L’Isis alza il tiro. Guerra al cuore dell’Europa

Pubblicato il 22 marzo 2016 da redazione

Aeroporto Bruxelles, testimoni, ci sono feriti fermo immagine

Aeroporto Bruxelles, testimoni, ci sono feriti
fermo immagine

ROMA. – L’illusione è durata poco, pochissimo. Quattro giorni dopo l’arresto di Salah Abdeslam, l’Isis porta la guerra nel cuore dell’Europa e colpisce la sua capitale. Morti e feriti, aeroporto e metropolitana, il sistema nervoso e logistico della città al centro dell’attacco, portato con pianificazione militare e preparazione forse addirittura superiore ai recenti e sanguinosi attacchi di Parigi.

E non è finita qui: nella delirante rivendicazione dell’attacco, lo Stato Islamico minaccia nuove azioni, nuovo sangue versato, nuovi attentati in Europa. “Quello che temevamo è accaduto”, ha sintetizzato il premier belga Michel confermando che la guerra dell’Isis è tutt’altro che finita e che l’arresto di Salah potrebbe, paradossalmente, aver accelerato l’esecuzione di un attentato già pianificato nei dettagli e pronto ad essere eseguito.

Una risposta dell’Isis all’arresto di Salah? Paura che Abdeslam potesse raccontare dettagli sulle cellule dell’Isis ancora attive o dormienti in Belgio? Semplicemente una pianificazione del terrore già programmata da tempo? Tutte le ipotesi contengono probabilmente una parte di verità. Sta di fatto che l’Isis ha alzato il livello della sua guerra, alzato i suoi obiettivi. E sta di fatto che l’Europa, come in un angosciante e terrificante deja vu, rivive i momenti terribili dei giorni di novembre a Parigi e si ritrova impreparata e attonita a ripetere frasi già sentite troppe volte in passato.

I terroristi dell’Isis hanno messo a ferro e fuoco la capitale europea con attacchi simultanei che hanno anche provocato un ampliamento esponenziale del terrore con falsi allarmi che si sono susseguiti per ore. Potrebbe trattarsi di un attacco portato dagli ultimi uomini in circolazione della cellula alla quale apparteneva Salah, protagonista degli assalti di Parigi. Oppure potremmo essere di fronte ad una nuova ondata di attacchi portati da una nuova cellula.

D’altra parte il numero dei foreign fighter in Belgio è sempre alto e probabilmente in aumento in seguito al rientro dalla Siria di alcuni ragazzi delle banlieue brussellesi. Così come molto alte rimangono le folli motivazioni di chi tira le fila dell’organizzazione dell’estremismo islamico.

Di fronte al nuovo tragico e devastante episodio della guerra dell’Isis all’Europa e al mondo intero, i leader europei appaiono purtroppo, ancora una volta, sorpresi e impreparati. “Siamo in guerra”, ha detto il premier francese Manuel Valls. Le stesse identiche parole le aveva pronunciate il 14 novembre scorso dopo gli attacchi di Parigi insieme alle promesse, condivise da tutti i leader europei, di una nuova cooperazione europea, di un rafforzamento delle politiche comuni e del coordinamento delle intelligence.

Purtroppo, quattro mesi dopo, si ricomincia da capo. Combattere il terrorismo è molto difficile, è un’operazione al limite dell’impossibile. Fermare i kamikaze anche. Ma la vecchia Europa deve fare di più. Deve trovare una volontà comune e concrete azioni corali. Deve avere più forza e più coraggio, più idee e più visione.

Cominciando magari con un vero tentativo nel risolvere i grandi problemi che la circondano, costruendo meno muri per i migranti e i rifugiati e ritrovando l’antica solidarietà dell’accoglienza che è alla base della sua costruzione. Si può partire proprio da lì, senza compiere l’errore di chiudersi ulteriormente. Può essere il primo tassello per la costruzione di una struttura di sicurezza comune fatta di politica, cultura, umanità, intelligence e forza militare.

Il problema del terrorismo è globale, è una delle grandi sfide del nuovo millennio e si risolve tutti insieme, con uno sforzo comune. Molti analisti prevedono che, purtroppo, ci saranno nuovi attacchi. Forse, nuovi attacchi sono già pronti. Le parole non bastano più.

(di Stefano Polli/ANSA)

Ultima ora

17:35M5S: Pd, tutti zitti, parla capo, ecco libertà Grillo

(ANSA) - ROMA, 24 GEN - "I parlamentari del M5S devono restare muti, parla solo il capo. Ecco la libertà secondo Beppe Grillo". Lo scrive in un tweet, il senatore Pd Andrea Marcucci "Stupisce e indigna che di fronte alle sparate di Grillo che vuole mettere il bavaglio ai parlamentari del M5S, nel chiaro tentativo di evitare, come fanno, che si contraddicano ogni cinque minuti, i grandi numi tutelari della Costituzione restino in silenzio. Come mai non sentiamo la voce indignata del Professor Zagrebelsky tuonare contro la deriva autoritaria del leader pentastellato che pur di realizzare il vero partito azienda della storia della Repubblica italiana se ne frega delle libertà garantite dalla Carta ai deputati e ai senatori?", incalza la deputata Dem Alessia Morani.

