L’Isis alza il tiro. Guerra al cuore dell’Europa

Pubblicato il 22 marzo 2016 da redazione

Aeroporto Bruxelles, testimoni, ci sono feriti fermo immagine

Aeroporto Bruxelles, testimoni, ci sono feriti
fermo immagine

ROMA. – L’illusione è durata poco, pochissimo. Quattro giorni dopo l’arresto di Salah Abdeslam, l’Isis porta la guerra nel cuore dell’Europa e colpisce la sua capitale. Morti e feriti, aeroporto e metropolitana, il sistema nervoso e logistico della città al centro dell’attacco, portato con pianificazione militare e preparazione forse addirittura superiore ai recenti e sanguinosi attacchi di Parigi.

E non è finita qui: nella delirante rivendicazione dell’attacco, lo Stato Islamico minaccia nuove azioni, nuovo sangue versato, nuovi attentati in Europa. “Quello che temevamo è accaduto”, ha sintetizzato il premier belga Michel confermando che la guerra dell’Isis è tutt’altro che finita e che l’arresto di Salah potrebbe, paradossalmente, aver accelerato l’esecuzione di un attentato già pianificato nei dettagli e pronto ad essere eseguito.

Una risposta dell’Isis all’arresto di Salah? Paura che Abdeslam potesse raccontare dettagli sulle cellule dell’Isis ancora attive o dormienti in Belgio? Semplicemente una pianificazione del terrore già programmata da tempo? Tutte le ipotesi contengono probabilmente una parte di verità. Sta di fatto che l’Isis ha alzato il livello della sua guerra, alzato i suoi obiettivi. E sta di fatto che l’Europa, come in un angosciante e terrificante deja vu, rivive i momenti terribili dei giorni di novembre a Parigi e si ritrova impreparata e attonita a ripetere frasi già sentite troppe volte in passato.

I terroristi dell’Isis hanno messo a ferro e fuoco la capitale europea con attacchi simultanei che hanno anche provocato un ampliamento esponenziale del terrore con falsi allarmi che si sono susseguiti per ore. Potrebbe trattarsi di un attacco portato dagli ultimi uomini in circolazione della cellula alla quale apparteneva Salah, protagonista degli assalti di Parigi. Oppure potremmo essere di fronte ad una nuova ondata di attacchi portati da una nuova cellula.

D’altra parte il numero dei foreign fighter in Belgio è sempre alto e probabilmente in aumento in seguito al rientro dalla Siria di alcuni ragazzi delle banlieue brussellesi. Così come molto alte rimangono le folli motivazioni di chi tira le fila dell’organizzazione dell’estremismo islamico.

Di fronte al nuovo tragico e devastante episodio della guerra dell’Isis all’Europa e al mondo intero, i leader europei appaiono purtroppo, ancora una volta, sorpresi e impreparati. “Siamo in guerra”, ha detto il premier francese Manuel Valls. Le stesse identiche parole le aveva pronunciate il 14 novembre scorso dopo gli attacchi di Parigi insieme alle promesse, condivise da tutti i leader europei, di una nuova cooperazione europea, di un rafforzamento delle politiche comuni e del coordinamento delle intelligence.

Purtroppo, quattro mesi dopo, si ricomincia da capo. Combattere il terrorismo è molto difficile, è un’operazione al limite dell’impossibile. Fermare i kamikaze anche. Ma la vecchia Europa deve fare di più. Deve trovare una volontà comune e concrete azioni corali. Deve avere più forza e più coraggio, più idee e più visione.

Cominciando magari con un vero tentativo nel risolvere i grandi problemi che la circondano, costruendo meno muri per i migranti e i rifugiati e ritrovando l’antica solidarietà dell’accoglienza che è alla base della sua costruzione. Si può partire proprio da lì, senza compiere l’errore di chiudersi ulteriormente. Può essere il primo tassello per la costruzione di una struttura di sicurezza comune fatta di politica, cultura, umanità, intelligence e forza militare.

Il problema del terrorismo è globale, è una delle grandi sfide del nuovo millennio e si risolve tutti insieme, con uno sforzo comune. Molti analisti prevedono che, purtroppo, ci saranno nuovi attacchi. Forse, nuovi attacchi sono già pronti. Le parole non bastano più.

(di Stefano Polli/ANSA)

Ultima ora

10:56Gerusalemme: polizia mantiene stato di allerta

(ANSAmed) - TEL AVIV, 22 LUG - All'indomani dei gravi incidenti in cui tre dimostranti palestinesi sono rimasti uccisi, la polizia di Gerusalemme mantiene anche oggi un elevato stato di allerta, in particolare nella Città Vecchia e nella Spianata delle Moschee. I fedeli palestinesi si oppongono alla installazione da parte di Israele di metal detector, e anche oggi prevedono di tenere preghiere di protesta non nella Spianata ma nelle strade adiacenti. Da parte sua al-Fatah ha proclamato uno sciopero generale. Forte tensione anche in Cisgiordania dopo che ieri un giovane palestinese sostenitore di Hamas ha massacrato tre membri di una famiglia israeliana nella loro abitazione nella colonia di Halamish (Neve Zuf, presso Ramallah) ed è stato poi ferito dal fuoco di un soldato in licenza. L'assalitore e' ricoverato in un ospedale israeliano. L'esercito ha arrestato il fratello e, secondo i media, potrebbe demolire la sua abitazione. I reparti militari in Cisgiordania sono mantenuti in stato di allerta.

