Trivelle: da vescovi a Jovanotti, si allarga il fronte del Sì

Pubblicato il 19 marzo 2016 da redazione

manifestazioni_leuca_trivelle

ROMA. – A meno di un mese dal voto del 17 aprile si allarga il fronte del Sì per il referendum sulle trivelle. Ad intervenire pubblicamente i vescovi di Taranto e Pescara e anche un artista popolare come Jovanotti, mentre in tutta Italia Greenpeace mette in scena un flashmob d’effetto con gli attivisti coperti di liquido nero.

Sullo sfondo resta la questione politica col Pd diviso tra astensione e voto e la vicesegretaria del partito Debora Serracchiani chiamata in causa per un vecchio tweet contro le trivelle. “Le coste ioniche e adriatiche sono già ferite da tanti problemi come l’Ilva. Ritengo che l’intervento in occasione del referendum sia da realizzare positivamente entrando nel merito della questione e quindi dicendo un Si'”, afferma il vescovo di Taranto e presidente della Commissione episcopale per i problemi sociali Cei, mons. Filippo Santoro.

Va “superata la logica della sola indipendenza dagli idrocarburi”, aggiunge il vescovo di Pescara. Due interventi che arrivano all’indomani dell’invito della Conferenza Episcopale, ai cattolici, a discutere sul tema delle trivelle.

Anche Jovanotti scende il campo. “Penso sia giusto andare a votare al referendum e votare Sì – scrive su Twitter – . Il petrolio non può essere il futuro dell’energia per il pianeta”.

Per far capire agli italiani la posta in gioco, Greenpeace ha messo in scena in 22 città un flashmob con gli ‘oilman’, attivisti ricoperti di una sostanza simile al petrolio, e uno slogan tradotto in diversi dialetti. “Il petrolio è un inquinante capace di entrare nella catena alimentare e risalire fino alle nostre bocche”, spiega l’associazione che ingaggia un botta e risposta con l’Eni riguardo il suo rapporto ‘Trivelle fuorilegge’.

si_allarga_il_fronte_anti_trivelle

Gli impianti offshore nel Mare Adriatico “sono dedicati alla produzione di gas naturale, la più sostenibile tra le fonti fossili, ed operano da sempre nel pieno rispetto delle leggi e delle prescrizioni vigenti”, spiega il gruppo petrolifero. A Greenpeace, invece, non tornano i conti sulla concentrazione di alcune sostanze chimiche rintracciate nei mitili pescati vicino alle piattaforme.

E il referendum del 17 aprile sta agitando anche il dibattito politico soprattutto nel Pd, diviso tra astensione e voto. Se ne discuterà nella direzione del partito di lunedì 21 marzo. Il quesito “riguarda solo le trivellazioni già in essere e la durata delle loro concessioni. Per questo non lo ritengo utile, ma anzi suggestivo di creare aspettative distorte nei cittadini”, ribadisce la numero due del Pd Debora Serracchiani che ricorda – rispetto ad un suo vecchio tweet contro le trivelle – di aver partecipato “nel 2012 a Monopoli ad una manifestazione assieme al partito provinciale di Bari contro la concessione di nuovi permessi per le trivellazioni marine” e che c’è “coerenza con le scelte di oggi”.

“Questo atteggiamento del mio partito è preoccupante”, osserva Michele Emiliano del Pd, presidente della Regione Puglia e uno dei governatori più attivi sul fronte del Sì, tanto che contro le trivelle pensa ad una vera e propria “Resistenza”. Sel e Sinistra italiana invitano a votare Sì il 17 aprile, mentre per il presidente della commissione Affari esteri del Senato, Pier Ferdinando Casini, con il referendum “l’Italia può farsi male”.

(di Titti Santamato/ANSA)

Ultima ora

11:40Londra: altri 2 arresti per attentato metro, totale a 5

(ANSA) - LONDRA, 20 SET - Altre due persone sono state arrestate nelle ultime ore dalla polizia britannica nel'ambito delle indagini sull'attentato di Parsons Green, nella metropolitana di Londra, di venerdì scorso, portando il totale dei fermati a 5. Lo riportano fonti investigative, precisando che un 48enne e un 30enne sono finiti in manette durante un blitz condotto in un edificio della località di Newport, in Galles dove ieri sera era stato compiuto un altro arresto, e sono sospettate sulla base del Terrorism Act, la legge sul terrorismo.

11:38Promoter uccisa: Ris al lavoro nella villa del reo confesso

(ANSA) - MILANO, 20 SET - I carabinieri del Ris di Parma sono al lavoro nella villetta di Vito Clericó, il 65enne che ha confessato l'omicidio di Marilena Rosa Re, promoter di 58 anni di Castellanza (Varese). Il cadavere decapitato era stato trovato sepolto il 12 settembre scorso nell'orto del 65enne, a Garbagnate Milanese (Milano). Era stato lo stesso Clericò a indicare agli investigatori dove scavare. Sul posto è presente anche l'avvocato dell'uomo, Daniela D'Emilio. Inquirenti e investigatori proseguono le indagini anche perché l'uomo ha cambiato più volte versione. Accertamenti e sopralluoghi andranno quindi avanti sia nella sua villa di Garbagnate sia nell' abitazione di Marilena Re, a Castellanza. "Ha reso una nuova versione dei fatti, ancora diversa rispetto a quelle precedenti. Ora dobbiamo attendere l'esito degli accertamenti dei Ris". È il commento dell'avvocato Daniela D'Emilio, a margine del sopralluogo dei carabinieri a casa di Vito Clericó (che lei difende).

