L’industria dell’automobile e le promesse del presidente Maduro

Pubblicato il 21 marzo 2016 da redazione

automotriz

Dopo il “Correo del Caroní”, “El Carabobeño”. E, ora, i tre quotidiani dello Stato Barinas: “La Prensa de Barinas”, “El Diario de los Llanos” e “La Noticia de Barinas”. La libertà di stampa in pericolo? Sempre di più. Evidenze, nel caso ci fossero dubbi, ve ne sono in abbondanza.

Come si ricorderà, una sentenza del Tribunale ha condannato a 4 anni di reclusione il direttore del quotidiano “Correo del Caroní” per diffamazione e ingiuria. La ragione? Aver indagato sulla corruzione che, come un cancro, sembra corroda “ la CVG Ferrominera”, una delle aziende della holding “Corporación Venezolana de Guayana”.

Il Tribunale, nonostante il presidente di “Ferraminera” abbia presentato le sue dimissioni e le indagini delle autorità competenti siano ancora in corso, ha ritenuto opportuno anche multare il giornale che ora dovrà pagare una congrua somma che mette seriamente a repentaglio il suo futuro.

Nei giorni scorsi, “El Carabobeño” ha interrotto la pubblicazione dell’edizione cartacea per mancanza di carta e delle materie prime di cui ha bisogno qualunque giornale, per essere presente in edicola. Con un editoriale e un laconico “por el momento”, “El Carabobeño” si è congedato dai suoi lettori, promettendo di tornare in edicola non appena le condizioni del Paese lo renderanno possibile. E sempre nei giorni scorsi, e per lo stesso motivo, tre quotidiani dello Stato Barinas hanno interrotto la pubblicazione. Non hanno carta.

Tempi e modi. Il salto verso le edizioni online, in Venezuela, non avviene per un processo naturale determinato dall’evoluzione della tecnologia, dal progresso del Paese e dalla modernità che coinvolge la società. È dovuto a particolarissime condizioni che rendono sempre più difficile e in salita il cammino dei mezzi di comunicazione che non sono pro-governativi. Per tutti gli altri, ormai la grande maggioranza, la realtà è ben diversa.

“La libertà – diceva Don Luigi Sturzo – è come l’aria: si vive nell’aria; se l’aria è viziata, si soffre; se l’aria è insufficiente, si soffoca; se l’aria manca si muore”. Ed è proprio l’aria quella che sta mancando in Venezuela. La rete, viste le circostanze, si sta trasformando in un rifugio obbligato, nell’unica alternativa.

Per i grandi giornali del mondo, il web è la sfida del futuro. Per i mass media venezuelani lo è del presente. Lo è anche per la libertà di stampa. Appare oggi assai lontana la celebre frase attribuita a Voltaire: “Non sono d’accordo con quello che dici, ma darei la vita perché tu lo possa dire”.

Emendamento Costituzionale, Referendum abrogatorio, dimissioni. Questi i tre strumenti sui quali stanno lavorando i politici che compongono il Tavolo dell’Unità per un giro di boa che possa dare al Paese un nuovo Governo. Escluse le dimissioni del capo dello Stato, poiché pare poco probabile che il presidente Maduro rinunci alla sua investitura, restano l’emendamento costituzionale e il referendum abrogatorio.

Il buon senso consiglierebbe di non disperdere energie. Insomma, di impegnarsi con forza in un unico strumento, quello che possa garantire maggiori possibilità di trionfo. Ma è evidente che l’Opposizione è divisa. Ne è dimostrazione la decisione, salomonica, di seguire tutti i cammini possibili. Il Tavolo dell’Unità, così, ha voluto evitare il pericolo di dibattiti logoranti e di pericolose disgregazioni.

L’emendamento costituzionale e il referendum abrogatorio, come abbiamo già scritto, distolgono attenzione ed energie dal prossimo obiettivo elettorale: la conquista dei governi regionali e comunali. In democrazia, il potere si costruisce a piccoli passi, occupando tutti gli spazi contemplati nella Costituzione. E’ ciò che fece il presidente Chávez, scomparso prematuramente.

