Obama a Cuba, il viaggio storico del disgelo

Pubblicato il 19 marzo 2016 da redazione

cuba

WASHINGTON. – Cuba inizia una nuova rivoluzione con la storica visita di tre giorni di Barack Obama, che non solo suggella il disgelo dopo 55 anni di guerra fredda, culminata nella crisi dei missili, ma è anche la prima di un presidente americano dopo 88 anni, quando nel lontano 1928 Calvin Coolidge vi inaugurò il congresso Panamericano.

A segnare la svolta sono anche piccoli indizi, come il poster apparso davanti al ristorante La Moneta Cubana, in una Avana vecchia tirata a lucido per l’occasione, con il volto di Obama e quello di Raul Castro, con le due bandiere e la scritta ‘bienvenido a Cuba’: mai prima d’ora all’Avana era comparsa pubblicamente l’immagine di un presidente statunitense.

In pochi giorni i cubani vivranno eventi impensabili sino a qualche mese fa, rompendo un lunghissimo isolamento con il mondo: dopo aver pregustato alcuni allentamenti delle restrizioni, dalla ripresa dei voli postali diretti a quelli commerciali che cominceranno a breve, vedranno l’inquilino della Casa Bianca incontrare nella loro isola i dissidenti, parlare di diritti umani, assistere ad una partita di baseball tra l’amata nazionale e una squadra americana.

E qualche giorno dopo la sua partenza, venerdì, potranno assistere gratis ad un concerto dei Rolling Stones nella Ciudad Deportiva dell’Avana, dove si attende quasi mezzo milione di persone: anche il rock sarà sdoganato.

Il viaggio di Obama appare quindi come un giro di boa che renderà irreversibile un riavvicinamento iniziato 15 mesi fa e voluto fortissimamente dal presidente Usa per girare pagina con un nuovo approccio più soft, dopo il fallimento di sanzioni che però il Congresso – dominato dai repubblicani – ben difficilmente revocherà a breve.

Il presidente americano atterrerà domenica pomeriggio all’Avana con Michelle, le due figlie Malia e Sasha, e una delegazione di parlamentari. Il primo incontro previsto, ma non ancora ufficializzato, è quello con il cardinal Jaime Ortega, arcivescovo della capitale che, insieme al Papa, ha avuto un ruolo chiave nel lungo processo di avvicinamento tra Stati Uniti e Cuba.

Lunedì si aprirà con una visita alla Plaza de la Revolución, dove Obama deporrà dei fiori in omaggio alla statua di José Martí, eroe dell’indipendenza. Quindi l’atteso incontro con Raul Castro, ma la Casa Bianca ha escluso quello con l’ex lider maximo Fidel. La sera è prevista anche una cena di gala. Nel pomeriggio il presidente americano incontrerà gli imprenditori cubani per discutere delle opportunità di sviluppo e di cooperazione.

Martedì invece è in calendario un suo discorso al Gran Teatro dell’Avana, che sarà trasmesso eccezionalmente in diretta dalla tv cubana: “sarà un discorso ai cubani, inclusi i cubani americani”, ha spiegato il vice consigliere per la sicurezza nazionale della Casa Bianca, Ben Rhodes, che ha partecipato personalmente ai negoziati ‘segreti’ con Cuba. Nel pomeriggio Obama assisterà alla partita di baseball – sport amatissimo in entrambi i Paesi – tra la nazionale cubana e i Tampa Bay Rays: non solo un momento di svago, dato che qualcuno ha già parlato di ‘diplomazia del baseball’, come lo fu il ping pong con la Cina negli anni Settanta.

Dopo Obama avrà altri incontri con esponenti della società civile, tra cui forse dei dissidenti: la lista non sarà negoziata con Cuba, assicura la Casa Bianca, ma c’e’ grande curiosità sui nomi per vedere se si tratta di esponenti di prima o seconda fila. Questo appare il momento più difficile della visita per Obama, incalzato dai repubblicani sullo sfondo della campagna presidenziale e da ong come Human Rights Watch perché difenda con fermezza i diritti umani in un Paese dove poco sembra cambiato su questo fronte.

Obama ha già promesso di farlo, rimarcando le “forti differenze” che restano con Cuba: sarà da vedere quali parole e toni sceglie. Intanto nella primavera del disgelo è boom turistico all’insegna del “prima che tutto cambi”.

(di Claudio Salvalaggio/ANSA)

Ultima ora

18:00Aic, corso gestione impianti sportivi e Scuole Calcio

(ANSA) - ROMA, 24 MAG - Si terrà a Roma dal 19 al 21 giugno prossimi un corso di formazione, riservato agli associati Aic (associazione italiana calciatori), che fornisce gli elementi utili per l'accesso alla linea esclusiva di finanziamento istituita dall'Istituto per il Credito Sportivo per gli iscritti all'Associazione. Il corso sarà incentrato su come gestire, progettare, ristrutturare un centro sportivo e come gestire una scuola calcio seguendo il modello formativo proposto dall'Associazione Italiana Calciatori.

17:52Giro: 17/a tappa, Dumoulin ha conservato la maglia rosa

(ANSA) - CANAZEI (TRENTO), 24 MAG - L'olandese Tom Dumoulin ha conservato la maglia rosa indossata il 16 maggio scorso, dopo la cronometro del 'Sagrantino', vinta sulle strade dell'Umbria. Il capitano della Sunweb, nell'attesa della tappa di domani con 5 Gpm, e dopo i rischi di ieri, oggi si è limitato a controllare la situazione, giungendo sul traguardo con un distacco di 7'53" dal vincitore della tappa, Pierre Rolland.

