Da Parigi a Bruxelles, il disastro dell’intelligence

Pubblicato il 22 marzo 2016 da redazione

In this image taken from TV an armed member of the security forces stands guard as emergency services  attend the scene after a explosion in a main metro station in Brussels on Tuesday, March 22, 2016. (ANSA/AP Photo)

In this image taken from TV an armed member of the security forces stands guard as emergency services attend the scene after a explosion in a main metro station in Brussels on Tuesday, March 22, 2016. (ANSA/AP Photo)

BRUXELLES. – Dal 7 gennaio del massacro di Charlie Hebdo, al 13 novembre della mattanza di Parigi, al 22 marzo delle stragi di Bruxelles. Dal coprifuoco decretato nella capitale belga a fine novembre, alla fuga di quattro mesi di Salah Abdeslam. Gli oltre 160 morti e le centinaia di feriti di Parigi e Bruxelles sono la prova del naufragio dell’intelligence belga ed europea. Gli 007 belgi sono stati sommersi di critiche per i flop a ripetizione nella caccia a Salah, rimasto sempre nascosto da amici e fiancheggiatori a Molenbeek.

Ma anche la collaborazione tra servizi europei si è dimostrata fallimentare. A nulla sono serviti gli inviti a “rafforzare la cooperazione” lanciati già a gennaio 2015 dai ministri degli Esteri europei, quando Paolo Gentiloni indicava le “gelosie dei servizi” come il principale problema irrisolto.

Ai primi di dicembre, dopo le stragi di Parigi, è emerso che i nomi dei fratelli Abdeslam, il Brahim che si era fatto esplodere a Parigi ed il Salah che ci aveva ripensato, erano stati segnalati da mesi all’Europol. Eppure avevano viaggiato indisturbati per mesi. Ed il coordinatore dell’antiterrorismo europeo, Gilles de Kerchove, ancora a dicembre era costretto a ricordare che “la cosa più importante è rafforzare l’immissione dei dati” nel database europeo Sis II.

La nascita di un servizio di intelligence europeo resta però un’utopia. A gennaio presso l’Europol è stato avviato lo Ecdc (centro di eccellenza antiterrorismo europeo). Ma non è neppure l’abbozzo di quella Fbi europea che in realtà “non è consentita dai Trattati”, che riservano ai singoli Stati le competenze in materia di sicurezza, come osservato da de Kerchove.

E se anche gli attentati hanno spinto alla collaborazione diretta bilaterale tra Francia e Belgio, i servizi di informazione di Bruxelles sono sotto accusa. Troppo frammentati, incapaci di dialogare tra loro, a perfetta immagine di uno Stato federale diviso dalla lingua, con livelli sovrapposti – comunali, regionali e federali – di governo e burocrazia.

Quattro giorni fa veniva celebrata come una vittoria la cattura di Salah Abdeslam. Ma veniva anche lasciato a livello 3 su 4 il livello di minaccia terroristica. Ed appena la settimana scorsa la televisione pubblica belga aveva rivelato che in un documento della Commissione P (il servizio di indagine interna della polizia) presentato in un’audizione parlamentare a porte chiuse erano emerse palesi “mancanze e debolezze”, alcune delle quali persino “tecnologiche” e “rimaste irrisolte” per problemi di budget e mancanza di personale qualificato.

Eppure il Belgio è il paese con il più alto numero percentuale di foreign fighter: oltre 40 per milione di abitanti, più del doppio della Francia. “I belgi hanno davvero un problema enorme. I numeri delle persone da controllare sono semplicemente strabordanti”, ha indicato Matthew Levitt, direttore del programma per l’antiterrorismo e l’intelligence del Washington Institute for near east policy. “Hanno realizzato solo nell’ultimo anno che non hanno soltanto un problema di persone radicalizzate e che ritornano nel paese, ma anche di gente che non parte e può compiere attacchi a casa”.

(di Marco Galdi/ANSA)

Ultima ora

10:06Gambia: ultimatum a Jammeh, lascia o intervento truppe

(ANSA) - DAKAR, 20 GEN - Il presidente sconfitto del Gambia, Yahya Jammeh, dovrà lasciare il Paese di sua spontanea volontà entro mezzogiorno ora locale (le 13:00 in Italia) o sarà costretto ad andarsene con la forza: lo ha detto Marcel Alain de Souza, presidente dell'Ecowas, l'organizzazione che raggruppa i Paesi dell'Africa occidentale. Le truppe dell'Ecowas sono entrate in Gambia ieri sera, dopo il giuramento del presidente eletto Adama Barrow nell'ambasciata gambiana del vicino Senegal.

09:23Trump: viaggio e’ iniziato, voglio cambiamento reale

(ANSA) - NEW YORK, 20 GEN - "Il viaggio e' iniziato, e' iniziato 18 mesi fa. Quello che voglio e' un cambiamento reale": cosi' Donald Trump intervenendo nel corso del concerto inaugurale. "Voglio unire il Paese e fare l'America di nuovo grande. Grande per tutti".

