L’Isis alza il tiro. Guerra al cuore dell’Europa

Pubblicato il 22 marzo 2016 da redazione

Aeroporto Bruxelles, testimoni, ci sono feriti fermo immagine

Aeroporto Bruxelles, testimoni, ci sono feriti
fermo immagine

ROMA. – L’illusione è durata poco, pochissimo. Quattro giorni dopo l’arresto di Salah Abdeslam, l’Isis porta la guerra nel cuore dell’Europa e colpisce la sua capitale. Morti e feriti, aeroporto e metropolitana, il sistema nervoso e logistico della città al centro dell’attacco, portato con pianificazione militare e preparazione forse addirittura superiore ai recenti e sanguinosi attacchi di Parigi.

E non è finita qui: nella delirante rivendicazione dell’attacco, lo Stato Islamico minaccia nuove azioni, nuovo sangue versato, nuovi attentati in Europa. “Quello che temevamo è accaduto”, ha sintetizzato il premier belga Michel confermando che la guerra dell’Isis è tutt’altro che finita e che l’arresto di Salah potrebbe, paradossalmente, aver accelerato l’esecuzione di un attentato già pianificato nei dettagli e pronto ad essere eseguito.

Una risposta dell’Isis all’arresto di Salah? Paura che Abdeslam potesse raccontare dettagli sulle cellule dell’Isis ancora attive o dormienti in Belgio? Semplicemente una pianificazione del terrore già programmata da tempo? Tutte le ipotesi contengono probabilmente una parte di verità. Sta di fatto che l’Isis ha alzato il livello della sua guerra, alzato i suoi obiettivi. E sta di fatto che l’Europa, come in un angosciante e terrificante deja vu, rivive i momenti terribili dei giorni di novembre a Parigi e si ritrova impreparata e attonita a ripetere frasi già sentite troppe volte in passato.

I terroristi dell’Isis hanno messo a ferro e fuoco la capitale europea con attacchi simultanei che hanno anche provocato un ampliamento esponenziale del terrore con falsi allarmi che si sono susseguiti per ore. Potrebbe trattarsi di un attacco portato dagli ultimi uomini in circolazione della cellula alla quale apparteneva Salah, protagonista degli assalti di Parigi. Oppure potremmo essere di fronte ad una nuova ondata di attacchi portati da una nuova cellula.

D’altra parte il numero dei foreign fighter in Belgio è sempre alto e probabilmente in aumento in seguito al rientro dalla Siria di alcuni ragazzi delle banlieue brussellesi. Così come molto alte rimangono le folli motivazioni di chi tira le fila dell’organizzazione dell’estremismo islamico.

Di fronte al nuovo tragico e devastante episodio della guerra dell’Isis all’Europa e al mondo intero, i leader europei appaiono purtroppo, ancora una volta, sorpresi e impreparati. “Siamo in guerra”, ha detto il premier francese Manuel Valls. Le stesse identiche parole le aveva pronunciate il 14 novembre scorso dopo gli attacchi di Parigi insieme alle promesse, condivise da tutti i leader europei, di una nuova cooperazione europea, di un rafforzamento delle politiche comuni e del coordinamento delle intelligence.

Purtroppo, quattro mesi dopo, si ricomincia da capo. Combattere il terrorismo è molto difficile, è un’operazione al limite dell’impossibile. Fermare i kamikaze anche. Ma la vecchia Europa deve fare di più. Deve trovare una volontà comune e concrete azioni corali. Deve avere più forza e più coraggio, più idee e più visione.

Cominciando magari con un vero tentativo nel risolvere i grandi problemi che la circondano, costruendo meno muri per i migranti e i rifugiati e ritrovando l’antica solidarietà dell’accoglienza che è alla base della sua costruzione. Si può partire proprio da lì, senza compiere l’errore di chiudersi ulteriormente. Può essere il primo tassello per la costruzione di una struttura di sicurezza comune fatta di politica, cultura, umanità, intelligence e forza militare.

Il problema del terrorismo è globale, è una delle grandi sfide del nuovo millennio e si risolve tutti insieme, con uno sforzo comune. Molti analisti prevedono che, purtroppo, ci saranno nuovi attacchi. Forse, nuovi attacchi sono già pronti. Le parole non bastano più.

(di Stefano Polli/ANSA)

Ultima ora

01:25Accoltella e investe immigrato, indagini su matrice razziale

(ANSA) - RIMINI, 22 MAR - Un riminese è stato fermato questa sera dalla polizia di Stato per il tentato omicidio di un immigrato. Il fatto sarebbe accaduto davanti ad un supermercato: l'italiano lo ha prima preso a pugni, poi l'ha accoltellato e infine, quando lo straniero ha tentato la fuga, lo ha investito con l'auto. Il giovane è in prognosi riservata all'ospedale, mentre il riminese è stato rintracciato poco dopo dalla polizia di Stato e portato in Questura, dove è stato sottoposto a fermo per tentato omicidio. Accertamenti sono in corso per appurare se il gesto violento abbia una matrice razziale.

