Storico incontro tra Obama e Castro. Oggi è un giorno nuovo

Pubblicato il 21 marzo 2016 da redazione

OBAMA-CUBA

WASHINGTON.- “Este es un nuevo dia”: esordisce in spagnolo il presidente degli Stati Uniti Barack Obama promettendo “prima o poi” la fine dell’embargo quando prende la parola insieme a Raul Castro dopo una storica stretta di mano e un bilaterale di due ore e mezza nel simbolico palazzo della rivoluzione, dove l’inno e la bandiera americana si sono affiancati a quelli cubani.

E’ a fine di un’epoca, ma non ancora del duello su diritti umani e democrazia, sui quali i due leader hanno ribadito con “franchezza” le loro “profonde differenze” impegnandosi tuttavia ad “accettarle” e a cooperare, “privilegiando i legami che uniscono i due Paesi e i due popoli”, come ha sottolineato Castro.

Ma nella inattesa (per Castro) conferenza stampa finale, il presidente cubano è stato messo in imbarazzo quando un giornalista della Cnn, figlio di un cubano, gli ha chiesto perché nell’isola dei Castro ci sono i prigionieri politici. “Prigionieri politici? Mi dia la lista. Se ci sono, prima che cali la notte saranno liberati”, si è difeso stizzito Raul, all’indomani della retata che ha portato in carcere una cinquantina di attivisti per i diritti umani, comprese una ventina delle “Damas de blanco”, le mogli dei dissidenti in carcere.

Poi è passato al contrattacco, invitando a non politicizzare il tema e chiedendo tempo. “Nessun Paese al mondo rispetta tutti i 61 diritti umani” definiti a livello internazionale, mentre “Cuba ne rispetta 47″, ha accusato, elencando quelli tutelati nell’isola, come la salute, l’educazione, la parità di salario tra uomini e donne”.

Diritti non scontati negli Usa, come denunciano anche i candidati democratici alla Casa Bianca, anche se Castro preferisce non entrare nella campagna presidenziale americana (“Trump o Hillary? Non voto negli Usa”).

Obama accetta le rampogne di Castro sui talloni d’Achille americani “perché non dobbiamo essere immuni o timorosi delle critiche” ma sui diritti umani resta fermo pur senza salire in cattedra, sottolineando che la revoca dell’embargo da parte del Congresso dipende in parte anche dai progressi su questo terreno. Ma, pur non sapendo dire quando, promette che “l’embargo finirà” perché “quello che abbiamo fatto per oltre 50 anni non è servito né ai nostri interessi né agli interessi del popolo cubano”.

Per Castro la revoca è “essenziale”, l’embargo resta l’ostacolo principale per aprire una “nuova strada” nella relazioni tra i due Paesi, dopo i “risultati concreti” ottenuti in questi 15 mesi di disgelo con accordi e memorandum proseguiti anche oggi. Entrambi i leader insistono sulla volontà di proseguire il cammino, scommettono su un futuro, ha garantito Obama, “che sarà deciso solo dai cubani, e da nessun altro”.

Un futuro per il quale Obama ha chiesto a Castro più aperture economiche, più joint venture, assunzioni dirette dei cubani nelle società straniere. Perché la normalizzazione, e la speranza di un cambiamento del regime, passa prima di tutto attraverso il business: non a caso Obama, che poi parlerà agli imprenditori cubani, ha sottolineato di essere accompagnato a Cuba dalla più grande delegazione della sua presidenza, una quarantina tra parlamentari ed esponenti del mondo economico.

Ma il cambiamento passa anche attraverso l’accesso a internet, ora fortemente limitato dal regime e costosissimo: Obama ha promesso di voler aiutare Cuba ad andare sul web, annunciando un accordo tra Google e le autorità de L’Avana per sviluppare la rete wi-fi e la banda larga sull’isola. “Il cambiamento sta avvenendo qui e penso che Raul Castro lo capisca”, ha confidato il presidente Usa in una intervista alla Abc. “La nostra intenzione è stata di lasciare che la palla rotoli, sapendo che il cambiamento non avverrà da un giorno all’altro”, ha aggiunto.

