Forse un’italiana tra le vittime degli attentati a Bruxelles. Era in metrò

Pubblicato il 23 marzo 2016 da redazione

Patricia Rizzo, da FB

Patricia Rizzo, da FB

BRUXELLES. – Di Patricia Rizzo, funzionaria di un’agenzia della Commissione europea, non si hanno più notizie da martedì, dall’esplosione alla metropolitana di Maelbeek, dove almeno una ventina di persone hanno perso la vita. I familiari la cercano senza sosta. Il cugino, Massimo Leonora, conosciuto col suo alias da dj e producer di musica progressive Mass Leone, ha postato una foto della donna sul suo profilo Facebook, con una richiesta di aiuto a chiunque possa dare informazioni utili.

I peggiori auspici rimbalzano però da Roma, quando prima la Farnesina fa sapere di ritenere “molto probabile” che ci sia un’italiana tra le vittime. E poi Maurizio Lupi, uscendo da Palazzo Chigi, annuncia: “Il presidente del Consiglio ci ha informato che c’è una verifica in corso su una possibile vittima italiana: dovrebbe essere tra le vittime della metro”.

Ma a Bruxelles non c’è una conferma formale. L’ambasciata ha assistito per tutta la giornata i familiari per il riconoscimento, e le procedure ufficiali possono andare per le lunghe, visto che occorre la certificazione del procuratore. I genitori, papà Gaetano e mamma Carmela, sono stati chiamati all’ospedale militare Regina Astrid, a Neder-Oven-Hembeek, dove sono state raccolte tutte le salme dell’esplosione della metro (mentre quelle dell’aeroporto di Zaventem sono a Lovanio) e dove la procura federale ha fatto arrivare i parenti dei dispersi.

Nell’enorme edificio grigio, lontano almeno una ventina di chilometri dal centro di Bruxelles e sorvegliato a vista dai soldati, si trova il più grande centro ustionati del Belgio. Per qualche ora i parenti di Patricia sperano che la loro congiunta sia qui, tra le quindici persone ricoverate. Ma sulla lista il nome Rizzo non figura. Lo conferma la poliziotta all’ingresso, che scorre rapidamente la lista, chiede di esibire carta di identità e perquisisce la borsa. Un militare interviene: “Qualcuno dell’ambasciata italiana poco fa è venuto cercando la stessa persona. So io dove sono i familiari”.

Massimo Leonora ed i suoi zii sono in uno stanzone nel sottosuolo. Un militare fa strada lungo i corridoi grigi. Di tanto in tanto compare un cartello attaccato con lo scotch a porte e pareti: “Accoglienza per i familiari”, c’è scritto. Si passa oltre la caffetteria e si arriva in un enorme open space con una ventina di tavoli e gruppi di persone sedute attorno. I cadaveri da identificare sarebbero ancora quattordici. La volontaria della Croce Rossa belga offre un caffè o un bicchier d’acqua. Qui nessuno ha voglia di parlare. Tanta sensazione di angoscia.

Nel tavolo in fondo c’è una famiglia di origine africane, cercano Sabina Faisal, la compagna del figlio e madre della loro nipotina. Anche di lei, come di Patricia, non si hanno più notizie. Poco distante, in piedi accanto ad un amico di famiglia c’è Massimo Leonora. “Siamo qui da stamattina e non sappiamo ancora niente. I genitori di Patricia sono stati fatti salire al primo piano dalla polizia per riempire un formulario. Cercano segni particolari” per poterla identificare, come un neo, un tatuaggio o un piercing.

“I nonni di Patricia, come i miei, sono venuti in Belgio per lavorare nelle miniere e siamo rimasti qui, siamo originari della provincia di Enna, di Calascibetta. Ma abbiamo tutti la nazionalità italiana. L’Italia resta il nostro Paese”, spiega. “La famiglia di Patricia abita fuori Bruxelles. Io lavoro all’Eacea, l’agenzia della Commissione Ue che si occupa di audiovisivi e fino ad un paio di mesi fa anche Patricia lavorava lì, prima di trasferirsi all’Ercea”, l’agenzia esecutiva del Consiglio europeo della ricerca.

