Forse un’italiana tra le vittime degli attentati a Bruxelles. Era in metrò

Pubblicato il 23 marzo 2016 da redazione

Patricia Rizzo, da FB

Patricia Rizzo, da FB

BRUXELLES. – Di Patricia Rizzo, funzionaria di un’agenzia della Commissione europea, non si hanno più notizie da martedì, dall’esplosione alla metropolitana di Maelbeek, dove almeno una ventina di persone hanno perso la vita. I familiari la cercano senza sosta. Il cugino, Massimo Leonora, conosciuto col suo alias da dj e producer di musica progressive Mass Leone, ha postato una foto della donna sul suo profilo Facebook, con una richiesta di aiuto a chiunque possa dare informazioni utili.

I peggiori auspici rimbalzano però da Roma, quando prima la Farnesina fa sapere di ritenere “molto probabile” che ci sia un’italiana tra le vittime. E poi Maurizio Lupi, uscendo da Palazzo Chigi, annuncia: “Il presidente del Consiglio ci ha informato che c’è una verifica in corso su una possibile vittima italiana: dovrebbe essere tra le vittime della metro”.

Ma a Bruxelles non c’è una conferma formale. L’ambasciata ha assistito per tutta la giornata i familiari per il riconoscimento, e le procedure ufficiali possono andare per le lunghe, visto che occorre la certificazione del procuratore. I genitori, papà Gaetano e mamma Carmela, sono stati chiamati all’ospedale militare Regina Astrid, a Neder-Oven-Hembeek, dove sono state raccolte tutte le salme dell’esplosione della metro (mentre quelle dell’aeroporto di Zaventem sono a Lovanio) e dove la procura federale ha fatto arrivare i parenti dei dispersi.

Nell’enorme edificio grigio, lontano almeno una ventina di chilometri dal centro di Bruxelles e sorvegliato a vista dai soldati, si trova il più grande centro ustionati del Belgio. Per qualche ora i parenti di Patricia sperano che la loro congiunta sia qui, tra le quindici persone ricoverate. Ma sulla lista il nome Rizzo non figura. Lo conferma la poliziotta all’ingresso, che scorre rapidamente la lista, chiede di esibire carta di identità e perquisisce la borsa. Un militare interviene: “Qualcuno dell’ambasciata italiana poco fa è venuto cercando la stessa persona. So io dove sono i familiari”.

Massimo Leonora ed i suoi zii sono in uno stanzone nel sottosuolo. Un militare fa strada lungo i corridoi grigi. Di tanto in tanto compare un cartello attaccato con lo scotch a porte e pareti: “Accoglienza per i familiari”, c’è scritto. Si passa oltre la caffetteria e si arriva in un enorme open space con una ventina di tavoli e gruppi di persone sedute attorno. I cadaveri da identificare sarebbero ancora quattordici. La volontaria della Croce Rossa belga offre un caffè o un bicchier d’acqua. Qui nessuno ha voglia di parlare. Tanta sensazione di angoscia.

Nel tavolo in fondo c’è una famiglia di origine africane, cercano Sabina Faisal, la compagna del figlio e madre della loro nipotina. Anche di lei, come di Patricia, non si hanno più notizie. Poco distante, in piedi accanto ad un amico di famiglia c’è Massimo Leonora. “Siamo qui da stamattina e non sappiamo ancora niente. I genitori di Patricia sono stati fatti salire al primo piano dalla polizia per riempire un formulario. Cercano segni particolari” per poterla identificare, come un neo, un tatuaggio o un piercing.

“I nonni di Patricia, come i miei, sono venuti in Belgio per lavorare nelle miniere e siamo rimasti qui, siamo originari della provincia di Enna, di Calascibetta. Ma abbiamo tutti la nazionalità italiana. L’Italia resta il nostro Paese”, spiega. “La famiglia di Patricia abita fuori Bruxelles. Io lavoro all’Eacea, l’agenzia della Commissione Ue che si occupa di audiovisivi e fino ad un paio di mesi fa anche Patricia lavorava lì, prima di trasferirsi all’Ercea”, l’agenzia esecutiva del Consiglio europeo della ricerca.