17:26Cade da scogli durante pesca, muore vigile urbano in Salento

(ANSA) - OTRANTO (LECCE), 24 GEN - Un pescatore dilettante è morto precipitando da un tratto di scogliera in località 'Palombara' ad Otranto. La vittima era il vice comandante dei vigili urbani di Collepasso, il maresciallo Antonio Campa, di 57 anni. L'uomo era uscito di buon'ora per andare a pesca con una canna lungo la scogliera. A dare l'allarme intorno alle 13.30 alla Capitaneria di Porto di Otranto, è stata la figlia della vittima, allarmata per il mancato rientro a casa del padre. Sul posto sono intervenute due motovedette della Guardia costiera e una pattuglia da terra. Dopo un giro di perlustrazione, il cadavere è stato trovato in una cavità rocciosa dov'era finito dopo un volo da un'altezza di circa cinque metri, forse a causa di un piede messo in fallo o di un malore. La salma è stata recuperata dai vigili del fuoco. (ANSA).

17:16Fondazione Ventre, 4 indagati per investimento ‘fantasma’

(ANSA) - BOLOGNA, 24 GEN - Quattro persone sono indagate a Bologna per aver fatto 'sparire' un investimento da circa due milioni, i cui utili avrebbero dovuto finanziare le attività di beneficenza della Fondazione Mariele Ventre, costituita per tutelare l'immagine della musicista fondatrice del Piccolo coro dell'Antoniano, morta nel 1995. Dell'inchiesta, nata da una denuncia della presidente della Fondazione, Maria Antonietta Ventre, sorella di Mariele ha dato notizia il Corriere di Bologna. Il denaro era stato affidato nel 2010 ad un consulente finanziario, uomo di fiducia da tempo della famiglia: ora il professionista è indagato a vario titolo con altri tre per truffa, appropriazione indebita e reati fiscali. Dell'investimento, nel campo delle energie rinnovabili, secondo quanto accertato dalla Procura e dalla Gdf, sarebbero rientrati solo 130mila euro: per l'accusa il resto è finito nelle tasche del promoter e, in misura minore, di un imprenditore ferrarese, di un ex amministratore pubblico e di un manager. (ANSA).

17:11Brasile: scoppia rivolta in carcere Bauru

(ANSA) - RIO DE JANEIRO, 24 GEN - Ennesima rivolta carceraria in Brasile, che dall'inizio dell'anno è stato colpito da una crisi senza precedenti del sistema penitenziario, con ripetute sommosse seguite da stragi: incidenti sono scoppiati nel 'Centro de Progressao Penitenciaria' di Bauru, comune nell'entroterra dello stato di San Paolo. In base alle prime informazioni della polizia militare, i reclusi hanno dato fuoco a due ale dell'edificio e almeno duecento sarebbero riusciti a fuggire.

17:05Trump riceve i big dell’auto alla Casa Bianca

(ANSA) - NEW YORK, 24 GEN - Siamo di fronte a un ambientalismo fuori controllo: lo ha detto il presidente degli Stati Uniti Donald Trump incontrando alla Casa Bianca i big dell'industria automobilistica Usa, tra cui il numero uno di Fiat Chrysler, Sergio Marchionne. ''Agli Stati Uniti serve una forte spinta per costruire fabbriche nel paese'', ha aggiunto Trump assicurando una riduzione delle regole e un taglio delle tasse.

17:03Calcio: Serie A, Corini quinta panchina saltata

(ANSA) - ROMA, 24 GEN - Eugenio Corini è il quinto allenatore della stagione in Serie A, il terzo al Palermo, a lasciare la panchina prima della fine del campionato, non contando l'addio all'Inter di Roberto Mancini avvenuto l'8 agosto scorso (ancora in fase di ritiri e amichevoli). Il primo esonero era avvenuto il 6 settembre, dopo la seconda giornata, con il benservito a Davide Ballardini e l'arrivo del giovane Roberto De Zerbi, poi a sua volta caduto il 30 novembre dopo l'eliminazione dalla Coppa Italia ad opera dello Spezia. Dopo la settima giornata, il 2 ottobre, era toccato invece al tecnico dell'Udinese Giuseppe Iachini (ex Palermo), sostituito da Luigi Delneri. Quindi, dopo l'undicesima giornata, nella prima settimana di novembre, la fine dell'avventura di Frank De Boer all'Inter, che ha lasciato il posto a Stefano Pioli.

17:03Germania: Stern, Gabriel rinuncia alla candidatura

(ANSA) - BERLINO, 24 GEN - Bild online anticipa la copertina del nuovo numero di Stern secondo cui Sigmar Gabriel rinuncia alla candidatura alla cancelleria. Il successore di Sigmar Gabriel alla testa del partito socialdemocratico tedesco sarà Martin Schulz. Lo scrive Spiegel on line che citando fonti proprie titola sulla rinuncia di Gabriel. La prassi vuole che il leader del Spd si candidi per la cancelleria: salvo sorprese Schulz sarà l'avversario della cancelliera uscente Angel Merkel alle elezioni di fine settembre.

Archivio Ultima ora