La popolarità del presidente Maduro, stando alla nota agenzia di sondaggi Hinterlaces, è oggi ai minimi storici. La popolazione non segue più i suoi “canti delle sirene”. Ormai il “mito” della “guerra economica” non fa più leva sugli animi dei venezuelani, se non in quei settori minoritari offuscati dal fanatismo che acceca la ragione.

Secondo l’ultimo sondaggio di Hinterlaces, il 58 per cento dei venezuelani ritiene il capo dello Stato responsabile della “débâcle” economica e considera impossibile una “ripresa” del Paese senza le dimissioni del presidente Maduro.

La percezione che i venezolani hanno del futuro del Paese è tutt’altro che positiva. Il 67 per cento ritiene che quest’anno l’economia non migliorerà. Considera che il presidente Maduro non abbia preso il “toro per le corna”. E cioè, non sia stato capace di applicare provvedimenti chiari, coerenti e, soprattutto, concreti per frenare l’inflazione, sconfiggere l’insicurezza e assicurare al Paese l’approvvigionamento di generi alimentari.

Il Presidente di Hinterlaces, Oscar Shemel, intervistato da José Vicente Rangel, ha spiegato che la percezione che emerge è che il presidente Maduro sia prigioniero del suo labirinto; stia vivendo una “fantasiosa epica rivoluzionaria” e sia incapace di occuparsi dei veri problemi della popolazione.

Stupore e confusione. L’ultimo annuncio del capo dello Stato, realizzato a reti unificate, è stato accolto non solo con sorpresa ma anche con incredulità. In un paese in cui i concessionari non hanno utilitarie da offrire e solo riescono a vendere auto di gran lusso, merce pregiata per i “nuovi ricchi”, il capo dello Stato ha annunciato che si darà un nuovo impulso all’industria dell’automobile.

General Motors, Toyota, Chrysler, Mac, Iveco, Venezolana de Motos, Yamaha, Decars Motors, CA, sono alcune delle multinazionali incaricate di produrre vetture e motociclette per il mercato locale e l’esportazione.
Il presidente Maduro, inoltre, ha sottolineato, ed è quello che ha maggiormente sorpreso, che l’assemblatrice Toyota produrrà il modello “Corolla 2015”, destinato alla famiglia venezuelana. Una vettura, ha reiterato il capo dello Stato, “accessibile ai giovani, alla classe media, agli operai, alla famiglia venezuelana”.

I prezzi del “Corolla”, in America latina, si aggirano tra i 17mila e i 19mila dollari. Toyota, nel presentare lo scorso febbraio il modello “Corolla 2015”, disse che il costo sarebbe stato tra il milione 600mila bolívares e il milione 900mila. Un prezzo, insomma, proibitivo per la stragrande maggioranza dei venezuelani che riceve lo stipendio minimo stabilito per legge o poco più.

S’inferisce, quindi, che l’automobile della Toyota potrebbe essere venduto a un prezzo politico, come lo sono gli alimenti e le medicine; e che il governo del presidente Maduro scommetta su una ripresa dei prezzi del greggio, oggi attorno ai 30 dollari il barile, frutto di un probabile accordo nel “summit” di Doha.

In ultimo, ha sorpreso l’improvviso viaggio del presidente Maduro alla vicina isola di Cuba. Illazioni, speculazioni, pettegolezzi. La visita del capo di Stato alla vigilia dell’arrivo a Cuba di un altro capo di Stato, Barack Obama, ha dato adito a tante ipotesi. Il viaggio di Obama ha rotto più di mezzo secolo d’isolamento dell’isola; inaugurato una nuova politica estera nei confronti di Cuba e chiuso un capitolo di storia.