17:43Ippica:Snai apre ippodromo a scuole,alunni a scoperta S.Siro

(ANSA) - MILANO, 24 MAG - Giornata speciale per l'ippodromo di Milano che, per la prima volta dopo molto tempo, ha aperto le porte alle scuole ospitando 50 bambini di due quarte elementari dell'Istituto Comprensivo Scolastico L. Einaudi e G. Pascoli, nell'ambito dell'iniziativa '#scoprisansiro per i più piccoli'. Accompagnati da maestre e dirigenti scolastici, gli alunni hanno visitato le piste di allenamento, dove erano impegnati i cavalli di trotto e galoppo, le scuderie e poi l'ippodromo SNAI San Siro, consumando la loro merenda ai piedi della statua del Cavallo di Leonardo. Dopo aver corso scalzi sulla pista calcata dai più grandi purosangue della storia dell'ippica, i bambini hanno concluso la loro visita tra i sentieri del parco botanico. "Gli ippodromi di Milano - dichiara Fabio Schiavolin, ad di SNAITECH - sono luoghi straordinari e unici, dove la tradizione ippica si fonde con la storia, l'architettura e la cultura. Per valorizzare e promuovere questo patrimonio della città di Milano''

17:38Migranti: traffico esseri umani, otto indagati a Imperia

(ANSA) - IMPERIA, 24 MAG - Si è chiuso con 8 indagati il filone imperiese della maxi operazione contro il traffico internazionale di migranti iniziata nel gennaio scorso. Il pubblico ministero Lorenzo Fornace ha notificato l'avviso di conclusione indagini agli albanesi Redon Shametaj, 21 anni, Ismailaj Gazmir, 32 anni. Misin Alidini, 30 anni e Neri Shametai, 22 anni, a Tanha Emran Mohammad, afgano di 21 anni, a Edmond Bylibi Bayala, cittadino trentenne del Burkina Faso e all'iraniano Esmatollah Jafari, 28 anni. L'indagine era iniziata quando la Polstrada ha scoperto, il 19 gennaio scorso, quarantuno migranti stipati all'interno di un furgone Renault Master alla barriera autostradale di Ventimiglia. In quell'occasione era stato arrestato Neri Shametaj. Nei confronti di alcuni di loro, il giudice ha disposto il divieto di dimora nelle province di Imperia, Torino e Cuneo. I due cugini Shametaj sono accusati del tentativo di trasporto oltreconfine dei 41 migranti africani. Su di loro pende anche l'aggravante del trattamento disumano. Neri venne arrestato subito, mentre Redon, riuscito a scappare, era stato catturato pochi giorni dopo. Anche Bayala risulta coinvolto tra gli organizzatori di quest'ultimo viaggio. Gli imputati sono difesi dall'avvocato Andi Tahiri. La stessa operazione vede anche un filone milanese, che all'epoca si concluse con trentasei arresti. (ANSA).

17:38Giro: 17/a tappa, a Canazei vince Rolland per distacco

(ANSA) - CANAZEI (TRENTO), 24 MAG - Il francese Pierre Rolland (Cannondale-Drapac), 31 anni ancora da compiere, ha vinto per distacco la 17/a tappa del 100/o Giro d'Italia di ciclismo, da Tirano (Sondrio) a Canazei (Trento), lunga 219 chilometri. Rolland si è classificato al terzo posto il 17 scorso, nell'11/a tappa, conclusa a Bagno di Romagna (Forlì-Cesena). L'azione vincente del francese è partita a circa 8 chilometri dall'arrivo.

17:32Malore durante immersione, morta sub nel Livornese

(ANSA) - CECINA (LIVORNO), 24 MAG - Una donna di 57 anni di Bologna è morta dopo aver accusato un malore durante un'immersione subacquea. La donna, spiegano dal 118, aveva già lamentato un malessere precedente all'immersione. Ad allertare la pubblica assistenza di Cecina (Livorno), intervenuta con un'ambulanza da terra poco dopo mezzogiorno, è stata una richiesta di soccorso proveniente da un'imbarcazione. I sanitari una volta sul posto hanno praticato tutte le manovre rianimatorie, ma per la donna non c'è stato niente da fare. Oltre al 118 è intervenuta anche la Capitaneria di porto. (ANSA).

17:29Figlia Che Guevara a studenti Padova, ‘mi regalò un peluche’

(ANSA) - PADOVA, 24 MAG - "Quando avevo quattro anni e mezzo, mio papà mi teneva in braccio di notte e mi raccontava storie fantastiche. Era molto austero, ma una volta mi regalò un leone di peluche". E' uno dei ricordi privati del 'comandante Che Guevara' raccontato oggi agli studenti dell'Università di Padova da Aleida Guevara March, 56 anni, figlia del guerrigliero cubano ucciso in Bolivia nel 1967. La donna ha risposto all'invito rivoltole dal dipartimento di Scienze politiche, giuridiche e studi internazionali dell'ateneo, per celebrare "50 anni dalla morte del Che". Una sala gremita di studenti e nostalgici del Sessantotto, quella del teatro Ruzante. Aleida Guevara ha letto e commentato in spagnolo alcuni brani del padre, ed ha esortato i ragazzi alla solidarietà. "Dopo l'università - ha detto - si pensa di sapere tutto, ma solo chi si rende utile al popolo diventa un vero professionista: ingegneri e architetti devono essere capaci di ascoltare per risolvere i problemi della comunità".

Archivio Ultima ora