L’Isis alza il tiro. Guerra al cuore dell’Europa

Pubblicato il 22 marzo 2016 da redazione

Aeroporto Bruxelles, testimoni, ci sono feriti fermo immagine

Aeroporto Bruxelles, testimoni, ci sono feriti
fermo immagine

ROMA. – L’illusione è durata poco, pochissimo. Quattro giorni dopo l’arresto di Salah Abdeslam, l’Isis porta la guerra nel cuore dell’Europa e colpisce la sua capitale. Morti e feriti, aeroporto e metropolitana, il sistema nervoso e logistico della città al centro dell’attacco, portato con pianificazione militare e preparazione forse addirittura superiore ai recenti e sanguinosi attacchi di Parigi.

E non è finita qui: nella delirante rivendicazione dell’attacco, lo Stato Islamico minaccia nuove azioni, nuovo sangue versato, nuovi attentati in Europa. “Quello che temevamo è accaduto”, ha sintetizzato il premier belga Michel confermando che la guerra dell’Isis è tutt’altro che finita e che l’arresto di Salah potrebbe, paradossalmente, aver accelerato l’esecuzione di un attentato già pianificato nei dettagli e pronto ad essere eseguito.

Una risposta dell’Isis all’arresto di Salah? Paura che Abdeslam potesse raccontare dettagli sulle cellule dell’Isis ancora attive o dormienti in Belgio? Semplicemente una pianificazione del terrore già programmata da tempo? Tutte le ipotesi contengono probabilmente una parte di verità. Sta di fatto che l’Isis ha alzato il livello della sua guerra, alzato i suoi obiettivi. E sta di fatto che l’Europa, come in un angosciante e terrificante deja vu, rivive i momenti terribili dei giorni di novembre a Parigi e si ritrova impreparata e attonita a ripetere frasi già sentite troppe volte in passato.

I terroristi dell’Isis hanno messo a ferro e fuoco la capitale europea con attacchi simultanei che hanno anche provocato un ampliamento esponenziale del terrore con falsi allarmi che si sono susseguiti per ore. Potrebbe trattarsi di un attacco portato dagli ultimi uomini in circolazione della cellula alla quale apparteneva Salah, protagonista degli assalti di Parigi. Oppure potremmo essere di fronte ad una nuova ondata di attacchi portati da una nuova cellula.

D’altra parte il numero dei foreign fighter in Belgio è sempre alto e probabilmente in aumento in seguito al rientro dalla Siria di alcuni ragazzi delle banlieue brussellesi. Così come molto alte rimangono le folli motivazioni di chi tira le fila dell’organizzazione dell’estremismo islamico.

Di fronte al nuovo tragico e devastante episodio della guerra dell’Isis all’Europa e al mondo intero, i leader europei appaiono purtroppo, ancora una volta, sorpresi e impreparati. “Siamo in guerra”, ha detto il premier francese Manuel Valls. Le stesse identiche parole le aveva pronunciate il 14 novembre scorso dopo gli attacchi di Parigi insieme alle promesse, condivise da tutti i leader europei, di una nuova cooperazione europea, di un rafforzamento delle politiche comuni e del coordinamento delle intelligence.

Purtroppo, quattro mesi dopo, si ricomincia da capo. Combattere il terrorismo è molto difficile, è un’operazione al limite dell’impossibile. Fermare i kamikaze anche. Ma la vecchia Europa deve fare di più. Deve trovare una volontà comune e concrete azioni corali. Deve avere più forza e più coraggio, più idee e più visione.

Cominciando magari con un vero tentativo nel risolvere i grandi problemi che la circondano, costruendo meno muri per i migranti e i rifugiati e ritrovando l’antica solidarietà dell’accoglienza che è alla base della sua costruzione. Si può partire proprio da lì, senza compiere l’errore di chiudersi ulteriormente. Può essere il primo tassello per la costruzione di una struttura di sicurezza comune fatta di politica, cultura, umanità, intelligence e forza militare.

Il problema del terrorismo è globale, è una delle grandi sfide del nuovo millennio e si risolve tutti insieme, con uno sforzo comune. Molti analisti prevedono che, purtroppo, ci saranno nuovi attacchi. Forse, nuovi attacchi sono già pronti. Le parole non bastano più.

(di Stefano Polli/ANSA)

Ultima ora

15:38Iran: Università Novara, ‘Djalali torturato per confessione’

(ANSA) - NOVARA, 18 DIC - "Ma quale confessione! E' stato torturato finché non ha dovuto dire quanto volevano i suoi carcerieri". Il professore Francesco Della Corte, direttore del Credim, il Centro di ricerca interdipartimentale in medicina dei disastri dell'Università del Piemonte Orientale per cui ha lavorato Ahmadreza Djalali, commenta così la confessione del ricercatore iraniano che in televisione ha sostenuto di essere una spia, l'accusa per cui è stato arrestato e condannato a morte. "Non è bastato che venisse condannato a morte dal Tribunale della Rivoluzione di Teheran per reati mai commessi - prosegue Della Corte - ora hanno voluto che pubblicamente si accusasse, in modo da avere una scusa, di fronte all'opinione pubblica, per poterlo uccidere".

