Forse un’italiana tra le vittime degli attentati a Bruxelles. Era in metrò

Pubblicato il 23 marzo 2016 da redazione

Patricia Rizzo, da FB

Patricia Rizzo, da FB

BRUXELLES. – Di Patricia Rizzo, funzionaria di un’agenzia della Commissione europea, non si hanno più notizie da martedì, dall’esplosione alla metropolitana di Maelbeek, dove almeno una ventina di persone hanno perso la vita. I familiari la cercano senza sosta. Il cugino, Massimo Leonora, conosciuto col suo alias da dj e producer di musica progressive Mass Leone, ha postato una foto della donna sul suo profilo Facebook, con una richiesta di aiuto a chiunque possa dare informazioni utili.

I peggiori auspici rimbalzano però da Roma, quando prima la Farnesina fa sapere di ritenere “molto probabile” che ci sia un’italiana tra le vittime. E poi Maurizio Lupi, uscendo da Palazzo Chigi, annuncia: “Il presidente del Consiglio ci ha informato che c’è una verifica in corso su una possibile vittima italiana: dovrebbe essere tra le vittime della metro”.

Ma a Bruxelles non c’è una conferma formale. L’ambasciata ha assistito per tutta la giornata i familiari per il riconoscimento, e le procedure ufficiali possono andare per le lunghe, visto che occorre la certificazione del procuratore. I genitori, papà Gaetano e mamma Carmela, sono stati chiamati all’ospedale militare Regina Astrid, a Neder-Oven-Hembeek, dove sono state raccolte tutte le salme dell’esplosione della metro (mentre quelle dell’aeroporto di Zaventem sono a Lovanio) e dove la procura federale ha fatto arrivare i parenti dei dispersi.

Nell’enorme edificio grigio, lontano almeno una ventina di chilometri dal centro di Bruxelles e sorvegliato a vista dai soldati, si trova il più grande centro ustionati del Belgio. Per qualche ora i parenti di Patricia sperano che la loro congiunta sia qui, tra le quindici persone ricoverate. Ma sulla lista il nome Rizzo non figura. Lo conferma la poliziotta all’ingresso, che scorre rapidamente la lista, chiede di esibire carta di identità e perquisisce la borsa. Un militare interviene: “Qualcuno dell’ambasciata italiana poco fa è venuto cercando la stessa persona. So io dove sono i familiari”.

Massimo Leonora ed i suoi zii sono in uno stanzone nel sottosuolo. Un militare fa strada lungo i corridoi grigi. Di tanto in tanto compare un cartello attaccato con lo scotch a porte e pareti: “Accoglienza per i familiari”, c’è scritto. Si passa oltre la caffetteria e si arriva in un enorme open space con una ventina di tavoli e gruppi di persone sedute attorno. I cadaveri da identificare sarebbero ancora quattordici. La volontaria della Croce Rossa belga offre un caffè o un bicchier d’acqua. Qui nessuno ha voglia di parlare. Tanta sensazione di angoscia.

Nel tavolo in fondo c’è una famiglia di origine africane, cercano Sabina Faisal, la compagna del figlio e madre della loro nipotina. Anche di lei, come di Patricia, non si hanno più notizie. Poco distante, in piedi accanto ad un amico di famiglia c’è Massimo Leonora. “Siamo qui da stamattina e non sappiamo ancora niente. I genitori di Patricia sono stati fatti salire al primo piano dalla polizia per riempire un formulario. Cercano segni particolari” per poterla identificare, come un neo, un tatuaggio o un piercing.

“I nonni di Patricia, come i miei, sono venuti in Belgio per lavorare nelle miniere e siamo rimasti qui, siamo originari della provincia di Enna, di Calascibetta. Ma abbiamo tutti la nazionalità italiana. L’Italia resta il nostro Paese”, spiega. “La famiglia di Patricia abita fuori Bruxelles. Io lavoro all’Eacea, l’agenzia della Commissione Ue che si occupa di audiovisivi e fino ad un paio di mesi fa anche Patricia lavorava lì, prima di trasferirsi all’Ercea”, l’agenzia esecutiva del Consiglio europeo della ricerca.

“Vogliamo trovarla viva”. Più tardi, al loro ritorno nella grande sala, i genitori provano un dolore ancora più forte nell’apprendere che alcuni media in Italia hanno già dato la loro ragazza per morta. Allontanandosi dall’ospedale – dove sono arrivati in visita anche il re Filippo e la regina Matilde per rendere omaggio al lavoro dei medici e portare un saluto ai familiari dei ricoverati – la speranza di trovare Patricia ancora in vita si è affievolita.

“Le operazioni di riconoscimento dureranno ancora molto tempo, è meglio che rientriate a casa. Vi faremo sapere”, dice il funzionario di polizia. All’uscita c’è chi piange, chi ha lo sguardo perso nel vuoto: ad attenderli è una nuova nottata di dolore.

