Italia in lutto per le sette ragazze morte in Spagna

Pubblicato il 21 marzo 2016 da redazione

Students light candles and place flowers in memory of the victims of the coach crash at the historic headquarters of the University of Barcelona (UB), in Barcelona, northeastern Spain, 21 March 2016. EPA/TONI ALBIR

Students light candles and place flowers in memory of the victims of the coach crash at the historic headquarters of the University of Barcelona (UB), in Barcelona, northeastern Spain, 21 March 2016. EPA/TONI ALBIR

TORTOSA (SPAGNA). – Erano sette ragazze, appassionate, piene di vita, innamorate come tanti altri giovani italiani di Barcellona: ora sono sette salme allineate nel piccolo obitorio di Tortosa, e l’Italia è sotto shock. Il premier Matteo Renzi è volato nella cittadina catalana per portare la solidarietà del paese alle loro famiglie distrutte dal dolore, arrivate una dopo l’altra nella cittadina catalana per la struggente procedura del riconoscimento.

“Ho portato a quei genitori l’affetto e la commozione degli italiani, tutti, tutti insieme, nessuno escluso”, ha spiegato dopo un incontro di un’ora con i familiari nel castello di Tortosa. Mentre padri e madri affranti delle sette studentesse (Francesca Bonello, Elisa Valent, Valentina Gallo, Elena Maestrini, Lucrezia Borghi, Serena Saracino e Elisa Scarascia Mugnozza) e quelli delle sei di altri paesi uccise nell’incidente del bus maledetto che le trasportava da Valencia a Barcellona scoprivano i corpi spesso martoriati delle loro figlie, da tutta l’Italia sono arrivate testimonianze di affetto e solidarietà.

Il Papa si è detto “addolorato” per “una perdita irreparabile”. Anche in Spagna, nonostante le vittime siano tutte straniere, l’emozione è fortissima. “Trece vidas rotas” (Tredici vite spezzate) il titolo a tutta prima pagina di La Vanguardia. Il paese si interroga sull’assurdità, e sulle responsabilità, di un incidente che poteva essere evitato.

L’autista 63nne del bus, vicino alla pensione, è indagato per 13 “omicidi per imprudenza”, equivalente spagnolo dell’omicidio colposo. L’ipotesi più accreditata è che si sia addormentato al volante. Il pesante automezzo avrebbe sbandato verso destra svegliandolo, lui avrebbe dato una forte sterzata a sinistra, facendo piombare il bus sulla carreggiata opposta dell’autostrada. Secondo La Razón, avrebbe detto sconvolto ai primi soccorritori “Lo siento, me he dormido” (“Mi spiace, mi sono addormentato”). Una responsabilità pesante, molto pesante. Oggi è stato ricoverato in stato di shock.

I ragazzi a bordo dormivano al momento dello schianto, dopo la notte trascorsa nella spettacolare ‘festa dei fuochi’ di Las Fallas di Valencia. Il sospetto è che non abbia riposato abbastanza prima di ripartire alle 3 del mattino per Barcellona. La strage delle studentesse solleva anche altri dubbi sulla sicurezza di queste gite ‘low cost’, 20 euro per andata e ritorno Barcellona-Valencia in 24 ore. Diverse ragazze morte, secondo La Vanguardia, non avevano la cintura di sicurezza allacciata. Chi l’aveva, dei 57 passeggeri, è sopravvissuto. Ma quanti ragazzi pensano ad allacciare la cintura quando dormono fra gli amici in un bus che li riporta a casa da una festa nel cuore della notte?

Le 13 vittime erano sedute nella parte sinistra del bus, quella che si è schiacciata contro l’asfalto quando si è capovolto in mezzo all’autostrada. Quattro giovani italiani, tre ragazze e un ragazzo, sono ancora ricoverati. Secondo l’ambasciatore d’Italia in Spagna Stefano Sannino, che ha accolto le famiglie a Tortosa, i medici escludono che siano in pericolo di vita.

La torinese Annalisa Riba dovrà essere operata per una vertebra cervicale lesionata, ha detto sua mamma. L’emiliana Laura Ferrari, 23 anni, ha subito un delicato intervento a Barcellona. Nella mente dei feriti, di tutti i sopravvissuti, rimangono stampati i pochi secondi dell’orrore di domenica, il brutale risveglio mentre il bus rotolava in mezzo all’autostrada, nel buio, fra urla e terrore. Quando la carcassa metallica si è immobilizzata, molti non potevano muoversi. Peggio ancora vedevano accanto a sé i corpi senza vita delle compagne. Per loro il ‘sogno’ di Barcellona, vissuto da un numero sempre crescente di italiani, soprattutto giovani, era finito.

(dell’inviato Francesco Cerri/ANSA)

Ultima ora

14:02Olanda: parte terzo governo Rutte, prima volta quadripartito

(ANSA) - BRUXELLES, 23 OTT - Aumentano le poltrone, calano le donne e la diversità nella nuova compagine ministeriale presentata dal premier Marke Rutte per il suo terzo governo, il primo 'quadripartito' nella storia d'Olanda. Con 16 ministri e 8 segretari di stato sono complessivamente 24 i membri che oggi hanno prestato giuramento: 14 uomini e 10 donne. Rutte ha creato tre vicepremier: Kajsa Ollongren (D66) ha anche la responsabilità degli interni, Hugo de Jonge (Cda) ha quella per la cura degli anziani nel Ministero della Salute, Carola Schouten (Cu) quella per l'agricoltura in un nuovo dicastero creato alla bisogna. Alle Finanze ha insediato il quarantaduenne Wopke Hoekstra (Cda), fino ad oggi partner di McKinsey&C ed ex manager con Shell. Agli esteri il premier ha piazzato uno dei 'duri' del Vvd: Halbe Zijlstra, 48 anni, parlamentare dal 2006. La Difesa, da cui si è dimessa Jeanine Hennis-Plasschaert che negli ultimi giorni ha respinto la proposta di riconferma, è andata a Ank Bijleveld (parlamentare Cda dal 1989).