“Vogliamo trovarla viva”. Più tardi, al loro ritorno nella grande sala, i genitori provano un dolore ancora più forte nell’apprendere che alcuni media in Italia hanno già dato la loro ragazza per morta. Allontanandosi dall’ospedale – dove sono arrivati in visita anche il re Filippo e la regina Matilde per rendere omaggio al lavoro dei medici e portare un saluto ai familiari dei ricoverati – la speranza di trovare Patricia ancora in vita si è affievolita.

“Le operazioni di riconoscimento dureranno ancora molto tempo, è meglio che rientriate a casa. Vi faremo sapere”, dice il funzionario di polizia. All’uscita c’è chi piange, chi ha lo sguardo perso nel vuoto: ad attenderli è una nuova nottata di dolore.

(di Patrizia Antonini/ANSA)

Ultima ora

21:39Pallavolo: Europei donne, Olanda prossima avversaria Italia

(ANSA) - ROMA, 26 SET - Sarà l'Olanda l'avversaria dell'Italia nei quarti di finale degli Europei di pallavolo femminile, la cui fase finale si disputando a Baku, in Azerbaigian. Le vice campionesse continentali hanno superato nello spareggi la Croazia 3-0 (25-18, 25-8, 25-21), guadagnandosi il passaggio del turno. La sfida tra le azzurre e le olandesi si disputerà giovedì 28 settembre alle ore 16 italiane. Dopo le tante sfide delle ultime stagioni l'Italia troverà quindi ancora una volta sulla propria strada la nazionale Oranje, già affrontata quest'anno due volte in amichevole: i test match si svolsero a fine maggio con un successo per parte. Nell'altro spareggio di oggi la Bielorussia con una grande rimonta ha sconfitto la Repubblica Ceca 3-2 (18-25, 23-25, 27-25, 25-22, 17-15), guadagnandosi il quarto contro la Serbia.

21:36Nuoto: il peso dell’acqua, Paltrinieri si racconta

(ANSA) - ROMA, 26 SET - "Ogni gara la gestisco in maniera diversa, sono alla continua ricerca di uno stato mentale buono per affrontare le gare. Non si arriva mai alla perfezione. Nel mio libro parlo del peso che sentivo addosso nel periodo prima delle Olimpiadi". Lo dice Gregorio Paltrinieri presentando il suo libro 'Il peso dell'acqua', al Circolo Canottieri Aniene a Roma alla presenza del n.1 del Coni Giovanni Malagò. "Per me è sempre come fosse la prima esperienza, e mi è successo anche agli ultimi mondiali nonostante avessi già provato le emozioni delle Olimpiadi - ha aggiunto l'olimpionico dei 1500 sl - È anche il bello dello sport, adesso a freddo accetto bene la sconfitta. Perché c'è sempre modo di migliorare". La prossima sfida è la 10 chilometri in mare: "Le emozioni che provo in vasca nei 800 e 1500 le vorrei riprovare in altre specialità. Credo di poter dare ancora tanto al nuoto ma ci sono anche nuovi orizzonti è il mare mi stimola molto. Sarà un obiettivo da qui a Tokyo 2020".

21:31Calcio: Torino, Iago Falque pensa già al Verona

(ANSA) - TORINO, 26 SET - "Dopo un derby perso è difficile voltare pagina, ma abbiamo già la testa al Verona. Siamo un gruppo forte e sentiamo sempre il sostegno dei tifosi". Iago Falque promette un pronto riscatto del Torino alla ripresa degli allenamenti. "Contro il Verona sarà una partita complicata, perché loro sono partiti male ma questo non vuol dire che non saranno pericolosi - dice l'attaccante granata a Torino Channel -. Anzi, vorranno riscattarsi, è una squadra da non sottovalutare". Lo spagnolo è stato sostituito da Mihajlovic quando il Torino è rimasto in dieci contro la Juventus. "Ci sta in una situazione del genere togliere un esterno - commenta -: stavolta è toccato a me, e chiaramente mi è dispiaciuto lasciare il campo in una partita così sentita. Il mister doveva scegliere ed accetto la sua decisione".

