Renzi sprona l’Ue a unità, sicurezza comune contro il terrore

Pubblicato il 22 marzo 2016 da redazione

 Capitoline Hill lit up in the colours of the Belgian flag on Tuesday evening as a tribute to the victims of terror attacks in Brussels which left at least 34 people dead, Rome, 22 March 2016. ANBSA/ GIUSEPPE LAMI


Capitoline Hill lit up in the colours of the Belgian flag on Tuesday evening as a tribute to the victims of terror attacks in Brussels which left at least 34 people dead, Rome, 22 March 2016. ANBSA/ GIUSEPPE LAMI

ROMA. – Dopo Parigi, Bruxelles, cuore dell’Europa e simbolo delle istituzioni europee. L’Isis torna a colpire e ad uccidere cittadini comuni nei luoghi della vita quotidiana. Un attacco del terrore al quale l’Europa deve rispondere “andando fino in fondo” con un “patto europeo” che metta in comune sicurezza ed intelligence. Il premier Matteo Renzi, e con lui il presidente della Repubblica Sergio Mattarella, chiamano l’Europa all’unità.

Compattezza di istituzioni che, però, non fotografa la politica italiana con Matteo Salvini che chiede di “ripulire” le nostre città ed il premier che mette in guardia da “soluzioni miracolistiche e dalla chiusura delle frontiere”. Una “minaccia globale con killer anche locali” è la formula con cui Renzi sintetizza (in riunioni e contatti con i suoi omologhi europei, da Merkel a Hollande e Juncker) la nuova minaccia del terrorismo jihadista che colpisce in tutto il mondo con “attentatori che però vengono da dentro e si nascondono nelle periferie delle nostre città”.

Il presidente del Consiglio, poche ore dopo le esplosioni all’aeroporto e alla metro, chiama il premier belga Charles Michel ed esprime il sostegno e la solidarietà italiana anche esponendo a mezz’asta la bandiera belga a Palazzo Chigi accanto a quella italiana ed europea.

Una vicinanza di simboli che per l’Italia vuol dire di più: per affrontare una guerra che “durerà mesi, forse anni” serve prima di tutto “una struttura di sicurezza unitaria” e una condivisione di forze alla quale Roma “si mette a disposizione con la sua esperienza di forze dell’ordine e di intelligence da offrire”.

Lotta dura al terrorismo ma anche, è la linea italiana, una strategia che con l’educazione e l’integrazione non trasformi gli immigrati delle nostre città in potenziali kamikaze.

Anche il presidente della Repubblica Sergio Mattarella chiede di affrontare “questa sfida decisiva con una comune strategia, che consideri la questione in tutti i suoi aspetti: di sicurezza, militare, culturale, di cooperazione allo sviluppo” perchè “in gioco ci sono la libertà e il futuro della convivenza umana”.

Tutt’altro che parole di circostanza, quelle di Renzi e Mattarella, in un momento in cui L’Europa fatica a trovare ricette comuni quasi su tutto, sull’immigrazione come sulla politica economica. “Non è il tempo degli sciacalli ma neanchè delle colombe” è l’altolà che il presidente del consiglio rivolge soprattutto in chiave di polemica interna. Visto che anche nel giorno della tragedia e del lutto, i distinguo tra partiti non si fermano.

Matteo Salvini, bloccato nella capitale belga, parla di “dichiarazione di guerra” dell’Is alla quale si deve rispondere solo in due modi: “bonificare i ghetti via per via, palazzo per palazzo” e chiudere le frontiere. E dritto contro il governo va la neocandidata al Comune di Roma Giorgia Meloni: “L’Europa brucia sotto i colpi dell’integralismo islamico e il governo sembra non accorgersene: Renzi, Alfano e Mattarella ci dicono che il terrorismo si combatte con la cultura ma è una frase buona per i cioccolatini”.

Accuse alle quali il premier risponde in due modi: da un lato convocando a Palazzo Chigi i capigruppo di tutti i partiti per chiamare ad uno spirito di unità nazionale davanti al terrore. Dall’altro respingendo al mittente soluzioni sempliciste. “Chi dice ‘chiudiamo le frontiere’ – ribatte – non si rende conto che spesso i terroristi sono già dentro, chi oggi fa polemica non capisce che tutti i cittadini hanno bisogno di sentirsi parte della stessa comunità: di fronte ad attacchi come questi non c’è colore politico o partitico”.

