Roma-Inter finisce 1-1. Apre Perisic, pareggia Nainggolan

Pubblicato il 19 marzo 2016 da redazione

Perisic festeggia il gol del momentaneo vantaggio dell'Inter

Perisic festeggia il gol del momentaneo vantaggio dell’Inter

ROMA – Per la sfida dell’Olimpico l’Inter deve fare a meno in avanti di Icardi e Jovetic, oltre che di Palacio squalificato. Poco prima del riscaldamento arriva il forfeit anche di Kondogbia. Mister Mancini sceglie allora Biabiany e Perisic in fascia, con Ljajic ad agire tra le linee alle spalle di Eder. Linea difensiva confermata: davanti ad Handanovic si schierano D’Ambrosio, Miranda, Murillo e Nagatomo.

La prima conclusione è dei giallorossi: al 3′ Salah viene servito sulla corsa in posizione regolare, l’egiziano rientra e serve al limite Pjanic, sullo sviluppo dell’azione EL Shaarawy appoggia per la conclusione di prima di Perotti, alta sulla traversa.

La reazione dell’Inter è un cross di Biabiany che trova sul secondo palo Perisic, la cui conclusione al volo è respinta dalla schiena di Florenzi. Al 9′ El Shaarawy attacca la profondità e crossa teso per un compagno, Nagatomo anticipa Salah in corner. Al 18′ la migliore occasione dei nerazzurri: Biabiany serve Ljajic, il serbo finta la conclusione e serve sulla sinistra Perisic, che di prima prova un tiro-cross sul quale la Roma si salva in mischia con Manolas.

Cresce la pressione dei nerazzurri, che ci provano ancora 5′ dopo con una conclusione dalla distanza di Ljajic, che però non impensierisce Szczesny.

Le migliori azioni nascono sempre dalla sinistra: al 28′ ancora Perisic punta Florenzi, rientra e prova il destro a giro, alto di poco. A cavallo della mezz’ora botta e risposta nel giro di due minuti: prima Nainggolan prova la conclusione dai 20 metri, smorzata da Miranda, sul ribaltamento è Ljajic ad innescare Brozovic, ma il croato scivola al momento della conclusione dal limite.

Al 35′ controllo volante di sinistro e conclusione con il destro di Salah che supera Handanovic, ma Orsato aveva già fermato tutto per una posizione di fuorigioco dell’attaccante egiziano. A 5′ dalla fine fiammata Roma con El Shaarawy che riceve palla da Salah e prova la conclusione al volo con il destro, sulla quale Handanovic è bravissimo a distendersi sulla propria sinistra.

Nell’unico minutio di recupero l’unica occasione potenziale capita sui piedi di Salah, che però sbaglia la misura del cross e sul pallone che scivola in fallo laterale, Orsato fischia la fine del primo tempo.

Rientrano in campo gli stessi 22 del primo tempo. Pochi secondi e il solito El Shaarawy prova a sorprendere Handanovic della distanza, ma il portiere sloveno è attento e blocca a terra. Al 5′ contropiede Inter con Perisic, che si fa tutto il campo ma non trova Eder a centro area.

Al 53′ l’Inter passa in vantaggio: i nerazzurri pressano alto e recuperano palla con Medel e Ljajic, che verticalizza per Brozovic. Il croato di prima serve sulla corsa Perisic, che controlla e dal limite dell’area, con il sinistro, incrocia sul palo lontano trafiggendo Szczesny.

Spalletti cambia subito, inserendo Dzeko per Kaita e passando al 4-3-3. Al quarto d’ora Pjanic si guadagna una punizione dal limite, deviata provvidenzialmente da Brozovic in barriera. Al 22′ ancora Roma: Dzeko protegge palla e allarga per Perotti, che di prima trova ancora l’attaccante bosniaco a centro area, che svetta sui difensori nerazzurri ma trova la risposta di Handanovic.

Il pressing dei giallorossi non accenna a diminuire e due minuti dopo ancora Dzeko ha sul destro il pallone del pareggio, ma conclude altissimo.

Dopo il vantaggio interista cresce la Roma: su un disimpegno errato di Perisic il pallone arriva a el Shaarawy che non ci pensa un attimo e conclude di prima verso la porta di Handanovic, ma il suo destro finisce sull’esterno della rete.

L’Inter prova ad allentare la pressione con un’azione manovrata che porta Perisic al cross, sul quale Szczesny anticipa Eder. È però un fuoco di paglia perché la pressione della Roma non accenna a diminuire: nel giro cinque minuti, dall’ 80esimo all’ 85esimo ci provano prima Salah col sinistro, respinto di piede da Handanovic, poi in mischia Nagatomo salva sulla riga e alla terza occasione arriva il pari della Roma.

Dzeko ‘buca’ con il destro il pallone, che in qualche modo arriva all’accorrente Nainggolan: il belga calcia in spaccata e trova lo spiraglio giusto per l’1-1. Nei 3′ di recupero l’ultima occasione è una conclusione dalla distanza ancora di Nainggolan che Handanovic lascia sfilare a fil di palo.