“Distruggere un ponte è facile e richiede poco tempo, mentre ricostruirlo in modo solido è molto più difficile e lungo”, gli ha risposto a distanza Castro, che poi ha avuto tutta la famiglia Obama come ospite d’onore di una cena di Stato, sempre al palazzo della rivoluzione.

Obama ha voluto ringraziare pubblicamente il Papa e il cardinale Ortega per il loro “contributo decisivo” al riavvicinamento dei due Paesi e Castro per aver ospitato i colloqui di pace tra il governo colombiano e le Farc, proseguiti nell’isola sotto la supervisione del segretario di Stato Usa John Kerry. Dopo la giornata dedicata al governo cubano, Obama si rivolgerà direttamente al popolo cubano, con un discorso trasmesso in diretta dalla tv nazionale. E incontrerà alcuni dissidenti e assisterà ad una partita di baseball tra la nazionale cubana e una squadra americana: anche questa è diplomazia.

(di Claudio Salvalaggio/ANSA)

Ultima ora

11:13Omicidio nel Salernitano, ucciso infermiere 53enne

(ANSA) - SALERNO, 21 LUG - Un uomo di 53 anni, Maurizio Fortino, è stato accoltellato, ieri sera, in un'abitazione di Nocera Inferiore nel Salernitano per motivi passionali. Nella nottata i carabinieri della Sezione Radiomobile del Reparto Territoriale di Nocera Inferiore hanno arrestato un pregiudicato 42enne nocerino, sorpreso per le vie del centro cittadino dopo aver accoltellato l'uomo, un infermiere dell'ospedale Umberto I. Alla base dell'aggressione motivi personali, riconducibili alla sfera sentimentale. La vittima, raggiunta da un fendente alla schiena, colpo che ha perforato il polmone sinistro, ha cercato di raggiungere l'ospedale, aiutato anche da alcuni passanti, ma è deceduta in seguito alla forte perdita di sangue causata dalla ferita.

11:12Scherma:Mondiali,sciabola, avanti Samele, Curatoli e Montano

(ANSA) - ROMA, 21 LUG - Si alza il sipario sui Campionati del Mondo di scherma a Lipsia. Dopo le due giornate dedicate alle fasi di qualificazioni, le pedane tedesche assegnano oggi le prime medaglie e dunque i primi titoli iridati. Ad essere protagoniste di giornata sono fiorettiste e sciabolatori. Nella sciabola maschile Luca Curatoli, Luigi Samele ed Aldo Montano avanzano al tabellone dei 32. I tre azzurri hanno infatti vinto i rispettivi match d'esordio. Curatoli ha avuto ragione per 15-1 del thailandese Soravit Kitsibriboon, Samele ha superato 15-10 il portacolori di Hong Kong Ho Tin Low, mentre Montano ha sconfitto 15-12 il turco Enver Yildirim. Si è conclusa nel primo turno di giornata invece l'avventura iridata di Enrico Berrè, uscito sconfitto per 15-13 dall'assalto contro l'iraniano Ali Pakdaman. Nella gara individuale di fioretto femminile, l'Italia in gara con Arianna Errigo, Martina Batini, Alice Volpi e Camilla Mancini.

11:10‘Usa vieteranno agli americani viaggi in Corea del Nord’

(ANSA) - ROMA, 21 LUG - Gli Stati Uniti intendono proibire agli americani di viaggiare in Corea del Nord. Lo sostengono i tour operator Koryo Tours e Young Pioneer Tours, secondo quanto riportato dalla Bbc. Le due agenzie di viaggio sostengono che il divieto sarà annunciato il 27 luglio e comincerà a valere un mese dopo. Dalla Casa Bianca non è arrivata alcuna conferma della notizia. Young Pioneer Tours è il tour operator con il quale viaggiò lo studente americano Otto Warmbier morto a giugno dopo aver trascorso 15 anni in un carcere nordcoreano.

