L’Europa si blinda, sigillate le frontiere

Pubblicato il 22 marzo 2016 da redazione

Passengers and airport staff are evacuated from the terminal building after explosions at Brussels Airport in Zaventem near Brussels, Belgium, 22 March 2016.  EPA/LAURENT DUBRULE

Passengers and airport staff are evacuated from the terminal building after explosions at Brussels Airport in Zaventem near Brussels, Belgium, 22 March 2016. EPA/LAURENT DUBRULE

PARIGI. – Parigi chiude le frontiere con il Belgio, schiera altri 1.600 uomini nelle strade, blinda aeroporti e stazioni ferroviarie. E dall’altra parte della Manica, Londra rafforza la sicurezza negli aeroporti e riunisce il comitato di emergenza “Cobra” mentre anche l’America alza le difese facendo scattare il rafforzamento delle misure di sicurezza a New York, Washington e nelle principali città.

“E’ stato un attacco alla nostra democrazia”, dicono compatti i leader europei in una dichiarazione congiunta: “siamo fermi e uniti nella lotta contro l’odio”, sottolineano parlando di attacchi che “rafforzano solo la nostra risolutezza nella difesa dei valori europei”.

Il presidente francese Hollande che subito dopo gli attentati ha convocato un’immediata riunione di crisi all’Eliseo, sottolinea che “hanno colpito l’intera Europa” mentre il primo ministro britannico Cameron definisce “ignobili” i terroristi. I destini strettamente legati di Francia e Belgio in queste ondate di terrorismo sono evidenti anche oggi.

Nessuno a Parigi lega ufficialmente gli attentati all’arresto – venerdì – di Salah Abdeslam, ma tutti ne sono convinti. Al punto che Hollande ha convocato immediatamente all’Eliseo una riunione di crisi con i massimi responsabili della sicurezza – Valls, Cazeneuve e Le Drian (premier, Interni e Difesa) – per un ennesimo giro di vite antiterrorismo: altri 1.600 fra poliziotti e gendarmi subito nelle strade, per proteggere soprattutto aeroporti, stazioni, metro.

Quattrocento sono stati schierati soltanto nell’Ile-de-France, la regione di Parigi. Consentiti ovunque controlli e perquisizioni di passeggeri, che non potranno più vagare nelle stazioni o negli scali senza un documento e un titolo di trasporto. Valls ha ripetuto la drammatica frase tante volte risuonata dopo gli attacchi, “siamo in guerra”.

Per Hollande “attraverso gli attentati di Bruxelles è stata colpita tutta l’Europa. Ciò che impone che essa adotti disposizioni indispensabili di fronte alla gravità della minaccia”. Poi ha promesso che la Francia sarà “implacabile” contro il terrorismo. Alla gare du Nord, dove è stato sospeso il traffico dei treni ad alta velocità Thalys che arrivano a Bruxelles in poco più di un’ora, si sono registrati ben due allarmi-bomba con altrettante evacuazioni.

La frontiera con il Belgio è controllata a vista dalle due polizie, agenti francesi – riferiscono testimoni diretti – sono appostati anche dal lato della Francia all’altezza del primo casello autostradale. Riunione straordinaria anche a Londra, dove Cameron ha disposto il rafforzamento della sicurezza negli aeroporti, ed ha poi riunito il comitato di emergenza “Cobra”.

Fermi anche gli Eurostar che collegano la capitale britannica a Bruxelles, mentre l’allerta terrorismo resta a livello “grave” e i viaggi in Belgio sono sconsigliati: “i Paesi europei siano uniti contro questi terroristi ignobili”, ha detto Cameron, aggiungendo che si deve fare tutto affinché gli attentatori “non vincano”.

A Cuba, dove si trova per una storica visita, il presidente americano Barack Obama si tiene informato in tempo reale grazie ai suoi consiglieri per la sicurezza. A Washington e a New York è stato elevato il livello di allerta negli aeroporti, nelle stazioni ferroviarie, in quelle della metropolitana e attorno ad altri obiettivi “sensibili”.

Il sindaco di New York, Bill de Blasio, ha assicurato che “New York è pronta a combattere in ogni modo contro il terrorismo”, escludendo però pericoli imminenti. Misure di sicurezze più rigide negli aeroporti di tutto il Paese, da Washington a Los Angeles, da Boston a Chicago.

(di Tullio Giannotti/ANSA)

Ultima ora

01:34Calcio: Chelsea assalto a Dzeko, pronti 50 milioni

(ANSA) - ROMA, 19 GEN - Il Chelsea tenta l'assalto a Edin Dzeko. Lo si apprende da fonti vicine al club londinese, secondo cui i Blues sarebbero pronti a offrire 50-55 milioni di euro alla Roma per il bosniaco ed Emerson Palmieri. Se la trattativa andasse in porto, a Trigoria prenderebbero in esame la candidatura di Sturridge, già offerto in passato, e anche del viola Babacar, che piace al tecnico dei giallorossi Eusebio Di Francesco. Ma in un primo colloquio con il Chelsea si sarebbe parlato anche di un eventuale prestito dell'attaccante belga Michy Batshuayi, riserva di Morata.

