L’Europa si blinda, sigillate le frontiere

Pubblicato il 22 marzo 2016 da redazione

Passengers and airport staff are evacuated from the terminal building after explosions at Brussels Airport in Zaventem near Brussels, Belgium, 22 March 2016.  EPA/LAURENT DUBRULE

Passengers and airport staff are evacuated from the terminal building after explosions at Brussels Airport in Zaventem near Brussels, Belgium, 22 March 2016. EPA/LAURENT DUBRULE

PARIGI. – Parigi chiude le frontiere con il Belgio, schiera altri 1.600 uomini nelle strade, blinda aeroporti e stazioni ferroviarie. E dall’altra parte della Manica, Londra rafforza la sicurezza negli aeroporti e riunisce il comitato di emergenza “Cobra” mentre anche l’America alza le difese facendo scattare il rafforzamento delle misure di sicurezza a New York, Washington e nelle principali città.

“E’ stato un attacco alla nostra democrazia”, dicono compatti i leader europei in una dichiarazione congiunta: “siamo fermi e uniti nella lotta contro l’odio”, sottolineano parlando di attacchi che “rafforzano solo la nostra risolutezza nella difesa dei valori europei”.

Il presidente francese Hollande che subito dopo gli attentati ha convocato un’immediata riunione di crisi all’Eliseo, sottolinea che “hanno colpito l’intera Europa” mentre il primo ministro britannico Cameron definisce “ignobili” i terroristi. I destini strettamente legati di Francia e Belgio in queste ondate di terrorismo sono evidenti anche oggi.

Nessuno a Parigi lega ufficialmente gli attentati all’arresto – venerdì – di Salah Abdeslam, ma tutti ne sono convinti. Al punto che Hollande ha convocato immediatamente all’Eliseo una riunione di crisi con i massimi responsabili della sicurezza – Valls, Cazeneuve e Le Drian (premier, Interni e Difesa) – per un ennesimo giro di vite antiterrorismo: altri 1.600 fra poliziotti e gendarmi subito nelle strade, per proteggere soprattutto aeroporti, stazioni, metro.

Quattrocento sono stati schierati soltanto nell’Ile-de-France, la regione di Parigi. Consentiti ovunque controlli e perquisizioni di passeggeri, che non potranno più vagare nelle stazioni o negli scali senza un documento e un titolo di trasporto. Valls ha ripetuto la drammatica frase tante volte risuonata dopo gli attacchi, “siamo in guerra”.

Per Hollande “attraverso gli attentati di Bruxelles è stata colpita tutta l’Europa. Ciò che impone che essa adotti disposizioni indispensabili di fronte alla gravità della minaccia”. Poi ha promesso che la Francia sarà “implacabile” contro il terrorismo. Alla gare du Nord, dove è stato sospeso il traffico dei treni ad alta velocità Thalys che arrivano a Bruxelles in poco più di un’ora, si sono registrati ben due allarmi-bomba con altrettante evacuazioni.

La frontiera con il Belgio è controllata a vista dalle due polizie, agenti francesi – riferiscono testimoni diretti – sono appostati anche dal lato della Francia all’altezza del primo casello autostradale. Riunione straordinaria anche a Londra, dove Cameron ha disposto il rafforzamento della sicurezza negli aeroporti, ed ha poi riunito il comitato di emergenza “Cobra”.

Fermi anche gli Eurostar che collegano la capitale britannica a Bruxelles, mentre l’allerta terrorismo resta a livello “grave” e i viaggi in Belgio sono sconsigliati: “i Paesi europei siano uniti contro questi terroristi ignobili”, ha detto Cameron, aggiungendo che si deve fare tutto affinché gli attentatori “non vincano”.

A Cuba, dove si trova per una storica visita, il presidente americano Barack Obama si tiene informato in tempo reale grazie ai suoi consiglieri per la sicurezza. A Washington e a New York è stato elevato il livello di allerta negli aeroporti, nelle stazioni ferroviarie, in quelle della metropolitana e attorno ad altri obiettivi “sensibili”.

Il sindaco di New York, Bill de Blasio, ha assicurato che “New York è pronta a combattere in ogni modo contro il terrorismo”, escludendo però pericoli imminenti. Misure di sicurezze più rigide negli aeroporti di tutto il Paese, da Washington a Los Angeles, da Boston a Chicago.

(di Tullio Giannotti/ANSA)

Ultima ora

19:21Trump cancellerà le norme di Obama contro il gas serra

(ANSA) - WASHINGTON, 26 NOV - Il capo dell'Agenzia per la protezione dell'ambiente (Epa), Scott Pruitt, ha annunciato alla Abc che martedì il presidente Donald Trump firmerà un nuovo ordine esecutivo che cancella il piano di Obama per ridurre il surriscaldamento globale. Si tratta del Clean Power Plan, una normativa che limita i gas serra nelle centrali a carbone. Normativa che tuttavia è stata sospesa lo scorso anno in attesa che una corte federale esamini il ricorso presentato da alcuni stati repubblicani favorevoli all'energia fossile e di oltre cento società.

