Trivelle: da vescovi a Jovanotti, si allarga il fronte del Sì

Pubblicato il 19 marzo 2016 da redazione

manifestazioni_leuca_trivelle

ROMA. – A meno di un mese dal voto del 17 aprile si allarga il fronte del Sì per il referendum sulle trivelle. Ad intervenire pubblicamente i vescovi di Taranto e Pescara e anche un artista popolare come Jovanotti, mentre in tutta Italia Greenpeace mette in scena un flashmob d’effetto con gli attivisti coperti di liquido nero.

Sullo sfondo resta la questione politica col Pd diviso tra astensione e voto e la vicesegretaria del partito Debora Serracchiani chiamata in causa per un vecchio tweet contro le trivelle. “Le coste ioniche e adriatiche sono già ferite da tanti problemi come l’Ilva. Ritengo che l’intervento in occasione del referendum sia da realizzare positivamente entrando nel merito della questione e quindi dicendo un Si'”, afferma il vescovo di Taranto e presidente della Commissione episcopale per i problemi sociali Cei, mons. Filippo Santoro.

Va “superata la logica della sola indipendenza dagli idrocarburi”, aggiunge il vescovo di Pescara. Due interventi che arrivano all’indomani dell’invito della Conferenza Episcopale, ai cattolici, a discutere sul tema delle trivelle.

Anche Jovanotti scende il campo. “Penso sia giusto andare a votare al referendum e votare Sì – scrive su Twitter – . Il petrolio non può essere il futuro dell’energia per il pianeta”.

Per far capire agli italiani la posta in gioco, Greenpeace ha messo in scena in 22 città un flashmob con gli ‘oilman’, attivisti ricoperti di una sostanza simile al petrolio, e uno slogan tradotto in diversi dialetti. “Il petrolio è un inquinante capace di entrare nella catena alimentare e risalire fino alle nostre bocche”, spiega l’associazione che ingaggia un botta e risposta con l’Eni riguardo il suo rapporto ‘Trivelle fuorilegge’.

si_allarga_il_fronte_anti_trivelle

Gli impianti offshore nel Mare Adriatico “sono dedicati alla produzione di gas naturale, la più sostenibile tra le fonti fossili, ed operano da sempre nel pieno rispetto delle leggi e delle prescrizioni vigenti”, spiega il gruppo petrolifero. A Greenpeace, invece, non tornano i conti sulla concentrazione di alcune sostanze chimiche rintracciate nei mitili pescati vicino alle piattaforme.

E il referendum del 17 aprile sta agitando anche il dibattito politico soprattutto nel Pd, diviso tra astensione e voto. Se ne discuterà nella direzione del partito di lunedì 21 marzo. Il quesito “riguarda solo le trivellazioni già in essere e la durata delle loro concessioni. Per questo non lo ritengo utile, ma anzi suggestivo di creare aspettative distorte nei cittadini”, ribadisce la numero due del Pd Debora Serracchiani che ricorda – rispetto ad un suo vecchio tweet contro le trivelle – di aver partecipato “nel 2012 a Monopoli ad una manifestazione assieme al partito provinciale di Bari contro la concessione di nuovi permessi per le trivellazioni marine” e che c’è “coerenza con le scelte di oggi”.

“Questo atteggiamento del mio partito è preoccupante”, osserva Michele Emiliano del Pd, presidente della Regione Puglia e uno dei governatori più attivi sul fronte del Sì, tanto che contro le trivelle pensa ad una vera e propria “Resistenza”. Sel e Sinistra italiana invitano a votare Sì il 17 aprile, mentre per il presidente della commissione Affari esteri del Senato, Pier Ferdinando Casini, con il referendum “l’Italia può farsi male”.

(di Titti Santamato/ANSA)

Ultima ora

10:44Assalti ai tir: arresti, recuperata refurtiva mezzo mln euro

(ANSA) - BARI, 27 MAR - Rapinavano i conducenti dei tir che, sotto la minaccia delle armi, venivano rapiti per poi essere rilasciati nelle campagne solo quando l'autoarticolato veniva completamente svuotato della merce: era questo il modo di 'operare' del gruppo di malfattori bloccato oggi dai Carabinieri che stanno eseguendo arresti a Bari e zone limitrofe. Le indagini, condotte dalla Compagnia di Modugno e coordinate dalla Procura della Repubblica di Bari, hanno interessato il capoluogo pugliese a seguito della escalation di furti e rapine ai danni di autotrasportatori. Dalle prime luci dell'alba, circa 100 Carabinieri, con l'ausilio di un elicottero e di unità cinofile, stanno eseguendo numerosi provvedimenti cautelari a carico degli indagati. Le indagini, avviate a marzo del 2015, si sono concluse con il recupero di ingente quantitativo di merce rubata e rapinata, per oltre mezzo milione di euro. Sono in corso perquisizioni a tappeto.