01:25Calcio: Coppa del Re, Real Madrid vince in trasferta

(ANSA) - MADRID, 18 GEN - Con nove rincalzi in campo dall'inizio, il Real Madrid ha interrotto la striscia di tre partite senza successi andando a vincere per 1-0 sul campo del Leganes nella partita d'andata della sfida dei quarti di finale della Coppa del Re. Dal punto di vista del gioco, la crisi della squadra di Zidane continua ad essere tale ma le rete di Asensio all'89' da' un poco di serenità all'ambiente. "Intanto mi prendo il risultato - ha commentato Zidane -, che mi dà buone sensazioni. Arriverà il momento che giocheremo meglio, ne sono certo".

00:24Calcio: Mancini, mi piacerebbe allenare il Paris SG

(ANSA) - ROMA, 18 GEN - "Seguo la Ligue 1, e il Psg è la squadra migliore. È ovvio che qualsiasi tecnico vorrebbe guidare questa squadra, è una delle migliori al mondo e con gli arrivi di Neymar e Mbappé ha buone possibilità di vincere la Champions. Mi piacerebbe allenare il Psg, perché no... Oggi c'è Emery che sta facendo bene ma nel calcio tutto può cambiare". Parole di Roberto Mancini, attuale allenatore dello Zenit, al quotidiano sportivo francese 'L'Equipe', che ha fornito un'anticipazione dell'intervista che verrà pubblicata domani. Mancini dice la sua anche sul big-match degli ottavi di Champions, in cui la squadra parigina se la vedrà con il Real Madrid. "Affrontare il Real è sempre difficile - dice -, ma penso che il Paris SG abbia buone possibilità di qualificarsi".

23:25Calcio: Nardella, proporrò proroga progetto stadio Firenze

(ANSA) - FIRENZE, 18 GEN - Concessione della proroga alla Fiorentina per completare il progetto di realizzazione del nuovo stadio a Firenze. Ad annunciarla, dopo che il gruppo tecnico coordinato dal dirigente comunale Giacomo Parenti ha analizzato la documentazione consegnata dalla società viola, è il sindaco Dario Nardella. "Porterò in giunta a febbraio la proposta di prolungamento del pubblico interesse per la realizzazione dello stadio sulla base della relazione del gruppo tecnico. Quindi la data ultima per la consegna della documentazione integrale del progetto definitivo sarà fissata al 31 di ottobre", spiega il sindaco. I termini per la presentazione del progetto definitivo erano scaduti il 31 dicembre scorso, dopo che la concessione di una precedente proroga era già stata decisa dall'amministrazione. Alla base della concessione della nuova proroga, spiega il sindaco, i risultati dell'analisi del gruppo tecnico "sulla documentazione consegnata dalla Fiorentina prima della fine del 2017 relativa all'integrazione del progetto".

23:18Calcio: Regno Unito e Italia, due idee a confronto

(ANSA) - ROMA, 18 GEN - Regno Unito e Italia. Due idee di calcio a confronto. Da quello femminile alle attuali differenze tra la Serie A e la Premier League. Questi i temi al centro del dibattito al Circolo Canottieri Aniene di Roma. Presenti numerosi ospiti, tra cui Jill Morris, ambasciatore del Regno Unito in Italia, Patrizia Panico, ex giocatrice della Nazionale femminile, e l'ex capitano della Nazionale inglese, Sol Campbell. A fare gli onori di casa, il presidente del Coni, Giovanni Malagò: "Oggi il calcio femminile in Italia è appannaggio della Lega Dilettanti - ha spiegato - ma se avessi l'opportunità di dare un contributo penso che le donne devono avere la stessa possibilità degli uomini. Il calcio femminile alle Olimpiadi ha avuto numeri di share impressionanti, è da matti non andare dietro questi numeri". Grande tifosa di calcio e del Liverpool in particolare, l'ambasciatore Morris rivela: "Il calcio è una delle tante cose che uniscono i nostri due Paesi: la passione dei tifosi, i cori, la rivalità tra club".

23:13Dakar: auto, Al-Attiyah vince dodicesima tappa

(ANSA) - ROMA, 18 GEN - Nasser Al-Attiyah al volante della Toyota ha vinto la dodicesima tappa della Dakar, la Chilecito-San Juan, in Argentina, di 793 chilometri, 523 dei quali di speciale. Il pilota qatariota ha preceduto la Peugeot del francese Stephane Peterhansel di 2'03" e la Toyota del sudafricano Giniel De Villiers di 4'33". Nella classifica generale delle auto resta al comando lo spagnolo Carlos Sainz (oggi nono), con 44'41 di vantaggio su Peterhansel e 1h05'55" sullo stesso Al-Attiyah. Tappa cancellata per moto e quad per problemi di sicurezza del percorso.

22:47Calcio: Napoli, preso l’esterno sinistro Bangoura

(ANSA) - NAPOLI, 18 GEN - Il Napoli rimpolpa la rosa con l'acquisto di Ismael Bangoura, 23 enne guineano cresciuto nelle giovanili dell'Inter prima di fare esperienza in giro per l'Italia con le maglie di Cesena, San Marino, Fidelis Andria e Maceratese, ultima squadra nella quale ha militato. L'acquisto dell'esterno sinistro - si apprende dal sito della Lega Calcio - è a titolo definitivo.

Archivio Ultima ora