Renzi sprona l’Ue a unità, sicurezza comune contro il terrore

Pubblicato il 22 marzo 2016 da redazione

 Capitoline Hill lit up in the colours of the Belgian flag on Tuesday evening as a tribute to the victims of terror attacks in Brussels which left at least 34 people dead, Rome, 22 March 2016. ANBSA/ GIUSEPPE LAMI


Capitoline Hill lit up in the colours of the Belgian flag on Tuesday evening as a tribute to the victims of terror attacks in Brussels which left at least 34 people dead, Rome, 22 March 2016. ANBSA/ GIUSEPPE LAMI

ROMA. – Dopo Parigi, Bruxelles, cuore dell’Europa e simbolo delle istituzioni europee. L’Isis torna a colpire e ad uccidere cittadini comuni nei luoghi della vita quotidiana. Un attacco del terrore al quale l’Europa deve rispondere “andando fino in fondo” con un “patto europeo” che metta in comune sicurezza ed intelligence. Il premier Matteo Renzi, e con lui il presidente della Repubblica Sergio Mattarella, chiamano l’Europa all’unità.

Compattezza di istituzioni che, però, non fotografa la politica italiana con Matteo Salvini che chiede di “ripulire” le nostre città ed il premier che mette in guardia da “soluzioni miracolistiche e dalla chiusura delle frontiere”. Una “minaccia globale con killer anche locali” è la formula con cui Renzi sintetizza (in riunioni e contatti con i suoi omologhi europei, da Merkel a Hollande e Juncker) la nuova minaccia del terrorismo jihadista che colpisce in tutto il mondo con “attentatori che però vengono da dentro e si nascondono nelle periferie delle nostre città”.

Il presidente del Consiglio, poche ore dopo le esplosioni all’aeroporto e alla metro, chiama il premier belga Charles Michel ed esprime il sostegno e la solidarietà italiana anche esponendo a mezz’asta la bandiera belga a Palazzo Chigi accanto a quella italiana ed europea.

Una vicinanza di simboli che per l’Italia vuol dire di più: per affrontare una guerra che “durerà mesi, forse anni” serve prima di tutto “una struttura di sicurezza unitaria” e una condivisione di forze alla quale Roma “si mette a disposizione con la sua esperienza di forze dell’ordine e di intelligence da offrire”.

Lotta dura al terrorismo ma anche, è la linea italiana, una strategia che con l’educazione e l’integrazione non trasformi gli immigrati delle nostre città in potenziali kamikaze.

Anche il presidente della Repubblica Sergio Mattarella chiede di affrontare “questa sfida decisiva con una comune strategia, che consideri la questione in tutti i suoi aspetti: di sicurezza, militare, culturale, di cooperazione allo sviluppo” perchè “in gioco ci sono la libertà e il futuro della convivenza umana”.

Tutt’altro che parole di circostanza, quelle di Renzi e Mattarella, in un momento in cui L’Europa fatica a trovare ricette comuni quasi su tutto, sull’immigrazione come sulla politica economica. “Non è il tempo degli sciacalli ma neanchè delle colombe” è l’altolà che il presidente del consiglio rivolge soprattutto in chiave di polemica interna. Visto che anche nel giorno della tragedia e del lutto, i distinguo tra partiti non si fermano.

Matteo Salvini, bloccato nella capitale belga, parla di “dichiarazione di guerra” dell’Is alla quale si deve rispondere solo in due modi: “bonificare i ghetti via per via, palazzo per palazzo” e chiudere le frontiere. E dritto contro il governo va la neocandidata al Comune di Roma Giorgia Meloni: “L’Europa brucia sotto i colpi dell’integralismo islamico e il governo sembra non accorgersene: Renzi, Alfano e Mattarella ci dicono che il terrorismo si combatte con la cultura ma è una frase buona per i cioccolatini”.

Accuse alle quali il premier risponde in due modi: da un lato convocando a Palazzo Chigi i capigruppo di tutti i partiti per chiamare ad uno spirito di unità nazionale davanti al terrore. Dall’altro respingendo al mittente soluzioni sempliciste. “Chi dice ‘chiudiamo le frontiere’ – ribatte – non si rende conto che spesso i terroristi sono già dentro, chi oggi fa polemica non capisce che tutti i cittadini hanno bisogno di sentirsi parte della stessa comunità: di fronte ad attacchi come questi non c’è colore politico o partitico”.

(di Cristina Ferrulli/ANSA)

Ultima ora

19:49Calcio: Tommasi, per nuova Figc nodo inadempienze Dilettanti

(ANSA) - ROMA, 16 GEN - E' allarme tra i Dilettanti per le tante società inadempienti: a lanciarlo e' il direttivo dell'assocalciatori, riunitosi oggi a Milano per parlare di elezioni federali e dei nodi da affrontare nel futuro. In attesa che venga fissata la data e si ufficializzino le candidature, l'Aic ha discusso di quali saranno gli argomenti principali da porre sul tavolo del prossimo governo federale. "Abbiamo fatto il punto - sottolinea Damiano Tommasi, presidente Aic - la situazione tra i dilettanti e' preoccupante: molti club non riescono a coprire i rimborsi concordati, e non scendono in campo o sono costretti a schierare le squadre giovanili: abbiamo segnalato gia' la situazione pesante alla Lega Dilettanti, e poi anche all'autorita' mista di controllo sulle scommesse, un atto dovuto visto che quelle sono le situazioni tipo di rischio".