21:26Concorsi truccati: su social avvocato Laroma è ‘eroe’

(ANSA) - FIRENZE, 26 SET - "Caro Philip, sei un grande!!! Le persone come te andrebbero clonate!!! Con grande ammirazione e stima". E' uno dei tantissimi messaggi postati sulla bacheca di facebook dell'avvocato Philip Laroma Jezzi, il tributarista fiorentino che con la sua denuncia ha avviato l'inchiesta della procura di Firenze che ieri ha portato all'arresto di 7 professori universitari, alla sospensione per altri 22 e a 59 indagati. Sui social il legale è già un 'eroe' che "ha avuto il coraggio di denunciare ciò che ormai è consuetudine accettata da tutti", scrive Salvatrice. Stima, complimenti e ringraziamenti arrivano da quasi tutti e Mary scrive: "Grazie Philip da parte dei giovani italiani preparati e bravi come te traditi dall'Italia corrotta. Grazie per la tua rettitudine e il tuo coraggio. Non era facile. Grazie ancora".

21:01Champions: Barzagli, abbiamo tanta voglia di andare avanti

(ANSA) - TORINO, 26 SET - "Siamo tutti molto avvelenati per andare avanti il più possibile in Champions League, sappiamo quanto ci teniamo tutti". C'è tutta la voglia di vincere in Europa, dopo le due finali perse in tre anni, nelle parole di Andrea Barzagli alla vigilia dell'esordio casalingo contro l'Olympiacos. "L'approccio è uguale, più passano gli anni, più cerchi di migliorare - aggiunge il difensore -. Abbiamo tanta voglia di andare avanti, di giocare certe partite, perché la Champions comunque è una competizione che per un giocatore di calcio è il massimo". "Dove giocherò domani? Il mister mi ha provato mezzapunta - scherza Barzagli -. Sono a disposizione dove serve gioco".

20:43Calcio: Allegri, non possiamo sottovalutare l’Olympiacos

(ANSA) - TORINO, 26 SET - "Non possiamo assolutamente sottovalutare l'Olympiacos, non siamo in grado. Le partite di Champions sono tutte difficili". Allegri assicura la massima concentrazione della Juventus nella sfida con i greci, secondo impegno del girone di Champions. "In Europa tutte le squadre giocano fino alla fine - è il monito dell'allenatore -. Loro sono veloci, in campo aperto sanno far male. Inoltre a noi serve un solo risultato, la vittoria, visto che abbiamo iniziato con il ko di Barcellona. Bisogna iniziare a vincere altrimenti il girone si complica". L'assenza dell'infortunato Howedes e il mancato inserimento di Lichsteiner nella lista Uefa costringe Allegri a scegliere tra Sturaro e Barzagli per il ruolo di terzino destro. "O gioca Sturaro terzino e Barzagli centrale o Barzagli sulla fascia e Benatia centrale - dice -. Marchisio è ancora fuori, Khedira è tornato da poco e non è ancora al meglio. Se non succede nulla stanotte giocheranno Pjanic e Matuidi. In attacco? Non ho ancora deciso quali saranno i 4".

20:35Calcio: Milan, cambia il preparatore atletico

(ANSA) - MILANO, 26 SET - "Ripartenza Milan. Ho pensato a lungo su come alzare l'asticella. Partiamo dalla preparazione atletica": così Vincenzo Montella ha annunciato la prima contromossa per rimettere in carreggiata la sua squadra, e a breve l'allenatore sceglierà un nuovo preparatore atletico al posto di quello che per anni ha lavorato al suo fianco. "Dopo un'attenta analisi ho fatto le mie prime valutazioni e, tra le aree di miglioramento, ho individuato la preparazione atletica, per la quale ho deciso di avviare un nuovo piano che purtroppo non ha trovato la piena condivisione del mio collaboratore Emanuele Marra - ha annunciato l'allenatore rossonero sul proprio profilo Twitter, all'indomani del confronto con dirigenza e squadra in seguito alla seconda sconfitta in campionato -. Con Emanuele ho deciso, a malincuore, di interrompere il rapporto professionale. Colgo l'occasione per ringraziarlo per il lavoro svolto in questi anni al mio fianco".

Archivio Ultima ora