10:50Tav: sassi contro cantiere, No Tav allontanati con idranti

(ANSA) - TORINO, 22 LUG - Il movimento No Tav torna a farsi sentire in Valle di Susa. Nella tarda serata di ieri, un'ottantina di attivisti del movimento che si oppone alla realizzazione della nuova linea ferroviaria ad Alta Velocità Torino-Lione ha dato vita ad una sassaiola contro il cantiere di Chiomonte. Guadato il fiume Dora, è stato acceso un fuoco a ridosso dei jersey posti a protezione della zona rossa. I manifestanti sono stati allontanati dalle forze dell'ordine con l'uso di idranti. Su Notav.info, sito internet di riferimento del movimento, si parla anche di lancio di lacrimogeni. I No Tav hanno poi fatto ritorno al campeggio di Venaus, da dove questa sera è prevista un'altra "passeggiata" verso il cantiere della valle Clarea. (ANSA).

10:47Rapina stile “arancia meccanica” in villa, c’è anche 12enne

(ANSA) - NAPOLI, 22 LUG - A soli 12 anni tiene sotto la minaccia di un grosso cacciavite il proprietario disabile di una villa di Massa Lubrense (Napoli) mentre gli altri due fratelli, di 17 e 30 anni, svaligiano il caveau. Non solo. Con la stessa l'aplomb di un navigato rapinatore, per ingannare il tempo, intraprende una conversazione con la vittima, terrorizzata e dolorante, chiedendole "hai famiglia... che fanno i tuoi figli... quanti anni hanno... vivono con te...". L'episodio è avvenuto in pieno giorno, una domenica dello scorso mese di giugno. I tre giovani sono stati identificati e fermati dai carabinieri al termine di indagini coordinate dalla Procura di Torre Annunziata (Napoli). Tutti vivevano un campo rom della provincia a Nord di Napoli. I tre fratelli hanno razziato argenteria e denaro per circa 50mila euro, dopo avere picchiato violentemente l'uomo, malgrado fosse sulla sedia a rotelle, provocandogli lesioni e ferite, anche alla testa, giudicate dai medici guaribili in 30 giorni. (ANSA).

10:44Gb: principe George compie 4 anni, nuova foto da Palazzo

(ANSA) - ROMA, 21 LUG - Kensington Palace ha diffuso una nuova foto del principe George in occasione del suo quarto compleanno che cade domani. La foto è stata scattata a Kensington Palace alla fine di giugno da Chris Jackson, il fotografo di Getty Images' dei reali e mostra un sorridente George in primo piano. "Il duca e la duchessa sono lieti di condividere questa bellissima foto mentre celebrano il quarto compleanno del principe George e ringraziano tutti per i messaggi ricevuti", si legge in una nota da palazzo.

10:42Auto fuori strada contro albero, morti tre nordafricani

(ANSA) - ALESSANDRIA, 22 LUG - Tre giovani, tutti di origine nordafricana, sono morti nella notte in un incidente stradale sulla provinciale 93 che collega Pontecurone a Castelnuovo Scrivia, in provincia di Alessandria. Un quarto è rimasto ferito ed è ricoverato in prognosi riservata all'ospedale di Alessandria. I quattro viaggiavano su una Opel Meriva che è uscita di strada schiantandosi contro un albero. Sul posto, avvisati da un automobilista - sono intervenuti vigili del fuoco, carabinieri e 118. I carabinieri stanno cercando di ricostruire cause e dinamica dell'incidente. (ANSA).

10:28Afghanistan: battaglia in Farah esercito-talebani, 18 morti

(ANSA) - KABUL, 22 LUG - Un duro scontro fra un commando di talebani e le forze di sicurezza afghane nella provincia occidentale di Farah ha avuto la notte scorsa un bilancio di 18 morti. Lo riferisce Radio Killid a Kabul. L'emittente cita un comunicato dell'ufficio stampa del governo provinciale secondo cui gli insorti hanno attaccato postazioni militari nei distretti di Poshta Ko e Qala-e-Ka, ritirandosi successivamente. Nella battaglia protrattasi per varie ore, precisa infine il comunicato, sono stati uccisi 12 talebani ed altri sei sono rimasti feriti, mentre hanno perso la vita anche sei soldati dell'esercito mentre altri tre hanno riportato ferite.

10:20Calcio: Allegri, sulla finale dette tante fantasie

(ANSA) - ROMA, 22 LUG - "Dopo la finale si sono dette cose che neanche la fantasia di un regista di Hollywood avrebbe partorito... È stata screditata la nostra annata straordinaria e mi spiace che scudetto e Coppa Italia non siano stati festeggiati come sarebbe stato giusto". Dagli Stati Uniti, dove stasera la Juventus sfiderà il Barcellona in amichevole, Massimiliano Allegri torna così sulla Champions persa. "Il Real si è dimostrato più forte - aggiunge il tecnico sul sito del club - Ora dobbiamo ripartire con la voglia di fare un'altra grande stagione". Che "non sarà semplice, perché le avversarie si sono rinforzate: non solo il Milan, ma anche il Napoli e la Roma. Quindi, il campionato sarà complicato. Ad ogni modo, alla Juventus sono arrivati giocatori importanti e il mercato non è ancora finito. Al momento abbiamo gli uomini per giocare anche con tre elementi a centrocampo, come spesso accadrà".

Archivio Ultima ora