(di Cristina Ferrulli/ANSA)

Ultima ora

06:48Giappone, ministra della Difesa Inada rassegna dimissioni

(ANSA) - TOKYO, 28 LUG - La ministra della Difesa giapponese Tomomi Inada ha presentato la lettera di dimissioni al premier Shinzo Abe, a seguito di un'accesa campagna mediatica condotta negli ultimi mesi dall'opposizione, che accusa la ministra di aver disposto l'insabbiamento di informazioni relative alla missione delle Forze di Autodifesa nel Sud Sudan. Abe ha accettato le dimissioni, che giungono pochi giorni prima del rimpasto di governo in cui la ministra sarebbe stata con ogni probabilità sostituita, e a poche ore dall'annuncio dell'inchiesta della commissione interna per fare luce sulla vicenda.

06:36Sale la tensione in Venezuela, altri 3 giovani morti

(ANSA) - ROMA, 28 LUG - Cresce la tensione in Venezuela in seguito allo sciopero nazionale di 48 ore convocato dall'opposizione contro la riforma costituzionale promossa da Nicolas Maduro. Oggi altri tre giovanissimi, uno di 16, un altro di 28 e un altro ancora di 20 anni, sono morti durante le manifestazioni. Gli Stati Uniti hanno ordinato ai familiari dei diplomatici americani che vivono a Caracas di lasciare la capitale prima della prossima consultazione elettorale.

06:34Usa, Senato approva nuove sanzioni verso Russia

(ANSA) - WASHINGTON, 28 LUG - Il Senato Usa ha approvato a larghissima maggioranza - 98 voti favorevoli e 2 contrari - un provvedimento legislativo che dà il via libera a nuove sanzioni verso Russia, Iran e Corea del Nord e che include anche limiti al potere del presidente Donald Trump di alleggerire o interrompere misure verso il governo di Mosca. Portando quindi di fatto il pacchetto, dopo l'approvazione avvenuta già alla Camera, sul tavolo del presidente di cui è necessaria la firma. La Casa Bianca ha segnalato aperture a riguardo ma non ha ancora esplicitato l'impegno del presidente alla firma.

00:51Vaccini: Camera conferma fiducia a governo, 305 sì

(ANSA) - ROMA, 28 LUG - La Camera conferma la fiducia al governo sul decreto legge vaccini con 305 voti a favore, 147 contrari e due astenuti. L'esame del testo proseguirà dalle 9, con le votazioni relative agli ordini del giorno. Il voto finale e definitivo sul provvedimento è previsto alle 12 dopo le dichiarazioni di voto che verranno trasmesse in diretta televisiva a partire dalle 10.

23:02Calcio:Montella,ottima vittoria ma non sottovalutare ritorno

(ANSA) - MILANO, 27 LUG - "Il risultato è ottimo ma non ci lascia tranquilli, non possiamo sottovalutare la partita di ritorno, in cui saremo più avanti sul piano fisico e tecnico". Vincenzo Montella commenta così il successo per 1-0 con cui il suo Milan ha vinto l'andata del preliminare di Europa League in trasferta contro i romeni del Craiova. "Non mi potevo aspettare di più, il Craiova ci ha messo in difficoltà perché era più avanti di noi nella preparazione e ha giocatori abili. Mi è piaciuto il modo con cui la squadra si approccia alla sofferenza - ha detto Montella a Sky dopo la partita in Romania -. Siamo stati un po' scolastici. Si sta inserendo qualche calciatore, siamo in costruzione e ci sarà tempo per costruire. Il mio compito è portare avanti più giocatori possibili". Il risultato è stato anche salvato da una prodezza di Gianluigi Donnarumma. "Donnarumma ha fatto una parata importantissima, in un momento decisivo della partita''.

22:24Calcio: Europa League, Craiova-Milan 0-1

(ANSA) - ROMA, 27 LUG - Il Milan batte 1-0 (1-0) la squadra romena del Csu Craiova nella partita di andata del terzo turno preliminare di Europa League. In gol per i rossoneri Rodriguez al 44' pt

21:45Sospeso processo disciplinare a Emiliano

(ANSA) - ROMA, 27 LUG - Sospeso il processo disciplinare al governatore della Puglia Michele Emiliano con invio degli atti alla Consulta. È quanto ha deciso la sezione disciplinare del Csm nel procedimento a Emiliano, magistrato in aspettativa sotto accusa per la sua attività politica come dirigente del Pd. La Consulta dovrà verificare la legittimità costituzionale della norma che prevede come illecito disciplinare per un magistrato, anche se fuori, l'iscrizione ad un partito politico. "Sono molto soddisfatto, avevo più volte detto che c'era un forte dubbio interpretativo e che ci fosse la necessità di un chiarimento. Indipendentemente da come deciderà la Corte Costituzionale, il Csm ha ritenuto che la questione di legittimità da noi sollevata possa avere fondamento". Lo ha detto Michele Emiliano, commentando la decisione della sezione disciplinare del Csm di sospendere il procedimento a suo carico e trasmettere gli atti alla Consulta.

Archivio Ultima ora