19:14Trump: Wsj, Flynn discusse con turchi ‘rapimento’ Gulen

(ANSA) - WASHINGTON, 26 NOV - L'ex consigliere per la sicurezza nazionale Usa Mike Flynn, mentre era ancora tra i collaboratori di Trump durante la campagna elettorale, incontrò alti dirigenti del governo turco e discusse l'ipotesi di portare in Turchia, senza estradizione legale, Fethullah Gulen, l'imam residente in Usa che secondo Ankara avrebbe orchestrato il fallito colpo di stato del luglio scorso. Lo ha rivelato al Wall Street Journal James Woolsey, direttore della Cia sotto Bill Clinton, divenuto poi collaboratore della campagna di Trump. L'idea, ha raccontato Wollsey, era "una iniziativa coperta nel cuore della notte per portare via questa persona", ma non sarebbero stati discussi piani specifici né è dato sapere chi lanciò la proposta. All'incontro, svoltosi in un hotel di Manhattan il 19 settembre scorso, parteciparono anche il ministro degli esteri turco Mevlut Cavusoglu e Berat Albayrak, genero del presidente Recep Tayyip Erdogan. Un portavoce di Flynn ha negato che si sia discusso di alcunché di illegale.

19:04Russia: polizia conferma, circa 500 fermi oggi a Mosca

(ANSA) - MOSCA, 26 MAR - La polizia di Mosca ha confermato che "circa 500 persone" sono state fermate oggi dalle forze dell'ordine durante la manifestazione non autorizzata indetta da Alexei Navalny. "Sono state portate nelle stazioni distrettuali della polizia per sbrigare le pratiche di violazione delle disposizioni amministrative". Lo riporta la Tass che cita un portavoce della polizia.

18:50Prostituta uccisa Bologna: confessa uomo sentito in questura

(ANSA) - BOLOGNA, 26 MAR - Ha confessato di essere l'autore dell'omicidio l'uomo interrogato in questura a Bologna per la morte di Ana Maria Stativa, la prostituta 30enne trovata deceduta per un colpo al capo ieri pomeriggio nella sua abitazione di via Varthema, in zona Murri. L'uomo, Francesco Serra, 55enne, era un cliente che si era invaghito della donna. Assistito da un avvocato è stato sentito a lungo dagli investigatori della squadra mobile e dal Pm Roberto Ceroni: alla fine ha ammesso l'omicidio e fatto ritrovare l'arma utilizzata per uccidere, una piccola pistola di quelle utilizzate per uccidere i maiali. Serra è ora in stato di fermo per omicidio aggravato premeditato. La scintilla che ha fatto scattare la volontà omicida sarebbe il fatto che Ana Maria voleva tornare in Romania e lui non voleva. Le indagini vagliano anche possibili problemi di ordine economico tra omicida e vittima. La donna era stato trovata morta dal fidanzato che aveva dato l'allarme.(ANSA).

18:42Germania: exit poll Saarland, Cdu in testa con il 40%

(ANSA) - BERLINO, 26 MAR - Resta la Cdu di Angela Merkel il partito più forte del Saarland, in Germania, con il 40% dei voti, stando al primo exit poll. L'Spd avrebbe conquistato invece il 30% dei voti. Stando a questi dati resta fuori dal parlamentino regionale l'Fdp con il 3,5%, mentre i populisti dell'Afd sono dentro con il 6%.

18:39Ciclismo: Olimpionico Van Avermat vince Gand-Wevelgem

(ANSA) - ROMA, 26 MAR - Il campione olimpico di Rio 2016, il belga Greg Van Avermat, ha vinto la 79/a edizione della Gand-Wevelgem, battendo allo sprint l'altro belga Jens Keukeleire. Terzo, staccato di pochi secondi, il campione del mondo Peter Sagan, ancora sul podio di una classica dopo il secondo posto alla Milano-Sanremo.

18:12Russia: Tass, fermi a Mosca salgono a oltre 500

(ANSA) - MOSCA, 26 MAR - "Più di 500 persone" sono state fermate durante la manifestazione non autorizzata organizzata da Alexei Navalni a Mosca. Lo riferisce una fonte della polizia alla Tass. "Molte persone si trovano sugli autobus che si stanno dirigendo verso le stazioni di polizia", ha detto la fonte secondo cui la maggior parte "verrà liberata" dopo la contestazione "di violazione amministrativa". La situazione nel centro di Mosca è calma. Le persone stanno camminando liberamente lungo la via Tverskaya su entrambi i marciapiedi.

Archivio Ultima ora