19:45Boldrini,per combattere davvero mafia serve progetto sociale

(ANSA) - ROMA, 16 GEN - Oltre alle buone leggi per il contrasto alle mafie "bisogna dare ai giovani una prospettiva, un lavoro, ridurre le disuguaglianze sociali e territoriali che dividono il Paese. Non si sconfiggono le mafie senza giustizia sociale: questo ci ha insegnato Pio La Torre". Lo ha detto la presidente della Camera Laura Boldrini all'incontro a Montecitorio nel novantesimo anniversario della nascita di Pio La Torre, il segretario regionale del Pci ucciso dalla mafia. Secondo Boldrini, "fare sul serio" nella lotta alla mafia significa "combatterla e proporre ai giovani un progetto di società che sia basato sulla pace e sulla giustizia sociale".

19:36Mose: Mazzacurati confuso e disorientato davanti a perito

(ANSA) - VENEZIA, 16 GEN - Giovanni Mazzacurati avrebbe manifestato una sostanziale incapacità di intendere e volere nel corso della perizia svolta nei giorni scorsi negli Stati Uniti, dove l'ex presidente del Consorzio Venezia Nuova risiede, ed effettuata nell'ambito del processo a carico di otto imputati nell'inchiesta Mose. La perizia è stata effettuata, per conto del Tribunale di Venexis, dal dott. Carlo Schenardi che presenterà l'esito dell'accertamento in aula il 26 gennaio. L'esame peritale si è svolto a La Jolla, in California, dove Mazzacurati abita, alla presenza del proprio legale di fiducia, Giovanni Battista Muscari Tomaioli, del prof. Pietro Pietrini, consulente di una difesa, e del giudice Massimo Manduzio, che si è recato negli Usa, a sue spese, per provvedere qualora fossero nati problemi sul fronte processuale con la giustizia americana. Secondo quanto si è appreso, Mazzacurati sarebbe apparso estremamente confuso e disorientato, tanto che a precise domande non avrebbe saputo dare adeguate minime risposte.

19:31Pugilato: Tricolore superwelter, c’è anche ricco sottoclou

(ANSA) - ANDRIA, 16 GEN - L'organizzazione Roundzero, in collaborazione con la Pugilistica Andriese e il Comune di Andria, sta lavorando per allestire al meglio la riunione pugilistica di sabato 21 gennaio al Palasport di Andria. Oltre al main event, la sfida per il titolo italiano dei pesi superwelter, che ora è vacante, tra i due pugliesi Francesco Lezzi, detto 'Il Gladiatore della libertà', e Felice 'Faccia d'angelo' Moncelli, in programma un ricco sottoclou, tra cui spicca il 'derby' tra due pesi medi laziali, Diego Di Luisa ed Alex Marongiu. Il vincitore combatterà per il titolo italiano.

19:29Maltempo: freddo record al Nord, disagi per neve al Centro

(ANSA) - ROMA, 16 GEN - L'ondata di freddo polare che attanaglia lo Stivale non molla la presa: a Nord la colonnina di mercurio prosegue senza interruzioni la sua picchiata, con temperature quasi siberiane registrate sull'Altopiano di Asiago (-32 gradi); al Centro e in Sardegna la neve è caduta abbondante, costringendo molte amministrazioni a chiudere le scuole. I fiocchi sono caduti copiosi anche nelle zone terremotate, cosa che ha peggiorato ulteriormente la vivibilità degli sfollati ancora presenti nel cratere e allocati nelle tensostrutture. Massima attenzione poi dei Vigili del Fuoco e Protezione Civile sugli edifici pericolanti, resi ancora più fragili dal peso della neve. Nel frattempo le temperature artiche hanno prodotto un'altra vittima: a Canicattì, nell'Agrigentino, un senzatetto di 53 anni è stato trovato senza vita dai carabinieri.

19:17Grasso, modificare in tempi brevi codice antimafia

(ANSA) - ROMA, 16 GEN - "Auspico che si dia corso immediatamente alla discussione delle modifiche al Codice Antimafia, che peraltro attengono anche proprio alla materia delle confische dei patrimoni illeciti, e alle riforme che riguardano il processo penale". Lo ha detto il presidente del Senato Pietro Grasso intervenendo all'incontro, a Montecitorio, per il novantesimo anno dalla nascita di Pio La Torre. Un appello in tal senso era stato poco prima lanciato dalla presidente della commissione Antimafia Rosy Bindi.

19:15Sci: Cdm donne, positiva verifica neve su Olimpia Cortina

(ANSA) - CORTINA D'AMPEZZO (BELLUNO), 16 GEN - I delegati e i tecnici della Fis hanno dato una valutazione positiva sullo stato dell'innevamento della pista Olimpia delle Tofane, a Cortina, dove si disputeranno due gare di Coppa del mondo di sci femminile il 28 e 29 gennaio prossimi. L'ispezione effettuata a partire da ieri, domenica, ha soddisfatto i requisiti di sicurezza e garanzia del regolare svolgimento delle competizioni del prossimo fine settimana. Cortina ospiterà la discesa libera il prossimo sabato 28 (partenza alle 10.30) e il Super G domenica 29 (start alle 11.30). Le prove della discesa saranno due e andranno in scena giovedì 26 e venerdì 27.

Archivio Ultima ora