orban, che non esclude l'opzione militare, il problema deve essere risolto in Libia.

15:01Calcio:Spagna, corruzione, sospensione cautelare per Villar

(ANSA) - MADRID, 21 LUG - Il consiglio superiore dello sport (Csd) di Madrid ha avviato la procedura verso la sospensione cautelare del presidente della Federcalcio spagnola (Rfe) Angel Maria Villar, arrestato martedì con il figlio Gorka e altri due dirigenti con l'accusa di presunta corruzione. Una decisione potrebbe essere presa la settimana prossima, ha indicato il ministro dello sporto Inigo Mendez de Vigo. Ieri un giudice di Madrid ha convalidato l'arresto di Villar e del figlio ed ordinato il loro ingresso in carcere.

14:55Figlio alpinista muore sul Cervino,madre discute tesi

(ANSA) - TORINO, 21 LUG - "Era la cosa più naturale, giusta e normale da fare. Sono stupita da tutta questa attenzione". Così Cristina Giordana, mamma di Luca, il giovane cuneese morto lo scorso 8 luglio in un incidente di montagna sul Cervino. Il ragazzo aveva appena consegnato la tesi di laurea in Biologia e la madre si è presentata al suo posto per discuterla. Tra le mani un attestato di laurea, del valore simbolico, col nome del figlio e la tesi, un trattato sugli effetti del succo di barbabietola sulla prestazione sportiva ad alta quota. "Con mio figlio ho sempre condiviso tutte le passioni, dalla montagna a quella per lo studio, in un perfetto legame. Per me è normale essere al suo posto", aggiunge la donna, quasi a voler chiudere un cerchio. La laurea "è l'unico titolo di studio che non ho e, forse, c'era un motivo - racconta -, che la tesi di laurea doveva essere quella di Luca...". Luca sognava di scalare il Dhaulagiri, in Nepal. "Il Dhaulagiri adesso è troppo basso - sorride Cristina - ora è andato molto più su". (ANSA).

14:49Gerusalemme: media, ucciso un palestinese

(ANSAmed) - TEL AVIV, 21 LUG - Un palestinese e' stato colpito a morte nel corso di disordini verificatasi nel rione di Ras el-Amud a Gerusalemme est. Lo riferisce il ministero palestinese della sanità, citato da media locali. Una portavoce della polizia israeliana ha replicato che le verifiche del caso sono ancora in corso.

14:46Nuoto: Mondiali, 25 km fondo donne, Bridi è bronzo

(ANSA) - ROMA, 21 LUG - Arianna Bridi ha conquistato la medaglia di bronzo nella 25 km di fondo ai Mondiali di nuoto a Budapest. Oro alla brasiliana Cunha e argento all'olandese Van Rouwendaal.

14:21Fiorentina: Bernardeschi alla Juve, è fatta

(ANSA) - MOENA , 21 LUG - Juventus e Fiorentina hanno trovato l'accordo per Federico Bernardeschi. Al club viola andranno 40 milioni, più due di bonus, e il 10% del ricavato da una futura cessione del giocatore. Per l'ormai ex numero 10 viola è pronto un contratto di 5 anni a circa 4 milioni netti a stagione, 1,5 in più di quanto proposto a suo tempo dalla Fiorentina. Bernardeschi è stato contestato anche oggi con uno striscione esposto al Franchi a firma '1926', sigla che riconduce al gruppo rappresentativo della curva Fiesole.

14:20G8 Genova: bufera per post consigliere Ancona su Fb

(ANSA) - ROMA, 21 LUG - "Estate 2001. Ho portato le pizze tutta l'estate per aiutare i miei a pagarmi l'università e per una vacanza che avrei fatto a settembre. Guardavo quelle immagini e dentro di me tra Carlo Giuliani con un estintore in mano e un mio coetaneo in servizio di leva parteggiavo per quest'ultimo. Oggi nel 2017 che sono padre, se ci fosse mio figlio dentro quella campagnola gli griderei di sparare e di prendere bene la mira. Sì sono cattivo e senza cuore, ma lì c'era in ballo o la vita di uno o la vita dell'altro. Estintore contro pistola. Non mi mancherai Carlo Giuliani..."

Archivio Ultima ora