(di Patrizia Antonini/ANSA)

Ultima ora

17:40Calcio: Buffon “Juve-Napoli spot, guai perdersi in miserie”

(ANSA) - TORINO, 29 MAR - "Il Napoli è una delle migliori espressioni di calcio a livello internazionale". Capitan Buffon parla così dei partenopei alla vigilia della doppia sfida del San Paolo. "Grandi meriti vanno all'allenatore e ai giocatori - dice il capitano bianconero ai microfoni di Sky Sport - credo però che la consacrazione possa arrivare coniugando bel gioco a risultati concreti". "Affronteremo un Napoli temibile con il giusto entusiasmo e con l'attenzione che merita una grande squadra", aggiunge il portiere. Dopo le polemiche delle ultime settimane, i toni si stanno abbassando, grazie anche alle parole concilianti di Sarri nei confronti di Higuain: "Quelle parole gli fanno onore, ma poi c'è una partita da giocare, un dopo-partita da gestire. Napoli-Juventus è uno spot troppo importante per perderci in questioni misere o piccole, che non fanno il bene di nessuno".

17:36Migranti: Boschi, orgogliosa per legge su minori

(ANSA) - ROMA, 29 MAR - "Un'altra legge giusta, la legge sui minori non accompagnati. Giusta e umana. Orgogliosa del lavoro che stiamo facendo". Così il sottosegretario alla Presidenza, Maria Elena Boschi, commenta su Twitter l'approvazione della legge sui minori stranieri non accompagnati.

17:29Brexit: Alfano, diritti assicurati per italiani in Gb

(ANSA) - LONDRA, 29 MAR - "Ho avuto dal collega Boris Johnson l'assicurazione piena per i diritti degli italiani residenti nel Regno Unito e che non avranno nulla da temere sul tema dei diritti, della permanenza e delle modalità di vivere". Lo ha detto il ministro degli Esteri Angelino Alfano dopo un incontro a Londra con Johnson. "E' una buona notizia nel giorno in cui parte un negoziato (sulla Brexit) che sarà comunque su altro" rispetto al tema dei diritti degli italiani.

17:27Segretario Ps scomunica Valls, fuori chi sta con Macron

(ANSA) - PARIGI, 29 MAR - "Chi sta con Macron non è più nel Partito socialista": Jean-Christophe Cambadelis, segretario del Ps francese, lacerato fra chi vota Benoit Hamon, e chi gli volta le spalle a favore di Emmanuel Macron, lancia la "scomunica". In una lettera ai militanti del partito, citata da Bfm Tv, Cambadelis ha messo in guardia tutti coloro che volessero seguire l'esempio dell'ex premier Manuel Valls: "La nostra posizione è semplice: Hamon è il candidato uscito dalle primarie, legittimato da una convention unanime. Quelli che sono andati con En Marche (il il movimento creato da Macron) non sono quindi più nel Partito socialista".

17:22Terremoto: sindaco Norcia, tutto mondo veda fioritura

(ANSA) - NORCIA (PERUGIA), 29 MAR - "Se il problema della semina è stato risolto, adesso dobbiamo porci l'obiettivo di far vedere a tutto il mondo lo spettacolo della fioritura di Castelluccio di Norcia": a dirlo è il sindaco di Norcia, Nicola Alemanno. "Siamo soddisfatti per la soluzione individuata che consente agli agricoltori di seminare la lenticchia e permette loro di salire e scendere quotidianamente per una ventina di giorni a Castelluccio. Ora dobbiamo fare di tutto perché la viabilità per il borgo venga riaperta al più presto a tutti", ha aggiunto il sindaco che si pone la "metà di giugno come data utile per riportare migliaia di turisti nella piana tanto famosa". (ANSA).

17:07Editoria: Grasso, si trovi soluzione su agenzie

(ANSA) - ROMA, 29 MAR - "C'è stata tensione tra le agenzie di stampa e il Governo sul rinnovo dei contratti dei servizi di abbonamento della P.A, una tensione che ha condotto sabato scorso allo sciopero generale dei sindacati dei giornalisti dell'informazione primaria. È necessario trovare una soluzione soddisfacente". Lo ha detto il presidente del Senato Grasso intervenendo alla presentazione dell'Osservatorio sul giornalismo a palazzo Giustiniani.

17:06Valanga: slavina sopra Courmayeur, due in ospedale

(ANSA) - AOSTA, 29 MAR - Sette freerider francesi sono stati travolti da una valanga nella zona del Toula, lungo un itinerario in fuoripista sopra Courmayeur. Due di loro sono stati trasportati in ospedale ad Aosta con l'elicottero, gli altri cinque risultano illesi. Sul posto è intervenuto il soccorso alpino valdostano. Non risultano dispersi. (ANSA).

Archivio Ultima ora