10:32Terremoto: semina Castelluccio, ancora proteste agricoltori

(ANSA) - PERUGIA, 27 MAR - La semina a Castelluccio di Norcia è di nuovo a rischio e gli agricoltori proseguono la loro protesta: stamani c'è un presidio di trattori in un'area della zona industriale di Norcia. "I problemi legati a viabilità, permanenza a Castelluccio e sicurezza sanitaria non sono stati risolti: prima di trasferire i mezzi in quel borgo, vogliamo certezze", spiega Gianni Coccia, portavoce degli agricoltori di Castelluccio. "Abbiamo fatto il percorso della provinciale con le auto - spiega Coccia - è possibile salire e scendere senza grandi problemi, usando cautela". "Sono strade impossibili da percorrere ogni giorno, alcuni tratti fanno paura", dice invece il sindaco di Norcia, Nicola Alemanno. Per gli agricoltori, "va bene portare i trattori attraverso la galleria di Forca Canapine e va bene che l'Esercito ci trasferisca le seminatrici e le sementi: poi è impensabile che per due mesi percorriamo ogni giorno 180 chilometri per salire e scendere da Castelluccio, passando per Pretare", aggiunge Coccia, per il quale la soluzione è passare per la provinciale 477, oppure attraverso la galleria. "Il piano individuato - ribatte il sindaco - oggi è l'unico attuabile: se per gli agricoltori è inaccettabile vorrà dire che non si seminerà la lenticchia". Ma gli agricoltori evidenziano pure come "al momento le due strutture ricettive agibili di Castelluccio non sono state ancora riattivate e quindi non avremmo nemmeno la possibilità di trascorrere la notte sul posto". "Il giorno in cui gli agricoltori decideranno di salire troveranno tutto il necessario, dai rifornimenti di carburante al presidio sanitario", dice Alemanno, "amareggiato dall'atteggiamento degli abitanti di Castelluccio: siamo ancora in una fase di totale emergenza e alcune cose oggi si possono fare solo con la collaborazione e con lo spirito di sacrificio di tutti". (ANSA).

10:12Truffe: indennità Inps a lavoratori inesistenti, denuncia

(ANSA) - ROSSANO (COSENZA), 27 MAR - Un ex funzionario pubblico era riuscito ad ottenere false attribuzioni di codice fiscale in modo da poter presentare all'Inps domande per il riconoscimento e l'erogazione delle indennità di disoccupazione, malattia e maternità da parte di presunti lavoratori. La truffa è stata scoperta a Rossano dalla Guardia di finanza che ha denunciato una persona anche per falso materiale in atti amministrativi e falso ideologico in atto pubblico. I finanzieri, coordinati dalla Procura di Castrovillari, hanno scoperto che i soggetti richiedenti erano anagraficamente inesistenti. E' venuto alla luce, infatti, che l'attribuzione dei falsi codici fiscali era opera dell'ex funzionario pubblico, il quale seguiva personalmente l'iter delle assegnazioni, mettendo in atto artifizi e raggiri. L'intervento ha permesso il blocco dell'erogazione delle indennità e l'avvio del recupero delle somme già erogate che si aggirano intorno ai 50 mila euro.(ANSA).

10:02Detenuto tenta suicidio in carcere Tolmezzo, salvato

(ANSA) - TRIESTE, 27 MAR - Un detenuto di origini calabresi da poco sottoposto al regime penitenziario del 41bis ha tentato di uccidersi nella sua cella del carcere di Tolmezzo (Udine) ed è stato salvato dall'intervento degli agenti di Polizia Penitenziaria in servizio nel penitenziario. Lo rende noto il Sindacato Autonomo Polizia Penitenziaria (Sappe). "Negli ultimi 20 anni - sottolinea Donato Capece, segretario generale del Sappe - le donne e gli uomini della Polizia Penitenziaria hanno sventato, nelle carceri del Paese, più di 21mila tentati suicidi e impedito che quasi 168mila atti di autolesionismo potessero avere nefaste conseguenze. Il dato oggettivo è che la situazione nelle carceri resta allarmante. Altro che emergenza superata! Contiamo ogni giorno gravi eventi critici nelle carceri italiane, episodi che vengono incomprensibilmente sottovalutati dall'Amministrazione Penitenziaria. Ogni 9 giorni un detenuto si uccide in cella mentre ogni 24 ore ci sono in media 23 atti di autolesionismo e 3 suicidi in cella sventati".

08:05India: autobus precipita in fiume nel nord, almeno 10 morti

(ANSA) - NEW DELHI, 27 MAR - Un autobus per il trasporto di passeggeri è caduto oggi in un fiume nell'India nord-orientale causando la morte di almeno dieci persone ed il ferimento di altre 24. Lo riferisce l'agenzia di stampa Pti. L'incidente, si è appreso, è avvenuto per cause ancora da chiarire alle 3.30 locali (la mezzanotte italiana) nel distretto di Senapati dello Stato di Manipur quando il veicolo si dirigeva verso la capitale statale Imphal. Secondo i soccorritori il bilancio delle vittime aumenterà perchè molti dei feriti sono in condizioni gravi.

05:38Corea Sud: procura vuole arresto ex presidente Park

(ANSA) - PECHINO, 27 MAR - La procura sudcoreana chiederà un mandato di cattura per l'ex presidente della Repubblica Park Geun-hye, decaduta il 10 marzo dopo che la Corte costituzionale ha validato la procedura di impeachment approvata il 9 dicembre dal parlamento. Lo riporta l'agenzia Yonhap, ricordando che Park è coinvolta nello scandalo per abuso di potere e corruzione che ha portato all'arresto la sua confidente e "sciamana" Choi Soon-sil.

04:58Terremoto: scossa 3.2 nel Reatino, Amatrice trema ancora

(ANSA) - ROMA, 27 MAR - Una scossa di magnitudo 3.2 è stata registrata alle 4:08 dall'Ingv nella provincia di Rieti ad una profondità di 9 km. I comuni più vicini all'epicentro sono Amatrice, Campotosto, Accumoli e Capitignano. (ANSA).

Archivio Ultima ora