00:28Slovenia: decapita nonna e fratello, poi brucia le teste

(ANSA) - LUBIANA, 22 MAR - Uccide la nonna di 80 anni e il fratello di 31, poi li decapita, brucia le teste e si autodenuncia alla polizia. Si è consumato così nel villaggio di Lukovec, piccolo paesino di una quindicina di case a Nord-Ovest di San Daniele del Carso, nel Comune di Komen, nel cuore del Carso sloveno, un delitto familiare che - secondo gli investigatori - assume i contorni dell'atto di follia. Il protagonista è un uomo di 35 anni, Marko Abram, che nella serata di lunedì ha ucciso i due familiari. Ancora da capire il movente del delitto, così come ancora poco chiare sono gli strumenti utilizzati per il delitto, che secondo alcune ricostruzioni, potrebbero essere due coltelli e un'accetta, al momento in possesso della Polizia scientifica che li sta esaminando ed esprimerà le proprie valutazioni nei prossimi giorni. L'avvocato dell'assassino, Gorazd Gabri, oggi, all'uscita dal Tribunale dove Abram è stato interrogato per sei ore, ha detto ai giornalisti che il suo cliente ha riconosciuto la propria colpevolezza.

00:23Calcio: Podolski saluta con un gol

(ANSA) - ROMA, 22 MAR - Sconfitta immeritata per l'Inghilterra, battuta 1-0 dalla Germania nell'amichevole di lusso giocata questa sera a Dortmund. L'unica rete porta la firma di Lukas Podolski, gran sinistro all'incrocio dei pali al 24' della ripresa. L'ex interista, campione del mondo nel 2014, ha così salutato nel migliore dei modi la maglia bianca dopo 130 presenze e 49 reti. Ma fino al momento in cui è passata in svantaggio ha fatto più bella figura l'Inghilterra, che nel primo tempo ha colpito un palo con Lallana ed è andata ancora vicino al gol con Dele Alli, tiro centrale parato da ter Stegen.

23:08Fillon denuncia ‘un complotto di Stato’

(ANSA) - PARIGI, 22 MAR - Il candidato della Destra alle elezioni presidenziali francesi, Francois Fillon, denuncia un "complotto" e violazioni del "segreto istruttorio" con fughe di notizie organizzate dai "servizi dello Stato". "Le maschere cadono, il complotto è ormai sotto agli occhi di tutti i francesi", ha detto ai microfoni di radio France Info, aggiungendo: "Ogni settimana ci sono fughe (di notizie) contro il segreto istruttorio, fughe di notizie organizzate dai servizi dello Stato".

22:34Attacco Londra: chiusa la London Eye

(ANSA) - ROMA, 22 MAR - Il London Eye, la ruota panoramica della capitale britannica sulla riva del Tamigi, ha sospeso il suo servizio. Lo hanno riferito le autorità precisando che tutti i turisti, dopo essere rimasti bloccati per quasi un'ora nelle cabine, sono stati fatti scendere e non hanno avuto problemi.

22:24Siria: i turchi bombardano zona curda

(ANSAmed) - BEIRUT, 22 MAR - L'artiglieria turca ha bombardato nelle ultime ore postazioni curdo-siriane nella Siria nord-occidentale, un giorno dopo l'arrivo in quella stessa area di mezzi blindati russi a protezione dell'area a maggioranza curda. Lo riferisce l'Osservatorio per i diritti umani in Siria (Ondus), secondo cui i colpi di artiglieria hanno colpito il distretto di Afrin e quello di Jenderes. Non si registrano uccisi ma solo feriti tra civili e miliziani curdi. La stampa araba aveva dato ampio risalto ieri all'arrivo ad Afrin di truppe russe a bordo di mezzi blindati. E' la prima volta che le forze di Mosca si schierano al confine con la Turchia.

22:18Milan: arrivati 20 mln, resto caparra atteso entro venerdì

(ANSA) - MILANO, 22 MAR - Sarebbero arrivati nelle casse di Fininvest 20 dei 100 milioni di euro della terza caparra che i cinesi di Sino-Europe Sports devono pagare per ottenere una nuova proroga del closing per l'acquisto del Milan. Secondo quanto filtra, due sono le ricostruzioni della vicenda. La società cinese di Li Yonghong si starebbe muovendo con più di una banca per completare il pagamento di questa terza caparra da 100 milioni di euro e questo bonifico sarebbe avvenuto con tempistiche diverse da quello da 80 milioni di euro, atteso fra domani e venerdì. Oppure Ses si sarebbe affidata a un unico istituto finanziario che ha deliberato i bonifici in momenti diversi.

Archivio Ultima ora