Finisce dunque in parità la sfida dell’Olimpico, con i nerazzurri che salgono a quota 55 in classifica.

(www.inter.it)

Ultima ora

21:44Calcio: Prandelli riparte da Emirati, nuovo tecnico Al-Nasr

(ANSA) - ROMA, 25 MAG - Cesare Prandelli ricomincia dagli Emirati Arabi. L'ex ct azzurro sarà infatti il nuovo tecnico dell'Al Nasr. Lo ha ufficializzato il club sul suo sito, facendo sapere che la presentazione avverrà lunedì prossimo, con una conferenza stampa. Prandelli è reduce dalla sfortunata esperienza nella Liga sulla panchina del Valencia, terminata con la risoluzione contrattuale dopo pochi mesi. Prandelli è il secondo tecnico italiano a sedersi sulla panchina dell'Al-Nasr dopo Walter Zenga (2011-2013).

21:34Usa: corte appello Virginia conferma blocco ‘bando’

(ANSA) - WASHINGTON, 25 MAG - Una corte di appello federale della Virginia si è rifiutata di reintrodurre il 'bando' sugli ingressi in Usa da alcuni Paesi musulmani voluto dal presidente Donald Trump, mantenendo quindi il blocco al provvedimento anche nella seconda stesura presentata dall'amministrazione Usa. La vicenda è così a questo punto diretta alla Corte Suprema.

21:20Usa: corte appello Virginia conferma blocco ‘bando’

(ANSA) - WASHINGTON, 25 MAG - Una corte di appello federale della Virginia si è rifiutata di reintrodurre il 'bando' sugli ingressi in Usa da alcuni Paesi musulmani voluto dal presidente Trump, mantenendo quindi il blocco al provvedimento anche nella seconda stesura presentata dall'amministrazione Usa. La vicenda è così a questo punto diretta alla Corte Suprema.

21:15Manchester: Cnn, kamikaze forse addestrato in Siria

(ANSA) - WASHINGTON, 25 MAG - Il kamikaze autore della strage a Manchester, Salman Abedi, ha con tutta probabilità ricevuto addestramento dall'Isis in Siria nei mesi precedenti all'attacco, stando ad informazioni raccolte nella fase preliminare dell'inchiesta. Lo riferisce la Cnn citando fonti Usa.

20:41Tusk, con Trump non abbiamo visione comune su Russia

(ANSA) - BRUXELLES, 25 MAG - Con Donald Trump "abbiamo fatto progressi soprattutto sull'antiterrorismo ma altre questioni restano aperte, come il clima ed il commercio. E non sono al 100% sicuro che abbiamo una posizione comune sulla Russia, anche se sul conflitto in Ucraina siamo sulla stessa linea". Lo ha detto Donald Tusk in una breve dichiarazione fatta al termine dell'incontro con Donald Trump.

20:35Maestre d’asilo arrestate per maltrattamenti a Piacenza

(ANSA) - PIACENZA, 25 MAG - Due educatrici di un asilo nido di Piacenza sono state arrestate con l'accusa di maltrattamenti nei confronti dei bambini della struttura. I carabinieri della stazione di Piacenza Levante si sono presentati con due pattuglie prelevando le due donne piacentine e portandole in caserma. Riserbo assoluto sull'indagine, ma pare che i carabinieri abbiano eseguito un arresto in flagranza di reato, probabilmente grazie a telecamere nascoste nell'asilo, e che avrebbero filmato settimane di presunti maltrattamenti. Sulla vicenda è intervenuto con una nota anche il sindaco di Piacenza Paolo Dosi: "il Comune di Piacenza è parte lesa in questa vicenda e per questo confidiamo in un'azione degli organi inquirenti quanto più rapida e approfondita possibile. È un vero fulmine a ciel sereno, privo del benché minimo campanello di allarme, sia in termini di segnalazioni delle famiglie, che di risultanza dei costanti monitoraggi". (ANSA).

20:15Catalogna: ministro difesa Madrid, impediremo referendum

(ANSA) - MADRID, 25 MAG - Il ministro della difesa spagnolo Maria Dolores de Cospedal ha affermato che il governo di Madrid impedirà lo svolgimento di un referendum sull'indipendenza della Catalogna. "Faremo quello che dovremo fare" ha detto alla radio Cadena Cope. Il presidente secessionista catalano Carles Puigdemont ha promesso che convocherà un referendum sull'indipendenza entro fine settembre nonostante il veto di Madrid. El Pais scrive oggi, citando fonti autorevoli del governo di Madrid, che il premier conservatore Mariano Rajoy "userà tutti i mezzi a sua disposizione" per evitare lo svolgimento del referendum catalano. Secondo il quotidiano l'esecutivo spagnolo ha pronto già da mesi "un memorandum segreto". Il vicepresidente catalano Oriol Junqueras ha indicato di recente che "tutto è pronto" per la tenuta del referendum, e ai primi di maggio il governo di Barcellona ha avviato le procedure per l'acquisto delle urne. La data in cui potrebbe svolgersi ancora non è stata resa nota.

Archivio Ultima ora