15:37Pyeongchang: Fontana, Corea? Nel villaggio saremo protetti

(ANSA) - ROMA, 18 DIC - "Per la situazione in Corea del Nord sono abbastanza tranquilla, perchè una volta entrati al villaggio olimpio saremo come in un bolla. Ci sentiremo, e saremo protetti, e saremo concentrati sulle gare. Quel che succede al di fuori, nei limiti, ci coinvolgerà relativamente". Arianna Fontana, portabandiera dell'Italia tra 53 giorni ai Giochi di PyeongChang, non si dice preoccupata per le tensioni internazionali caudate dalle minacce del regime di Pyeongyang. L'atleta, dopo aver ricevuto la bandiera al Quirinale dalle mani del presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, ha ribadito il suo dispiacere per il bando imposto dal Cio agli atleti russi per il doping: "Non bisogna fare di tutta l'erba un fascio. Ci sono molti atleti puliti che. Una ragazza russa che ho sentito - ha aggiunto - mi ha detto che sapranno solo a fine gennaio se potranno gareggiare. Mi dispiace, sono momenti non molto semplici".

15:36Turchia: 822 arresti per terrorismo in una settimana

(ANSA) - ISTANBUL, 18 DIC - Continuano in Turchia gli arresti di massa sotto lo stato d'emergenza post-golpe. Nell'ultima settimana, sono 822 le persone finite in manette con accuse di terrorismo. Lo rende noto il ministero degli Interni. La maggior parte (575) è sospettata di legami con la presunta rete golpista di Fethullah Gulen. Altre 148 sono state arrestate per supposti collegamenti con il Pkk curdo. Nelle operazioni contro il Pkk sono inoltre stati "neutralizzati" 28 combattenti, 9 dei quali uccisi. Detenuti anche 75 sospetti affiliati all'Isis e 24 a gruppi illegali di estrema sinistra. Dal tentato putsch dello scorso anno, in Turchia gli arresti per presunti reati di terrorismo sono più di 50 mila.

15:32Germania: Schulz chiede ministero finanze, Merkel frena

(ANSA) - BERLINO, 18 DIC - I media tedeschi affermano che Martin Schulz rivendicherebbe il ministero delle finanze per l'Spd, nel caso in cui si arrivasse a un governo di Grosse Koalition. Ma Angela Merkel, sollecitata in materia, frena. "Parlare di una distribuzione dei ministeri, non avendo ancora neppure la certezza di costruire insieme un governo, non mi sembra la sequenza giusta", ha affermato, rispondendo alle domande dei giornalisti, in conferenza stampa, rispetto a possibili desiderata dei socialdemocratici. È stato il giornale economico Handelsblatt a scrivere oggi, in prima pagina, che il leader dei socialdemocratici vorrebbe per il suo partito il ministero delle finanze.

15:25Calcio: Coppa Italia, Pasqua arbitra Napoli-Udinese

(ANSA) - ROMA, 18 DIC - Questi gli arbitri, gli assistenti, i IV Ufficiali, i Var e gli assistenti Var per le partite valide per gli ottavi di finale di Coppa Italia in programma da domani: Napoli-Udinese (19/12 ore 21): Pasqua di Tivoli Mondin-Bellutti/Di Paolo/Pairetto-Fiorito); Atalanta-Sassuolo (20/12 h.15): Ghersini di Genova (Rocca-La Notte/Minelli/Giacomelli-Ranghetti); Roma-Torino (20/12 ore 17.30): Calvarese di Teramo(Paganessi-Prenna/Abbattista/Banti-Di Vuolo); Juventus-Genoa (20/12 ore 20.45): Maresca di Napoli (La Rocca-Bindoni/Marini/Mariani-Alassio).

15:20Migranti: ok a progetto per impiego in Scavi Pompei e Reggia

(ANSA) - NAPOLI, 18 DIC - Una migliore distribuzione dei migranti sul territorio attraverso anche l'impiego sperimentale nei servizi sociali, in particolare in alcune realtà turistiche di grande pregio come gli Scavi di Pompei e la Reggia di Caserta. É il senso del protocollo d'intesa siglato oggi a Napoli con il ministro degli Interni Marco Minniti da 265 sindaci della Campania (il 70% del territorio) per l'accoglienza dei richiedenti asilo. "Un progetto bello e straordinario - ha sottolineato il ministro - che mette in campo una visione comune basata su accoglienza, umanità, integrazione e sicurezza e che se dovesse avere successo renderà migliore non solo la Campania ma l'Italia intera".

15:16Assad, 400 mld dollari di danni materiali dalla guerra

(ANSA) - MOSCA, 18 DIC - I danni materiali del conflitto in Siria ammontano a circa 400 miliardi di dollari: è la stima fatta dal controverso presidente siriano Bashar al Assad e riportata oggi dal vice premier russo Dmitri Rogozin. "Secondo le stime del presidente siriano - ha detto Rogozin - i danni provocati da questa aggressione contro la Siria ammontano a circa 400 miliardi di dollari".

Archivio Ultima ora