Imperialismo, colonialismo, fascismo, negli ultimi mesi sono scomparsi dal linguaggio della diplomazia cubana e dai discorsi di Raul Castro. Termini, però, presenti ancora negli articoli del vecchio leader, ormai in pensione, Fidel Castro pubblicati da Gramma; e nei discorsi degli esponenti della “rivoluzione bolivariana”. E’ un lessico preso in prestito dagli anni 60 che, reso di nuovo di moda, accompagna in questo suo “revival” il populismo e la demagogia con cui si alimentano sogni e seminano illusioni. Sogni e illusioni che, come un gigante dai piedi d’argilla, si sgretolano sotto il peso della realtà.

(Mauro Bafile/Voce)

Ultima ora

17:00Calcio: Leicester cerca tecnico, il primo nome è Ancelotti

(ANSA) - ROMA, 19 OTT - Il proprietario di Leicester, Vichai Srivaddhanaprabha, è stato chiaro: dopo il licenziamento di Craig Shakespeare, il club è in cerca di un allenatore di peso, in grado di tirare su la squadra dalle sabbie mobili della bassa classifica. Le 'Volpi' si trovano attualmente al terz'ultimo posto in Premier, davanti solo a Bournemouth e al Crystal Palace. Il primo nome di una lista di tecnici che il patron sta vagliando - secondo quanto riferisce Sport - è quello di Carlo Ancelotti, che ieri sera ha assistito dalla tribuna alla sfida di Champions fra Chelsea e Roma. Difficile che l'ex trainer del Bayern accetti un eventuale incarico, visto che ha sempre dichiarato di non voler prendere alcuna squadra a stagione iniziata. Se Ancelotti rifiutasse, l'alternativa per il proprietario di Leicester sarebbe il gallese Chris Coleman, reduce dalla mancata qualificazione con la Nazionale ai Mondiali. Possibili alternative sono quelle di David Wagner, Huddersfield, Sean Dyche, Burnley, Roy Hodgson, Ryan Giggs o Martin O'Neil.

16:51Malta: ‘bomba su auto azionata da cellulare’

(ANSA) - ROMA, 19 OTT - La bomba esplosa nell'auto della giornalista maltese, Daphne Caruana Galizia, rimasta uccisa lunedì scorso, 'sarebbe stata azionata grazie ad un cellulare'. Ne sono convinti gli inquirenti che indagano sul delitto stando a quanto scrive il giornale online The Times of Malta. Sono in corso indagini in particolare per capire chi abbia azionato il congegno mortale, dove e quando. Secondo altre fonti citate dal giornale la bomba sarebbe stata posta nella parte inferiore del veicolo sotto il posto del passeggero accanto alla guida. Gli inquirenti sperano anche di essere in grado di poter raccogliere dei dati dal laptop della giornalista pesantemente danneggiato e bruciato in seguito all'esplosione. Inoltre in base al danno subito dall'auto si presume che la bomba contenesse circa mezzo chilo di esplosivo.

16:47Provoca incidenti e inneggia a Isis, arrestato da Cc

(ANSA) - CATANZARO, 19 OTT - Ha provocato una serie di incidenti causando, tra l'altro, il ferimento non grave di due ragazze. E quando ha bloccato l'automobile di cui era alla guida, ha cominciato ad urlare frasi sconnesse riconducibili all'Isis ed a pratiche terroristiche. L'estremismo islamico, comunque, a detta dei carabinieri, non c'entra nulla col comportamento dell'uomo, un trentaduenne di Catanzaro di origini sudamericane in evidente stato di alterazione psicofisica. Nei suoi confronti, così, sono scattati gli arresti domiciliari con l'accusa di danneggiamento e resistenza a pubblico ufficiale. I proprietari dei veicoli danneggiati dal trentaduenne nel corso della sua scorribanda hanno presentato denuncia nei suoi confronti per il risarcimento dei danni subiti. (ANSA).

16:45Cade pietra in S.Croce a Firenze, morto turista

(ANSA) - FIRENZE, 19 OTT - Un turista spagnolo di 52 anni è morto colpito da un elemento architettonico caduto dalla sommità di una navata della Basilica di Santa Croce a Firenze. Inutili i soccorsi del 118 e della polizia municipale.