“Vogliamo trovarla viva”. Più tardi, al loro ritorno nella grande sala, i genitori provano un dolore ancora più forte nell’apprendere che alcuni media in Italia hanno già dato la loro ragazza per morta. Allontanandosi dall’ospedale – dove sono arrivati in visita anche il re Filippo e la regina Matilde per rendere omaggio al lavoro dei medici e portare un saluto ai familiari dei ricoverati – la speranza di trovare Patricia ancora in vita si è affievolita.

“Le operazioni di riconoscimento dureranno ancora molto tempo, è meglio che rientriate a casa. Vi faremo sapere”, dice il funzionario di polizia. All’uscita c’è chi piange, chi ha lo sguardo perso nel vuoto: ad attenderli è una nuova nottata di dolore.

(di Patrizia Antonini/ANSA)

Ultima ora

21:49Bimbo muore in ambulanza, indagata la madre

(ANSA) - MODENA, 16 GEN - E' indagata per omicidio preterintenzionale la madre di Christian, il bambino moldavo di quattro anni morto sabato a Modena per un presunto problema gastrico ma con diversi ematomi rilevati sul suo corpo dai sanitari che lo avevano soccorso cercando invano di tenerlo in vita. La donna, 27 anni, nega però di aver malmenato il figlio, e sostiene che il piccolo aveva avuto difficoltà digestive già venerdì, ripetutesi poi il giorno successivo fino all'improvviso aggravamento delle condizioni. Le indagini coordinate dal sostituto procuratore Luca Guerzoni sono affidate ai carabinieri. A quanto si apprende, l'iscrizione nel registro degli indagati della madre è un atto dovuto per consentire agli inquirenti di compiere più efficacemente la ricostruzione della tragedia. Si attendono ora i risultati dell'autopsia sul corpo del bimbo, che abitava in un palazzo di via Sigonio a Modena. (ANSA).

21:37Bimba ferita a Napoli: convalida fermi e ordinanze custodia

(ANSA) - NAPOLI, 16 GEN - Convalidati i fermi e emesse le ordinanze di custodia nei confronti delle quattro persone accusate del raid camorristico, avvenuto il 4 gennaio scorso al mercatino della Maddalena a Napoli contro venditori ambulanti senegalesi per il rifiuto di pagare il pizzo, durante il quale fu ferita una bambina di 10 anni. Lo hanno deciso, al termine delle udienze di convalide, i gip dei tribunali di Napoli e Napoli Nord che hanno accolto le richieste dei pm della Dda Francesco De Falco e Henry John Woodcock, che avevano emesso i provvedimenti di fermo eseguiti dalla polizia. Restano pertanto in carcere Gennaro Cozzolino e Valerio Lambiase, ritenuti contigui al clan Mazzarella: il primo avrebbe esploso i colpi di pistola, mentre Lambiase avrebbe aggredito gli ambulanti con una mazza da baseball. Il gip ha confermato gli arresti domiciliari per i venditori ambulanti Luciano Rippa e Gennaro Vicedomine, ritenuti complici degli aggressori.

21:21Yemen: Onu, 10.000 civili morti in 2 anni conflitto

(ANSA) - SANAA, 16 GEN - Solo negli ultimi due anni di guerra, nello Yemen il numero di civili morti ha superato, secondo una stima ottimistica, i 10.000: lo fa sapere l'Onu, che quantifica i feriti in circa 40.000. Secondo quanto riferito ai cronisti da Jamie McGoldrick, dell'Ufficio per il Coordinamento degli affari umanitari delle Nazioni Unite, la stima sui civili morti è basata sulla conta delle vittime raccolte dalle strutture sanitarie del disastrato Paese, e la cifra reale potrebbe essere anche molto più elevata.