08:44Messico: ‘El Chapo’ estradato in Usa, in volo per NY

(ANSA) - CITTA' DEL MESSICO, 20 GEN - Joaquin 'El Chapo' Guzman, ex signore della droga messicano, è stato estradato verso gli Usa dove deve rispondere di accuse legate al narcotraffico. Lo ha annunciato il governo messicano, che lo ha trasferito all'aeroporto di Ciudad Juarez, dove è stato preso in consegna da agenti Usa. Funzionari statunitensi hanno confermato che l'ex capo del cartello di Sinaloa è atterrato in un aeroporto di periferia, dove lo aspettava una colonna di suv per portarlo via. Passerà la notte in una prigione di New York, prima della comparizione prevista oggi in un tribunale federale di Brooklyn. L'ex boss dei narcos si è reso protagonista di due arresti e altrettante fughe avventurose, fino a quando non è stato preso per la terza volta.

00:40Ovazione per Trump a concerto inaugurale

(ANSA) - NEW YORK, 19 GEN - Ovazione per Donald TRump all'ingresso al Lincoln Memorial, dove è in corso il concerto per l'inaugurazione. Dal pubblico si è alzato il coro 'Trump, Trump'. Il presidente eletto è arrivato mano nella mano con Melania al Lincoln Memorial. Un ingresso sulle note dei Rolling Stones, 'Heart of Stone'. Trump e Melania, sorridenti, hanno salutato il pubblico e hanno preso posto nel palco d'onore, in prima fila a fianco a Ivanka e Jared Kushner.

22:39Moda: Pitti Bimbo, Trussardi Junior partner di Brave Kid

(ANSA) - FIRENZE, 19 GEN - Debutta oggi a Pitti Bimbo 84 la prima collezione Trussardi Junior prodotta e distribuita in licenza mondiale da Brave Kid, azienda del gruppo Otb di Renzo Rosso. "Abbiamo trovato in Brave Kid il partner ideale in grado di rappresentare al meglio i valori Trussardi nell'ambito del kidswear", dice Tomaso Trussardi, Ad del gruppo. La collezione, da 4 a 14 anni, propone una versione mignon dei codici di stile dell'azienda fondata a Bergamo nel 1911: dettagli con l'iconico levrieo, stampe floreali, loghi all over. E' un total look completo, con cappottino, bomber in pelle, piumini bi-color, completi di felpa, gilet, giubboni di nylon, T-shirts.

22:11Poliziotto cede mitraglietta a pregiudicato, due in carcere

(ANSA) - LECCE, 19 GEN - Un poliziotto in servizio alla Questura di Lecce è stato sottoposto a fermo di polizia giudiziaria, trasferito in carcere e sospeso dal servizio per aver rubato un'arma da guerra, una pistola mitraglietta Beretta M12, custodita nell'armeria della Questura, cedendola ad un pregiudicato di Merine, frazione di Lizzanello (Lecce), arrestato per detenzione illegale di arma da guerra. La mancanza dell'arma è stata scoperta durante una verifica in armeria e l'indagine interna è scattata immediatamente. L'agente sospettato ha subito ammesso le proprie responsabilità e di aver ceduto l'arma ad un pregiudicato di Merine, nella cui abitazione è stata trovata. Il poliziotto dovrà rispondere di furto e detenzione illegale di arma da guerra. Il questore di Lecce, Pierluigi D'Angelo: "E' un episodio di estrema gravità che ci addolora profondamente, ma è significativo che a portarla alla luce ed a sventare il tentativo siano stati altri poliziotti e che la struttura sia stata in grado di reagire tempestivamente".

22:11Polemica su spettacolo transgender, Arcigay invita assessore

(ANSA) - VENEZIA, 19 GEN - Ha scatenato una polemica in Veneto la programmazione il 7 marzo prossimo al teatro Astra di Vicenza dello spettacolo "Fa'afafine-Mi chiamo Alex e sono un dinosauro", lavoro del regista siciliano Giuliano Scarpinato il quale racconta la storia di un bambino che non ha ancora deciso se essere maschio o femmina, o meglio, vorrebbe essere tutti e due. L'Arcigay di Vicenza ha ringraziato l'assessore regionale veneto Elena Donazzan (Fi), che ieri aveva inviato una lettera al ministro dell'istruzione, Valeria Fedeli, chiedendole di non consentire alle scuole di proporre lo spettacolo sul bambino transgender. "Ringraziamo l'assessore regionale Elena Donazzan per la notevole visibilità offerta a "Fa'afafine-Mi chiamo Alex e sono un dinosauro'" scrive l'Arcigay, che invita l'esponente regionale a vedere assieme lo spettacolo, disposto ad offrirle il biglietto di ingresso. (ANSA).

Archivio Ultima ora