11:09Calcio: Dzeko assicura ‘sarà una Roma ancora più forte’

(ANSA) - ROMA, 21 LUG - "Siamo ancora all'inizio della preparazione. Qualche giocatore importante è andato via, ma ne sono arrivati altri forti. E magari ne arriveranno ancora. Sono sicuro che la Roma sarà forte anche più dello scorso anno". Parola di Edin Dzeko. Il capocannoniere del passato campionato rassicura i tifosi e manda un messaggio alle rivali. Da Boston, seconda tappa del tour estivo che sta affrontando la formazione allenata da Di Francesco, l'attaccante bosniaco ricorda come l'obiettivo della Roma sia quello di "fare bene in tutte le competizioni, dalla Champions al campionato passando per la Coppa Italia". "Quella scorsa - dice a RomaTv - è stata una stagione molto bella per me, con tanti gol, e voglio ripartire da lì. Voglio continuare così, segnare ancora tanto anche se so che è difficile. Mi voglio preparare bene per farmi trovare pronto". E a dargli una mano ci sarà l'ultimo acquisto del ds Monchi, Defrel: "È forte, mi piace. Deciderà il tecnico, ma penso che possiamo anche giocare insieme, non è un problema''

10:53Strangolato Valencia: omicidio aggravato a presunto omicida

(ANSA) - FERRARA, 21 LUG - Un'ordinanza di custodia cautelare in carcere per omicidio aggravato è stata notificata dai carabinieri di Ferrara a Eder Guidarelli, il 32enne accusato di avere strangolato con una corda l'amico Marcello Cenci il 2 luglio a Valencia. Guidarelli, arrestato a Ventimiglia mentre rientrava in Italia dalla Spagna, è stato poi trasferito nel carcere di Imperia. La misura cautelare - spiegano i militari del Reparto Operativo-Nucleo investigativo estense - segue "mirati accertamenti tecnici, specifici riscontri e attività investigative", condivisi dall'autorità giudiziaria di Ferrara, che lo indicano come unico autore della morte di Cenci. Secondo l'accusa, Guidarelli avrebbe covato una forte gelosia nei confronti di Cenci per via di una donna. Gelosia sfociata in tre aggressioni a Ferrara e Valencia. Per questi episodi pendeva un processo per stalking, fissato per ottobre: erano in corso trattative per il patteggiamento e il risarcimento danni, possibile causa scatenante dell'omicidio. (ANSA).

10:50Terremoto: Kos, Farnesina verifica presenza italiani

(ANSA) - ROMA, 21 LUG - "In relazione al terremoto che ha colpito l'isola di Kos, l'Unità di crisi della Farnesina e l'ambasciata d'Italia ad Atene sono al lavoro da questa notte per escludere la presenza di connazionali tra le vittime del sisma". Lo ha riferito la Farnesina.

10:47Turchia: ‘legami Gulen’, altri 188 mandati di cattura

(ANSA) - ISTANBUL, 21 LUG - Nuova ondata di arresti stamani in Turchia per sospetti legami con la presunta rete golpista di Fethullah Gulen. La procura di Istanbul ha emesso 168 mandati di cattura nei confronti di persone accusate di aver utilizzato ByLock, l'app di messaggistica che, secondo gli inquirenti, veniva utilizzata dai 'gulenisti' per scambiarsi informazioni criptate. Almeno 115 sono già state arrestate in operazioni condotte nei quartieri di Uskudar e Umraniye, sulla sponda asiatica di Istanbul. I blitz sono ancora in corso. Altri 20 mandati di cattura sono stati emessi dalla procura di Ankara nei confronti di dipendenti del ministero delle Risorse Forestali.

Archivio Ultima ora