16:41Torino: revisori, ok a piano rientro ma con qualche riserva

(ANSA) - TORINO, 19 OTT - E' favorevole, ma con qualche riserva, il parere espresso dai revisori dei conti al piano di rientro annunciato nei giorni scorsi dal Comune di Torino per riportare in equilibrio i conti della Città. Nel documento, i revisori si chiedono se tutte le azioni annunciate dall'amministrazione siano realizzabili. Il piano di rientro, da 80 milioni in quattro anni, prevede tagli alla spesa corrente, dismissioni delle partecipate e degli immobili. Ed è proprio su quest'ultimo punto che si soffermano i dubbi dei revisori. Per gli esperti contabili, inoltre, bisogna capire quale sarà l'effetto dei tagli e delle riorganizzazioni previste sul bilancio. E, pur evidenziando che il debito diminuirà, si chiedono se si riuscirà a raggiungere l'equilibrio. Il parere torna anche sul debito di 5 milioni di euro nei confronti della Ream, per il quale la sindaca Appendino è indagata per falso ideologico. E ribadisce che andava inserito nel bilancio 2017.(ANSA).

16:41Maltrattamenti a disabili: chieste condanne di 3 infermiere

(ANSA) - CAGLIARI, 19 OTT - Per i maltrattamenti sui pazienti disabili dell'Aias di Decimomannu (Cagliari) il pubblico ministero Liliana Ledda ha chiesto la condanna a due anni nei confronti delle operatrici sanitarie Sabrina Carta e Elsa Giorgi, e due anni e otto mesi nei confronti della collega Monica Frau. E' approdata davanti alla Gup del Tribunale di Cagliari, Gabriella Muscas, la parte in abbreviato del procedimento penale scaturito dall'indagine della Procura, affidata ai carabinieri del Nas e della sezione di polizia giudiziaria, nei confronti di operatori socio sanitari e infermieri dell'Aias di Decimomannu accusati di aver picchiato e insultato alcuni dei pazienti ricoverati nella struttura che assiste i malati psichici. Altri otto indagati avevano già scelto il patteggiamento, mentre il processo ai vertici del centro Aias si sta celebrando con rito ordinario davanti in Tribunale e vede imputati il direttore amministrativo, Vittorio Randazzo, e la responsabile del centro Sandra Murgia. I due sono accusati di omissioni d'atti d'ufficio in relazione ai maltrattamenti contestati a vari operatori sanitari della struttura. Per quanto riguarda il dibattimento, si è ancora alle fasi iniziali, con l'accusa che sta portando in aula i propri testimoni. Oggi, invece, il pm Ledda ha concluso la requisitoria nell'abbreviato chiedendo la condanna dei tre operatori colpevoli di maltrattamenti verbali. Nelle prossime udienze la parola passerà alle difese e poi ci sarà la sentenza. (ANSA).

16:28Migranti: operatore Hub denuncia, minacciato con pistola

(ANSA) - BOLOGNA, 19 OTT - Un dipendente di una cooperativa sociale, che lavora nell'Hub regionale dei migranti di Bologna, ha denunciato di essere stato avvicinato all'uscita dal centro da un'auto, minacciato da una persona che gli ha puntato contro una pistola e poi ha sparato due colpi in aria. L'episodio è di lunedì sera e la vittima il giorno dopo si è rivolta ai Carabinieri. Sono in corso indagini e al momento non sono chiari i motivi del gesto intimidatorio, che gli investigatori stanno cercando di inquadrare. L'Hub di via Mattei è la struttura visitata da Papa Francesco durante la sua recente visita a Bologna, luogo dove vengono ospitati gli stranieri sbarcati nell'Italia del Sud, prima di essere smistati nei centri in regione. L'operatore, a quanto si apprende un ragazzo di colore, avrebbe riferito che verso le 21.30, quando era uscito dal centro, è stato avvicinato da due auto e che il passeggero di una di queste gli ha puntato contro l'arma. (ANSA).

Archivio Ultima ora