11:3315enne ferita al volto con colpo pistola, uomo in fuga

(ANSA) - ISCHITELLA (FOGGIA), 20 SET - Una ragazzina di 15 anni è stata ferita al volto da un colpo di arma da fuoco sparato a distanza ravvicinata da un uomo non ancora identificato mentre la giovane percorreva via Zuppetta, a Ischitella, per andare a scuola. Le condizioni della ragazza sono disperate. E' stata trasportata tramite elisoccorso agli ospedali Riuniti di Foggia. A quanto si è saputo, la ragazza era uscita di casa intorno alle 7,30 e stava attraversando il centro storico del paese per raggiungere la scuola che frequenta. In via Zuppetta è stata raggiunta alle spalle da una persona che poi le ha sparato un colpo di pistola in faccia. Indagini sono in corso da parte dei carabinieri del Comando provincia di Foggia. La ragazzina è stata trasportata in elisoccorso agli Ospedali Riuniti di Foggia dove la stanno sottoponendo ad un delicato intervento chirurgico. La vittima era seguita dai servizi sociali ed era stata affidata ai nonni.

11:32Gioielleria Capri truffata da due turisti per 125 mila euro

(ANSA) - CAPRI (NAPOLI), 20 SET - Una coppia di turisti inglesi è stata scoperta a Capri (Napoli) dalla Polizia dopo aver truffato una gioielleria di una nota strada dello shopping dell'isola effettuando, a più riprese, acquisti con una carta di credito clonata intestata ad una terza persona del tutto ignara, per circa 125mila euro. La ragazza, 23 anni, è stata bloccata dai poliziotti del commissariato guidati dal vicequestore Maria Edvige Strina all'uscita dalla gioielleria, mentre il compagno, che ha 35 anni, è stato fermato sul porto di Capri mentre si apprestava a lasciare l'isola. Addosso avevano cinque orologi Rolex, orecchini, anelli e un bracciale. Le transazioni erano in un primo momento andate a buon fine consentendo alla coppia di lasciare il negozio con il sostanzioso bottino, ma successivamente il gestore della carta di credito ha contattato il negoziante bloccando l'avvenuto pagamento in quanto il reale titolare della carta si era reso conto che era stata oggetto di clonazione.

11:03Violenza sessuale: abusava di figlia, condannato a 12 anni

(ANSA) - BOLZANO, 20 SET - Il tribunale di Bolzano ha condannato un uomo a 12 anni di reclusione, per aver abusato ripetutamente della propria figlia. Gli abusi, secondo l'accusa, erano iniziati nel 2009, quando la bimba aveva appena 5 anni e sono andati avanti per tre anni. I genitori all'epoca dei fatti erano già separati e il padre approfittava dei giorni nei quali si occupava della figlia. I fatti sono venuti alla luce, quando la bambina ha iniziato a rifiutare di andare da sua padre e ha raccontato tutto al tribunale dei minori, in presenza di una psicologa. La dichiarazione è stata ritenuta credibile. L'imputato, che ha invece sempre respinto ogni addebito, affermando di essere vittima di una vendetta dell'ex compagna, dovrà pagare una provvisionale di 50.000 euro a favore della figlia e di 10.000 euro a favore della donna. L'accusa aveva chiesto 20 anni di pena.

11:03Turchia: 2 agenti servizi segreti rapiti dal Pkk in Iraq

(ANSA) - ISTANBUL, 20 SET - Due agenti dei servizi segreti turchi sono stati rapiti da militanti del Pkk curdo in nord Iraq. A confermarlo, dopo diverse indiscrezioni apparse su media locali, è stato il ministro degli Esteri di Ankara, Mevlut Cavusoglu. La Turchia sta lavorando per il rilascio di "tutti i suoi cittadini che il Pkk ha rapito", ha spiegato Cavusoglu, negando tuttavia trattative dirette con il gruppo ribelle, che Ankara considera "terrorista". Secondo la stampa curda, gli 007 sarebbero finiti nelle mani della guerriglia il mese scorso durante un'operazione oltreconfine.

11:00Catalogna: Rajoy, unica risposta possibile

(ANSA) - MADRID, 20 SET - Il premier spagnolo Mariano Rajoy ha detto davanti al Congresso dei deputati dopo il blitz della Guardia Civil contro il governo catalano che la risposta alla sfida indipendentista di Barcellona "non può essere diversa da quella decisa". "A nessuno piace questa situazione, e a me neppure" ha aggiunto.

Archivio Ultima ora