21:14Moro: domani Morucci davanti Commissione, possibili novità

(ANSA) - ROMA, 16 GEN - Domani sera Valerio Morucci dovrà spiegare davanti la Commissione parlamentare sul caso Moro perché diversi fatti accertati sulla vicenda vanno in un verso e invece il 'racconto' del dissociato va in tutt'altro. E ciò a cominciare dalla dinamica di Via Fani, da quanti fossero i componenti del commando, chi in effetti sparò, dove avvenne e con che modalità il trasbordo del "prigioniero" e dove fu portato. La Commissione d'inchiesta ipotizza, con diversi riscontri, che la prima prigione fosse collocata al piano attico di un immobile al tempo dello Ior in via Massimi 91, a poche centinaia di metri da via Fani. Non ci sarebbe stato quindi solo lo stretto cunicolo dove, secondo le Br, Moro fu rinchiuso da subito, il 16 marzo del 1978, e per tutti i 55 giorni in via Montalcini. Domani a Morucci saranno contestate, foto e dati alla mano, elementi che contraddicono gran parte del suo 'racconto' su via Fani e la prima prima fase del rapimento.

21:13Canoa:Antonio Rossi fa ricorso,annullare elezione Buonfiglio

(ANSA) - ROMA, 16 GEN - Antonio Rossi chiede l'annullamento delle elezioni che hanno portato alla conferma, alla presidenza della federcanoa, di Luciano Buonfiglio. L'ex campione, che era candidato nella corsa al rinnovo dei vertici federali, ha infatti presentato un ricorso al Collegio di Garanzia dello Sport "avverso e per l'annullamento della decisione della Corte Federale d'Appello della Federazione Italiana Canoa Kayak del 16 dicembre 2016 con cui la stessa Corte ha deciso sul ricorso promosso dal sig. Rossi e volto ad ottenere l'annullamento dell'Assemblea Generale elettiva della FICK, nonché, per l'effetto, della elezione del sig. Luciano Buonfiglio alla carica di Presidente Federale". Rossi, si legge nella nota, "chiede al Collegio di Garanzia di annullare la decisione impugnata della Corte Federale e di annullare sia l'assemblea elettiva del 22 ottobre 2016, sia l'elezione del Presidente Federale".

21:04Sfregiata con acido: in 800 a manifestazione a Rimini

(ANSA) - BOLOGNA, 16 GEN - Ottocento persone si sono strette in un abbraccio ideale a Gessica Notaro, la 28enne riminese sfregiata con l'acido dall'ex fidanzato Jorge Edson Tavares nella serata di martedì. Questo pomeriggio in piazza Tre Martiri a Rimini si è svolta la manifestazione per far sentire alla ragazza la vicinanza della città e dire basta alla violenza sulle donne. "Questa piazza - ha detto il sindaco di Rimini Andrea Gnassi - è la risposta all'acido gettato in faccia. Gessica si riprenderà. È una ragazza bella dentro e bella fuori. Chi le ha fatto questo è solo un vigliacco". (ANSA).

21:04Serbia: due rompighiaccio dall’Ungheria

(ANSAmed) - BELGRADO, 16 GEN - Due rompighiaccio ungheresi sono arrivati nel pomeriggio di oggi in Serbia per contribuire alle operazioni di rimozione degli enormi blocchi di ghiaccio che bloccano la navigazione lungo il Danubio e gli altri grandi fiumi del Paese. I rompighiaccio, chiesti a Budapest dal governo serbo, verranno impiegati inizialmente sul tratto del Danubio dal confine fino a Belgrado. L'ondata di freddo intenso abbattutasi dall'inizio dell'anno sull'Europa sudorientale, con temperature anche al di sotto dei meno 20 gradi, ha causato il congelamento di lunghi tratti anche dei grandi fiumi quali Danubio, Sava, Drina, Tisa, con uno strato di ghiaccio che oscilla fra i cinque e i 20 centrimetri.

Archivio Ultima ora