13:49Israele: ‘no indagini premier in carica’, infuria dibattito

(ANSAmed) - TEL AVIV, 23 OTT - Un progetto di legge su cui stanno lavorando deputati del Likud, che mira ad impedire lo svolgimento di indagini di polizia nei confronti di un premier in carica, è al centro oggi di forti polemiche nell'opinione pubblica e desta anche contrasti nelle istituzioni. Secondo il Likud questa legge favorira' la stabilità istituzionale visto che negli ultimi due decenni tutti i primi ministri - Ehud Barak, Ariel Sharon, Ehud Olmert, e adesso Benyamin Netanyahu - sono stati oggetto di indagini della polizia, cosa che li ha necessariamente distratti da incombenze piu' impellenti. Ma oggi il Consigliere legale del governo Avichay Mendelblit ha replicato che una legge così sarebbe "inaccettabile", in quanto "colpisce in maniera severa lo Stato di Diritto e la fiducia del pubblico nella eguaglianza dei cittadini di fronte alla legge". Sulla stampa quella che viene adesso bollata come "la Legge Bibi" e' oggetto di aspre critiche. "Non c'e' più vergogna" esclama il diffuso Yediot Ahronot.

13:49Referendum: Zaia, io premier? Resto in Veneto

(ANSA) - VENEZIA, 23 OTT - "Cacciari fa ancora dichiarazioni? Non esiste, soprattutto davanti a un voto come questo bisogna stare qui in Veneto e fare presidio". Lo dice il governatore del Veneto Luca Zaia commentando le dichiarazioni del filosofo veneziano che lo indica come futuro premier.

13:39Cacciatore uccide per errore fungaiolo nel savonese

(ANSA) - BARDINETO (SAVONA), 23 OTT - Un uomo di 59 anni, Roberto Viale, di Diano Marina (Imperia) è stato ucciso per errore da un cacciatore mentre cercava funghi nei boschi di Bardineto (Savona) insieme alla fidanzata. Secondo quanto ricostruito dai carabinieri il cacciatore, Luigi Maule, 25 anni, avrebbe esploso un colpo contro un cinghiale, mancandolo: il proiettile ha invece raggiunto in pieno petto Viale, a circa 70 metri di distanza. La compagna dell'uomo ha immediatamente gridato per dare l'allarme, ed è stato lo stesso cacciatore il primo a raggiungere il ferito e a tentare, inutilmente, di tamponare il sangue. Il proiettile ha raggiunto gli organi vitali ed i soccorritori giunti poco dopo sul posto non hanno potuto fare altro che constatare il decesso. Il cacciatore ora è indagato per omicidio colposo. Secondo i primi rilievi dei militari si tratterebbe di una tragica fatalità: la vittima si trovava a grande distanza e non era visibile dal punto in cui è stato esploso il colpo.

13:34Calcio: serie B, Sacchi arbitra Cittadella-Venezia

(ANSA) - ROMA, 23 OTT - Questi gli arbitri designati per le partite dell'undicesima giornata di Serie B in programma domani martedì 24 ottobre alle ore 20.30. Ascoli-Spezia: Balice; Avellino-Pro Vercelli: Rapuano; Brescia-Bari (stasera ore 20.30): Pinzani; Carpi-Palermo: Di Paolo; Cittadella-Venezia: Sacchi; Empoli-Pescara: La Penna; Entella-Cremonese: Baroni; Foggia-Parma: Piccinini; Frosinone-Ternana: Giua; Novara-Salernitana: Ghersini; Perugia-Cesena: Fourneau.

13:27Calcio: Benevento, la delusione dei tifosi

(ANSA) - BENEVENTO, 23 OTT - "Dalle stelle alle stalle". E' il commento più diffuso tra i tifosi del Benevento all'indomani della nona sconfitta consecutiva della squadra, ancora a quota zero in classifica. "Non siamo la 'Cenerentola' del campionato - dice un tifoso - ma la 'Bella addormentata'". Opinione diffusa tra i sostenitori del club sannita è che i calciatori in campo non fanno gruppo, dimostrano di non avere attaccamento per la maglia e non sono dei veri lottatori come i "gladiatori Sanniti" della storia. I tifosi del Benevento criticano duramente la dirigenza della società, i calciatori ed anche l'allenatore Marco Baroni. "Se a giugno siamo balzati agli onori della cronaca nazionale per la scalata del Benevento dalla Lega Pro alla serie A in due anni - dice un esponente del tifo organizzato - oggi siamo la barzelletta in Europa". In queste ore il presidente Oreste Vigorito starebbe vagliando l'ipotesi di sostituire l'allenatore, forse già prima della sfida di mercoledì contro il Cagliari.

13:23Referendum: Salvini, nessun problema a linea Lega

(ANSA) - ROMA, 23 OTT - "Gli alleati del centrodestra sappiano che il tema posto dai referendum diventa centrale". Lo ha detto il segretario della Lega Nord, Matteo Salvini, nella conferenza stampa in via Bellerio. "Quelli che dicevano che la linea nazionale della Lega avrebbe trovato problemi al Nord non hanno capito un accidente. Richieste di autonomia hanno convinto 5,5 milioni persone a votare, e Maroni e Zaia avranno mandato pieno mandato a trattare", ha aggiunto.

Archivio Ultima ora